Sei sulla pagina 1di 6

Sintassi dei casi

Nominativo e accusativo
Doppio accusativo e nominativo
Attivo

Passivo

Ogg. + Pred. Ogg.

Sogg. + Pred. Sogg.

Acc. + infinito

Nom. + infinito (costruzione personale1)


Appellativi
(al pass. feror, trador, appellor, nominor, vocor, dicor)
Elettivi
(al pass. creor, eligor, fio, efficior, nominor)
Estimativi
(al pass. ducor, existimor, habeor, putor, iudicor)
Effettivi
(facio, fio)

Ogg. (persona) + Relaz. (cosa)

Sogg. (persona) + Acc. di relaz. (cosa)

Acc. + infinito

Nom. + infinito (costruzione personale2)

doceo3 (insegnare)
celo4 (nascondere)
posco, reposco, flagito (chiedere)5

Verba iubendi (iubeor, cogor)


Verba vetandi (vetor, prohibendi)
sinor (permettere)
verbi effettivi

Videor, ris, visus sum, ri (sembrare)

Costruzione passiva personale (nominativo e infinito) in latino, da rendere quasi sempre


impersonale in italiano

Impersonale in latino (videtur) se:


significa sembrar bene, sembrare opportuno
accompagnato da un aggettivo neutro (videtur utile, sembra utile...)
nella frase retta il verbo impersonale o un costrutto impersonale (perifrastica passiva)

Verbi assolutamente impersonali


miseret, miseritum est/miseruit , miserere = avere compassione
paenitet, paenituit, paenitere = pentirsi
piget, pigitum est/piguit, pigere = rincrescere
1 Da rendere in italiano quasi sempre in forma impersonale. In latino impersonale spesso non nei tempi composti.
2 V. nota 1
3 La cosa insegnata pu anche essere espressa con uninterrogativa indiretta.
Nel significato di informare si costruisce con de + ablativo della cosa
Al passivo solo aggettivo doctus, si usano sinonimi con acc. limitaz. e a/ab della persona oppure disco (imparare)
con acc. di ci che si impara e a/ab della persona
4 Si costruisce anche con de + ablativo della cosa.
Costruzione passiva personale
5 Ma costruiti anche con a/ab della persona.
Si ricordi lespressione rogo aliquem sententiam, al passivo aliquis rogatus est sententiam a me

pudet, puditum est/puduit, pudere = vergognarsi


taedet, paertasum est, taedere = annoiarsi
Costruzione

accusativo della persona che prova il sentimento


genitivo della cosa per cui si prova il sentimento

Particolarit

se la persona un pronome di terza si usano i pronomi is, ea, id in accusativo.


se il soggetto della reggente anche quello della subordinata, si usa invece "se" (riflessivo)
quando la cosa per cui si prova sentimento rappresentata da:
pronome neutro => nominativo
verbo => infinito sostantivato
frase => quod + indicatico o congiuntivo

Verbi relativamente impersonali


decet, decuit, decere = conviene
dedecet, dedecuit, dedecere = non conviene
fallit, fefellit, fallere = inganna
fugit, fugit, fugere = sfugge
iuvat, iuvit, iuvare = piace
latet, latuit, latere = sta nascosto
Costruzione

accusativo della persona


per la cosa:
nominativo se nome o pronome
infinito sostantivato se verbo
infinitiva se frase

Verbi che reggono laccusativo

verba affectuum (acc. della cosa per cui si prova sentimento, come doleo, maereo, queror...)
verbi di sensazione e percezione fisica (oleo, sapio, sitio)
verbi di moto intransitivi composti con preposizione reggente laccusativo
spero, despero
iuvo, adiuvo
fugio, effugio
ulciscor
deficio
vires hostem deficiunt
viribus deficior
deficere animo/deficere
sol\luna deficit
progenies in aliquo deficit
deficere ab aliquo ad aliquem (tradire, passare da uno allaltro)
oggetto interno (vivere vitam)

Complementi in accusativo

c. oggetto
c. estensione, in dipendenza da aggettivi (longus) o in latitudinem/longitudinem patere
(estendersi)6
c. distanza, con luogo da cui si dista con a/ab + abl.
c. et:
acc. cardinale et + natus
(acc. ordinale et + 1) + ago/agens
gen. cardinale et + puer (0-16), adulescens (16-30), iuvenis (30-45), vir (45-60), senex
(+60)
c. relazione (accusativo alla greca): indica loggetto cui riferita una caratteristica
apparentemente espressa in dipendenza dal soggetto e espressa con aggettivi, participi o
verbi intransitivi.

