Sei sulla pagina 1di 12

Paolo Bolpagni

La questione del Gesamtkunstwerk dai primi Romantici a


Wagner
1. Raffronti e ipotesi di collaborazione fra le arti
Lidea compiuta di una organizzazione inglobante1 delle arti, o di una loro paritetica fusione,
unit ars una , collaborazione risale probabilmente ai primi esponenti del Romanticismo
tedesco2, mentre il tratto peculiare delle estetiche settecentesche, almeno nei decenni centrali del
secolo, era consistito nel tentativo prioritario di definire gli elementi caratteristici, le specificit, i
mezzi e princpi oserei dire la teleologia delle singole forme di espressione artistica, nel solco
delle teorie gerarchiche e comparatorie in voga gi nel Cinquecento, come documentato da Paul
Oskar Kristeller3 (la casistica assai vasta, dal sommo Leonardo da Vinci4 al meno conosciuto ma
importante poligrafo fiorentino Cosimo Bartoli5). Questo sistema equilibrato, ha notato Michela
Garda, appariva saldo grazie anche alla genealogia dellunione delle arti in unorigine comune, la
natura6. Il riferimento forse pi calzante quello a Charles Batteux7, ma il pensiero non pu che
dirigersi immediatamente al celebre passo della Farbenlehre in cui Goethe sostiene che colore e
suono [e dunque: pittura e musica] possono essere riferiti a una formula superiore e da questa
essere derivati, sebbene separatamente, essendo come due fiumi che nascono da ununica
montagna, ma che scorrono in condizioni del tutto diverse8.
Se Diderot intendeva soprattutto far riflettere sulla maniera in cui il poeta, il pittore e il musicista
rendano la stessa immagine9, ossia manifestino nei rispettivi linguaggi particolari luniversalit del
bello, mentre Grtry vedeva in ogni sonorit una corrispondente sfumatura cromatica di cui il
compositore doveva tener conto10, in Kant si affacci il problema di conciliare la tradizionale
distinzione delle arti con lincipiente aspirazione a una loro aggregazione cooperativa allinterno di
un unitario prodotto creativo11. Della questione si occup anche Hegel, nelle sue Vorlesungen ber
die sthetik, rilevando linevitabilit della prevalenza di un medium, di una modalit o forma

Th.W. Adorno, Wagner, trad. it. di M. Bortolotto (Versuch ber Wagner, Suhrkamp, Frankfurt am Main 1952), in
Th.W. Adorno, Wagner - Mahler. Due studi, Einaudi, Torino 1966, p. 93.
2
Ch.-S. Kuon, Studie zur Idee des Gesamtkunstwerks in der Frhromantik. Zur Utopie einer Musikanschauung von
Wackenroder bis Schopenhauer, Lang, Frankfurt am Main 2003.
3
P.O. Kristeller, Il sistema moderno delle arti, a cura di P. Bagni, Uniedit, Firenze 1977 (The Modern System of the
Arts: A Study in the History of Aesthetics, in Journal of the History of Ideas, 12, 1951, pp. 496-527; 13, 1952, pp. 1746).
4
L. da Vinci, Trattato della pittura, Brancato, Catania 1990, pp. 13-14, 24-27.
5
C. Bartoli, Ragionamenti accademici di Cosimo Bartoli gentilhuomo et Accademico fiorentino, sopra alcuni luoghi
difficili di Dante, Francesco de Franceschi senese, Venetia 1567, pp. 35v.-36.
6
M. Garda, Gesamtkunstwerk, sinestesia e convergenza delle arti, in G. Borio - C. Gentili (a cura di), Storia dei
concetti musicali. Espressione, forma, opera, Carocci, Roma 2007, p. 276.
7
C. Batteux, Le belle arti ricondotte ad un unico principio, a cura di E. Migliorini, Il Mulino, Bologna 1983 (Les
Beaux-Arts rduit une mme principe, Durand, Paris 1746).
8
J.W. Goethe, La teoria dei colori, a cura di R. Troncon, Il Saggiatore, Milano 1979 (Zur Farbenlehre, Cotta, Tbingen
1810), p. 185. Di estrema utilit per il lettore italiano il seguente volume: J.W. Goethe, Sulla musica, Studio Tesi,
Pordenone 1992, in particolare i passi citati alle pp. 52-53, 172, 176-177.
9
D. Diderot, Lettera sui sordomuti, a cura di E. Franzini, Guanda, Milano 1984 (Lettre sur les sourds et muets [1751],
in D. Diderot, uvres compltes, a cura di J. Varloot, vol. IV, Hermann, Paris 1978, pp. 131-233), p. 48.
10
E. Fubini, Lestetica musicale dal Settecento ad oggi, Einaudi, Torino 1964, p. 81.
11
I. Kant, Critica della facolt di giudizio, a cura di E. Garroni e H. Hohenegger, Einaudi, Torino 1999 (Critik der
Urtheilskraft, Lagarde, Berlin-Libau 1790), p. 161.

espressiva sullaltra mlos, drma, posis si potrebbe sintetizzare qualora esse fossero associate
nellopera in musica12.

2. Lidea romantica di opera darte totale


Si diceva sopra che lorganica concezione di unentit esteticamente connotata definibile come
Gesamtkunstwerk si deve alla prima generazione del Romanticismo tedesco, quella di Tieck, di
Herder, di Wackenroder, di Schiller, di Schelling, di Hoffmann. pur vero che qualcuno, osserva
Philippe Junod nella voce redatta per i Kritische Berichte di Ulma13, ha ugualmente invocato il
teatro antico, i misteri medievali, le fabbriche (Bauhtten) gotiche, i grandi giardini
rinascimentali, il bel composto di Bernini, il melodramma barocco, la ferie, larte pirotecnica, le
entrate solenni, processioni, cortei storici e altre mascherate, ma si tratta pur sempre di ascendenze
opinabili e non di rado contestate14. Del resto, se lespressione opera darte totale oggi utilizzata
negli ambiti pi differenti e per designare i pi svariati frutti della creativit umana15, occorre per
constatare che il termine Gesamtkunstwerk fu impiegato per la prima volta solo nel 1827, in un
passo16 del trattato di estetica di Karl Friedrich Eusebius Trahndorff17, e che la sua attuale fortuna
critica fu rilanciata anche dalla mostra curata da Harald Szeemann nel 198318. Nel monumentale
catalogo che accompagnava le tre tappe della rassegna Zurigo, Dsseldorf e Vienna la sezione
dedicata a Richard Wagner non era che una tra le circa cinquanta contemplate nellAnthologie,
ordinate in senso cronologico per movimenti e autori, dal settecentesco filosofo svizzero Johann
Georg Sulzer (cui si deve una Allgemeine Theorie der schnen Knste) allallora giovane pittore
tedesco Anselm Kiefer, passando per architetti come Boulle, Gaud, Behrens e Gropius, musicisti
(dai prevedibili Skrjabin e Schnberg allo sfuggente Satie), scenografi (Appia, per esempio),

