Sei sulla pagina 1di 11

SINOSSI SINTETICA

DI GRAMMATICA
EGIZIA
IN TRASCRIZIONE A SOLE LETTERE LATINE
CON USO DI CARATTERI SPECIALI
E SENZA VOCALIZZAZIONE
*** F O N E T I C A ***
ALFABETO

SEGUENDO
(PREVALENTEMENTE)
LALFABETO INGLESE
A
b
d
f
g
h

NOTA
L'ordine alfabetico delle trascrizioni quello
che si ritrova anche nella grammatica di
GARDINER.
Segue, pi oltre, un prospetto in cui le
lettere sono ordinate (salvo trascrizioni
molto particolari) secondo l'ordinamento
alfabetico inglese.

u
i
k
(l)
m
n

ALFABETO EGIZIO IN TRACRIZIONE


A LETTERE LATINE CON USO
DI CARATTERI SPECIALI:
ORDINE ALFABETICO COME DA GARDINER

p
q
r
s

trascrizione modello di pronuncia


A -e
s-che-ma
i-e
ie-ri (i con sovrapp. picc. c
rovesciata* )
y-e
ie-na
-e
ghe-zzo (= nero, proprio da
aigiptios)
w-e
g-u-elfo o v-edere
b-e
be-re
p-e
pe-ra
f-e
fe-rmo
m-e
me-dio
n-e
ne-ro
r-e
g-re-to (r piuttosto alla
francese)
h-e
he
-e
fres-che-e
que-sto
u-e
gue-lfo
z-e
e-se-nte (nel medio egizio
superfluo = s)
s-e
se-ntire (anche s, ma super.
nel m. eg.)
-e
scen-dere
q-e
q-uello (si usa anche q)
k-e
che
g-e
sa-ghe
t-e
te-mpo
-e
ce-na
d-e
de-lta
-e
ge-nere
-->* al posto di i si pu usare j
ORDINE ALFABETICO DELL'EGIZIO

w
y
z
NOTA GENERALE SULLA PRONUNCIA
importante soprattutto che i suoni siano
pronunciati ben distinti: proprio per questo
si consiglia di accentuare la pronuncia di
alcuni suoni e, in particolare, sar meglio
pronunciare:
come un gh duro seguito da i
semivocale
gh-i
come un k molto aspirato + w
kh-w
u
come un g duro molto aspirato + w
gh-w
mentre
A
(c)h
h
h

come un c duro aspirato


vale debole aspirazione muta

vale forte apirazione


muta
ch
Comunque
la
pronuncia
di
queste
consonanti non deve essere fatta in modo
defatigante.
VOCALI
Non sono segnate in egiziano. Nella
convenzione egittologica, si integra la
trascizione consonantica interponendo per
lo pi una "e", tenendo, in ogni caso, conto
che sono di fatto lette come vocali le
seguenti consonanti:

A
i, y

che letto a
che sono letti i
che letto a
w
che letto u.
Pertanto, in presenza di queste consonanti,
non si usa la vocale integrativa di appoggio
"e".
PROPOSTA DI UN SISTEMA FONETICO
Proporre,
nell'ambito
della
pronuncia
convenzionale usata per l'"egizio", l'idea di
un sistema fonetico potrebbe sembrare un
po' assurdo. Tuttavia, quello che si pu
proporre, un sistema fonetico ideale che
non ha
stretta necessit di un vero e
proprio riscontro storico.
Si pu distinguere in questo sistema
fonetico:
a) il luogo di articolazione
(laringale, faringale, velare, palatale,
dentale, labiale)
b) il modo di articolazione
(esplosivo, fricativo, continuo, liquido,
nasale)
c) la qualit dell'articolazione
(muto, sonoro, enfatico)
specchietto
espl.
fric.
cont.
liqu.
nas.
m. s. e. m. s.
lar.
A
h
far.
vel.
k g q
u
pal.

iy
(l)
dent. t d
s
z
r
n
lab.
p b
f
w
m
nota: la "l" scomparsa nelle forme egizie
ed resa talora con "r", "n", "rn": in epoca
tardo-egizia stata reintrodotta per
trascrivere nomi stranieri.
*** M O R F O L O G I A ***
***NOME***
NOME
m. s. nr
m.pl. nr-w
m. d. nr-wy
f. s.
nr-t
f. pl.
nr-wt
f. d.
nr-ty

dio, il dio, un dio


dei, gli dei, degli dei
i due dei
dea, la dea, una dea
dee, le dee, delle dee
le due dee

