Sei sulla pagina 1di 2

ACCORDI DI SETTIMA

Spesso, andando a leggere la successione degli accordi di un brano che a noi piacerebbe
suonare accompagnandoci al piano, ci troviamo sempre di fronte a moltissimi di loro che
possiedono un "7" o un"7+"...; questo vuol dire che l'accordo in questione deve essere
arricchito di un altro suono in pi rispetto ai 3 canonici e questo suono in pi appunto
la settima nota della scala di riferimento dell'accordo stesso.
Facciamo un esempio:
Se io all'accordo di Do maggiore voglio aggiungere la settima nota della scala dovr
aggiungerla costruendo un'altro intervallo di terza partendo dall'ultima nota (ne prendo
un'altra ragionando sempre col principio "una s e una no"!):

DO

MI

SOL

SI

risultato

DO7+

L'accordo che si venuto a formare (Do-Mi-Sol-Si) viene detto quadriade


(appunto perch formato da 4 suoni) o pi comunemente viene chiamato accordo
di settima; la nota Si inserita, proveniendo dalla scala di Do maggiore, viene
chiamata in questo caso settima maggiore e si sigla con un "+" vicino al "7":
Do7+....

Ora andiamo a fare lo stesso ma sulla scala di Do minore:


DO

Mib


Risultato:


DO min7

SOL SIb

IN questo caso abbiamo trovato la SETTIMA MINORE (il SIb in questo caso)
La settima minore si indica semplicemente con 7.
Possiamo avere anche accordi maggiori con la settima minore . (ad esempio C7)
Che sar composto stavolta da 4 suoni : il do, il mi, il sol e il si bemolle.

Osservando le due settime potremmo escogitare un sistemino per poterci mettere
in condizione di sapere sempre con certezza quale settima suonare nell'accordo
che abbiamo sottomano in quel momento e che ci si chiede di suonarlo con una
delle due settime....
Allora:
La settima ovviamente la settima nota della scala ma anche la nota prima della
tonica, la prima nota che da il nome alla scala (nella scala di Do maggiore il Si
viene prima del Do successivo), quindi, invece che contarmi ogni volta sette note
in avanti me ne conto solo una.. all'indietro!
Cos facendo potr sapere il nome della nota che corrisponde alla settima nota in
qualsiasi tonalit andando indietro di un suono dal suono principale che d il
nome all'accordo!
Quindi, per esempio, la settima di La (maggiore o minore) sempre il Sol (nota
che viene prima), di Fa (maggiore o minore) sempre il Mi, di Lab (maggiore o
minore) sar sempre una nota chiamata Sol.... e per il nome della nota
corrispondente alla settima ci siamo!
Quello che ancora non sappiamo se quella nota una settima maggiore o
minore (ricordate che in Do maggiore/minore visto prima la settima si chiamava
sempre "Si" ma nella versione minore era Si bemolle?).
Per saperlo baster prendere consapevolezza che in tutte le scale maggiori (come
accade in Do maggiore) la settima sempre "appiccicata" alla tonica (dista un
semitono) e per questo in armonia viene chiamata sensibile, appunto perch crea
quel contrasto tra le due note che rende instabile l'intervallo; nella scala minore,
invece, la settima dista sempre un tono (come accade in Do minore tra il Si
bemolle ed il succesivo Do) e per questo in armonia viene chiamata
"solo" sottotonica, appunto perch non crea quel contrasto cos eccessivo come
accade nel modo maggiore, pur essendo comunque un p dissonante!
Quindi ora sappiamo come individuare sempre una settima maggiore o minore da
qualsiasi accordo noi partiamo: andiamo indietro di un semitono dalla nota base e
troviamo la settima maggiore, andiamo indietro di un tono e troviamo quella
minore!