Sei sulla pagina 1di 5

Giochi per bambini

Tratti da: http://www.giochiperbambini.org/

Acqua, terra e aria

Nel gioco Acqua, terra e aria, il materiale necessario è un gessetto.Un


bambino fa il conduttore del gioco e con il gessetto traccia una riga sul
pavimento, oppure, se giocate in casa, scegliete la riga che unisce 2 file di
piastrelle.I giocatori si sistemano da un lato della riga in modo che essa sia di
fronte a loro, per cominciare il gioco.Il conduttore del gioco inizierà a dire a
voce alta le parole "acqua", "terra", "aria" nell'ordine che preferisce.Quando il
conduttore dice a voce alta "acqua", gli altri bambini devono saltare a piedi
uniti dall'altra parte della riga; se invece dice "aria", fanno un salto e
rimangono dove sono; se poi dice "terra", tornano nella posizione in cui erano
all'inizio del gioco.Il bambino che conduce il gioco cercherà di confondere i
giocatori, ripetendo il posto dove già si trovano o con veloci serie di cambi. Se
un giocatore si muove quando invece non lo deve fare, oppure se non
reagisce velocemente, viene eliminato.Lo scopo del gioco è quello di non
essere eliminati, mentre il conduttore deve cercare di eliminare gli altri
giocatori.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: 3 o più giocatori
Tempo di gioco: Pochi minuti

La veritàCategoria

Il gioco richiede anche la direzione da parte di un adulto.Tutti i bambini si


posizionano guardando l'animatore del gioco.Egli dice una frase in cui
qualcuno fa una determinata azione; per esempio: "Il falegname sega il
legno".I giocatori dovranno imitare l'azione solo se la frase è vera, altrimenti
dovranno rimanere fermi.L'adulto complica sempre più le frasi, perché sia
ogni volta più diffìcile riuscire a sapere se sono vere o no. Il giocatore che
sbaglia viene eliminato.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: 3 o più giocatori
Tempo di gioco: Pochi minuti

Saltinmente

Materiale necessario per il gioco: tanti fogli di carta e penne per quanti sono i
giocatori; un orologio per cronometrare.In questo gioco l'abilità e la velocità
sono le caratteristiche principali; anche la conoscenza nel senso di "sapere" è
molto importante per una migliore riuscita della propria partecipazione e
quindi per raggiungere un punteggio elevato.I ragazzi scelgono le categorie
sulle quali confrontarsi e poi a caso scelgono una lettera dell'alfabeto.A
questo punto: si dà via al tempo (generalmente caratterizzato da 3 minuti) e i

1
giocatori iniziano a scrivere tutte le parole che iniziano per quella determinata
lettera nelle varie categorie.Il gioco termina con lo scadere del tempo.Questo
è un gioco che si può fare a manches.PUNTEGGIO:10 punti per ogni risposta
unica (cioè: la mia risposta, in quella determinata categoria, deve essere
diversa dalle risposte dei miei avversari nella medesima categoria).5 punti per
ogni risposta che, in una data categoria, è uguale a quella degli avversari.0
punti per ogni categoria vuota.Lo scopo del gioco è fare più punti degli
avversari.

Età di gioco consigliata per i bambini: 10 anni


Numero di giocatori necessari: Molti giocatori
Tempo di gioco: 1 ora o poco più

Vedo vedo….

Per iniziare a giocare un bambino sceglie mentalmente un oggetto che sia


visibile e dice a voce alta: "Vedo, vedo!".Gli altri giocatori domandano: "Che
cosa vedi?" e lui risponde: "Una cosa che comincia per la lettera..." e dice
l'iniziale dell'oggetto che ha scelto.Al proprio turno, ogni bambino gli fa una
domanda per cercare di scoprire qual'è l'oggetto scelto. Si può soltanto
rispondere "sì" o "no".Dopo ogni risposta affermativa potete cercare di
indovinare. Il primo bambino che ci riesce sceglierà il prossimo oggetto.

