Sei sulla pagina 1di 18

CORSO DI SISTEMI

ORGANIZZATIVI COMPLESSI.
Modulo Avanzato
Gli stronzi nelle organizzazioni

Patrizio Di Nicola

A.A. 2007-2008

18/11/2007
Chi è Robert Sutton
Robert I. Sutton
Professor- Management Science and Engineering
Faculty- Stanford Technology Ventures Program

„ E’ titolare a Stanford della cattedra di tecnica aziendale


innovativa. Laureatosi in psicologia applicata al posto di
lavoro, ha creato lo Stanford Technology Venture Program
(STVP), mirato al pensiero lineare e multidisciplinare
all’interno del marketing. E’ o è stato consulente per le
maggiori aziende americane ed europee, dalla Pepsi alla
Nokia, dalla Nike all’IBM. Autore di altri best-seller ha
rinunciato a pubblicare il suo ultimo libro con la
prestigiosissima Harvard University Press perché i
responsabili editoriali non gradivano il termine “stronzo” (che
poi è stato addirittura censurato sulla classifica del New York
Times!).

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Il suo libro
„ E' molto difficile cambiarli. Perché
sopportarli? Non ti resta che eliminarli.
Sono gli stronzi, attorno a te, nella tua
vita e sul posto di lavoro. facile
riconoscerli. Sono quelli che ti
interrompono sempre. Che litigano via
e-mail. Che si dimostrano deboli con i
forti e forti con i deboli. Che usano
l'insulto come metodo di espressione
favorito. Che sono maestri assoluti del
doppio gioco. Che fanno perdere intere
gionate di lavoro. Che costano a te i
nervi e all'azienda il rischio del
fallimento. Sono a qualsiasi livello, di
qualsiasi
18/11/2007
sesso, di qualsiasi età.
Copyright P. Di Nicola, 2007
„ Il metodo antistronzi grazie a una serie di test
e semplici regole di vita, permette di
identificarli senza pericolo di errore, di venire
a patti con loro (solo se necessario), di
isolarli, di evitare il contagio e, alla mala
parata, di cancellarli dalla propria esistenza
(si, anche se sono il tuo capo!). Ricco di
umorismo e di un sano buonsenso, è un
eccellente manuale di management.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Le reazioni al libro di Robert
Sutton

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Il Costo Totale degli Stronzi
(CTS)
„ In un caso
studiato un
capo stronzo
è costato
all’azienda
160.000
dollari

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Dettagli del costo
„ Tempo del superiore dello stronzo 25000
„ Tempo delle RU 5000
„ Tempo dirigenti 10000
„ Tempo consulenti esterni 5000
„ Costo nuova segretari per assunzione e
formazione 85000
„ Costi richieste straordinarie 25000
„ Corsi per il controllo della rabbia 5000
18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Lo stronzometro
„ Un apparecchietto che
funziona durante le telefonate
e misura, analizzando il
linguaggio, il livello di
stronzaggine del vostro
interlocutore. Lo sta
sviluppando Anmol Madan, un
PhD candidate del MIT Media
Laboratory
„ http://www.media.mit.edu/pr
ess/jerk-o-meter/

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Se hai ragione combatti; se hai
torto ascolta
„ Applicare il metodo antistronzi non vuol dire trasformare
un'organizzazione in un paradiso per rammolliti che
sfuggono il conflitto come la peste. I migliori gruppi di
lavoro, e soprattutto i più creativi, sono quelli in cui le
persone sanno combattere (...)
„ L'importante è seguire il motto "Se hai ragione combatti;
se hai torto ascolta". Criticare, lamentarsi e litigare dopo
che una decisione è stata presa indebolisce lo sforzo e
l'attenzione, rendendo impossibile stabilire se una
soluzione fallisce perché è sbagliata oppure perché, pur
essendo giusta non viene applicata con impegno e
dedizione.

„ estratto da Il metodo antistronzi di Robert I. Sutton

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Sopravvivere in ufficio
„ Se non avete vie di scampo e volete sopravvivere in un
ambiente in cui abbondano gli stronzi, cercate il modo
di prendere il controllo delle piccole cose. Fate piccoli
passi che vi allontanino dall'esposizione al veleno.
Costruitevi delle sacche di sicurezza e di sostegno (...)
Se non potete vincere la guerra contro i vostri aguzzini,
cercate di vincere tante piccole battaglie: la sensazione
di controllo vi sarà di conforto. E se piano piano le
piccole vittorie si accumulano, chissà, magari vi
ritroverete alla testa di un movimento che mira a
introdurre anche nella vostra azienda, in modo lento ma
inesorabile, il metodo antistronzi.

„ estratto da Il Metodo antistronzi di Robert I. Sutton

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Lo stronzo di rappresentanza
„ Anni di ricerche su come i gruppi umani
reagiscono ai membri "devianti" suggeriscono
che avere intorno uno due stronzi forse è
meglio che non averne nessuno. Secondo una
interessante serie di studi sull'inquinamento
del Professor Robert Cialdini dell'Università
dell'Arizona, la presenza lampante di un
trasgressore può spronare gli altri a
comportarsi meglio (...)

