Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.

it

CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 01 MARZO 2010, N. 4864

Svolgimento del processo


Con ricorso depositato in data 6.8.2004, ABC proponeva reclamo ex art. 26 l.f. contro il
provvedimento del giudice delegato al Fallimento "ABC & Figli" s.n.c, emesso in data 28.7.2004,
che aveva dichiarato inammissibili, per difetto di legittimazione alla loro presentazione, le proposte
di concordato fallimentare di ABC & Figli e di ABC depositate, rispettivamente, in data 22/6/2004
e 21/7/2004. Il giudice delegato riteneva inammissibile la proposta di concordato fallimentare della
società fallita in quanto avanzata singolarmente dai due soci dissenzienti, FM e DF, aventi pari
quota, ritenendo necessaria la firma congiunta di entrambi i soci amministratori o, almeno, la non
opposizione dell'altro socio amministratore; inoltre, riteneva assumere rilievo ostativo a qualsiasi
proposta di concordato anche l'opposizione fatta da FF, erede di uno dei soci della società fallita,
deceduto nelle more della procedura concorsuale; infine, riteneva la domanda di concordato
proposta dal socio DF , ex art. 154 L.F., al fine di liberare se stesso e al contempo la società,
inammissibile perché non previamente approvata da quest'ultima ai sensi dell'art. 152 L.F. Con
decreto depositato il 2.12.2004, il Tribunale di Avezzano accoglieva parzialmente il reclamo
proposto da D. Del F. avverso il decreto in data 28.7.2004 del giudice delegato al Fallimento ABC
& Figli s.n.c; per l'effetto revocava lo stesso decreto, nella parte in cui subordinava la legittimazione
di ABC a proporre il concordato particolare, ai sensi dell'art. 154 L.F. alla preventiva approvazione
della proposta di parte della società fallita, nonché nella parte in cui affermava la legittimazione di
ABC ad opporsi alla proposta di concordato effettuata dallo stesso ABC in data 22.6.2004.
Disponeva che lo stesso giudice delegato acquisisse sulla medesima proposta di concordato il parere
della curatela e del comitato del creditori.
Con atto notificato in data 4.2.2005, FM e DF hanno proposto ricorso per Cassazione avverso il
suddetto decreto sulla base di un unico motivo cui resistono con separati ricorsi DF ed il fallimento
di ABC e figli snc e di ABC in proprio. .……….

°°°°°°°°°°°°
LA VERSIONE INTEGRALE E’ DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK:

http://www.fiscoediritto.it/page/CORTE-DI-CASSAZIONE---SENTENZA-01-MARZO-
20102c-N-4864.aspx

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.
FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente.
FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando
i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo
sito contattaci a info@fiscoediritto.it