Età di gioco consigliata per i bambini: 2 anni


Numero di giocatori necessari: 2 giocatori
Tempo di gioco: Pochi minuti

Il gioco di Kim

Materiale necessario per il gioco: 8 oggetti diversi; un telo di stoffa per


coprirli; un tavolo su cui appoggiare gli oggetti.Scegliete 8 oggetti diversi e
metteteli su di un tavolo (si possono usare anche dei peluche di animali
diversi per facilitarne la memorizzazione da parte dei bambini) e poi li si fanno
osservare per 20 secondi.A questo punto, si coprono con un fazzoletto. Fare
parlare a turno i bambini, che dovranno ricordare gli oggetti nascosti. Vince il
giocatore che per primo li indovina tutti.Indovinare per primi gli oggetti sul
tavolo.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: Molti giocatori
Tempo di gioco: Pochi minuti

Scopri l'oggetto

Per giocare è necessario: un foglio di giornale, forbici e piccoli oggetti.Fate un


foro di circa un centimetro di diametro al centro di un foglio di giornale.Di
nascosto dai bambini, metteteci sotto un oggetto, in modo che se ne veda
solo una piccola parte attraverso il foro. E' meglio scegliere piccoli oggetti e
iniziare a mostrarli dalle parti meno identificabili.I giocatori guardano il buco e

2
cercano di indovinare qual è l'oggetto nascosto.A ogni sbaglio si apre un pò,
per mostrare un pezzetto più grande dell'oggetto nascosto.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: 3 o più giocatori
Tempo di gioco: Pochi minuti

Rumori di casaCategoria (Giochi da fare in casa per bambini)

Materiale necessario per il gioco: un registratore e una cassetta sui registrare.


Regole per giocareL'adulto gira per la casa e cerca di registrare molti rumori,
come per esempio: il rumore del computer o della televisione, quello del
telefono e della lavatrice; oppure ancora: la lavastoviglie e il folletto.
Praticamente tutto quello che si può riconoscere.Una volta registrati i rumori,i
bambini dovranno indovinare da quale oggeto derivano!Vince chi indovina più
rumori.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: 3 o più giocatori
Tempo di gioco: Variabile

Continua la storia

Materiale per giocare: un orologio.Un bambino inizia a raccontare una storia,


che inventa sul momento.Scaduto il tempo che ha a disposizione, il giocatore
successivo deve riprenderla nel punto in cui è stata interrotta e continuarla,
aggiungendo tutto quello che gli viene in mente, fino a quando scade il tempo
anche per lui.Ogni ragazzino ha uno o due minuti per continuare la storia.I
risultati sono sempre molto divertenti.

Età di gioco consigliata per i bambini: 10 anni


Numero di giocatori necessari: Molti giocatori
Tempo di gioco: Variabile

Statuine di gesso

Si scelgono due bambini, uno è il venditore, l'altro il cliente. Gli altri giocatori
saltano e si muovono fino a quando il venditore grida: "Fermi!".A questo
punto, i giocatori restano paralizzati nella posizione in cui si trovano,
diventando delle statue; il bambino che fa il venditore mostra una delle statue
al cliente; entrambi cercano di farla ridere facendo smorfie per accertarsi se è
veramente una buona statua.Quando il cliente riconosce che si tratta di una
buona statua, il bambino abbandona il ruolo di statua e si mette a fare il
cliente insieme all'altro, esaminando un'altra figura.I bambini che non
riescono a trattenere le risate o si muovono sono scartate dal cliente e
dovranno continuare nel loro ruolo.