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Devianza
„ Gli studi di Cialdini trovano conferma in una serie di ricerche
sulla devianza e le norme sociali: quando in giro ci sono una o
due "mele marce", e magari vengono isolate, punite o
emarginate, il resto della comunità è più scrupoloso
nell'osservare le regole scritte o non scritte. Trasposto in ambito
aziendale, ciò significa che se in ufficio c'è un prepotente isolato
che non viene premiato per le sue azioni, tutta l'organizzazione
sarà più rigorosa nell'applicare il metodo antistronzi. Uno
"stronzo di rappresentanza" serve a ricordare a tutti come non
ci si comporta e quali possono essere le conseguenze di una
trasgressione (...)
„ Ma sia ben chiaro, se assumi uno o due stronzi di
rappresentanza bisogna mettere in chiaro che il loro
comportamento è sbagliato.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Interesse distaccato
„ Quando la vita in azienda prende una piega sbagliata,
vivere in funzione degli altri e buttare tutti gli sforzi e
l’energia emotiva sul lavoro è una strada che porta allo
sfruttamento e all’autodistruzione. L’autoconservazione
a volte richiede l’atteggiamento opposto: imparare a
coltivare l’indifferenza e il distacco emotivo.
„ Se il lavoro è insultante, dobbiamo imparare a fare lo stretto
necessario, a occuparci il meno possibile degli stronzi che ci
circondano e a pensare a cose piacevoli: facciamo passare le
giornate finché qualcosa non cambia o non arriva un’offerta
migliore (...)
„ A volte la cosa migliore per conservare la salute è fregarsene
del lavoro, dell’azienda e, soprattutto, degli stronzi.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Anche gli stronzi piangono
„ I prevaricatori sono essi stessi vittime delle loro azioni.
Subiscono battute d’arresto nella carriera e, a volte, anche
umiliazioni. Il marchio di fabbrica dello stronzo è la
capacità di succhiare l’energia alla sua vittima e a chi lo
circonda. Ma chi succhia l’energia altrui mina alla base il
suo stesso rendimento, perché si mette contro colleghi e
capi e fa calare le motivazioni in tutto l’ambiente
circostante (...)
„ La morale è che se si succhia energia agli altri, si succhia anche
vita alla propria carriera.
„ Anche gli stronzi piangono, dunque, perché pur ammettendo
che facciano bene il loro lavoro secondo tutti gli altri parametri,
rischiano ugualmente il posto.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Le regole antistronzi
1. Enunciate il metodo, mettetelo per iscritto e applicatelo. Ma se
non siete in grado o non volete seguirlo, è meglio non dire niente:
evitare una falsa promessa è il minore dei due mali. Non fatevi la
fama dell’ipocrita o del capo di un’organizzazione piena di stronzi.
2. Gli stronzi assumeranno altri stronzi. Tenete gli stronzi che avete
in casa al di fuori del processo di selezione del personale, oppure, se
non potete, coinvolgete quante più persone “civili” durante i colloqui
e le selezioni, così da limitare la tendenza degli stronzi ad assumere
“quelli come me”.
3. Liberatevi degli stronzi appena potete. Le aziende spesso
aspettano troppo prima di liberarsi degli stronzi patentati e
incorreggibili. E una volta che lo fanno, la reazione più comune è,
«perché ci abbiamo messo tanto?»
4. Trattate gli stronzi da incompetenti. Anche se qualcuno è
bravissimo nel suo lavoro ma continua a mortificare il prossimo, va
trattato da incompetente.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Le regole antistronzi
5. Il potere genera stronzaggine. Attenzione: concedere a qualcuno –
anche alle persone all’apparenza più miti e sensibili – un minimo di
potere può trasformarlo in uno stronzo integrale.

6. Adottate il paradosso potere-performance. Accettate il fatto che la


vostra organizzazione ha, come è giusto che sia, un ordine gerarchico,
ma fate tutto quello che è in vostro potere per ridimensionare e ridurre
le altre differenze di rango tra i membri. Avrete meno stronzi tra i piedi
e, secondo i migliori studi, anche una performance migliore.

7. Gestite i momenti, non solo i processi, le politiche e i sistemi.


Gestire al meglio gli stronzi vuol dire concentrarsi sulle piccole cose
quotidiane e lavorare per cambiarle. I miglioramenti sono garantiti.
Riflettete su ciò che fate, osservate come gli altri rispondono al vostro
comportamento e a quello dei colleghi e fate degli “aggiustamenti”
durante l’interazione con le persone che vi trovate davanti.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Le regole antistronzi
8. Mettete in pratica e insegnate il confronto costruttivo. Costruite una
cultura aziendale in cui tutti sappiano quando discutere e quando smettere di
litigare. Insegnate a raccogliere dati, ad ascoltare gli altri, a non piagnucolare e
a portare a avanti le decisioni prese (anche quando si è in disaccordo). Quando
arriva il momento di combattere per un’idea, seguite il consiglio di Karl Weick:
«Se hai ragione combatti, se hai torto ascolta».

9. Adottate il metodo dello stronzo di rappresentanza. Poiché le persone


tendono a seguire le regole più scrupolosamente in presenza di una o due “mele
marce” che danno il cattivo esempio, il metodo antistronzi ha più possibilità di
successo nelle organizzazioni che contano al loro interno uno o due “stronzi di
rappresentanza”. Avere sotto gli occhi dei “modelli contrari” spinge tutti gli altri
a comportarsi bene.

10. In sintesi: unite a politiche di ampio respiro i piccoli gesti quotidiani.


Una buona politica di asshole management (gestione degli stronzi) è possibile
solo in presenza di un circolo virtuoso che concili le “grandi” politiche aziendali
con i piccoli gesti quotidiani delle persone che parlano e lavorano insieme.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007
Testate lo stronzo che e’ in voi
„ 24 domande facili facili per capire a che
livello di stronzaggine siete.

18/11/2007
Copyright P. Di Nicola, 2007