Sei sulla pagina 1di 116
Panda Elettra FIAT INDICE i INTRODUZIONE... SVILUPPO DEL MODELLO .. » 7 GENERALITA ...co » 9 ESTETICA ... » 10 AUTOTELAIO.... » COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'IMPIANTO ELETTRICO SPECIFICO PER LA TRAZIONE .. » 13 Generalita. » 43 LE BATTERIE DI TRAZIONE » 47 Costituzione.... > 47 Carica e manutenzione delle batterie - considerazioni generali >» 23 IL CARICABATTERI *..27 Generalita. : » 27 Funzionamento del gruppo di carica .. » 29 Funzionamento del controll elettronico della durata della catica (timer) » 31 Collegamenti e cablaggi ...... tine >» 33 Ricarica della batteria 12 V con commutatore a chiave in posizione MARCIA .. _. Ricarica della batteria.12.V. durante. la ticarica delle batterie di.trazione.. ed esclusione dei circuiti di potenza SSGEOTORE Saetgg* ‘Aicuni cenni teorici sul funzionamento del motore a c.c. » 53 I motore di traziorie » 87 Rattreddamento... > $9 | CIRCUIT! DI POTENZA. > 65 Funzionamento... > 65 ILCHOPPER > 77 Perché il chopper » 77 Costituzione e funzionamento . > 81 Predisposizione del circ::ito di potenza al funzionamey » 65 Panda Elettra FIAT Accelerazione e rilascio ee .. PAG. 87 Frenatura.. » 91 Recupero di energia .. » 92 LINDICATORE DI STATO DI CARICA DELLE BATTERIE DI TRAZIONE > 95 Generalita e collegamenti.. » 95 IMPIANTO Di RISCALDAMENTO » 97 Costituzione. » 97 Accension » 99 Spegnimento » 99 Dispositivi di sicurezza .. » 100 Norme ci installazione e di manutenzione » 101 Schema elettrico... fa » 102 Caratteristiche tecniche. Beet » 103 NORME GENERAL! PER LUTENTE » 105 Prestazioni ed autonomia . >» 105 Awiamento e guida della vettura » 106 SOSTA...... » 107 Sosta temporanea .. » 107 Sosta in garage .. » 107 RICARICA DELLE BATTERIE & MANUTENZIONE » 109 Procedure » 110 Ripristino settimanale livello elettrolito. batterie » 114 CENTRALINA D! DERIVAZIONE * » 112 Elenco component ¢ tusibill - des descrizione » 142 SCHEMTECETT HICT HELATIVFACEA TRAZIONE ALE ALIMENTAZIONE DER ome CIRCUIT! SPECIFICI. E » 414 Schema 1 : Circuito di potenza e ausiliari » 114 —. -+..Schema 2: Centralina di derivazione, alimentazione, 2 A418. Viste dei collegamenti del circuito di potenza e comando 116-117 arsett.del.teledeviatari, del'incicatore i carica oa aoe arenappe? Schema elettrico del et strument Legenda schemi eletirici DIAGNOSI E, INTERVENT! RIPARATIV. » 4121 Introduzione.... » 121 Materiale occorrente .. » 121 Avwvertenze .. » 122 Procedure per la ricerca dei guasti.. » 123 TNEPILOGO DELLE OPERAZIONI PREVISTE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA ... » 136 Panda Elettra FIAT Panda Elettra FIAT INTRODUZIONE Uattuale situazione ambientale ¢ di richiesta di energia impone sempre pili la ricerca di soluzioni utili per diminuire l'inquinamento atmosferico e per risolvere i problemi energetici. lI settore automobilistico non si pud certo sottrarre a questa esigenza e sta anzi oftrendo prodotti in grado di dare risposte positive: ~ Vetture con sistemi antinquinamento e di riduzione dei consumi. — Veiture a trazione elettrica. Nel campo delle vetture a trazione elettrica la FIAT propone la “Panda Elettra’. . liveicolo deriva quasi integralmente dalla Panda di attuale produzione fatta eccezione, naturaimen- te, per 'adozione dei dispositivi elettrici di trezione e di alcuni particolari meccanici che sono stati modificati per adeguarii al nuovo allestimento. SVILUPPO DEL MODELLO Lo sviluppo de! modelio e conseguente realizzazione, sono stati articolati in due fasi, con te quali lavettura ha subito alcune modifiche atte a migliorarne ancora 'aifidabilita ¢ la sicurezza, soprattutio per quanto riguarda i cispositivi dellatrazione, del tipo di batterie impiegate e del sistema di ricarica Nella seconda fase, che viene specificatamente trattata in questa pubblicazione, & stato curate in lazione dei vari mode da agevel mode paiticolare thnstal Jaro ispezione.¢ a eventual ntervent iparativ. Siricorda che la fase 1, ilcui impianto elettrico non € compatibile con quelio della fase 2, & trattata ~ in modo speeifico in un‘altra pubblicazione: Panda Elettra FIAT CARICA E MANUTENZIONE DELLE BATTERIE-CONSIDERAZIONI GENERAL { valori che consentono di riconoscere lo stato di carica e di etficienza di un accumulatore sono la tensione disponibile sui morsetti ma soprattutto, la densita det!'elettrolito. In jinea generale si pud affermare che un elemento é efficiente e carico quando la densita delelettrolito, rilevata dopo almeno 1 ora dal momento in cui é stato ultimato il ciclo ai catica, & ci ca 1,27 + 1,28 kg/l. ad una temperatura di circa 30°C. II rilevamento deve essere naturalmente eseguito con caricabatterie cisattivato (tali valori sarebbero ancora pil attendibili se il rilevamento venisse effettuato anche 2 ore dopo la fine del ciclo di carica). La tensione risultante per elemento, nonostante