Sei sulla pagina 1di 4

Gruppo 4: Salviati, Castiglioni, Perego

Distribuzione binomiale e di Gauss


Introduzione

Scopo di questa esperienza è trovare la legge di distribuzione che governa i risultati ottenuti da
misure effettuate su due diversi sistemi:
1) il lancio di monete
2) l'intervallo di tempo impiegato da un carrello a percorrere la una distanza fissata su di un
piano inclinato
In entrambi i casi, dopo aver effettuato le prove, si realizza un istogramma e tramite il test χ2 si
verifica che la distribuzione dei dati sia gaussiana.
Il test χ2 si effettua utilizzando la relativa legge:

dove:
oj sono i valori osservati
ej sono i valori che si sarebbero teoricamente dovuti osservare
χ2 è un valore che, se è inferiore ad n (numero delle misure), garantisce che la distribuzione
osservata si accorda bene con quella attesa.
Nell'esperimento del lancio delle monete si può ricavare la probabilità teorica con cui si presentano
i risultati grazie alla legge della distribuzione binomiale:

P (X = k) = ( n k ) pk(1-p)n-k

dove:
k è il numero di successi ottenuti (nel nostro caso variabile da 0 a 10)
n è il numero di prove effettuate (nel nostro caso n=10)
p è la probabilità di successo della singola prova (nel nostro caso p=1/2)

Risultati dell'esperienza

1) Lancio delle monete

Nella prima parte dell'esperienza abbiamo effettuato 170 lanci di 10 monete ciascuno, ottenendo i
seguenti risultati (abbiamo indicato come “successo” il risultato “testa” e come “insuccesso” il
risultato “croce”):

Numero di successi Numero di insuccessi Prove osservate


0 10 0
1 9 3
2 8 7
3 7 19
4 6 27
5 5 51
6 4 38
7 3 18
8 2 8
9 1 0
10 0 0
Dai dati della tabella si ricava il seguente istogramma:

60

50

40

30

20

10

Grazie alla legge di distribuzione


0 binomiale calcoliamo le probabilità teoriche che avremmo dovuto
ottenere ed in seguito calcoliamo 1le percentuali
2 3 4 delle
5 prove
6 7 da8 noi9 osservate,
10 11 ricavando i seguenti
risultati:

Successi Probabilità Osservazioni Percentuali Osservazioni


teorica teoricamente osservate effettivamente
ottenibili ottenute
0 0,098 0 0 0
1 0,98 2 1,76 % 3
2 4,4 7 4,12 % 7
3 11,7 20 11,18 % 19
4 20,5 35 15,88 % 27
5 24,6 42 30,00 % 51
6 20,5 35 22,35 % 38
7 11,7 20 10,59 % 18
8 3,4 7 4,71 % 8
9 0,98 2 0 0
10 0,098 0 0 0

Grazie al test del χ2 osserviamo che χ2=6,73<n, dunque le misure osservate sono in accordo con
quelle teoricamente ottenibili in una distribuzione gaussiana.

2) Tempo di percorrenza di un carrello


Nella seconda parte dell'esperimento abbiamo lasciato scivolare un carrello su di un piano inclinato
fissato ad un tavolo. Grazie ad un metro applicato al piano abbiamo potuto misurare con una buona
approssimazione il punto di partenza e di arrivo del carrello. Abbiamo stabilito come istante di
partenza quello in cui il carrello viene lasciato libero di scivolare nel punto in cui la sua parte
anteriore coincide con la tacca del metro indicante i 20 cm e come istante di fine quello in cui la
parte anteriore del carrello giunge in corrispondenza della tacca indicante i 90 cm. La misura del
tempo viene effettuata da uno sperimentatore che lascia andare il carrello e valuta a occhio il
momento in cui lo stesso raggiunge il punto di fine stabilito, operando contemporaneamente sul
cronometro. Sono state effettuate 200 misure e la tabella sottostante riporta i dati ottenuti.
2,72 2,82 2,87 2,91 2,94
2,72 2,82 2,87 2,91 2,94
2,72 2,84 2,87 2,91 2,94
2,72 2,84 2,87 2,91 2,94
2,75 2,84 2,88 2,91 2,94
2,75 2,84 2,88 2,91 2,94
2,75 2,84 2,88 2,91 2,94
2,75 2,84 2,88 2,91 2,94
2,75 2,84 2,90 2,91 2,94
2,75 2,84 2,90 2,91 2,94
2,75 2,84 2,90 2,91 2,94
2,78 2,84 2,90 2,91 2,94
2,78 2,85 2,90 2,91 2,94
2,78 2,85 2,90 2,93 2,94
2,79 2,85 2,90 2,93 2,94
2,81 2,87 2,91 2,93 2,94
2,81 2,87 2,91 2,93 2,94
2,81 2,87 2,91 2,93 2,94
2,81 2,87 2,91 2,93 2,94
2,81 2,87 2,91 2,93 2,94
2,94 2,97 3,00 3,03 3,07
2,94 2,99 3,00 3,03 3,07
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,94 3,00 3,00 3,03 3,09
2,96 3,00 3,00 3,03 3,10
2,96 3,00 3,00 3,03 3,12
2,96 3,00 3,00 3,03 3,12
2,97 3,00 3,00 3,04 3,12
2,97 3,00 3,00 3,04 3,15
2,97 3,00 3,00 3,06 3,15
2,97 3,00 3,00 3,06 3,15
2,97 3,00 3,00 3,06 3,19
2,97 3,00 3,03 3,06 3,19
2,97 3,00 3,03 3,06 3,19
2,97 3,00 3,03 3,06 3,21
Per comodità si suddivide l'intera mole di3,03
2,97 3,00 dati in3,06 3,22e poi si realizza un istogramma in modo
intervalli
analogo a quanto già fatto per il lancio delle monete. Si è scelto di suddividere i dati in modo da
Media
farli rientrare (s): 2,95
in intervalli Deviazione
di 0,063 s ottenendo 0,10
st: l'istogramma seguente:
60

50

40

30

20

10

0
Legenda degli intervalli (tutte le misure
1 espresse
2 3 in s):
4 5 6 7 8
1: 2,72-2,78
2: 2,79-2,84
3: 2,85-2,91
4: 2,92-2,97
5: 2,98-3,04
6: 3,05-3,09
7: 3,10-3,15
8: 3,16-3,22

Intervalli Numero di osservazioni rilevate Numero di osservazioni teoricamente rilevabili


1 14 7
2 18 18
3 41 42
4 48 48
5 52 47
6 15 20
7 7 11
8 5 4
Il calcolo del χ2 risulta quindi essere:
χ2=7+0+0,02+0+0,53+1,25+1,4+0,25=10,45>n
Dunque considerata globalmente la distribuzione non è gaussiana, ma se non consideriamo il primo
intervallo il χ2 diventa uguale a 3,45<n e la distribuzione risulta essere perfettamente gaussiana.