Sei sulla pagina 1di 31

1

INDICE

Capitoli Pagine

Premessa 4

Considerazioni importanti prima di cominciare 6

5 Cose da fare (o evitare) prima di applicarsi al


viaggio astrale 10

Le 7 Tecniche 13
Tecnica del bersaglio 15
Tecnica della ripetizione 16
Tecnica del suono 17
Tecnica dell'onda azzurra 18
Tecnica del conto alla rovescia 19
Tecnica del risveglio 21
Tecnica del tunnel nero 23

Quando sei fuori dal corpo 25

In caso di fallimento 27

Conclusioni 29

Libri e Approfondimenti 31

2
Questo Ebook gratuito è stato scaricato da
www.viaggioastrale.net
(se quando clicchi sul link si apre una finestra, clicca su allow per andare al sito)

Ti auguro una buona lettura e mi raccomando,


non saltare la premessa e i capitoli iniziali che
sono importantissimi 

3
PREMESSA

Ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta?

Scommetto che all'inizio erano più le volte che cadevi a terra e ti sbucciavi
le ginocchia, piuttosto che quelle in cui riuscivi a fare un metro di
pedalata.

Ho indovinato, vero?
E nonostante tutto, oggi sei in grado di andare in bicicletta senza problemi.

E così è stato anche quando hai cominciato a camminare, anche se non te


lo ricordi hai intrapreso lo stesso identico percorso di apprendimento che
hai seguito per imparare ad andare in bicicletta.
Hai provato, sei caduto, ti sei rialzato. Tutto questo decine e decine di
volte.

Ecco, fare un viaggio astrale richiede anch'esso il medesimo percorso.

All'inizio troverai difficoltà, paure, ti irriterai per non aver raggiunto il


minimo risultato e, quando meno te lo aspetti, avrai la tua prima esperienza
fuori dal corpo.

Per questo la prima cosa da tenere a mente se si vuole imparare il viaggio


astrale, è prendere consapevolezza del fatto che all'inizio quasi
sicuramente non otterrai risultati.

Potrai continuare a fallire per giorni, settimane, o anche mesi, ma voglio


che ti sia chiaro questo concetto: il fallimento è una parte
FONDAMENTALE e NECESSARIA in ogni percorso che si decide di
intraprendere nella vita, non solo per quanto riguarda i viaggi astrali.

Ricorda che chi non ha mai ottenuto un fallimento, non ha neanche mai
ottenuto un successo.

Come in ogni cosa c'è bisogno di pratica, soltanto attraverso di essa e


attraverso il fallimento riuscirai ad ottenere il risultato finale.

4
In questo Ebook troverai 7 tecniche tra le più semplici in assoluto che ti
porteranno, con la pratica per l'appunto, ad avere la tua prima esperienza
extracorporea e, col tempo, imparerai a fare un viaggio astrale ogni qual
volta ne avrai voglia.

Avrai l'assoluta certezza che non si tratta di fantascienza o magia, perché


tutto quello che leggerai in queste pagine avrai modo di verificarlo tu
stesso.

Per realizzare Le 7 Tecniche più Semplici per Uscire dal Corpo ho


cominciato scrivendo su carta un elenco di tutte le tecniche conosciute per
eseguire il viaggio astrale e ho selezionato soltanto quelle più semplici,
scartando tutte le altre.

Alla fine ne sono rimaste sette.

Sette tecniche semplici ed efficaci che se metterai in pratica ti porteranno a


compiere un viaggio astrale.

Quello che ti consiglio è di leggere tutte le tecniche in sequenza, così come


io le ho ordinate, e rileggerle tutte una seconda volta per poi scegliere
quella che a te sembra più semplice e cominciare ad applicarti ad essa sin
da subito.

Non farti prendere dalla tentazione di saltare tutti i paragrafi ed andare a


“sbirciare” subito le 7 tecniche.
I paragrafi a seguire sono più importanti delle tecniche stesse e ti invito a
leggerli con attenzione.

Non sottovalutare questo consiglio, è importante se vuoi raggiungere


risultati il più velocemente possibile.

5
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI
PRIMA DI COMINCIARE

Ci sono cose che devi conoscere prima di leggere e mettere in pratica


queste sette tecniche per compiere il viaggio astrale.

Innanzitutto devi sapere che è importante credere che esista realmente la


possibilità di uscire dal corpo.
Se si è pieni dubbi e scetticismo, difficilmente potrai mai avere
un'esperienza extracorporea cosciente.
I dubbi sono legittimi per chi si affaccia a questo “nuovo mondo” per la
prima volta, l'importante è che non diventino un' autoconvinzione del tipo
“tanto sono tutte ca##ate”.
Come ti ho già detto, avrai modo di poter sperimentare in prima persona
tutto ciò che riporto in questo Ebook, non ti sto chiedendo di credere a
Babbo Natale.

Molto tempo fa ho avuto un amico a cui avevo parlato dei viaggi astrali e
che, dopo essersi messo a ridere per 15 minuti, mi propose una scommessa
dicendomi che avrebbe provato di persona e in caso ci fosse riuscito mi
avrebbe regalato la sua macchina.