---> monosillabi
r
voce
r-w
voci
r-y
le due voci
STATO COSTRUTTO

Nelle
trascrizione
convenzionale
egittologica non rilevabile, tuttavia, se di
volesse segnalare lo st. cs., si potrebbe
usare la convenzione di leggere con poco
accento le forme in st. sc.
ORDINE NORMALE PAROLE
verbo + sogg. + ogg. + term. + avverbiale
GENITIVO DIRETTO O STATO COSTRUTTO
m
nr
sacerdote del dio
un sacerdote del dio
il sacerdote del dio
GENITIVO INDIRETTO
s.
m.
n
f.
nt
esempi
m
n
nr
dio

pl.
nw
nwt
sacerdote del dio
un sacerdote del
il sacerdote del

dio
niwt

nt

wrw

nw

bw

mwt nwt

wrw

la citt dell'eternit
i grandi di Abido
le mogli dei capi

VOCATIVO
i = o
PARTICELLE INIZIALI DI FRASE
mk
guarda!
m
guarda!
men
guardate!
***PRONOME***
PRONOMI PERSONALI INDIPENDENTI
inwk
io
ntk
tu m.
nt
tu f.
ntf
egli
nts
essa
inn
noi
ntn
voi
ntsn
essi
iny
noi due
ntny
voi due
ntsny
essi due
PRONOMI PERSONALI SUFFISSO
.i
io
.k
tu
m.
.
tu
f.
.f
egli
.s
essa
.n
noi
.n
voi

.sn
.ny
.ny
.sny

essi
noi due
voi due
essi due

1) m
m
mi
r
r

PRONOMI PERSONALI DIPENDENTI


(forme toniche e autonome)
wi
io, me
w
tu, te
m.
n
" f.
sw
lui
sy
lei
st
esso, essi
n
noi, ci
n
voi, vi
sn
essi, loro

in posizione
introdotto
da in
in m ir.f
in m irr
in m ir
2) ptr =
(varianti
pt
pty
pwtr
pwti)

PRONOME INDEFINITO
tw
PRONOME
PERSONALE
RISPETTO
wt
Tu
swt
Ella

ARCAICO

DI

iniziale come soggetto viene


chi far?
chi fa?
chi ha fatto?
chi? che cosa?

usato all'inizio della frase


3) zy = "chi? che cosa? quale?
all'interno della frase

AGGETTIVI E PRONOMI DOMOSTRATIVI


s.m.
pl.m.
s.f
pl.f.
pl.-s.
collettivo
p-w
ip-w
t-w ipt-w
n-w
p-n
ip-n
t-n ipt-n
n-n
p-f
ip-f
t-f ipt-f
n-f
p-A
t-A
n-A
da pA, tA, nA derivano articoli recenziori
ipw etc. forse sono da un *iw-w plurale di
un *i.
AGGETTIVI POSSESSIVI RECENZIORI
pAy.i
tAy.i
nAy.i
questo mio
questa mia
questi
miei
PRONOME RELATIVO
s
m
nty
f
nt(yw)t/ntt

= "chi? che cosa?"


m
con che cosa?
m
come?
m
a quale scopo?
m
perch?

pl
nwty/ntw
nt(y)t

FRASI INTERROGATIVE
raramente ottenibili tramite il tono della
frase:
pi comunemente introdotte da particelle:
in
in iw
in iw rf
in iw irf
in iw tr
PRONOMI E AVVERBI INTERROGATIVI
rimangono nella frase nella posizione
prescritta dalle regole generali.

4) ist = "che cosa?"


all'interno della frase
5) i = "che cosa?"
all'interno della frase
6) n = "dove? da dove?"
( varianti
tny
tnw)
all'interno di frase
7) wr = "quanto? quanti?"

***NUMERALI E NUMERAZIONI VARIE***


cardinali
1
w
2
snw[y]
3
mt(w)
4
fdw
5
diw
6
sisw
7
sf(w)
8
mn(w)
9
ps(w)
10 m(w)
20 wty
30 mbch
40 m(w)
50 di-yw
60 si(syw)
70 sf(yw)

80 mn(yw)
90 psyw
100 nt
1000 ch
10.000 b
100.000 fn
1.000.000

l'abitudine, specie in italiano, ma anche in


altre lingue, di coniugare i verbi facendoli
precedere dai pronomi personali.
***FORME SUFFISSALI DIRETTE***
INDICATIVO

ordinali
1.o
2.o
3.o
4.o
5.o
6.o
7.o
8.o
9.o
10.o
11.o

m.
f.
tpy
tpt
snw-nw
snwnwt
mt-nw
mt-nwt
fdw-nw
fdw-nwt
diw-nw
diw-nwt
sisw-nw
sisw-nwt
sf-nw
sf-nwt
mn-nw
mn-nwt
ps-nw
s-nwt
mm
mt m (che completa 10)
"
etc.

