Sei sulla pagina 1di 5

Samuelson e lottimo paretiano in un mondo con beni pubblici

Materiali per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2010-11

Abbiamo visto nella prima lezione che la condizione di efficienza


(OTTIMO PARETIANO) in un mondo in cui vi sono solo beni privati, che
in base al primo teorema automaticamente soddisfatta da un equilibrio
concorrenziale, che il tasso marginale di trasformazione sia uguale ai
tassi marginali di sostituzione per ogni coppia di beni per tutti i soggetti.

Come si modifica tale condizione in un mondo in cui vi sono anche beni


pubblici?
La risposta a questa domanda fu fornita in uno scritto importante,
esemplare per rigore e concisione, da P. Samuelson nel 1954.
Il grande studioso individu la condizione di efficienza nelluguaglianza
tra SMTG,Y= SMSjG,Y(j=1,2n) .
Samuelson, nellanno successivo, ne diede una dimostrazione grafica,
molto semplice, che qui riprendiamo.
Abbiamo supposto un mondo in cui vi siano due soggetti (1,2), e due beni
G, Y di cui il bene G un bene pubblico puro.
Nel grafico 1 abbiamo riportato nella parte superiore la frontiera della
produzione tra i due beni, che esprime come sappiamo le combinazione dei
due beni che rispettano il requisito della pareto ottimalit nella produzione.
Abbiamo poi riportato una curva di indifferenza del sogetto 1, che
individua le combinazioni dei due beni che gli assicurano un livello di
utilit pari a U*1.

Tale livello di utilit esprime un ipotetico livello, arbitrariamente scelto a


piacere, tra gli infiniti livelli possibili.
Abbiamo disegnato nella parte inferiore, per differenza tra le due curve
suddette, le combinazioni tra i due beni disponibili per il secondo soggetto
(2), compatibili con le due ipotesi prima individuate, e cio quella di
limitare le combinazioni prodotte tra i due beni a quelle pareto efficienti e
quelle di assicurare la utilit U*1 al primo soggetto.
E chiaro che quelle combinazioni si ottengono come differenza delle due
curve indicate nella parte superiore del grafico. Chiamiamo quelle
combinazioni curva delle possibilit residue per il soggetto 2. Essa
risulter crescente, fino al punto in cui massima la distanza tra le due
curve indicate nella parte superiore, poi decrescente, quando tale distanza
si annulla. Lannullamento di tale distanza implica che necessario
attribuire tutto il bene privato prodotto al primo soggetto, se gli si vuole
attribuire unutilit pari a U*1, per cui al secondo soggetto residuer solo il
consumo del bene pubblico, che per ipotesi (ossia per definizione di bene
pubblico) uguale per entrambi.
Di tutte quelle combinazioni sulla curva delle possibilit residue, un
ipotetico programmatore centrale che voglia realizzare una situazione di
ottimo paretiano, dovr scegliere quella in cui massima lutilit del
secondo soggetto. Si tratter infatti di una combinazione che per una data
utilit attribuita al primo soggetto, massimizza lutilit del secondo,
rispettando al contempo la pareto ottimalit nella produzione.
La combinazione ottimale per il soggetto 2 risulta allora pari a B, in cui il
secondo soggetto ottiene

la quantit G* di bene pubblico (uguale a quella consumata dal primo


individuo) e la quantit Y*2 di bene privato.
La quantit di bene privato

che si combina con la quantit G* per

rispettare la pareto ottimalit nella produzione Y*, come si vede dal


grafico superiore osservando le coordinate della frontiera di produzione.

Al primo soggetto verr attribuita una quantit Y*1 del bene Y (dove Y*1
+ Y*2 = Y*). La combinazione ottimale stata trovata cercando la curva
di indifferenza pi elevata che il soggetto 2 riesce a raggiungere per una
data utilit del soggetto 1, quella combinazione in cui la pendenza della
curva delle possibilit residue per 2 uguale alla pendenza della curva di
indifferenza pi elevata raggiungibile, quella tangente in B alla curva R.
Dal momento che la curva R stata ottenuta per differenza tra la frontiera
di produzione e la curva del livello di utilit attibuta al soggetto 1, la sua
pendenza sar uguale alla differenza delle pendenze delle due curve. Ma
ci vuol dire che nel punto B vale luguaglianza:
SMSG,Y2 (pendenza curva di indifferenza soggetto 2) =
= SMTGY - SMSG,Y1
Quindi la condizione SMSG,Y1 +SMSG,Y2 = SMTGY

Grafico 1 Ottima combinazione tra bene pubblico e bene privato e


loro distribuzione tra i due soggetti ai fini di ottenere un ottimo
paretiano

Z
Y*

A
A

Y* 1

U*1
O
O

G*

B
U*2

Y* 2

G*

Il punto che abbiamo ottenuto caratterizzato dalle combinazioni Z,A,B, solo una
delle combinazioni pareto efficiente. Labbiamo ottenuta ipotizzando l ipotetico
valore U*1 dellutilit da attribuire al soggetto 1. Se supponiamo di modifiacare quel
valore, otterremo con un analogo ragionamento una nuova terna Z,A,B, che
esprime la combinazione tra i dui prodotti e la loro distribuzione tra i due soggetti
compatibili con le condizioni di efficienza paretiana.
Ripetendo lesercizio n volte siamo in grado di descrivere una nuova frontiera del
benessere che esprime la massima utilit che pu ottenere il soggetto 2 per ogni data
utilit del soggetto 1, cio tutti i punti pareto efficienti.

Grafico 2: Frontiera del benessere

U2
K

U1

Solo se disponessimo di un funzione del benessere sociale (FBS) potremmo scegliere


tra questi punti il punto di Ottimo sociale, che ad esempio, nel caso della FBS
indicata in figura (di cui si riporta un isoquanto) coincide con il punto K.