Inutile dire che non ottenne alcun risultato.


Questo perché aveva provato (o forse neanche aveva provato, non so
dirtelo XD) soltanto per dimostrarmi che erano tutte scemenze e che
compiere un viaggio astrale fosse impossibile.

L'autoconvinzioni negative sono davvero il primo tra i “killer” del viaggio


astrale.

Ma di questo non penso di dovermi preoccupare, so che non sei quel tipo
di persona altrimenti non avresti scaricato questo ebook.

Gli altri due killer del viaggio astrale sono la paura e l'eccitazione che si
potrebbero provare al pensiero di fare un viaggio astrale.
Ognuna di queste tecniche (anzi, tutte le tecniche esistenti per avere

6
un'esperienza extracorporea) esigono che il corpo e la mente entrino in uno
stato assoluto di relax.

Provare eccitazione o paura irrigidisce i muscoli e provoca


deconcentrazione, in questo modo le probabilità di non riuscire aumentano
drasticamente.
Ok, ma cosa fare di pratico per eliminare queste emozioni negative?
Per quanto riguarda la paura posso dirti che non c'è motivo di provarne.
Il viaggio astrale è una cosa naturale, non è nulla di paranormale o
esoterico, anche se purtroppo viene spesso etichettata come una pratica
occulta.

Non è così. Se il viaggio astrale viene visto da alcune persone come magia
o esoterismo è soltanto perché per questa gente è una cosa inusuale, una
pratica sconosciuta di cui non conoscono la natura.

Quelli che, come me, eseguono viaggi astrali coscienti da anni, sono tutti
d'accordo sul fatto che non ci sia nulla da temere da un'esperienza
extracorporea e che la paura (che in molti hanno) di non poter fare rientro
nel proprio corpo durante un viaggio astrale, sia del tutto infondata.

Noi siamo collegati indissolubilmente al nostro corpo.

Un metodo efficace per superare le proprie fobie (perché di fobia si tratta,


in quanto paura ingiustificata) è quello di scrivere su un pezzo di carta ciò
che ti spaventa e poi dargli fuoco.

Di cosa hai paura? Dell'ignoto? Scrivilo!


Hai paura di non poter fare rientro nel tuo corpo? Scrivilo sul foglio e poi
brucialo.

So che probabilmente offenderò la tua intelligenza, ma devo raccomandarti


di non fare questo dentro casa o in luoghi chiusi per evitare incendi
indesiderati XD

Se il tuo problema, invece, è di essere troppo eccitato al solo pensiero di

7
poter “svolazzare” con l'anima, ti consiglio un mp3 che contiene una
traccia audio speciale che aiuta il fisico e la mente a rilassarsi.

www.viaggioastrale.net/suoni_alfa.zip (se si apre una finestra clicca su allow)

Puoi ascoltare questo file mentre ti concentri, magari mettendolo nel tuo
iPod, l'importante è che il volume sia relativamente basso, altrimenti
invece di rilassarti rischia di disturbarti.

E' importante far rimanere vivida la “voglia” di uscire dal corpo, ma deve
essere controllata in modo che non sia talmente intensa da trasformarsi in
eccitazione.
Un'altra cosa molto importante da sapere è che tutte le tecniche esistenti
per compiere il viaggio astrale (anche queste 7 qui riportate) ruotano
attorno al principio base che permette l'esperienza extracorporea, ovvero
addormentare il corpo rimanendo svegli con la coscienza.

Per semplificare la cosa, sostituisci la parola “coscienza” con “mente”.

Dunque per avere un O.B.E. (Out of Body Experience) bisogna


addormentare il corpo rimanendo svegli con la mente.
Può sembrare impossibile ma in realtà molta gente, senza sapere bene di
cosa si tratta, prova questa particolare esperienza, ne sono un esempio le
paralisi notturne e le vibrazioni.

Alcuni individui “soffrono” di paralisi notturne che si manifestano


generalmente appena dopo il risveglio.
E' un fenomeno che spaventa chi ne fa esperienza diretta, perché ci si
ritrova sul letto pienamente coscienti ma senza la possibilità di muovere un
muscolo.

Esso è dovuto al fatto che la mente è sveglia mentre il corpo è ancora


addormentato.

Se la gente conoscesse la reale natura delle paralisi notturne capirebbe che


sono fenomeni innocui e naturali.

Sono altrettanto numerose le persone che percepiscono una qualche forma

8
di stato vibratorio durante il sonno.
Esse segnano l'inizio di un'esperienza extracorporea, sono come un
“avvertimento” del fatto che si sta per uscire dal corpo.

Molte persone che percepiscono le vibrazioni si spaventano e sobbalzano


dal letto mentre non sanno di poterle usare come trampolino di lancio per
il viaggio astrale.

