Sei sulla pagina 1di 1

Le citt portuali hanno attraversato periodi di modelli di sviluppo diversi, dallindustria

manufatturiera con lo scopo della minimizzazzione del costo di trasporto delle singole
materie prime ad un modello globalizzato che ha saputo trasformare i porti in hub
come nodi convogliatori della catena logistica.
Il principale obiettivo degli ultimi decenni divenne quello di massimizzare il valore
aggiunto della logistica portuale, questo perch nel passato delleconomia portuale
industriale, il porto era di fatto un motore indipendente dello sviluppo locale
riconosciuto dalla citt come portatore di valore commerciale e sociale.
Oggi con il progresso delle tecniche di trasporto come luso dei container, del
gigantismo navale, della rete integrata hub & spoke, del servizio door to door, e
dellincremento delle agenzie marittime, i porti si trovano in un mercato portuale pi
concorrenziale, dove i minori costi di trasporto li rendono perfetti sostituti.
Uneconomia del mare moderna non pu prescindere dalle trasformazioni della citt,
delle infrastrutture portuali ed un ampia rete metropolitana, per permettere una
rapida ed efficiente distribuzione delle merci sfruttando il trasporto intermodale
nellhinterland territoriale.
La vera sfida dello sviluppo portuale oggi consiste nel creare un sistema territoriale,
per la competitivit di tutti i soggetti che operano con il porto, in molte citt europee si
stanno sviluppando delle vere e proprie citt-porto. Genova, dove la progettualit
urbanistica nellarea portuale di ponente, ha dato prova di essersi rigenerata
pienamente con i ritmi della citt; a levante invece troviamo un evidente progetto di
trasformazione dove i moderni cantieri da diporto stanno prendendo piede in un ottica
urbana.