Sei sulla pagina 1di 8

Alcune schede di coltivazione semplificate nella speranza che siano utili per la

coltivazione delle vostre orchidee


Prima che iniziate a leggere vorrei precisare che questi appunti non sono assolutamente ne un
trattato botanico ne uno studio scientifico, ma solo appunti ricavati da letture, ricerche in internet e
da personali coltivazioni di alcune specie e di conseguenza come tali sono da leggere ed
interpretare.
Sono schede semplici e riassuntive che mettono in evidenza solo le principali necessit delle
piante trattate
Sperando che possano essere utili vi auguro una buona lettura

Burrageara Nelly Isler


Cymbidium ibridi
Dendrobium
Berry Oda
Kingianum
Nobile
Oncidium ibridi
Vanda ibridi

Burrageara Nelly Isler -

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
A questa orchidea piace stare dal freddo alle temperature intermedie avendo nella sua genetica in
modo prevalente la Miltoniopsis. Tollera anche temperature elevate, ma non per molto.
Temperature comprese tra i 16 C e i 24 C. sono l'ideale
ESPOSIZIONE
Pu crescere bene sia a bassi livelli di luce come ombra luminosa, evitare comunque il sole diretto
se non quello del primo mattino. Un modo sicuro per capire se la Burrageara riceve troppo troppa
luce il colore giallastro delle foglie. Una luminosit tipo quella delle Phalaenopsis soddisfa le sue
esigenze di luce. Una esposizione a est va molto bene mentre una esposiziono a ovest va
leggermente filtrata sopratutto nelle ore di maggior insolazione, una esposizione a sud va
assolutamente ombreggiata onde evitare ustioni alle foglie, una esposizione a nord sconsigliata
per la poca luce.
ANNAFFIATURE
Per una buona crescita hanno bisogno di avere una composta che dreni velocemente l'acqua in
eccesso e che possa trattenere una buona umidit in quanto avendo radici sottili meglio tenere la
composta sempre leggermente umida ma mai zuppa perch si rischia di far marcire le radici quindi
bagnare solo quando la composta sta asciugando ma non ancora completamente asciutta, per
capire se si sta bagnando bene basta guardare il comportamento della pianta se si ha uno stress
idrico dovuto alla poca acqua si denota secchezza delle radici, foglie dei nuovi pseudobulbi che si
sviluppano a fisarmonica, pseudobulbi rugosi e aborto degli steli fioriferi se invece si da troppa
acqua si avranno afflosciamento delle foglie dovuto al fatto che le radici sono marcite, marciume
degli pseudobulbi e aborto di eventuali steli fioriferi.
Questa orchidea non tollera l'acqua particolarmente dura che potrebbe a lungo andare bruciare le
radici, se l'acqua del vostro acquedotto molto calcarea opportuno usare acqua demineralizzata
o acqua piovana con aggiunta di acqua dell'acquedotto o di piccole dosi di fertilizzanti in quanto
queste acque non contengono alcun elemento utile alle orchidee.
Non eccessivamente delicata come orchidea ma gradisce sempre una umidit costante attorno
alle radici accompagnata da un buona ventilazione del''ambiente dove viene messa.
Meglio bagnare al mattino dall'alto evitando di far entrare acqua tra le foglie, in inverno evitare in
particolare di nebulizzare le foglie e se necessario farlo al mattino per fare in modo che entro sera
le foglie siano completamente asciutte
UMIDITA'
E' amante di una umidit relativa abbastanza alta compresa tra il 60 e il 90%, umidit che in molti
casi non pu essere ottenuta solo con il classico sottovaso riempito di palline di argilla espansa ma
con l'aiuto di un umidificatore. Questo aumenta la possibilit di una crescita sana e belle fioriture.
Garantire anche una buona circolazione dell'aria per evitare infezioni fungine e altre malattie.
CONCIMAZIONI
Il fertilizzante deve essere dato in modo moderato essendo a radici sottili e molto sensibili
all'eccesso di sali. Utilizzare la met della dose dalla etichetta soprattutto se si utilizza l'acqua del
rubinetto.
COMPOSTA
Il rinvaso dovrebbe essere eseguito preferibilmente una volta all'anno, o almeno una volta ogni
due anni.
Utilizzare un mix di corteccia di pezzatura piccola con una aggiunta di un poco di sfagno o di
perlite per permettere un veloce drenaggio dell'acqua, ma grazie allo sfagno o alla perlite in grado
di trattenere anche un buon livello di umidit.
NOTE
E' un ibrido complesso inter-generico che ben noto per le sue intense fioriture rosse ed anche
venduto con il nome generico di Cambriai.
Il profumo forte e ricorda di limoni, ma potrebbe anche non esserci.