12

G.W.F. Hegel, Estetica, a cura di N. Merker, Einaudi, Torino 1972 (Vorlesungen ber die sthetik, a cura di H.G.
Hotho, Duncker-Humblot, Berlin 1836-1838), pp. 1004-1005.
13
Ph. Junod, Gesamtkunstwerk, in Kritische Berichte. Zeitschrift fr Kunst- und Kunstwissenschaften, 3, 2007, pp.
72-76. Il medesimo testo, leggermente rivisto, apparso anche in francese: uvre dart totale, in Supplment
de lEncyclopaedia universalis, Paris 2008, pp. 681-689; si veda, inoltre, Ph. Junod, Synesthsies, correspondances et
convergence des arts: la nostalgie de lunit perdue, in Ph. Junod, Contrepoints. Dialogues entre musique et peinture,
Contrechamps, Genve 2006, pp. 57-65.
14
B. Euler-Rolle, Kritisches zum Begriff des Gesamtkunstwerks in Theorie und Praxis, in Kunsthistorisches
Jahrbuch Graz, 25, 1993, pp. 365-374.
15
Junod ha acutamente osservato che il fenomeno sarebbe favorito dalla nostalgia di ununit perduta, sorta di
reazione compensatoria a quello che Max Weber chiamava disincanto del mondo, ovvero alla demusicalizzazione
che Leo Spitzer ravvisa nella societ moderna (Ph. Junod, Gesamtkunstwerk, 2007, p. 72). Si vedano S.J. Norman, Du
Gesamtkunstwerk wagnrien aux arts des temps modernes: spectacles multimdias, installations minimalistes, in C.
Amiard-Chevrel et al., Luvre dart totale, CNRS, Paris 1995 (nuova ed. 2002), pp. 273-289; A. Trimarco, Opera
darte totale, Luca Sossella, Roma 2001; A. Finger, Das Gesamtkunstwerk der Moderne, Vandenhoeck-Ruprecht,
Gttingen 2006. In effetti, lapparentemente vetusto retaggio wagneriano dellunit delle arti e della tensione verso un
utopistico Gesamtkunstwerk, passato attraverso le suggestioni simboliste e la stagione delle avanguardie storiche (si
pensi al primo Kandinskij astratto e al suo rapporto con Schnberg), riemerge insospettabilmente negli anni sessanta e
settanta del Novecento, quando esplode il fenomeno della intermedialit e, sotto linsegna delle esperienze
dadaisteggianti di happening e performance, si afferma unulteriore accezione di opera totale; la quale perdura fino ai
tempi odierni, dando vita a vari (sotto)generi costituzionalmente improntati allibridazione e allo sconfinamento
disciplinare (linstallazione, il video), di solidissima fortuna e di notevole consapevolezza metalinguistica (non certo un caso che Fluxus, il movimento artistico che forse contribu maggiormente alla diffusione di tali pratiche di
contaminazione, abbia in John Cage e La Monte Young, entrambi compositori, i propri autentici auctores).
16
Tale possibilit [la fusione di musica, espressione gestuale e danza] si basa sulla tensione che pervade lintero campo
artistico di un Gesamtkunstwerk a cui contribuiscono tutte le arti (cit. in D. Borchmeyer - V. mega [a cura di],
Moderne Literatur in Grundbegriffen, Niemeyer, Tbingen 1994, p. 181).
17
K.F.E. Trahndorff, Aesthetik, oder Lehre von Weltanschauung und Kunst, L.W. Krause, Berlin 1827.
18
H. Szeemann et al., Der Hang zum Gesamtkunstwerk. Europische Utopien seit 1800 (cat. della mostra, Zurigo Dsseldorf - Vienna), Sauerlnder, Aarau - Frankfurt am Main 1983.

drammaturghi (Artaud), letterati (il nostro dAnnunzio col suo Vittoriale) e beninteso artisti, da
Runge a Kandinskij, da Mondrian a Duchamp, da Moholy-Nagy a Beuys19.

3. Il Gesamtkunstwerk in Richard Wagner fra teoria e prassi compositiva


innegabile, per, che il concetto di Gesamtkunstwerk, almeno nella vulgata, resti legato in
maniera indissolubile alla formulazione propostane da Richard Wagner20, quando non meramente al
suo nome; tanto che, ancor oggi, gli innumerevoli tentativi di dar vita a opere multi- o intermediali,
insomma totali (condotti sotto il denominatore comune della volont di unire e aggregare di volta
in volta tecniche e discipline, o i cinque sensi, o lattore con lo spettatore, larte con la vita, con la
scienza, se non luniverso intero21), sono spesso qualificati con letichetta di wagneriani, a
prescindere dalla disparit degli indirizzi e intendimenti estetici che li sorreggano. Vi in realt,
alla base di un simile fenomeno, un equivoco di fondo, la cui comprensione unimprescindibile
premessa per chi si accosti al tema e alla materia: quel che noi siamo soliti definire
Gesamtkunstwerk non lutopistico Wort-Ton-Drama vagheggiato negli scritti di poetica del
compositore, bens il concreto risultato artistico della sua attivit musicale, che gli studi ma anche
soltanto lattenta disposizione a un ascolto insieme analitico e sintetico hanno ampiamente
dimostrato quanto sia lontano dai presupposti teorici manifestati in Die Kunst und die Revolution,
Das Kunstwerk der Zukunft e in Oper und Drama. Insomma, Der Ring des Nibelungen, nella
considerazione comune, il modello e lemblema stesso del Gesamtkunstwerk, ma non corrisponde
affatto, nelle sue caratteristiche, a ci che Wagner aveva immaginato ed enucleato quale opera
darte totale. Destino non raro per i sommi creatori, il cui estro artistico contraddice e sopravanza
le regole e i princpi astratti elaborati a priori come postulati e criteri inattaccabili cui attenersi,
sicch a questi finiscono per conformarsi gli epigoni e gli imitatori pedissequi.
Adorno, nel suo impareggiabile e demoniaco Versuch (espressione di un odi et amo degno di
Nietzsche), imputa allideale wagneriano del Gesamtkunstwerk di mirare a un qui pro quo dei
mezzi estetici, che attraverso il perfezionamento artificiale deve celare tutte le saldature
dellartefatto, la sua differenza cio dalla natura, implicando, quindi, unalienazione radicale di
tale spontaneit di natura22, a dispetto dei proclami di segno opposto contenuti nei testi teorici del
1849-1851. Inoltre, il filosofo di Francoforte compie unosservazione essenziale dal nostro punto di
vista storico-interpretativo: che, se lintenzione di annullare i confini delle singole arti in nome
dellinfinito onnipenetrante appartiene sempre, proprio come lesperienza della sinestesia, ai
fondamenti del Romanticismo, tuttavia lidea di Gesamtkunstwerk sistematizzata da Wagner
estranea alle concezioni di cinquantanni prima, propriamente romantiche23.
4. Ascendenti della concezione wagneriana di opera darte totale
Si rivela di assoluta utilit, perci, loperazione di Nattiez, postosi con lucido acume a indagare le
fonti del pensiero wagneriano riguardo alla questione del rapporto tra le arti, donde scaturisce una

