Sei sulla pagina 1di 2

Gruppo Brai: Il Noleggio E' Il Futuro!

Il noleggio è il futuro. Non può esserci una frase più eloquente per riassumere la filosofia che
sta alla base del Gruppo Brai Noleggi, nato a Cesena nel 1997 a coronamento
dell'evoluzione di un trentennio di attività nel settore dell'autotrasporto e della logistica.

La frase appartiene a Salvatore Brai, titolare dell'omonima Casa di Spedizioni, la cui


principale attività riguarda il noleggio di autocarri di ogni portata e allestimento, veicoli
cassonati, centinati, furgonati e refrigerati; un altro ramo del Gruppo Brai Noleggi è invece
Nolo Market Srl, il cui titolare è Giuseppe Brai, che si occupa del noleggio di attrezzature da
cantiere quali generatori, mini escavatori, motocompressori, pale compatte, martelli
pneumatici-idraulici ed elettrici, fino agli articoli di hobbistica e giardinaggio. In poche parole,
un noleggiatore generalista o a 360 gradi, con un'ampia gamma di prodotti e macchinari
adatti a soddisfare le più svariate esigenze.

Quando ho messo in piedi la mia attività – racconta Salvatore Brai – quasi
nessuno ricorreva al noleggio, in genere mi proponevano il leasing. Trent'anni fa sentir
parlare di noleggio era davvero raro, perciò posso dire di essere stato uno dei pionieri di
questo comparto, diffusissimo invece nei paesi anglosassoni. Ma il noleggio è il futuro
– tiene ancora a ribadire – perché è la soluzione grazie alla quale gli
imprenditori possono abbattere i costi, e allo stesso tempo rendere più efficiente e
competitiva l'azienda.

La storia del Gruppo, che può configurarsi come un'impresa a conduzione familiare, inizia nel
1965: in quell'anno Salvatore fonda L'autofrigo, ditta specializzata nel trasporto di derrate
alimentari. Ben presto Brai diventa partner di riferimento dei più prestigiosi marchi
internazionali, da Unilever a Kraft, da Invernizzi a Galbani, fino a Motta e Kellogg's.
Un'esperienza che confluisce nel 1997 in una nuova sfida, davvero all'avanguardia per il
nostro paese: quella di creare un'impresa specializzata nel noleggio di veicoli e attrezzature
per l'industria, il commercio, l'artigianato e l'agricoltura.

Oggi – sottolinea Salvatore Brai – siamo all'avanguardia nel noleggio di veicoli
di ogni allestimento e portata, e nel giro di pochi anni siamo passati da un parco macchine di
30 veicoli a più di 1000, differenti per dimensioni e tipo di servizi, in grado di soddisfare
qualsiasi esigenza del cliente.

Proprio la varietà dei macchinari disponibili, assieme all'ampia gamma di attività svolte, ha reso
necessaria la suddivisione del Gruppo in due diverse aree: Nolobrai racchiude appunto i
veicoli industriali, Nolomarket tutti gli altri prodotti.

Le aziende del Gruppo Brai effettuano esclusivamente noleggio a freddo senza operatore,
modulato in differenti soluzioni temporali – breve, medio e lungo termine – a
seconda delle richieste e delle evenienze da affrontare.
Di recente il parco mezzi si è ancora incrementato, e può contare su nuovi veicoli da 15, 18 e
26 tonnellate, telonati e refrigerati oltreché di grande capienza.

Tra i clienti di Nolo Brai – aggiunge Salvatore – figura nientemeno che

Copyright http://www.italianoleggio.it - info@italianoleggio.it 1 of 2


Amadori, mentre Nolomarket fornisce generatori di corrente per spettacoli, concerti ed eventi
sportivi.
A quest'ultimo proposito, Nolomarket ha fornito energia, qualche anno fa, per le riprese dei
nuovi film di Ligabue e dei Lunapop, oltreché alle Finali nazionali di beach volley sulla
riviera romagnola.

A Salvatore Brai chiediamo infine se a suo parere il noleggio è anche il futuro nel campo
lavorativo, ossia se può offrire prospettive occupazionali:

Le prospettive ci sono – afferma – visto che il noleggio può essere la strada che
un autotrasportatore imbocca per mettersi in proprio. Purtroppo – sottolinea –
in questo settore non mancano i problemi e le questioni irrisolte: so che metto il dito nella
piaga, ma a volte il noleggio rappresenta una sorta di refugium peccatorum per chi non
riesce ad ottenere il leasing, quasi una forma di ripiego.

Di qui i rischi come l'appropriazione indebita, il recupero crediti e il danneggiamento dei


macchinari, che restano a totale carico dell'imprenditore. Spesso manca il rispetto per le
cose, molti pezzi di macchinari o attrezzature vengono rubati o subiscono danni, oppure si
paga con molto ritardo, come se chi noleggia avesse tutti i diritti e nessun dovere. Da diversi
anni chiediamo maggiore tutela alle associazioni di categoria: sarebbe utile che chi si è reso
responsabile dei fatti di cui ho detto fosse in qualche modo segnalato, in modo da non
provocare altri danni.

Contatta l'azienda

Copyright http://www.italianoleggio.it - info@italianoleggio.it 2 of 2