USI NUMERICI VARI


regolarsi in genere come da contesto
DIVISIONE DEL TEMPO E DATAZIONE
rnpt
anno
Abd
mese
hrw
giorno
At
"umida" met luglio-novembre
prt
"uscita"
met novembre-marzo
mw
"secca"
met marzo-luglio
wnwt
ora
ssw
giorni
nelle date
At-sp
anno date (lett. inizio
della volta)
***PREPOSIZIONI***
consultare dizionario: ometto elenco.

***VERBO***
CONIUGAZIONE

SPECCHIETTO

SINOTTICO

EGIZIA
Il seguente specchietto mira a dare un
quadro il pi possibile chiaro della
coniugazione egizia: il tutto per aiutare
meglio la memoria di chi studia l'egizio;
inoltre, in questa sinossi sintetica, le forme
verbali sono state ordinate secondo un
sistema a noi pi "famigliare" e con
denominazione un po' "sui generis", sempre
per scopi didattici e mnemotecnici. Lo
stesso vale per i pronomi messi prima delle
forme verbali che andrebbero di fatto
omessi: li si comunque lasciati data

PRESENTE PUNTUALE
(presente perfettivo)
(sm.f perf.: segemf perfettiva)
(egli ode, egli )
inwk sm.i
ntk
sm.k
nt
sm.
ntf
sm.f
nts
sm.s
inn
sm.n
ntn
sm.n
ntsn
sm.sn
iny
sm.ny
ntny
sm.ny
ntsny
sm.sny
inwk
ntk
nt
ntf
nts
inn
ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

(2.ae gem. e 3.ae inf.)


wn.i
wn.k
wn.
wn.f
wn.s
wn.n
wn.n
wn.sn
wn.ny
wn.enyi
wn.sny

(forti bilitteri)
m.i (io cammino etc.)
m.k
m.
m.f
m.s
m.n
m.n
m.sn
m.ny
m.ny
m.sny

PRESENTE PUNTUALE NEGATIVO


A SFUMATURA FUTURA
(nn sm.f perf.: nen segemf perfettiva)
(non udr, non sar)
inwk
nn sm.i
wn.i
ntk
nn sm.k
wn.k
nt
nn sm.
wn.
ntf
nn sm.f
wn.f
nts
nn sm.s
wn.s
inn
nn sm.n
wn.n
ntn
nn sm.n
wn.n
ntsn
nn sm.sn
wn.sn
ny
nn sm.ny
wn.nyi
ntny
nn sm.ny
wn.ny
ntsny
nn sm.sny
wn.snyi
FORMA NEGATIVA ESCLUSIVA PASSATA
(n zp sm.f perf.: en sep segemf perfettiva)
(non ud mai)
inwk
n zp sm.i
wn.i
ntk
n zp sm.k
wn.k

nt
ntf
nts
inn
ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

n zp sm.
n zp sm.f
n zp sm.s
n zp sm.n
n zp sm.n
n zp sm.sn
n zp sm.ny
n zp sm.nyi
n zp sm.sny

