Sei sulla pagina 1di 55

Caprarola un comune posto a 520 m s.l.m.

in provincia
di Viterbo. Per raggiungerlo da Roma, si consiglia di
imboccare la Cassia (SS 2) o la Cassia bis (SS 2 bis o Cassia
Veientana) in direzione Viterbo. Contando la distanza a
partire dal Grande Raccordo Anulare, dopo circa 30 km si
giunge a un grande incrocio; qui occorre svoltare a destra
per Nepi Civita Castellana. Dopo 1,5 km, al bivio
girare a sinistra per Ronciglione. Dopo ulteriori 4 km,
girare a destra e proseguire fino a Caprarola.
Questo comune famoso per il maestoso Palazzo Farnese
da cui sovrastato. Rinomate sono anche le sue nocciole
e i dolci che con queste si producono.

Vista complessiva del centro di Caprarola.


Sulla sinistra della foto, in posizione dominante,
parzialmente visibile il Palazzo Farnese

La strada principale di Caprarola, lantica Via Diritta (oggi Via Filippo


Nicolai), osservata dalla terrazza del Palazzo Farnese

La costruzione del Palazzo Farnese di Caprarola fu avviata nel 1530 dal


cardinale Alessandro Farnese, che incaric larchitetto Antonio da Sangallo il
Giovane. Pi che di un palazzo, loriginario progetto fu quello di una fortezza
a base pentagonale, dotata di torrioni e circondata da un profondo fossato.
Nel 1534 Alessandro Farnese fu eletto papa col nome di Paolo III, e gi questo
fatto probabilmente rallent la prosecuzione dei lavori, che vennero
sicuramente sospesi, quando era ancora stato costruito solo il primo piano, in
seguito alla morte di Antonio da Sangallo, avvenuta nel 1546.
Nel 1559 il cardinale Alessandro Farnese, omonimo di suo nonno (cio di papa
Paolo III), riprese lesecuzione dei lavori, commissionandoli allarchitetto
Jacopo Barozzi, detto Il Vignola (dal nome della sua citt natale, in provincia
di Modena). Questultimo, con una geniale soluzione, sfrutt la base della
fortezza gi costruita, e con gli opportuni adattamenti e integrazioni la
trasform in un palazzo. Al preesistente primo piano vennero aggiunti altri
tre piani, per complessivi quattro piani sopraelevati, oltre a un piano
sotterraneo.

I Sotterranei erano adibiti per lo pi a cucine, forni, mulino, magazzini e


dispense;
al di sopra dei Sotterranei vi il Piano dei Prelati, cui si accede attraverso il
portone principale;
dal Piano dei Prelati, per mezzo della Scala Regia, si sale al Piano Nobile, che
quello pi interessante dal punto di vista artistico. Gli ambienti di questo piano
si dividono in sale di rappresentanza e appartamenti privati. La Scala Regia,
capolavoro del Vignola, ha una forma elicoidale, sorretta da 30 colonne in
peperino ed completamente affrescata. Pare che il cardinale la percorresse col
suo cavallo per non affaticarsi;
pi in alto ancora si trovano il Piano dei Cavalieri e il Piano degli Staffieri.
Questi ultimi due piani non hanno nulla di artistico, e da ci si desume che
fossero utilizzati dal personale di corte.
Al centro del palazzo si trova un elegante cortile circolare, composto da due
caratteristici porticati sovrapposti completamente affrescati.
La costruzione del palazzo termin nel 1575, due anni dopo la morte del
Vignola.
Annesso al palazzo, i Farnese fecero realizzare un meraviglioso parco, dotato di
stupende fontane e incantevoli giardini allitaliana. La domenica e i festivi il
parco non visitabile. Il costo del biglietto intero di 5 euro. Per informazioni,
telefonare al n 0761/646052.

Limponente mole del Palazzo Farnese

Cortile circolare

Piano dei Prelati Soffitto della Sala della


Primavera - affreschi di Taddeo Zuccari

Piano dei Prelati Soffitto della Sala dellEstate affreschi di Taddeo Zuccari

Scala Regia

Piano Nobile
Sale di rappresentanza

Sala di Ercole - affreschi di Federico


Zuccari (fratello di Taddeo)

Soffitto della Cappella - affreschi di Federico Zuccari

Sala dei Fasti Farnesiani - affreschi di Taddeo Zuccari

Sala dei Fasti Farnesiani Paolo III riceve Carlo V dopo la battaglia di Tunisi

Sala dei Fasti Farnesiani Paolo III riconcilia Francesco I e Carlo V

Sala dei Fasti Farnesiani Francesco I riceve a Parigi Carlo V e il cardinale


Alessandro Farnese

Anticamera del Concilio Paolo III inaugura il


Concilio di Trento - affresco di Taddeo Zuccari

Sala degli Angeli Apparizione di san Michele Arcangelo sulla Mole Adriana affresco di Raffaellino Motta, detto Raffaellino da Reggio

Sala degli Angeli Gedeone e lAngelo - Affresco di Raffaellino da Reggio e


Giovanni De Vecchi

Soffitto della Sala degli Angeli La caduta degli angeli ribelli - affresco
attribuito a Jacopo Zanguidi, detto il Bertoja

Sala del Mappamondo Affreschi eseguiti da Giovanni Antonio da Varese,


Giovanni De Vecchi e Raffaellino da Reggio. Non vi compare lOceania,
perch allepoca non era ancora stata scoperta.

Volta dello Zodiaco, nella Sala del Mappamondo

Piano Nobile
Appartamenti privati

Soffitto della Sala dellAurora Affreschi di Taddeo Zuccari.


Era la camera da letto estiva del cardinale (perch esposta a nord)

Soffitto della Sala dei Sogni Affreschi del Bertoja. Era la camera da
letto invernale del cardinale (perch esposta a ovest)

Soffitto della Sala dei Giudizi Il giudizio di Salomone - Affresco


del Bertoja

Camera della Solitudine Era lo studio del cardinale

Particolare del soffitto in legno della Camera del Torrione

Il Parco

Giardini Bassi

Il percorso che conduce ai Giardini Alti

Giardini Alti

Le foto inserite in questa guida sono state scattate in parte nel mese
di ottobre 2011 e in parte nel mese di aprile 2012.
Per la redazione dei testi sono stati consultati lopera intitolata
LAZIO una regione da scoprire vol. 1, autori vari, supplemento del
quotidiano Il Messaggero, e i seguenti siti internet:
http://www.caprarola.org/origini-di-caprarola/palazzo-farnese-di-caprarola/
http://www.caprarola.com/palazzo-farnese.html
http://www.canino.info/inserti/monografie/i_farnese/caprarola/index.htm

Sebastiano Inturri maggio 2012