19

A proposito di questultimo, si pu richiamare una sua celebre asserzione: Lopera darte sociale e la societ come
opera darte, come utopia, la societ come lopera darte per eccellenza, superiore alle singole opere darte. Si potrebbe
anche chiamarla lopera darte totale. Che fattibile solo con la partecipazione di tutti (J. Beuys - M. Ende, Arte e
politica. Una discussione, trad. it. di E. Picco, Guanda, Parma 1994 [Kunst und Politik. Ein Gesprch, Freie
Volkshochschule Argental, Wangen 1989], p. 24).
20
Unanalisi tra le pi accurate peraltro, con una ricchissima bibliografia citata nelle note del successo storiografico
del termine si deve a G. Salvatori, Lombra di Wagner: note sulla fortuna critica delle nozioni di Gesamtkunstwerk e
Sintesi delle arti, in F. Abbate (a cura di), Ottantanni di un Maestro. Omaggio a Ferdinando Bologna, vol. II, Paparo,
Foggia-Roma 2006, pp. 749-756.
21
Mi rifaccio sempre al sapido ed esemplare saggio di Junod (Ph. Junod, Gesamtkunstwerk, 2007, p. 72).
22
Th.W. Adorno, Wagner, 1966, p. 93.
23
Ibidem.

lista di riferimenti che reca in cima i nomi di Schiller, Hoffmann, Tieck, Schelling e Herder24.
Analoga quasi una sorta dimprinting filosofico la nostalgia latamente platonica per una
totalit originaria delluomo, per una condizione dinterezza, non ancora dimidiata e scissa, degli
esiti della sua capacit desprimersi in chiave estetica; che si sarebbe manifestata al sommo grado
nel dramma antico. Ma, ha commentato Michela Garda, se per i Romantici della prima generazione
la prospettiva di una fusione fra le arti era vista come un traguardo che si intravedeva al di l della
situazione presente, un ideale evocato, auspicato, nei saggi di poetica di Wagner esso rappresenta,
invece, lunica alternativa storica non soltanto possibile, ma anche necessaria25. Va ricordato,
peraltro, che i vari Schiller, Hoffmann etc. non dedicarono al tema in oggetto che alcuni pur
significativi accenni, eccentrici nel contesto filosofico e letterario dei loro stessi autori26 spunti
che soltanto decenni dopo andranno a coagularsi con forza ed efficacia nel colossale progetto
estetico e musicale wagneriano. E che lambito del pensiero in cui tali germi caddero alla stregua
dimpercettibile ma fecondissima semenza non era affatto orientato, come gi adombrato, in
direzione univoca. Certo, Schelling utopizzava unintima fusione delle arti nella tragedia, sintesi di
musica, parola, danza, pittura, teatro e scultura, elementi eterogenei amalgamati nella totalit del
grande stile27; mentre Schlegel sognava uninterazione dei diversi linguaggi espressivi culminante
nella poesia universale e progressiva28. Nondimeno, tra la fine del Settecento e i primi lustri del
XIX secolo pur sempre in voga il paradigma lessinghiano, con la risaputa distinzione fra arti dello
spazio (pittura, scultura, architettura) e del tempo (musica e poesia) che, esposta nel 1766 nel
Laokoon, aveva assunto fin da subito la forza di un riferimento imprescindibile per la riflessione e
la pratica estetica, tanto che larga parte delle manifestazioni interdisciplinari succedutesi a
cominciare dal primo Romanticismo, da Runge in poi, trae labbrivo, pi o meno direttamente,
proprio dalla volont di confutare lasserto di Lessing; il quale aveva inteso scoraggiare i creatori
dal praticare tentativi demulazione tra le differenti arti, data lincomparabilit delle caratteristiche
delluna rispetto a quelle dellaltra29. E ancora molti anni dopo il Laokoon il filosofo tedesco Johann
Friedrich Herbart, convintamente attestato sul fronte antihegeliano30, opinava che ogni forma
espressiva tendesse alla bellezza secondo maniere e per canali affatto originali ed
imparagonabili31: posizione che pare riecheggiata, alla met del secolo, dal campione per
eccellenza dellala antiwagneriana, Eduard Hanslick, che si scaglier con durezza contro la pretesa,
comune a tutti grandi sistemi dellIdealismo tedesco, di dedurre la normativit estetica delle singole
arti da un puro e semplice adattamento del concetto generale metafisico del bello32.

24

J.-J. Nattiez, Wagner androgino. Saggio sullinterpretazione, trad. it. di L. Cottino e C. Mussolini, Einaudi, Torino
1997 (Wagner androgyne. Essai sur linterprtation, Christian Bourgois, Paris 1990).
25
M. Garda, Gesamtkunstwerk, 2007, p. 281.
26
Ibidem.
27
F.W. Schelling, Philosophie der Kunst (1802), in F.W. Schelling, Ausgewhlte Schriften, a cura di M. Frank,
Suhrkamp, Frankfurt am Main 1985, p. 564.
28
G. Pulvirenti, Altre scritture: il Gesamtkunstwerk nel primo Novecento, in G. Pulvirenti - R. Gambino - V. Scuderi (a
cura di), Le muse inquiete. Sinergie artistiche nel Novecento tedesco, Olschki, Firenze 2003, p. 42.
29
Lo stesso Wagner principia la seconda parte del suo fondamentale trattato Oper und Drama richiamandosi alla
partizione proposta nel Laokoon, pur aggiungendo, quasi ad autoassolversi preventivamente, che, allorch Lessing
studiavasi di cercare e di stabilire i limiti della poesia e della pittura, aveva innanzi agli occhi quella poesia, che gi
non era pi altro che descrizione (R. Wagner, Opera e Dramma [1851], trad. it. di L. Torchi, Fratelli Bocca, Milano
1939 [Oper und Drama, J.J. Weber, Leipzig 1852], p. 145).
30
Evidente la critica allestetica idealista, la cui intuizione mistica presuppone che il bello sia uno solo e si trovi in
tal guisa nellente primo da esserci accessibile, collimmediata conoscenza di questo, anche lo stesso bello (G.F.
Herbart, Introduzione alla Filosofia, trad. it. di G. Vidossich, Laterza, Bari 1927 [Lehrbuch zur Einleitung in die
Philosophie, August Wilhelm Unzer, Knigsberg 1813], p. 17).
31
G. Guanti, Introduzione, in G. Guanti (a cura di), Romanticismo e musica. Lestetica musicale da Kant a Nietzsche,
EDT, Torino 1981, p. 9. Osserver Hippolyte Taine che ogni arte ha una sfera dazione sua propria, e che decade
quando tenti di prendere in prestito gli effetti di unaltra.
32
E. Hanslick, Il bello musicale, trad. it. di M. Don, A. Martello, Milano 1971 (Vom Musikalisch-Schnen. Ein Beitrag
zur Revision der Aesthetik der Tonkunst, Weigel, Leipzig 1854), p. 8.