Riassumendo, la condizione generale per avere un'esperienza


extracorporea è addormentare il corpo rimanendo svegli con la mente,
per questo un ottimo momento per provare può essere la notte, prima di
addormentarti, oppure il pomeriggio se hai l'abitudine del “pisolino”, in
questo caso ricordati di abbassare le serrande delle finestre e fare in modo
che non entri luce nella tua stanza.
Più è buio e più sarà facile concentrarti.

Molti “esperti” riescono ad avere una O.B.E. rimanendo a meditare in


posizione di loto, ma io lo sconsiglio a chi si avvicina per la prima volta a
questa pratica perché per la maggior parte delle persone è una posizione
scomoda.

La posizione più semplice e comoda è stare distesi sul letto a pancia in su,
come in figura.

9
5 COSE DA FARE (O EVITARE) PRIMA
DI APPLICARSI AL VIAGGIO ASTRALE

L'esperienza ci insegna che in alcune situazioni è necessario “staccare la


spina” e riposarsi anziché dedicarsi alle proprie attività.
Se hai la febbre ti riposerai invece di andare a lavoro, a scuola, o uscire
con gli amici.

Allo stesso modo, non bisogna applicarsi al viaggio astrale se non si è in


condizioni ottimali.

Ho qui elencato 5 cose da fare (o evitare) prima di compiere il viaggio


astrale, per garantirti un'esperienza il più serena possibile.
Se, per qualche motivo, non si riescono a soddisfare questi 5 punti
fondamentali, è meglio non dedicarsi per quel giorno alla pratica del
viaggio astrale.

1 – Soddisfa i tuoi bisogni fisiologici, non devi patire la


fame o la sete

Per uscire fuori dal corpo è, come sai, necessario rilassare completamente
il corpo fisico sino ad addormentarlo.

Questo diventa estremamente difficile se si è turbati dalle necessità


biologiche, perché fanno in modo che la nostra mente si focalizzi su di
esse e perderai la concentrazione necessaria per conseguire il viaggio
astrale.

La soluzione è semplice, se hai fame mangia (con moderazione), se hai


sete bevi, se devi fare la pipì, vai a fare la pipì XD

2 – Evita i pensieri negativi, rabbia, depressione, paura

Devi assolutamente espellere queste emozioni che sono un impedimento

10
enorme al fine di distaccarsi dal proprio corpo in maniera limpida e serena.

Se stai passando un momento difficile evita di dedicarti al viaggio astrale,


piuttosto occupa il tuo tempo libero a risolvere i problemi che ti turbano.

Sappi che la stragrande maggioranza (se non tutti) dei problemi ce li


creiamo noi stessi, e cosi come li abbiamo creati possiamo anche risolverli.
Nel sito mi cimento spesso in articoli inerenti alla felicità e lo sviluppo
personale, che è da sempre uno degli argomenti che preferisco trattare.

Nella sezione Libri (www.viaggioastrale.net/libri.php) c'è un intero


paragrafo dedicato ai libri che trattano di sviluppo personale.
Per quanto mi riguarda, Sprigiona il Potere che è in Te mi ha cambiato la
vita in un momento molto difficile per me, ma ce ne so anche tanti altri di
valore, ne ho letti e recensiti alcuni sul sito.
Dagli un'occhiata se pensi ti possano essere utili.

Se invece hai dei piccoli turbamenti psicologi di lieve entità, se sei


leggermente irritato perché, ad esempio, hai avuto una giornata non
particolarmente tranquilla, puoi fare questo piccolo esercizio prima di
praticare il viaggio astrale:

rilassa ogni parte del tuo corpo e rivivi la giornata. Prendi consapevolezza
del fatto che tutte le negatività che hai accumulato durante il giorno sono
superflue e non ti servono.

Immagina queste negatività come dei bambini piccoli che bisticciano


continuamente, e calmali dandogli amore.

I bambini piccoli urlano e fanno capricci, ma più li sgridi più faranno


peggio, se vuoi domarli devi far capire loro l'amore che provi per essi, per
cui dagli tanto amore e li vedrai piano piano tranquillizzarsi.

3 – Se hai troppo sonno... dormi


Se sei troppo stanco, è tardi e hai gli occhi pesanti, è meglio lasciare
perdere tutto e dormire.

11
Questo può apparire contraddittorio rispetto a quanto ho detto prima, però
anche se è vero che il miglior momento per provare è prima di andare a
dormire, è vero anche che se hai troppo sonno sarà difficile concentrarsi.

Per evitare di avere sempre sonno nel momento in cui provi ad uscire dal
corpo, prova ad andare a letto mezzora prima del solito.

4 – Non provare il viaggio astrale con la pancia piena o


dopo aver fatto attività fisica

Quando ti applichi per il viaggio astrale, non devi avere adrenalina in


corpo e non devi sentirti pesante.

Se svolgi attività fisica, devono passare almeno un paio di ore.


Se ti applichi al viaggio astrale dopo i pasti, non mangiare pesante.

5 – Scegli un luogo tranquillo, non lasciare che elementi


esterni ti disturbino

In genere la propria stanza è considerata il luogo più tranquillo in assoluto.


