Sei sulla pagina 1di 30

aicap

Associazione Italiana Calcestruzzo Armato e Precompresso

Consiglio Superiore dei LL.PP.


Facolt di Ingegneria della Universit degli Studi di Bologna

Bologna
13 Marzo 2008

LE STRUTTURE DI CALCESTRUZZO:
DALLEUROCODICE 2 ALLE NORME TECNICHE

EFFETTI DEL 2 ORDINE IN PRESENZA


DI CARICO ASSIALE
Franco MOLA, Sara CATTANEO, Francesca GIUSSANI
Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Strutturale

ANALISI STRUTTURALE IN PRESENZA DI FENOMENI


DEL 2 ORDINE
DEFINIZIONI

Elementi o sistemi controventati


Elementi o sistemi controventanti
Elementi isolati
Lunghezza effettiva
Momenti nominali di secondo ordine

ANALISI STRUTTURALE IN PRESENZA DI FENOMENI


DEL 2 ORDINE
PRINCIPI
Analisi generale includente gli effetti legati a:
Non linearit meccanica
Non linearit geometrica
Imperfezioni
Interazione con strutture adiacenti
GLI EFFETTI DI SECONDO ORDINE
POSSONO ESSERE TRASCURATI SE
INFERIORI DEL 10% DEI
CORRISPONDENTI DI PRIMO ORDINE

Criteri semplificati per stimare la sensibilit agli


effetti del secondo ordine di elementi isolati
Valore limite per la snellezza

NTC

A 1 1 0.2 ef
B 1 2

C
lim 20A B
n
C
lim 15.4
n

(A=0.7)

Asfyd (Acfcd )

(B=1.1)

C 1.7 rm rm M01 M02 M 02 M 01


n NEd Acfcd

(C=0.7)

SNELLEZZA PER ELEMENTI ISOLATI

k1
k2
l0 0.5l 1
1

0.45 k1
0.45 k2

l0 l max

10k1k2
k1
k2
1
; 1
1
k1 k2
1 k1
1 k2

EFFETTI GLOBALI NEGLI EDIFICI

EI
l0
NB

ns EcdIc
FV,Ed k1
2
ns 1.6 L

EFFETTI DELLA VISCOSITA

ef ,t0

M0Eqp
M0Ed

,t0 2
75
M0Ed
h
NEd

I METODI DI MISURA DELLA SICUREZZA


Metodo Generale (GM)
(Analisi in presenza di non linearit geometrica e
meccanica)
- NTC: Analisi non lineare
Metodo della Rigidezza Nominale (RN)
(Metodo P-D,valutazione dei fattori di amplificazione
degli effetti di primo ordine secondo il metodo della
colonna modello migliorato)
- NTC: Analisi elastica lineare
Metodo della Curvatura Nominale (CN)
(Metodo del momento complementare)
- NTC: Determinazione della curvatura attraverso limposizione
dellequilibrio in sezioni predeterminate (i.e. Metodo della
Colonna Modello)

IL METODO GENERALE
Non linearit meccanica e geometrica
Nella legge s-e del calcestruzzo il parametro k deve valutarsi in
corrispondenza a fcd ed Ecd=Ecm/(gce=1.2)
Amplificazione delle deformazioni istantanee con (1+ef)
Non considerazione del contributo irrigidente del calcestruzzo teso
P
e0

(2)

(1) Crisi per instabilit

(1)

(2) Crisi per collasso sezionale

vb
v

vu vbu

IL METODO DELLA RIGIDEZZA NOMINALE


Non linearit geometrica
Non linearit meccanica: stima della distribuzione delle
rigidezze flessionali

EI K cEcdIc K sEsIs
s 2%

1% s 2%

Ks 1

Ks 0

k1k2
Kc
1 ef

0,3
Kc
1 0,5ef

f
k1 ck [MPa]
20

NTC

0.2
170
0.30 n 0.20

k2

0.3
EI
EcdIc
1 0.5

IL METODO DELLA RIGIDEZZA NOMINALE


Non linearit geometrica: metodi generali o approssimati

kl2
4 l2
P a1 a2 P
M1 P M M1 2
M M1
EI
EI


M M1 1

a2

k 4
2

a1 sinusoidale

M1
1
v

a1

Confronto fra le sollecitazioni agenti e quelle resistenti

IL METODO DELLA RIGIDEZZA NOMINALE

PE=2EI/4l2

EI K cEcdIc K sEsIs

M [kN m]

M=MI/(1-)
=P/PE
MI=Pe0
PU

PE

PU *

e0

N [kN]

IL METODO DELLA CURVATURA NOMINALE


Elementi singoli, forza normale costante, lunghezza di libera
inflessione definita

