Sei sulla pagina 1di 40

ELENCO DEGLI ORDINI

17. Psocotteri
PTERIGOTI
18. Mallofagi
5. Efemerotteri
19. Anopluri
6. Odonati
20. Tisanotteri
7. Blattodei
APTERIGOTI 21. Rincoti
8. Mantodei
1. Collemboli 22. Neurotteri
9. Isotteri
2. Proturi 23. Mecotteri
10. Zoratteri
3. Dipluri 24. Tricotteri
11. Plecotteri
4. Tisanuri 25. Lepidotteri
12. Embiotteri
26. Ditteri
13. Grilloblattodei
27. Sifonatteri
14. Dermatteri
28. Coleotteri
15. Fasmidi
29. Strepsitteri
16. Ortotteri
30. Imenotteri
COLLEMBOLI
• Insetti di piccole
dimensioni (< 5mm)
• Apparato boccale
entognato
• Addome con 6 uriti:
retinacolo e furca
(organi per il salto)
• Infestanti
industriali/lieviti
COLLEMBOLI

• Gen. Orchesella (tipiche


maculature dorsali)
• Gen. Sminthurus
• Spoglie di Collemboli:
- Funghi secchi
- Confetture
- Ortaggi
TISANURI
• Corpo allungato
ricoperto di squame
argentee fino a 70 mute
• Addome con 11 uriti
provvisto di stili e di un
paio di cerci
• Infestanti di abitazioni
biblioteche, edifici ..
BLATTODEI
• Blatte o scarafaggi
/fitofagi-onnivori
• Apparato boccale
masticatore tipico,
antenne lunghe e
pronoto molto
sviluppato, tegmine
• Addome con 10 uriti: 5-
6 gh. repugnatorie
• Abitazioni, magazzini,
luoghi umidi e oscuri in
genere
Blatta orientalis
• Blatta nera /orientale
cosmopolita
• 20-24 mm, accentuato
dimorfismo, lucifuga
ooteche caratteristiche
• Si nutre di derrate e
trasferisce a queste un
odore disgustoso
(gh.rep)
• Ospite intermedio di
Nematodi e Cestodi
Periplaneta americana
• Blatta rossa /comune
nelle navi e nelle città di
mare/cosmopolita
• 28-44 mm, ali allungate
in entrambi i sessi, da
10 a 34 mesi la durata
del ciclo
• Longeva, si ambienta
bene nell’industria
alimentare, spiccata
resistenza al digiuno
Blattella germanica
• Blattella /cosmopolita
• 10-15 mm, macchie
scure sul pronoto
• Il ciclo si completa in
circa 3 mesi
• Attività anche diurna,
ambienti di lavorazione
vari, ristorazione, bar,
piscine……
Supella longipalpa

• Supella/introdotta di
recente/origine africana
• Simile alla Blattella
• Predilige umidità
inferiori ed elevate
temperature
ORTOTTERI
• Cavallette, grilli
• Apparato boccale
masticatore tipico,
zampe saltatorie,
antenne lunghe negli
ensiferi, brevi nei
celiferi, apparato
stridulante, ovopositore
• Ensiferi/Grillidi infestanti
di industrie alimentari
Acheta domesticus
• Grigio-brunastra,
lucifuga, 20-25 mm
• Abitazioni, reparti
produttivi, locali
industriali
• Vettore di germi
patogeni (come le
blatte)……
Gryllomorpha dalmatina

• Comportamento simile
all’Acheta domesticus,
attera, sprovvista di
organi stridulanti
PSOCOTTERI
LEPIDOTTERI
Specie di Lepidotteri infestanti le derrate
Ficitidi :
Plodia interpunctella (tignola fasciata)
Ephestia kuehniella (tignola grigia della farina)
Ephestia cautella (tignola della frutta secca)
Ephestia elutella (tignola del cacao)
Piralidi :
Pyralis farinalis (piralide della farina)
Gelechidi :
Sitotroga cerealella (vera tignola del grano)
Phthorimaea operculella (tignola della patata)
Galleridi :
Galleria mellonella (tarma grande della cera)
Achroia grisella (tarma piccola della cera)
Sitotroga cerealella
Tinea granella
COLEOTTERI
Specie di Coleotteri infestanti le derrate