E' importante non venire disturbati da rumori esterni, chiudi la porta della
stanza e le finestre.

Se abiti in una città trafficata e rumorosa, ti consiglio di indossare dei tappi


per le orecchie.

Assicurati che nessuno ti disturbi.

12
LE 7 TECNICHE
Finalmente sei pronto ad apprendere le 7 tecniche più semplici per uscire
dal corpo!

Ricordi qual'è il principio base che permette la fuoriuscita dal corpo?


Senza dubbio si, ma voglio ripeterlo ugualmente:
addormentare il corpo rimanendo svegli con la mente.

Rileggi bene questa frase, perché è il passaggio fondamentale che la


maggior parte degli “esordienti” salta, e per questo non ha risultati.

Tutte le tecniche esistenti sono in realtà dei metodi per far si che si entri in
questo stato particolare in cui il corpo “perde” completamente i 5 sensi e si
addormenta, mentre si rimane svegli con la mente.

Adesso voglio che tu faccia ora un piccolo esercizio.

E' importante perché attraverso di esso posso farti capire questo concetto
fondamentale.

Chiudi gli occhi ADESSO e fai questo esercizio matematico.


Comincia da 1 e moltiplica la cifra pensandola con la mente.
Quindi inizia, 1x2=2, 2x2=4, 4x2=8, 8x2=16, 16x2=32 … e cosi via
(spero che te la cavi in matematica XD)
Dopo circa un minuto fermati.

Adesso apri gli occhi.

Richiudili di nuovo ma senza pensare a nulla.


Devi chiudere gli occhi con l'intenzione di riposare, come se ti trovassi sul
letto per dormire.
Fai passare circa un minuto.

13
Apri gli occhi.

Adesso dimmi, qual'è la differenza che hai percepito tra quando hai chiuso
gli occhi la prima volta e quando li hai chiusi la seconda?

Nel primo caso hai chiuso gli occhi e hai sforzato il cervello a fare quel
piccolo esercizio matematico, nel secondo li hai chiusi sgombrando la tua
mente dai pensieri, con l'intenzione di riposare.

C'è una bella differenza tra questi due casi, non solo a livello “logico” (nel
primo caso stavi sforzando la mente, nel secondo invece l'hai lasciata
“libera”) ma anche a livello fisico e psichico.
Nel secondo caso i tuoi occhi erano rivolti leggermente verso l'alto.

Gli occhi assumono questa posizione quando devono riposarsi, per entrare
nello stato del sonno.
In poche parole, quando dormiamo i nostri occhi “tendono” verso l'alto.

In questo stato il tuo cervello emette onde alfa, che sono tipiche degli
istanti precedenti l'addormentamento.

Per uscire fuori dal corpo devi entrare in questo stato, riposando gli occhi
(ed emettendo onde alfa), ma cercando di rimanere con la mente lucida.

E' una cosa inusuale perché generalmente quando gli occhi riposano anche
il cervello entra in uno stato di rilassamento in cui produce onde alfa e non
si ha il “controllo” dei pensieri e finiamo quindi per addormentarci.

Devi abituare la mente a rimanere conscia anche quando gli occhi e il resto
del corpo stanno per addormentarsi.
In termini più semplici, devi essere conscio mentre ti stai addormentando.

Quando riuscirai a fare questo, avrai esperienze extracorporee.


Nelle 7 tecniche che stai per leggere ti sarà chiesto di immaginare oggetti,
situazioni, o pensare delle frasi.
Ricorda di farlo sempre rispettando il principio di riposare gli occhi
rimanendo consci, non devi MAI sforzarti come quando hai fatto

14
l'esercizio matematico.

In questo modo comincerai ad addormentare il corpo e a rimanere


sveglio con la mente.

Devi rimanere rilassato, puoi rilassare ogni parte del tuo corpo
semplicemente “immaginandotelo”.
Comincia dall'alto, rilassa il cuoio capelluto, poi passa alla fronte e
rilassala, rilassa il viso, gli occhi, le palpebre, il collo, le spalle, il torace, le
braccia, le mani, poi passa ai fianchi, rilassa i glutei, le gambe, fino ad
arrivare ai piedi e a rilassare le dita.

Fatto questo, il corpo avrà raggiunto uno stato di estremo relax, e sei
pronto ad eseguire una delle tecniche.

Se tutto è andato bene e avrai addormentato il corpo rimanendo sveglio


con la mente dovresti percepire le vibrazioni che ho accennato prima.

Le vibrazioni accompagnano l'uscita dal corpo, usale come trampolino di


lancio per il viaggio astrale.

Non chiederti come, quando ti ritroverai con le vibrazioni in corpo ti verrà


naturale.

Non spaventarti, è una cosa normale.


Tutte le uscite dal corpo sono accompagnate dalle vibrazioni.

1a Tecnica:
TECNICA DEL BERSAGLIO
E' una delle tecniche più efficaci, ma serve un po' di pazienza perché
richiede grande concentrazione e non è tra le più semplici.