5. Il Gesamtkunstwerk nella riflessione di Richard Wagner: questioni terminologiche,


filosofiche, estetiche
Resta da intendere quale sia effettivamente lautentica nozione di Gesamtkunstwerk rinvenibile
negli scritti teorici di Wagner. Illuminanti sono le osservazioni di Carl Dahlhaus: detto in modo
talmente pregnante e perspicuo da sembrar quasi aere perennius, il compositore sentiva la propria
opera non come una forma particolare di dramma ma come il vero e proprio dramma
onnicomprensivo, come lunico dellet moderna, dei secoli dopo Shakespeare, che meriti il nome
di dramma33. E questo dramma significava tanto il compimento, quanto il superamento
dellarte34, giungendo a configurarsi, appunto, quale Gesamtkunstwerk35 o, altrimenti designato,
knstlerisches Gesamtwerk36 (espressioni delle quali, peraltro, Wagner fece un uso alquanto
parsimonioso), cio sintesi delle forme artistiche che esso abbraccia37, in cui ognuna, presente al
sommo grado della propria pienezza, contribuisce alluniversalit e globalit del risultato estetico
complessivo.
Ma a quale accezione di dramma si riferisce Wagner, quando impiega la locuzione di opera
darte totale? Anzitutto va affrontata la questione terminologica: nel sottotitolo di Tristan und
Isolde, che senza dubbio uno dei pi compiuti paradigmi della sua concezione teatrale, lautore
utilizza la parola Handlung (azione, trama, intreccio), prescelta al fine di evitare precisamente la
definizione di Drama, che nella prassi linguistica tedesca dellepoca suggeriva lidea di spettacolo
non cantato, pice in prosa, per cos dire. Invece, le definizioni Bhnenfestspiel (saga scenica) e
Bhnenweihfestspiel (saga scenica sacra), escogitate dal compositore per Der Ring des Nibelungen
e per Parsifal, non indicano tanto il genere cui appartengono queste opere quanto la loro pretesa di
essere immuni dalla corruttrice routine teatrale cui lopera lirica, nellopinione di Wagner, era
scaduta. La denominazione Musikdrama sembra essersi affermata negli anni sessanta come
contrassegno del carattere specifico dei lavori wagneriani38, ma fu rigettata dallautore stesso in un
breve saggio del 1872, nel quale la medesima sorte era riservata alla similare locuzione
musikalisches Drama, e il compositore concludeva con un divertito appello ai futuri frequentatori
dei Festspiele bayreuthiani, affinch trovassero loro un nome per quella cosa chegli si
proponeva di presentare agli amici come una creazione artistica priva di nome39.
In realt, questopera dellavvenire perseguiva unambizione dinterezza, coltivata in relazione e
reazione allesperienza della disgregazione e della frantumazione dellesistere, tratto costitutivo
della modernit che Wagner aveva saputo cogliere sulla scia di un pensiero che procedeva dalla
sinistra hegeliana a Marx, ma con unoriginalit e freschezza determinate dal suo atteggiamento in
fondo pi psicologistico che sociologico, perlopi alieno dalla tentazione di ridurre le dinamiche
personali e comunitarie a ingranaggi di un sovrastrutturale meccanismo economico, produttivo e
politico. Alla base dellutopia del Gesamtkunstwerk, insomma, vi unanalisi profonda, di marca
pur sempre idealistica (trattasi comunque di fenomenologia dello spirito40), della condizione umana
nel suo divenire storico: donde il tentativo di riaggregare e ricostruire una totalit distrutta,

33

C. Dahlhaus, La concezione wagneriana del dramma musicale, trad. it. di M.C. Donnini Macci, Discanto, Fiesole
1983 (Wagners Konzeption des musikalischen Dramas, Gustav Bosse, Regensburg 1971), p. 14.
34
Ibi, p. 18.
35
R. Wagner, Gesammelte Schriften und Dichtungen, vol. III, E.W. Fritzsch, Leipzig 1872, p. 60.
36
Ibi, p. 159. Si veda anche E. Borrelli, Estetica wagneriana, G.C. Sansoni, Firenze 1940, pp. 49-109.
37
C. Dahlhaus, La concezione wagneriana, 1983, p. 18.
38
Ibi, p. 12.
39
R. Wagner, Sulla denominazione Musikdrama (ber die Benennung Musikdrama, in R. Wagner, Gesammelte
Schriften und Dichtungen, vol. IX, E.W. Fritzsch, Leipzig 1873, pp. 302 ss.), in R. Wagner, Musikdrama, a cura di F.
Gallia, Studio Tesi, Pordenone 1988, p. 58.
40
In Die Kunst und die Revolution Wagner definisce la storia come il necessario movimento di una corrente che,
nonostante le svolte, le deviazioni e le inondazioni, continua a fluire sempre nella direzione principale (R. Wagner,
Larte e la rivoluzione [Die Kunst und die Revolution (1849), Weltgeist-Bucher, Berlin 1926], in R. Wagner, Larte e la
rivoluzione e Sul principio del comunismo, trad. it. di N. Pennacchietti, Fahrenheit 451, Roma 2003, p. 65).

ripristinando loriginaria coesione dellindividuo, ricomponendo una compagine comunitaria


