Sei sulla pagina 1di 4

Statuto Associazione Ludica

Hidra Games
ARTICOLO 1 - Costituzione
E’ costituita un’Associazione denominata "__________________________"
con sede presso _________________________________________
ARTICOLO 2 - Finalità dell'associazione
L’Associazione non ha fini di lucro, è apartitica e aconfessionale.
La durata dell’Associazione è illimitata.
L’Associazione si riserva l’utilizzo del nome
"__________________________" e del relativo marchio.
Nessuno dei soci può utilizzare il nome "__________________________"
per scopi personali.
ARTICOLO 3 - Scopi dell'associazione
L’Associazione ha come scopi fondamentali il promuovere attività
ludiche (Giochi) di ogni tipo, dare ai soci uno spazio per le proprie
attività ludiche, basate su i giochi in scatola da tabellone, di
ruolo e dal vivo, riscoprire e riportare alla luce attività ludiche
dimenticate non ché rivalutarle, scoprire e far capire il significato
di attività ludica e del suo fondamentale ruolo nella società. In
oltre l’associazione si riserva la possibilità agli associati di
creare nuove attività a scopo ludico e di promuoverle facendole
conoscere ai propri associati e alla società.
ARTICOLO 4 - Attività
Le attività dell’Associazione potranno essere:
• Promuove ogni tipo di attività ludica esistente al mondo;
• Organizzare eventi dimostrativi a scopo informativo sulle attività
ludiche esistenti al mondo;
• Dare uno spazio ai soci per le proprie attività ludiche;
• Fornire assistenza tecnica ai giocatori o chi fosse interessato
all’associazione e al mondo ludico;
• Offrire ai soci un momento di svago e di riscoprire attività ludiche
dimenticate;
• Organizzare tornei a scopo sociale e ludico per coinvolgere gente
nell’associazione;
• Organizzare mostre, proiezioni e dibattiti su cosa è un’attività
ludica e quale è la sua importanza nella società;
• Agevolare lo scambio di informazioni e materiale tra soci;
• Organizzare spese di acquisto per dare ai soci materiale ludico da
conoscere e usare.
ARTICOLO 5 - Soci
Possono essere soci tutti coloro che intendono fare propri gli scopi
dell’Associazione.
Sono soci Fondatori coloro i quali partecipano all’atto costitutivo.
Sono soci Ordinari coloro che, abbiano ottenuto la tessera
dell’Associazione e versino la quota contributiva stabilita
annualmente dal Consiglio Direttivo mediante delibera del direttivo.
I diritti dei vari soci sono specificati dal regolamento interno, il
quale può prevedere l’istituzione di categorie speciali di soci come,
a titolo puramente indicativo e non esaustivo, possono essere i
benemeriti, gli onorari ed i sostenitori.
ARTICOLO 6 - Ammissione del socio
Per l'ammissione del socio è richiesta l'accettazione dello statuto e
dei regolamenti interni e di tutte le deliberazioni prese dagli
organi sociali. Il richiedente deve fare richiesta scritta mediante
apposito formulario. Entro 60 giorni dalla richiesta di iscrizione il
direttivo delibera l'accettazione del socio richiedente. In tale
periodo il socio sarà ospite dell’associazione. In caso di mancata
comunicazione si ritiene che la domanda del socio sia stata scartata.
Il socio riceverà una tessera dall’Associazione, quale documento atto
a qualificarlo tale. Le somme versate per la tessera e le quote
sociali non sono rimborsabili in nessun caso.
ARTICOLO 7 - Familiari e ospiti
I soci e i loro familiari hanno diritto di frequentare i locali
dell’Associazione e di partecipare a tutte le attività organizzate
dall’Associazione stessa. La partecipazione dei familiari potrà
essere regolamentata da un Regolamento Interno.
ARTICOLO 8 - Esclusione e recesso del socio
La qualità di socio ordinario si perde non rinnovando l’iscrizione o
per recesso, dandone comunicazione scritta al Presidente almeno un
(1) mese prima dello scadere dell’anno in corso e con effetto dallo
scadere dell’anno stesso.
Il Consiglio Direttivo può inoltre decidere l’espulsione di un socio
che mantenga un contegno tale da danneggiare l’Associazione o non
osservi lo Statuto, i Regolamenti Interni o le Deliberazioni degli
organi sociali.
ARTICOLO 9 - Registro dei soci
I nominativi dei soci dovranno essere annotati nel registro dei Soci
conservato presso la Direzione della Sede Sociale aggiornato dal
Segretario o da chi ne fa le veci e di libera consultazione a tutti i
soci.
ARTICOLO 10 – Adesioni Associazioni esterne
L’Associazione potrà aderire ad altre Associazioni e Organizzazioni
con analoghe finalità o ad iniziative ricreative e culturali conformi
agli scopi Statutari.
ARTICOLO 11 – Appalti esterni e partecipazione
Per lo svolgimento dei compiti statutari, l’Associazione ha facoltà
di appaltare a terzi, tutto o in parte, uno o più servizi o attività,
con la facoltà di verificarne periodicamente l’osservanza dello
Statuto. Per il raggiungimento dei fini proposti dall’Associazione si
richiede ai soci ordinari un contributo lavorativo per gli eventi da
organizzare di almeno 10 ore annue.
