Sei sulla pagina 1di 179
Giacomo Castellano METODO PER CHITARRA HEAVY-METAL le tecniche chitarristiche di Steve Vai, Edward Van Halen, Joe Satriani... CON DUE CASSETTE BERBEN BERBEN Edizioni musicali ANCONA, Italia Proprieta esclusiva per tultl i paesi delle Edizioni BERBEN - Ancona, Italia. © Copyright 1993 by Ediion’ BERBEN - Ancona, Italy. Tutt i diritti di traduaione e trasrizione sono riservati per tutti i paes E espressamente vietata la riproduzione fotostatica ‘0 con qualsiast altro procedimento, senza il consenso seritto dell'edtore. (Ogni violazione sara perseguita @ termine di legge (RD. 633 del 22.4.1 - artt. 171, 172, 173 € 174). un particolare ringraziamento a: MICHELANGELO CASTELLANO (per le fotografie interne) DONATO 10ZZELLI (per i manoscrtti musical) BENEDETTA MUCCHI (per la copertina) ROSSELLA RUINI (per la preciosa collaborazione) GIOVANNI UNTERBERGER (per la revisione e il coordinamento) hanno inoltre collaborato: CINZIA CASTELLANO (della ditta “Ghost records”) - LORENZO FORT! - ANTONIO GABELLINI (della ditta “Brahms memories”) - EDOARDO RIGHINI - PAOLO TOZZETTI pubblicazione prodotta in collaborazione con il centro didattico LIZARD - Fiesole (Firenze) +>; —+— PRESENTAZIONE uesto volume & un metodo per lo studio delle nuove tecniche chitarristiche tipiche dello stile “heavy-metal”, inventate o svilup- pate dai chitarristi elettrici pit rivo- luzionari e innovativi di questi ulti- mi anni: Steve Vai, Joe Satriani, Eddie Van Halen, Yngwie Malm- steen e molti altri. Sarebbe perd sbagliato credere che tali tecniche - quasi tutte volte ad esaltare il virtuosismo del chitarri- sta e le pit spettacolari capacita “effettistiche” della chitarra - trovi- no applicazione solo nell’heavy me- tal. Infatti, non c’é chitarrista “rock” 0 “fusion” che non abbia dovuto ade- guare ed arricchire il suo stile con i fraseggi, le scale e gli arpeggi esegui- bili con le nuove tecniche alle quali questo libro é dedicato. Due esempi per tutti: Trevor Rabin degli Yes e Brian May dei Queen, pur essendo chitarristi “rock”, adot- tano volentieri e spesso lo “sweep picking”, il “tapping” e tutti i pin recenti sistemi di uso del “bending” e del “vibrato”. Ognuno dei capitoli di questo meto- do @ autosufficiente e tratta una tecnica specifica, sviluppandola con una serie di esercizi o fraseggi di difficolta progressiva. I vari capitoli possono essere percid studiati separatamente e non neces- sariamente nell’ordine in cui sono disposti nel libro. Ogni esercizio, arpeggio o fraseggio va poi interpretato in modo perso- nale e modificato melodicamente e ritmicamente, per adeguarlo allo stile dell’esecutore e al carattere del brano in cui verra utilizzato. Il sistema di scrittura adottato in questo volume (notazione musicale + intavolatura) e le registrazioni contenute nelle due cassette allegate (con esercizi e fraseggi in versione normale e¢ rallentata) rendono sem- plice e piacevole lo studio anche a coloro che non hanno dimestichez- za con la lettura musicale. Giovanni Unterberger 0 Kee