Cymbidium ibridi - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
Nel periodo estivo possono tollerare temperature abbastanza elevate anche sopra i 30C purch vi
sia una buona ventilazione e una buona idratazione e con temperature notturne un po' pi fresche.
Per poter fare gli steli fioriferi comunque necessario che vi sia un calo di temperatura a circa
10C al fine di forzare la formazione degli steli fioriferi.
In inverno in alcune zone possibile lasciare l'orchidea all'esterno ma se la temperatura scende in
modo costante al di sotto dei 5C consigliabile ritirarla in un ambiente fresco e molto illuminato
per permettere all'orchidea di poter fare la fioritura, in questo periodo se ritirata in un ambiente
eccessivamente caldo facile che la fioritura abortisca o i boccioli se gi formati cadano
ESPOSIZIONE
Richiedono elevate quantit di luce al fine di svilupparsi correttamente e poter fare la fioritura. Il
pieno sole nelle zone temperate tollerato molto bene anche se opportuno ombreggiarlo
leggermente dal sole del mezzogiorno, mentre in zone calde deve essere assolutamente
ombreggiato dal sole di mezzogiorno e del primo pomeriggio per evitare ustioni alle foglie. Le foglie
devono avere un colore verde brillante, se le foglie sono verde scuro indicano troppa poca luce.
Una buona ventilazione comunque essenziale per il suo sviluppo.
ANNAFFIATURE
In primavera e in estate, quando sono in fase di crescita e di sviluppo vegetativo necessario
bagnare con molta abbondanza e non lasciare che la composta stia asciutta per molto tempo. In
autunno quando le nuove vegetazioni sono mature iniziare a ridurre le irrigazioni ed in inverno
tenere la composta appena umida sopratutto nelle zone dove la temperatura si abbassa parecchio
per evitare che la composta geli.
UMIDITA'
Se opportunamente bagnati tollerano anche periodi con bassa umidit relativa. Se coltivati
all'aperto normalmente l'umidit relativa data dall'ambiente pu essere sufficiente altrimenti oltre a
bagnare pu essere necessario tenere umido anche la zona intorno ai vasi, personalmente
quando bagno faccio in modo di bagnare anche il terreno intorno ai vasi in modo da avere sempre
una discreta umidit relativa.
Comunque per queste orchidee una umidit relativa tra il 40-60% in inverno e 50-70% in estate
pu essere considerata ottimale, l'importante che si sia una buona ventilazione e sopratutto in
inverno non ci sia umidit stagnate
CONCIMAZIONI
Sono dei forti divoratori di fertilizzante. In primavera ed estate utilizzare fertilizzanti con alto tenore
di azoto per aumentare lo sviluppo vegetativa della pianta. In autunno invece opportuno utilizzare
fertilizzanti ad alto tenore di fosforo per facilitare la formazione di steli fioriferi. Fertilizzare almeno
ogni due settimane nel periodo vegetativo e almeno una volta al mese nel periodo invernale
usando sempre la dose prevista sulla confezione di fertilizzante
COMPOSTA
Sono orchidee terrestri quindi una composta di bark perlite e torba o terriccio per orchidee si pu
intendere come una composta standard in grado di trattenere anche un buon livello di umidit
necessario alla pianta, dato che non producono radici aeree opportuno che tutte le radici siano
coperte dalla terra e che i pseudobulbi non siano interrati se non nella parte di contatto con il
terreno.
NOTE
I fiori sono di lunga durata e, talvolta profumati. Gli steli fioriferi di norma non sono pendenti, salvo
alcune variet particolari, per cui se il numero dei fiori sugli steli elevato, onde evitare la rottura
dello stelo si possono mettere di tutori di sostegno dello stelo.

