Sei sulla pagina 1di 2

anno VII n° 105 - € 0.50 Martedì 11 Maggio 2010 www.tarantoggi.

it

QUOTIDIANO D’INFORMAZIONE DI TARANTO E PROVINCIA

XXXXXXXXX
Carosino E’ morto domenica a Carosino per soffocamento Sport
un bimbo di 14 mesi a causa, probabilmente, di
un rigurgito di latte. Sarà l’autopsia, disposta Stasera il Cras gioca
Un rigurgito dal pm Ida Perrone, a chiarire con certezza le gara-3 di finale scudetto.
cause del decesso. A richiamare l’attenzione dei
uccide bimbo genitori, che hanno successivamente chiesto l’in- La città si stringe intorno
di 14 mesi tervento del 118, è stata la sorellina di soli due alle ragazze del basket
anni. Nessun segno di violenza sul corpo.
a pag. a pag. 24

PER FORTUNA HANNO SUBITO CHIAMATO IL 113 - Stavano giocando in via Deledda

Bimbi trovano un mini arsenale


Nel borsone nascosto sotto terra c’era un mitra e numerose munizioni
Giocano a inseguirsi e ri-
Ambiente schiano di farsi male con un
mitra. Sembra assurdo, ma
Ecco i dati domenica sera è accaduto pro-
prio questo, al rione Tambu-
Ispra ri. In pratica, alcuni ragazzi-
ni stavano giocando a inse-
sull’Ilva guirsi nell’area boschiva del-
la collinetta ecologica di via
di Gianmario Leone Grazia Deledda, appunto al
rione Tamburi. Uno di que-
Lo scorso febbraio denunciam- sti è inciampato in una bre-
mo grazie alla segnalazione tella di un borsone, che spun-
del comitato cittadino “Taran- tava fuori dal terreno e quin-
to libera”, come nel registro di quasi del tutto nascosto.
europeo sulle emissioni degli Naturalmente, la curiosità ha
impianti industriali in Euro- preso il sopravvento e i ragaz-
pa, mancassero i dati relativi zini hanno sbirciato all’inter-
alle emissioni provenienti dal- no, dove riconoscevano un mi-
l’Ilva di Taranto. Il comitato tragliatore e numerose muni-
“Taranto libera”, ritenne op- zioni. Spaventati, gli stessi
portuno segnalare la mancan- ragazzini hanno chiamato la
za dei dati dopo aver contat- sala operativa del 113.
tato, nel mese di gennaio,
l’Agenzia europea a Bruxelles, a pag.5
la quale aveva riferito che at-
tendevano dalle autorità ita-
liane i dati relativi alle emis-
sioni prodotte dall’Ilva, nel pe-
riodo 2007-2008, per il mese
IERI IN TARDA MATTINATA - In manette pregiudicato
di marzo. A tutt’oggi però, il
registro europeo E-PRTR on-
line, ne è ancora privo. Commando di via Galeso, un fermo
segue a pag. 9
Spalluto è accusato di aver partecipato alla sparatoria
PUNTO VENDITA Nella tarda mattinata di ieri, i Carabinieri Come si ricorderà, Pasanisi venne fatto og-
del Nucleo Investigativo di Taranto, hanno getto di diversi colpi di pistola, mentre si tro-
SELEZIONA A TARANTO PERSONALE proceduto al fermo di un indiziato di delitto vava nelle immediate adiacenze di un’offici-
DA INSERIRE PER GESTIONE del 45 enne Spalluto Roberto, pregiudicato na meccanica, situata in via Galeso. In quel-
PRATICHE E ORDINI del luogo. Il provvedimento restrittivo, emesso l’occasione, gli autori erano a bordo di un’au-
(PICCOLA AMMINISTRAZIONE), dalla Procura della Repubblica presso il Tri- tovettura Lancia y 10 rubata, nel corso della
COMMESSI/E ADDETTI bunale di Taranto (firma congiunta del Dr. nottata precedente, nel comune di Statte. Al
ALLA CLIENTELA E DISTRIBUZIONE. Maurizio Carbone e del Procuratore della Re- pregiudicato Spalluto, gli investigatori con-
ANCHE STAGIONALE/PRIMO pubblica Franco Sebastio), ha permesso l’iden- testano il tentato omicidio, il furto aggrava-
IMPIEGO. SOLO FULL TIME tificazione del probabile autore del tentato to dell’autovettura e il porto e la detenzione
omicidio verificatosi alle 09,10 del giorno 22 abusiva di armi.
099.7324925 aprile 2010 ai danni di Pasanisi Michele. a pag. 3
Martedì 11 Maggio 2010
AMBIENTE 9

