Sei sulla pagina 1di 2

RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00376 CAMERA

Legislatura 16
Camera dei Deputati Sindacato Ispettivo
ATTO CAMERA

RISOLUZIONE IN COMMISSIONE : 7/00376


presentata da BELLOTTI LUCA il 21/07/2010 nella seduta numero 356

Stato iter : IN CORSO

Assegnato alla commissione :


XIII COMMISSIONE (AGRICOLTURA)
created with an evaluation copy of Ibex PDF Creator from http://www.xmlpdf.com/ibex.html

Stampato il 28/07/2010 Pagina 1 di 2


RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00376 CAMERA

TESTO ATTO

Atto Camera

Risoluzione in Commissione 7-00376


presentata da
LUCA BELLOTTI
mercoledì 21 luglio 2010, seduta n.356
La XIII Commissione,

premesso che:

l'Ente nazionale delle sementi elette gestiva, prima della soppressione prevista dal decreto-legge 31
maggio 2010, n. 78, importanti compiti connessi allo svolgimento, sotto la vigilanza del Ministero
delle politiche agricole, alimentari e forestali, degli adempimenti derivanti dall'applicazione delle
norme comunitarie e nazionali;

la normativa sopra citata disciplina la produzione e la commercializzazione dei prodotti sementieri, e


prevede specifiche metodologie circa la certificazione ufficiale dei prodotti sementieri, le analisi e i
created with an evaluation copy of Ibex PDF Creator from http://www.xmlpdf.com/ibex.html

controlli qualitativi delle sementi e delle piantine di ortaggi, gli esami tecnici per il riconoscimento
varietale e brevettuale delle novità vegetali, le prove di controllo di campo e di laboratorio previste per
l'iscrizione nel registro nazionale delle varietà vegetali;

sebbene le funzioni delle Ense siano ora affidati all'Inran, Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e
la nutrizione, è indispensabile per l'agricoltura italiana un organismo che non soltanto vigili sulla
produzione e la commercializzazione dei prodotti sementieri, ma che promuova la ricerca nel settore
che appare, anche nell'evoluzione delle politiche agricole su scala globale, un elemento strategico
per il futuro;

a riprova dell'utilità di un ente che possa divenire punto di riferimento del settore, è bene guardare
all'esperienza maturata dall'Ense, che non beneficiava di alcun contributo ordinario da parte dello
Stato avvalendosi esclusivamente di risorse derivanti dai proventi delle prestazioni di certificazione e
di altre attività, quali specifiche analisi, attività di ricerca e sperimentazione concernenti il materiale
sementiero, attività di varia natura, svolte in convenzione con diverse amministrazioni regionali e con
altri soggetti pubblici e privati;

estendendo l'attività di un nuovo organismo di settore anche al campo della ricerca, puntando alla
produzione di colture innovative, il potenziale economico insito nel campo delle sementi potrebbe
essere ancor meglio sfruttato,

impegna il Governo

a promuovere un intervento statale diretto nel settore della produzione, commercializzazione e


ricerca, specie in ambiti innovativi, dei prodotti sementieri, creando strutture ad hoc per valorizzare
pienamente un comparto che si profila essere strategico per l'agricoltura italiana.

(7-00376) «Bellotti».

Stampato il 28/07/2010 Pagina 2 di 2

Interessi correlati