Sei sulla pagina 1di 19

Progetto di urbanistica

partecipata
Scuola primaria “Le
Fonti” Prato
Classi IV A e IV B
Stare bene a scuola
 Chi siamo
 Perché è nato questo progetto
 Come è cresciuto
 Tutti al lavoro!! Vi raccontiamo la
nostra esperienza
Chi siamo

Classi IV A e IV B scuola primaria “Le Fonti”


Prato
Perché è nato questo progetto

Secondo noi è importante che nella scuola lo spazio sia


vissuto e non subito e che la scuola diventi un luogo dove
“sentirsi bene”.
Per questo abbiamo aderito al progetto del Comune di
Prato, coordinato dall’Arch. Di Cara, che si propone di
“riorganizzare” in modo funzionale e creativo i vari spazi
della scuola.
Come è cresciuto
Da un’indagine effettuata tra i nostri compagni l’edificio scolastico
assomiglia a:
•una centrale di polizia
•un ufficio
•un ospedale
•un collegio
I muri esterni inoltre sono imbrattati da scritte e disegni.
È emerso anche il problema della confusione che si crea all’uscita della
scuola.

Abbiamo deciso allora di abbellire gli spazi esterni per


caratterizzare la nostra scuola (cioè vogliamo far vedere
che è davvero una scuola) e di trovare una possibile
soluzione per regolamentare l’uscita.
Il problema più grosso per noi
è l’uscita dalla scuola, perché
c’è molta confusione, non
riusciamo a vedere i nostri
genitori e ci sentiamo un po’
spaesati.
Abbiamo perciò progettato una soluzione per rendere più sicura l’uscita
da scuola: questi sono i primi bozzetti.
TUTTI AL
LAVORO!

Così si presentava il muro di cinta della


scuola prima del nostro intervento…….
L’architetto Di Cara comincia a tracciare i segni per realizzare il progetto.
Come vedete abbiamo deciso di riutilizzare il disegno in modo che i ragazzi
che avevano imbrattato i muri capissero che si possono fare delle cose belle e
si sentissero valorizzati, così non avrebbero sciupato il nostro lavoro.
(Purtroppo non è stato così, ma noi non ci arrendiamo!!!)
La figura, invece di fumare la sigaretta,
ha un fiore in bocca e sul petto un bel
cuore. Nel fumetto abbiamo stampato le
impronte delle nostre mani per
sottolineare che la scuola ci appartiene.
Qui ci prepariamo a
dipingere ascoltando
attentamente le
spiegazioni di Paola che ci
spiega come usare le tinte
sul muro per non
sgocciolare e…...
……finalmente eccoci al lavoro!
Poiché la scuola è di tutti i bambini che la frequentano, abbiamo invitato gli alunni
di tutte le classi a lasciare la loro impronta.
Successivamente abbiamo deciso di utilizzare i quattro elementi ARIA,
ACQUA, TERRA, FUOCO per creare cinque punti di raccolta per l’uscita di noi
bambini (il quinto punto di raccolta, naturalmente, comprende tutti e quattro gli
elementi).
Ecco due “punti di raccolta” dove i genitori attenderanno i bambini di prima
(TERRA, in basso) e di seconda (FUOCO, in alto)
E questi siamo noi! Abbiamo riprodotto le nostre sagome per comunicare a tutti
quanto si sta bene a scuola!!!
dai bambini e dalle bambine
delle classi IV A e B
C i a o!

Potrebbero piacerti anche