disgregata e scissa. Il dramma wagneriano, quindi, vuole aggregare: a livello di fruizione e
ricezione realizzare un sentimento di unit corale, e sul piano creativo (re)introdurre un
procedimento compositivo sinergico, tale da coinvolgere ogni organo sensoriale e ingenerare
unappercezione simultanea del fenomeno estetico sul piano di unarticolazione semantica
plurivoca41.
Quella che nel 1851 sviluppata in Oper und Drama non , dunque, una semplice poetica, bens
unautentica filosofia (o mitologia) della storia, che, attraverso lazione catartica del nuovo
Gesamtkunstwerk, ambisce al ripristino delloriginario, di ci che puramente umano. Con
risvolti insieme psicologici e sociali: lidea di ricuperare lo spirito della tragedia antica verte proprio
sulla dimensione di rito collettivo che essa comportava42, e che sar riproposta nei Bayreuther
Festspiele. Poi, nemmeno Wagner spiega in modo dettagliato e univoco in che cosa debba tradursi,
sotto il profilo dellordinamento e del vivere comunitario, questa rivoluzione. Lo rilev con sagacia
Thomas Mann quando scrisse che per le sue idee politiche non fu certo patriota nel senso dello
stato-potenza, ma piuttosto socialista, utopista culturale mirante ad una societ senza distinzione di
classi, liberata dal lusso e dalla maledizione delloro, fondata sullamore; insomma il pubblico
ideale sognato per la sua arte. Il suo cuore era per i poveri contro i ricchi, bench, seguendo il
cammino percorso dalla borghesia tedesca, egli sia infine passato dalla rivoluzione alla delusione,
al pessimismo e allintimismo rassegnato allombra del potere43.
Anche riguardo alle modalit dinterazione tra i diversi media coinvolti nellopera darte totale, le
enunciazioni contenute degli scritti di Wagner sono tuttaltro che incontrastate e ferme. Si conferma
ancora la discrepanza gi rilevata fra teoria e prassi, tanto da lasciarsi quasi indurre a sottoscrivere,
almeno in parte, un severo asserto di Giovanni Guanti, secondo cui questi filosofemi, con
lapparato mitologico che li accompagna, occuperebbero i piani meno nobili di un gigantesco
edificio spirituale che svett ben altrimenti alto nelle pure costruzioni sonore che non nei concetti
delegati a chiarificarne la funzione44.
Lambiguit principale, che ha dato adito al maggior numero di fraintendimenti, risiede
probabilmente nella definizione del rapporto tra musica e dramma nellopera darte dellavvenire,
cos com formulata nel celebre passo di Oper und Drama dove Wagner, manifestando quella che
in fondo la tesi portante del libro, definisce la prima quale mezzo dellespressione, mentre il
secondo ne sarebbe lo scopo. Vi sono, in unaffermazione cos icastica, i vantaggi, ma anche e
soprattutto i difetti ha chiosato Dahlhaus di uno slogan, in quanto, attraverso unapparente
pregnanza e la drasticit dellantitesi, si cela lindeterminatezza della categoria centrale, il
concetto di dramma45. In effetti, nellintento di formarsi unidea concreta di quel dramma di
cui la musica sarebbe funzione, gli esegeti sono sempre stati inclini ad identificare senzaltro il
dramma col testo verbale 46; ma il testo, la poesia, non diversamente dalla musica, viene inteso da
Wagner come mezzo del dramma, non come sua essenza47, sicch la questione della sudditanza
della poesia alla musica o della musica alla poesia secondaria, se non addirittura irrilevante48.
Ambedue, per usare una terminologia matematica, sono funzioni di quel dramma che

41

G. Pulvirenti, Altre scritture, 2003, p. 40.


La tragedia fu il trasformarsi duna cerimonia religiosa in opera darte; in essa saffacciava il desiderio di
rappresentare collettivamente e deliberatamente il ricordo dellorigine comune della nazione, delle tradizioni
leggendarie della trib (R. Wagner, Lopera darte dellavvenire, trad. it. di A. Cozzi, Rizzoli, Milano 1983 [Das
Kunstwerk der Zukunft, O. Wigand, Leipzig 1850], pp. 251-252).
43
Th. Mann, Dolore e grandezza di Richard Wagner, trad. it. di L. Mazzucchetti, Discanto, Fiesole 1979 (Leiden und
Gre Richard Wagners, Fischer, Berlin 1935), p. 49.
44
G. Guanti, Introduzione, 1981, p. 13.
45
C. Dahlhaus, La concezione wagneriana, 1983, p. 15.
46
C. Dahlhaus, I drammi musicali di Richard Wagner, a cura di L. Bianconi, Marsilio, Venezia 1998 (Die
Musikdramen Richard Wagners, Erhard Friedrich, Hannover 1971), p. 177.
47
C. Dahlhaus, La concezione wagneriana, 1983, p. 15.
48
C. Dahlhaus, I drammi musicali, 1998, p. 177.
42

primariamente rappresentazione di unazione visibile, nella quale si dovrebbe esprimere una


natura umana riscoperta e depurata dalle incrostazioni deformanti delle convenzioni sociali. In
questa maniera, si esplicherebbe nelle sue pi alte facolt la valenza della parola poetica, potenziata
dalla musica e dalla gestualit corporea dellevento scenico. Ch il dramma sadempie
precipuamente nella rappresentazione teatrale, dove suono e parola si fanno corpo e vita.

6. Lopera darte dellavvenire


In Das Kunstwerk der Zukunft, pubblicato nel 1850 a Zurigo, Wagner analizza singolarmente le
caratteristiche delle singole arti la poesia, la danza, la musica, larchitettura, la scultura, la pittura
chiamate a costituire il Gesamtkunstwerk, e va poi a enucleare, nel quarto capitolo del trattato, i
termini dellincontro e della fusione delle forme espressive ed estetiche allinterno del dramma.
Denunciata la sostanziale estraneit al grande pubblico dei prodotti creativi a lui contemporanei, che
escludono dal loro godimento coloro che siano sprovvisti di sufficienti competenze tecniche e
strumenti di decodificazione, Wagner sostiene che larte, per avere una qualsiasi influenza sulla
vita, debba essere essa stessa come il frutto di una cultura naturale, cio duna cultura che viene
dal basso49, e non la mera applicazione di un esteriore e pedantesco apparato di regole e norme
imposto dal Beckmesser di turno. Essa, anzi, per raggiungere una fioritura feconda dovr sottrarsi
allalleanza con lindividuo utilitario e aderire ai bisogni reali alluomo nuovo. Il Gesamtkunstwerk,
allora, si rende indispensabile proprio perch nessun arte isolata pu rivelarsi al pubblico
comune e per una comprensione completa se non accede a un contatto collettivo con le altre arti50.
Il dramma nasce, appunto, dal desiderio dogni forma espressiva di rivolgersi nel modo pi diretto
allassemblea degli spettatori.
Chiaramente, occorrer ripartire i compiti e le funzioni: larchitettura non potr nutrire intenzione
pi alta di quella di creare, per unaccolta di uomini che si rappresentano artisticamente da se stessi,
il luogo necessario allopera darte umana per la sua manifestazione51, ossia il teatro; edificio che,
essendo destinato a rispondere allunico fine artistico collettivo52, presupporr da parte del
progettista un agire pienamente conforme al Kunstwerk der Zukunft, perci alieno dalla ricerca del
mero lusso, che unesigenza superflua e innaturale. Costruita la struttura complessiva,
allarchitettura spetter anche di innalzare la scena, cui richiesto di rispondere a due incombenze
principali: realizzare tutte le condizioni di spazio che sono necessarie allazione drammatica
collettiva che si deve rappresentare e assolvere i suoi compiti in modo da rendere lazione
drammatica percepibile e intelligibile alla vista e alludito di tutti gli spettatori53. Quindi, un
programma concreto e fattivo.
Per, avverte Wagner, nemmeno il pi fastoso edificio di pietra di per s sufficiente
allestrinsecazione dellopera darte totale; affatto essenziale una scenografia che sia in grado di
suggerire limmagine vivente delluomo, e dellambiente in cui si svolge la sua esistenza54. Ecco,
dunque, che entra in causa la pittura, o, con pi esattezza, la pittura di paesaggio, cui demandato
di ornare dei freschi colori della natura, della calda luce delletere le pareti della scena teatrale,
affinch la vita vi sia resa completamente intelligibile55. Il disegno, luso del colore divengono
cos lapporto dellarte figurativa al Gesamtkunstwerk: essa si giustifica e risulta del tutto
comprensibile al pubblico comune proprio nella misura in cui assorbita nel dramma.
Lobiettivo della pittura, in questa prospettiva, di carattere eminentemente mimetico e

