Sei sulla pagina 1di 3

SALVATAGGIO DEL SISTEMA

Considerazioni
Bisogna valutare il metodo di salvataggio automatico utilizzato per evitare che si
sovrapponga al salvataggio del sistema appena eseguito.
Se si utilizza il salvataggio tramite Modulo Base ACG occorre tenere in considerazione la
reimpostazione automatica del salvataggio notturno alla fine del salvataggio del sistema.
Esempio pratico
Avvio del salvataggio del sistema il Venerd sera con previsione di fine salvataggio entro il Sabato
mattina.
- Possibilit A
Se si decide di NON spegnere il sistema fino al Luned sera successivo, prima di avviare il
salvataggio sufficiente togliere tutti gli orari di accensione e spegnimento compresi nel
periodo in esame tramite il comando KSYSFINE F11 Modifica orario accens/spegnim..
-

Possibilit B
Se si decide di spegnere il sistema (ad esempio il Sabato a mezzogiorno), prima di avviare
il salvataggio bisogna impostare nella Chiusura Sistema lopzione Esecuzione salvataggi a
N e il Luned successivo reimpostarlo a S sia nella Chiusura Sistema che nella Chiusura
del giorno.

Normalmente il salvataggio del sistema viene eseguito con lopzione 21. Intero sistema
Questo il metodo preferito in quanto assicura un unico livello di salvataggio di tutti gli
oggetti residenti sul sistema.
Si possono invece eseguire dei salvataggi parziali, ma integrabili tra di loro nelle
procedure di ripristino, con le opzioni 22. Solo dati di sistema e 23. Tutti i dati utente.
Questi metodi sono da valutare caso per caso e normalmente vengono consigliati quando
si hanno a disposizione pi unit su cui eseguire i salvataggi o quando si interviene con
aggiornamenti mirati e che quindi non riguardano la globalit del sistema.
Come regola generale si tenga in considerazione che i salvataggi delle opzioni 22 e 23
insieme contengono tutti gli oggetti dellopzione 21 ma in momenti diversi.

Esiste anche la possibilit di avviare il salvataggio ad un orario successivo a quello di


lancio inserendo lora di avvio nella forma hhmm (ore e minuti).
Se l'orario specificato posteriore a quello corrente, il salvataggio si effettua oggi.
Se precedente, il salvataggio verr effettuato domani.
Questa possibilit non viene normalmente consigliata per la mancanza di controlli della
chiusura dei lavori e per leventuale richiesta di nastri successivi.

SALVATAGGIO DEL SISTEMA


Esecuzione

1. Prima di iniziare ogni operazione di salvataggio, si raccomanda di inizializzare un


numero sufficiente di nastri per completare il salvataggio con il comando
INZTAP DEV(TAPnn) NEWVOL(xxxxxx) CHECK(*NO) DENSITY(*CTGTYPE)
sostituendo a:

TAPnn
xxxxxx

il nome dellunit scelta dove memorizzare il salvataggio


obbligatoriamente un qualsiasi nome, esempio IBMIRD.

In questo modo il nastro verr inizializzato in base alla sua densit.

2. Se presente il Modulo Base ACG, collegarsi come ACGMASTER e selezionare:


- Punto 01 Gestione del Sistema
- Punto 04 Operazioni di Sistema
- Punto 04 Richiesta Terminazione Modulo Base
(Dare conferma con F6=Conferma e attendere)
- Chiudere la sessione con F23=Signoff
Il lavoro viene chiuso se NON vi sono dei lavori attivi sotto controllo del Modulo Base
(Interattivi e Batch); altrimenti controllare e chiudere i lavori tramite lAnalisi Azioni
Attive e In Coda, infine rieseguire.

3. Collegarsi come QSECOFR dal terminale configurato come Console e accertarsi che
tutti i lavori (interattivi, batch e schedulati) siano chiusi, controllando tramite i comandi
WRKACTJOB e WRKJOBSCDE.
Se risulta installato il prodotto MQSeries, lanciare il comando:
ENDMQM MQMAS OPTION(*IMMED)
Assegnare la coda di emissione che conterr le stampe di informazione del sistema
con il comando
CHGJOB OUTQ(GOSAVE)
Verificare che il messaggio CPA3708 abbia la risposta predefinita a G tramite il
comando WRKRPYLE. Tale messaggio pu essere visualizzato con qualsiasi numero
di sequenza.
Se il messaggio non visualizzato, seguire il punto 1. delle impostazioni iniziali.
Se il messaggio viene aggiunto in questo momento necessario acquisirlo sul proprio
lavoro con il comando
CHGJOB INQMSGRPY(*SYSRPYL)

4. Immettere il comando GO SAVE e selezionare lopzione 21 o 22 o 23.


Compare un video contenente le funzioni che verranno svolte e successivamente il
video sotto rappresentato che deve essere completato con le opzioni segnate dal
carattere >

Specifica valori assunti del comando


Immettere le scelte e premere Invio
Unit

>

TAPnn

Nomi

Richiesta per comandi

Y=S, N=No

Verifica dei file attivi

Y=S, N=No

Consegna messaggi in coda

*NOTIFY

*BREAK, *NOTIFY

*CURRENT

*CURRENT, ora

Disattivazione server di rete

*ALL

*ALL, *NONE

Scaricamento file system

Y oppure S

Y=S, N=No

Stampa informazioni di sistema

Y oppure S

Y=S, N=No

Utilizzo elenco risposta sistema

Y oppure S

Y=S, N=No

Dati file di spool

*ALL

*NONE, *ALL

Ora di avvio

>

Dopo aver lanciato il salvataggio del sistema, la console deve essere lasciata accesa e
nel caso in cui non sia sufficiente un solo nastro, il sistema invia un messaggio
richiedente il caricamento del successivo.

5. Se il salvataggio viene concluso in modo negativo, il sistema rimane in ambiente


limitato e bisogna risolvere il problema. Se invece viene concluso positivamente, la
console visualizza il menu dei salvataggi e il sistema si riavvia in modo automatico;
quindi togliere lultimo nastro e scrivere su tutti i nastri i dati del salvataggio:
matricola del sistema, opzione, data e sequenza del salvataggio; esempio:
65ABCDE, GO SAVE 21 o 22 o 23, gg/mm/aaaa, 1 di n n di n.
Si raccomanda di non lasciare i nastri dei salvataggi nelle vicinanze del sistema e si
consiglia di conservarli in cassaforti ignifughe o in cassette di sicurezza.