Confronto fra il momento agente e quello resistente ultimo


M02

MEd M0Ed M2

M0e 0,6M02 0,4M01 0,4M02

02

M01
M01

Momento complementare

M2 NEd e2

1 l02
e2
r c

IL METODO DELLA CURVATURA NOMINALE


Stima della curvatura nella sezione critica

1
1
K rK
r
r0

Kr

nu n

nu nbal

NEd
n
fcdAc
nu 1
nbal 0,4

K 1 ef 1
yd
1

r0 0.45d

0,35

fck

200 150

IL METODO DELLA CURVATURA NOMINALE


N=NEd

M [kNm]

MI

MI=M-MII

MI

2
1 l0
M 2 N Ed 2
r

1/rU

MII
1/r

MU

1/r [1/m]
(1/r0)* 1/r0

Curvatura di equilibrio (MC)

2
1 l0
M2 N 2
r

Curvatura nominale (CM)

M [kN m]

MI
MII
N=NEd

N [kN]

IL METODO DELLA COLONNA MODELLO


Gli spostamenti laterali sono descritti da curve predeterminate
Il momento esterno del I ordine massimo alla base della colonna
La sezione trasversale costante (calcestruzzo e acciaio)
Il carico assiale applicato in sommit

v(z)=v[1-cos(z/2L)]
M int (v(0))= M 0 +HL+Nv
M int (v(0))= (4L2 /2 )Nv(0)+M 0 +HL
M int (1/r)= (4L2 /2 )N(1/r)+M 0 +HL

ESEMPIO 1 Controllo della snellezza


Pd

(EI)b
h
l

Pd

(EI)b
h

(EI)c

(a)

(EI)c

Pd

l
(d)

Pd

(EI)c

(EI)c

(c)

(b)

(EI)b
h

Pd

(EI)b
h

450
450

(EI)c

(e)

(4+4)20
50

50

fck = 35 MPa
fyk = 450 MPa
ef = 2
= 0.2446
Pd = 1.5 MN
(EI)b/(EI)c=2/3
h/l = 1.20
l=6m

rm=-1/2 , C=2.2 (caso (a)) ,

k1=[h/3(EI)b][(EI)c/l]=0.6 ,

k2=0

rm=-1/2 , C=2.2 (caso (b)) ,

k1=

k2=0

rm=0

C=1.7 (caso (c)) ,

k1=

k2=

rm=1

C=0.7 (caso (d)) ,

k1=0.6

k2=0

rm=1

C=0.7 (caso (e)) ,

k1=

k2=0

200.714
1.22 2.2

lim
62.76
0.373
15.42.2
NTC

55.47
lim
0.373
12
0.6
0.56
1
28.95
lim
0.45
0.45 0.6
200.714
1.22 2.2

lim
62.76
0.373
15.42.2
NTC

55.47
lim
0.373
12
0.76
32.33
lim
0.45
200.714
1.22 1.7

lim
48.49
0.373
15.41.7
NTC

42.87
lim
0.373
12
6
46.18 lim
0.45

Pd

(EI)b
h

(EI)c

l
(a)

Pd

(EI)b
h
l

(EI)c

(b)

Pd

(EI)b
h
l
(c)

(EI) c

200.714
1.22 0.7

lim
19.97
0.373

NTC
lim

15.40.7

17.65
0.373

12
6
max
0.45

10k1 k2
1
k1 k2

(d)

0.6
; 1
1.6

63.51
lim

Pd

200.714
1.22 0.7

lim
19.97
0.373
NTC
lim

15.40.7
17.65
0.373

12
62
92.38
lim
0.45

Pd

(EI)b
h

l
(e)

(EI)c

(EI)c

ESEMPIO 2 Misura della sicurezza allo stato limite di


instabilit, applicazione dei metodi RN e CN

l = 12000 mm

Pd

Fd
e0

e0 = 400 mm

70

fck = 40 MPa

fcd = 22.67 MPa

70

fyk = 450 MPa


fsd = 391 MPa

(10+10)24

euk = 75
ef = 2.5
Pd = 1 MN
Fd = 40 kN
Ecm = 35 GPa

ESEMPIO 2 - Metodo RN, analisi strutturale


EI=0.0254EcdIc+1EsIs=17.751013 Nmm2

Pd

Fd

NB = 3.04 MN
= 0.33

e0

M Ed Pd e 0 1 P Fd l 1 F
1-
1-

MEd = 1321 kNm


NTC

EI=0.13EcdIc=7.781013 Nmm2

NB=1.33 MN

70
5

MEd=Pde0[1/cos(l)]+FdL[tg(l)/l]

70

= 0.752
l = /2 0.752 = 1.36
cos(l) = 0.209

(10+10)24

MEd = 3563 kNm

tg(l) = 4.673

ESEMPIO 2 - Metodo CN, analisi strutturale

Pd

Fd

= 0.318
nu = 1.318

e0

Kr = 1.338 > 1

essendo Kr > 1, si assume Kr = 1.


