Sei sulla pagina 1di 2

Sanna S Predoni International: sono le risorse reali quelle alle quali puntano

PREDONI INTERNATIONAL:
SONO LE RISORSE REALI QUELLE ALLE QUALI PUNTANO
di Stefano Sanna
06 mar 2016

Lo scrittore Pino Aprile, autore del libro Terroni, ha chiesto a Stefano Sanna il suo punto di vista sulla
vicenda dellaccordo tra Francia e Italia in merito alla cessione di alcuni tratti di mare italiani. Quella
vicenda figlia dellausterit: le regioni pi deboli stanno perdendo sempre pi la sovranit sulle proprie
risorse e le decisioni sono prese sulla testa dei cittadini. Larticolo stato pubblicato nella pagina
Facebook Terroni di Pino Aprile. Lo rilanciamo.
(la Redazione)

Probabilmente questo modo di procedere la normalit, tanto da non suscitare pi particolari


reazioni. Ma la vicenda merita una riflessione. Mi riferisco allaccordo Italia-Francia sulla nuova
determinazione delle acque territoriali tra Francia ed Italia, che deve essere sottoposto ancora
alla ratifica del Parlamento italiano. La notizia dellaccordo saltata fuori quasi per caso, e solo
dopo che una motovedetta della Gendarmerie Maritime francese aveva fermato un peschereccio
sardo che pescava nelle acque abituali, dove aveva sempre lavorato. I pescatori sardi erano
convinti di pescare in un mare italiano, e non sapevano che un accordo aveva attribuito alla
Francia quel pezzo di mare tra Italia e Francia.
Con la stessa rapidit venuto fuori il comunicato della Farnesina che rassicurava che nulla era
cambiato rispetto a prima dellaccordo, e contestualmente i Francesi si erano scusati per
lerrore commesso; mentre in Francia laccordo era stato ratificato dal Governo, e quindi messo
a conoscenza della loro gendarmeria marittima, altrettanto non era avvenuto per il Parlamento
italiano.
Nella forma sembra essere tutto corretto, ma nella sostanza assolutamente NO. Assistiamo
ancora una volta ad una trattativa al buio, in questo caso sui beni della Sardegna. stato deciso
che direzione deve prendere il futuro delle aree di pesca e dello sfruttamento delle risorse del
mare.
Nella stessa trattativa, per i mari della Toscana stato deciso di lasciare i confini marittimi
identici a prima; non stato cos per la Sardegna, che pu essere sacrificata. Con tutti i
problemi che ha (disoccupazione, crescente povert), pu essere facilmente distratta e non
preoccuparsi di una delle risorse a sua disposizione: il mare. Le risorse della Sardegna saranno
gestite dalla Francia. Non una situazione differente dalla cessione degli aeroporti greci alle
aziende tedesche e di tutte quelle risorse del Sud Europa su cui il Nord Europa butta locchio.
Lausterit imposta al Sud Europa offre anche questi vantaggi, per chi vuole prendersi risorse
reali: puoi ricattare i popoli tramite la disperazione e la povert.
Purtroppo, in Sardegna come in altre regioni del Sud abbiamo un governo regionale che non
guarda al di l del proprio naso, e con fatica tiene buoni i sardi con promesse ed elemosine
chiamate cassa integrazione, invece di rivendicare programmi di occupazione e far pressione ai
tavoli giusti per mettere fine alle politiche di austerit.
www.retemmt.it

Sanna S Predoni International: sono le risorse reali quelle alle quali puntano

anche cos che aumenta il divario economico tra Nord e Sud, con la complicit dei politici del
Sud. Ma questa una storia lunga a cui sembriamo rassegnati. O forse no.

www.retemmt.it