Sei sulla pagina 1di 1

h a n g e Vi h a n g e Vi

XC e XC e
F- w F- w
PD

PD
er

er
!

!
W

W
O

O
N

N
y

y
bu

bu
to

to
k

k
10
lic

lic
C

C
w

w
m

m
w Il Territorio Martedì 13 Aprile 2010
Aprilia / Cisterna w
w

w
o

o
.d o .c .d o .c
c u -tr a c k c u -tr a c k

Cisterna - Rinascita dell’ambulante dice “no” alla disposizione sui servizi del mercato interno

Contrari alla direttiva Bolkestein


Il coordinatore locale Casaburi: «Se non si interviene, a rischio circa 180mila piccole aziende»
F. De Angelis

No alla direttiva europea Bolkestein. Il coordinatore per fine farebbe la professionalità acquisita con anni d’espe-
la provincia di Latina del movimento “Rinascita del- rienza? Come sbarcherà il lunario un cinquant’enne che
l’ambulante” sede di Cisterna, Michele Casaburi, espri- non riuscirà a riprendersi il titolo autorizzatorio?
me tutta la sua contrarietà, a nome dei commercianti che L’azienda non avrà alcun valore. È grande poi la preoc-
rappresenta, contro il provvedimento attraverso il quale cupazione per l’intenzione follemente liberalizzatrice
– se mai verrà realmente adottato dalla commissione che si prospetta, in merito alla istituzione e all’amplia-
europea entro il 2010 – saranno eliminati i vincoli alla mento smisurato delle aree destinate alla vendita: stra-
libera circolazione dei servizi e gli ostacoli alla libertà di volte le programmazioni comunali. Il testo di recepimen-
stabilimento delle attività economiche. Nello specifico, to della direttiva europea taglierà inoltre tutte le leggi che
la direttiva è nata quando Romano Prodi ricopriva la regolano il commercio su aree pubbliche, gettando nel
carica di presidente della commissione europea e, Frits precariato circa 180.000 piccole aziende a conduzione
Bolkestein, era il commissario europeo per il mercato L’area mercato all’ex Nalco. Nel riquadro: Michele Casaburi. familiare».
interno. Per prima cosa, la direttiva, introduce il princi- tà di capitale, con il rischio che le aree mercatali verran- Il movimento regionale Rinascita dell’ambulante è sul
pio del paese d’origine, portando ad esempio “l’idrauli- no gestite da poche persone o da gruppi vendita organiz- piede di battaglia: «Il commercio ambulante è stato
co polacco” che, adempiendo esclusivamente gli obbli- zati. Ma l’aspetto, che più preoccupa gli operatori è, che gestito dai comuni e dalle regioni in modo superficiale e,
ghi d’iscrizioni e contribuzione del proprio paese, potrà le autorizzazioni attualmente decennali, con rinnovo proprio per far fronte a queste difficoltà e agli epocali
svolgere l’attività, quindi avere diritto di stabilimento, in automatico, decadrebbero alla scadenza, per essere rias- cambiamenti in atto, è sorto il nostro movimento. La
qualunque paese europeo. segnate, al miglior offerente europeo, senza che sia rico- regione Lazio, fra le altre, nella funzione di potestà legi-
Le libertà, per i servizi e lo stabilimento non si applica- nosciuto alcun diritto di prelazione al titolare uscente. slativa, che gli compete, in materia di commercio, dovrà
no ai servizi sociali, servizi finanziari, comunicazione Per questo motivo molti ambulanti sono già scesi in piaz- recepire e produrre la consequenziale normativa».
notai sicurezza audiovisivi ed altro. Ma, nei meandri za (a Torino il 23 marzo) per confermare il loro secco Quindi Rinascita fa sapere che promuoverà un’eventua-
della disposizione ci si può trovare, per esempio, di fron- “no” perché non vedersi riassegnato lo spazio nel merca- le moratoria, e tutte le possibili varianti al testo. «Siamo
te alla voce trasporti. Gli effetti si estenderanno, inoltre, to alla scadenza della concessione, corrisponde alla per- certi – conclude Casaburi - che la neo eletta Polverini
agli esercizi di vicinato: basterà, per aprire, un semplice dita del posto di lavoro, creando una nuova forma di pre- saprà affrontare il problema nel migliore dei modi. Nel
Dia... Per quanto riguarda il commercio aree pubbliche, cariato. «Ma se non c’è sicurezza per il futuro – dice frattempo invitiamo tutti i consiglieri comunali, provin-
ci sarà una vera rivoluzione, infatti sarà possibile conce- Casaburi - chi investirebbe in auto negozi, celle frigori- ciali e regionali, a sollecitare il problema per affrontare
dere le autorizzazioni anche alle cooperative e alle socie- fere, tende, magazzini e attrezzature per la vendita? Che preventivamente una materia che si presenta esplosiva».