wn.
wn.f
wn.s
wn.n
wn.n
wn.sn
wn.ny
wn.ny
wn.sny

FORMA NEGATIVA ESCLUSIVA FUTURA


(nn zp sm.f perf.: nen sep segemf
perfettiva)
(non sentir mai)
inwk
nn zp sm.i
wn.i
ntk
nn zp sm.k
wn.k
nt
nn zp sm.
wn.
ntf
nn zp sm.f
wn.f
nts
nn zp sm.s
wn.s
inn
nn zp sm.n
wn.n
ntn
nn zp sm.n
wn.n
ntsn
nn zp sm.sn
wn.sn
iny
nn zp sm.ny
wn.ny
ntny
nn zp sm.nyi
wn.ny
ntsny
nn zp sm.sny
wn.sny
FORME PUNTUALI CON PROCLITICHE
(i, r, kA, in, ir sm.f perf.:
ich, cher, ca, in, ir segemf perfettivo)
i
= allora: in ingiunzioni di invito in un
futuro
r
= allora: in un futuro (forse: futuro
"augurale")
kA
= allora: in un futuro (forse: futuro
"logico")
in
= certamente, evidentemente
ir
= se
esempio di coniugazione con una:
(i sm.f perf.: ie segemf perfettiva)
(allora egli udr)
(forse: il cielo volendo, egli udr)
i inwk
sm.i
wn.i
i ntk
sm.k
wn.k
i nt
sm.
wn.
i ntf
sm.f
wn.f
i nts
sm.s
wn.s
i inn
sm.n
wn.n
i ntn
sm.n
wn.n
i ntsn
sm.sn
wn.sn
i iny
sm.ny
wn.ny
i ntny
sm.ny
wn.enyi
i ntsny
sm.sny
wn.sny
etc.
si notino anche le costruzioni
r.f sem.f e r X sm.f
kA.f sm.f e kA X sm.f
ntf sm.f e in X sm.f
(notare il fatto che ad un ipotetico
in.f sm.f

si sostituisce il pronome personale di terza


persona, che probabilmente gi contiene il
rafforzativo enfatico in/n)
Notare
il
perfettivo-esortativo
preceduto da
A
wi
qwy A

spesso

IMPERFETTO ITERATIVO
(sm.f imp.: segemenf imperfettiva)
(egli udr, udiva, ode abitualmente)
inwk
ntk
nt
ntf
nts
inn
ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

sm.i
sm.k
sm.
sm.f
sm.s
sm.n
sm.n
sm.sn
sm.ny
sm.ny
sm.sny

(2.ae gem. e 3.ae inf.)


wnn.i
wnn.k
wnn.
wnn.f
wnn.s
wnn.n
wnn.n
wnn.sn
wnn.ny
wnn.enyi
wnn.sny

imperfetto iterativo verbi forti bilitteri


senza raddoppiamento della seconda
lettera
(egli camminer, camminava, cammina
abitual.)
nessuna
differenza
nella
trascrizione
consonantica rispetto alla perfettiva.
IMPERFETTO ITERATIVO NEGATIVO
(n sm.n.f: en segemenf: negazione sm.f
imp.)
(egli non udr, non udiva, non ode
abitualmente)
inwk
n sm.n.i
wn.n.i
ntk
n sm.n.k
wn.n.k
nt
n sm.n.
wn.n.
ntf
n sm.n.f
wn.n.f
nts
n sm.n.s
wn.n.s
inn
n sm.n.n
wn.n.n
ntn
n sm.n.n
wn.n.n
ntsn
n sm.n.sn
wn.n.sn
iny
n sm.n.ny
wn.n.ny
ntny
n sm.n.ny
wn.n.nyi
ntsny
n sm.n.sny
wn.n.sny
Nota: ir tm.f sm(w)
negazione di ir sm.f imp.
PRESENTE PUNTUALE PASSIVO
("VERO PASSIVO")
(forma sm.f pass. perf.: segemf passiva
perf.)
(egli udito)

nota: la coniugazione non differisce


dalla sgemef perfettiva nel sistema
di trascrizione consonantico;
con nome: sm, wnny
IMPERFETTO ITERATIVO PASSIVO ARCAICO
(smm.f imperf.: segememf ad aspetto
imperf.)
(egli sar, era, abitualmente udito)
inwk
ntk
nt
ntf
nts
inn
ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

smm.i
smm.k
smm.
smm.f
smm.s
smm.n
smm.n
smm.sn
smm.ny
smm.ny
smm.sny

wnn.i
wnn.k
wnn.
wnn.f
wnn.s
wnn.n
wnn.n
wnn.sn
wnn.ny
wnn.enyi
wnn.sny

FOME VERBALI sm.f DI VERBI "IRREGOLARI"


imperfettive
perfettive
rdi
di.f
rdi.f
di.f
iri

irr.f

ir.f

iw.f

ini

inn.f

y.f
iwt.f (prosp.)
in.f
o
int.f (prosp.)