Ecco i dati Ispra sull’Ilva


Il siderurgico tarantino sfora tutti i valori soglia relativi alle emissioni inquinanti
Lo scorso febbraio denun- si operanti in 65 attività eco- industriale, vengono supera-
ciammo grazie alla segnala- nomiche. Vi si trovano anche ti in maniera impressionan- Il commento
zione del comitato cittadino altre informazioni, come la te dalle emissioni dell’Ilva.
“Taranto libera”, come nel quantità e il tipo di rifiuti Le soglie delle emissioni,
registro europeo sulle emis- trasferiti negli impianti pre- infatti, sono state pensate per
sioni degli impianti indu-
striali in Europa, mancasse-
posti al loro trattamento, sia
all’interno che al di fuori di
censire le sorgenti di dimen-
sioni maggiori, responsabili
Ecco chi inquina!
ro i dati relativi alle emissio- ciascun paese. (nel loro complesso a livello Numeri inquietanti, incontrovertibili. Che non la-
ni provenienti dall’Ilva di Oggi però, finalmente, europeo) di circa il 90% delle sciano spazio a dubbi su cosa realmente combina l’Ilva
Taranto. possiamo fornirvi quei dati. emissioni dell’industria euro- di Taranto, nel suo lavoro giornaliero di inquinamento
Il comitato “Taranto li- E, purtroppo, non sarà affat- pea. Questo è dunque l’obiet- e avvelenamento della nostra città. I dati ISRPA relati-
bera”, ritenne opportuno se- to una lettura piacevole. I tivo perseguito dalla vi al 2007 e al 2008, parlano chiaro: siamo di fronte ad
gnalare la mancanza dei dati oggi in nostro possesso, Commissione attraverso l’in- una marea di emissioni di vari tipi di inquinanti, dalle
dati dopo aver contattato, nel sono venuti fuori dopo un troduzione delle soglie, con- dimensioni impressionanti. E parliamo solamente di in-
mese di gennaio, l’Agenzia continuo scambio di mail tra testualmente all’istituzione quinamento dell’aria.
europea a Bruxelles, la qua- il comitato “Taranto libera” dei registri E-PRTR. Il valo- Per fortuna la matematica non è un’opinione, anche
le aveva riferito che attende- e “ISPRA” (Istituto Superio- re soglia è la capacità rela- se in questo caso avremmo tanto voluto fare un’eccezio-
vano dalle autorità italiane i re per la Protezione e la Ri- zionabile al massimo inqui- ne. E invece basta fare un piccolo e semplice raffronto,
dati relativi alle emissioni cerca Ambientale), e fornisco- namento potenziale in base per capire di cosa stiamo parlando. Dove per l’Unione
prodotte dall’Ilva, nel perio- no importanti indicazioni sui alla capacità produttiva. Europea il valore soglia dovrebbe essere 0,1 (gr/anno)
do 2007-2008, per il mese di primi dati ancora in fase di Riguardo ai criteri di di- per le diossine (PCDD) + furani (PCDF), l’Ilva risponde
marzo. validazione, ma che testimo- chiarazione (si tratta di una con un “semplice” 97. Dove per il PM10 il valore soglia
A tutt’oggi però, il regi- niano ancora una volta, se specie di autocertificazione prevede 50 (tonn./anno), l’Ilva “rilancia” con un 3.378,4!
stro europeo E-PRTR on-line, mai ce ne fosse davvero biso- da parte dell’azienda), l’obbli- Dove per il Monossido di carbonio (CO) si dovrebbe rien-
ne è ancora privo. E’ inoltre gno, del gentile “contributo” go di riportare tutte le so- trare nelle 500 (tonn./anno), “voliamo” sulle 247.544,3!
giusto ricordare come la dato dall’Ilva all’innalzamen- stanze o gruppi di sostanze Infine dove per il Biossido di carbonio (CO2) c’è un mar-
Commissione Europea e to dei livelli di inquinamen- presenti nel regolamento, gine di 100.000 (tonn./anno), l’Ilva sceglie di mostrare
l’Agenzia europea dell’am- to a livello locale, nazionale interviene solo con il supera- i muscoli ed esagerare con un inquietante 10.731.887!!!
biente, inaugurarono nello ed europeo. mento del valore soglia. I dati Ora. Tornando indietro con la mente a qualche gior-
scorso novembre, un nuovo Al momento pubblichere- mostrati nella tabella (che si no fa, esattamente a giovedì scorso quando il sindaco
registro integrato delle emis- mo solo i dati relativi all’in- riferiscono solo ad alcune so- Stefàno si poneva, attorniato dall’intera giunta, doman-
sioni e dei trasferimenti di quinamento dell’aria, ma stanze), offrono un quadro de esistenziali del tipo “chi ha inquinato in questa città?
sostanze inquinanti (E- sono in nostro possesso an- allarmante, per usare un E quanto? Ci sono stati dei ritardi”, possiamo finalmen-
PRTR). che quelli relativi all’inqui- eufemismo, sul quantitativo te dire di avere una risposta. Parziale certo (se immagi-
Il registro contiene infor- namento dell’acqua, che for- di sostanze inquinanti river- niamo “l’aiuto” che Eni, Cementir e inceneritore danno
mazioni sulle emissioni di niremo nei prossimi giorni. sate in aria da Ilva stabili- all’Ilva vengono i brividi”), ma indiscutibile.
sostanze inquinanti nel- Dunque, analizzando la mento di Taranto. Da oggi in poi, nessuno potrà più usare frasi del tipo
l’aria, nell’acqua e nel suolo, tabella dei dati, possiamo Nel corso della raccolta “non sapevo, non credevo”, scegliendo di restare in un
rilasciate dai complessi indu- notare ad occhio nudo, come delle informazioni, “Taranto limbo dove l’unica cosa certa, è che Taranto continua
striali in tutta Europa, a pre- i valori soglia, che ricordia- libera” ha anche contestato ad essere avvelenata e i tarantini continuano a morire.
scindere dalla loro attività e mo rappresentano il “filtro” all’ISPRA l’assenza nel nuo- E speriamo tanto che anche il presidente della Regione
grandezza. Vi figurano i dati stabilito a livello europeo per vo regolamento, del riferi- Nichi Vendola, che tanto ha osannato nell’ultimo anno
annuali relativi a 91 sostan- raccogliere i contributi più mento dei quantitativi di la sua famosa “legge anti-diossina”, grazie alla quale ha
ze e ad oltre 24.000 comples- rilevanti all’inquinamento benzo(a)pirene e di cromoVI, anche vinto le ultime elezioni, possa rendersi conto che
qui a Taranto, siamo al di fuori di ogni logica di finta
“eco-compatibilità” industriale o di qualsivoglia altro “ag-
giustamento, ammodernamento” degli impianti.
Questi numeri così freddi, ma che hanno la forza di
parlare molto più chiaramente della nostra classe poli-
tica e non solo, ci dicono ancora una cosa: che da oggi,
qualora continueremo a percorrere la strada dell’impu-
nità e della negligenza, saremo tutti colpevoli, tutti con-
niventi. Nessuno escluso.
Signori, diamoci una mossa. Questa è Taranto!