Accusativi avverbiali

Neutro di aggettivi: multum, paulum, minimum, maximum, nihil, plerumque...


magnam\maiorem\maximam partem
partim...partim
vicem (a mo di)
id temporis (a quel tempo)

Genitivo
Verbi che reggono il genitivo

genitivo di stima o prezzo: misura generica della stima (genitivi avverbiali: magni, minoris,
minimu, pauli...). Per quella esatta lablativo.
retto da aestimo, duco facio (stimo), emo, veneo, vendo
genitivo di colpa: capitis, furti, maiestatis, parricidii, peculatus, proditionis, repetundarum..
retto da accuso, damno, condemno, absolvo...
genitivo di pena: condanna indeterminata (per quella esatta lablativo): tripli, dupli...
retto da damno, condemno
genitivo con verbi di memoria: retto da memini, reminiscor, recordor7, obliviscor, ...
interest e refert (importa) si costruiscono con:
della persona a cui importa:
il genitivo nome o pronome
con mea, tua, sua, nostra, vestra se in italiano a me, a te...
con illius/eius, eorum/illorum, earum/illarum, se pron. pers. di 3a sing.
della cosa che importa:
accusativo
infinito sostantivato
infinitiva, completiva, interr. Indiretta

Complementi in genitivo

genitivo soggettivo e oggettivo: funzione logica di soggetto od oggeto dellazione espressa

6 Ma se legato direttamente al sostantivo va in genitivo: murum sex pedum


7 Recordor regge anche de + abl.

dal sostantivo reggente

genitivo possessivo: indica il proprietario


in funzione predicativo (hoc gladium est Hectoris)
possono essere sottintesi sostantivi indicanti:
rapporti familiari
edifici sacri
genitivo dichiarativo: determina un sostantivo generico
genitivo di spettanza: indica a chi spetta ci che indicato dal soggetto. Sempre con sum
mio/tuo... dovere => possessivo al nominativo neutro
suo/loro dovere => ille illa illud in principali, suum in subordinate con stesso sogg.
Della reggente
genitivo partitivo: indica il tutto della parte che lo regge, cio:
pronomi/nomi/aggettivi indicanti quantit (pars..)

avverbi di luogo (ubicumque...)

superlativi relativi

pron./agg. neutri o avverbi di quantit (satis...)

pron./agg. interrogativi o indefiniti

genitivo di qualit: caratteristica morale8, et...

Dativo
Verbi che reggono il dativo

In latino dativo, in italiano c. ogg.:9


faveo
ignosco
invideo
nubo
parco, tempero
persuadeo
suadeo
satisfacio
subvenio, succurro
supplico
In latino dativo, in italiano c. dargomento:10
assentior
benedico
maledico
gratulor
fido, confido, diffido
irascor
verbi deccellenza come excello, praesto, anteeo, antecedo, antecello, praecedo, supero...

8 Per le caratteristiche fisiche e a volte per quelle morali si usa lablativo.


9 Hanno forma passiva solo impersonale (intransitivi), con costruzione al dativo e c. dagente o causa efficiente con
a/ab + abl.
10 Vedi nota 9

dativo della persona che si supera


ablativo di limitazione della cosa in cui si supera
composti di sum
dono e circumdo, sia allattivo che al passivo:
dativo della persona e accusativo della cosa
accusativo della persona e ablativo della cosa
doppio dativo (persona, di vantaggio/svantaggio, e cosa, di fine): sum, do, tribuo, mitto, eo,
venio, relinquo..

consulo ha varie costruzioni:

consulere alicui (rei): provvedere a qualcuno (qualcosa)

consulere aliquem: domandare consiglio a qualcuno

consulere de aliquo/in aliquem: punire qualcuno

Complementi in dativo

complemento di termine

dativo di vantaggio o svantaggio

dativo etico: coinvolgimento affettivo, non tradotto

dativo di relazione: participio presente, indica la persona rispetto a cui valida lazione

dativo di fine

dativo dagente: perifrastica passiva

dativo di possesso

in dipendenza da molti aggettivi, tra cui quelli di amicizia/ostilit (amicus, inimicus...), ma


spesso anche in italiano

Ablativo
Complementi in ablativo: lablativo vero e proprio

allontanamento o separazione (a/ab+abl. se persona)

privazione (careo, indigeo.. orbus, privus..)

origine o provenienza (natus... nascor, orior...), normalmente a/ab+abl., abl. Semplice se


nome dei genitori o pater, mater o sostantivi indicanti la famiglia o la condizione sociale

materia: e/ex o de +abl.

agente o causa efficiente: a/ab + abl. se agente

argomento: de + abl.

paragone (2o termine) invece di quam quando:

un pronome relativo

spesso in espressioni di senso negativo o negative

nelle espressioni expecatione, opinione (di quanto ci si aspetta), spe (di quanto si spera),
iusto, aequo (del giusto)

Complementi in ablativo: lablativo strumentale

mezzo: per+acc. se persona

abbondanza

modo: cum + abl., con cum anche interposto fra agg. e sostantivo o assente

causa:

ablativo semplice per una causa interna

ob, propter + acc. per una causa esterna

prae + abl. per la causa ostativa

gen. + causa, gratia per la causa finale

limitazione

misura: ablativo o avverbio in -o

compagnia o unione: cum+abl. Rafforzato a volte da una o simul. cum a volte omesso.

Costrutti con lablativo strumentale

Dignus, indignus + abl. (degno/indegno di), oppure + relativa con cong. pres. o imperfetto

utor, fruor, fungor, potior, vescor + abl.

potiri rerum

aliquo familiariter uti

utor + 2 abl. (uno predicativo)

opus est (bisogna, occorre): persona in dativo, cosa in ablativo (impersonale).

Anche costruzione personale con pronome/aggettivo neutro sostantivato, con cosa in


nominativo e persona in dativo.