Sei sulla pagina 1di 4

2016

Anno XI

N. 5

Febbraio

I.C.3 PARCO VERDE-CAIVANO

Dirigente Scolastico
Bartolomeo Perna
https://3circolocaivano.wordpress.com

Docente Referente
Anna dAl
http://blog.libero.it/caivanotre

TERRA DEI FUOCHI


Ciro Aiese

robotica!

5a A Ciari

5a A Negri

LEZIONE DI VITA
La piccola Nancy Ronofrio spiega
ai compagni la parabola della pecorella smarrita. Nellora di
Religione, una minuscola grande donna d una lezione di
vita a bambini e adulti. Con
tutto il nostro affetto e la nostra
ammirazione, la ringraziamo.
(A. dAl)

Vincenzo Cacciapuoti 3a B

Imma Gennarelli e
Giulio Sbordone
5a D

Lacca in fuga di Gianni Rodari


Sezione F Cantico

Mattia Sez. H Cantico

Cera una volta lacca muta. Le sue amiche la


presero in giro, lacca se ne and e fece
lautostop. Chiese un passaggio in un posto
lontano. Le parole diventarono senza lacca:
chiodo divent ciodo e il gallo fece cicicici,
cos gli abitanti andarono dallacca e la convinsero a tornare a casa. Carmen Falco 2a B

Carnevale in filastrocca
Con la maschera sulla bocca,
Con la maschera sugli occhi,
Con le toppe sui ginocchi:
Sono le toppe di Arlecchino
Vestito di carta, poverino.
Pulcinella grosso e bianco
E Pierrotto fa il saltimbanco.
Pantalon dei bisognosi:
-Colombina-dice-mi sposi?
Gianduia lecca un cioccolatino
E non ne d niente a Meneghino
Mentre Gioppino, col suo randello,
Mena botte a Stenterello.
Per fortuna il Dottor Balanzone
Gli fa una bella medicazione,
Poi lo consola: Carnevale,
E ogni scherzo per oggi vale.

TERRA DEI FUOCHI, TERRA DI DIO


Angelo Bottone 5a A Negri

Mario Bottone
5a A Negri

Arianna Spilabotte 5a A Negri

Pasquale Capretti

5a A Negri

Mario DAria 5a A Negri


Patty Improta 5a A Negri

Francesco Pio Manzo 5a A Negri

Emanuela Capuozzo 5a A Negri

GIORNO DELLA MEMORIA


Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a
sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo un
uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per un pezzo di
pane
Che muore per un si o per
un no.
Considerate se questa una
donna,
Senza capelli e senza nome
Senza pi forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il
grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa, andando
per via,
Coricandovi, alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso
da voi.
Primo Levi

Giada Carbone 4a D

Simona Talotti 4a D

Lautore della poesia, Primo Levi, testimone degli orrori


accaduti nel campo di concentramento di Auschwitz,
scrive la poesia Se questo un uomo proprio per ricordare le atrocit del nazismo. In questa poesia Primo
Levi dice che un uomo colui che abita in una casa
riscaldata, che tornando a casa trova il cibo caldo e i
propri familiari. Poi pone una domanda: pu essere un
uomo colui che lavora nel fango, che lotta per un pezzo
di pane, che non ha tregua e che muore per un semplice
s e per un semplice no? Lo stesso paragone fa con una
donna che non ha capelli, che non ha un nome, che non
ha nemmeno pi la forza di ricordare, che ha gli occhi
vuoti per la stanchezza, che non ha mai partorito e la
paragona ad una rana dinverno rinsecchita. Levi ci ordina di ricordare questi brutti avvenimenti, di stampare
nella nostra mente e nel nostro cuore queste storiche
atrocit e di raccontarle ai nostri figli affinch questi
orrori non si ripetano pi. Addirittura manda delle maledizioni a chi non racconter ai figli questi avvenimenti:
che gli crolli la casa, che venga colpito da malattie, che i
figli lo abbandonino.
Simona Talotti 4a D

Ilaria Savino 5a B Negri

3
Luigi
Cipolletti
2a A

Evviva il Carnevale!
Giuseppe Cinquegrana 1aB

Daniela
Sez. F Collodi

Angelo Bottone 5a A Negri

Fabio Fischetti 5a A Negri


Giulia Sez. E Collodi

3a D
Amalia

5a A Negri

Mario Bottone 5a A Negri

Pasquale Capretti 5a A Negri


Sezione C Collodi

Megan Sequino 5a A Negri


Ludovico Scaraglia 5a A

Giovanni
Sez. B
Cantico

Mario DAria 5a A Negri

San Valentino
Victoria

Sez. C
Collodi

Loredana
Veneruso
1a B Ciari

Sezione F Cantico

Vincenzo Sez. A Cantico

Giuliana Sez. C Cantico

Fra realt e fantasia

Ludovica Licito
2a A

Nicola Marchese
3a B

IL

PICCOLO

PRINCIPE

Miriam Monaco 3a B
Carmela Scaraglia 4a B Negri

Mariarosa Esposito 3a B

Gaetano Cipolla
Il lupo e
lagnello

5a A

Antonia Celiento 1a A

Giuseppe Cinquegrana 1a B
Ciari
Il piccolo riccio
Un piccolo riccio non voleva andare in letargo perch aveva tanta voglia di giocare.
And dallo scoiattolo e lo invit a giocare
ma lo scoiattolo rispose che doveva andare
in letargo. Il piccolo riccio and dalla biscia
e le chiese di giocare ma la biscia rispose
che doveva cercare un rifugio per linverno.
Il riccio torn nella sua tana e la mamma
Suami
Sez. A Collodi
per consolarlo
gli raccont
una favola cos
il piccolo riccio ascolt attento fino a che il
sonno gli fece chiudere gli occhi.

Tonia Massaro 2a A

Vincenzo Simone 4a B