Dendrobium Berry Oda - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
Questa orchidea tollerante ad una vasta gamma di temperature per brevi periodi di tempo, ma
preferisce una temperatura massima di circa 30C nel periodo vegetativo e una minima di circa
12C in inverno per un breve periodo al fine di permettere la formazione degli steli fioriferi, iniziare
ad aumentare la temperatura come si ha la formazione dei boccioli sugli steli fioriferi per
permettere la fioritura. Io queste orchidee in primavera estate le tengo in giardino in una zona
molto luminosa e a fine ottobre le ritiro in un locale non riscaldato con temperature notturne intorno
ai 13C esposte ad est fino a che non hanno formato gli steli, di solito fino a fine dicembre e poi li
porto al caldo per goderne la fioritura completa e il profumo. Se la pianta non ha questa situazione
di riduzione forte della temperature tender a produrre keiki al posto dei fiori
ESPOSIZIONE
In effetti pu vegetare a qualsiasi condizione di luce, ma se vogliamo una bella pianta necessaria
una luminosit abbastanza intensa. In estate comunque opportuno ombreggiarla dal sole nei
momenti di sole intenso per evitare scottature delle foglie. Anche con questa specie guardando le
foglie si capisce se la quantit di luce sufficiente infatti se il colore di un verde molto scuro vuol
dire che la luce non sufficiente. Una esposizione a sud est, o a sud parzialmente ombreggiato da
adeguati livelli di luminosit per questa orchidea.
ANNAFFIATURE
Nelle stagioni di crescita, di solito l'estate e l'autunno, acqua in abbondanza e mantenere
uniformemente umido la composta per una buona crescita della pianta. In inverno finch non si ha
la formazione degli steli fioriferi fare un breve periodo di secco inteso come bagnare solo quando
la composta asciutta, di solito nei due mesi di secco come detto bagno due o tre vote al
massimo, e riprendere a bagnare normalmente dopo che si siano formati completamente gli steli
fioriferi e la pianta sia riportata al caldo. Un drenaggio perfetto necessario per evitare che le
radici marciscano per la troppa acqua e che ci sia una buona circolazione di aria tra le radici.
UMIDITA'
Una umidit relativa tra il 50% e l'80% sono ottimali per la pianta ma nel periodo estivo
opportuno tenere la pianta in un ambiente abbastanza umido anche con una umidit relativa che
raggiunga l'80% con una buona ventilazione. Bagnare o vaporizzare la pianta al mattino per
evitare ristagni di acqua durante la notte sopratutto in inverno.
CONCIMAZIONI
Non utilizzare mai un fertilizzante ad alto titolo di azoto in quanto faciliter l'emissione di keiki al
posto di steli fioriferi sopratutto se non sente la varianza di temperatura. Io uso il classico
equilibrato 20.20.20 a primavera mentre da luglio uso un fertilizzante ad alto tenore di fosforo per
facilitare la formazione degli steli fioriferi e sospendo completamente la fertilizzazione nel periodo
invernale di secco riprendo a fertilizzare dopo che i fiori sono ormai appassiti. In tutti i periodi di
fertilizzazione usare sempre una dose ridotta al 50% rispetto a quanto previsto in etichetta
COMPOSTA
Dato che ha radici sottili e molto sensibili al marciume si consiglia una composta fatta con bark di
media pezzatura in modo da avere un buon drenaggio e una buona circolazione di aria tra le
radici
NOTE
E' un ibrido tra Dendrobium kingianum e Dendrobium bigibbum e questo lo rende abbastanza
facile da coltivare anche in casa.
I fiori sono di solito viola brillante e sono anche profumati, piccoli, ma ogni stelo fiorifero pu
portare fino a 15 fiori profumati con una durata massimi di due o tre mesi.
Assolutamente non tagliare le vecchie canne anche se senza foglie, sono riserva per le nuove
vegetazioni