49

R. Wagner, Lopera darte dellavvenire, 1983, pp. 281-282.


Ibi, p. 283.
51
Ibidem.
52
Ibi, p. 284.
53
Ibidem.
54
Ibi, p. 286.
55
Ibidem.
50

rappresentativo: in poche parole, creare una sensazione dillusione perfetta56. Ci ch assai


interessante e quasi profetico, nel discorso di Wagner, il riferimento chegli compie, nelladditare
tale scopo, a un sapiente impiego artistico della luce e di tutti i procedimenti dellottica57. In
questa maniera, pare adombrato persino un superamento della pittura intesa come manipolazione di
pigmenti in favore di unarte di pure proiezioni luminose, di cui si ritroveranno le tracce nel clavier
lumires di Skrjabin, nel Sonchromatoskop di Alexander Lszl, nelle sperimentazioni dei
Farbenlichtspiele di Ludwig Hirschfeld-Mack al Bauhaus, nei film astratti di Ruttmann, Richter,
Eggeling, Fischinger, gi gi fino a esperienze con i new media che procedono dagli anni sessanta
fino a oggi.
Il contributo della scultura allopera drammatica complessiva quello concettualmente pi involuto
nella trattazione di Wagner: postulata loriginaria derivazione dellarte plastica dal movimento
coreografico, se ne preannuncia ora la dissoluzione nellorganismo vivo della scena, sicch le
forme che gli statuari si sforza[ro]no di effigiare nella pietra, gli attori le modelleranno subito
in se medesimi58. In tal modo, leffetto dillusione perseguito dallo scultore diventa, nel dramma,
verit, e lartista figurativo tende la mano al danzatore, al mimo per divenire, per essere egli
stesso danzatore e mimo; anzi, nel Gesamtkunstwerk danzatore, musicista e artista sono una cosa
sola: nientaltro che luomo-artista che rappresenta, che si comunica alla pi alta facolt
dimmaginazione secondo linsieme di tutte le sue facolt59.
Luogo precipuo di questa fusione inevitabilmente il teatro, e suo fulcro assoluto nonch criterio
ordinatore la messa in scena del dramma onnicomprensivo. Per descrivere tale intima unione
Wagner non esita nemmeno a rispolverare la vecchia definizione delle arti sorelle, chiamate a
fondersi per unazione comune che consentir a ciascuna di poter essere e poter fare quel che vuole
essere e quel che vuole fare secondo il suo carattere particolare60. Nel Kunstwerk der Zukunft,
infatti, la musica, la poesia, larchitettura, la pittura, la danza e persino la scultura saranno condotte
alla massima forza espressiva, giungeranno alla pienezza dei singoli valori, cosicch non vi sar
risorsa che resti inutilizzata61. Perch, come si legge in Oper und Drama, soltanto alla scena
consentito di radunare in s tutte le propriet e tutti i momenti dellarte figurativa nella loro
perfetta compiutezza62.
Per usare la felice espressione di Thomas Mann, si pu affermare che emerga qui la presunzione
monistica di Wagner, e forse anche il dilettantismo di un autodidatta che assorbe da qualsiasi
fonte nella certezza della propria infallibilit63. Peraltro, egli sembra anticipare una prevedibile
accusa di natura tecnica circa le modalit concrete di collaborazione e fusione delle varie
discipline quando scrive che le arti sorelle, completandosi reciprocamente nel loro giro alternato,
si metteranno in evidenza ora tutte insieme, ora a due a due, ora isolatamente, secondo la
necessit dellazione drammatica, la quale unica legge e misura, cui ogni aspetto ed elemento
debbono conformarsi, sforzandosi di coglierne lintenzione64.
Nondimeno, non certo cos rintuzzata lacuta critica di Adorno, che ammette s come istanza di
reale umanesimo65 il proposito di aggregare cooperativamente le arti (allo stesso modo gli organi
di senso, nelluomo liberato, potrebbero un giorno associarsi66), ma non si esime dallosservare
che per un Gesamtkunstwerk valido occorrerebbe una quipe di specialisti che pianificassero il
lavoro, essendo inattuabile che un unico individuo possa farsi specialista per tutti i mezzi di cui

56

Ibi, p. 288.
Ibidem.
58
Ibi, p. 290.
59
Ibi, pp. 291-292.
60
Ibi, p. 292.
61
Ibi, p. 293.
62
R. Wagner, Opera e Dramma, 1939, p. 146.
63
R. Tedeschi, Invito allascolto di Wagner, Mursia, Milano 1983, p. 147.
64
R. Wagner, Lopera darte dellavvenire, 1983, pp. 294-295.
65
Th.W. Adorno, Wagner, 1966, p. 103.
66
Ibidem.
57

il dramma abbisogna67. Emergerebbe ancora evidente, quindi, il carattere velleitario dellutopia


wagneriana, il cui risultato estetico rischia continuamente di tradursi in mero agglomerato68 (e, se
ci non accade, in virt della qualit musicale dellinsieme, piuttosto che della fondatezza dei
presupposti teorici).
Si tratta, del resto, di obiezioni che si affacciarono al compositore stesso, il quale, in un interessante
passo citato da Adorno, associa lautentica realizzazione del suo Kunstwerk der Zukunft al sogno
delluomo totale69 vagheggiato per lavvenire: a nessuno meglio che a me pu essere presente
come lattuazione del dramma da me inteso dipenda da condizioni che non sono nella volont e
nemmeno nella capacit del singolo, siano pur queste infinitamente pi grandi delle mie; ma in una
certa situazione, e in una cooperazione comune resa possibile da essa, di cui, ora, esiste soltanto
lesatto opposto70.
Uno dei pi comuni fraintendimenti cui sar soggetta la teoria wagneriana del Gesamtkunstwerk
condurr, invece, allo smarrirsi dello specimen dei rispettivi media in direzione di un fluido
espressivo nel quale la pittura aspirer a rendere con i colori leffetto della vibrazione sonora, la
musica a generare sensazioni visive, ogni arte a tramutarsi nellaltra quasi per pseudomorfosi,
abdicando al proprio carattere o presupposto immanente. Anche ammettendo la natura spesso vaga
e contraddittoria delle formulazioni contenute negli scritti di Wagner, va sottolineato che esiti
siffatti costituiscono un palese forzatura, anzi un travisamento integrale di quanto esposto in Die
Kunst und die Revolution, in Das Kunstwerk der Zukunft e in Oper und Drama. In questultimo
saggio lautore, quasi presagendo gli equivoci cui poteva andare incontro la sua utopia totalizzante,
avvertiva che la confusione delle differenti specie darte non pu che turbarne la comprensione. In
fatti nulla vi ha per noi di pi sconcertante che il vedere, p. e., il pittore, che rappresenta il suo
soggetto in unattitudine di moto, la cui descrizione non possibile che al poeta, ma un completo
disgusto noi proviamo, quando osserviamo un quadro, nel quale i versi del poeta sono messi come
scritte nella bocca di un personaggio. Quando il musicista, cio il musicista assoluto, tenta di
dipingere, non produce n una musica n un quadro; ma se egli volesse accompagnare colla sua
musica la contemplazione di un quadro reale, potrebbe star sicuro, che non si capirebbe n il quadro
n la sua musica71.
In un altro passaggio del libro, stigmatizzando linconsistenza di talune reazioni critiche (o
malevole) al suo ideale di Gesamtkunstwerk, Wagner mette in guardia anche dal rischio di
fraintendere lessenza vera del dramma, che mira ad attuare una comunit di tutte le arti72, e
non certo un loro accostamento estrinseco73. Nemmeno su tale punto, per, manca dappuntarsi la
severa disamina di Adorno, il quale rileva, nella produzione scenica del compositore, una
paradossale indifferenza reciproca dei media coinvolti, che sarebbe originata proprio dal loro
avvicinamento indiscreto74, ossia dal fatto che lautore non riuscirebbe ad assegnare funzioni
significanti ai singoli elementi e idiomi espressivi, mescidati in una falsa identit, trattati come
se convergessero, e per ci stesso violentati, sfigurando la totalit chessi dovrebbero invece
incarnare75.
In realt, pur senza pretendere di porsi nella prospettiva di una salomonica Aufhebung, occorrerebbe
storicizzare sia il retroterra culturale delle affermazioni del filosofo, sia leffettivo Kunstwollen del