APRILIA IL CONSIGLIERE REGIONALE DI SINISTRA Una pedalata in ricordo


ECOLOGIA LIBERTÀ SI DICE FAVOREVOLE
A TORNARE IN POSSESSO DELLE RETI di Gianni Passalacqua
L’intervento IDRICHE COMUNALI. Aprilia, l’iniziativa organizzato dai ragazzi
dell’ex Mattatoio è per domenica mattina

«La volontà da parte dell’am-


ministrazione comunale di
Zaratti, Acqua pubblica: Una pedalata "Per non dimenti-
care Gianni Passalacqua", il
32enne disabile di Aprilia dece-
Aprilia di tornare in possesso
delle reti idriche comunali è
una scelta coraggiosa ed
«Una scelta coraggiosa duto il 21 aprile di due anni fa
dopo essere stato investito il 24
novembre del 2007 mentre
esemplare, che sostiene la bat- stava andando a buttare l’im-
taglia di tante cittadine e citta-
dini impegnati nella difesa
dell’acqua pubblica». È quan-
da parte del Comune» mondizia in via Guido Rossa.
L'iniziativa, organizzata dai
ragazzi dell’ex Mattatoio in
to afferma Filiberto Zaratti, ex collaborazione con i tanti amici
assessore all’ambiente duran- della gara per la scelta del di Gianni e con l'associazione
te la giunta Marrazzo, rieletto socio privato e l’affidamento "Raggio di Sole", si terrà domenica prossima. La partenza è
al consiglio regionale con del servizio idrico nell’Ato4. fissata per in piazza Roma alle 9.30. Si arriverà all'ex
Sinistra Ecologia Libertà. «La Le controdeduzioni fornite Mattatoio di via Cattaneo per un aperitivo. Nel piazzale, per
Regione in questi anni - spie- dalla segreteria tecnica ppera- l'occasione, sarà allestito il mercatino del "BarattoMatto" e
ga Zaratti - contrariamente a tiva dell’Ato - prosegue alle 12.30. La manifestazione chiuderà con un pranzo socia-
quanto chiesto più volte dalla Zaratti - non sono state suffi- le. «Molti ricordano Gianni come "la voce di Aprilia", - rac-
provincia di Latina, non ha cienti e avevamo già avviato contano i ragazzi de La Freccia - sempre in giro per la città
esercitato i poteri sostitutivi, le procedure per il commissa- con la sua bici. Una pedalata quindi, tutti assieme, per non
lasciando liberi i comuni riamento dell’Ato, ma la chiu- dimenticare, per non abbandonare quell'amico di tutti, quel
dell’Ato4 di ratificare o meno sura anticipata della legislatu- grido incessante che ad ogni ora riempiva le strade della
gli atti convenzionali appro- ra non ha consentito alla nostra città. Quel grido di forza e vitalità che ci riportava
vati dalla conferenza dei sin- Regione di esercitare fino in tutti alla realtà. Quel grido che era il grido di ognuno di noi.
daci. Come emerso dalla rela- fondo il potere di controllo cittadini della provincia di Gianni era ovunque, con la sua bicicletta, con i suoi pazzi
zione conclusiva dell’indagi- riconosciuto dal decreto legi- Latina tutte le garanzie per travestimenti, con il suo allegro ed acutissimo fischio. Una
ne amministrativa, da me slativo 152/2006» «Mi auguro una corretta gestione del ser- pedalata per non dimenticare il nostro amico, che ora peda-
disposta nel gennaio del 2007, - conclude Zaratti - che il neo vizio idrico secondo criteri di la con forza in un posto migliore e che è ancora ovunque per
gravissime sono state le ano- presidente Polverini non lasci efficienza, efficacia ed econo- chi lo ricorda, in ogni strada, in ogni angolo, in ogni parco.
malie introdotte successiva- ora cadere l’azione condotta micità che la legge stabili- Una pedalata tutti assieme, per non dimenticare la voce di
mente all’aggiudicazione dalla regione e restituisca ai sce». Aprilia». Per non dimenticare Gianni.