Sei sulla pagina 1di 2

La pennellata densa di colore e sinuosa

disegna le forme come un flusso carezzevole


senza temere lerrore descrittivo purch sia
vitale, e la logica della pittura dica la sua
deformando liberamente gli oggetti.

GUIDO SACERDOTI
Via Carlo de Cesare,60 - Napoli

La vita delle forme

Mercoled 4 maggio 2016


Info. 081403310
www.mediterranea-arte.com
lamediterraneaarte@virgilio.it
www.guidosacerdoti.it

Vernissage ore 18.00

Nella forza dei ritratti come nella


"ossessione vegetale" dei paesaggi, nella
contorsione di rami e tronchi attraversa
la deformazione espressionistica. Uno
spiccato talento pittorico, nel creare
armonie sulla tela dentro una trama di
tensioni e complessit. "Gli accostamenti
casuali sono un'eco del surrealismo, la
scritta incerta un'eco del cubismo, o della
pop art, ma tutto fuso dal gesto sulla tela e
nella composizione mutuato da Carlo Levi".

Guido Sacerdoti
(Napoli 1944 2013)

Guido era un gran narratore, e credo che molti


dei soggetti ritratti abbiano potuto godere delle
sue storie mentre posavano. Ma lo stesso
pittore trae vantaggio dal conversare, proprio
perch lo distrae dal controllo della pittura e
libera invece dal pre-giudizio le sue percezioni
della persona che gli sta di fronte, sollecitata
nella conversazione a scoprire i suoi diversi
strati e aspetti, pi spontanei e meno atteggiati.

Guido era un uomo di molti talenti.


Pittore, medico di grande competenza
scientifica e di cultura umanistica e
psicoanalitica, scrittore, musicista
dilettante, atleta, scacchista (anche qui
rinunciai a competere con lui), e attivo
nella politica della sinistra e in campo
ebraico.

Una pittura che intende con il colore espressivo


attraversare le forme della natura, come i volti,
includere gli oggetti della vita quotidiana, talora
lonirico, ora in una composizione armonica di
forme e di sguardi, "quali cose preziose su cui
fare puntello". Materia pittorica in cui organico
e inorganico si fondono, tele senza
confini:senza remore, a pennellate vibranti,
coraggiose e materiche provenienti
dallinesauribile vena post-impressionista della
migliore pittura europea".