Dendrobium kingianum - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
Questa orchidea in grado di sopportare temperature elevate fino a 40C con una buona
ventilazione, ombra parziale e buona irrigazione. In inverno ha per bisogno di freddo con
temperature intorno ai 10C al fine di poter preparare la fioritura. Se tenuto a temperature oltre i
10C nel periodo invernale la fioritura potrebbe essere scadente o addirittura non farla o fare solo
keiki al posto dei fiori. Quando la fioritura inizia a crescere necessario aumentare gradualmente
la temperatura.
ESPOSIZIONE
E' necessaria una forte luce in tutte le stagioni ed in particolare in inverno per fare in modo che la
pianta possa produrre vegetazione e fioriture. Se si da poca luce quasi sicuramente non si avr la
fioritura. Un segno di luce adeguata una sfumatura di rosso per le foglie, se le foglie sono verde
molto scuro, significa che l'orchidea non riceve abbastanza luce. Una esposizione a sud est o a est
va bene, se si nota sofferenza ombreggiare leggermente.
ANNAFFIATURE
Nelle stagioni di crescita, di solito l'estate e l'autunno, acqua in abbondanza e mantenere
costantemente umida la composta per avere una buona crescita. Quando le temperature iniziano a
scendere e le nuove crescite sono mature si riduce drasticamente l'irrigazione irrigando solo se le
canne tendono ad asciugarsi troppo e si riprende ad irrigare dopo che gli steli floreali iniziano a
svilupparsi. Utilizzare un composta grossolana che offre un buon drenaggio e un buon flusso d'aria
intorno alle radici.
UMIDITA'
Una umidit relativa tra il 50 e l'80% va bene per questa orchidea a tassi di umidit alti
necessario che ci sia anche una buona ventilazione onde evitare l'insorgenza di malattie fungine a
causa di umidit stagnate, pure. l'irrigazione e la nebulizzazioni devo essere eseguite solo la
mattina in modo che entro la sera sia asciutta onde evitare ristagni d'acqua durante la notte.
CONCIMAZIONI
Non utilizzare mai un fertilizzante ad alto titolo di azoto in quanto faciliter l'emissione di keiki al
posto di steli fioriferi sopratutto se non sente la varianza di temperatura. Io uso il classico
equilibrato 20.20.20 a primavera mentre da luglio uso un fertilizzante ad alto tenore di fosforo per
facilitare la formazione degli steli fioriferi e sospendo completamente la fertilizzazione nel periodo
invernale di secco riprendo a fertilizzare dopo che i fiori sono ormai appassiti. In tutti i periodi di
fertilizzazione usare sempre una dose ridotta al 50% rispetto a quanto previsto in etichetta
COMPOSTA
La composta ideale per questa orchidea una composta grossolana composta da Bark medio a
cui pu essere opportuno anche aggiungere dei pezzi grossolani di pietra silicea o di pomice.
NOTE
I colori dei fiorii spaziano dal bianco al giallo pallido anche viola, rosa e i fiori sono piccoli ma ogni
stelo fiorifero in grado di produrre fino a 15 fiori profumati, della durata massima di due o tre
mesi.
Assolutamente non tagliare le vecchie canne anche se senza foglie, sono riserva per le nuove
vegetazioni