Scegli tre obiettivi all'interno della tua casa, che si trovino in una stanza
diversa da quella in cui ti stai esercitando.

15
Se ad esempio ti stai esercitando nella tua camera da letto, puoi prendere
come obiettivi tre oggetti che si trovano in cucina o in salotto, l'importante
è che i tre oggetti si trovino non troppo distanti tra loro e nella medesima
stanza.

Devono essere oggetti fisici che puoi visualizzare facilmente.

Il primo obiettivo può essere la tua poltrona preferita, oppure un divano.

Il secondo obiettivo deve essere un dono che racchiude in se un ricordo


particolare, può essere ad esempio un souvenir di un viaggio fatto la scorsa
estate, oppure un regalo ricevuto da una persona cara.

Il terzo obiettivo deve essere un oggetto dal forte impatto visivo, come una
statuetta o un quadro che ti piace.

Prima di eseguire la tecnica, è bene memorizzare ogni singolo particolare


dell'oggetto, per cui prima di esercitarti osserva bene gli oggetti che hai
scelto e memorizzane ogni particolare.

Quando sei pronto, dopo esserti rilassato adeguatamente, immagina di


trovarti di fronte a quegli oggetti, avvicinati ad essi e scrutane ogni
particolare.

Guardali attentamente, ti sembreranno reali.

Devi addormentarti mentre continui a visualizzare i tre oggetti.

2a Tecnica:
TECNICA DELLA RIPETIZIONE

Questa è la tecnica che ho usato per anni abitualmente.


E' senza dubbio la più facile che sia mai stata inventata.

Devi addormentare il corpo rilassandolo come ho scritto precedentemente,


riposando le pupille degli occhi e ogni vostro muscolo.

16
Mentre ti rilassi inizia a ripetere delle affermazioni del tipo “ora esco dal
corpo”, “adesso compio un viaggio astrale”...

Devi scegliere una frase che per te risulta motivante.

Ripeti l'affermazione “ora esco dal corpo” (o qualcosa di simile) fino ad


addormentarti.

L'intenzione di uscire dal corpo deve essere l'ultimo pensiero cosciente.

3a Tecnica:
TECNICA DEL SUONO
Hai mai provato ad ascoltare il rumore del silenzio?

Può sembrare una frase filosofica, in realtà è una cosa estremamente


pratica.

Quando la sera ti sdrai, tutto intorno a te tace, tutto è fermo, tutti dormono,
fai attenzione alle tue orecchie, concentrati su di esse e potrai ascoltarne il
rumore che vi è dentro.

E' un fruscio, come un fischio, concentrati su quel suono mentre ti rilassi.

Dopo circa 3 minuti noterai come il fischio abbia aumentato la sua


intensità. In realtà è la tua concentrazione nei confronti di quel suono che
ha fatto si che la tua mente lo percepisca come “più intenso”.

Continua a concentrarti su quel suono, senza dimenticare di rilassarti


mentre lo fai.

Concentrati fino a che il suono non diventerà molto forte.


Immagina di poterlo “incrementare” a tuo piacimento.

Se riuscirai a raggiungere il rilassamento mentre continui a concentrarti su


quel suono, ci sono ottime possibilità di avere un'esperienza extracorporea.

17
E' a mio parere la tecnica più facile al pari della Tecnica della Ripetizione.

4a Tecnica:
TECNICA DELL'ONDA AZZURRA

Controlla il tuo respiro.

Inspira ed espira profondamente, con calma, lentamente.


Nel frattempo rilassati.

Fai una breve pausa tra un respiro e l'altro.

Adesso visualizza il tuo corpo sdraiato, immaginatelo il più completo


possibile.

Sofferma poi la tua visualizzazione sul piede destro, entra nei particolari,
osserva tutte le dita in ordine fino ad arrivare al pollice.

Da qui immagina una macchia di colore azzurro.


Un puntino che comincia ad espandersi sia dentro che fuori il piede,
trapassando i peli, la pelle, le ossa, i vasi sanguigni...

Seguila visivamente mentre, lentamente, pervade tutto il piede fino ad


arrivare alla caviglia.

Continua a inspirare ed espirare, continua a rilassarti.

La macchia blu continua ad aumentare, passa la coscia, copre tutta la


gamba e arriva all'inguine.

Un'altra macchia blu parte dal pollice del tuo piede sinistro e, come la
macchia di prima, comincia a pervadere l'intero piede, arrivando alla
caviglia, passando per la coscia e coprendo l'intera gamba.

Fino ad arrivare anch'essa all'inguine, quindi a congiungersi insieme

18
all'altra macchia, diventando un'unica grande macchia azzurra.

Nota come, al passare della macchia, le parti del corpo subiscano un


rilassamento notevole.

Procedi con la visualizzazione del blu che continua a salire, arriva al


bacino e sale verso il torace, inglobando stomaco, ombelico, costole, reni,
vene, pelle, si espande salendo sul collo.

