Sei sulla pagina 1di 2

Servizio di formazione all’impegno civile e politico, ispirato all’opera di don Tonino Bello

Progressivo e data n° 2 | 19 X 2010


Titolo CESVOB sia un’agenzia capace di autorevolezza e visione, a servizio del Volontariato
Soggetto Giuseppe Nenna, assistente coordinatore associazione Ditaubi
Componente Comitato Direttivo CESVOB
Argomento Ruolo Ditaubi nel Centro Servizi al Volontariato della provincia di Benevento
Categoria Comunicazione esterna
Contatto Attilio Ievolella

Ditaubi social link http://grou.ps/ditaubi/blogs/item/cesvob-sia-un%E2%80%99agenzia-capace-di-


autorevolezza-e-visione

http://www.facebook.com/posted.php?id=167503606594333

http://twitter.com/#!/ditaubi/status/27816116407

Responsabile d’area Attilio Ievolella

visto

“DITAUBI ha un’idea precisa di cosa non dev’essere il CESVOB, CEntro Servizi al VOlontariato della
provincia di Benevento: non dev’essere una mucca da mungere, com’è stato inteso fin dalla sua inaugurazione
da chi vi si è avvicendato alla guida, conducendolo sull’orlo della soppressione da parte degli organismi
finanziatori, solo sfiorata e nemmeno ancora scongiurata. Dev’essere invece un’agenzia capace di assumere
autorevolezza nella rappresentanza delle organizzazioni del volontariato. Influenzando le politiche locali,
proponendosi come casa del volontariato, piccolo e grande, che negozia con le istituzioni per dar voce a
quanti spendono il proprio tempo per gli altri senza secondi e terzi fini, alle famiglie disagiate, agli
anziani isolati ed a quanti pensano che i diversamente abili non sono una punizione del destino: perché
è soprattutto a loro che il volontariato eticamente motivato è vicino. Quindi un soggetto politico che
legge il territorio porta a porta, non distante dalle persone, che sono i cittadini sanniti, e lo rappresenta
alle istituzioni secondo i doveri ed i poteri che sulle istituzioni ricadono”.

Ad affermarlo è Giuseppe Nenna, coordinatore dell’associazione DITAUBI - ispirata all’opera di don


Tonino Bello - e componente, da pochissimi giorni, del nuovo Comitato Direttivo del CESVOB,
presieduto da Giuseppe Di Nardo.

“Pertanto occorre agire su un piano prima culturale e poi operativo - sottolinea il delegato DITAUBI - ed
è questo il compito che spetta al nuovo Direttivo, che vede la mia associazione impegnata per la prima
volta nell’organo di autogoverno del Volontariato: pur essendo tra i fondatori CESVOB ed avendo
Associazione DITAUBI
Fondata il 27 gennaio 2003, giornata della Memoria della Shoah
con sede in Vico Noce 8 - 82100 Benevento  +39 0824.1900570 skype ditaubi
Servizio di formazione all’impegno civile e politico, ispirato all’opera di don Tonino Bello

assunto spesso posizioni molto critiche delle gestioni che vi si sono succedute”. In questa ottica,
“occorre intendere il Centro Servizi al Volontariato come un’agenzia, non come un’altra struttura
burocratica, né come una succursale dell’ufficio di collocamento; rifondare un’organizzazione di
servizio per il territorio; allestire una struttura che, favorendo la circolazione di informazioni, attitudini,
gratuità, competenze, ne consenta il rilancio e la visibilità, in particolare verso le generazioni che non
vivono la partecipazione e la cittadinanza come un dovere etico-sociale”.

Sempre su questa falsariga Giuseppe Nenna lancia alcuni spunti alle componenti interne al CESVOB, alla
società civile ed alle istituzioni locali, rivendicando “per il CSV un’autorevolezza nella rappresentanza
delle organizzazioni di volontariato da conquistare sul campo, allo scopo di influenzare le politiche
locali, assumendo potere d’agenda: deve cioè indicare temi, rafforzare reti e porsi come facilitatore di
processi sociali di innovazione che rafforzino la qualità delle relazioni di mutuo aiuto nella società
locale, particolarmente in un momento di crisi sociale ed economica che non sembra aver toccato il
fondo. Quindi difendere il valore intrinseco e l’autonomia del volontariato. Per raggiungere tali obiettivi
- prosegue - bisogna assumere la capacità di indicare nuovi percorsi per rilanciare uno spirito di
volontariato che le generazioni più giovani sperimentano nelle loro relazioni reciproche, anche quelle
alimentate via sms e social network. Ma occorrono linguaggi ed approcci che superino i modelli
sperimentati negli anni ’70 ed ’80, superati dagli stili di vita e dall’impoverimento subito da parole come
solidarietà, socialità, uguaglianza e gratuità”.

Ma - conclude Nenna - “occorre imporsi una sobrietà ed uno stile di direzione che non confondano il
‘ruolo’ di gestione delle risorse che la legge quadro del volontariato affida al suo organo di autogoverno,
il CESVOB in quanto centro di servizio, con il ‘potere’ di gestione di quelle stesse risorse: che sono prima
umane e poi anche finanziarie. Può accadere ma non è scontato avvenga nemmeno con questo nuovo
gruppo dirigente. DITAUBI agirà con proposte puntuali e da controllore, come ha sempre fatto, spesso
isolatamente, e se sarà necessario griderà dai tetti ogni scostamento da questo spirito di servizio: al
volontariato ed alle persone della cui voce il volontariato eticamente motivato è primo testimone”.

Progressivo e data n° 2 | 19 X 2010


Titolo CESVOB sia un’agenzia capace di autorevolezza e visione, a servizio del Volontariato
Feedback

Annotazioni

Il responsabile d’area Attilio Ievolella

visto

Associazione DITAUBI
Fondata il 27 gennaio 2003, giornata della Memoria della Shoah
con sede in Vico Noce 8 - 82100 Benevento  +39 0824.1900570 skype ditaubi