Dendrobium nobile - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
In estate tollerano anche temperature abbastanza alte intorno ai 30-32C molto bene purch non
sia periodi di tempo prolungati, in questo caso la pianta ha necessit di essere sempre ben
bagnata frequentemente e minime intorno 18C. In inverno deve per avere temperature molto
basse massime di 16C e minime notturne di 10C proteggendoli per da eventuali gelate per
poter fare gli steli fioriferi e con un periodo di secco quasi assoluto. Se il clima lo permette possono
essere lasciati fuori ovviamente proteggendoli come detto da eventuali gelate. Se non viene
rispettato il periodo di freddo secco e la pianta viene tenuta al caldo difficilmente far delle fioriture
ma produrr pi facilmente keiki
ESPOSIZIONE
Hanno necessit di una luce cha va da intensa a molto intensa sopratutto nel periodo invernale per
aiutarli alla formazione degli steli fioriferi ombreggiandoli leggermente in estate dal sole del
mezzogiorno e del primo pomeriggio. Una esposizione a sud sar l'ideale durante l'inverno, ma
esposizioni est o a ovest sono da preferire nel periodo estivo o una esposizione a sud ma
ombreggiando leggermente la pianta nel periodo pi soleggiato oppure metterli in una zona di
ombra luminosa. Mattina e sul tardo pomeriggio un po' di sole diretto comunque utile alla pianta.
Un aspetto verde scuro delle foglie della pianta rivela che riceve poca luce, mentre fogliame verde
significa che la pianta riceve luce adeguata. In autunno, inverno e primavera il sole diretto utile
alla pianta anche per buona parte della giornata abituando gradatamente la pianta al sole.
ANNAFFIATURE
Nel periodo estivo che di solito il periodo ci crescita con formazione di nuove canne e radici la
pianta ha bisogno di molta acqua e da evitare periodi asciutti un evidente segno di carenza di
acqua dato dal raggrinzirsi delle canne che invece devono essere belle turgide e piene di acqua.
quindi per bagnare potrebbe essere utile immergere il vaso della pianta e poi far sgrondare bene
l'acqua in eccesso. Come si vede le canne maturare e cessano di formarsi nuove foglie, di solito in
autunno, necessario iniziare a diminuire la frequenza con cui viene bagnate per poi cessarla
quasi completamente nel periodo invernale quando va bagnata leggermente solo se si vedono che
le canne raggrinziscono troppo.
UMIDITA'
L'umidit classica casalinga per queste orchidee va benissimo per cui una umidit tra il 40% e il
70% va benissimo, con umidit superiori necessario che ci sia anche una buona ventilazione per
evitare l'insorgere di malattie fungine.
CONCIMAZIONI
Concimare con un fertilizzante equilibrato 20.20.20 durante il periodo di sviluppo fondamentale
per una bella e sana crescita della pianta e stimola la successiva fioritura, evitare fertilizzanti con
un titolo di azoto troppo elevato. Dall'autunno ovvero da quando le canne sono mature per tutto il
periodo invernale di secco deve essere sospesa completamente e va ripresa solo dopo la sfioritura
degli steli fioriferi nuovi perch dopo la fioritura la pianta inizia a formare nuove canne per la
fioritura del prossima stagione.
Una fertilizzazione non corretta nel tipo e nei tempi potrebbe portare alla formazione di keiki e non
di fiori.
COMPOSTA
Una composta grossolana ideale, quindi bark medio/grosso va molto bene.
NOTE
E' molto resistente ma difficile da far rifiorire se non si rispettano le sue esigenze di temperature
fredde e di secco durante il periodo invernale. Possono avere anche piacevoli profumi e, se sono
soddisfatte le condizioni appropriate, possono produrre una notevole quantit di fiori.
Le canne vecchie perdono un po' alla volta le foglie ma assolutamente non tagliarle perch sono
riserva per le nuove vegetazioni