67

Ibi, p. 104.
Ibidem.
69
Ibi, p. 105.
70
Cosima Wagner und Houston Stewart Chamberlain im Briefwechsel 1888-1908, Reclam, Leipzig 1934, p. 201, nota.
71
R. Wagner, Opera e Dramma, 1939, pp. 147-148.
72
R. Wagner, Lopera darte dellavvenire, 1983, p. 298.
73
Letterati puerilmente accorti si immaginano lopera darte complessiva che ho indicata, come risultante della unione
delle arti, quando essi credono di doverla considerare come latto, che amalgama alla rinfusa ogni specie darte, come
se in una galleria di quadri, o in una sala dove siano esposte delle statue, si legga un romanzo di Goethe, e venga
eseguita nel tempo istesso una Sinfonia di Beethoven (R. Wagner, Opera e Dramma, 1939, p. 148).
74
Th.W. Adorno, Wagner, 1966, p. 98.
75
Ibi, p. 97.
68

musicista: certamente, nella prima met del Novecento la via maestra in direzione del
Gesamtkunstwerk consistette nel tentativo di superare i limiti dei mezzi tradizionali, non pi
assemblati in maniera addizionale e con risultati monumentali, comera in Wagner, quanto
piuttosto prodotti in un processo di genesi interna, per via di interazioni di natura analogica o di
contrasto76. Ma la constatazione nulla toglie alla profondit e alla coerenza di un pensiero estetico
con cui inevitabile ancor oggi confrontarsi.
Paolo Bolpagni
paolo.bolpagni@unicatt.it
Bibliografia di approfondimento
Sterminata, soprattutto nei Paesi di lingua tedesca, la quantit di libri, cataloghi, saggi, articoli
dedicati al tema dellopera darte totale. Perci, in aggiunta alle pubblicazioni citate nelle note a
pi di pagina, mi sembra utile offrirne un ulteriore compendio nellelenco a seguire, che disposto
in ordine cronologico.
A. Neumann, The Earliest Use of the Term Gesamtkunstwerk, in Philological Quarterly, 35, aprile
1956, pp. 191-193
H. Sedlmayr, Das Gesamtkunstwerk der Rgence und des Rokoko (1958), in H. Sedlmayr, Epochen und
Werke. Gesammelte Schriften zur Kunstgeschichte, vol. II, Herold, Wien-Mnchen 1960, pp. 188193
D. Bablet, Esthtique gnrale du dcor de thtre de 1870 1914, CNRS, Paris 1965
M. Lichtenfeld, Gesamtkunstwerk und allgemeine Kunst. Das System der Knste bei Wagner und Hegel,
in W. Salmen (a cura di), Beitrge zur Geschichte der Musikanschauung im 19. Jahrhundert,
Bosse, Regensburg 1965, pp. 171-177
P. Rummenhller, Romantik und Gesamtkunstwerk, in W. Salmen (a cura di), Beitrge zur Geschichte
der Musikanschauung im 19. Jahrhundert, Bosse, Regensburg 1965, pp. 161-170
Das Gesamtkunstwerk, in Kunstchronik, 23, 10, ottobre 1970, pp. 274-279
G. Youngblood, Expanded Cinema, Studio Vista, London 1970
S. Kunze, Richard Wagners Idee des Gesamtkunstwerkes, in H. Koopmann - J.A. Schmoll gen.
Eisenwerth, Beitrge zur Theorie der Knste im 19. Jahrhundert, vol. II, V. Klostermann,
Frankfurt am Main 1972, pp. 196-229
J.C. Crawford, Die glckliche Hand: Schoenbergs Gesamtkunstwerk, in Musical Quarterly, 60,
ottobre 1974, pp. 583-601
R.M. Bisanz, The Romantic Synthesis of the Arts: XIXth German Theories on a Universal Art, in
Konsthistorik Tidskrift, 44, 1975, pp. 38-46
K. Eggert, Der Begriff des Gesamtkunstwerks in Gottfried Sempers Kunsttheorie, in Alte und Moderne
Kunst, 20, 142-143, 1975, pp. 49-56
R. Stollmann, Faschistische Politik als Gesamtkunstwerk. Tendenzen der sthetisierung des politischen
Lebens im Nationalsozialismus, in H. Denkler - K. Prmm (a cura di), Die deutsche Literatur im
Dritten Reich, Reclam, Stuttgart 1976, pp. 83-101
K. Medici-Mall, Das Landhaus Waldbhl von M.H. Baillie Scott. Ein Gesamtkunstwerk zwischen
Neugotik und Jugendstil, Gesellschaft fr Schweizerische Kunstgeschichte, Bern 1979
M. Bisanz-Prakken, The Beethoven Exhibition of the Secession and the Younger Viennese Tradition of
the Gesamtkunstwerk, in E. Nielsen (a cura di), Focus on Vienna 1900, Fink, Mnchen 1982, pp.
140-149
H.P. Ingenhoff, Die Mnsterkirche in Zwiefalten. Beobachtungen am barocken Gesamtkunstwerk, in
Pantheon, 40, 1982, pp. 201-210