= 0.243
K = 0.39
essendo K < 1, si assume K = 1.

70
1/r = 1/r0 =eyd/(0.45d)= 6.6910-6 mm-1

5
70

e2 = 4l2/2

(1/r0) = 390.44 mm

MEd = MI + P

(10+10)24

e2

MEd = 1270 kNm

ESEMPIO 2 Analisi sezionale

70
c = cu

As=45.2

cm 2

70
As =45 .2 cm 2

s
yn

s = -1.70
s = 19.94
= yn/h = 0.139
N = -1 MN
MR = 1374 kNm
MEd (RN) = 1321 kNm
MEd (NTC) = 3563 kNm

cu

MEd (CN) = 1270 kNm

ESEMPIO 2 - Metodo della Colonna Modello

ESEMPIO 3 - Progetto di una colonna

Pd

Fd
e0
l
z

l = 20210 mm

fck = 40 MPa

Pd = -1450 kN

fcd = 22.67 MPa

e0 = 200 mm

fyk = 450 MPa

Fd = 20 kN

ef = 1.5

d = 50 mm

CONDIZIONE DI PROGETTO
l=140 ; n=-0.08

=2l 12/h=140
n = Pd/(fcdbh)

h=1000 mm

50

50

800

b = 800 mm

As=As

y
1000
x

As

CONFRONTO TRA I METODI


Calcolo della forza orizzontale massima
-METODO RN

M1P 1450 200


e 2 M 2 N Ed

290 kNm

1000
814 mm

e0

814
M 2 P e 2 1450
RN
Fmax

1000
1994 290 1181

-METODO CN
e 2 749 mm
CN
CN
M Ed Fmax
l P e0 e 2 Fmax
l 1450

CN
Fmax

1994 1376

-METODO NTC

20.21

1181 kNm
20.21

25.88 kN

749
200

1000

CN
Fmax
l 1376

30.58 kN

0.656 1 1- 2.91

M P1 M F1 2.91 M Rd
1994 1.45 200
FNTC
max

Pd

Fd

20.21 2.91

19.56 kN

CONFRONTO CON IL METODO GENERALE E IL METODO DELLA


COLONNA MODELLO
Fu (kN)

e2 (mm)

M2+MIP
(kNm)

ME,d (kNm)

CN

30.58

749

1376

1994= Mu

RN

25.88

814

1471

1994= Mu

MC

40.00

490

1000

1808<Mu

NTC

19.56

900

1597

1994=Mu

46.50

419

897

1837< Mu

= 4 6 .5 k N

(G M )
m ax

40

30

20

F [k N ]

GM

50

(C N )
m ax

(R N )
m ax

(M C )
m ax =

40 kN

= 3 0 .5 8 k N

= 2 5 .8 8 k N

e0

P
l
e0
fck
fyk

10

0
A s

=
=
=
=
=

S E Z . A -A

1450 kN
20210 m m
200 m m
40 M Pa
450 M Pa

50

50

l
A

A s

800

-1 0

A s = 3780 m m 2
s = 0 .0 8 1 5

1000

-2 0
0

100

200

300
a [m m ]

400

500

600

CONFRONTO TRA I METODI DI ANALISI


Criterio di equivalenza

M1
1

Metodo della Rigidezza Nominale

M2

Metodo della Curvatura Nominale

l2 1
M 2 N Ed 4 2
r0

l2 1
M1
NEd 4 2
1
r0

M2 (RN) M2 (CN)

NEd
r2
EcAc 4l2

nfcd 2
2
Ec

M0 EcIc / r0 EcIc yd / (0.45d)

nfcd 2
M1

M0
10Ec

CONFRONTO TRA I METODI DI ANALISI


Metodo della Rigidezza Nominale

Metodo della Curvatura Nominale

M=MI/(1-) M=P(e0+e2)
MI=Pe0

MI=Pe0
N

PU P E

P U*

e0
(e0+e2)

P U*

PU

-N

ESEMPIO 2 - NTC, analisi elastica lineare


l0 = 2l = 24000 mm

Pd

Fd

r = 202.07 mm
l = 119

e0

n = 0.09
Ecd = 29.167 GPa

Es = 200 GPa

= ef = 2.5
EI=0.3/(1+0.52.5)291677004/12=7.781013 Nmm2
NB=[27.781013/(4120002)]10-6=1.33 MN

MEd=Pde0[1/cos(l)]+FdL[tg(l)/l]

70
5

= NEd/NB = 1/1.33 = 0.752

70
(10+10)24

l = /2 0.752 = 1.36
cos(l) = 0.209

tg(l) = 4.673

MEd=[400106(1/0.209)+4012106(4.673/1.36)]10-6
MEd = 3563 kNm