Sei sulla pagina 1di 3

Da: rosalinda maggenti <rosalindamaggenti@gmail.

com>
Oggetto:Toscana, Lucca: Tribunale di Lucca, una storia vergognosa nata e sviluppata all'interno del Tribunale...
Data: 11 giugno 2010 16.36.02 GMT+02.00
A:info@studiolazzarini.it, studio.paolinelli@tin.it, studio.andreucci@tin.it, studio.andres@tin.it, ugofava@lunet.it,
serpi.studio@lunet.it, marco.serpi@lunet.it, m.lattanzi@lattanzistudio.it, dott.giulioragghianti@lunet.it,
favillastudioassociato@tin.it, studio_m.franceschi@tin.it, studio.sani@lunet.it
Cc: giovanni.vacchelli@tin.it, dapratog@tiscalinet.it, scardigli@versiliaplanet.it, xsala@tin.it, studioragghianti@tin.it,
urp.quest.lu@pecps.poliziadistato.it, prefetto.lucca@utgprefettura.it, DipartimentoAffariInternieTerritoriali@interno.it,
info@pistoiaindustria.it
Bcc: Carlo Unti <carlounti@gmail.com>, studio.leone@lunet.it, cronaca.lucca@lanazione.net, ufficio.stampa@alleanzanazionale.it,
fabrizio.ristori@sis-ingegneria.com, c.poggi@comunedibarga.it, gruppoUDC@consiglio.regione.toscana.it, Serena Mammini
<serena@mammini.it>, segreteria@antiracket.it, segreteria@odcecpisa.it, t.lencioni@comune.capannori.lu.it,
G.DelCarlo@consiglio.regione.toscana.it, redazione.internet@ansa.it, m.carraresi@consiglio.regione.toscana.it,
m.lucchesi@provincia.pisa.it, contattodiretto@andreatagliasacchi.it, info@pdtoscana, idvpietrasanta@email.it,
lucca@rotary2070.it, avvocatura@comune.pisa.it, info@studiolippi.it
2 allegati, 1,7 MB

Giudici che approvano i falsi dei loro pubblici ufficiali...la Procura archivia senza indagini...
vedremo con schede successive COME si sono sviluppate le loro azioni..
Avvocati...Commercialisti...gli Ordini professionali...
Situazione di GRAVE PERICOLO per ogni cittadino, diritto/obbligo di informazione..
http://www.scribd.com/doc/32760604/Mafiosi-in-Sicilia-e-in-Toscana-cosa-sono
http://www.scribd.com/doc/32747942/Toscana-Lucca-AL-DI-FUORI-DELLA-LEGGE-O-SOPRA-LA-LEGGE
La definizione di mafia è fornita dal comma 3 dell'art. 416 bis c.p:

" L'associazione è di tipo mafioso quando coloro che ne fanno parte si avvalgono della forza di intimidazione
del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva per commettere delitti,
per acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di attività economiche,
di concessioni, di autorizzazioni, appalti e servizi pubblici o per realizzare profitti o vantaggi ingiusti per sé o per altri ,
ovvero, al fine di impedire od ostacolare il libero esercizio del voto o di procurare voti
a sé o ad altri in occasione di consultazioni elettorali".

(http://www.carabinieri.it/internet/editoria/rassegna+arma/2003/suppl_4/capitolo+3/02.htm)