Sei sulla pagina 1di 154

Edizioni

Crisalide ,

Douglas Baker

ANA TO MIA ESOTERICA Vol. II

Questo volume, che e il secondo di quest' opera, contiene informazioni mediche di vitale importanza per chi si occupa di esoterismo. In esso vengono esaminate accuratamente due aree dell' organismo di fondamentale importanza: 1a testa ed il collo.

Lo sviluppo spirituale puo essere considerato il processo attraverso cui le energie dei vari centri al di sotto del colla vengono gradualmente e progressivamente concentrate nella zona della testa. Se non si posseggono Ie necessarie informazioni ana tomiche e cliniche, questa processo non puo essere portato avanti in modo consapevole e si incontrano inutili difficolta nella stabilire il contatto con il proprio Vero Se.

Se ci si vuole elevare verso 10 Spirito, bisogna avere una profonda conoscenza del corpo, in quanto, come affermano gli insegnamenti della Sagezza Perenne, spirito e materia sono in essenza una cosa sola. Questo libro offre a lettore attento gli strumenti necessari per sviluppare tale conoscenza.

DOUGLAS BAKER

II dott. Douglas Baker eben nota al pubblico di lingua inglese. Poeta, scrittore e scienziato, egli e una delle figure pill eminenti nel campo delle scienze -esoteriche. Laureatosi in medicina all'Universita di Sheffield nel1964, ha da allora portato all'attenzione del pubblico quegli aspetti dell' arte medica che si trovano ai confini della conoscenza scientifica.

Egli usa esempi tratti dalla vita di tutti i giorni e spiegazioni scientifiche, per rend ere comprensibili ai lettori di mentalita occidentale i pili complessi ed astratti insegnamenti.

Lo scopo degli scritti del dott. Baker e di presentare la Saggezza Antica usando illinguaggio dei nostri giorni. Prolifico autore, in Inghilterra e riconosciuto come la principale autorita in campo astrologico. La sua opera, costituita da ottanta volumi, copre quasi ogni aspetto delle scienze esoteriche.

L. 45.000

DOUGIASBAKER

ATOMIA E OTERICA

Edizioni Crisalide

TITOLO ORIGINALE:

Esoteric Anatomy Part Two

Head and Neck (completed)

© Copyright 1979 Douglas Baker

© Copyright 1996 Edizioni Crisalide

Grafica: BRUNO IRMICI

Edizioni Crisalide. Via Campodivivo, 43 - 04020 Spigno Saturnia

ISBN 88-7183-053-9

Testa, collo e torso del David di Michelangelo a Firenze. La sua conoscenza dellanatornia ha perl11esso allo scultore eli creare una statua eli rara bellezza. La eonoseenza dell'anatornia interiore, a eui faceva riferimento I'oracolo delfico, quando ingiungeva: "Uorno coriosci Ie stesso", spinge 10 studente di esoterismo a rieereare il signifieato soggettivo della forma esteriore.

INDICE

LA GHIANDOLA PINEALE IL TERZO OCCHIO

LE CLA VICOLE

LA TIROIDE

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI LA COLONNA VERTEBRALE

SISTEMI DI RICOMPENSA, GIOIA, ESTASI E BEATITUDINE

I GANGLI CERVICALI SUPERIORI (Sistema nervoso simpatico) IL CENTRO RESPIRATORIO

ANATOMIA DELLA RESPIRAZIONE NASALE IL PLESSO COROIDEO

CONCLUSIONE

11 33 59 65 79 97 105 127 135 149 153 157

IA GHIANDOIA PlNEALE

La ghiandola pineale si sviluppo e cornincio ad operare come organo sensoria le accessorio, solo in quegli antropoidi i cui corpi erano stati 'adombrati' dalla Terza Razza Radice Umana. In quel periodo, circa 25 milioni di anni fa, alcuni an tropoidi possedevano un cervello molto adattabile, e riuscirono ad adeguarsi facilmente ai cambiamenti provocati dall' azione delle forze provenienti sia dal mondo esteriore, che da quello interiore.

Grazie all'influenza delle radiazioni interiori, la ghiandola pineale pote manifestare la sua innata capacita di formare un occhio parietale, distinto dalla sostanza principale della ghiandola stessa. II vortice attivo di energia, che in alcuni deva assumevalaformadi una 'cresta', era presente anche nelle prime razze umane, che esistevano solo a livello sottile, rna si stavano rapidamente materializzando. Questo vortice ebbe l'effetto di far rimanere cartilaginee le membrane della regione superiore del cranio degli antropoidi, impedendone l'ossificazione. Pili tardi, quando la corrente evolutiva interiore si avvicino ulteriormente al piano materiale, si forma il forame parietale, che divenne la sede dell'occhio parietale, parte della originaria ghiandola pineale.

L'occhio parietale era sensibile alla luce proveniente dalle regioni eteree ed iperboree, conferendo ai primi veri uomini - prodotti delle due correnti evolutive gemelle -la capacita di man tenere una temporanea identificazione con il mondo eterico da cui derivava la parte umana della loro coscienza, nonostante dovessero imparare ad orientarsi nello sconcertante ambiente fisico in cui vivevano le strutture antropoidi di cui si erano appropriati.

La misura in cui questo fragile strumento evolutivo, l' occhio parietale, fu mantenuto, varia di molto. Alcuni esemplari 10 persero velocemente, perche Ia loro 'caduta dall'Eden' avvenne in modo rapido, oppure, per dirla in termini meno mitologici, perche si adattarono rapidamente al mondo razionale e materiale che noi conosciamo COS1 bene. Altri, soprattutto quelli con una personalita pili gentile e introversa, restarono maggiormente legati ai mondi soggettivi e ai regni paradisiaci da cui provenivano, mantenendo la loro 'vista interiore' (basata sull'occhio parietale) fino ai tempi mitologici, se non fino a quelli storici.

L' occhio parietale era una caratteristica molto comune delle specie animali che mantenevano forti collegamenti con le forze deviche, specialmente i rettili. Le figure a pag. 49 mostrano il forame parietale della lucertola e della rana, con vari gradi di patenza dell' occhio parietale. Le parole diJohn Richardson, il vero autore dei drammi di 'Shakespeare', descrivono cOSI il rospo, in Come vi piace:-

Dolci sono gli usi dell'airoersita che, come il rospo, brutto e velenoso,

porta ugualmente iin gioiello nella testa.

11

ANATOMIA ESOTERICA

Si tratta di un riferimento a un'antica superstizione, secondo la quale i rospi nascondevano una pietra preziosa nell'escrescenza cornea del cranio. Questa superstizione aveva un fondo di verita, e si riferiva alIo stesso gioiello, l'occhio parietale, che inizialmente sia l'uomo che il rospo possedevano.

Nel corpo eterico degli animali non vi e alcun chakra della testa. Negli uomini invece, anche nei primissimi esemplari, questo chakra e sempre stato presente. Esso rappresenta il sito di ancoraggio dell 'anima umana, un punto di luce radiante, un gioiello seppellito sotto gli strati dell'aura e ricoperto dal corpo fisico denso. Fu la combinazione dell' occhio parietale e del quasi inerte chakra della testa, a conferire all 'uomo primitivo la visione eterica (piuttosto che la chiaroveggenza). Anche oggi che l' occhio parietale e regredito, il chakra della testa rimane focalizzato intorno alla regione della ghiandola pineale. Se viene risvegliato per mezzo della crescita spirituale, conferisce sia la visione eterica che la chiaroveggenza.

La Terza Razza Radice possedeva solo la visione eterica. La Sesta Razza possiedera sia questa che Ia chiaroveggenza, poiche la struttura fisica della ghiandola pineale riernergera, e sad stimolata dal risveglio del chakra della testa.

L'attuale ghiandola endocrina, che solo nell'uomo e sotto I'influenza del chakra della testa, si e evoluta dalla sostanza della ghiandola pineale originaria. Essa secerne molte sostanze an cora sconosciute alla scienza. L'ampio raggio d'azione di queste secrezioni ormonali ha modificato nel corso del tempo la forma, la pelle, il cervello e il cranio dell'uomo, nonche i suoi organi sessuali, secondo i particolari Raggi che governavano di volta in volta le varie Razze Radici e le loro sottorazze.

La capacita di vedere nel buio, che l'uomo una volta possedeva, verra in futuro sempre pili recuperata, man mana che l'uomo procedera sull'arco ascendente. Essa derivava dal meccanismo sopra descritto, e ando perduta solo quando l' occhio parietale si atrofizzo completamente. Oggi non ne resta traccia, rna il forarne parietale (osservabile in alcuni neonati) spesso rimane in una certa misura paten te negli urnani adulti, anche se ovviamente coperto dal cuoio capelluto. II ritmo circadiano e altre caratteristiche imposteci dall'aspetto ciclico della nostra vita planetaria, sono tuttora legati alla ghiandola pineale.

La meditazione influisce profondamente su questa ghiandola, risvegliando il centro della testa ad essa collegato. Tale meccanismo spirituale, attraverso Ie secrezioni della ghiandola pineale, fa in modo che il cranio ed il cervello dell'individuo spiritualmente impegnato possano costantemente rimodellarsi nel corso degli anni. Le secrezioni pineali mantengono aperte le suture del cranio, anche in eta avanzata.

Fu attraverso un'azione di questo tipo che il cranio dell'uomo-animale pote cambiare rapidamente forma, permettendo l'enorme espansione della massa cerebrale che accompagno la sua individualizzazione. II Fuoco Venusiano, grazie al quale I'individualizzazione ebbe luogo, non sarebbe potuto essere applicato a nessuna delle forme antropoidi, rna pote esserlo alle forme controllate dall'evo-

12

LA. GHlAL'\[DOLA. PINEALE

luzione superiore. Esso esplico i suoi effetti attraverso Ie matrici interiori delle componenti eteriche, mentali e astrali delle entita adombranti.

Tutta la vita sulla terra fu irradiata fin dall'inizio dalla linea evolutiva umana (di origine molto pili antica di quella puramente fisica), che andava gradualmente materializzandosi. Sono testimonianza di questo fatto l'anatomia della rana e quella della lucertola, che mostrano chiaramente,anche nelle loro forme presenti, qualche tracciadei cambiamenti iniziali propri dell'uomo. La pelle squamosasopra l'occhio parietale in questi animali si presenta traslucida, mentre nell'uomo primordiale era spinta in fuori, e formava uno strato trasparente sopra l'occhio parietale. II nervo pineale collegava l'occhio parietale alla materia cerebrale, alla ghiandola pineale propriamente detta e ai gangli dei nervi simpatici nella regione alta del collo.

La crescita e 10 sviluppo del sistema pineale nell'uomo primitivo provocarono, attraverso un effetto diretto trasmesso dal nervo pineale, il parasviluppo del sistema nervoso simpatico e, tramite questo, l' elaborazione degli occhi appaiati, i quali quindi si formarono pili tardi dell'occhio parietale. Con l'instaurarsi di questi ultimi, l'occhio parietale nell'uomo regredi: e alla fine scomparve.

Man mana che l' evoluzione umana si esprimera attraverso le Razze che seguiranno la nostra, le ghiandole endocrine del torace, della testa e del colla assumeranno un ruolo sempre piu importante nel controllo dellaformafisicadell'uomo (adattando e facendo regredire, crescere 0 atrofizzare molte delle sue parti). Le ghiandole endocrine al di sotto del diaframma avranno un 'influenza minore, eccezion fatta per quelle associate al chakra ana base della colonna vertebrale (ossia le surrenali). Gran parte degli effetti delle ghiandole si manifesteranno attraverso la loro azione sul sistema nervoso.

Con il progredire della sviluppo spirituale, l'intero corpo umano diventera neurotrofico in quasi tutte le sue parti, Si trasformera in un occhio, nel senso che Ia sua sensibilita a tuttii tipi diforze fisiche e non fisiche sara molto maggiore. I sensi si sovrapporranno. La coscienza normale included l'esolepsia, quella parte della coscienza che puo essere diretta verso l'interno per esaminare il mondo soggettivo, l'inconscio personale e quello collettivo di cui parlaJung, e i piani interiori descritti dalla teosofia.

Ghiandola endocrina Pineale

Ipofisi

Corpo carotideo Tiroide

Timo

Chakra relativo Testa Sopracciglia Alta Maggiore Gola

Cuore

Man mana che questi chakra si risveglieranno, alcune potenzialita nascoste delle ghiandole endocrine ad essi correlate si svilupperanno. Via via che i chakra si espanderanno, sovrapponendosi ed interagendo tra loro, le cellule (non solo

13

ANATOMIA ESOTERICA

quelle endocrine) di tutti i tessuti entro la loro orbita emetteranno secrezioni particolari, incoraggiando la crescita di alcuni nervi e la regressione di altri. Infine, mentre la sede della coscienza sara sempre pili localizzata nella regione della testa, la parte inferiore del tronco subira grandi alterazioni, diminuendo sia di dimensioni che di densita.

Cia ora il campo gravitazionale della Terra sta rapidamente diminuendo, mentre essa procede sull'arco ascendente. E tutte le forme "che sulla Terra dimorano", dai minerali all'uomo e oltre, stanno diventando pili sottili, meno dense, pili eteree. Le nostre escursioni su pianeti meno densi della Terra (ad esempio la Luna) ci ammoniscono sui profondi effetti morfologici prodotti dalla diminuzione della forza di gravi tao

Viviamo in un'Erain cui raggiungere i pianeti pili vicini e una realta possibile. L'Era a venire dovra confrontarsi con i problemi dell'esplorazione spaziale. Non ultimo tra questi sara I'effetto dell'assenza di gravita sul corpo fisico dell'Uomo, sulla sua natura emotiva e sul suo meccanismo pensante. Nonostante Ie esperienze di individui coraggiosi in vasche d'acqua, in cui potevano essere simulate le condizioni di assenza di peso, (1) nonostante gli altrettanto coraggiosi astronauti che hanno visitato un pianeta su cui la gravita e un quinto di quella terrestre, abbiamo comunque pochissime conoscenze sugli effetti a lungo termine dell'assenza di peso. Con la costruzione di enormi piattaforme spaziali e laboratori di ricerca e solo una questione di tempo prima che la scienza medica cominci ad intravedere la possibilita di trattare, per fare un esempio, l'artrite in condizioni di assenza di peso, condizioni in cui la mobilitazione delle articolazioni colpite potra cessare di essere un problema. Ci saranno comunque molte altre difficolta con cui confrontarsi.

Se gli insegnamenti della scienza esoterica hanno un valore, allora potremo aspettarci una serie di disturbi quando l'uomo si avventurera pili lontano nel Sistema Solare. Alcuni di questi saranno il risultato dell'assenza di peso; altri del superamento di quella straordinaria barriera che noi, studenti di scienza esoterica, chiamiamo Anello Invalicabile. (2)

L' Anello Invalicabile e una sfera di campi energetici che si compenetrano, associata alla coscienza di tutti gli uomini. E un insieme di differenti sfere - eterica, astrale e mentale, la pili estesa delle quali e la mentale. Questa sfera, il cui raggio i: determinato dallo stato spirituale dell'individuo, non deve essere confusa con l'UovoAurico.1l selvaggio con un'animagiovane avra un piccolo Anello Invalicabile, fondamentalmente composto di energie eteriche ed astrali, che si estende per

1) The Center of the Cyclone, del Dr. John Lilly.

2) L'Anello Invalicabile di un individuo puo non arrivare mai alla sua massima estensione. Egli puo vivere con i suoi tre campi di forza interpenetranti depressi e inespressi, strettamente confinati intorno a se da vari fattori del suo ambiente 0 della sua personalita. L'addestramento esoterico estende al massimo l'Anello Invalicabile. L'esplorazione spaziale fad 10 stesso, ma non sappiamo in che modo e fino ache pun to. Per questo saranno necessari I'aiuto e la guida di un Maestro di Saggezza.

14

ESTENSIONE DELL'ANELLO INVALICABILE

DISCIPLINE COME LA MEDITAZIONE ESTENDONO L'ANELLO INVALlCABILE

ANATOMIA ESOTERICA

poche miglia. Un uomo evoluto avra un Anello Invalicabile grande quanto il pianeta Terra, il che significa che nella sua coscienza mentale egli potra estendere la sua consapevolezza telepaticamente fino ad includere tutti gli abitanti del pianeta. Dal punto di vista emotivo, il suo Anello Invalicabile potra non arrivare oltre all'area che comprende la sua nazione. Gli iniziati di Terzo Grado normalmente abbracciano una regione sferica che include la Luna come parte delloro Anello Invalicabile. Durante Ie recenti spedizioni sulla Luna, alcuni si sono chiesti se trovandosi con il suo corpo fisico al di fuori del suo Anello Invalicabile, un astronauta avrebbe incontrato dei problemi 0 tratto dei benefici.

La natura non richiede che l'uomo alteri la sua forma e la sua struttura per adeguarsi alle varie condizioni di questi pianeti, essa ha un altro piano. La Saggezza delle Ere insegna che l'uomo e antico quanto l'universo stesso. Egli e, in effetti, un principio universale quanto 10 e la luce. Ma proprio come esiste la luce suI piano fisico con tutti i suoi colori e Ie altre sue qualita innate, esiste anche una luce che illumina il mondo astrale, ed esiste anche la gloriosa luce del piano buddhico. Analogamente, esistono manifestazioni dell'umanita a differenti livelli di densita e qualita.

II fatto che un pianeta abbia una massa molto superiore a quella della Terra, non significa necessariamente che gli uomini che vivono su di esso debbano possedere muscoli giganteschi per muoversi, ne ossa che ricordano i mostri preistorici. AI contrario, l'uomo di quel pianeta avra caratteristiche pili sottili, menD dense, pili eteriche. La forma rimarra la stessa, ma ogni centimetro cuba del suo corpo sara pili leggero del nostro. Egli avra menD massa da sostenere. Le sue ossa saranno conseguentemente meno calcificate. Difatto, potrebbe anche avere solo cartilagini al posto delle ossa. Su un pian eta di grande massa, un uomo alto un metro e ottan ta potra pesare soltanto venticinque chili, pur essendo perfettamente formato.

La vita umana sul pianeta Giove e ancora pili particolare. Gli uomini su Giove sono, rispetto ai nostri standard, di proporzioni enormi, alti forse pili di tre metri; essi sono il risultato del modo in cui l'archetipo dell'uomo, il principio umano, si e sviluppato sotto Ie condizioni prevalenti su tale pianeta. Giove ha proprieta singolari. Il suo diametro e di 143.000 Km, ossia pili di undici volte quello della Terra. Esso mota (all'equatore) a 45.000 Km all'ora, mentre il nostro pianeta ruota a 1.600 Km all'ora. Non c'e quindi da stupirsi che la vita umana su di esso sia differente, ma gueste differe.nze rimangono pur sempre nell 'ambito della matrice del Divino Archetipo Umano, che alcuni di noi chiamano Dio. Tutti gli uomini sono fatti ad immagine di Dio, ma possiedono enormi capacita di adattamento. Pertanto, gli uomini di Giove sono pili vecchi di noi, sia per l'eta che come origine. Essi sono pili grandi di noi. Sono pili progrediti. E sono relativamente pili leggeri. Eppure posseggono una forma essenzialmente umana.

16

VANELLO INV ALICABILE DELL' ADEPTO

ANATOMIA ESOTERICA

IL FONDAMENTO LOGICO DELL'ADATTABILITA

A parte Ie stelle ed i pianeti visibili, nel nostro universo esistono milioni di pianeti eterici che, sebbene invisibili, trasmettorio on de radio. Soltanto neI nostro sistema solare vi sono una sessantina di pianeti fatti di una sostanza molto sottile, sui quali esiste la vita. Su questi pianeti, le cui onde radio vengono registrate dal grande radio-telescopic diJodrelI Bank, esistono forme sottili di vita dotate di corpi eterici, simili a quelli umani fotografati dagli apparecchi radionici nei laboratori de la Warr di Oxford e osservati attraverso i filtri di Kilner. Le caratteristiche degli abitanti di un pianeta dipendono dalla struttura, dalle qualita e dal grado di sviluppo di quest'ultimo lungo la scala dell'evoluzione spirituale. Le forme umane extraterrestri, comunque, sono sempre in qualche modo simili a noi, e fra Ie altre cose, per esempio, sono sempre simmetriche.

N el1963 scrissi un saggio sulI' assenza di peso e Ie sue im plicazioni, al quale desidero ora aggiungere Ie osservazioni del Maestro Inglese.

II mio compito qui e quello di mettere in luce cio che le scienze eterne spiegano a proposito del problema dell'assenza di peso. In passato si vedevano manuali scientifici che illustravano gh effetti prodotti dalla maggiore gravita sugh ipotetici abitanti di un pianeta pili grande della Terra. Gli animali e gli uomini di tali pianeti venivano raffigurati con enormi muscoli e strutture ossee massicce destinate a compensare l'aumento della gravita. 0 vi si trovavano disegni di astronauti che compivano grandi balzi su pianeti con unaforzagravitazionale molto inferiore alla nostra. Da qui si e fatta strada l'idea generalmente accettata che la vita umana sugli altri pianeti del nostro sistema solare e praticamente impossibile, a causa dei valori estremi assunti dalla gravita e dalla temperatura, della mancanza di ossigeno, ece. Uno dei pianeti spesso citati a questo proposito e Giove: nessuno scienziato exoterico dei nostri giorni ha grandi speranze che su Giove possa esistere la vita.

Prima di parlare delle conseguenze dell'assenza di peso, facciamo una pausa per considerare il modo in cui gli antichi saggi vedevano l'universo. Essi ritenevano che 10 spazio ed il tempofossero illimitati. Non parlarono mai molto delleta della Terra (H.P.B. la stimo in circa 4.300 milioni di anni) , ma piuttosto dei suoi eicli di manifestazione, 0 manvantara, ai quali attribuivano una durata di migliaia di milioni di anni. La nostra Terra non e mai stata considerata un pianeta particolarmente importante nel grande schema della Vita. Infatti, illivello evolutivo raggiunto suI nostro pianeta e eonsiderato da questi antichi in qualche modo inferiore a quello medio della vita nell'in tero universo. E una grande presunzione della nostra era, pensare che noi Terrestri rappresentiamo la forma di vita pill evoluta dell 'universo. II sistema che certamente sostituira l'attuale visione copernican a, considered la nostra Terra ed il suo Sole come centri relativamente poco importanti all'interno di un vasto e vivente universo in continua crescita. Si trattera di una revisione altrettanto importante di quella che porto dal sistema tolemaico a quello

18

LA GH1ANDOLA PINEALE

copernicano. sara come se per anni fossimo stati ossessionati dal dito e dovessimo ora cercare la testa.

Esistono, secondo gli stessi Insegnamenti Tradizionali, milioni di pianeti in grade di sostenere la vita, rna non due di essi sono identici. Vi sono ampie differenze in termini di eta, densita, sviluppo interiore ed esteriore e qualita complessiva, non dissimili da quelle che esistono fra gli uomini.