Età di gioco consigliata per i bambini: 5 anni


Numero di giocatori necessari: Molti giocatori

3
Tempo di gioco: Pochi minuti

I girasoli

Trentatrè passi ad est di Prato Fiorito (camminando cioè verso il punto in cui
sorge il sole al mattino) c’è Campogiallo, una grossa distesa di terra marrone
scuro, che la nebbia dell’autunno colora di grigio e la neve dell’inverno
dipinge di bianco. Su questa terra, in primavera, crescono delle pianticelle
verde chiaro che spiccano contro il cielo azzurro. Quando il sole decide di
andare a dormire, dipinge il cielo di rosso e le pianticelle diventano allora
verde scuro, finché il buio della notte non colora poi tutto quanto di nero
(terra, cielo e pianticelle). Ma allora perché questo posto si chiama
Campogiallo ? Perché all’inizio dell’estate le pianticelle verdi fioriscono e i
loro rotondi fiori prendono all’istante il colore dell’unica cosa rotonda che
vedono davanti a loro: il sole ! C’è persino chi dice di aver sentito uno di
questi fiori rivolgersi al sole chiamandolo “Mamma !”, ma è difficile crederci.
È comunque sicuro che quando il sole è in cielo, i rotondi fiori di Campogiallo
non lo perdono mai di vista. Girano il loro dorato faccione, seguendo il
cammino del sole fino a quando, stanco della lunga giornata, va a dormire.
Chi passa vicino a Campogiallo proprio in quel momento può vedere
centinaia e centinaia di grossi fiori, chinare la testa, forse anche loro stanchi
della giornata trascorsa o forse un po’ tristi perché il loro grande amico se ne
è andato.

Giocatori - Quanti si vuole, con un conduttore.

Occorrente - Un grosso foglio di cartoncino e un pennarello giallo.

Preparazione - Il conduttore disegna sul foglio di cartoncino un enorme sole


giallo. I giocatori si spargono qua e là per il campo di gioco (che non deve
essere troppo grande) e si accucciano a terra, a testa china.

Regole - Il conduttore si muove silenziosamente tra loro. Ad un certo punto


inizia a fischiettare un’allegra canzoncina e solleva contemporaneamente
sopra la testa il grosso sole giallo: la giornata è incominciata. I giocatori
devono alzarsi in piedi e voltarsi velocemente verso il sole. Il conduttore
continua a spostarsi di qua e di là, stavolta tenendo in sole bene in vista, e i
giocatori devono fare in modo di essere sempre girati verso di lui, senza
muoversi dal loro posto (i girasoli non camminano...). Ad un certo punto il
conduttore abbassa il foglio di cartoncino e lo nasconde dietro la schiena: è
scesa la notte. I giocatori si riaccucciano a terra, a testa china, in attesa
dell’arrivo di una nuova giornata. Chi non si alza in fretta all’arrivo del sole o
non lo segue durante il suo cammino o non si riaccuccia velocemente
quando scompare, viene eliminato e va a sedersi ai bordi del campo (forse è
una margherita, forse un papavero o forse un fiordaliso, ma di certo non è un
girasole!)

4
Vince - L’ultimo giocatore (o l’ultimo gruppetto di giocatori) rimasto in campo,
a seguire il sorgere e il tramontare del sole.

Canzoncine per “la conta”


Tratto da: http://www.infanziaweb.it/giochi.htm

Per scegliere a chi tocca, la conta permette di dividere i partecipanti in


squadre o di assegnare un ruolo ad un giocatore (lupo, gatto, primo del
turno, ...).Ne esistono varie versioni tra cui:

Passa paperino
Passa paperinocon la pipa in boccaguai a chi la toccal'hai toccata tu.

Pierin
Sotto il ponte di Baraccac'è Pierin che fa la cacca.La fa dura dura dura,il
dottore la misurala misura trentatreuno, due e TRE!

A bi bo
A bi bochi sta sotto non lo soma ben presto lo saprò!

Ambarabà ciccicoccò
Ambarabà ciccicoccòtre civette sul comòche facevano l'amorecon la figlia del
dottoreIl dottore la chiamòAmbarabà ciciccocò.

La conta dei tre


Questa è la conta dei tre somarelliChe si baciavano sotto gli ombrelliUn giorno
il re disseIo sono il re e vi ordino di contar fino a tre.Uno due e tre.

La frittata nella padella


Spiegazione del gioco: si fa un girotondo tenendosi per mano e si canta:

La frittata nella padella si fa sempre molto bella molto bella si faràse (dire
nome e cognome del bambino) si volterà!

Il bambino nominato si gira di schiena.

Continua il girotondo fino a quando tutti i bambini sono stati nominati.A


questo punto si canta:

La frittata nella padellasi fa sempre molto bella molto bella si farà e la


maestra (dire nome e cognome)tutta quanta se la mangerà!

Si mima l'azione del mangiare, toccando di volta in volta ogni bambino che si
girerà di nuovo!

Interessi correlati