Oncidium ibridi - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
Sono molto tolleranti sia alle alte temperature purch ricevano un'adeguata idratazione che a
basse temperature per non inferiori ai 14C se restano un poco asciutti. La temperatura ideale
tra 18 e 27C. Una differenza di temperature notte e giorno favorir la formazione di steli floreali
ESPOSIZIONE
Sono amanti della luce e in una posizione luminosa o molto luminosa ma senza sole diretto se non
poco al mattino staranno benissimo, bassi livelli di luce non favoriscono lo sviluppo di steli fioriferi o
svilupperanno steli fioriferi molto sottili e piccoli con pochi fiori. Una esposizione a est va molto
bene anche una esposizione a ovest indicata con la cura di ombreggiare se si ha un forte sole al
tramonto, mentre esposizioni a sud o a sud-ovest vanno bene ma devono essere parzialmente
ombreggiate in particolare in estate per evitare scottature alle foglie e una veloce asciugatura della
composta, una esposizione a nord sconsigliata per la mancanza di luce. Un colore verde chiaro
degli pseudobulbi e delle foglie significher che l'orchidea sta ricevendo luce adeguata, mentre il
verde scuro significher che non ha luce sufficiente.
ANNAFFIATURE
Per una buona crescita hanno bisogno di avere una composta che dreni velocemente l'acqua in
eccesso e che possa trattenere una buona umidit in quanto avendo radici sottili meglio tenere la
composta sempre leggermente umida ma mai zuppa perch si rischia di far marcire le radici quindi
bagnare solo quando la composta sta asciugando ma non ancora completamente asciutta, per
capire se si sta bagnando bene basta guardare il comportamento della pianta se si ha uno stress
idrico dovuto alla poca acqua si denota secchezza delle radici, foglie dei nuovi pseudobulbi che si
sviluppano a fisarmonica, pseudobulbi rugosi e aborto degli steli fioriferi se invece si da troppa
acqua si avranno afflosciamento delle foglie dovuto al fatto che le radici sono marcite, marciume
degli pseudobulbi e aborto di eventuali steli fioriferi.
Se l'acqua dell'acquedotto troppo dura essendo piante con radici sensibili all'eccesso di sali
usare acqua piovana o acqua demineralizzata con aggiunta anche di acqua dell'acquedotto o di
piccole dosi di fertilizzante. Meglio bagnare al mattino dall'alto evitando di far entrare acqua tra le
foglie, in inverno evitare in particolare di nebulizzare le foglie e se necessario farlo al mattino per
fare in modo che entro sera le foglie siano completamente asciutte.
UMIDITA'
L'umidit casalinga intorno al 50-60% va molto bene, apprezzano anche ambienti con una umidit
maggiore a condizione che ci sia un buon movimento d'aria per evitare fungosi o altre malattie. Se
l'ambiente secco meglio tenere la pianta su un sottovaso riempito di argilla espansa e acqua in
modo che le radici non siano a contatto con l'acqua del sottovaso.
CONCIMAZIONI
Una buona concimazione necessaria per la sua coltivazione, utilizzare un fertilizzante equilibrato
20-20-20 durante tutto l'anno, ma nel periodo di crescita a primavera usare un fertilizzante ad
elevato tenore di azoto. Utilizzare sempre met della dose prevista dall'etichetta per evitare di
bruciare la radici sottili. Fertilizzare ogni tre volte che si bagna
COMPOSTA
Utilizzare un mix di corteccia di pezzatura piccola con una aggiunta di un poco di sfagno per
permettere un veloce drenaggio dell'acqua, ma grazie allo sfagno in grado di trattenere anche un
buon livello di umidit.
NOTE
In genere sono orchidee facili da tenere anche da parte di neofiti, il fattore chiave per coltivare
queste orchidee in modo sano e non avere delusioni una buona comprensione delle loro
esigenze di irrigazione e di luce. Imparato questo si avranno sempre della belle piante piene di
fiori.