Da qui passa al braccio destro, come per le gambe parte dalle dita per
espandersi alla mano, al polso, all'avambraccio, al braccio, alla spalla per
coniugarsi al collo, questo anche per il braccio sinistro.

Ogni parte man mano si rilassa, tieni a mente che il tuo corpo adesso è blu
nelle parti coperte dall' onda.

Dal collo continua e si espande al mento, alla bocca, alle gengive, ai denti,
alla nuca, al cervello, ai capelli, va su sino alla parte alta della testa.

Adesso ammira il tuo corpo completamente coperto da questa macchia blu.

Il tuo corpo è blu.

Lascia andare il respiro, lascialo fluire liberamente, man mano si attenuerà


da solo, non farci più caso.

Rimani immobile.

Adesso immagina un “doppio” del tuo corpo che prende forma dal
distaccamento di quello vero.

Lasciati andare, non pensare, non esiste più nulla.

5a Tecnica:
TECNICA DEL CONTO ALLA ROVESCIA

19
Respira profondamente fino a che non ti sei completamente rilassato.

Ripeti mentalmente frasi del tipo:


“Adesso conterò alla rovescia. Quando sarò arrivato a 0 uscirò dal mio
corpo”.

Quando ti senti pronto comincia a contare partendo da un numero che può


andare da 30 a 50.

Se è la prima volta ti consiglio di partire da 50.

Tra un numero e l' altro inspira ed espira molto dolcemente.

Inspira.

50

Espira.

Inspira.

49

Espira.

Inspira.

48

Espira.

Inspira.

47

20
Espira.

E così via.

Più ti avvicini allo 0 più il tuo corpo si rilassa.

Ripeti mentalmente di tanto in tanto la frase “mi sto avvicinando sempre


più al momento del distacco”.

Arrivato a 0 dovresti come minimo sentire le vibrazioni.

Se non succede niente significa che non ti sei rilassato abbastanza.

Ricomincia l'esercizio partendo da un numero più basso, ad esempio 20.

Se non sei abbastanza rilassato e/o concentrato può accadere che neanche
al secondo tentativo accada nulla.
Niente panico, come ti ho già detto il fallimento è necessario per il
successo, riproverai domani.

Ricorda che la respirazione deve essere dolce, naturale, e non forzata.

6a Tecnica:
TECNICA DEL RISVEGLIO

Questa tecnica è una specie di “scorciatoia” per avere un'esperienza


extracorporea.

Sostanzialmente si tratta della tecnica della ripetizione con un piccolo


“trucchetto” pratico che può semplificare la fuoriuscita.

Lo svantaggio di questa tecnica è che distrugge il normale ciclo del sonno,


per questo la consiglio soltanto dopo aver provato senza successo almeno
un'altra tecnica, e ad ogni modo non dovrebbe mai diventare la propria

21
tecnica abituale per avere un'esperienza fuori dal corpo.

In sostanza, usala occasionalmente se proprio hai fretta di bruciare le tappe


(cosa che, ripeto, sconsiglio) o vuoi compiere il tuo primo viaggio astrale
senza doverti esercitare per giorni.

La tecnica consiste nello svegliarsi durante il sonno per poi rimettersi a


letto ed applicare la tecnica delle affermazioni.

Devi mettere la sveglia a circa 4 ore e mezza dopo che sei andato a
dormire.
Se ad esempio vai a dormire alle 11:30 devi impostare la sveglia alle 4:00
di mattina.

Dopodiché alzati, vai a bere un bicchiere d'acqua e rimani sveglio per circa
dieci/quindici minuti.

Non mangiare o fare esercizio fisico (anche se dubito che a quell'ora ne


avresti il coraggio XD).

Non guardare la TV o leggere, in altre parole, non devi fare nulla che
richieda dispendio di energie.

Quando torni a letto devi semplicemente seguire lo stesso principio di


sempre, cercando di addormentare il corpo rimanendo sveglio con la
mente.

Ripeti dentro di te frasi del tipo “adesso esco fuori dal corpo”, “ora compio
un viaggio astrale”.

In questo modo dovresti facilmente riuscirci, in caso di fallimento ti


addormenterai ed è probabile che tu abbia un sogno lucido.

Un sogno lucido non è niente altro che un normale sogno in cui ti accorgi
di essere nel sogno.

Se hai mai avuto un'esperienza di questo tipo, che è abbastanza comune,


mi hai sicuramente capito.

22
Il sogno lucido di per sé non è nulla di eccezionale ma puoi sfruttarlo
proprio per compiere un viaggio astrale.

Tutto sta nel fatto di essere consapevoli di stare sognando, questo è un


sogno lucido.

Se ci riesci non farti sfuggire questa occasione.

In quel momento tu sei il padrone del tuo sogno, puoi modificarlo a tuo
piacimento e fare qualsiasi cosa tu voglia.

Ebbene puoi perfino provare ad applicarti al viaggio astrale.

Ti basterà pensare di volerlo fare e verrai automaticamente proiettato


all'infuori del tuo corpo.
A quel punto il sogno finirà e ti ritroverai fuori dal corpo.