PRESENTE PASSIVO (IMPERSONALE)


(sm.tw.f: segemtuf)
(lui udito)
a) forma "intera"
inwk
sm.tw.i
ntk
sm.tw.k
nt
sm.tw.
ntf
sm.tw.f
nts
sm.tw.s
inn
sm.tw.n
ntn
sm.tw.n
ntsn
sm.tw.sn
iny
sm.tw.ny
ntny sm.tw.ny
ntsny sm.tw.sny

wn.tw.i
wn.tw.k
wn.tw.
wn.tw.f
wn.tw.s
wn.tw.n
wn.tw.n
wn.tw.sn
wn.tw.ny
wn.tw.nyi
wn.tw.sny

b) forma abbreviata: smt.f (segemtf)


inwk
smt.i
wnt.i
ntk
smt.k
wnt.k
nt
smt.
wnt.
ntf
smt.f
wnt.f
nts
smt.s
wnt.s
inn
smt.n
wnt.n
ntn
smt.n
wnt.n
ntsn
smt.sn
wnt.sn
iny
smt.ny
wnt.ny

ntny
smt.ny
wnt.nyi
ntsny
smt.sny
wnt.sny
"CONGIUNTIVO" ESORTATIVO
(sm.f esortativa di tipo imperfettivo)
(oda egli)
non
presenta
nella
trascrizione
consonantica
alcuna
differenza
colla
segemenef
iperfettiva.
CAUSATIVO COL "CONGIUNTIVO"
rdi.f sm.f imp.
di.f sm.f imp.
IMPERATIVO
sm: sgem
IMPERATIVO NEGATIVO
m sm: em sgem
FORMA DI IMPERATIVO AFFERMATIVO
imi sm.f impv. (imi imp. di rdi)
concedi che egli oda
IMPERATIVO NEGATIVO ESORTATIVO
(imi.f sm(w): imif segmu)
imi.i
sm(w)
imi.k sm(w)
imi.
sm(w)
imi.f
sm(w)
imi.s
sm(w)
imi.n
sm(w)
imi.n sm(w)
imi.sn sm(w)
imi.ny sm(w)
imi.ny sm(w)
imi.sny sm(w)
INDICATIVO PASSATO ATTIVO
(sm.n.f: segemenf)
(egli ud)
inwk
sm.n.i
wn.n.i
ntk
sm.n.k
wn.n.k
nt
sm.n.
wn.n.
ntf
sm.n.f
wn.n.f
nts
sm.n.s
wn.n.s
inn
sm.n.n
wn.n.n
ntn
sm.n.n
wn.n.n
ntsn
sm.n.sn
wn.n.sn
iny
sm.n.ny
wn.n.ny
ntny
sm.n.ny
wn.n.nyi
ntsny
sm.n.sny
wn.n.sny
forma ampliata
segemenf)

-->

iw

sm.n.f

(u

INDICATIVO PASSATO NEGATIVO


(n sm.f perf.: en segemf perf.)
(non ud)
inwk
n sm.i
wn.i
ntk
n sm.k
wn.k

nt
ntf
nts
inn
ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

n sm.
wn.
n sm.f
wn.f
n sm.s
wn.s
n sm.n
wn.n
n sm.n
wn.n
n sm.sn
wn.sn
n sm.ny
wn.nyi
n sm.ny
wn.ny
n sm.sny
wn.snyi

INDICATIVO PASSATO PASSIVO


impersonale (poco usato)
(sm.n.tw.f: segementuf)
(egli fu udito)
inwk
sm.n.tw.i
wn.n.tw.i
ntk
sm.n.tw.k
wn.n.tw.k
nt
sm.n.tw.
wn.n.tw.
ntf
sm.n.tw.f
wn.n.tw.f
nts
sm.n.tw.s
wn.n.tw.s
inn
sm.n.tw.n
wn.n.tw.n
ntn
sm.n.tw.n
wn.n.tw.n
ntsn
sm.n.tw.sn
wn.n.tw.sn
iny
sm.n.tw.ny
wn.n.tw.ny
ntny
sm.n.tw.ny
wn.n.tw.nyi
ntsny
sm.n.tw.sny
wn.n.tw.sny
negazione
n
sm.n.ef
INDICATIVO PASSATO PROSSIMO
(smt.f: segemetf di tipo perfettivo)
(egli ha udito)
a)attivo
di fatto nella trascrizione consonantica
uguale alla sm.tw.f abbreviata:smt.f
b) passivo
(smyt.f: segemitf)
(egli stato udito)
inwk
smyt.i
iryt.i
ntk
smyt.k
iryt.k
nt
smyt.
iryt.
ntf
smyt.f
iryt.f
nts
smyt.s
iryt.s
inn
smyt.n
iryt.n
ntn
smyt.n
iryt.n
ntsn
smyt.sn
iryt.sn
iny
smyt.ny
iryt.ny
ntny
smyt.ny iryt.ny
ntsny
smyt.sny iryt.sny
c) forma negativa
(n smt.f: en segemetf)
(egli non ha/aveva ancora udito)
inwk
ntk
nt
ntf
nts
inn