Questi problemi appaiono complessi se non si impiegano tecniche occulte per studiarli. Se consideriamo il sistema solare come una grande entita cosmica, che possiede vari chakra all'interno della propria struttura, molti concetti divengono immediatamente pili chiari. Quello che esiste nel macro cosmo del Logos Solare si trova anche nel micro cosmo rappresentato dall'uomo. Le regioni che costituiscono il centro della testa del macrocosmo, sono correlate al centro della testa dell'uomo, e attraverso di esso, alla ghiandola pineale.

C' e un Fuoco centrale - indicato sempre nei miei scritti con il simbolo S - che collega tutto cio che esiste, e qualcosa della grandezza e della complessita di queste re1azioni e espresso nel disegno di Fay Pomerance a pagina 21.

Molti anni fa, durante un giro di conferenze sulle tecniche della proiezione astrale, espressi la mia preoccupazione per il fatto che gli astronauti si avventurassero nella spazio oltre quel confine della coscienza chiamato Anello Invalicabile. Tutte le entita - umane, planetarie e solari - hanno un Anello Invalicabile che marca il limite oltre il quale la loro coscienza non puo pili proiettarsi in modo sicuro, in quanto nascono grossi rise hi per I'integrita e la coordinazione dei corpi sottili. All' epoca di cui parlo, I 'uomo non aveva ancora messo piede sulla Luna. Sembrava comunque chiaro, che alcuni astronauti avrebbero oltrepassato quellimite, anche se esso varia molto da individuo ad individuo, in funzione del grade di sviluppo spirituale raggiunto, come espresso dall'apertura e dall'integrazione dei centri della testa.

Prevedevo che proie ttarsi 0 1 tre I' Anello In valicabile avre b be prodo tto dis turbi della personalita. Percio non mi sorprese venire a conoscenza del fatto, quando questo fu reso pubblico, che la maggior parte degli astronauti coinvolti nell'avventura statunitense sulla Luna, avevano manifestato seri disturbi della personalita dopo il loro ritorno, come alcolismo, crisi familiari, manie religiose, eccetera.

L'uomo medio ha un Anello Invalicabile che include l'intero pianeta, oltre ad una regione indefinita che va al di la di esso, e che in genere si estende fino ad 80.000 Km di altezza. Un Iniziato di Terzo Grado puo includere nel suo Anello Invalicabile l'intera orbita della Luna, e puo proiettarsi su questultima senza problemi, sia nel suo corpo fisico, che in quello astrale. Un Arhat, 0 Iniziato di Quarto Grado, puo raggiungere 10 stesso Sole, compreso i1 pianeta velato che si trova dietro la sua superficie, in cui si dice dimorino quei deva solari che una volta furono Maestri su vari pianeti. Un Iniziato di Quinto Grado, cioe un Maestro, puo proiettarsi in tutte le parti del sistema solare e oltre.

19

ANATOMIA ESOTERICA

II processo di dematerializzazione del pianeta e delle sue forme e estremamente len to, ma gia misurabile. Sara attraverso organi come la ghiandola pineale, insierne ad altri qui menzionati, che l'uomo si adattera a questi mutamenti ambientali, come e gia avvenuto durante le Ronde precedenti, su questo e su altri pianeti. Dopotutto 1 'uorno e I' essere pili adattabile che vi sia, cap ace di vivere in una forma o nell'altra-mentale, astrale, eterica 0 fisica-su ogni pianeta, purche abbia tempo sufficiente per riadattarsi. Se uomini del nostro pianeta dovranno vivere un giorno su qualche distante luna per lunghi periodi di tempo, cia sara possibile pili grazie all'uso di ormoni, che al trasporto di ossigeno e di congegni per compensare gli effetti dell'assenza di peso.

Le trasformazioni che si verificheranno nella forma dell'uomo si annunceranno prima nei figli pili avanzati dell'umanita. Le strutture che risiedono nel tronco cerebrale e nel meccanismo nervoso che si trova nel muscolo cardiaco, saranno le prime a essere influenzate, insieme ai tessuti nervosi ed endocrini, che si sviluppera11110 anch'essi molto. Di tali effetti si parlera pili avanti in questo libro.

Si dice che Ie due prime Razze Radici dell 'uomo fossero 'senza testa', 0ppure, 'senza mente'. La loro struttura era costituita, infatti, di sostanza sottile, cioe di materia eterica, astrale e mentale. La loro funzione comunque fu importante. Esse elaborarono una forma iniziale altamente plastica e malleabile, adatta a fondersi con le strutture pili integrate e organizzate, che venivano trasferite dalla Catena Lunare dai Manu della Razza. (~)

A queste prime strutture venne dato il peculiare nome di 'graticci', a causa della rete di filamenti che connettevano gli dementi della Triade Superiore (gli atomi permanenti di Atma-Buddhi-Manas) con quelli della triade inferiore. Questi 'graticci' svolsero due funzioni molto importanti, che resero possibile 10 sviluppo del Regno Umano COS1 corrr'e oggi. Essi erano di natura divina, nel sen so che contenevano tra i loro filamenti quella parte immortale che e la triade superiore, ed erano in grade di rispondere allo stimolo rnentale di esseri spirituali come i Manasaputra, 0 Signori della Fiamma che, grazie alla scintilla della loro divinita, producono nella mente una crescita che non conosce limiti. Inoltre, erano abbastanza malleabili da potersi foridere con i pili elevati prodotti dell' evoluzione che parallelamente procedeva sulla Terra, la quale, in proprio, non sarebbe potuta andare oltre 10 sviluppo di un efficiente sistema nervoso simpatico e di un piccolo rigonfiamento cerebrale, all'estrernita cefalica del midollo spinale.

3) Una descrizione elettagliata, e volutamente un po' criptica, elello sviluppo delle prime Razze Radici, si trova in L 'uomo, donde uiene e dove ua, eli C.W. Leaelbeater, cap. VI, Eelizioni B. 1. S.

20

IL MACRO COSMO DEL LOGOS SOLARE E RIFLESSO NELL'UOMO, IL MICROCOSMO

ANATOMIA ESOTERICA

I 'graticci' fornirono gli elementi necessari perche gli antropoidi uscissero dal vicolo cieco in cui si trovavano. Le loro menti potevano essere stimolate, e la loro fusione con forme terrestri appropriate apri la possibilita che si sviluppassero un cervello e un sistema nervoso centrale, tali da permettere un' adeguata espressione suI piano fisico delle loro facolta mentali in rapida crescita. II sistema nervoso simpatico degli antropoidi era gia in grado di operare sul piano fisico, rna non possedeva nessuna capacita di penetrazione nel mondo soggettivo, che includeva il continente iperboreo, 0 etereo, dove i 'graticci' erano maggiormente di casa.

La fusione di queste due correnti evolutive stimolo fortemente la crescita delle estremita cefaliche dei due sistemi nervosi in quello che, in questa fase, chiameremo l'uorno-animale. I gangli superiori del simpatico crebbero d'importanza, e il sistema pineale, un meccanismo atrofizzato proveniente da periodi molto remoti dell'evoluzione dei rettili e dei mammiferi, fu nuovamente attivato. Le secrezioni dell' area pineale (stimolate dall'adombramento dei 'graticci') agirono in modo neurotrofico sui neuroni del ganglio cervicale superiore. Molti di questi si estesero verso la ghiandola pineale, aumentandone Ie dimensioni. AlIo stesso tempo, favorirono la differenziazione dell' occhio parietale, che svolgeva compiti grossolani a Iivello fisico, (4) mettendolo in grado di 'vedere ' la luce soggettiva del mondo interiore, cosa che in qualcuno avviene ancor'oggi. Cia permetteva all'entita adombrante di man tenere Ia sua confortevole connessione con i piani interiori. Torneremo ancora su questo pun to nella sezione che si occupadella catenanervosa simpatica del torace.

4) C.W. Leadbeater ha seritto ehe l'oeehio parietale poteva registrare la presenza di ealore, in un'epoea in eui i vulcani rappresentavano un grosso peri colo per le forme terrestri.

22

MONADE E TRIADE SUPERIORE

UN GRATICCIO

ATOMO MANASICO PERMANENTE

EMBRIONE DI CORPO CAUSALE

ATOMI PERlvIANENTI DELLA TRIADE INFERIORE

Questo e il veicolo in cui le qualita eli un esemplare immaturo,

sono trasferite con altri cesti intrecciati ela una catena all'altra, 'a carichi'.

ANATOMIA ESOTERICA

Successivamente (stiamo parlando di milioni di anni), I'individualizzazione delI'uomo-animale, ottenuta attraverso l'applicazione del Fuoco extrasistemico ai centri della testa, da parte dei Signori della Fiamma, porto alla rapida crescita del prosencefalo. Quando la forma umanizzata comincio a usare questa struttura e le sue apperidici sensoriali, l'attenzione si sposto dal mondo soggettivo a quello esterno. Gli occhi, sempre piu focalizzati sulla luce del mondo oggettivo, agirono come inibitori dellaghiandola pineale, la quale regredi insieme all' occhio parietale, che scomparve del tutto, al pun to che oggi del sistema pineale rimangono solo Ie vestigia.

Nel periodo del suo massimo sviluppo, tuttavia, la ghiandola pineale, attraverso secrezioni ormonali (intensificate dagli stimoli che laluce soggettiva, 0 luce eterica, esercitava sull' occhio parietale), fu la responsabile principale delle trasformazioni nel metodo di riproduzione. Tali cambiamenti portarono l'uomo attraverso l'androginia e l' ermafroditismo alIa presente fase eterosessuale, accentuando l'uno 0 l'altro sesso, e aumentando cosi le capacita di influenza dei cromosomi X eY.

AIcune scoperte recenti sugli effetti della ghiandola pineale - a lungo creduta dormiente, anche quando H.P. Blavatsky e Cartesio ne indicavano la grande importanza - mostrano che un'intensa attivita di questa ghiandola (specialmente se esiste un tum ore, 0 pinealoma) produce alti livelli di norepinefrina, serotonina, melatonina, istamina, acetilcolina e degli acidi acetici 5-metossindole e 5- idrossindole, oltre a causare un elevato assorbimento della iodio 131, un'elevata peptidasi degli aminoacidi, e intense attivita succiniche della deidrogenasi. Basta aprire un moderno manuale di fisiologia per scoprire la profonda importanza di queste sostanze nel mantenimento delle funzioni dell'organismo.

La ghiandola pineale puo contare su di un forte irroramento da parte del sangue, cosa notevole, specialmente se si pensa che questa ghiandola viene considerata irrilevante dalla maggior parte dei medici. II flusso sanguigno attraverso di essa e enorme. Solo nei reni, a parita di peso, si riscontra un flusso maggiore. Bisogna ricordare che stiamo parlando di una ghiandola endocrina, che secerne i suoi ormoni (come tutte le altre ghiandole endocrine) direttamente nel sangue. Questa ghiandola e l' obiettivo primario delle forze che emergono dal chakra della testa, il quale rappresenta il principale fuoco d'attenzione nelle discipline del discepolato.

24

EFFETTI DEL PINEALOMA

Le secrezioni pineali agiscono sulla ghiandola pituitaria, e ne inibiscono la secrezione.

Nei ragazzi puo verificarsi precocita sessuale, e nelle ragazze si puo avere un ritardo del menarca.

ANATOMIA ESOTERICA

Nella meditazione, tali discipline raggiungono la 101'0 acme e la loro sintesi naturale, con il risveglio del centro della testa e la stimolazione della ghiandola pineale. Tradizionalmente si insegna che durante un lungo periodo di ritiro in meditazione, si dovrebbe seguire una dieta povera di sali. La ghiandola pineale, 0 la regione a essa adiacente, produce glomerulotrofina, che stimola la produzione di aldosterone da parte della corteccia surrenale. L'aldosterone causa la ritenzione nel corpo di acqua e sali. Quindi e necessario eliminare i sali dalla dieta durante la meditazione, per evitare di saturarsi d'acqua, come mostrano le abbondanti forme di molti yogi devoti, rna non illuminati!

II legame fisico tra la ghiandola pineale e le surrenali, non fa che conferrnare l'insegnamento esoterico secondo cui il chakra alla base della colonna vertebrale e correlato aIle surrenali, e allineato al chakra della testa, il quale agisce come suo alter ego. Le energie eteriche e altre pili sottili vengono trasferite, durante stati indotti in modo naturale 0 soprannaturale, dalla base della spina dorsale alla regione della ghiandola pineale.

Cen tro Sacrale

--->

Cen tro della Gola

Centro del Plesso Solare

--->

Centro del Cuore

Base della Colonna

--->

Centro della Testa

Nella meditazione, la pratica della visualizzazione, che inscena davanti all'occhio interiore il dramma dell'inconscio, stimola la ghiandola pineale. Uno degli effetti di questastimolazione e di inibire, attraverso l'ipotalamo, molte di quelle tendenze che rendono l'uomo schiavo del suo ambiente, dipendente dai luoghi, dalle cose e dalle persone.

Non governata dalle forze interiori, la fase antropoide deIl'evoluzione fisica sarebbe rimastaconfinataal Regno Animale e aquello Vegetale. L'alterazione delle ossa del cranio, e l'estensione della coscienza, non avrebbero sup erato illivello di quello che potrernmo definire un orango molto intelligente. Cia sarebbe accaduto malgrado l'irradiazione continua delle due correnti parallele superiori dell'evoluzione. Con il prolungarsi degli effetti dell'arco discendente della Quarta Ronda, tutti i tipi antropoidi, eccetto quelli pili sensibili e intelligenti, restarono bloccati in forme che si estinsero rapidamente, oppure degenerarono in alcune delle scimmie superiori che possiamo vedere an cora oggi, con crani pesanti, crestati, eccetera.

Eppure, circa 50 milioni di anni fa, Ie entita della seconda evoIuzione, mediana 0 parallela, cominciarono a materializzare intorno ai propri involucri astro-mentali, le vaghe sembianze di una forma eterica. Questo perrnise loro, sotto la direzione di un manu autorevole, di contattare gli elementi pili avanzati dellevoluzione fisica (antropoidi con il maggior contenuto cranico possibile, e 'umanizzati' dall'irradiazione delle correnti parallele) e di prenderne progressivamente il contro11o,

26

ATTIVITA DELLA GHIANDOLA PINEALE

1) L'azione della melatonina secreta dalla ghiandola pineale dei mammiferi causa 10 sbiancamento della pelle nelle rane (ma non negli esseri umani).

2) La luce fa diminuire il peso, l'RNA e le proteine della ghiandola pineale, e influenza l'estro nel ratto.

3) Stimola, inoltre, la produzione di aldosterone da parte della corteccia surrenale, causando ritenzione di sale e acqua.

ANATOMIA ESOTERICA

immergendosi in quelle forme grossolane e 'prive di mente'. Molte entita rifiutarona tale unione, e vennero tenute di riserva fino a unera posteriore, solo per essere poi forzate a fondersi con le forme ominidi ancora pili grossolane, prodotte dal1'arco discendente.

COS! si fusero alcune componenti delle due correnti inferiori dell'evoluzione: la mente con il 'privo di mente', la nobilta di sentimenti con I'affettivita primitiva, e persino la buddhi con la brutalita. II sacrificio da parte della corrente superiore fu immenso, e per lunghe ere questi esseri intrappolati, per trovare sollievo e guida, si rivolsero aIle regioni iperboree e raffinate da cui erano discesi per immergersi nella materia. Ma con il succedersi delle generazioni, il corpo divenne meno grossolano e le attivita men tali pili raffinate. Ci6 avvenne grazie all' influenza dei 'signori', 0 'ospiti', della corrente superiore.

Lo scopo della' caduta' era di insegnare all 'uomo a divenire 'oggettivo', ed infatti, questi 10 imparo fin troppo bene. Perse la memoria delle sue origini superiori, e fu ammaliato dall'esperienza di vivere in una struttura fisica dai sensi estremamente acuti. Vivere in un corpo fisico, che pure era solo un 'abito' per l'ospite interiore, divenne per l'uomo la preoccupazione principale. Maya venne confusa con la realta, anche se Ie qualita che il 'signore adombrante' aveva portato nella forma densa avevano certarnente fatto dirninuire la presa degli istinti, che fino ad allora erano stati dominanti. Fu COS1 che I 'uomo, sempre uomo, comincio in gran numero a usare i migliori prodotti della corrente evolutiva puramente terrestre.

L'uomo non e mai stato una scimmia, non pili di quanto l'uomo di Oggl sia I'impermeabile 0 il vestito che indossa. E l"anello mancante' non sara mai scoperto, perche non esiste. Ci6 che manca e la comprensione degli stati e delle dimensioni pill sottili del tempo e della spazio, in cui abbondano molte gerarchie di vita, simili a quelle descritte sopra. Gerarchie che di tanto in tanto si fondono in parte con la corrente evolutiva inferiore. COS) ad esempio, una di esse si e espressa in una corrente secondaria dell'evoluzione che ha portato, attraverso le erbe, il grano ed i cereali, ad a1cuni artropodi come i crostacei, Ie aragoste, i gamberi, eccetera.

Ma torniamo all'uomo, che attraverso questa fusione resto ancorato all'esistenza oggettiva, assumendo una forma fisica sul Globo D della Catena Terrestre. La 'fine dell'inizio' ebbe luogo circa 15 milioni di anni fa, quando grazie alla 'congiunzione' fortuita di alcuni globi interni, si rese disponibile ai Signori della Fiamma una riserva di Fuoco extrasistemico (un fuoco di carattere venusiano che origina da Sirio), che essi appJicarono aIle forme risultanti dalla fusione delle due evoluzioni inferiori. Questo atto di individualizzazione complete il processo eli 'appropriazione', e da allora in avanti, per un lunghissimo periodo, l'uomo dovette lottare da solo. Egli costrui per prima cosa una coscienza completamen te personalizzata, orientata verso la soddisfazione dell'equipaggiamento sensoriale recentemente acquisito, e verso il.dominio del pianeta attraverso il suo monitor, il cervello umanoide.

28

La fusione della corrente evolutiva 'adombrantc' e di quella darwiniana, La prima ha prodotto forme progressivarnente pili. dense, mentre la seconda opera suI piano fisico secondo i principi evoluzionistici, come quello della sopravvivenza del pili. adatto.

ANATOMIA ESOTERICA

Nella misura in cui 1 'uomo acquisiva individualita ed oggettivita, la sua dipendenza dagli istinti provenienti dall'inconscio inferiore diminuiva, rna diminuiva anche la sua capacita di essere diretto dall'inconscio superiore. Questo restava pur sempre la sua casa spirituale, rna egli presto perse la capacita di accedervi consciamente. Immergersi completamente nel mondo oggettivo, e imparare di conseguenza la natura e Ie lusinghe del desiderio, in quella fase era per lui 'salutare ', e rispondeva al proposito evolutivo.

II suo compito, all'inizio, era quello di scoprire ed imparare ad utilizzare, in tutta la sua infinita diversita e potenzialita, il veicolo fisico di cui si era impossessato. Le prime Razze dell'uomo nella Quarta Ronda erano state eteriche, espressioni della seconda corrente evolutiva. Ma nella terza sottorazza della Terza Razza Radice, la fusione diretta con forme della corrente evolutiva inferiore mise a disposizione dell'uomo un corpo fisico, che senza tale fusione avrebbe richiesto forse un altro miliardo di anni per la sua materializzazione.

A quell' epoca, e a livelli pili sottili, l'uomo era ermafrodito, dopo essere stato androgino. All'inizio furono occupate solo Ie forme femminili degli antropoidi terrestri, poiche i maschi erano totalmente refrattari agli elementi dell'evoluzione soggettiva e spirituale. I figli maschi di queste prime forme adombrate furono pili ricettivi e ospitali verso i loro 'signori', e COS1 un ' evoluzione ermafrodita, soggettiva e pili spirituale si avvio verso la bisessualita, e in seguito verso l' eterosessualita. Tuttavia, a causa di queste 'complicazioni', molte razze umane primitive si estinsero rapidamente, e fu solo dopo qualche milione di anni che riusci a stabilirsi una forma veramente umana, stabile e resistente, eterosessuale e con un enorme potenziale cerebrale.

Molte caratteristiche fisiche degli antropoidi scomparvero, e si svilupparono una nuova bellezza e una nuova simmetria, che meglio riflettevano la corren te evolutiva interiore. Circa otto milioni di anni fa, fecero la lora comparsa Ie prime forme umane in possesso di un corpo astrale integrato. Fu necessaria l'intera civilta di Atlantide, e Ie sue pili importanti colonie, per fornire Ie condizioni adatte al monumentale sviluppo del meccanismo emotivo nell'uomo.

I1 paragone tra la ghiandola pineale e la pigna, menzionato in precedenza, ora che abbiamo investigato Ie vere origini dell 'uomo puo essere ulteriormente sviluppato. Proprio come un incendio in un bosco contribuisce al difforidersi dei semi della pigna, accelerando in tal modo il ripopolamento della foresta, COS1 il Fuoco spirituale, agendo sulla ghiandola pineale e sui tessuti ad essa adiacenti (come il Plesso Coroideo) produsse l'inseminazione di altri siti del corpo, nei quali sarebbe cresciuta una nuova foresta: la giungla che avrebbe circondato i chakra dell'uomo nuovo.

La Teosofia ha sempre asserito che le scimmie antropoidi hanno una speciale relazione con l'uomo. All'inizio della sua storia, rna molto dopo gli eventi che

30

IA GHIANDOIA PINEALE

portarono aUo sviluppo spirituale dell'uomo a partire dagli ominidi prirnitivi, parecchie tribu della Terza Razza Radice, e perfino alcune della Quarta, si accoppiarono ed incrociarono con antropoidi puramente animali, che non erano mai stati individualizzati. II risultato eli questo incrocio fu la nascita delle forme altamente intelligenti e quasi umane di alcune scimmie odierne, che a volte arrivano negii zoo e persino nei laboratori di ricerca.

Ci sono molte caratteristiche che permettono di identificare in queste scimmie altamente sviluppate un'origine 'umaria'. Mentre i gatti, gli agnelli e tutti gli altri animali, reagiscono a uno specchio considerando l'immagine riflessa come un 'entita separata, Ie scimmie antropoidi e gli esseri umani identificano imrnediatamen- . te l'immagine nella specchio come Ia propria (eccezion fatta per i bambini aI di sotto dei venti mesi eli eta). Se una scimmia posta davanti a uno specchio vede una protuberanza, per esempio una verruca, sulla propria immagine, tocchera tale protuberanza direttamente sulla faccia, senza esaminarla sullo specchio.