ARTICOLO 12 – Scopi
L’Associazione persegue gli scopi e promuove le attività di cui al
presente Statuto con i fondi derivati dalle quote tessera
associativa, e dalle fonti previste nel punto 4.
L’Associazione potrà inoltre accettare lasciti, donazioni od altre
liberalità, da parte di privati, enti e società, nel rispetto delle
vigenti Leggi in vigore.
ARTICOLO 13 - Patrimonio
Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito dal patrimonio
mobiliare ed immobiliare di proprietà dell’Associazione e dalle somme
accantonate da utilizzare per il perseguimento degli scopi sociali.
ARTICOLO 14 – Organi dell’associazione
Sono organi dell’Associazione l’Assemblea dei soci, il Consiglio
Direttivo, il Presidente.
ARTICOLO 15 – Assemblea dei Soci, Poteri
All’Assemblea dei soci possono partecipare tutti i soci. Ogni socio
può rappresentare soltanto un altro socio. Non è ammessa la
rappresentanza plurima. Le Associazioni hanno diritto ad un solo voto
e possono delegare un loro iscritto a rappresentarle. In prima
convocazione all’Assemblea devono essere presenti almeno la metà più
uno dei soci. In seconda convocazione l’Assemblea è validamente
costituita qualunque sia il numero dei soci presenti. L’Assemblea dei
soci approva il rendiconto ed elegge i membri elettivi del Consiglio
Direttivo, che una volta eletti si divideranno le cariche.
ARTICOLO 16 – Assemblea dei Soci, Convocazione
L’Assemblea dei soci è convocata annualmente dal Presidente, in ogni
caso entro e non oltre il mese di aprile per l’approvazione del
rendiconto. L’Assemblea straordinaria dei soci è convocata dal
Presidente con preavviso di almeno 15 giorni o dal Consiglio
Direttivo o quando lo richiedano almeno un decimo dei soci. In caso
di modifiche dello Statuto è necessaria la convocazione
dell’Assemblea straordinaria che delibera a maggioranza di almeno la
metà più uno dei soci aventi diritto che siano presenti o mediante
delega.
ARTICOLO 17 – Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni volta che lo riterrà
opportuno su convocazione del Presidente o di metà dei componenti. La
seduta sarà validamente costituita se saranno presenti almeno la metà
dei consiglieri. Il Consiglio decide a maggioranza di metà più uno
dei membri presenti. Ogni Consigliere può essere rappresentato
soltanto da un altro membro del Consiglio. In caso di parità il voto
del presidente vale doppio. Il Consiglio Direttivo dura in carica due
anni ed è composto da almeno la metà più uno dei soci fondatori. In
mancanza dei soci fondatori l’assemblea dei soci eleggerà i nuovi
sostituti fra i soci ordinari da almeno un anno.
ARTICOLO 18 – Poteri del Consiglio direttivo
Il Consiglio Direttivo amministra l’Associazione assumendosi le
relative responsabilità legali ed amministrative, approvando
eventualmente regolamenti interni. Al suo interno vi sono un Vice-
Presidente, un Segretario ed un Tesoriere. Essi durano in carica due
anni e sono rieleggibili. Il Vice-Presidente sostituisce a tutti gli
effetti il Presidente in caso di assenza o di adempimento. Il
Segretario cura i verbali dell’Assemblea dei soci e tiene la
corrispondenza, aggiornando il relativo protocollo, cura la
convocazione dei soci e dei consiglieri. Il tesoriere cura la tenuta
del rendiconto e la gestione delle entrate e uscite di cassa. Il
Consiglio direttivo al completo coordina la riscossione delle quote e
delle altre entrate, il pagamento delle spese e la tenuta dei
registri, custodisce ed amministra il patrimonio sociale secondo le
direttive del Consiglio. I prelevamenti e i mandati di pagamento
devono essere firmati dal Presidente o Vice-Presidente e
controfirmati da tutti i soci del consiglio direttivo.
ARTICOLO 19 - Controversia
Qualunque controversia dovesse insorgere tra i soci dovrà essere
rimessa alla decisione di un’assemblea di tutti i soci, alla quale il
Consiglio Direttivo avrà lo scopo di corte giudiziaria, essa giudica
quali amichevoli compositori, con dispensa da ogni formalità di
procedure. Il loro lodo sarà inappellabile.
ARTICOLO 20 - Responsbilità
Al Consiglio Direttivo spetta l’amministrazione dell’Associazione. I
partecipanti ne assumono le responsabilità sia legali che
amministrative. Il Consiglio Direttivo può approvare regolamenti
interni che non siano in contrasto con il presente Statuto e le sue
eventuali future modifiche.
ARTICOLO 21 – Scioglimento e risoluzione
In caso di scioglimento dell’Associazione i beni mobili ed immobili
appartenenti all’associazione e non agli associati verranno devoluti
ad altre Associazioni senza fini di lucro che perseguono analoghe
finalità.