n smt.i
n smt.k
n smt.
n smt.f
n smt.s
n smt.n

wnt.i
wnt.k
wnt.
wnt.f
wnt.s
wnt.n

ntn
ntsn
iny
ntny
ntsny

n smt.n
wnt.n
n smt.sn
wnt.sn
n smt.ny
wnt.ny
n smt.ny
wnt.nyi
n smt.sny wnt.sny

***PSEUDOPARTICIO***
PASSATO PERFETTO
(VECCHIO PERFETTIVO)
(sm(w): segemu)
(stato udito abitualmente)
forma da usarsi preferibilmente, forse con
possibile sfumatura significativa iterativa
(cfr. gr. bebouluka):
inwk
sm.kwi
ntk
sm.ti
nt
sm.ti
ntf
sm.(w)
nts
sm.ti
inn
sm.wyn
ntn
sm.tiwny
ntsn
sm
ntsn
sm.ty
ntsny
sm.wy
ntsny
sm.ty
forme "pseud. impv." di rdi: di, dd,
diw
NOTA: anche per il vecchio perfettivo, si
potrebbe
supporre
una
distinzione
perfettivo/imperfettivo,
distinguibile,
ovviamente,
nella
trascrizione
consonantica, solo nel caso dei verbi deboli
geminati etc.: notare infatti:
a) supponibile forma
sm(w) = stato udito puntualmente
b) effettiva forma attestata in scrittura tipo:
inwk
wn.kuwy
ntk
wn.ty
nt
wn.ty
ntf
wn.(w)
nts
wn.ty
inn
wn.wyn
ntn
wn.tiwny
ntsn
wn
ntsn
wn.ti
ntsny
wn.wy
ntsny
wn.ty
forme di "pseud. prfv." di rdi: rdi
***FORME NOMINALI***
*INFINITO*
(sm: sem; prt: peret)

(udire, uscire)
a) forme varie notevoli:
sm
prt (f.)
wnn
s-mit
ptpt
s-n
s-msy
s-pt
nftft
s-mAwy
b) forme particolari:
mt
mAA, mA n, mA
rdit
dit
yt
iwt
int
negazione infinito
n sm = senza udire
tm sm(w) = non udire
*PARTICIPI*
PARTICIPIO IMPERFETTIVO ATTIVO
(sm; smy, sm(y)t, smyw)
(udente, che sta udendo)
sm
wnn
un udente
un
essente
l'udente
l'essente
forme intenzionali o prospettive
smy wnny
uno intento a udire
un
esistente
smi wnni
smy
wnny
l'intento a udire
l'esistente
smi wnni
PARTICIPIO IMPERFETTIVO PASSIVO
(sm(w), sm(w)t)
(venuto sentito, venuta sentita)
m. sm
gmm
uno che viene sentito
trovabile
f. sm.t
gmm.t una che viene sentita
trovabile
m. sm.w gmm.w colui che viene sentito
il trovabile
f. sm.t
gmm.t colei che viene sentita
la trovabile
nota: come si vede, possibile traduzione
breve:
udibile, l'udibile; trovabile, il trovabile etc.
PARTICIPIO PERFETTIVO ATTIVO
(sm part. perf. att.: pl. sm.w, f. sm.t)
(avente udito)
sem wn
l'avente udito
l'essente
stato

PARTICIPIO PERFETTIVO PASSIVO


(sm part. perf. pass.; rdd-y, gmm-y)
(udito, dato, trovato)
sm
gm
udito, trovato
sm.t
gm.t
udita, trovata
rddy
gmmy
il donato, il
reperito
Nota
La forma gmny corrisponderebbe a un
"imperfettivo compiuto", cio a un'azione
che, pur essendosi ripetuta per un certo
tempo, poi ha cessato di prodursi e si
potrebbe confrontare con il perfetto greco
del tipo "bebuluka"= ho consigliato, ma
forse
lett.
"ho
terminato
il
dare
abitualmente consiglio", come si potrebbe
dedurre dal raddoppiamento nella forma
greca.
Nota le particolari forme e traduzioni:
sm.t un'ascoltatrirce
quanto viene ascoltato (astratto
collett.)
sm.t colei che ha ascoltato, colei che sa.
quanto stato ascoltato (astratto
collett.)
CONFRONTO TRA FORME PARTICIPIALI
IN TRASCRIZIONE ESPRESSIVA
O PARLATA
p. impv. a. p. impv. p.
p. pfv. a.
p. pfv. p.
m. sm
sem
f. sm.t
sm.t
m. smy
f. . smy.t