Gianmario Leone
gianmario.leone@live.it

previsti invece nella dichia- nirlo, l’abbassamento dei


razione INES (allegato al valori soglia relativi a dios-
DM 23.11.2001) successiva- sine e furani (complessivi) e
mente sostituita dal Regola- PCB, che sono stati ridotti
mento (CE) n.166/2006. (da 1 a 0.1 g/anno) e questo è
Di fronte a tale constata- invece un aspetto positivo,
zione, l’ISPRA ha semplice- un miglioramento rispetto al
mente risposto che “La ri- precedente registro.
chiesta dei dati relativi al Alla luce dei dati forniti,
benzo(a)pirene era prevista “Taranto libera” “invita le
come eventuale informazio- istituzioni e la magistratu-
ne aggiuntiva che il gestore ra ad assumere una posizio-
comunicava nelle note”. ne ben piu’ netta e rigorosa
Questa risposta lascia al- nei confronti delle aziende
quanto stupiti, visto che pro- presenti sul nostro territo-
prio sullo sforamento dei li- rio. I cittadini, le associazio-
velli di benzo(a)pirene, negli ni e i comitati non tollerano
ultimi tempi si è fatto un piu’ posizioni blande e chie-
gran parlare anche in toni dono alla Pubblica Ammini-
allarmistici, a partire tra l’al- strazione di procedere im-
tro da Arpa Puglia, per pro- mediatamente ad una quan-
seguire con le denunce allar- tificazione del danno subito
mistiche di altre associazio- dall’intera città”. Come dar-
ni ambientaliste tarantine . gli torto?
In tutto questo, c’è alme-
no da guardare con ottimi- Gianmario Leone
Ecco i dati ISPRA sulle emissioni inquinanti dell’Ilva smo, se così possiamo defi- gianmario.leone@live.it