Nel suo nuovo libro, The APe's Rejlection(5), Aelrien Desmond, storico della scienza, fa rilevare che solo da trent'anni e stato appurato che soltanto le grandi scimmie e l'uomo possiedono un'immagine di se stessi chiaramente stabilita. Le creature pili primitive semplicemente non si riconoscono allo specchio. Non riescono a comprendere i principi della riflessione. Se una scimmia non antropoide vede del cibo nella specchio, cerchera di prenelerlo aUungando le mani verso 10 specchio. Ma se la stessa immagine viene mostrata a una scimmia antropoide, essa cerchera il cibo dietro di se, facendosi guidare dallo specchio. Non c'e dubbio che non si tratta tanto di una limitazione visiva delle scimmienon antropoidi, quanto di una limitazione mentale. "In termini evolutivi, le scimmie antropoidi sembrano avere pili cose in comune con l'uomo di quante ne abbiano con le altre scimmie." Questa e esattamente la tesi delle scienze esoteriche, per le ragioni illustrate sopra.

Le scimmie antropoidi imparano a 'pescare' dai genitori, mentre i babbuini, che possono osservarle pescare per anni, non imparano mai a sufficienza la tecnica per poterla impiegare a proprio beneficio. In cattivita, le grandi scimmie hanno mostrato eli essere capaci di selezionare e raggruppare specifici oggetti da un unico mucchio costituito, ad esempio, da noci, viti, bulloni e chiavi.

La famiglia Gardner adotto uno scimpanze di nome Viki fin dalla prima infanzia, rna il tentativo di insegnargli a parlare falli, principalmente per il fatto che le scimmie mancano di corde vocali. I Gardner mostrarono che le scimmie possono parlare per mezzo di un linguaggio a segni, e possono imparare le nozioni di giusto e sbagliato.

5) Blond & Briggs.

31

ANATOMIA ESOTERICA

Koko, una fernmina di gorilla di sette anni, affidata a Penny Patterson della Stanford University, in California, ha imparato 375 parole. Ama andare in macchina, usa una macchina fotografica e sa digitare numeri di telefono, emozionandosi quando sente una voce umana dall'altra parte. Altri gorilla adottati mostrano di am are la televisione, fino al pun to di scegliere i programmi che preferiscono. Essi mostrano anche preferenze per diversi tipi di cibo, e sono persino capaci di rimandare il momenta del pasto, in considerazione di compiti di maggiore importanza che vengono lora assegnati.

Un altro fattore che lega l'uomo aIle grandi scimmie e la straordinaria somiglianza genetica. Dei bio-ingegneri californiani sono riusciti a combinare un filamento di DNA umano con uno di scimpanze. Dallo stesso gruppo viene la scoperta che la struttura proteica e il materiale genetico dell'uomo sono praticamente identici a quelli della scimpanze, con una differenza appena dell'l,l %.

Gli scimpanze sono capaci di usare strumenti, portandoli con se per una distanza anche di mezzo miglio, il che significa che sono in grado di programmare Ie 101'0 azioni. Per esempio, un bastone e 10 strumento ideale da infilare in un termitaio. Basta tirarlo fuori ed e pieno di termiti, che 10 scimpanze considera una raffinata leccornia. «»

6) Ibidem.

32

IL TERZO OCCHIO

L'argomento del terzo occhio divenne nota alivello internazionale probabilmente a causa di urr'opera letteraria degli anni cinquanta. Tutti ricorderanno, il famoso libro di Lobsang Rampa intitolato Il Terzo Occhio, che all'epoca provoco numerosi commenti. II contenuto dellibro elettrizzo non soltanto gli esoteristi, rna anche persone non interessate alle scienze esoteriche. Molti, di fatto, pensarono che il libro fosse l'opera genuina di un Lama tibetano.

Il libro racconta la storia di un bambino tibetano di alto rango, che entrato in una larnasseria viene sottoposto a una serie di test e di prove preliminari all'apertura del terzo occhio. Dopo molte peripezie, l' esperienza culmina con l'inserimento nel suo cervello di un punteruolo di legno (affilato e bruciacchiato con la fiamma di una candela fino a essere completamente annerito). Quando il punteruolo viene estratto dal cervello, dopo esservi rimasto per alcuni giomi, il ragazzo si scopre chiaroveggente. Puo vedere I'aura, predire eventi futuri, e possiede una grande conoscenza intuitiva della natura umana.

Mentre tutto questo trasformava illibro in uno dei maggiori best seller dell' epoca, un detective inglese indagava sul signor Lobsang Rampa. Fece molto scalpore la rivelazione che questi non era che un idraulico, di nome Cyril Hoskins. Piovvero molte critiche, rna Hoskins continuo a sostenere che il contenuto della sua storia era autentico. Tuttavia, la campagna di stampa denigratoria 10 indusse a trasferirsi in Canada con la moglie, un'infermiera diplomata. Se non ricordo male si stabili nella zona di Calgary. Li scrisse vari libri che rappresentavano la continuazione del primo, rna nessuno di essi, secondo me, riusci a uguagliare Il Terzo Occhio.

Cio che qui ci chiediamo e: "Cos' e questo terzo occhio?" Non e una domanda a cui sia facile rispondere, per un problema di nomenclatura, pili che per mancata conoscenza dei fatti. In Occidente abbiamo ben poche parole adatte a descrivere la natura del terzo occhio, ed in grado di chiarire se si tratti di una struttura fisica, di un simbolo spirituale, 0 di qualcos'altro ancora. Gli Egiziani 10 chiamavano l"Occhio del Toro'. Nei misteri greci e romani, ci si riferisce a esso come al rigonfiamento sul bastone del caduceo portato da Mercurio, 0 Ermes, che era il messaggero degli dei. Nei baccanali romani, il piccolo Bacco gioca con una pigna e uno specchio. Lo specchio rappresenta il piano astrale, e la pigna rappresenta la ghiandola pineale, che si diceva avesse la forma appunto di una pigna.

Nel Nuovo Testamento, il terzo occhio e l' organo della visione interiore a cui Cesu si riferisce con le parole: "Se avrai un occhio singolo, tutto il tuo corpo si riernpira di luce". Nel misticismo inglese, e il como dell'unicorno: 10 strumento 0 la lama affilata di un mitologico cavallo bianco, che si diceva avesse ucciso illeone della personalita. L'unicorno e il simbolo dell' anima, e illeone con cui esso combatte

33

ANATOMlA ESOTERICA

rappresenta la personalita, Sempre nel misticismo inglese, e credo anche nella Bibbia, ci si riferisce al terzo occhio come a una coppa scintillante. Nel misticismo inglese, inoltre, esso e il Santo Graal delle leggende del ciclo di Re Artu e dei cavalieri dalla lucente armatura, simbolo della purificazione esteriore. I cavalieri dalla lucente armatura cercano il San to Graal, 0 l' occhio della percezione spirituaIe, che Ii metta in grado di vedere ogni cosa.

Noi, naturalmente, abbiamo il nostro punto di vista esoterico su questo argomento. Negli insegnamenti esoterici, l'obbiettivo ultimo di tutte Ie discipline e sempre l'apertura del terzo occhio. Queste, (per esempio, la temperanza, l'astinenza, la meditazione ed il distacco), sono dirette al riconoscimento del terzo occhio, e preparano il discepolo, 0 il futuro iniziato, alla sua apertura. Ci viene detto che quando l'organo della visione interiore e funzionante, l'individuo e trasformato in un essere superiore, entra, cioe, a far parte del Quinto Regno della natura, del Regno dei Santi 0 dell'Anima.

Ora nasce la domanda: "Si tratta di un organo fisico?" Quando si esaminano gli animali edil ruolo che essi hannonell'evoluzione, si trovaevidenza, in alcunidi essi, di un terzo occhio, presente come organo fisico concreto. Questo organo e un corpo pigmentato, detto corpo pineale, ed e un'evaginazione del cervello. Anatomicamente, gli animali primitivi possono essere paragonati ad un tubo, con urr'estremita cieca. In alcune aree, questo tubo si rigonfia per ospitare Ie diverse parti del cervello. La parte an teriore del tubo si rigonfia per generare il pro en cefalo, quella adiacente per generare il rombencefalo. Negli animali primitivi (rna anche nell'uomo) fra proencefalo e rombencefalo si sviluppa un'evaginazione, che chiamiamo ghiandola 0 corpo pineale.

La ghiandola pineale, che e un rigonfiamento di una parte del cervello, non e presente in tutti gli animali. Quando e presente, essa assume la forma di un occhio primitivo. Infatti contiene delle cellule pigmentate, capaci di reagire alla Iuce. Cia, per esempio, awiene nella lampreda, ed anche nella lucertola tuatalla, della Nuova Zelanda. Raschiando via la superfice cornea del cranio della lucertola tuatalla, e facile osservare la presenza di questa ghiandola pigmentata. Nelle rane, il corpo pineale secerne un ormone che influenza la colorazione della pelle, che puo diven tare pili chiara 0 pili scura, secondo I' azione della Iuce sulla ghiandola stessa.

Quindi, nell'anatomia primitiva possiamo trovare evidenza che il corpo pineaIe funziona come un occhio rudimentale. Successivamen te vedremo cosa gli insegnamenti esoterici hanno da dire a proposito di questa ghiandola.

Certamente la mitologia ci parla dell"occhio mediano', presente in antichi esseri umani, giganti che avevano un solo occhio al centro della fronte. Ci sono anche indicazioni che i primi tipi umani, secondo alcuni miti, possedevano un occhio in pili, oltre ai due normali, posto nella fronte, 0 nella parte posteriore del cranio.

Quando consideriamo l'anatomia del cranio umano, troviamo che esso ha subito notevoli trasformazioni, rispetto al tubo primitivo descritto sopra. Riscontriamo

34

IL TERZO OCCHIO

che il rigonfiamento nella parte anteriore del tubo e cresciuto enormemente, forman do i tessuti che costituiscono gli emisferi cerebrali. I due lobi di questi emisferi occupano la maggior parte del volume del cranio. Anche il rombencefalo e cresciuto, rna non nella stessa misura. 11 proencefalo e negli esseri umani la sede della coscienza e delle funzioni superiori, quali Ia memoria ed il carattere, mentre il rombencefalo, che non possiede coscienza, agisce come coordinatore dei movimenti, ed e alla base dell'equilibrio. Anche nell'uomo, posta fra il grande pro en cefalo, ed il piccolo rombencefalo, troviamo la ghiandola pineale.

La parte vuota, al centro del tubo, ancora presente nell'uomo, costituisce i ventricoli cerebrali. Questi giungono fino alla colonna vertebrale, e contengono il fluido cerebrospinale, che circola nel sistema nervoso. La ghiandola pineale e un evaginazione (una sacca, un'escrescenza) dei ventricoli. Inoltre, alla base del terzo ventricolo, in corrispondenza del palato molle, troviamo la ghiandola pituitaria, anch'essa molto importante. Abbiamo, cosi, identificato anatomicamente, m maniera descrittiva, la posizione della ghiandola pineale nell'essere umano.

Per molti anni la scienza esoterica, H. P. Blavatsky, il Buddismo Esoterico, ed altri, hanno affermato che la ghiandola pineale e una ghiandola endocrina. Mentre solo recentemente la scienza ufficiale, specialmente grazie alle ric ere he svolte all'Universita di Minnesota, ha potuto accertare che questa ghiandola secerne ormoni, il che e caratteristico delle ghiandole endocrine. Gli ormoni sono messaggeri chimici, che agiscono a distanza sui tessuti, producendo cambiamenti nella loro struttura, e talvolta, nelle loro funzioni. N el caso della ghiandola pineale, la scienza afferma che una della sue funzioni, e non tutte sono conosciute, e quella di govern are il processo di maturazione sessuale degli esseri urn ani, cioe 10 sviluppo degli organi e delle funzioni sessuali.

Se la ghiandola pineale e invasa dal cancro (pinealoma), possono indursi grosse distorsioni nel suo funzionamento. Un bambino affetto da pinealoma mostrasegni di precocita sessuale, con uno sviluppo precoce degli organi sessuali, che gia a sette o otto anni, assumono l'aspetto adulto. Anche la distribuzione dei peli diventa quella di un adulto.

Inoltre, la ghiandola pineale ha la funzione di regolare l'orologio interno dell'organismo, governando i vari ritmi del corpo. Uno dei ritmi che puo essere profondamente influenzato, e il cicIo mestruale delle donne. In questo cicIo la temperatura corporea sale (la donna va 'in calore', per cosi dire), e questo coincide con la preparazione dell' endometrio, a ricevere l'uovo fertilizzato.

Di grande interesse per le persone esotericamente orientate e il fatto che i ritmi giocano un importante ruolo nelle discipline esoteriche. La preparazione per diven tare discepoli richiede la comprensione dei ritmi. Esteriormente, da un punto di vista ortodosso 0 exoterico, siamo interessati ai ritmi circadiani, che collegano Ie funzioni degli organi al giorno ed alla notte. Di notte alcuni organi cadono in una condizione di semiattivita, mentre altri organi, come il sistema nervoso parasimpatico,

35

ANATOMlA ESOTERlCA

vengono stimolati ed attivati. La ghiandola pineale influenza il nostro ritmo circadiano, iI nostro adattamento al giorno ed alla notte.

Questo meccanismo puo essere facilmente messo in crisi se estendiamo la nostra giornata, 0 alteriamo I 'inizio della notte, come accade soprattutto nei Iunghi viaggi in aereo. Attraversare l'Oceano Atlantico altera il ritmo circadiano, e c'e bisogno di un paio di giorni perche questo venga ristabilito. Questo fenomeno e conosciuto come 'jet lag', e mostra la necessita di adattamento quando subentrano modifiche nel ritmo circadiano.

La ghiandola pineale fa sentire i suoi effetti anche sui reni, facendo in modo che ritengano il sale, mentre, di solito l'eliminano quasi completamente.

Questi sono a1cuni degli effetti conosciuti, che questa ghiandola ha sul corpo umano. Le dottrine esoteriche sostengono che ve ne sono molti altri, di cui la scienza ufficiale conosce ben poco. Uno di questi cosiddetti effetti occulti, 0 nascosti, e quello che, quando la ghiandola pineale viene stimolata grazie alla meditazione, Ie suture della volta del cranio rimangono aperte.

Le ossa dell'uomo, eccetto quelle del cranio, tendono ad ossificarsi dopo i ventuno o i ventidue anni di eta. Le ossa del cranio non si ossificano e non si chiudono completamente, fino all'eta di sessant'anni, 0 anche piu. It una tesi esoterica che questo fatto permetta al cervello di un discepolo, (di una persona spiritualmente avanzata), di cambiare forma. Inoltre, le scienze esoteriche affermano che grazie alIa meditazione, i tessuti del cervello continuano a crescere, e nuove aree, altamente responsive alle influenze spirituali 0 soggettive vengono generate. Questo e possibile grazie al fatto che la ghiandola pineale permette alle suture del cranio di rimanere aperte, in modo che il cervello possa cambiare forma. Questa e una delle molte funzioni esoteriche di questa ghiandola, che verranno scoperte nei secoli a venire.

Adesso ci adden treremo un po' pili approfonditamente negli insegnamenti esoterici sulla ghiandola pineale. Alcuni credono che la ghiandola pituitaria sia il terzo occhio, e che rappresenti un aspetto importante dell'organo della visione interioreo Questo e in parte vero, rna la ghiandola pineale (fra gli organi che influenzano in qualche modo l'apertura del terzo occhio), possiede una rilevanza maggiore. It adesso importante considerare leta dell'uomo.

Gli insegnamenti esoterici affermano che 10 sviluppo dell 'uomo, sia a livello fisico, che a livello dei corpi sottili, non e completo. Di fatto, da un punto di vista spirituale, l'uomo e solamente un embrione: un embrione spirituale, a mala pena formato. Quanto pili andiamo verso l'interno dell'uomo, dal corpo fisico, verso i suoi corpi pili sottili, tanto pili egli e embrionico, tanto meno e formato e tanto meno e completo dal pun to di vista spirituale. L'uomo ha raggiunto una certa simmetria, dal pun to di vista del suo corpo fisico, rna dal punto di vista spirituale e un essere incompiuto.

36

IL TERZO OCCHIO

L' eta dell'uomo e immensa, anche se consideriamo solo il periodo in cui la sua evoluzione e avvenuta nei sistemi planetari del sistema solare. A livello non fisico, a livello sottile, l'uomo possiede degli strumenti di espressione da quattro 0 cinque miliardi di anni. L'uomo e il prodotto di due linee evolutive confluenti. La prima di queste e quella a cui abbiamo appena accennato, e risale a circa quattro miliardi di anni fa.

Questa enfatizzo il processo di concretizzazione, il processo grazie al quale l'uomo materializzo prima un corpo mentale, poi un corpo astrale, 0 emotivo, successivamente un corpo eterico, e solo alla fine un veicolo fisico. L'altra corrente evolutiva, gemella della prima, ha avuto luogo sulla terra, ed e descritta dai concetti darwiniani generalmen te accettati, come l' origine delle specie, la sopravvivenza del pili adatto ecc ....

Intendiamo dire che, lentamente, rna in periodi di tempo relativarnente sempre pili brevi, (il che involve i concetti occulti di Ronde e Catene), l'uomo e stato forgiato attraverso un processo di sviluppo. Questo e cominciato con il Regno Minerale; sulla superficie di questo nacque il Regno Vegetale; per concentrazione fu generato il Regno Animale; e da questo emerse una corrente di ominidi (forme quasi umane), che raggiunsero 10 stadio antropoide, e che svilupparono unagrossa area cerebrale. Gli ominidi non erano ancora uomini, rna la loro forma si avvicinava a quella umana.

Infine, circa venticinque milioni di anni fa, le due correnti evolutive confluirono. Alcuni di questi ominidi, quelli il cui proencefalo era pili sviluppato, furono adombrati, interpenetrati dalle pili sottili forme provenienti dalla prima corrente evolutiva, quella materializzatrice. Alcune strutture anatomiche di questi ominidi, come la ghiandola pineale, la ghiandoia pituitaria, la volta cranica, le ossa facciali e Ie clavicoIe, furono tremendamente alterate da questa corrente evolutiva adombrante.

Le forme eteriche, prodotte dall' evoluzione sui piani interiori, si fusero con le strutture fisiche degli ominidi, prodotte dalIa molto pili rapida evoluzione darwiniana. Fu a causa di questa fusione che Ie strutture pineali (che noi consideriamo la base fisica del terzo occhio) si modificarono enormemente.

L'impatto della fusione delle due correnti evolutive fu esplosivo, in termini di umanizzazione delle forme antropoidi.John E. Pfeiffer'!' sostiene che alIa base di questa umanizzazione vi furono fattori dietetici. Le scienze esoteriche ritengono che molto pili importante fu il fattore clell"adombramento'.

L'evoluzionista George Gaylord Simpson di Harvard ha studiato e descritto il fenomeno dell"evoluzione quantistica'. Si tratta di urr'esplosione evolutiva degli antenati dell'uomo, esplosione in senso relativo. Simpson riconosce che "e necessaria una considerevole immaginazione per concepire un' esplosione

1) The Emergence of Man (Nelson).

37

ANATOMIA ESOTERICA

che non fa rum ore e che dura per svariati milioni di anni". Un processo di tale durata puo essere considerato rapido solo alla scala dei miliardi di anni. (Anche gli astronomi, per esempio, parlano in termini simili, descrivendo la collisione delle galassie).

Un esempio di evoluzione quantistica e avvenuto fra i cavalli circa venticinque milioni di anni fa. I cavalli si erano nutriti a lungo di foglie morbide e succose, facili da masticare, rna la loro sopravvivenzafu minacciata quando la superfice delle foreste diminui, e rimasero solo foglie dure e secche. Molte specie non riuscirono ad adattarsi aIle nuove condizioni, perche i loro denti erano troppo corti e si consumavano gia nella prima giovinezza. Solo le specie con i denti pili lunghi riuscirono a sopravvivere. In queste i denti si modificarono, per assumere una forma pili adatta a triturare, ed anche 10 smalto divento pili duro. Questi cambiamenti furono estremamente rapidi in termini evolutivi, richiedendo 'soltanto' otto 0 dieci milioni di anni.

I cambiamenti che avvennero fra gli uomini scimmia ed i 101'0 discendenti furono molto pili estesi e richiesero molto meno tempo. Questi furono coinvolti in un rapidissimo processo di evoluzione quantistica, che comporto un aumento delle dimensioni del cervello senza precedenti. La capacita cranica dell'Australopiteco variava dai 435 ai 600 centimetri cubici, con una mediadi circa500. La capacita cranica dell'Homo Erectus, che include l'uomo di Giava, l'uomo di Pechino ed altri esemplari recenternente scoperti, variava dai 775 ai 1.300 centimetri cubici, con una media di 975. La parte superiore di questa gamma si sovrappone a quella dell 'uomo moderno. Questo significa che alcuni membri dell 'Homo Erectus avevano dei cervelli pili grandi di quelli di molti uomini contemporanei. Le dimensioni del cervello raddoppiarono in circa due milioni di anni. (2)

SCIMPANZE 393,8 c.c.

AUSTRALOPITECO 507,9 C.c.

HOMO ERECTUS 973,7 c.c.

Capacita craniali medie, indicanti quasi il raddoppiamento delle dimensioni del cervello dallo Scimpanze all'Homo Erectus.

2) Ibid. pp. 104-105.

38

IL TERZO OCCHIO

Nelle primissime forme umane, quando le entita entrostanti presero possesso degli ominidi specializzati, la conformazione della testa (l) si modifico tremendamente. Dal momento che la volta del cranio era ancora aperta (Ie suture non erano an cora chiuse ed ossificate), il cranio si allungo. Divenne piu 0 rneno aero cefalo, cioe assunse una forma oblunga, come e an cora possibile osservare in certe razze primitive, quali i Bantu e Ie razze negre dell'America Meridionale. Questo avviene anche nei bambini appena nati, dopo che sono passati attraverso un canale del parto troppo stretto. Anche in questo caso si ha l'effetto di un cranio oblungo, (acrocefalo) a causa del moclellamen to delle ossa craniche da parte del canale del parto.

Gli uomini possedevano un cranio di tale tipo, nel quale era presente un occhio parietale. Questo pote svilupparsi a causa della mancata chi usura delle ossa craniche, che genero il forame parietale, 0 forame posteriore, il quale si riscontra, talvolta, nel cranio dei neonati. 11 forame anteriore e sempre presente in tutti i neonati, nel punto in cui le suture non sono an cora chiuse, mentre quello posteriore, come detto, e presente solo in alcuni, e si chiude solo successivamente. L'occhio parietale si sviluppo in questo forame posteriore, negli uomini primitivi, appartenenti alla Terza Razza Madre, 0 Razza Lemure. Quindi, l'occhio parietale era an cora funzionante nei tipi pill primitivi della Terza e Quarta Sottorazza della Razza Madre Lemure.

In alcuni degli animali primitivi menzionati prima, la ghiandola pineale si presenta come un organo doppio. Una parte di essa costituisce l'occhio parietale, mentre uri'altra parte funziona da ghiandoia endocrina. L'occhio parietale, nel quale termina il nervo parietale, in alcuni animali primitivi si trova alla sornmita della testa, proprio al di sotto del punto in cui il cranio si assottiglia. L'assottigliamento rende il cranio traslucido. Sotto questa zona e posto l'occhio parietale, parte del complesso pineale. La ghiandola stessa giace piu in profondita, nella posizione descritta prima.