Curculionidi :
Sitophilus granarius (calandra del grano)
Sitophilus oryzae (calandra del riso)
Sitophilus zea-mais (calandra del mais)
Bruchidi :
Acanthoscelides obtectus (tonchio dei fagioli)
Bruchus lentis (tonchio delle lenticchie)
Bruchus pisorum (tonchio dei piselli)
Bruchus rufimanus (tonchio della fava)
Tenebrionidi :
Tenebrio molitor (verme della farina)
Tribolium castaneum (tribolio della farina)
Caratteristiche generali dei
Curculionidi
• Cranio prolungato in un rostro
(punteruoli)
• Antenne genicolate
• Larve apode cirtosomatiche
• Riproduzione anfigonica
Sitophilus granarius
Sitophilus oryzae
Sitophilus zea-mais
Rhyzopertha dominica
Tenebroides mauritanicus
Oryzaephilus surinamensis
Tenebrio molitor
Tribolium castaneum
COLEOTTERI DERMESTIDI
Caratteristiche morfologiche principali

ADULTO :
• CAPO CON ANTENNE GENERALMENTE CLAVATE (5-11
ARTICOLI);
• PROTORACE RISTRETTO IN AVANTI;
• ZAMPE AMBULATORIE O CURSORIE;
• FEMORI PROVVISTI DI UNA SCANALATURA
LONGITUDINALE CHE ACCOGLIE LE TIBIE IN FLESSIONE;
• TARSI CON 5 ARTICOLI;

LARVA :
• LARVE OLIGOPODE CAMPODEIFORMI;
• CORPO PROVVISTO DI SETOLE;
• CAPO IPOGNATO, ECC.
Trogoderma granarium
Caratteristiche morfologiche generali dei Bruchidi

• Forma ovale, lunghezza: 2-5 mm


• Capo allungato con occhi sporgenti
• Antenne ingrossate all’estremità, oppure seghettate o
pettinate
• Zampe con tarsi di 4 articoli
• Larve apode cirtosomatiche Larve
• Ipermetabolia attenuata
Bruchus spp.
Ditteri Piofilidi
Caratteristiche principali

• PICCOLE MOSCHE LE CUI LARVE IN NATURA SI


SVILUPPANO PRINCIPALMENTE SU SUBSTRATI DI
NATURA PROTEICA DI ORIGINE ANIMALE;
• LA P. CASEI E’ COMUNEMENTE NOTA COME “MOSCA DEL
FORMAGGIO” O “MOSCA DEI PROSCIUTTI”;
• PUO’ INFESTARE ANCHE IL PESCE;
• ELEVATA PROLIFICITA, POSSONO ESSERE VETTORI
PASSIVI DI MICRORGANISMI PATOGENI (IN QUANTO
ATTACCANO SOSTANZE IN DECOMPOSIZIONE);
• ADULTO DI COLORE NERO LUCENTE CON OCCHI ROSSI E
ZAMPE IN BUONA PARTE GIALLE;
• UOVA ALLUNGATE SUBCILINDRICHE;
• LARVA VERMIFORME ACEFALA.
Acari
Caratteristiche principali e danni

• DIMENSIONI INFERIORI AL MILLIMETRO;


• POSSONO CAUSARE ALLERGIE CUTANEE,
RESPIRATORIE, INTESTINALI;
• RIDUCONO IL POTERE NUTRITIVO DEGLI ALIMENTI E
POSSONO MODIFICARNE LE CARATTERISTICHE
ORGANOLETTICHE;
• CORPO INDIVISO, 4 PAIA DI ZAMPE;
• UOVO-LARVA-PROTONINFA-DEUTONINFA-ADULTO;
• NECESSITANO DI ELEVATE UMIDITA’ PER IL LORO
SVILUPPO >70%);

Acarus farris, Acarus siro, Carpoglyphus lactis, Glycyphagus


domesticus; Tyrophagus putrescentie, T. longior, Tyrolichus
casei.