Vanda e vandacee ibridi - Scheda di coltivazione

(redatto da Bicelli Roberto)

TEMPERATURA
Sono orchidee amanti del caldo e di temperature elevate con minime notturno di 16-18C e con
massime di 32-34, in modo che si avr il meglio da queste stupende orchidee, temperature pi
basse rendono difficile la fioritura mentre temperature pi alte rendono la fioritura meno duratura.
ESPOSIZIONE
Tanta tantissima luce, una esposizione a sud o a ovest ottimale pi luce si riesce a dare pi bella
sar la pianta e le sue fioriture, mentre esposizioni a nord o est non danno la necessaria luce per
la sua corretta coltivazione. Nonostante le sue elevate esigenze di luce se esposta al sole senza
adeguata acclimatazione le foglie si possono scottare come con tutte le orchidee, quindi da
evitare il sole diretto del mezzogiorno ponendola in una posizione leggermente ombreggiata in
quelle ore o schermandola leggermente finch non si abituata al sole. Alcuni ibridi tollerano e
beneficeranno di pieno sole meglio di altri, come ad esempio gli ibridi di Ascocenda che preferisco
un livello di luce leggermente inferiore e da evitare il pieno sole del mezzogiorno.
ANNAFFIATURE
Dato che di solito queste orchidee sono coltivare a radici nude l'irrigazione dovrebbe essere fatta
un paio di volte al giorno durante il periodo estivo e almeno una volta ogni due giorni nel periodo
invernale. L'irrigazione pu essere fatta sia immergendo le radici in acqua che spruzzando le radici
con abbondanza di acqua assicurandosi sempre che non resti acqua nel colletto delle foglie
durante la notte o con basse temperature per evitare il marciume al colletto della foglia ed anche al
fusto della pianta. Se l'acqua troppo dura preferibile utilizzare acqua demineralizzata con
aggiunta di acqua dell'acquedotto o di una piccola dose di fertilizzante in quanto l'acqua
demineralizzata non contiene sostanze utili alla pianta, questo perch un'acqua troppo dura
potrebbe bruciare le radici nella fase di crescita
UMIDITA'
Possono essere tenute con livelli di umidit relativa tra il 50% e il 90%. Se tenute con una umidit
abbastanza elevata si pu ridurre la frequenza di irrigazione, ma con una buona ventilazione per
evitare l'insorgenza di malattie fungine, con bassa umidit invece bisogna aumentare la frequenza
di irrigazioni per evitare che e radici si disidratino.
CONCIMAZIONI
La fertilizzazione va fatta tutto l'anno essendo grosse divoratrici di fertilizzante, possibile
utilizzare sia un fertilizzante bilanciato 20.20.20 che un fertilizzante ad alto tenore di azoto almeno
una volta alla settimana. E' consigliato un fertilizzante ad alto tenore di fosforo una volta al mese
che pu migliorare le fioriture. Usare sempre una dose ridotta al 50% rispetto a quanto previsto
dall'etichetta e se si fertilizza con maggior frequenza utilizzare una dose ancora pi ridotta.
COMPOSTA
Di solito su coltivano a radici nude ed appese a dei tutori, ma possono essere coltivate anche in
vasi di adeguate dimensioni con bark molto grossolano in modo che resti molto arioso prestando
ovviamente maggior attenzione alle irrigazioni. Si trovano in vendita anche in vasi di vetro se sono
solo le radici ma la pianta fuori dal vaso si pu coltivare anche in queste condizioni, ma se il vaso
molto grosso e la pianta totalmente nel vaso si consiglia di coltivarla o a radici nude o in vaso
separato perch non essendoci circolazione di aria la pianta deperisce fino alla sua perdita.
NOTE
Di solito fioriscono tutto l'anno, ma le condizioni ambientali determinano il suo ciclo di fioritura di
conseguenza. I fiori possono variare notevolmente da grandi fiori a fiorellini, da fiori profumati a
fiori non profumati e dalle pi vari colori e tonalit
Non fioriscono abbondantemente o addirittura non fioriscono in condizioni di scarsa illuminazione,
la luce adeguata una delle chiavi per la fioritura questa orchidea oltre ad un buon regime di
fertilizzazione.
Questa orchidea pu essere coltivata all'esterno con successo, godendo della brezza leggera, ma
viene tenuto parzialmente ombreggiato nelle ore molto calde e tenuta accuratamente idratata.