Sei sulla pagina 1di 6
Al Ministro della Giustizia Al Capo del Dipartimento A.P. Roma Al Direttore Ufficio Personale Pol, Pen. DAP Roma Al Prowveditorato- Firenze e, per conoscenza Al Direttore 0.P,G, Montelupo F.no Alle OO.SS. Comparto Sicurezza ¢ Ministero Agli Organi di stampa IL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO L’0.P.G, DI MONTELUPO FIORENTINO E’ STANCO DI CONTINUARE A VIVERE IN UN LIMBO CHE NON HA FINE Ci rivolgiamo alle SS.LL, con l’auspicio che gli organi di stampa diffondano la nostra situazione, perché noi tutti, lavoratori in servizio presso 1’0.P.G. di Montelupo Fiorentino, a distanza di un anno dalla definitiva chiusura dell’O.P.G., ancora non sappiamo quale sara il nostro prossimo futuro, Chiusura dell?O.P.G. che non necessariamente vuol dire chiusura della struttura che, anzi, fino a qualche anno fa sembrava essere destinata ad altro tipo di Istituto penitenziario ¢, pertanto, negli ultimi anni, sono stati spesi milioni di euro per la ristrutturazione delle zone detentive. Perd...il termine esatto é proprio “SEMBRAVA”...cosi come “sembra” che invece si dovrebbe chiudere definitivamente...”sembra” che il personale (almeno quello dell’ Amministrazione penitenziaria) verra collocato in ambito regionale ma “sembra” che non siano stati decisi i criteri di un’eventuale mobilita...”sembra” che altri lavoratori dell’indotto perderanno il posto di lavoro...”sembra” che manchino pochi mesi per il totale trasferimento degli internati a tutt?oggi presenti in questa struttura, Parallelamente, perd, e queste sono CERTEZZE: - il personale di polizia penitenziaria é diminuito negli ultimi anni in modo vertiginoso (pensionamenti etc.), senza alcun turn-over; il personale & “anziano” (quasi tutti cinquantenni o prossimi al compimento del 50* anno di eta e una media di almeno 20 anni di servizio) - L’Amministrazione ci ritiene “istituto in via di chiusura”, non tenendo conto che la sicurezza va mantenuta e le attivita garantite, con la-conseguenza che le poche unita rimaste in servizio devono garantire comunque tutti i servizi finora attivi, i turni necessari, le attivita quotidiane per garantire i diritti degli internati e dei dipendenti (matricola, conti correnti, ufficio servizi, segreteria, ragioneria...siamo ancora tutti qui...cosi come le portinerie, gli accessi vari, i colleghi ai piani, alla cucina detenuti, ai colloqui)...ma_ forse...siamo FANTASMI? L’Amministrazione, perd, ci manda, insieme con i colleghi degli altri istituti, a fare corsi sulla comunicazione, sul benessere...ma con noi nessuno comunica...nessuno comprende in quale stato di frustrazione stiamo vivendo ormai da tempo...altro che benessere! Non siamo rassegnati, chiediamo che questo Istituto, visti tutti i soldi pubblici spesi (8 milioni di euro!!!) venga convertito in altro tipo di Istituto penitenziario, Se sara o non sara cost COMUNQUE vogliamo delle date, delle scadenze, delle indicazioni circa il nostro futuro. Oltre ad essere lavoratori siamo individui “pensanti” (mah! Forse mai nessuno ci aveva pensato!) siamo mogli e mariti, madri ¢ padi con i loro impegni ¢ le proprie difficolta quotidiane, siamo esseri umani che finora hanno continuato e continueranno, nonostante tutto, a lavorare con la stessa professionalita e spirito del dovere che ci ha contraddistinto per anni. Continueremo a presentarci tutti i giorni puntualmente in servizio, senza sapere cosa accadra Pindomani, senza sapere se varcheremo la porta di ingresso per un’altra settimana, un altro mese o un altro anno, Ma lasciateci almeno dire che le istituzioni non ci trattano né come lavoratori né come cittadini né come esseri umani... Lasciateci dire che siamo stanchi di vivere di ..se..di ma..di forse..di sembra...pud darsi...ed & troppo riduttivo, troppo semplicistico dire che, almeno per il personale dell’amministrazione penitenziaria ”tanto il lavoro non si perde” Quasi tutti abbiamo comprato casa nel comune di Montelupo o comuni limitrofi; in tanti ci spostiamo a piedi o in bicicletta, i nostri coniugi e i nostri figli si sono stabiliti, ovviamente, negli stessi comuni. Spostarsi in un’altra citté inciderebbe anche a livello economico...pud voler dire avere la necessita di comprare un’auto © cambiare casa o scuola per i figli o palestra o quant’altro ruota intorno ad una persona...ma a noi é negato fare progetti, siamo limitati nelle nostre scelte...evitiamo di affrontare una spesa perche non sappiamo se e quando, forse, sembra, chissa...dovremmo affrontarne un’altra...allora visto che sembra, forse, chissa.,..potremmo accettare quell’offerta e vendere la casa...ma....e se poi, invece, chiss’ ...passa ancora tempo...c se poi, invece, ’istituto viene convertito...¢ ci risuonano incessantemente i se i ma i forse i sembra i chissa... Ecco...chiediamo che le nostre voci vengano ascoltate e che quanto prima gli uffici superiori ci diano delle certezze. Montelupo F.no, 04.03.16 Ass... Yeortan Shou * Comm. C. wa Uieerwour Roe Ds Ure rant bog Personale COMPARTO MINISTERI Personale SANITARIO Vr Rll Ce, Me, ~boflooe Aik. Sehee Toll IM Fierce AA owen, euces Personale DELLINDOTTO