Sei sulla pagina 1di 2
2 CASA MIA Testo di L. ALBERTELLI Musica di R. SOFFICI Moderato mocaliszato) 7 a7 = za = — Tor - noaca - sia-moin tan- ti sul tre - no, Dol - ce spo - sa nel tuo Iet-to ri-po - sa, Ca - sami = 8 de -voan-co-raandar vi - a. = oc - chi stan = chi ma nel cuo- reil se - re - = al mt- ti = no sai dia-ver- mi vi - oi - Non chia-mar mi io non pos - so vol - tar - wo Zs tas so Do-potan-ti mo-si di Ia-vo-ro mi ‘A- pri la va-li- gia dail ve-sti-to che s Por-to nel mio sgruar-do po-se- ro, ‘gna-vi ta, la_mia don-naj tut-to quel che ho, pe ee die-troquel-la por-ta le mie co-se fo ri-tro-ve-ro, guar-da-tial-lo speochiota sei bella non le-var-to piu. la mia lin-gua sem i= ro No-stal-gia che pas-ste va Que- sta vol-ta, cht fo sa, ; te Eddzioni Musical FONO FILM sil - Via Berchet, 2 - 20121 Milano. {© Copyright 1971 by Edison Musicali FONO FILM st. Tutt | dit riservat, 33 quel che di - 60 ca - pi- ro. fi ~ moa quan-do du - re- ra for- se Vul-ti-ma sa-ra. (wocalissato) Lam sol (wovalt'sxato) ripete ad tibitwn Tomo a casa, samo in tant sul treno, ‘cchi stanchi ma nel cuore il sereno. Dopo tanti mes! di lavoro mi Iriposero, dietro quella porta le mie cose 10 (oitroverd, Je mia lingua sentir quel che dico capio, Doke 5 nl tuo letto iposa, al mattino sai d avermi vicino ‘Apa la vligia 2M vest che fsogrey quardat allo specehio i sel bela ‘non levalo pia Nostalgia che pass e va Soaeune ares Casa mia devo ancora andar va Non chiamarmi, fo non posso volta Porto nel mio squardo ta mia donna, ¢ tutto quel che ho tom verso oth seonosct che. Questa volta, chi lo sa, forse Fulima sara.