Sei sulla pagina 1di 1

A proposito della pubblicazione con la copertina bianco-verdina che la Marangoni ha inviato a tutti gli

anagnini:

Il progetto di Marangoni per il car-fluff…

Marangoni già smaltisce ad Anagni pneumatici esausti e con questo progetto si propone per smaltire il ben
più pericoloso car-fluff nello stesso impianto senza sostanziali interventi.

Un permesso che risulterebbe esclusivo in Italia senza una presenza di proposte concorrenti e di verifiche di
tecnologie più avanzate e sicure: una situazione che lascia campo aperto a molti interrogativi.

Un impianto primo (ed unico!!) in Europa.

Lo smaltimento del car-fluff è un grave problema ad oggi ancora non risolto, con tecnologie di
incenerimento legislativamente ammesse, nemmeno dalle grandi società impiantistiche specializzate
europee ed americane. Per l’elevato potenziale inquinante, in altri paesi europei, attualmente, è solamente
concessa una diluizione del car-fluff al 10% in inceneritori di rifiuti solidi urbani ad altissima tecnologia
rigorosamente controllati.

La diossina in località “Quattro Strade”.

Potrebbe esserci, fino a prova contraria, il dubbio di un collegamento con l’inceneritore Marangoni, ma non
è dubbio il fatto che tuttavia non si proceda con la massima urgenza e diligenza ad una verifica
approfondita che un problema così grave richiede. Non si è confrontato lo spettro dell’inquinante ritrovato
con l’inquinante emesso al camino e non si è avviata una completa mappatura delle zone circostanti per
verificare lo stato attuale del grado e tipologia di inquinamento già presente, individuandone le cause.

Inoltre proprio nella zona cerchiata da Marangoni, come quella di ammessa responsabilità dell’inceneritore,
sono state rilevate in più punti concentrazioni pericolose di diossina. E come risulta dalla valutazione
dell’impatto ambientale presentata da Marangoni, sia l’incenerimento di pneumatici che di car –fluff (in
misura ancora maggiore) è causa di emissioni di tale inquinante letale.

Emissioni dell’inceneritore secondo Marangoni.

I calcoli esibiti sull’opuscolo promozionale della Marangoni non sono corretti.

Non 1,5 mg/anno di diossina emessa, ma 12,0 mg/anno.

(32.000 Nmc/h X7.500h = 240.000.000 Nmc/anno)

(240.000.000 Nmc/annoX 0.05 ng/Nmc= 12.000.000 ng/anno = 12,0 mg/anno)

E questo in condizioni di camini perfettamente sempre efficienti. E con la speranza che la Marangoni sia in
grado di progettare e condurre gli impianti meglio di quanto non sia capace di fare le moltiplicazioni…