Sei sulla pagina 1di 2

5° Circolo di Pistoia Curricolo di Storia

LA STRISCIA DELLA GIORNATA


OBIETTIVI OIETTIVI DI AZIONI VERIFICHE
DI TIPO APPRENDIMENTO
METACOGNITIVO
Acquisire Sviluppare la percezione “Stabiliamo insieme con i bambini quali sono le cose più importanti della loro Utilizzando schede
consapevolezza della oggettiva del tempo. giornata e i luoghi non occasionali dove trascorrono il loro tempo. prestampate, si
propria Stabiliamo anche che la giornata comincia quando ci svegliamo al mattino e dura fino chiede di mettere in
soggettività Acquisire il concetto di al risveglio al mattino dopo: momento in cui inizia una nuova giornata. relazione i momenti
nella valutazione giornata. Alla fine ci troviamo d’accordo nello stabilire tre tempi di riferimento: il tempo in cui della giornata con
siamo a casa o con la famiglia, quello in cui siamo a scuola, il tempo del sonno.
del reale e saperla alcune azioni
I bambini sono concordi nello stabilire questa sequenza: al risveglio, al mattino,
superare attraverso Saper ricostruire il siamo a casa per un tempo breve, poi siamo a scuola per un tempo lungo, poi siamo caratteristiche e
l’uso di strumenti e succedersi dei vari di nuovo a casa o con i familiari, dopo la cena andiamo a letto e comincia il tempo ricorrenti.
conoscenze. momenti della giornata del sonno.
(mattina, pomeriggio…) Ci mettiamo d’accordo su dei colori che indichino questi tre tempi. Utilizzando schede
Dopo aver riflettuto sulla sequenza dei tempi ed aver stabilito la legenda che li prestampate si
rappresenta, diamo ai bambini delle strisce di carta della stessa lunghezza. Stabiliamo chiede di ricostruire
che rappresentano la giornata e l’inizio del foglio è il risveglio. Chiediamo di la successione
rappresentare la giornata colorando il foglio secondo una legenda stabilita; più lunga temporale dei
è la superficie colorata, maggiore è la durata del tempo. momenti della
Una volta terminato il lavoro, incolliamo le strisce prodotte su una carta da pacchi, giornata, sapendo
una sotto l’altra, facendo in modo che combacino; i bambini si accorgono delle
verbalizzare con
diversità.
Essi sanno benissimo che il tempo di scuola è lo stesso per tutti e vedono terminologia
immediatamente le incongruenze nelle strisce. appropriata.
E’ questo che dà l’avvio alla discussione per cercare di rappresentare il tempi della
giornata in modo più preciso.
E’ a questo punto che viene fuori dai ragazzi stessi la ripartizione della giornata in
ventiquattro ore: questa è una nozione che ai bambini già appartiene; si tratta di
ordinarla, di sistemare orari e sequenze nell’arco di una giornata, che è simile per
tutti loro.
Diamo loro di nuovo la stessa striscia, questa volta non bianca ma suddivisa in 24
parti uguali.
Il criterio di riempimento con i diversi colori è lo stesso di prima, ma questa volta gli
orari sono rispettati. Confrontando le strisce, vediamo che ci sono minime variazioni
sugli orari del risveglio e dell’ora in cui si va a dormire, ma l’orario scolastico ha la
stessa durata per tutti.
Cfr: S. Chesi, La scuola elementare, in Vari, Idee per un curricolo verticale,Tecnodid
5° Circolo di Pistoia Curricolo di Storia