76

G. Pulvirenti, Altre scritture, 2003, p. 43.

R. Zrcher, Architektur als Gesamtkunstwerk. Zwei Beispiele aus dem Sptbarock, in Zeitschrift fr
sthetik, 27, 1, 1982, pp. 11-22
M. Boetzkes et al., Max Klinger. Wege zum Gesamtkunstwerk, Ph. von Zabern, Mainz 1984
K.D. Bruse, Die griechische Tragdie als Gesamtkunstwerk. Anmerkungen zu den musikalischen
Reflexionen des frhen Nietzsche, in Nietzsche-Studien, 13, 1984, pp. 156-176
S. Bordini et al., La sintesi delle arti. Il modello della totalit nellarte dal primo Romanticismo alle
avanguardie storiche, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1985
B. Euler-Rolle, Das barocke Gesamtkunstwerk in sterreich. Idealer Begriff und historische Prozesse,
in Kunsthistoriker Mitteilungen des sterreichischen Kunsthistorikerverbandes, 2, 4-5, 1985,
pp. 55-61
J. Nigro Covre, La sintesi delle arti. Fonti per la cultura tedesca del primo 900, Il bagatto, Roma
1985
D. Bablet - E. Billeter (a cura di), Die Maler und das Theater im 20 Jahrhundert, Schirn Kunsthalle,
Frankfurt am Main 1986
H. Szeemann, Johann Michael Bossard. Ein Leben fr das Gesamtkunstwerk (cat. della mostra, Zug Oldenburg), Die Gesellschaft, Zug 1986
B. Grois, Gesamtkunstwerk Stalin, Carl Hanser, Mnchen 1988
B. Euler-Rolle, Wege zum Gesamtkunstwerk in den Sakralrumen des sterreichischen Sptbarocks
am Beispiel der Stiftskirche von Melk, in Zeitschrift des Deutschen Vereins fr
Kunstwissenschaft, 43, 1, 1989, pp. 25-48
E. Mai, Wiener Sezession 1902: die Ausstellung als Gesamtkunstwerk, in B. Klser - K. Hegewisch (a
cura di), Die Kunst der Austellung, Insel, Frankfurt am Main 1991, pp. 22-31
E. Vitale, De luvre dart totale luvre totale. Art et architecture au Bauhaus, in Cahiers du
Muse National dArt Moderne, 39, primavera 1992, pp. 62-79
Th. Koebner, Handlungen mit Musik. Die Oper als Zeitspiegel, Leidenschaftsdrama, Gesamtkunstwerk,
Mller-Speiser, Salzburg 1993
P. Vergo, The Origins of Expressionism and the Notion of Gesamtkunstwerk, in S. Behr - D. Fanning D. Jarman (a cura di), Expressionism Reassessed, University Press, Manchester 1993, pp. 11-19
H. Gnther (a cura di), Gesamtkunstwerk. Zwischen Synsthesie und Mythos, Aisthesis, Bielefeld 1994
Th. Schober, Das Theater der Maler. Studien zur Theatermoderne anhand dramatischer Werke von Kokoschka, Kandinsky, Barlach, Beckmann, Schwitters und Schlemmer, M & P, Stuttgart 1994
D. Borchmeyer, Gesamtkunstwerk, in F. Blume et al. (a cura di), Die Musik in Geschichte und
Gegenwart. Allgemeine Enzyklopdie der Musik, vol. III, Brenreiter, Kassel-Basel 1995, coll.
1282-1289
V. Martino, Kandinsky, Schnberg und das Gesamtkunstwerk, in V. Loers (a cura di), Okkultismus und
Avantgarde. Von Munch bis Mondrian 1900-1915 (cat. della mostra, Francoforte), Tertium,
Ostfildern 1995, pp. 562-577
L. Verdi, Kandinskij e Skrjabin. Realt e utopia nella Russia pre-rivoluzionaria, Akademos, Lucca
1996
D. Schneller, Richard Wagners Parsifal und die Erneuerung des Mysteriendramas in Bayreuth. Die
Vision des Gesamtkunstwerks als Universalkultur der Zukunft, Lang, Bern 1997
D. Hoffmann, Der Traum vom Gesamtkunstwerk, Loccumer Protokolle 9, Rehburg 1998
M. Lista, Les Compositions scniques de Kandinsky. La qute moderne du Gesamtkunstwerk, in
Cahiers du Muse National dArt Moderne, 63, primavera 1998, pp. 39-57
A. Merte, Totalkunst. Intermediale Entwrfe fr eine sthetisierung der Lebenswelt, Aisthesis, Bielefeld
1998
D. Pierpaoli - E. Albani, Musica ad Figuram. Il fonocromatismo fra storia, teoria ed arte, a cura di A.
Di Benedetto, Museo dArte immanente, Arquata del Tronto 2000.
K. Englert, Der Traum vom Gesamtkunstwerk. Das sthetische Dispositiv der Moderne?, in Zeitschrift
fr sthetik und Allgemeine Kunstwissenschaft, 44, 1, 2000, pp. 5-25
S.D. Paulin, Richard Wagner and the Fantasy of Cinematic Unity. The Idea of the Gesamtkunstwerk in
the History and Theory of Film Muse, in J. Buhler et al., Music and Cinema, Wesleyan University
Press, Hannover-London 2000, pp. 58-84

10

C. Merlin, La place de Wagner dans lutopie duvre dart totale selon Kandinsky, in D. Buschinger J.-F. Candoni - R. Perlwitz (a cura di) Richard Wagner. Points de dpart et aboutissements,
Presses du Centre dtudes mdivales - Universit de Picardie Jules Vernes, Amiens 2002, pp.
179-188
J. Galard et al., Luvre dart totale, Gallimard, Paris 2003
C. Merlin, Richard Wagner et le concept de Gesamtkunstwerk, in J. Gaullier (a cura di), Le mlange des
arts, Universit Charles de Gaulle, Lille 2003, pp. 15-26
G. Bruant, Timely Untimeliness. Architectural Modernism and the Idea of Gesamtkunstwerk, in M.
Hvattum (a cura di), Tracing Modernity, Routledge, London 2004
R. Fornoff, Die Sehnsucht nach dem Gesamtkunstwerk. Studien zu einer sthetischen Konzeption der
Moderne, Olms, Hilsdesheim 2004
C. Klinger, Die Utopie der Vershnung von Kunst und Leben. Die Transformation einer Idee im 20
Jahrhundert. Vom Staat als Kunstwerk zum Life-Style des Individuums, in C. Klinger - W. MllerFunk (a cura di), Das Jahrhundert der Avantgarden, W. Fink, Mnchen 2004, pp. 211-245
J. Anger, Modernism at Home: the Private Gesamtkunstwerk, in D.J. Johnson - D. Ogawa (a cura di),
Seeing and beyond. Essays on eighteenth- to twenty-first century art in honor of Kermit S.
Champa, Peter Lang, New York 2005, pp. 211-243
J. Horsley, Der Almanach des Blauen Reiters als Gesamtkunstwerk. Eine interdisziplinre
Untersuchung, Lang, Frankfurt am Main 2006
M. Lista, Luvre dart totale la naissance des avant-gardes 1908-1914, Comit des travaux
historiques et scientifiques - Institut national dhistoire de lart, Paris 2006

11