L' occhio parietale funzionava pill come rilevatore di calore, che come rilevatore eli luce. Aquell'epoca, sulla superficie della terra vi era un gran numero di vulcani. Di fatto, essi si trovavano dovunque, ed era molto importante per gli uomini primitivi, (gli ominidi adombrati dalle entita provenienti dalla prima corrente evolutiva), essere in grado di percepire le fonti di calore. Secondo C. W. Leadbeater, il teosofo chiaroveggente, e Annie Besant, l'occhio parietale serviva a rilevare il calore dei vulcani. Grazie ad esso, gli uomini primitivi potevano tenersi lontani dalle aree pericolose del pianeta. Aveva anche, in parte, la funzione di organo visivo, rna dobbiamo ricordare che quelli erano tempi di grandi nebbie. Tutta la superficie della terra era coperta da nubi e da vapori caldi, COS! che la luce come la conosciamo oggi, era un raro fenomeno.

Quindi, riscontriamo nel complesso pineale un dualismo. II primo aspetto di questo dualismo era costituito dall'occhio parietale, ed il secondo dall'epifisi. L' occhio si trovava in corrispondenza del forame posteriore del cranio, ed era

39

ANATOMIA ESOTERlCA

UNITA INDIFFERENZIATA

SPIRITO

UNITA INDIVIDUALIZZATA

7

6

3

PUNTO DI EQUILIBRlO DEL CONFLITTO

5

4

Linea di passaggio dalla

VI Souorazza alia V11 Sonorazza della V Razzu Radice

ARCO DISCENDENTE

MATERIA

ARCO ASCENDENTE

I SETTE STADI DEL COINVOLGIMENTO CON LA MATERIA

collegato, attraverso il nervo parietale, al mesencefalo, La ghiandola pineale vera e propria era posta pili profondamente nel cranio, fra il mesencefalo e il rombencefalo. Questa parte pineale del complesso diven to una ghiandola endocrina, quella parte che ancora oggi, contenendo delle cellule pigmentate sensibili, rappresenta cia che rimane dell' originario occhio parietale.

Abbiamo COS1 dato un breve sommario degli insegnamenti dell'Antica Saggezza sulla natura della ghiandola pineale.

Dobbiamo ricordare che i primi uomini sul pian eta, subirono profonde trasforrnazioni morfologiche e funzionali. E trasformazioni ancora pili profonde attendono l'uomo nell'arco ascendente della sua evoluzione spirituale, che avra luogo in futuro. Negli uomini pili primitivi, alcune delle ossa dello scheletro (come avviene an cora oggi), erano costituite da membrane. Queste ossa sono molto diverse da quelle costituite da cartilagine (come Ie ossa lunghe degli arti).

Le ossa membranose del corpo sono le clavicole, aIle quali ci si riferisce come alle Chiavi di Re Salomone. Queste sono considerate sacre, ed hanno la forma dei due bracci di una svastica. Incrociate, formano l'antico simbolo della svastica, usato dagli occultisti per migliaia di anni, prima di essere adottato all'inverso dai nazisti, per Ia loro insegna. I due bracci della svastica rappresentano sia Ie anticbe chiavi romane, che Ie clavicole dell'uomo.

La mascella umana e formata da cartilagine, ed e fondamentalmente di origine animale. Deriva dalla corrente evolutiva darwiniana, se volete. II viso dell'uomo, invece, e di origine divina. Esso deriva dalla prima corrente evolutiva, che e molto, molto pili antica dello stesso sistema solare. Le ossa del viso sono formate da membrane, COS1 come la volta cranica. E nella parte membranosa delle ossa

40

IL TERZO OCCHIO

dell'uomo, che avverranno in futuro i principali cambiamenti, nel suo sviluppo a livello fisico.

II corpo fisico dell'uomo non e ancora completo, non ha, cioe, ancora assunto 1a sua forma definitiva. L'antropologia afferma che il processo della sviluppo fisico termino ventimila anni fa. Noi neghiamo questo. Afferrniamo che il corpo dell'uomo subira ancora numerosi cambiamenti. Peresempio, in buona misura, gli arti diventeranno pili eterici. L' energia si concentrera maggiormente nella zona della testa, rna questa e un'altra storia.

Cia che cominciamo a comprendere, allora, e che negli uomini primitivi esistevano Ie potenzialita per grandissimi cambiarnenti. Dalla Terza Sottorazza della Terza Razza Madre, questi cambiamenti sono, di fatto, avvenuti. II corpo fisico dell'uomo si e enormemente trasformato. Per esempio, gli occhi ereditati dagli omonidi, erano troppo rudimentali per l'uomo adombrato dalla corrente evolutiva interioreo Essi dovettero maturare enormemente; la loro posizione nel cranio cambia; svilupparono altre strutture, come queUe necessarie per la visione stereoscopica, e queUe necessarie per la visione a colori; assunsero una posizione pili frontale, e cambiarono in molti altri modi.

Mentre gli occhi continuavano a maturare e a sviluppare la loro visione binoculare, la ghiandola pineale, con il suo occhio parietale, comincio a regreclire, ad atrofizzarsi. L'occhio parietale si ritiro dal forame posteriore. Questo si chiuse e l'occhio parietale si sposto pili profondamente nel cranio, si riuni alla ghiandola pineale, e si atrofizzo, mentre i clue occhi anteriori cliventavano sempre pili efficienti. Quindi, anche a livello fisico, ci sono stati grandi cambiamenti nella sviluppo del cosidetto terzo occhio, 0 ghianclola pineale.

Questa agi su altri organi endocrini, specialmente sulla ghiandola pituitaria. In concerto con questa, produsse quei cambiamenti clellastruttura anatomicaclell'uomo, che descriviamo come pleomorfismo. Di questo ho parlato dettagliatamente nel libro Antropogenesi. (:1) Per esempio, in quei tempi remoti, la pelle cambia ripetutamente. Ogni razza proclusse un diverso tipo di pelle: c' erano gli uomini blu, gli uomini rossi e quelli gialli. La pelle cambia non solo di colore, rna anche di spessore. Ai tropici, la superficie della terra era coperta da sciami di insetti, e la pelle degli uomini era molto, molto sottile. Erano necessari clei cambiamenti. Una delle pili grandi sventure che poteva capitare agli uomini primitivi, era di trovarsi esposti anugoli di insetti, contro i quali non avevano alcuna protezione. Uno dei motivi per cui gli uornini emigrarono nelle regioni settentrionali della terra fu proprio il tentativo di sfuggire aIle orcle di insetti. Solo molto dopo, Ia pelle si inspessi e sviluppo il derma, contenente gli organi che conosciamo oggi.

Nonostante tutto questo, tuttavia, dobbiamo dire che la ghiandola pineale, con il suo accessorio parietale, non e il terzo occhio della metafisica. Cos' e, allora, il terzo occhio?

3)Antropogenesi, la StoriaEsoterica delle Origini dell'Uomo, dell'autore, Edizioni Crisalide.

41

ANATOMIA ESOTERICA

Dobbiamo comprendere che il corpo fisico dell'uomo e solo l' espressione esteriore di tutta una gamma di veicoli. Il corpo fisico e, infatti, interpenetrato dal veicolo eterico, anche detto corpo vitalizzante, L'uomo non potrebbe vivere con un corpo costituito soltanto di gas, liquidi e solidi. Egli possiede anche un corpo eterico, molto sottile, che interpenetra ed attiva il suo corpo fisico. Dunque, la sua forma fisica e interpenetrata da una matrice 0 controparte eterica.

Dobbiamo cercare di concepire degli stati diversi della materia comprendendo che, proprio come la sabbia puo essere interpenetrata dall'acqua e l'acqua puo essere interpenetrata dai gas, (cosi che in una manciata di fango, troviamo tre stati di materia: solido, liquido e gassoso), allo stesso modo i vari corpi, 0 matrici, dell'uomo si interpenetrano reciprocamente. II suo corpo fisico, costituito da solidi, liquidi e gas, e interpenetrate dal corpo eterico, che 10 vitalizza con l' energia che gli yogi chiamano prana.

In maniera simile, l'uomo possiede un corpo senziente, costituito di sostanza emotiva, grazie al quale egli sente, il corpo astrale. Questo corpo, nella stato di veglia, interpenetra il corpo fisico-eterico. Durante il sonno, 0 in certi stati di meditazione e di yoga, il corpo astrale si distacca dal fisico. Ho descritto come e possibile rimanere coscienti, anche quando il corpo astrale si separa dal fisico, nel mio lavoro intitolato Le tecniche della proiezione astrale, (4) rna questa e una faccenda diversa.

Inoltre, l'uomo possiede un altro corpo, nel quale pen sa. Questo corpo e incornpleto. E costituito da due parti, una superiore ed una inferiore. Quest'ultima e la controparte degli stati solidi, liquidi e gassosi, e viene chiamata corpo mentale concreto. In questo, 1 'uorno pensa. Anche questo interpenetra gli altri corpi, come i gas interpenetrano i liquidi, e come questi interpenetrano la sabbia 0 i solidi.

Questi veicoli che ho descritto, costituiscono cio che chiamiamo il corpo della persorialita dell'uomo, attraverso cui l'anima si esprime. Esistono anche veicoli superiori, che appartengono al piano dell 'anima. Essi formano delle unita energetiche.

Anche l'anima esiste su tre piani di espressione, che vengono denominati Atma, Buddhi e Manas. La maggior parte degli uomini non e consapevole di possedere un'anima, ununita spirituale. L'uomo e collegato alla sua anima attraverso una sottile 'corda' 0 filo, chiamato antakarana. Lo sviluppo spirituale e il processo attraverso cui questo sottile filo, (0 ponte arcobaleno, come viene simbolicamente chiamato) viene rafforzato, potenziato ed ampliato, in modo da divenire un vero cordone ombelicale, attraverso cui Ie energie spirituali possono fluire nella personalita umana. Questo avviene solo quando 1 'individuo si sottopone ad un processo di sviluppo spirituale.

Ritornando al corpo sottile pili immediato, l'eterico, troviamo che questo corpo e diviso in varie regioni, che potremmo definire anatomicamente separate. Queste strutture anatomiche eteriche includono dei canali, che chiamiamo nadi. Ci sono

4) Le tecniche della proiezione astrale, dell'autore, Edizioni Crisalide.

42

IL TERZO OCCHIO

tre canali maggiori, che coincidono con il midollo spinale ed il cervello dell'uomo. Questi vengono chiamati dagli Indu Ida, Shushumna e Pingala. Sono simbolizzati dal caduceo di Mercurio, che termina con un rigonfiamento, che rappresenta il cervello, al cui centro e posta la ghiandola pineale, controparte fisica del terzo occhio.

Adesso cominciamo a vedere che l'uomo possiede un veicolo energizzante, conosciuto come corpo eterico, che contiene dei centri 0 vortici, che fanno parte della sua anatomia eterica, chiamati chakra. L'uomo di medio sviluppo ne possiede cinque; gli uomini pili primitivi, ne possedevano tre. La posizione anatomica del pili basso di questi, coincide con l' osso sacro, che ha origine dalla fusione delle prime cinque vertebre alla base della spina dorsale. Anticamente, queste cinque vertebre erano collegate ad una coda, 0 a quello che oggi chiamiamo coccige. Questo fu il risultato di uno dei cambiamenti anatomici degli ominidi: la perdita della coda, che possedevano nella prima parte della loro duplice evoluzione.

Nella regione dell'osso sacro, si trova il primo chakra del corpo eterico. Questo centro e chiamato centro radice, ed e un loto con quattro petali. Attraverso di esso il prana puo penetrare nel veicolo umano in grande quantita. Questo e solo il primo dei centri energetici. Con la crescita e 10 sviluppo spirituale, con il succedersi delle varie sottorazze e delle varie razze madri, ronda dopo ronda, la fiammeggiante energia, che risiede in questo chakra venne risvegliata. Essa comincio a salire, e ad aprire in ordine consecutivo i vari centri energetici superiori.

COSl, durante la Razza Lemure, si risveglio questo primo chakra. Cio fu causato sia dall'interazione dell'uomo con il suo ambiente, sia dal fatto che egli acquisi gli involucri emotivi e mentali, provenienti dalla prima linea evolutiva. Una delle conseguenze dell'apertura di questo centro, fu la separazione dei sessi. All'inizio, nelle prime Razze Madri, l'uomo era asessuato. Successivamente sviluppo la bisessualita; possedeva, cioe, ambedue gli organi sessuali. Poi questi organi si separarono, dando origine all'orientamento maschile ed a quello femminile. Questo processo fu governato dal secondo chakra, conosciuto come centro sacrale, o Iota dai sei petali. Furono l'ambiente e le caratteristiche della Razza della Lemuria, a permettere 10 sviluppo del centro sacrale.

Successivamente, dai cinque ai sette milioni di anni fa, un altro chakra divenne patente, ad un livello superiore, a livello, cioe, dell'ombelico. Questo e chiamato centro del plesso solare. Esso si sviluppo quando l'involucro astrale, proveniente dall'evoluzione sussidiaria dell'uomo, si congiunse al corpo eterico. Con la formazione e la specializzazione dell'involucro astrale, il centro del plesso solare cornincio a radiare. Fu la civilta dell'Atlantide che rese questo possibile, da un punto di vista esteriore. L'Atlantide procure 10 stimolo emotivo, necessario perche l'uomo diventasse un essere dotato di emozioni. Precedentemente, egli era quasi solo un automa.

43

ANATOMIA ESOTERlCA

Con la crescita emotiva, l'impeto spirituale accelero. I fuochi che erano saliti dalla base della spina dorsale e che avevano attraversato il centro sacrale, durante la civilta dell'Atlantide (che e an cora potentemente manifesta oggi suI pianeta nella razza madre sino-giapponese), raggiunsero il plesso solare, risvegliandolo.

Oggi, i fuochi si sono ulteriormente elevati nell'uomo, e cominciano a svilupparsi al di sopra del diaframma, uno strato di muscoli cui corrisponde anche uri'importante divisione a livello del corpo eterico. L'uomo sta cominciando ad aprire il chakra del cuore, che si trova in corrispondenza del cuore fisico, anche se posto piu centralmente. L'uomo sta anche cominciando ad aprire, nella civilta conosciuta oggi sotto il nome di ariana, (5) 0 Quinta Razza Madre, il centro della gola, che possiede sedici petali.

Nella maggior parte degli uomini esiste un ulteriore centro energetico nella regione delle sopracciglia. Vien detto che esso si trova nel 'sacro spazio' fra le sopracciglia. In alcuni uomini progrediti, anche questo chakra e fortemente sviluppato. Questo centro e chiamato centro dellafronte, 0 dagli Indu, centro ajna. Infine, raggiunto un avanzato stato di sviluppo, si apre l'ultimo centro, il centro della testa. Questo, negli individui spiritualmente progrediti, puo diventare COS1 radioso, da produrre un alone intorno alla testa. Si dice che 10 possedessero gli uomini piu avanzati di questo pianeta, come Budda, che apparteneva alIa sesta ronda, e non alIa quarta, (la attuale) , come il maestro Cesu, e come tutti gli individui che abbiano raggiunto la santita,

Cominciamo a capire, percio, che 10 sviluppo spirituale, dal punto di vista esoterico, non e qualcosa di nebuloso. Esso e il processo del deliberato trasferimento delle energie, attraverso l'attenzione focalizzata, dai centri al di sotto del diaframma a quelli al di sopra. La grande scienza chiamata Yoga, anche se se ne e tanto abusato, specialrnente negli anni recenti, si occupa esattamente di questo: del trasferimento scientifico dell'energia da specifici centri al di sotto del diaframma, ai 101'0 alter ego al di sopra del diaframma. In questo modo si accelera 10 sviluppo spirituale.

L'evoluzione spirituale, da questo punto di vista, significa il trasferimento dell'energia dal centro ana base della spina dorsale al centro della testa, dal centro sacrale a quello della gola, e dal cen tro del plesso sol are a quello del cuore. In quel processo di rapido sviluppo spirituale, chiamato Discepolato, attraverso il quale si giunge all'Iniziazione, processo grazie al quale l'uomo viene trasmutato e grazie al quale dalle scorie della personalita puo emergere l'oro puro dell'adepto 0 del Maestro, le energie principali dei vari cen tri vengono focalizzate nella regione della testa. Questa focalizzazione di energie nella testa produce la rapida apertura del terzo occhio. Questa e alchimia spirituale.

5) Il nome Razza Ariana era gia usato cinquant'anni prima che i nazisti se ne impadronissero.

Essi 10 adattarono alloro concetto nordico di razza,

44

SETTHviA RAZZA RADICE

SESTA RAZZA RADICE

STIMOLI DALLE RONDE INTERIORl

RAZZA RADICE ARIANA

CIVILIZZAZlO NE LEMURE

PRIME RAZZE RADlCl

CORRELAZIONI TRA CHAKRA E RAZZE RADICI

ANATOMIA ESOTERICA

I centri eterici sono mostrati nella figura della pagina precedente. Essi sono costituiti da disc hi rotanti, collegati attraverso un gambo alIa spina dorsale. Notate come il numero di petali aumenta progressivamente, procedendo dal basso verso I'alto lungo la spina dorsale, la cui controparte eterica e costituita dai tre canali di Ida, Shushumna e Pingala. Le infinite esperienze che si hanno lungo il Sentiero della Sviluppo (dei centri energetici), hanno dei precisi effetti su questi tre canali, ed e in questi che il progresso puo essere osservato chiaroveggentemente.

Nessun discepolo puo aspettarsi un contatto diretto con un Maestro di Saggezza, even to altamente apprezzato nelle scuole di scienze esoteriche, a meno che, grazie ai suoi soli sforzi, non abbia trasferito Ie energie dalloto dai quattro petali alla base della spina dorsale, alloto dai dieci petali del plesso solare, posto appena al di sotto del diaframma. Solo successivamente, grazie ad un sempre maggior impegno, in termini di tempo e di energia, puc iniziare il vero Sentiero del Discepolato, che richiede il trasferimento dell'energia dal centro dai dieci petali, a quello dai dodici petali, che si trova nella regione del cuore. Quando questo processo eben avanzato, allora e solo allora, l'aspirante puo diventare un discepolo sulla via della probazione, e puo avere la possibilita di contattare un Maestro di Saggezza. Anche allora, un tale contatto puo non essere registrato nella sua coscienza, fin quando l'energia non comincia a fluire nel 'sacro spazio' fra le sopracciglia, il centro della fronte. Allora il periodo probatorio arriva al suo termine; egli diventa un chela accettato, ed il Maestro ricerca, allora, la sua collaborazione in qualche compito planetario di servizio all'umanita,

11 terzo occhio, dunque, anche se possiede una controparte fisica, e fondamentalmente una struttura dei corpi sottili dell'uomo. Per rendere la cosa pili esplicita, dobbiamo discutere il soggetto delle ghiandole endocrine.

L'uomo medio ha in ogni dato momento, cinque centri energetici funzionanti ai livelli inferiori. L'uomo spirituale ha cinque centri funzionanti ai livelli superiori. Nei Maestri, i centri funzionanti ai livelli superiori sono sette, inclusi i centri accessori che si aprono negli stadi avanzati della sviluppo. Le ghiandole endocrine costituiscono la controparte materiale dei centri eterici. Esse sono la coridensazione, 0, se si vuole, la concretizzazione 0 controparte fisica, dei vortici di energia sottile che chiamiamo chakra.

La relazione fra i centri energetici e Ie ghiandole endocrine e la seguente:Le ghiandole surrenali, situate al di sopra dei reni, corrispondono al cen tro alIa base della spina dorsale (centro radice) .

Le gonadi, che sono le ovaie nella donna, ed i testicoli nell'uomo, corrispondono al centro sacrale.

II pancreas corrisponde al centro del plesso solare. II timo corrisponde al centro del cuore.

46

IL TERZO OCCHIO

La tiroide corrisponde al centro della gola. it con questo centro che si comincia ad entrare nel territorio del terzo occhio.

La ghiandola pituitaria, responsabile nelle razze primitive della produzione dei giganti, corrisponde al centro della fronte, 0 Ajna.

La ghiandola pineale corrisponde al centro della testa 0 loto dai mille petali.

Come detto, le qualita del centro del plesso solare, che sono di natura molto emotiva, sono correlate a1 pancreas. Come tutte le ghiandoIe endocrine, il pancreas secerne il suo ormone (chiamato insulin a) , direttamente nel sangue. Questo ormone serve a mobilizzare e ad usare 10 zucchero. Non e solo una coincidenza che le energie emotive del corpo astrale siano correlate allo zucchero nel sangue: le due cose so no intimamente collegate. Le persone molto emotive, che hanno grande facilita nell' esprimere le loro emozioni, frequentemente sono le stesse che possono mobilizzare 10 zucchero facilmente. Talvolta, anche troppo. Questo mostra che i disordini delle funzioni endocrine sono collegati a fattori psicologici, come avvierie, per esempio, nel diabete.

Per quanto riguarda il timo, questo genera tra le altre cose, un tessuto linfoide che . a sua volta produce, attraverso i linfociti, gli an ticorpi responsabili della lotta contro l'invasione degii agenti estranei, come i batteri, i virus, 0 anche g1i organi trapianta-

47

ANATOMIA ESOTERICA

ti. Similmente, il centro del cuore, i1 chakra che verra aperto dalla Sesta Razza Madre, (fra un milione di anni), e fondamenta1mente preposto a distinguere la differenza tra il Se ed il non Se. A livello fisico, questo awiene attraverso la ghiandola del timo, che governa Ie reazioni immunitarie.

Cominciamo a comprendere che affinche awenga una vera crescita spiritua1e, si devono aprire i centri energetici superiori, cioe, il centro della testa, quello della fronte e quello della gola. Che cosa e allora il terzo occhio? II terzo occhio emerge, in primo luogo, quando questi tre centri cominciano aradiare, e in secondo 1uogo, (anche se il processo deve essere simultaneo), quando questi centri si sovrappongono. Quando cominciano a sovrapporsi, essi formano un triangolo energetico molto importante dal punto di vista esoterico e spirituale. Queste tre strutture, sovrapponendosi ed interagendo, formano un intenso vortice di energia. Da questo emerge il terzo occhio.

Questo e l'organo della visione interiore. Funziona a liveIlo eterico, astra1e, menta1e e spirituale. Esso viene generato dall'interazione dei centri della testa. La loro coordinazione e la loro interazione costituiscono i1 fuoco deIl'attenzione, come prima detto, nel discepolato e nelle discipline esoteriche.

E anche importante comprendere che questi centri della testa sono le stazioni avanzate dell'anima .... che al centro di questi chakra, c'e una scintilla, un fuoco che cova al quale, in Oriente, viene dato il nome di 'Gioiello nel Loto'. Ciascuno di questi chakra deIla testa, possiede questo fuoco che cova. Grazie allo svi1uppo spirituale, questa brace si riscalda e diventa una fiamma radiante. Queste fiamme radianti si sovrappongono, producendo un vortice di energia, che e considerato la base del terzo occhio.