Il mio primissimo viaggio astrale consapevole l'ho fatto proprio attraverso


un sogno lucido.

7a Tecnica:
TECNICA DEL TUNNEL NERO

Questa tecnica richiede che ci sia buio totale, per cui non è indicata se si
vuole provare di mattina o durante il giorno.

Se intendi applicarti ad essa, assicurati che non entri il minimo fascio di


luce nella stanza, soprattutto non devono esserci fonti luminose davanti ai
tuoi occhi.

Mentre ti rilassi devi annullare i pensieri e concentrarti sul nero che hai di
fronte.

Quale nero?
Quello che semplicemente vedi quando hai gli occhi chiusi.

23
E' un nero completamente vuoto, immagina di “entrare” in questo vuoto
immenso.

Come se fosse un tunnel nero, senza sfumature, devi “navigarci” dentro


con l'intenzione di percorrerlo.

Non distogliere nemmeno un attimo l'attenzione, continua a percorrerlo


finché non ti accorgi di trovarti completamente dentro in questo vuoto
senza fine.

Continua a percorrerlo e ripeti la frase “adesso esco dal corpo”.

Generalmente questa tecnica è molto efficace ma richiede parecchia


concentrazione perché basta distrarsi un secondo per dover cominciare
tutto da capo.

QUANDO SEI FUORI DAL CORPO

24
Come ti ho già detto, quasi sempre la fuoriuscita è accompagnata da
un'intensa vibrazione.

Se le vibrazioni sono deboli basterà ripetere a se stesso “è il momento,


adesso esco fuori dal corpo”, mentre se sono molto intense ti basterà
pensare di essere già fuori e ti ritroverai a galleggiare sopra il tuo letto :)

A quel punto, ce l'hai fatta!

Hai compiuto un viaggio astrale, stai realmente volando! Sei anima!

L'euforia per esserci riuscito probabilmente ti porterà a voler strafare, ma


se è la prima volta è meglio restare calmi e soprattutto non allontanarsi
dalla propria stanza.

Non che ci siano pericoli, ma ricorda che bisogna andare sempre per tappe.

La prima cosa che consiglio di fare è testare l'esperienza.

Prova a mettere una mano dentro al muro.

Vola fino al soffitto, adesso puoi farlo, non hai più limiti fisici.

A costo di essere ripetitivo, ti raccomando nuovamente di non provare ad


uscire dalla tua casa, anzi dalla tua stanza.

So che l'euforia è tanta, ma li fuori c'è un mondo che non conosci, sei
ancora inesperto.

Non preoccuparti, hai già fatto un passo enorme.


Il difficile è passato ormai!
Goditi questo tuo successo.

Hai una vita davanti per poter esplorare questa nuova dimensione, man
mano che acquisirai esperienza potrai farlo senza problemi.

25
E per rientrare nel corpo?

E' la cosa più semplice, ti basterà avere l'intenzione di rientrare nel corpo
fisico e ti ci ritroverai istantaneamente.

E' talmente semplice rientrare nel corpo che ti potrebbe succedere di


pensarci un attimo e senza volerlo ritrovartici di nuovo.

E' probabile che avrai una lieve paralisi notturna al rientro, non
preoccuparti è normale e non è la sensazione sgradevole che in molti
dicono di provare.
Dura pochi secondi.

E' solo il tuo corpo che deve “risvegliarsi”.


Hanno paura delle paralisi notturne coloro che non conoscono e non hanno
mai avuto un'esperienza extracorporea.

Adesso tu ne sei consapevole, sai che non c'è nulla di cui aver timore.

IN CASO DI FALLIMENTO

26
Hai percepito le vibrazioni ma non sei riuscito ad uscire dal corpo?

Oppure ti sei proprio addormentato senza concludere nulla?

Tranquillo, fallire al primo tentativo è la normalità.


Se ci fossi riuscito saresti stato “anormale”.

Come ti ho già detto potrà capitare di esercitarti per giorni, o anche


settimane, o persino mesi senza raggiungere il minimo risultato.

Non smetterò mai di ripeterti che il fallimento è NECESSARIO per


raggiungere il successo.

Il fallito non è colui che fallisce, ma colui che fallendo getta la spugna.

Si lo so può sembrare una frase presa da Facebook (XD), ma credo


veramente in queste parole.

E' il principio che mi ha permesso di vincere le sfide della vita e di essere


felice.

Ricorda che maggiore sarà il desiderio di avere un'esperienza


extracorporea, e prima ce la farai.

Quello che ti consiglio è di leggere e rileggere più volte tutte e 7 le


tecniche e scegliere quella che a noi può sembrare la più applicabile
secondo il nostro stile di vita.

Spesso l'istinto ci porta a scegliere la più giusta già al primo tentativo.

Applicati dunque a questa tecnica tutti i giorni prima di andare a dormire o


appena sveglio (dipende anche da quale hai scelto).