sm

sm

sm.t

sm.t

m. wnn
wnn
wn
f.
wnn.t
wnn.t
wn.t
m.
wnny
wny
f.
wnn(y).t
wn(y).t
ir

irr

irr

mrr
prr

pr

wn.t
wnny
wnn(y).t
ir
irrw

iry
mry

wn

mrr
mrrw
prr

mr
pr
prrw

pry

rdi

dd

dd

rdi

ddw

dy

di
rddy

rdy
y
i-y

iw

inn

inn

iy
iy
iw

iny
in(y).t

in

dy

mAA
mAA

d
ddy
mAA

par. impv. att.


par. impv. pass.
par. pfv. att.
par. pfv. pass.
par. fut. prospettivo (o
intenzional

e)

innw

tm
tm
tm
tmm
tm.t.f

mAA

mAAy

FORMA smty.fy o sm.ty.fy


forme "correnti"
sm.t.f
sm.t.s
sm.t.sn
wn.t.f
ir.t.f
esempi di varie forme:
sm.ty.fy, sm.ty.f, sm.t.f
sm.ty.sy, sm.ty.s, sm.t.s
sm.ty.sn,
sm.t.sn
et similia
Questa forma esiste solo per la terza
persona e ha
significato futuro.
Esempio di forme di verbo debole:
ir.ty.fy
ir.t.f
COSTRUZIONE FRASE PARTICIPIALE
in + sost.
sm part. perf. att. (sem) =
pass.
o
+
ntf
sm part. imp.
att. (sem) = pres.
al posto smty.fy futura si usa pi spesso
in + s. + sm.f
ntf + sm.f
di sapore perfettivo
NEGAZIONE DEI PARTICIPI E DELLA FORMA
smty.fy
si usa
tm + sm(w) o infinito
le forme participiali di tem

FORME VERBALI RELATIVE


forma
relativa
imperfettiva
(smw.f:segemuf)
di tipo a 3.ae inf. gem. e dove spesso w
omesso.
m. smw.f o sm.f
f. sm.t.f
3.ae inf. e m.
mrrw.f o mrr.f
gem.
f.
mrr.t.f
forma relativa perfettiva (sm.f,segemf rel.
pf.)
non presenta connotazioni particolari se
non la
forma di tipo non raddoppiata per 3.ae inf.
etc.:
m. sm.f
f.
sm.t.f
3.ae inf. e m. mr.f
gem.
f. mr.t.f
forma relativa prospettiva (smyf:segemf)
con significato di futuro
m.
smy.f
f.
smty.f o smti.f
3.ae inf. e m. mry.f
gem.
f. mrty.f o mrti.f
forma relativa sm(w).n.f (segemunf)
di tipo non "geminato" e quindi di tipo
perfettivo
e ha significato di passato
det.
m.
sm(w).n.f o sm.n.f
f.
smt.n.f
3.ae inf. m.
mr(w).n.f o mr.n.f
f
mrt.n.f
forma relativa negativa
tm + complemento verbale negativo
o infinito (XVYI din.)
tmmw.f
tmmt.f
tm.f
tmt.f
tmy.f
tmty.f
tmw.n.f
tmt.n.f
forma particolare
(sm pw ir(w).n.f: segempuirunf)
seem pw ir(w).n.f

***FORME SUFFISSALI INDIRETTE***

(continuativo)
wnn.r.f sm.f essere ors l'udire di lui
allora lui udr
CON
conferisce alle forme verbali significato
ingressivo
(?)
spesso
.n.(f)

NOTA
formate con inclusione di particelle
derivate dai verbi dicendi:
in = affermare
r = invocare
kA (i( = argomentare

sm.f

-->FORMA sm.in.f
(di uso perfettivo)
(segeminf)
ud allora egli
(ud -evidentemente- egli)
-->FORMA sm.r.f (di uso imperfettivo)
(segemcherf)
udire ors egli, udr egli
(ode -voglia il cielo- egli)
neg. tm.r.f sm(w) (temcherf segemu)
-->FORMA sm.kA.f
(di uso imperfettivo)
(segemcaf)
udire finalmente egli
(ode -si pu capire- egli)

l'alzarsi dell'udire suo


allora egli ode
comincia ad udire
sm.f
l'alzarsi dell'udito suo
allora egli udito
cominciato ad
essere udito
sm.r.f
l'alzarsi dell'udire
ors suo
+ sogg. + vecchio perf. allora egli udr
comincer
ad udire
.n
sm.n.f
un alzarsi di un
udito suo
allora egli ud
allora egli cominci ad
udire

neg. nn sm.f (nen segemf)