Cosi, l' anima comincia ad ancorarsi all' en tita umana attraverso il nucleo, 0 pun to centrale, di questi tre centri energetici. E allora, che l'antakarana, il ponte arcobaleno, rapidamente si manifesta. Nella persona media, attraverso questo ponte, che collegal'animaalla personalita, passanormalmente solo i15% dell'energia. Con 10 sviluppo spirituale, la.capacita di trasferimento aumentaenonnemente, e la personalita puo essere virtualmente inondata dall'energia dell'anima.

Bisogna ricordare che j centri energetici esistono sia a live 11 0 astrale, che a livello mentale. Essi interagiscono e l'energia viene trasmutata dai chakra mentali a quelli astrali, e da questi, a quelli eterici, con Ie loro nadi ed i loro canali. Questi processi generano cio che chiamiamo l'aura magnetica. In vero, l'aura e un fenomeno magnetico.

II Fuoco Centrale, scendendo dalla Monade, che e una scintilla del Divino, giu, attraverso i vari veicoli che ho descritto, con il suo movimento (a spirale, ciclico e rotatorio), produce delle forze magnetiche non solo a livello fisico, rna anche emotivo e mentale. Queste forze sono alla base del magnetismo spirituale, del magnetismo mentale e di quello emotivo. Esse giocano un ruolo enorme in cio che

48

CR./\.t\lIO

....... ,

TERZO VENTIUCOLO

LUCJER'fO][A

PELLE

PLESSO COROLDE

TERZO VENTRICOLO

RANA

ANATOM[A COMPARAl'A DELLA GHJfANDOIA lPJINEALlE

SOLE, LUNA E TEIUm VICINI ALL'ALLINEAMENTO ... UN MOMENTO ClUTICO PER L'ALCI-IIMIA.

Questo antico e fantasioso diagramma indica un punto eli sizigia, in cui .il Sole, la Luna e la Terra, sono allineati, e mostra anche, in tre bande, gli Anelli Invalicabili delle entita umane spiritualmente qualificate, fino allo stadio eli Adepto. La banda delle stelle luminose rappresenta l'Anello Invalicabile eli un Arhat (vedi testo). Se una persona oltrepassa il suo Anello Invalicabile, possono verificarsi serie cornplicazioni, soprattutto a carico del centro della testa, rna anche eli altri centri.

III ClIClLOlP'E

ARTERIA GAROTIDE ----T

TJROJ.U1l

LA TIROIDE

CHAKRA DELLA TESTA INTEGRATI

IL CENTRO or ROTAZIONE DELLA SOSTANZA ETERICA COINCIDE CON LA GHIANDOLA PINEALE

ANATOMIA ESOTERICA

chiamiamo insegnamento e guangIOne. L'insegnamento consiste nell'uso del magnetismo per sedurre a livello men tale ed ernotivo. Anehe le pratiehe della guarigione sono un aspetto del magnetismo, ehe penetra in profondita nei veieoli sottili, attraverso il movimento a spirale del Fuoco.

L'eta non e una barriera per i eanali ere ativi , attraverso cui avviene l'aseesa del Fuoco di Kundalini nella regione della testa, sempre ehe il Sen tiero del Diseepolato sia stato intrapreso non troppo tardio Kundalini e la fontana che sprigiona nella regione della testa tre gloriose qualita, e ehe puo man tenere viva la creativita del diseepolo, in termini di Verita, Bellezza e Bonta, fino alleta pili avanzata. Quando i tre centri della testa sono stabili, interagiseono fra di loro, ed infine formano una sfera integrata di fuoeo spirituale, possono ospitare il Deva Solare.

Questo viene mostrato nella figura della pagina preeedente, ehe rappresenta un iniziato avanzato, in cui la concentrazione dei fuoehi spirituali nella regione della testa e avvenuta. Ciaseuno dei tre centri ruota su un piano perpendicolare agli altri due, formando una sfera costituita da dischi di grande radianza, ehe si interpenetrano, L'iniziato sta praticando Darana (coneentrazione sostenuta), e percio, il centro della fronte oscilla fra due piani (di un eclittiea), rnentre gli altri due centri della testa non ricevendo una tale mareata attenzione, sono pili quiescenti.

58

LE CLAVICOLE

LE CHIA VI DI RE SALOMONE

La storia, come e oggi studiata, nulla ci dice del passato pili remoto dell'umanita. Anche se 10 storico illuminato e 10 scienziato spingono la loro esplorazione indietro per milioni di anni, nulla si sa delle razze di uomini che vissero in quel lontano periodo. Nulla si conosce della civilta che fiori nei primi tempi di Atlantide, dodici milioni di anni fa. Nulla del tutto si sa dell'ancora pili antica civilta Lemurica, che risale a pili di quindici milioni di anni fa. E meno ancora si sa di quel periodo crepuscolare, circa ventuno milioni di anni or sono, quando gli uomini erano soltanto appena umani, e si trovavano in un rapporto COS1 stretto con il Regno Animale, che noi li designamo con 10 scomodo nome di 'uornini-animali'.

Guarigione Esoterica, del Maestro D. K.

L'uomo non cornprendera mai completamente i1 corpo umano, fin quando avra bisogno di servirsene. La comprensione completa giungera solo quando egli avra sup erato 1a necessita di possedere un corpo. Fino a quel momento, i misteri irrisolti dell'organismo umano saranno sempre un affascinante campo di ricerca per coloro che desiderano conoscere meglio l'uomo, e attraverso di lui, l'universo.

L'alterazione della curvatura della spina dorsa1e, durante il passaggio dallo stato embrionale aquello dell'adulto pienamente sviluppato, il processo di ossificazione, e 1a storia della notocorda, non sono che alcuni dei molti simboli anatomici del grande mistero che si cela dietro l'evoluzione.

Una parte rivelatrice del corpo umano sono le clavicole. Queste ossa bilaterali sono conosciute in gergo esoterico come le Chiavi di Re Salomone. Per il profano si tratta solo di un paio di ossa prominenti, che si estendono dal collo verso le spalle e si possono facilmente sentire sotto la pelle. Esse tra I'altro hanno un'irritante tendenza a fratturarsi alla minima provocazione.

Il nome clavicole sottolinea la somiglianza di queste ossa con uu'antica chiave Romana. Esse infatti hanno una forma a S, e se incrociate manifestano una sorniglianza sorprendente con l'antico simbolo esoterico della svastica, tra i cui significati ci

59

ANATOMIA ESOTERICA

FACCIA STERNALE

TUllERCOLO DELTOIDE

FACCIA

TUllERCOLO CONOIDE (TUm,'!/O.,17iIS COllJlCOJ/)liA)

LA CLA VICOLA DESTRA VISTA DALL'ALTO

FACCIA ACROMIALE

FACCIA STERNALE

(fMPE~SlO CORACOIDEA)

(IMPESSfO COS1ilUS)

LA CLAVICOLA DESTRA VISTA DAL BASSO

sono quelli di Vita, Espansione e Movimento. Forse nel corpo umana non esistono altre ossa con una tale straordinaria individualita. Le circostanze in cui si sono formate e sviluppate, e illoro simbolismo esoterico, ne fanno le chiavi necessarie per comprendere il Ternpio di Salomone, e il mistero dell'Uomo.

Dal punto di vista della sviluppo, la clavicola e il primo osso dell'embrione umano a mostrare un centro di ossificazione, che appare circa verso la quinta settimana dopo il concepimento. Per gli esoteristi questo significa che si tratta di un osso di origine molto antica. Gli antropologi 10 negheranno immediatamente, affermando che la clavicola raggiunse solo molto tardi il suo pieno sviluppo, come meccanismo destinato a permettere movimenti pili ampi aIle braccia delle creature erette.

L'EPIF1SI STERNALF. SI CALCIFICA VERSO I VENT·ANNl.

LA FUSIONEAVVIENE INTORNO Al VENTICINQUE.

IL CENTRO PRIMARIO APPARE INTORNO ALLA

OSSIFICAZIONE DELLA CLA VICOLA

Ossificazione e notevole il fatto che nell'uomo la clavieola eominei a ealcifiearsi prima di ogni altro osso del corpo. Questo sue cede gia dalla quinta 0 sesta settimana della vita fetale. II centro primitiuo da cui si sviluppano il fusto e le estremita laterali, appare come membrana prima della formazione di qualsiasi matrice cartilaginosa. Ed e solo in una fase posteriore che la cartilagine prende parte allo sviluppo dell'osso, contribuendo alla crescita delle sue estrernita. Un centro secondario 0 epifisi appare all'estremita sternale verso i vent'anni di eta, 0 anche pili tardio Con la rapida fusione tra questo centro e il fusto, intorno ai venticinque anni eli eta l'ossificazione e completa.

60

LE CLAVlCOLE

CENTRI DI OSSIFICAZIONE

Emerge qui qualcosa di interessante perilguaritore esoterico. I centri di ossificazione nelle ossa indicano i punti in cui si trovano piccoli chakra. Dei chakra minori esistono dappertutto nel corpo eterico, astrale e mentale. Se ne trovano, per esempio, dietro articolazioni come quella del ginocchio, e nella fossa cubitale delle membrasuperiori. 11 centro di ossificazione di un osso, una volta individuate, indica il punto in cui l'applicazione del trattamento sara pili efficace. Questo vale non solo per malattie specifiche delle ossa, come ad esempio l'osteomielite, ma anche per quelle che col pisco no altri tessuti. Chakra secondari 0 terziari si trovano anche nei punti di ingresso delle arterie nelle ossa.

A volte due forami arteriosi si aprono nello stesso pun to, come accade spesso nelle ossa del radio e dell'ulna del braccio (vedi figura) .

Con il trattamento magnetico a base di campi pulsanti (come quello effettuato presso il Clare gate College, in Inghilterra), tale sito e reso pili efficace facendo espandere 'a fungo' l'arteria nutriente, che s'immerge nell'osso, per estendersi poi radialmente nel midollo attraverso le arterie intraossee.

Puo essere utile menzionare qui anche il significato del midollo osseo, il pili grande organo del corpo in assoluto. Nel midollo vengono prodotte le cellule sanguigne, e su di esso il magnetismo ha sempre un notevole effetto, a causa della grande quantita di ferro necessaria per la formazione dei globuli rossi.

Le ossa lunghe, come quelle dell'illustrazione, cresco no alle estrernita e, percio, esistono dei centri minori a circa cinque centimetri daIl'articolazione con le relative giunture.

Nei volumi seguenti ci occuperemo dell'embriologia esoterica, secondo cui l' organizzazione dei centri nell' embrione indica dove in seguito si svilupperanno i chakra, maggiori e minori.

PROCESSO OLECRAJ."IICO

GRANDE CAVITA SIGMOrDE (INC/SWill SlI'I'd/WNARl,I)

TESTA

PICCOlA CAVlTA SIGMOlDE

COLLO

TUBEROSITA

TUBEROSITA

(,~\v[TA urcrrrra

LINEA 013l.JQUA ANTE[~IORE

FORAME ARTERIOSO

FORAME ART[,[<[OSO

LIMITE INTEROSSEO

LIM[TE

TESTA

ULNA E RADIO DEL BRACCIO DESTRO, VISTI DI FRONTE

61

ANATOMlA ESOTERlCA

L'INDIVIDUALITA' DELLA CLA VICOLA

Quest'osso raggiunge il pieno sviluppo solo nell'uomo e in alcuni antropoidi, Nei vertebrati inferiori Ie clavicole sono spesso ridotte 0 mancanti, e la scapola diventa losso pili importante della spalla (per il movimento). Le clavicole di un coniglio o di un gatto sono ossa piccole e snelle coperte di tessuto muscolare e non articolate con nessun altro osso (a differenza delle clavicole umane). Spesso mancano del tutto, indicando che l' osso in tali animali e degenerato. Gli animali che si arrampicano e afferrano possiedono le clavicole. In altri animali 1'osso si e trasformato in un legamento. In queste ultime righe, che possono essere confermate da qualunque autorita affidabile, abbiamo un'indicazione di grande importanza per l'origine dell'uomo.

CASSA TORACICA

II diagramma mostra le clavi cole in una posizione che conferisce un ampio raggio di movimento alIa spalla. Esse sono formate da tessuto osseo membranoso.

Prima, comunque, dobbiamo considerare un altro aspetto dell'individualita di questo osso. Solo le clavicole, tra tutte le ossa del corpo, hanno una caratteristica in comune con Ie ossa piatte della volta cranica, e con quelle della faccia. Queste ossa si sviluppano tutte a partire da tessuti membranosi. Le altre ossa invece si sviluppano a partire da tessuti cartilaginei. Non importa qui esaminare a fondo i due diversi processi con cui il corpo costruisce 10 scheletro ma, per risolvere il mistero delle Chiavi del Tempio di Salomone, e importante rilevare questa differenza.

62

LE CLAVICOLE

Le aree bianche rappresentano l' osso membranoso, le aree punteggiate indicano l' osso cartilagineo, e Ie aree crociate sono le fontanelle.

FONTANELLA

COMPONENTI DEL CRANIO UMANO ALLA NASCITA

Possiamo adesso capire I' origine del nome esoterico della clavicola e, insieme ad essa, tanti altri punti di un certo interesse: come la clavicola forni una via d'uscita ad animali legati al suolo, assecondandone il bisogno di camminare eretti e di possedere un ampio movimento delle braccia; in che modo il cranio umano sia stato in grado di adattarsi alle enormi trasformazioni dell 'inquieto cervello racchiuso al suo interno, stimolato dal Manas Superiore; perche si dice che l'uomo sia fatto a immagine e somiglianza del suo Creatore; perche si dice che alcuni umani si siano individualizzati sulla Catena Lunare prima che 10 stesso processo avvenisse sulla Terra; perche non c'e mai stato un 'anello mancante', e perche gli antropologi si trovano in un vicolo cieco; e cosi via.

II Tempio di Salomone e ancora incompleto, non ancora perfetto. Devono ancora verificarsi la formazione di un secondo midollo spinale, il riemergere di alcune ghiandole, la riduzione della densita delle ossa e dei tessuti. AI di sopra della forma umana, aleggia come un archetipo il Principio Divino dell'Uomo, che modifica continuamente il corpo fisico, finche un giorno 10 trasformera in uno specchio perfetto di Se. Questo e il motivo per cui alcuni uomini, con grande sforzo e sofferenza, si dedicano al compito di conoscere meglio quel Se e di trasferire tale conoscenza agli altri.

L'uomo, come 10 conosciamo sulla Terra, non e che a meta del processo evolutivo a cui deve il suo presente sviluppo. Egli diverra molto pili. grande, prima che si com pia il destino del nostro sistema, di quanto non sia adesso ... Pili grande dell'anello mancante.

Buddhisrno Esoterico

-'
3TI
s .L
\-'
% 'it,
:tl
...
\J\
~
?>
PIU 63

IA TIROIDE

Mentre e opinione generale degli anatornisti che, nel processo di adattarsi all'ambiente, l'uomo abbia raggiunto il culmine del suo sviluppo fisico, I'opinione esoterica, diametralmente opposta, e che tale sviluppo sia appena cominciato. L'uomo, come essere spirituale, e impegnato in un profondo processo di metamorfosi.i!' guidato dal punto centrale del suo essere, la Monade. In generale, egli si trova ad uno stadio larvale. Alcuni seguono un sentiero che porta verso l'interno, sono pronti ad entrare nellafase della pupa, e ad esplorare Ie frange dell'inconscio. Altri - figli preziosi dell'umanita - stanno emergendo come giovani imago, un esempio per tutte Ie larve, se esse non fossero cieche a tutto, eccetto che ana loro preoccupazione per il cibo.

La metamorfosi umana fa girare la ruota delle rinascite, un processo apparentemente senza fine, che assicura a tutti il raggiungimento della rnaturita spirituale. I cambiamenti della forma fisica hanno bisogno di tempi immensi. Gli insetti Ii ottengono attraverso una serie di mute, spogiiandosi della pelle esteriore. Nell'uo-

1) Secondo la definizione dell'EnGyclopaedia Britannica, la metamorfosi, 0 trasformazione, e il tema mitico di una creatura che si trasforma, 0 viene trasformata, in un'altra creatura, come accade ad esempio nel mito greco di Narciso, il giovane che fu tramutato in fiore.

In biologia, essa rappresenta il marcato cambiamento di forma 0 di struttura che si verifica in un individuo dopo la nascita, 0 l'uscita dall'uovo. Tali cambiamenti fisici, come quelli che comportano crescita e differenziazione, sono accompagnati da alterazioni fisiologiche, biochimiche e comportamentali dell'organismo.

Le forme immature, 0 larve, si sono adattate ad ambienti e a modi di vita che differiscono da quelli delle forme adulte. Tali differenze possono servire ad assicurare che le larve e gli adulti della stessa specie non si trovino in competizione per il cibo 0 per 10 spazio vitale. Esempi di metamorfosi sono il girino (uno stadio larvale acquatico che si trasforma nella ran a terrestre), la stella marina, il granchio, la lumaca, eccetera.

Tra gli esempi pili dramrnatici e pill studiati di rnetamorfosi abbiamo quelli degli insetti. In uno sviluppo ametabolico, si ha semplicemente un graduale aumento di volume dcll'individuo, finch€: viene raggiunta la dimensione adulta. Il cicio vitale emimetabolico consiste di tre fasi: uovo, ninfa e adulto. La ninfa, 0 insetto immaturo, somiglia all'adulto nella forma e nelle abitudini alimentari, differendone in taglia, proporzioni corporee e colore. Lo sviluppo e graduale, attraverso una serie di mute (perelite periodiche dell' esoscheletro), e elalla muta finale emerge l'adulto.

La metamorfosi completa, 0 olometabolica, consiste di quattro fasi: uovo, larva, pupa e aelulto. La larva e molto diversa dall'adulto. In forma e abitudini, e adatta alla crescita e allo sviluppo, piuttosto che alIa riproduzione. La trasformazione in adulto si verifica durante la fase inattiva e eli digiuno della pupa. In questo periodo la larva subisce una trasformazione in cui gli organi e i tessuti larvali vengono distrutti, e si sviluppano le strutture adulte.

E probabile che il processo della metamorfosi si sia stabilito, nel corso delI'evoluzione, perch€: offriva un vantaggio selettivo a quegli animali che possedevano tali schemi di sviluppo e differenziazione. (Encyclopaedia Britannica, Micropaedia VI, p. 831).

65

ANATOMIA ESOTERlCA

mo si verificano lentamente, nel corso di lunghissimi periodi di tempo. I cambiamenti pili significativi hanno luogo a livello sottile, in una serie di 'mute spirituali', descritte nella terminologia esoterica come rinascite spirituali. Queste coincidono con l'apertura dei centri di forza 0 chakra, e con l'aumento della 101'0 interaziorie e coordinazione.

Negli animali, i cambiamenti anatomici legati alla metamorfosi sono controllati dalla ghiandola tiroide. Nell 'uomo, la tiroide ha la funzione non solo di modificare la forma del corpo, ma anche di perrnettere I' adattamento ai profondi cambiamenti interior! che awengono per mezzo del chakra della gola, che i: in stretto rapporto con essa, e per mezzo di altri centri legati alloto dai sedici petali.

La rimozione della ghiandola tiroide nei giovani mammiferi, come conigli, vitelli, eccetera, produce il ritardo della crescita scheletrica, e l'arresto della sviluppo sessuale. La pelle si ispessisce e diventa coriacea. I capelli perdono lustro, diventando radi e fragili. Le ossa lunghe (femore, ornero, eccetera) smettono di crescere in lunghezza e si ingrossano.

Nell'uomo, la perdita della funzione tiroidea produce il cretinismo, con difetti nella sviluppo fisico, sessuale e mentale. Le vittime giovani d'insufficienza tiroidea manifestano un nanismo pronunciato, e a meno che non venga loro somministrato un estratto tiroideo, non superano la statura di un bambino di sette anni.

UN CASO MODERATA.M:ENTE GRAVE DI CRETINISMO INFANTILE

66

LA TIROIDE

Cretinismo. A sinistra, all'eta di tre anni e mezzo (prima del trattamento). A destra, 10 stesso soggetto (dopo trattamento con ormone tiroideo) all'eta di sette anni.

Caratteristiche dei soggetti affetti da cretinismo:-

(a) La crescita mentale e gravemente ritardata. (b) Spesso sono imbecilli 0 idioti.

(c) II tasso del metabolismo basale e pill basso. (d) Molti nascono sordomuti.

(e) I lineamenti facciali sono rozzi.

(f) La lingua e grossa e troppo grande per la bocca. (2)

(g) Fluidi gelatinosi si depositano sotto la pelle, conferendole un aspetto rigonfio.

L'insufficienza tiroidea e da attribuirsi a cause di ordine fisico, rna anche a numerose di ordine psicosomatico ed esoterico, che nella sviluppo dell'uomo possono influenzare intere razze e sottorazze.

Le trasformazioni che si verificarono nell' equipaggiamen to fisico delle primissime forme umane, quando l'uomo emerse dal Terzo Regno, furono parzialmente indotte da cambiamenti avvenuti nel veicolo astrale e in quello eterico, i quali adombravano e interpenetravano quello fisico. Lo sviluppo interiore dell'uomo si espresse all'esterno in molte strutture, compresa la tiroide, e accelero le trasformazioni fisiche. "A quell'epoca esistevano uomini giganteschi," e la pelle dell'uomo

2) Embriologicamente, la ghiandola tiro ide e una struttura della lingua, e quando e resa inefficiente dalla mancanza di iodio, si allarga diventando un gozzo.

67

ANATOMIA ESOTERICA

sub! notevoli trasformazioni, specialmente per cio che riguardava il colore e 10 spessore. Apparvero uomini dalla pelle rossa e persino blu. Tali effetti furono anche il risultato dell'influenza esercitata dal mondo interiore sulla ghiandola pituitaria attraverso il suo minuscolo chakra.

Gli ominidichenonfurono 'adombrati' da matrici divine, si estinsero o regredirono in forme scimmiesche sul tipo dei gorilla e dei gibboni. II destino superiore dell'Uomo risiede nelle energie che dalle matrici interiori 'adombranti' si riversano nella tiroide.

La tiroide e una ghiandola endocrina e, pertanto, secerne il suo ormone (la tiroxina) direttamente nei vasi sanguigni. Questo messaggero chimico agisce da catalizzatore, accelerando l'ossidazione dei tessuti. La tiroide governa il ritmo dell'attivita dei tessuti del corpo e, incidentalmente, influenza il tasso di ossigeno da essi consumato. Lo iodio e un componente essenziale della tiroxina, e la tiroide 10 estrae dal sangue. Se manca 10 iodio, la ghiandola si gonfia fino a formare un gozzo.

La mancanza di tessuto tiroideo produce effetti drammatici nei girini, dei quali interrompe lametamorfosi: essi non si trasformanoinrane.Aggiungendoall'acqua dell'estratto tiroideo, la metamorfosi riprende. Se si somministra dell'estratto tiroideo a girini" normali, essi si trasformano in rane in un terzo del tempo ordinario.