Se dopo pochi giorni percepirai le vibrazioni, oppure avrai dei sogni lucidi,
significa che sei sulla buona strada! In tal caso continua ad applicarti e

27
vedrai che avrai la tua prima esperienza fuori dal corpo.

Se invece dopo due settimane (quindi dopo 14 giorni) non hai ottenuto il
minimo risultato allora scegli un'altra tecnica e applicati ad essa
esattamente con lo stesso impegno che ci hai messo fino a quel momento.

Sono sicuro che i risultati non tarderanno a vedersi.

Una cosa importante: tieni a mente il fatto che le 7 tecniche che ho


riportato sono soltanto dei metodi facili per addormentare il corpo e
rimanere sveglio con la mente, per cui non devi per forza seguirle alla
lettera come se fossero un codice inviolabile, anzi, applicatici con
leggerezza.

Rendi sempre viva l'intenzione e il desiderio di voler uscire dal corpo.

CONCLUSIONI

28
Compiere un viaggio astrale è un processo che richiede tempo e costanza.

Non posso prevedere il tempo che impiegherai nell'avere la tua prima


esperienza extracorporea.

Alcuni ci riusciranno al primo tentativo, altri dovranno applicarsi per


giorni o per settimane.

Il desiderio può giocare veramente un ruolo fondamentale sotto questo


aspetto, più lo vorrai e prima ci riuscirai.

Il bello è che applicarsi al viaggio astrale non richiede grande sforzo fisico
o mentale!

Per avere un'esperienza extracorporea è sufficiente applicare una delle


tecniche prima di andare a dormire (o in qualunque altro momento della
giornata) una volta al giorno.

Non devi andare a meditare su una montagna per 10 anni, sono sufficienti
pochi minuti al giorno di pratica per alcuni giorni.

Non è affatto un procedimento lungo e faticoso.

Vedrai che man mano che acquisirai esperienza non ci sarà bisogno
nemmeno più di esercitartici quotidianamente, potrai avere un'esperienza
extracorporea ogni qualvolta ne avrai voglia.

Questo report gratuito giunge al termine.


Mi auguro che questo “libro virtuale” sia stato di tuo gradimento, ci ho
messo tutta la passione e l'impegno per scriverlo e spero che queste
informazioni possano arricchire e migliorare la tua vita.

Ti consiglio vivamente di rileggerlo più di una volta, e soprattutto


soffermati sulle 7 tecniche, rileggile tutte di nuovo e scegli quella che ti
sembra possa essere “giusta” per te.

29
Quando avrai ottenuto la tua prima esperienza extracorporea ti invito a
scrivermi la tua testimonianza:
www.viaggioastrale.net/tua_testimonianza.php

E' una sezione del sito che ho creato per voi lettori in modo che possiate
raccontare le vostre esperienze, sia per il puro piacere di condividerle con
gli altri, sia perché possano essere di aiuto e di speranza a chi ha difficoltà
ad avere la sua prima esperienza extracorporea.

Se, insieme alla tua esperienza, vuoi farmi qualche domanda a riguardo
perché magari hai alcune perplessità, sarò felice di risponderti
pubblicando, oltre alla tua testimonianza, anche la mia risposta.

30
LIBRI E APPROFONDIMENTI

Questa “guida” è la miglior base per cominciare ad esplorare questo


“nuovo mondo” ed apprendere la pratica del viaggio astrale, ma
ovviamente non ho potuto scrivere in questo semplice libro elettronico
tutto ciò che bisognerebbe sapere.

Se sei in cerca di ulteriori informazioni, ti SCONSIGLIO di cercare su


internet, per la rete c'è troppa troppa troppa disinformazione.
Le ho davvero lette di tutti i colori, mi è capitato di andare su un sito dove
un tizio diceva di non compiere un viaggio astrale perché il rischio di
morte è elevatissimo, e che se si prova dopo le 6 del mattino l'anima non
può più far ritorno nel corpo XD

Davvero cose assurde, disinformanti, e ingiustamente allarmanti.


Per approfondire non c'è nulla di meglio che leggere un libro fatto bene,
oppure (e qui mi faccio un po' di spudorata pubblicità visto che chi
costruisce vele consiglia sempre il proprio albero W) leggere gli articoli
sul sito.

Ad ogni modo, di libri sul viaggio astrale ce ne sono un bel po', non
tantissimi ma ce ne sono.
Sono quelli realmente validi a scarseggiare.
Ne ho letti alcuni di 200 pagine che parlano parlano ma sostanzialmente
dicono meno cose di questo Ebook gratuito che ne ha soltanto 30.

Quelli che consiglio di leggere li ho recensiti nella sezione Libri del sito
per cui evito di riscriverli, li trovi su www.viaggioastrale.net/libri.php

Il libro che invece non puoi lasciarti sfuggire (e quello che ritengo più
valido) è senza dubbio Avventure Fuori dal Corpo di William Buhlman.

Con questo è davvero tutto, grazie per aver letto l'Ebook, se ti è piaciuto (o
non ti è piaciuto) puoi farmelo sapere scrivendomi a viaggioastrale@live.it

Matteo

31