NOTA
Notare, in particolare, che
n --> negazione puntuale-perfettiva
mentre
nn --> negazione iterativo-imperfettiva
***FORME COMPOSTE***
CON iw
(prob. da verbo y con valore di
sopravvenuto,
un risultato, risulta" e simili)
forme
iw sm.f (imp.) = presente
iw sm.n.f
= passato narrativo
iw sm.f
= passivo precedente
iw sm.tw.f
= pass. iw sm.f
iw.f sm.f
=enfatico pres.

"

iw + pseud.:
iw.f r sm
iw.f m sm
iw.f r sm
iw.f sm(w)
CON
wnn
wnn.f + x
imperfettiva
wn.f
+x
perfettiva
wnn.f + x
passato
wn.in.f sm.f
ci fu allora l'udire suo

SPECCHIETTO GENERALE
VERBALI EGIZIE

DELLE

FORME

10

FORME AFFERMATIVE
FORME NEG.
CORRISP.
sm infinito
tm sm(w); nn sm
inf.
r
sm inf.
nn sm.f
m
sm inf.
r
sm inf.
nn sm.f
sm
imperativo
m sm(w); m $r
sm inf.
sm
part. impv. att.
tm sm(w)/inf.
sm
part. perv. att.
tm sm(w)/inf.
sm
part. perv. pass.
tmm sm(w)/inf.
sm(w) part. impv. pass.
tm(w) sm(w)/inf.
smy
part. impv. att.
tmy sm(w)/inf.
smty.fy
tmty.fy
sm(w)/inf.
sm(w).f rel. impv.
tm(w).f
sm(w)/inf.
smt.f
rel. impv. f.
tmt.f sm(w)/inf.
smy.f
rel. imp.
tmy.f sm(w)/inf.
sm.ti
rel. imp. f.
tm.ti sm(w)/inf.
sm(w).n.f
tm(w).n.f
sm(w)/inf.
sm pw ir(w).n.f
smt.f
n smt.f
r smt.f
r tmt.f
sm(w)/inf.
sm(w) compl. neg.
sm(w) pseudoparticipio
n sm.n.f
sm.f
esortativa
sm.f w
sm.f
passiva
n sm.f
sm.f
perfettiva
n/nn sm.f
perf.
sm.f
imperfettiva
n sm.n.f
i
sm.f perf.
i tm.f sm(w)/inf.
r
sm.f perf.
r tm.f sm(w)/inf.
kA
sm.f perf.
kA tm.f
sm(w)/inf.
in
sm.f perf.
in tm.f
sm(w)/inf.
ir
sm.f perf.
ir tm.f
sm(w)/inf.
mk
sm.f
mk tm.f
sm(w)/inf.
A
sm.f
(imi sm.f)
hwy
sm.f
ntf
sm.f perfv.
ntf
sm.f imperfv.
in X sm.f perfv.
in X
sm.f imperfv.
r.f
sm.f
imi
sm.f
n sp
sm.f perf.
nn sp sm.f perf.
smm.f
sm.n.f
mk sm.n.f
ist sm.n.f
sm.t(w).f

sm.in.f
sm(w)/inf.(*)
sm.r.f
sm(w)/inf.
sm.kA.f
sm.in.tw.f
sm.r.tw.f
sm.kA.tw.f
iw
r sm(w)/inf.
mk X r sm(w)/inf.
ist X r sm(m)/inf.
ti X
r sm(m)/inf.
rdy.f sm.f
dy.f sm.f
imi.f sm(w)
tw r sm
wnn.f r
sm(w)/inf.
wn.f
r
sm(w)/inf.
wnn
r.f
sm.f
wn.in sm.f
wn.in.f sm.f
nty sm(w)
iw
sm.f
iw
sm.n.f
iw
sm.f passiva
iw
sm.tw.f
iw.f
sm.f
iw.f r
sm
iw.f m
sm
iw.f r
sm
iw.f
sm(w)
sm.f attiva
sm.f passiva
sm.{r.f
X
sm(w) pseud.
.n X sm.n.f
.n.f r sm inf.
.n.f r sm(w) pseud.

tm.in.f
tm.r.f
nn sm.f

nn sm.n.f

(imi sm.f)

tm.r.f sm
m rdi sm.f
n smm.f
n sm.f

11