Pili di un secolo fa, alcune creature acquatiche dell'America Latina, chiamate axolotl, furono esposte in una mostra a Parigi. Nelle acque dei laghi sudamericani, l'axolotl e interamente acquatico. Come il girino, benche molto pili grande (circa 25 centimetri di Iunghezza), possiede le branchie, una coda pinnata e quattro corte zampe, suggerendo COS1 che Ia sua metamorfosi sia stata interrotta. Dopo averli sistemati in degli acquari, gIl organizzatori della mostra di Parigi rimasero estremamente sorpresi quando Ii videro trasformarsi in animali terrestri. Gli axolotl persero branchie e pinne, svilupparono organi per la respirazione, abbandonarono la vita acquatica e acquistarono una pelle bianca e gialla, Ie palpebre, una grossa coda e piedi artigliati. Si scopri che il cambiamen to era dovuto alla presenza di iodio nell'acqua di Parigi, La metamorfosi delle creature continuo, e il risultato furono degli animali terrestri completamente diversi dalla 101'0 forma acquatica.

Quando I 'uomo, lungo l'arco ascenden te dell' evoIuzione, si lascera dietro Ie acque della sua natura emotiva - per usare un linguaggio astrologico - polarizzandosi su atteggiamenti distaccati e mentali, in lui si verifichera una grande metamorfosi. In questa transizione, Ia controparte magica della iodio sara la capacita di focalizzare la mente, in modo prolungato e distaccato. I profondi cambiarnenti interiori saranno ottenuti attraverso il centro della gola sui suoi vari piani. AlIo stesso tempo, suI piano fisico si potranno osservare notevoli trasformazioni dei tipi razziaIi, trasforrnazioni che avverrano attraverso ghiandole endocrine, come la pituitaria e la tiroide.

68

LA TIROIDE

AXOLOTL (AMBYSTOMA)

Membro della famiglia delle salamandre, l'axolotl e peculiare per il mantenimento permanente delle caratteristiche larvali, come ad esempio Ie branchie esterne. Si trova nei laghi vicino a Citra del Messico, dov' e considerate una leccornia alimen tare. Il nome axolotl si applica anche a ogni larva adulta del genere Ambystoma, che non ha ancora perso le branchie esterne.

L 'Ambystoma mexicanum raggiunge la lunghezza di 25 centimetri, ed e di colore bruno scuro punteggiato di nero. Le zampe e i piecli so no piccoli e deboli, la coda e lunga. Ha una pinna che si estende dalla parte posteriore della testa fino alla punta della coda. Esemplari di laboratorio talvolta si trasformano in una forma priva di branchie, somigliante all'adulto della salamandra tigre (Ambystoma tigrinum).

L'evoluzione ha prodotto un certo numero di tipi a sviluppo multifasico, la cui storia vitale comprende una successione di stadi larvali. Tale tipo di sviluppo offre la possibilita di variare l'importanza relativa di ciascuna fase, in relazione allo sfruttamento delle risorse a disposizione e alla riproduzione della specie. Ci sono, ad esempio, molti tipi di animali (particolannente insetti), che passano quasi l'intera vita in uno stadio larvale, nel quale avvierie la maggior parte della nutrizione e della crescita dell'organismo. Lo stadio aclulto finale e breve, e viene usato quasi interamente per la riprocluzione.

69

ANATOMIA ESOTERICA

Un 'altra strategia evolutiva e quella di trasferire la fase riproduttiva dallo stadio finale della vita a qualche stadio larva le precedente. Questo accade, di nuovo, in alcuni insetti. Se un tale processo viene seguito fino alla sua logica conclusione evolutiva, 10 stadio finale adulto della storia vitale puo sparire completamen te, e la fase larvale appena precedente diventa 10 stadio adulto delI'organismo.

Un esempio in cui questo processo e almena parzialmente compiuto e quelIo dell 'axolotl, una salamandra che si riproduce alIo state larvale, e in natura non si trasforma quasi mai in adulto. Questa trasformazione puo comunque essere otten uta artificialmente, iniettando dosi extra dell'onnone tiroxina.

E state suggerito che tali processi di neotenia (il mantenimento di alcune caratteristiche giovanili nell 'adulto) abbiano giocato un ruolo decisivo in qualche antica fase dell' evoluzione, di cui non restano tracce. E state anche detto che l'intero phylum dei vertebrati possa aver avuto origine da modificazioni di uno degli stadi larvali di un gruppo invertebrato.

II fenomeno per cui delle caratteristiche larvali vengono mantenute negli adulti e detto pedomorfosi. Esso caratterizza in certo grade tutte le salamandre, ma e particolarmente evidente in specie come quella dell'Ambystoma mexicanum (l'axolotl) che mantiene le branchie e altre strutture larvali per tutta la vita. Tali animali si riproducono durante uno stadio di sviluppo che e essenzialmente larvale. Si tratta di una condizione estrema (caratteristica di proteidae, necturidaee sirenidae), che si riscontra anche in parecchie specie di plethodontidae e ambystomatidae.

Nella maggior parte delle specie, 10 state larvale permanente e determinato in modo ereditario, rna in alcune e indotto da fattori ambientali, come possono essere delle condizioni terrestri sfavorevoli, risultanti da siccita 0 freddo, La metamorfosi pili completa si trova nelle famiglie hynobiidae, salamandridae, ambystmnatidae e plethodontidae. Quasi tutte le specie dellafamiglia plethodontidae si sviluppano interamente sulla terra, senza unafase larvale acquatica. II neonate e privo di branchie, 0 possiede branchie rudimentali che scompaiono presto, ed e sotto tutti gli aspetti praticamente una miniatura dell'adulto.

70

GLI OCCHI DIVENTAl'JO PALPEBRATI

LA MEMBRANA TRA LE DITA SCOMPAl~

LE ZAlvIPE SI ISPESSISCONO

LE PINNE SCOMPAIONO -----

LA CODA DIVENTA PIO SPESSA E PERDE LA CRESTA

APPAR.E LA COLORAZIONE GIALLA

SAIAMANDRA TIGRE

L'axolotl puo trasformarsi in una salamandra tigre.

Di solito si riproduce senza effettuare questo cambiamento.

ANATOMIA ESOTERlCA

In astrologia esoterica, Saturno governa la ghiandola tiroide e 10 scheletro, che da tale ghiandola e influenzato profondamente. Saturno e Signore del Terzo Raggio dell'Intelligenza Attiva, 'Colui che tiene al passo gli altri Raggi'. E anche il pianeta che govern a l'integrazione (individuazione) della personalita, che e sempre un prerequisite della rinascita spirituale e della trasforrnazione fisica e psicologica che ne risulta.

II normale passaggio di energie nei chakra della testa richiede che il centro della gola, il cui 'territorio' esse devono attraversare, sia stabile. Nelle persone pili sviluppate spiritualmente, la regione della gola diventa uno dei siti di ancoraggio di quel deva solare che alcuni chiamano Nirrnanakaya, e le strutture nel midollo del cervello diventano cosi sensibili da trasformarsi in stazioni riceventi per le cornunicazioni superiori. Tale stabilita viene raggiunta soltanto quando an-iva un rifornimento costante di energie dall'alter ego inferiore del chakra della gola.

Le energie sessuali del centro sao-ale, un loto a sei petali, devono essere elevate fino al centro dellagola, altrimentiquesto non puo raggiungere la stabilita. L'intelligenza attiva richiede grandi energie, e chi non e in grado di 'nutrire' l'area della gola con energie sao-ali sublimate, va incontro ad attacchi di esaurimento, episodi di ipotiroidismo, mal di gola da streptococchi, eczema e acne cronica.

Quando i centri della testa vengono risvegliati troppo rapidarnente, e la creativita non riesce a ten ere il passo con tale esuberanza, il chaha della gola e sovrastimolato, e si puo avere ipertiroidismo con tirotossicosi. (3) II neofita e sempre sovreccitato, e deve praticare il rilassamento e lameditazione per ritrovare I'equilibrio. Usare sale iodato per la tiroide e sempre una buona pratica quando si e impegnati nelle discipline del discepolato.

La ghiandola pineale, la ghiandola pituitaria e Ia tiroide, con Ie 101'0 attivita singole o combinate, e con i chakra 101'0 correlati, sono gli strumenti che mode llano il veicolo dell'anima, in una gamma cheva dal cretino all'autentico cherubino. (Vedi Pag. 75: Cupido costruisce il suo arco.)

Tra tutte Ie ghiandole a secrezione interna, la tiro ide e probabilmente quella meglio compresa. La sua funzione e quella di regolare il ritmo del metabolismo corporeo, e quindi la velocita con cui ciascuna cellula del corpo 'brucia' iI glucosio in presenza di ossigeno. L'energia liberata da questa attivita metabolica e usata dalle cellule per espletare le funzioni necessarie per man tenere in vita sia se stesse, che l'organismo di cui fanno parte. Laformulachimicadella 'respiraziorie interna' e cIassicamente espressa COS1:

glucosio + ossigeno = anidride carbonica + acqua + energia

3) La tirotossicosi e una condizione di intossicazione dovuta a eccessiva secrezione tiroidea. I sintomi comprendono l'accelerazione del battito cardiaco, tremori, metabolisrno basale elevato, ghiandola ingrandita, esoftalmia, sintorni nervosi e perdita di peso.

72

Urano

Terra

SATURNO, IL SIGNORE DEL KARMA, SINTETIZZA LA PERSONALITA

ANATOMIA ESOTERlCA

Oppure, in modo an cora pili semplice, una molecola di glucosio 'bruciata' con sei molecole di ossigeno produce energia calorica, pili sei molecole di anidride carbonica e sei mole cole d'acqua come 'prodotti di scarto'. (4)

Esaminando la formula chimica della respirazione interna, 10 studioso di scienze esoteriche noted immediatamente i due gas implicati nella reazione - uno e l'ossigeno e l'altro l'anidride carbonica - e ricordera che il controllo della respirazione esterna e una "conditio sine qua non" della meditazione efficace.

Ossigeno

Legati alla molecola di ossigeno si trovano i globuli della vitalita, che rappresentano la controparte esoterica della molecola di glucosio.

ATOMO DI OSSIGENO CON I GLOBULI DELLA VITALITA'

La regolazione del metabolismo da parte della tiroide comprende anche il controllo dell'assorbimento di prana dai globuli della vitalita legati aIle molecole di ossigeno, anche se questo tipo di controllo non puo essere molto stretto. Va notato inoltre che l'attivita tiroidea si misura di soli to valutando la quantita di ossigeno atmosferico che una persona consuma. Esiste una regola basata sulla superficie della pelle. Quando la tiroide e iperattiva, la quantita di ossigeno consumata nella respirazione interna aumenta.

4) Per i dettagli sull'intima relazione che esiste tra Ie ghiandole endocrine (ghiandole a secrezione interna) e il corpo eterico (il veicolo che fornisce energia vitale 0 prana al corpo fisico), efr. Anatornia Esoterica, Vol. 1.

74

CUPIDO COSTRUISCE IL SUO ARCO

ANATOMIA ESOTERlCA

Anidride carbonica

L'anidride carbonica e espulsa attraverso i polmoni. Quando la respirazione rallen ta, l' anidride carbonica si accumula nel corpo. Essa agisce sui chemiorecettori del corpo carotideo, una ghiandola del colla che secondo Ie scuole esoteriche ha un effetto endocrino, oltre a influenzare il ritmo della respirazione. Alcuni esercizi di respirazione, uniti alIa meditazione, elevano talmente il livello di anidride carbonica nel corpo, che il centro respiratorio diventa abbastanza sensibile da poter essere raggiunto dal Maestro che, stimolandolo, puo imprimere maggior forza alle impressioni audiovisive associate alIa meditazione.

Con il graduale risveglio dei cen tri al di sopra del diaframma, il fabbisogno di prana aumenta, e benche esso venga parzialmente soddisfatto da meccanismi non direttamente governati dalla tiroide, quando le capacita energetiche del centro della gola si espandono, si ha comunque sempre un certo aumento dell'attivita tiroidea. E raro che questo maggiore bisogno di ossigeno si manifesti in una vera e propria iperattivita della tiroide (ipertiroidismo), rna esso esiste anche se non ci sono sintomi c1inici. Negli anni a venire, sara illuminante, oltre che probante, condurre test di consumo dell' ossigeno su persone che si sottopongono a rigorose discipline esoteriche - specialmente quando queste includono la meditazione - e compararli con il consumo ordinario. Tali test potrebbero mostrare che il consumo di ossigeno si abbassa durante la meditazione, rna aumenta in generale.

Un'altra spiegazione esoterica per l'aumento del consumo di ossigeno, divers a da quella fornita qui, si basa sul fattore del Fuoco. Abbiamo visto come i fuochi della respirazione interna consumano ossigeno. Questo e Fuoco per Attrito, unautentica manifestazione del Terzo Aspetto della Trinita, quello che sostiene 10 Spirito Santo. II Fuoco Solare e associato al Secondo Aspetto della Trinita. E la forza che guida l'evoluzione, il movimento per cui la vita si evolve in forme pili sottili e pili spirituali. E collegato alla qualita della vita. Resta quindi da considerare il Primo Aspetto della trinita, il Fuoco Elettrico.

II Fuoco Elettrico e extrasistemico, ed e utilizzato da quegli eletti dell'umanita che seguono il Sentiero, e volontariamente scelgono di cortocircuitare la loro evoluzione spirituale, concentrando i loro sforzi nello spazio di poche vite, e accelerando il loro sviluppo spirituale attraverso il processo dell'iniziazione. Con l'applicazione della verga iniziatoria ai vari centri, si ha unapertura rapida e progressiva dei chakra al di sopra del diaframma. L' obiettivo finale dell'azione del Fuoco Elettrico e costituito dai gioielli splendenti, 0 atomi permanenti, che giacciono sepolti nei tre centri della testa.

II prana esiste su tutti i piani, e I'aziorie del respiro in certe condizioni, che portano al ritiro dei sensi dal mondo esterno, alimenta i fuochi interni. La stimolazione da parte del Fuoco Elettrico e possibile solo quando il chakra Alta Major e aperto.

76

LA TIROIDE

Questo centro e l'alter ego del chakra della gola. II suo risveglio conferisce un duraturo potere creativo. Quello che l' ossigeno e per la tiroide, l'anidride carbonica e per la ghiandola carotidea, ed entrambe queste ghiandole sono associate ai relativi chakra. (5)

5) Per ulteriori informazioni sul chakraAlta Major, vedere le pagine 30-40 di Meditazione, Teoria e Pratica, dell'autore, Edizioni Crisalide.

77

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI

ANALISI DEL DOLORE

Quando su di noi si abbatte il diluvio del dolore e della malattia, ci chiediamo disperati: "Perche questo deve succedere proprio a me? Ce la faro a sopportare tutto questo dolore? Cosa devo fare per farlo passare? Perche vi e tanto dolore al mondo? C'e in esso un significato nascosto e pili profondo?" Queste so no alcune delle domande che ci poniamo, spesso nei momenti pili duri ed amari della nostra vita.

II dolore e il 'parente povero' della famiglia dei sensi. N essuno 10 vuole. it scomodo, e spesso e motivo di allarme. Tuttavia, il compito che esso svolge per la coscienza adombrante non e meno importante di quello di tutti gli altri sensi specializzati, come la vista 0 l'udito. II dolore possiede degli organi di senso propri che 10 risvegliano, e speciali fibre nervose che ne trasmettono gli impulsi al cervello. In genere, tendiamo a considerare il dolore come un' estensione degli altri sensi - ad esempio il risultato di troppa luce, 0 di troppo rumore - ma esso e decisamente un senso a se.

I cinque sensi meglio conosciuti servono a darci informazioni sull'ambiente che ci circonda. La scienza esoterica sostiene che essi esistono per estendere la nostra coscienza interiore, (non solo quella esteriore). Tra tutti i sensi, pero, e il dolore quello che meglio svolge questafunzione. it il dolore che regolala nostra coscienza, impedendoci di assorbire troppi stimoli dall'ambiente in una volta sola. Per esempio, troppa luce che danneggerebbe gli occhi, troppo rumore che danneggerebbe le orecchie, eccetera.

A questo riguardo, il dolore sta ai sensi come la ghiandola pituitaria anteriore sta aIle altre ghiandole endocrine: puo essere considerato una specie di direttore d' orchestra. Troppo dolore puo modificare la soglia degli impulsi ricevuti dagli altri sensi. Dopo un attacco di dolore persistente, cominciamo a diventare ipersensibili a tutti gli stimoli ambientali. Proprio come il mal di mare acuisce il senso della vista, il dolore ci permette di percepire unagammadi impulsi pili ampia. D'altra parte, il troppo dolore iniziaun processo che portaallosvenimento, disattivando in tal modo tutti i sensi (ho scelto con cura le mie parole, a beneficio degli studiosi esoterici) .

Considerando i vari tipi di sofferenze, che vanno dal mal di testa all' emicrania, fino a quelle associate al parto, come definiamo il dolore? Cio che puo essere doloroso per qualcuno, puo non esserlo (0 non allo stesso modo) per qualcun altro. Di primo acchito, molti potrebbero invidiare un certo caporale di 25 anni che non aveva alcuna sensibilita al dolore. I suoi denti furono a pili riprese trapanati dal dentista;

79

ANATOMIA ESOTERlCA

gli furono praticate numerose siringhe ipodermiche; la sua gamba fu ferita da un'ascia, che penetro fino all'osso, causando un taglio che richiese venti punti di sutura; dopo aver tenuto per parecchi minuti le mani immerse nell' acqua ghiacciata, cosa che per chiunque altro sarebbe stata estremamente dolorosa, egli osservava:

"Quest'acqua sembra piuttosto fresca." In realta, senza gli avvertimenti del dolore, quest'uomo conduceva una vita dura, e doveva affrontare nella sua vita quotidian a pericoli che non minacciavano gli altri.

Il dol ore e scomodo, e spesso e causa di allarme. Tuttavia, e ormai provato che l'idea che l'intensita del dol ore non abbia limiti, idea che e stata per secoli fonte di paura per l'umanita, e tanto irreale quanto il mitico baubau. Ormai si sa che il dolore non diventa mai tanto forte da superare la soglia di sopportabilita dell'individuo. La prossima volta che proverete dolore, consideratelo alIa luce di questa nuova conoscenza. Rimarrete sorpresi da quanto meno male vi fara,

Aspetti esoterici del dolore

Abbiamo esaminato la visione exoterica del dolore. Ma che possiamo dire di quella sofferenza e di quell'angoscia che non possono essere misurati da scale e numeri - il dol ore mentale ed emotivo?

La misura in cui un uomo deve soffrire dipende in buona parte dalle informazioni codificate nell'atomo permanente del suo corpo fisico. A sua volta, queste sono determinate dal suo karma, e specialmente dal suo karma fisico. Un altro fattore importante e il grado di coscienza spirituale da lui raggiunto. Le persone pili spirituali hanno grandi responsabilita verso l'umanita, e ne devono condividere il fardello di karma doloroso in misura maggiore di col oro che sono meno sviluppati.

Mentre lacoscienza umanalentamente, mainesorabilmente, si elevae si con centra nella regione della testa, e mentre i manicomi si affollano, e la vendita di farmaci continua a salire, quale consolazione puo trovare I'umanita sofferente? Solo gli insegnamenti esoterici possono offrire la vera risposta a questa domanda, grazie alla Iuce che gettano sull'argomento del dolore.

II dolore e uno dei due serpenti attorcigliati intorno al caduceo. L'altro i: la gioia. Il dolore e la gioia portati all'estremo diventano sofferenza ed estasi. Nelle prove dell'iniziazione, essi raggiungono l' armonia nell' estasi dolorosa. E in torn 0 alIa verga dell'iniziazione che i due serpenti si attorcigliano:-

Non e sul sentiero del piacere, ne su quello del dolore cheviene la liberazione, o la saggezza puo essere ottenuta. E trascendendo entrambi, fondendo il dolore e il piacere, che si raggiunge Ja meta, quella meta che si vede in lontananza, come un pun to luminoso e si perde nelle tenebre di una notte invernale, (I)

1) Da Il Trattato di Magia Bianca, di Alice A. Bailey, Edizioni Nuova Era.

80

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI

Ci viene detto che dolore significa"seguire la linea della massima resistenza, attraverso cui si raggiunge la vetta della montagna." Il dolore e la distruzione della forma e il raggiungimento del fuoco interno. E il freddo dell'isolamento, che conduce al calore del sole centrale. E bruciare nella fornace, per poter conoscere infine la freschezza dell'acqua della vita. E il viag&,io in un paese lontano, che termina con il benvenuto nella Casa del Padre. E l'illusione del ripudio del Padre, che conduce il figliuol prodigo direttamente al suo cuore. E la croce della perdita totale, che restituisce le ricchezze della bonta eterna. E la sferza che spinge il costruttore a lottare, per arrivare alla perfezione nella costruzione del Tempio. I vantaggi del dolore sono molti, e guidano l'anima umana fuori dalle tenebre e dentro la luce, fuori dai legami verso Ia liberazione, e fuori dall'agonia verso la pace. Quella pace, quell a luce e quella liberazione, nell' ordinata armonia del cosmo so no per tutti i figli dell'uomo. (2)

II dolore e il climax della negativita, che costringe il corpo a sottomettersi. Altre discipline, come la meditazione e l'applicazione cosciente della volonta, possono fare 10 stesso, rna in modo pili dolce. Sotto la sferza del dolore, il corpo si sottomette a qualsiasi cosa pur di evitarlo: grida, contorcimenti, fuga, eccetera. Tali attivita si trovano per la maggior parte fuori dal controllo della uolonta e, quindi, sono negative e praticamente senza valore per l' esoterista. L' alternativa e un processo che non ha uguali nella capacita di accelerare l' evoluzione dell'uomo interiore. Si tratta della sottomissione deliberata (e gioiosa) del corpo al dolore. Gli studiosi seri riconosceranno qui illegame con le discipline della Yoga .

... Il distacco e la grande qualita da coltivare; esso deve essere sviluppato insieme alIa volonta di sottoporsi gioiosamente a qualunque scomodita ternporanea, dolore 0 agonia, tenendo in mente Ia gloria futura che spazzera via Ie nuvole dell'ora presente.v"

Classificazioni del dolore

Ci sono tre principali classificazioni del dolore nelle scienze esoteriche. C'e il dolore che deriva dall'apprendimento attraverso il processo per prove ed errori. Ogni uomo prova questo tipo di dolore, il quale e una parte necessaria del processo di formazione e di integrazione della personalita; non bisognerebbe mai interferire con essonegli altri. Noi impariamo dal dolore provocato dai nostri errori, e un uomo che non ha mai fatto un errore, non ha mai fatto nulla. Un'educazione troppo protettiva, tesa ad evitare al bambino tutti i colpi della vita, non e quella che meglio prepara al severo processo di modellamento del discepolato e dell'iniziazione.

Poi c'e il dolore che l'individuo prova, anche se non gli spetterebbe dal punto di vista karmico. Spesso, persone abbastanza libere da karma negativo possono essere

2) Ibid., pag. 85.

3) The Golden Hoard, pag. 58.

81

ANATOMIA ESOTERICA

coinvolte in una serie di circostanze che causano grande dolore: una guerra, un incidente, un terremoto, eccetera, circostanze che non appartengono al processo di prova ed errore. Queste persone dovrebbero essere aiutate in ogni modo possibile a sopportare il dolore che incontrano.

II dolore risultante dalla sconsideratezza e dalle azioni involontarie di vite passate e il pili difficile da riconoscere e da affrontare. Le malattie fisiche, emotive e mentali, 0 le malforrnazioni fonti di dolore, sono opera di un precise meccanismo, che fornisce nel modo pill efficien te all' anima incarnata i veicoli di apprendimento pili adatti a favorire I'eliminazione dei difetti sopravvissuti aIle lezioni di una vita precedente. (4)

Infine, c'e il dolore pili spaventoso e, allo stesso tempo, pili dolce di tutti. Spaventoso perche appartiene ad una dimensione diversa da quella conosciuta dai pili, e dolce perche e accettato volontariamente. La dimensione e diversa perche ha un carattere planetario. Si tratta del dolore che il Maestro Cesu assunse su di se, e che tutti i discepoli suI Sentiero devono condividere.

Karma e dolore sono intimamente legati. Quando un uomo si assume deliberatamente la responsabilita di una pili vasta entita, come il patriota fa con la sua patria, il grado in cui Ie sue azioni 10 coinvolgono nel karma e in rapporto alla differenza tra la vita organizzata del suo stesso corpo e quella dell'essere (la nazione), di cui egli e soltanto una piccola parte. Percio, il dolore sofferto partecipando al karma nazionale, come quello che deriva da guerre, rivoluzioni, crociate per qualche alto ideale, eccetera, ci innalza a un livello di sofferenza superiore. E per mezzo di tale sofferenza, riduciamo la somma totale di dol ore prevista dal karma di quella nazione. Questa quantita di dolore eben definita e dipende dalle vite condotte dall' anima nazionale nelle sue incarnazioni precedenti. Quanto pili l'intellighenzia avanzata, i patrioti e i sensitivi tenderanno ad accollarsi una parte maggiore del dol ore planetario, tanto meno ne restera per le anime pili giovani di quella particolare nazione.

Un'attenta riflessione rivelera Ie implicazioni esoteriche dell'azione del Maestro Cesu, il quale diede una dimostrazione proprio di questo tipo di dolore. E un esempio per coloro che seguono il Sentiero del discepolato, e che si sacrificano al servizio dei fratelli pili giovani. Alcuni, come gli artisti, i politici, i guaritori, eccetera, servono in altri modi. Ci sono sette sentieri principali, correlati ai Sette Raggi.

Sappiamo che la crescita maggiore viene dall'esperienza del dolore. L'attuale accelerazione del processo evolutivo dell'umanita era quindi inevitabile, poiche l'Eta che sta finendo, quella dei Pesci, e stata marcata dal dolore intenso di guerre, sacrifici e martirio. I frutti di tali sofferenze si manifesteranno nella scienza

4) COS!, la ghiottoneria di una vita precedente, pUG produrre cattiva digestione e dolori di stomaco in questa vita. Un uomo il cui lavoro un tempo, nell'antica Persia, era quello di accecare i prigionieri nemici, sara colpito da cecita nella vita presente. Vedere l'articolo di Margaret Tutt "Karma and Pain", in Aquarius Rising, giugno/luglio 1959.

82

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI

illuminata, nell'arte e in altri aspetti dellespressione umana, durante l'Eta dell'Aquario che sta iniziando.

I membri della Gerarchia sapevano che questo perioelo eli stress era necessario per la razza umana. Essi inviarono illoro eletto, il Maestro Cesu, il quale scelse il segno dei Pesci come suo simbolo, e eli fatto fu un 'pescatore di uomini'. Cesu sapeva che il culmine del suo lavoro sul Sesto e sul Secondo Raggio sarebbe stato un supremo atto di servizio verso I'umanita: condividere il farelello eli elolore previsto dal karma della razza umana per quell'Era. Si trattava di un preliminare necessario per poter raggiungere l'illuminazione nell'Eta cleIl'Aquario.

Noi che operiamo suI Sentiero, conosciamo molti esempi di cliscepoli che continuano a prendere su eli se una parte eli quel comune fardello, in modo che per le anime pili giovani, per i 'piccoli' che verranno, la via non sia troppo tortuosa e elolorosa. COS! accacle che un discepolo giunto allo stremo delle forze, stanco ed esausto dopo

83

ANATOMIA ESOTERICA

una vita di servizio, a voIte decida di contrarre volontariamente una spaventosa malattia, che comporta doIori terribili. Egli soffrira da solo, senza vedere dottori, senza chiedere sollievo, nel suo atto finale di servizio - la riduzione del fardello comune di dolore.

Il dolore e I'evoluzione planetaria

Ho intravisto la mia parte di paradiso e d'inferno dalle incustodite autostrade della mia mente.

I miei piedi, simili a pesci, hanno subito le insidie ed i colpi di mille vite pass ate sulla strada tormentosa;

ora, liberatisi delle scarpe dei Pesci e calzati di Anima, sentono la vibrazione della "terra colma di Paradiso, su cui ogni comune siepe e infiammata da Dio ".

L 'anima mundi, celeste rugiada,

emerge da ogni occhio, arde in ogni colore;

la sua asta, la sacra verga di Sanat, giocattolo del primo nato, con stimoli neuronali mi ha incessantemente spronato;

ha fatto crescere la frusta vagale del tormento dei sensi,

il dolce dolore dei serpenti intrecciati, l'impulso vitale,

che mi hanno spronato a raggiungere la vetta della montagna.

Douglas Baker Inghilterra, 1968

Una volta che e ben chiaro il concetto delle dimensioni superiori del dolore, emergono aItri fattori pili esoterici, Abbiamo visto come la soglia degli impulsi sensoriali che raggiungono la coscienza possa alzarsi 0 abbassarsi in certe condizioni. Dopo aver provato un dolore persistente, per esempio, diventiamo pili sensibili al suono, alIa luce e ad altri stimoli. Durante la luna piena, la soglia degli impulsi che arrivano sul pianeta dai livelli superiori si abbassa enormemente, e l'effetto degli impulsi diventa pili forte. E in questo momento che gli esseri avanzati del mondo si preparano a ricevere, nella meditazione ricettiva, il diluvio di energie stimolanti e ispiranti che giungono sulla Terra dalle Schiere Solari e, per mezzo loro, dallo spazio extra-sisternico.

Gli uomini pili progrediti corrispondono alle cellule sensoriali del cervello planetario, e la loro capacita di soffrire, di sentire, di assorbire Ie forze divine in arrivo, determina la quantita di ispirazione che il pianeta puo ricevere, la quantita di energia stimolante (la quale costituisce la forza motrice dell'evoluzione) che puo essere assorbita in ogni dato momento. Proprio come il dol ore dilata Ie pupille e lascia entrare pili luce negli occhi, COS! il dolore planetario - sopportato dai pochi che sono in grado di condividerlo in ogni momento - permette un maggiore assorbimento di luce 0 di coscienza divina.

84

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI

Le lacrime sono l'acqua della vita, e il dolore condiviso con gli altri esseri umani 0 con gli animali, forgia un legame che raramente si rompe. A chiunque, una volta o l'altra, sara capitato di assistere un animale disperatamente malato, 0 di condividere il dolore di unaltra persona. II risultato sara state quasi certamente un legame di amore indescrivibile. Barriere di razza, sesso, ran go e regno svaniscono. Per illustrare questo punto, desidero raccontare una mia esperienza personale:-

Non dimentichero mai la polvere e il fumo della cordite a El Alamein, la notte del 23 ottobre 1942. Era una notte di luna piena. Un proiettile aveva strappato venticinque centimetri di carne dalla mia spalla ... un ragazzo Basuto piccolo e agile, dal viso nero, striscio verso di me in quell'inferno per tamponare la forte perdita di sangue. Pili tardi, rieordavo solo il bagliore dei suoi denti bianchi sotto la luna, e non molto di pili, eccetto forse la sua gentilezza. Circa sei settimane dopo, mi reeai zoppieando neIl'aecampamento dei Basuto, sperando di trovare quel piccolo barelliere senza nome, per rieompensarlo in qualche modo. Tra tutta quella gente, non sapevo dove eereare. Poi un grido e una figura che correva riehiamarono la mia attenzione: era lui. Lo rieonobbi, e lui rieonobbe me. Non ci dicemmo niente, non c'era niente da dire. Ma ei univail silenzio pili eloquente che ci siamai stato. Avevamo eondiviso il dolore, e cia aveva abbattuto il muro che spesso separa i bianchi dai neri.

La funzione fisica del dolore

II dolore ha una forte funzione preservatrice nell'uomo. Quando una parte del nostro corpo viene danneggiata, il dolore che ne deriva porta la nostra attenzione su di essa. La concentrazione dell'attenzione su quel punto e resa pili intensa dal dolore stesso. E proprio quella concentraziorie e importante per aiutare il corpo a riparare il danno, e a trasmettere energia all'area colpita. La corrente di energie vitalizzanti men tali ed emotive richiama nel pun to danneggiato forze eteriche in sintonia con essa. Tali forze aiutano il corpo nell'opera di guarigione.

AlIa base di tutte le guarigioni ottenute per contatto 0 tramite 10 sguardo, si trova il fondamentale principio secondo cui "l'energia segue il pensiero". Nel punto in cui focalizziamo 10 sguardo, viene diretto un flusso della nostra migliore energia. A questo proposito gli studiosi di esoterismo ricorderanno, forse, i lavori del dottor Oscar Brunler sulle radiazioni del cervello.

II fenomeno del dolore nell'uomo e di origine antichissima e, come sensazione, e certamente precedente alla vista, all'odorato e al gusto. Nelle sue manifestazioni iniziali, non era che un rozzo meccanismo reattivo, relativo aIle superfici esterne 0 ectodermiche della struttura umana, e si distingueva appena dalla sensazione del tattoo Anche nella storia confusa che precedette la condensazione eterica dell'uomo, sul continente iperboreo, e prima ancora che si fosse sviluppato un sistema nervoso rudimentale nelle matrici astrali e mentali, l'apprendimento per prove ed errori era gia cominciato.

85

ANATOMIA ESOTERlCA

In questo stato privo di mente era gia stato elaborato, per mezzo del tatto, un vago disagio che accompagnava gli errori di giudizio. Le minacce alla sopravvivenza, derivanti da un contatto dannoso, evocavano nelle strutture superficiali delle reazioni, grazie alle quali si concretizzo gradualmente la matrice eterica dell'attuale ectoderma. Osservando oggi l'embrione umano, il quale riflette questi antichi sviluppi, notiamo che dove l'ectoderma comincia a piegarsi verso l'interno, per form are una varieta di organi, come il sistema nervoso, gli occhi, Ia bocca, i capelli, 10 smalto dei denti, l'ano, eccetera, la reazione spiacevole al tocco si trasforma in dolore. Persino in quella regione che alla fine si addensa per formare la pelle propriamente detta, il dolore si sviluppa in organi sotto la superficie del derma.

Per tale ragione, il dol ore e associato in astrologia con il segno della Scorpione. Le qualita della Scorpione emergono da recessi nascosti, come Ie invaginazioni delle superfici da cui si formano gli organi. COS! il dolore, oltre che sulla superficie del corpo (dove puo facilmente essere alleviato grattandosi) nasce anche a livelli profondi, in recessi di organi difficili 0 impossibili da raggiungere, come la vagina, il colon, il meato uditivo, eccetera.

L'irritazione superficiale della pelle di solito era dovuta agli sciami di insetti velenosi, contro i quali l'uomo era praticamente indifeso in queUe epoche, e 10 Scorpione govern a gli insetti (da qui deriva anche l'associazione delle ferite provocate da strumenti taglienti con Marte, il quale e ancora indiscutibilmente il governatore planetario, ortodosso ed esoterico, dello Scorpione). L'infiammazione successiva al danneggiamento dei tessuti e all'infezione, porto anch'essa la sua dose di stress. In astrologia il dolore, l'infiammazione e 10 stress intenso e doloroso, sono governati tutti dal segno della Scorpione. Infine, anche le lesioni autoinflitte, per semplice errore, 0 a causa di un comportamento sessuale sconsiderato, fino al suicidio stesso, sono attributi della Scorpione.

Ogni volta che riusciamo a rapportare una caratteristica anatomica 0 fisiologica al suo Raggio 0 alla sua correlazione astrologica, possiamo immediatamente dedurre parecchie caratteristiche ad essa collegate.

Tutti sappiamo che il dolore genera dolore, consuma energia, specialmente ai livelli pili profondi, e ci sensibilizza agli stimoli dolorosi. COS! un dolore che inizia in un pun to localizzato, come un ascesso alla radice di un dente, puo estendersi al corpo intero. Tale ipersensibilita al dolore e ad altri stimoli sensoriali e essenzialmente associata allo Scorpione, ed e doppiamente enfatizzata se nel tema natale questo segno zodiacale e situato nella Prima Casa, 0 se la Luna si trova in Scorpione.

La Luna in Scorpione, 0 Marte congiunto alIa Luna, provocano sensibilita al dolore, e anche quella profonda sensibilita della psiche che chiamiamo coscienza. La casa in cui si trova la Luna in Scorpione indica a cosa e sensibile la coscienza. (5)

5) Vedi Douglas Baker, Esoteric Astrology, parte II, pag. 119.

86

ANATOMIA DEL DOLORE E DELL'ESTASI

Luther Burbank sottopose delle piante a forte stress, dimostrando che 1a tensione produceva molto rapidamente dei cambiamenti nella loro forma fisica, Indico, inoltre, che l'incremento della varieta e del grado delle mutazioni non derivava da fattori temporali, rna dall'aumento della tensione. Siamo d'accordo con Burbank quando afferma che:-

Quanto pill la pianta 0 l'uomo sono sensibili, tanto pili prontamente assorbono le energie emesse dall'ambiente circostante 0 dalla situazione. E tutto un problema di vibrazioni - un problema eli risposta alle vibrazioni.

11 punto che vogliamo chiarire e che il dolore e I'ipersensibilita degli organi interni si riflettono spesso in aree specifiche della pelle, provocando cio che in medicina si chiama appunto 'dolore riflesso'. Per esempio, un dol ore della vescica biliare puo riflettersi nella scapola destra. Un dolore sullato in terno del braccio sinistro indica problemi di cuore. In questo ci sono ovvie implicazioni per il guaritore esoterico, per quanto riguarda la terapia con il massaggio e la palpazione di determinate aree per alleviare il dolore. Ma determinare la correlazione tra causa ed effetto non e sempre facile. L'agopuntura funziona in questo modo, pero i1 motivo per cui un punto dell'agopuntura influenza un organo distante non e mai stato adeguatamente spiegato.

Da queste indicazioni, che mettono in rapporto fattori distanti fra loro, nasce la tesi esoterica che il corpo nel suo insieme e riflesso nelle sue protuberanze, sporgenze o estensioni. Nel campo della guarigione esoterica, queste estensioni dell'anatornia corpore a sono state esemplificate al meglio nelle seguenti aree:-

(1) La pianta del piede, nella Terapia Zonale. (6) (2) L'iride dell' occhio, nell'Iridologia. (7)

(3) L'orecchio esterno.!"

Meno noto negli ambienti esoterici e il fatto che anche la forma delle dita e delle unghie riflette i disturbi del corpo. Ad esempio, le dita a spatola possono indicare un'insufficienza cardiaca.

11 segno della Scorpione governa le estensioni, e il suo stesso glifo (111...) suggerisce questa proprieta:

Scorpione in Terza Casa Scorpione in Decima Casa Scorpione in Quarta Casa

estensione di una strada.

estensione di una piazza 0 di una strada. estensione della casa.

6) Douglas Baker, Guarigione Esoterica parte I, pag. 123, Edizioni Crisalide.

7) Douglas Baker, Anatomia Esoterics, parte I, pp. 108-109, Edizioni Crisalide.

8) D. Baker, Guarigione Esoterica, parte II, pag. 135, Edizioni Crisalide.

87

ANATOMLA ESOTERICA

Eben nota in astrologia che 10 Scorpione govern a gli organi sessuali, e il Sagittario nella Nona Casa (domicilio della Scorpione) suggerisce la lunghezza dell'organo maschiIe. Tecnicamente quindi, il glande rappresenta un organo lungo (ed allungabiIe), che dovrebbe riflettere il carpo nel suo complesso in modo simile a a guanto accade con Ia pianta del piede. In alcuni circoli esoterici, l'uso di quest' organo in erezione a scopi terapeutici viene an cora praticato. L'allungamento della colonna vertebrale aiuto l'uomo acamminare eretto, e apri Iastradaamolte modificazioni anatomiche durante la sua evoluzione. Anche la colonna vertebrale, quindi, puo essere considerata uno degli elemen ti allungati dell' organismo umano.

L'area della spina dorsale e cosi spesso sede sia del dolore che dell'estasi, che e necessario occuparcene in dettaglio

88

SOFFERJENZA TRA DUE MONDI

"\.nchc i1 dolore III flitto agli inuocenti dall' Inquisizione in no! n e di Din, non puo essere p'II'agnnalo a quelio provato cla quei pochi che si collocano cleliberatamente tra due mo ndi, nella latta per raggiungere il Quint.o Regno.

LA MORTE DI CHATTERTON

11 poeta che si avveleno. Egh possedeva le inconfondibili caratteristiche della Scorpione, era sensibile al dolore, fisico 0 spirituale, e si die de la morte con le proprie mani (Scorpione).

DEVA DEL ruoco

7 RAGG~

12 SEGN!

ZODIACALI

5 ELEMlENT!

1--- IU RACetO

1'---- IV RAGGIO f----- V RACCtO

t---- VI RAGCIO r---~~VlI RACCIO

f------- CilNCRO

!-------- VERCINE

'1-------- SCORPIGNE

1-------- SACITTi\IUO

\----~ TERRA - Triangolo Pranico

~ .. --_- FUOCO - Chakra del Plesso Solare

1--- ACQUA - Chakra Sacrale

.,----- TERRA - Chakra Radice

lLE V"ERTlEBRlE E LE LORO CORRELAZIONI CON I RAGGI, t SEGNI ZODIACALI E GlLI ELEMENTI

IA COLONNA VERTEBRALE (Scrigno del Serpente Sacro)

La colonna vertebrale e uno degli elementi allungati del corpo meno considerati. La spina dorsale umana riveste un ruolo pili che importante in molti insegnamenti esoterici, pervarie ragioni. Innanzitutto, e il punto focale anatomico in cui passano i tre Fuochi sistemici del nostro sistema solare, come sue cede in ogni organismo vivente; inoltre, e il punto in cui questi fuochi, e questo succede solo nell'uomo, si fondono con un'energia che non ha uguali in nessunaltra forma materiale. La colonna vertebrale possiede un triplice canale, che permette ai Fuochi spirituali di fondersi con i Fuochi latenti nella materia. Nella colonna, quindi, i Fuochi spirituali, che irradiano dal Cuore del Sole e dal Sole Centrale Spirituale del nostro sistema solare, i quali in questa relazione so no di segno positivo, s'incontrano con i Fuochi Iatenti nella materia, che originano dal centro della Terra, e le cui lingue sottili cercano una pausa temporanea nella caverna che si trova alla base della colonna vertebrale umana (nelloto eterico a quattro petali), prima di essere attratti verso l'alto, nelloro aspetto femminile, dai loro opposti maschili.

E in questo modo che tutte le forme si evolvono. Poiche quello umano costituisce il pili elevato fra i regni materiali del sistema soIare, in esso la cornplessita dei Fuochi raggiunge un alto grado di interazione e di organizzazione.

L'argomento del Fuoco e estremamente ampio e complesso. Si tratta di una forza motivante che pervade ogni cosa, guidando i quattro regni e le gerarchie deviche ad essi associate verso la loro meta evolutiva. In questo grande processo, naturalmente, dobbiamo includere le grandi razze dell'umanita, come la Lemure, l'Atlantideae lanostra Quinta Razza Radice. Abbiamo gia visto che la Lemuria offri molte opportunita di elevare il fuoco latente alla base della colonna fino allivello del centro sacrale, il quale e correlato alle gonadi. Abbiamo visto, inoltre, che la civilta atlantidea mise in grado l'uomo, attraverso molte incarnazioni, di elevare i Fuochi ancora pili in alto, nel centro del plesso solare. E ora, nella Quinta Razza Radice, abbiamo la speciale opportunita di sollevare i Fuochi fino al centro della gola dell'umanita, Questi progressi evolutivi, che si verificano durante le Ronde ed hanno una pausa durante i pralaya tra due Ronde, si esprimono attraverso i canali ehe si trovano nella colonna vertebrale.

La spina dorsale, a causa della sua lunghezza, presenta una varieta di interazioni con i chakra e i sottochakra ad essa collegati, alcuni dei quali sono gia stati descritti in quest' opera (come quelli associati all' ossificazione). Per esempio, la vitale interazione tra il triangolo manasico e quello pranico, ha luogo nella porzione eervieale della colonna vertebrale. E quindi in questo restringimento del corpo nella zona del colla che esiste la pill alta probabilita di bloeeo. I Fuochi possono,

97

Ai\lATOMlA ESOTERlCA

CENTRO DELLA CORONA

CENTRO TRA LE SOPRACCIGLIA

CENTRO DELL'ALTA MAGGIORE

I I I i

, ANTAKARANA

I

CENTRO DELLA GOLA

CENTRO TRA I.E SCAPOLE

CENTRO DEL D1AFRAMMA

I CENTRI E I TRIANGOLI

allora, restare intrappolati nelI'area toracica sopra il diaframma, oppure al di sotto di esso, nellarea addominale del midollo spinale.

Questo non esclude il punto di vista puramente exoterico suI midollo spinale, considerato come la so stanza grigia e bianca del sistema nervoso centrale, custodita all'intemo della cavita formata dai corpi delle vertebre. La rottura del midollo a causa di un forte trauma, come la caduta da un albero, pone la parte del corpo al di sotto della rottura fuori dal controllo dei centri della coscienza e della volonta del cervello.

L' espressione "II nostro Dio e un Fuoco che tutto consuma", (1) usata non solo nell'Antico Testamento, ma anche nella letteratura esoterica, si riferisce alla fusione del Fuoco Solare, di quello per Attrito, e di quello che Alice Bailey definisce Fuoco Elettrico. Le parole "che tutto consuma" non alludono solo al destino finale di tutte le cose viventi nel sistema solare, destinate a bruciare alla fine di un Manvantara, nei fuochi della supernova in cui il sistema trova la sua fine, ma si riferiscono, a livello individuale, anche ai rischi derivanti dalla salita del Fuoco nell'uomo, in mancanza della necessaria purificazione dei centri e dei canali che

1) Bibbia, Deut. IV, 24. Ebrei, XII, 29.

98

LA COLONNA VERTEBRALE

li collegano. Tra questi, quelli associati alla spina dorsale sono i pili. importanti e pericolosi,

Dobbiamo anche ricordare che il Fuoco esiste su tutti i piani, e benche qui ci siamo riferiti principalmente a1 Fuoco associaro al corpo fisico e alla sua matrice eterica, abbiamo accennato anche all'interazione dei fuochi presenti nel corpo astrale e in quello mentale, cosi come nei veicoli spirituali. Nei discepoli altamente sviluppati, i Fuochi dei vari piani si fondono, consumando sempre pili. le barriere inerenti alla forma, che normalmente separano i piani, i chakra e i nadi, Un esempio di cio si trova nel disegno a pag. 45 di questo libro, dove si possono vedere i dischi eterici che demarcano la terra di nessuno situata tra i vari centri.

Se visualizziamo delle barriere simili anche tra i piani, l'aspetto intenzionale e corrosivo del fuoco puo essere apprezzato come strumento dell'evoluzione spirituale. Forse e utile qui riferirsi alla percezione chiaroveggente dei vari centri:-

1. Base della colonna, quattro petali, I petali sono disposti a forma di croce, e irradiano un fuoco arancione.

2. Piesso solare, died petali, di colore rosa misto a verde.

3. Centro del cuore, dodici petali, di color oro brillante.

4. Centro della gola, sedici petali di un blu argento, con il blu predominante.

5. Centro della testa, nelle sue due divisioni:

(a) Centro fra le sopracciglia, consistente di novantasei petali, con . una meta delloto rosa e gialla, e l'altra meta blu e porpora.

(b) Centro alIa sornrnita della testa. Consiste di dodici petali principali, color bianco e oro, e di novecentosessanta petali secondari disposti intorno ai doclici principali. II numero totale di petali e di 1068, 0 356 triplicita, nei due centri che compongono il cen tro della testa. Tutte queste cifre hanno un significato occulto. (~)

Nel diagram rna precedente 'I centri e i triangoli', all'interno del triangolo pranico e indicato un centro situato tra Ie scapole. Esso coincide con il complesso di fibre del nervo vago che si ramificano intorno alla radice dei polmoni, rna non si tratta del chakra del cuore. II movimento principale del fuoco di Kundalini, che giace alla base della spina dorsale, allivello presente di sviluppo della Quinta Razza Radice,

2) Vedi C. V. Leadbeater, La Vita Interiore, Edizioni B. 1. S.

99

.A.NATOMIA ESOTERICA

IA RUOTA AIATA

e direttoverso questo centro. La Kundalini amale cavita o i vuoti, e dal punto di vista chiaroveggente, in corrispondenza di questa regione nel corpo eterico c'e un vuoto, una specie di fossa che la attira.

Pili in alto lungo iI midollo spinale, dietro la cavita orofaringea, troviamo il centro Alta Major, che controllala porta del triangolo manasico. Questo chakra, simbolizzato da una mota alata, puo assorbire l' energia pranica convertita dal triangolo pranico, e irradiarla alterandone la frequenza vibratoria. In tal modo, il centro fra le sopracciglia e il centro della testa possono essere sostenuti nelle Ioro funzioni da questa energia modificata, controllata dal chakra Alta Major, il pili basso dei tre centri compresi nel triangolo manasico.

Qui il nervo vago riveste di nuovo un ruolo importante, in combinazione con il centro respiratorio e il fascio medio longitudinale. Senza questo secondo, grande salto del Fuoco della Kundalini, 10 sforzo continuo richiesto agli alti iniziati sarebbe impossibile. Ovviamente, la destinazione finale della Kundalini e 1a somrnita del capo. Li la sin tesi delle sue vade aspirazioni produce un torren te di energia, il quale indica che l'uomo ha raggiunto un livello di sviluppo che, pur permettendogli di rimanere nel regno U mano, gli consen te di en trare come Deva Solare nel consesso degli angeli.

II midollo spinale, con i suoi grandi affioramenti di gangli nella regione cefalica, e stato spesso paragonato a un loto dal1ungo stelo, 0 a uno zampillo d'acqua che, raggiunta la sua massima altezza, si apre a fungo in mille rivoletti.

Non bisogna pensare che gli effetti del risveglio di questi Fuochi siano limitati solo alla regione vertebrale. Con la loro espansione, e a ogni livello successivo, tutti i centri (maggiori e minori), e tutti i nadi (filamentosi e maggiori), vengono portati

100

EMISSIONE ENERGETICA DELLA TESTA

ANATOMlA ESOTERICA

SPINA DORSALE ERETTA, MA NON DRITTA

alla rnassima capacita di funzionamento. Questo cornporta il liberarsi violento di tutte le aree dalle 101'0 scorie, cosi che ogni ondata successiva di Fuoco trova rneno difficile della precedente perrneare la sostanza dei corpi sottili. E per questa ragione che la spina dorsale vierie tenuta eretta da chi e 'seduto' in rneditazione. La spina non e dritta, rna possiede curve naturali. Solo quando essa e eretta, i tre fuochi possono espletare la loro potente funzione corrosiva senza pericolo di 'bruciature" .

102

RIGONFL\MENTO LOMBAR!!:

CERVELLETTO

NERVI CRAN[C[ 1- H

PLESSO CERV[Ct\1.E NERVI CERVICAL! I - ,I

R[GONF[AMENTO CERVICALE

BRACr-rfALE

5 - 8, TORAC[CO I

NERV[ TORACICf 1-12

ASCELLARE

MEDIANO

MUSCOLOCUTANEO

FR~:NICO

DIAFRAMMA

ULNARE

NERVI LOMBARI 1-:1

PLESSO LOMBARE NERVI LOMllAR[ I - ,I

PLESSO SACRAl,F, NERVI SACRAL! 1 - ~

FEi\·10RALE

OTTURATORE

SCIATICO

SISTEMA NERVOSO CENTRALE

ANATOMIA ESOTERlCA

II passaggio del fuoco rende altamente selettiva la sostituzione degli atomi all'interno della matrice eterica. Solo atomi dalla elevata vibrazione (indipendentemente dal fatto che siano di carbonio, ossigeno, zolfo, azoto 0 idrogeno) vengono incorporati nella matrice eterica. Questo richiede che l'individuo riceva l'appropriata iniziazione, grazie alla quale il processo di trasformazione del tempio fisico puo avvenire in modo ordinato e quanto pili indolore possibile.

L'iniziazione e un fatto extrasistemico, ed e per questo che tutte le discipline esoteriche di qualche val ore devono essere invocate dalle entita di ordine cosmico chegovernano il grande inconscio. Nessun essere fisico puo impartire ad un altro l'iniziazione. L'iniziazione e un fatto planetario, e non appartiene a nessun guru.

E a causa della natura extrasistemica del Fuoco dell'iniziazione, che la colonna vertebrale occupa un posto COS1 speciale nell'anatomia esoterica. Essendo il sito dei canali del Fuoco extrasistemico, possiede oltre a quelle intrasistemiche, anche correlazioni extrasistemicbe. Troviamo quindi che Ie prime sette vertebre superiori, chiamate cervicali perche si trovano nel collo, sono correlate ai sette Raggi, in ordine numerico. COS! l'Atlante, 0 prima vertebra della colonna, sostiene il mondo della mente, e il Primo Raggio e quello in pili. stretto rapporto con Ia testa e con l'organo che essa contiene, il cervello.

Osservando con attenzione il disegno del sistema nervoso centrale, (vedi alla pagina precedente) si vedra che dagli spazi fra Ie prime tre vertebre cervicali emerge un plesso di nervi, che raggiunge regioni della testa e del collo, ma scende anche fino al diaframma, attraverso il nervo frenico. Questa e un' area che controlla Ie energie vitale, ed e quindi Iogicamen te correlata ai tre Raggi Maggiori. Le quattro vertebre cervicali pili. basse sono in relazione con i Raggi d'Attributo, e da esse emerge il plesso brachiale dei nervi che controllano i movimenti delle braccia. Le braccia contribuiscono aIle funzioni superiori, ed e stato attraverso l'azione degli arti superiori dell'uomo (incluse ovviarnente le mani) , che sono state stimolate la sua capacita di adattamento e la rapida crescita della coscienza, funzioni correlate ai Raggi minori.

Le vertebre che si trovano dietro la gabbia toracica (triangolo pranico) sono in correlazione con i dodici segni della zodiaco, nell'ordine usuaIe, dall'Ariete ai Pesci. La gabbia toracica, che contiene organi vitali come il cuore e i polmoni, e il veicolo attraverso cui i nervi che escono dagli spazi tra le vertebre toraciche circondano la regione degli organi vitali, allo stesso modo in cui 10 zodiaco circonda il sistema solare.

Le cinque vertebre lombari sono associate ai cinque elernenti conosciuti dall'occultismo: fuoco, etere, aria, acqua e terra. Dalla regione lombare emerge il plesso lombare, il quale innerva la parte del corpo umano che ancora l'uomo al pianeta Terra, su cui operano i cinque e1ementi.

104

SISTEMI DI RICO~ENSA, GIOIA, ESTASI E BEATITUDINE

Ricerche molto recenti nel campo della fisiologia cerebrale han no dimostrato che la scimmia Rhesus, un animale con un prosencefalo molto sviluppato, manifesta una preferenza fortissima per gli stimoli che provocano esperienze piacevoli (ricompensa), piuttosto che per quelli che la spingono a mangiare. Questa ricerca del piacere, anche sotto la minaecia della fame, e in rapporto con alcune aree del cervello che so no state localizzate anatomicamente. Sembra ormai certo che anche l'uomo possieda aree anatomiche di questo tipo, e la domanda che ci si pone non e solo se tali aree rispondano, come negli animali pili evoluti, a stimoli simili a quelli usati in laboratorio, ma anche se l'estasi dell'esperienza mistica, che tanto spesso cambia in modo permanente la vita di chi la prova, possa essere associata ad esse.

Al di fuori della funzionesessuale, e difficile immaginare quale tipo di situazione ambientaIe, nella lunga storia evolutiva di un animale, possa aver prodotto in condizioni naturali degli stimoli elettrici simi Ii a quelli che si possono otten ere in un sofisticato laboratorio scientifico. Inoltre, se dobbiamo credere alla teoria darwiniana, sarebbe stato necessario un numero enorme di tali stimoli, per portare all' elaborazione di speciali meccanismi nervosi deputati a produrre il piacere. Ma la cosa pili strana e ehe, invece di far aumentare le possibilita di sopravvivenza dell'animale, tali stimoli Ie ridueono drasticamente, in quanto diventano COSl im portan ti per l' animale che questi, pur eli seguirli, dimen tica perfino di mangiare. Va inoltre notato che, se i meccanismi nervosi deputati al piacere si estendono dal cervello antico fino alla neocorteccia (un'aggiunta recente all'equipaggiamento nervoso dell'animale), vuol dire ehe devono essersi sviluppati in un lungo arco di tempo. Questo sembra essere un altro degli enigmi che derivano dall'accettare in toto le idee correnti sull' evoluzione. Nel primo volume di questa opera, (1) ho indicato la ben nota anomalia nell'embriologia degli occhi umani.

La versione esoterica dell'evoluzione fornisee, invece, una spiegazione adeguata per la presenza di strutture ehe contraddicono le teorie darwiniane. (2) Ma non allon taniamoci dal nostro argomen to. L' eta dell 'uomo supera di circa dieci milioni di anni quella suggerita anche dagli antropologi pill illuminati. Vi e stato, quindi, abbastanza tempo per sviluppare congegni complicati come l'occhio umano, 0 come i meccanismi nervosi per la registrazione della ricompensa (divina) 0 estasi mistica, Questo si puo comprendere ancora meglio se ricordiamo (come dovrem-

1) Anatomia Esoterica, Parte Prima, pag. 95-96.

2) Douglas Baker, Antropogenesi, Ediz. Crisalide.

105

Al"JATOMIA ESOTERICA

mo) che I'uomo e esistito per un miliardo di anni in un involucro puramente mentale, prima di materializzare intorno ad esso un involucro astrale, e che ha impiegato un altro miliardo di anni prima di elaborare e materializzare una matrice eterica per il corpo fisico. Molto prima che fossero elaborati i sensi fisici dell 'uomo, nella fase eterica e in quella ash-ale del suo sviluppo, egli possedeva gia dei meccanismi per registrare il dolore e il piacere. Fu da questi meccanismi che vennero materializzati i "percorsi nervosi per la ricompensa" recentemente scoperti.

Probabilmente, lamaggiorparte degli Occidentali sperimenta il dolore soprattutto in termini di stress. La nostra vita quotidiana, dal dopoguerra in poi, e stata

,-;;~.,.,.-,.,:~

ATLANTE SOSTIENE IL MONDO INTERlORE DELLA MENTE

]06

SISTEMI DI RICOMPENSA, GIOIA, ESTASI E BEATITUDINE

caratterizzata da un continuo aumento dello stress. Con la fine delle code per il cibo e illento ritorno alle condizioni normali dopo sei anni di guerra, tutti si aspettavano I'eliminazione dello stress. Invece esso continua ad aumentare, e gli studiosi di scienze esoteriche ora cominciano a considerarlo una caratteristica planetaria, di importanza specifica per la sottorazza anglosassone e con l'obiettivo di aprire pienamente il chakra della gola, oltre che di stimolare allo stesso tempo il chakra del cuore e il centro fra le sopracciglia.

11 simbolo di Atlante che sostiene il mondo sulle spalle rivela che anche i Greci e i Romani sapevano che era possibile per un uomo sopportare il peso del mondo. L'aumento della responsabilita verso la propria cornunita, la propria nazione, 0 persino verso l'umanita intera, puo essere una delle esperienze piu dolo rose del discepolato, ma e anche una delle piu gratificanti. Nello sviluppo umano, dolore e gratificazione appaiono spesso, e qualche volta camminano quasi mana nella mano.

Certamente, in quella parte della colonna vertebrale detta midollo, le vie del dolore e dellestasi sono COS1 vicine, che non deve meravigliarci se canalizzando le forze spirituali esse possano alternarsi, 0 persino procedere insierne, nelle persone spiritualmente sensibilizzate. Lo stato di semitrance del fachiro indu che cammina sui carboni ardenti, a una temperatura di 750 Co, sembra testimoniare che l' estasi del misticismo puo rappresentare una ricompensa sufficiente a compensare il dolore derivante dal tormento nella carne.

Non bisogna dimen tic are che 10 stress e anche una caratteristica del Quarto Raggio dell'Arte e dell'Armonia attraverso il Conflitto: il Raggio dell'umanita stessa, E l'umanita da spesso il meglio di se sotto la sferza dello stress.

Nellungo viaggio che ha seguito la caduta dall'Eden, l'uomo ha dimenticato il potenziale di gioia che una volta possedeva, e ora trova impossibile credere a quello stato paradisiaco, a quello 'spleridore imprigionato', che ancora porta dentro di se. Solo quando il dolore e la sofferenza CIa compassionevole medicina celeste per chi e spiritualmente ammalato') hanno compiuto la loro opera, solo quando una vita piena di stress e vuota di significato 10 getta in ginocchio, egli e disposto ad ascoltare ancora una volta il Canto dell'Eden dentro eli lui, il richiamo della sua anima che gli chiede eli tornare a casa (vedi figura a pag. Ill).

Ora, chi sa-ra l'a-rbit-ro?

Dieci uomini amana cia che odio,

Evitano cia che seguo, disprezzano cia che ricevo; Dieci, che in occhi e orecchie sono miei pari:

noi tutti supponiamo, essi questo, io quello:

a chi doora crede-re la mia anima?

Robert Browning

107

ANATOMIA ESOTERICA

Ci sono molti modi di descrivere il Sentiero che porta alIa sintesi spirituale. Ogni uomo alIa fine trova il suo, che puo essere una mescolanza di varie strade, e sara allora il suo turno di insegnare agli altri come raggiungere la vetta della montagna, il terreno ardente. Egli puo solo consigliare, e il miglior consiglio viene dai risultati dell'esperienza personale. Cio nonostante, e estremamente difficile descrivere l'ineffabile. Fortunatamente per coloro che insegnano le dottrine dell'Antica Saggezza, c'e una massima occulta che aiuta a impartire la conoscenza esoterica:

"Per ogni apparenza esteriore, c' e una con troparte in teriore. "

Anche la forma fisica dell'uomo, che incarna una combinazione di tutte Ie leggi fisiche e contiene la maggior parte degli elementi, possiede un suo riflesso interiore. Cio e vera per ciascuno dei suoi componenti, e vale anche per I' elemento del Fuoco.

Stimoli elettrici per il cervello di un topo, e Fuoco per la corteccia cerebrale di un mistico ... La differenza nell' estasi e solo di grado e di origine - i primi vengono da una batteria elettrica, e il secondo da un nirmanakaya. Cio che per me e Fuoco spirituale, per il topo non e che un impulso elettrico. Altri possono essere condotti all'estasi dalla verita, 0 dalla bellezza. Per altri ancora persino il confronto con il dol ore 0 con il pericolo produce estasi:-

Come la cappa di un camino attira il fuoco, cosi io sana attratto da Te. II respiro a soffiettofa discendere l'estasi

E la fenice mi solleva dal mio feretro astrale

Per un vola mentale attraverso le stelle. Dall'apertura nell'anello invalicabile del mondo Vedo l'orbita del pianeta ridotta a un punto

E osseroo la via lattea restaurare il suo anello

e 10 Zodiaco spargere le sue costellazioni

Uno schermo di diamante intomo al Fuoco centrale Come se l'abito di cera che indosso

Potesse fondersi come quello di Icaro e lasciar cadere un 'ala Davanti a questo colore, a questa Cosa dai Molti Splendori,

Che condivide la Sua saggezza, il Suo amore e la Sua vista onnisciente nella Quale viviamo, ci muoviamo e abbiamo il nostro essere.

Il Suo sangue bevo come vino, fermento divino

Guarda come Cristo scorre attraverso if firmamento

Ora esce da una splendente parete di dischi

Ora sprizza, abbagliando di luce tutte le cellule

Come i dieci pianeti costituiscono i suoi cinque sensi

Come le sue membra deriuano dai regni della natura.

Douglas Baker

Per alcuni infine, e l'autore e il suo Maestro rientrano fra questi, i pili alti stati interiori sono sperimentati come Fuoco.

108

SISTEMI DI RICOMPENSA, GIOIA, ESTASI E BEATITUDINE

L'ELEMENTO FUOCO

Le attuali attitudini nei confronti del fuoco non permettono di speculare sulla sua reale natura. Erroneamente, esso non viene considerato un'energia, quanto piuttosto il risultato di una liberazione di energia. Vediamo il fuoco distruggere la forma, e 10 vediamo ere are calore e trasformare una forma in un 'altra sui fornelli delle nostre cucine. Se a questo si aggiunge l'assunto scientifico che il fuoco risulta dall'aumento della temperatura di un gas fino al punto di combustione, si ha il panorama praticamente completo delle attuali conoscenze sulla pili importante forza dell'universo.

II fuoco, come eben nota all'occultista e come viene progressivamente rivelato a chi medita, e alla base di tutti i fenomeni e di tutti i noumeni. (:1) E il Creatore, il Conservatore e ilDistruttore di tutte le forme, siamicrocosmiche che macrocosmiche. E una manifestazione del Primo Raggio della Volonta e del Potere. II fuoco si manifesta in molti modi, e quella che vediamo a occhio nudo e solo una delle sue manifestazioni pili dense. II fuoco visibile e illampeggiare in incarnazione della miriade di forme di innumerevoli elementali e salamandre di fuoco. Ma ciascun piano ha i propri fuochi, A quei rari individui che posseggono la vista sottile, il mondo eterico, che include il corpo eterico dell'Uomo, appare come una danza di punti scintillanti di luce, in continuo equilibrio dinamico; questi formano una rete energetica che opera come matrice per tutte le forme fisiche. I chakra sono vortici di fuoco. Ogni cellula impegnata a produrre energia metabolica, a partire dal glucosio e dall'ossigeno, e uno scintillante punto di quel fuoco che e latente in tutta la materia. Le lingue di fuoco che penetrano nella nostra aura con ogni respiro mantengono la circolazione del prana attraverso i nadi ed i centri energetici, permettendogli di alimentare con la sua vitalita gli organi fisici.

Lo stesso prana penetra direttamen te nel chakra della milza ed alimenta i tre fuochi che emergono dal chakra alla base della colonna vertebrale, scalda il sangue, energizza le gonadi e stimola i chakra al di sotto e al di sopra del diaframma, in funzione delloro grado di apertura.

Tutti i chakra, a loro volta, sono alimentati da un Fuoco di ordine superiore proveniente dal Piano Astrale; questo li penetra secondo una direzione che forma un angola retto con i loro dischi. II fuoco dell' energia emotiva puo essere violento, cieco e confuso (Sesto Raggio rampante), oppure raffinato, delicato e disciplinato, come quando pulsa nei chakra al di sopra del diaframma sotto 10 stimolo della music a classica.

Poi ci sono i Fuochi della Mente, che si esprirnono con grande facilita attraverso il chakra sacrale 0 il chakra della gola del corpo eterico, a seconda del grado di sviluppo spirituale dell'individuo.

3) La sostanza fondamentale di un fenomeno; un oggetto, oil concetto di un oggetto, corri'e in se stesso 0 come appare al pensiero puro. II noumeno e pienamente compreso soltanto in meditazione, vale a dire, nello spazio fra due pensieri,

109

ANATOMlA ESOTERICA

IL CADUCEO, UN EMBLEMA DEL FUOCO

Ogni qualvolta il Fuoco si manifesta nel vortice e nel torrente dell'atomo 0 dell'aura, in un cuore che batte 0 in un pianeta che pulsa, ne risultano cambiamento e crescita. II calore e una manifestazione del Fuoco iniziata interiormente 0 applicata esteriormente. E attraverso il Fuoco Solare'? che opera la forza evolutiva, quell 'impulso verso una pill. piena e completa espressione, che spinge tutte Ie forme verso la Verita, la Bellezza e la Bonta. E il Fuoco della Monade che attrae la personalita integrata verso le questioni spirituali e la incita a percorrere il sentiero del discepolato, che riporta al grande centro 0 Fiamma Divina, dal quale ci si allontana come 'giovane' monade, 0 figliuol prodigo, per intraprendere illungo e faticoso viaggio attraverso il mondo della forma.

Quando sentiamo parlare dell'importanza di focalizzare lamente, dellameditazione, della sviluppo spirituale, dovremmo sempre ricordare che ci stiamo occupando del controllo e dell'uso del Fuoco, e dovremmo trattare tale elemento con 10 stesso rispetto che abbiamo per la sua manifestazione esteriore.

4) Vedi Il Gioiello nel Loto, Seconda Sezione.

llO