sia un dato importante, non é da ritenersi fondamentale: da controlli eseguiti su diversi accumulator, si é potuto constatare che a parita di valori di densit&, la tensione risultava a volte sensibilmente diversa. NOTA A titolo puramente indicative i valoriottimalidi tensione indicanti la piena caricae lefficienza del'accumulatore possono essere compresi tra 7,80V e 8,25V. Occorre sempre tenere presente che la densita delt'elettrolito & subordinata, oltre che allo stato di carica dell'elemento, alla temperatura dell'elettrotito, la quale pud indurre sensibili variazioni La tabella A riporta i valori di correzione che si devono sommare o sottrarre al vaiore Ci densita, del'elettrolito, riportate sulla tabella B, al variare della temperatura. i La tabella B riporta i dati per verificare lo stato di carica della batterie’in funzione della censit& dell'elettrolito misurato alla temperatura di 30°C. NOTA La misurazione della densita del'elettrolito deve essere eseguita a fine carica, come detio chi, Infatti ca si misurasse zapan7 procodentsmente, prima di esaguirs ove —ronne0P0 aver rabboccato lelettrolto, la densita risulterebbe decisamente inferiore nispetto a SSS ella presontia; causa la ailuizione dé eletirolio sless0.s se" Tae ee eS Quando le batterie sono nuove, non sono immediatamente in grado di accumulare tutta la quantita di energia prevista dal costruttore. La causa é dovuta al pil: o meno lungo periodo di inattivita delie stésse "prima della installazioné’suvettura’e ‘dall'aincora incompleto svolgimento ‘di quei processi elettrochimici, indispensabili per “formare” le celle degli accumulatori in modo da consentire il massimo:accumulo di: energiadsAs Tutto questo si traduce ovviamente in una scarsa autonomia del veicolo. \l problema si risolve spontaneamente dopo almeno una decina di cicli complet cicarica e scarica acondizione che tuttigli elementi siano efficient e che siano rispettaiele procedure di manutenzione previste. Panda Elettra FIAT GENERALITA La Panda Elettra 6 un veicolo a trazione elettrica realizzata tramite un motore a corrente continua alimentato da batterie, la cui velocita di rotazione @ stabilita da un controllo elettronico. La trasmissione del moto alle ruote awiene tramite il sistema tradizionale: frizione, cambio di velocit2 a4 rapport, differenziale, semiassi. Tutti questi organi meccanici sono fondamentalmente identici ‘a quelli che gia equipaggiano ii modello Panda nella versione 770L di attuale produzione. L'alimentazione del sistema é realizzata tramite due batterie di accumulaton disposte nella parte posteriore della vettura, (nel vano baule) e nel vano motore, (davanti al gruppo riscaldatore). Entrambi i gruppi di accumulatori sono alloggiati in appositi contenitori sigillat La ricarica degli accumulatori viene effettuata tramite un caricabatterie specific, anch’esso alloggiato nel vano baule. L'alimentazione del caricabatterie é realizzata dalla tensione di rete a 220V a cui viene collegato tramite un cavo specitico che viene fornito in dotazione con fa vettura. La tensione principale di trazione che é di 72V viene utilizzata oltre che per ezionare il motore di trezione, anche per ricaricare una seconda batteria a 12V impiegata per l'alimentazione dei servizi che fanno parte deltimpianto elettrice tradizionale della vettura (tergicristallo, luci, quadro strumenti, eee.) nonché per comandare un gruppo di teleruttori ausiliari compresi nei circuiti di controllo/ azionamento della trazione. La tensione a 12V per la ricarica della batteria servizi é ottenuta tramite un convertitore elettronico corrente continua - corrente continua (DC-DC converter). Nel vano motore sono installati tutti i componenti elettrici relativi al controllo/comando della trazione quali: motore elettrico ¢ relativo ventilatore di ratfreddamento, gruppo elettronico per il controtlo della velocita di rotazione del motore (chopper) e un gruppo di telerutiori e fusibili con i quali sono realizzate tutte le funzioni di sicurezza e di controllo del sistema. Sempre nel vano motore, di fronte al cambio di velocita @ installato il gruppo di riscaldamento della vettura. 1 gruppo é costituito da un smxbrugiatorea benzinale cul {unzioni sono-aestite da una.unita-glettronica specifica installatanelyano-- ~sioture (lato sinistto'sulla parete cruscotto): It bruciatore prowede'a tiscaldare il liquido net circuito” di riscaldamento che viene fatto circolare tramite una pompa, nello scambiatore di calore del riscaldatore di cui la vettura € normaimente dotata. FIAT Panda Elettra ESTETICA La Panda Elettra si presenta esteriormente coma la Panda 770L con alcune varianti estetiche atte a personalizzare la versione. Anteriormente la griglia radiatore (calandra) é stata sostituita con un coperchiodilamiera verniciata, il quale pud essere ribattato per poter accedere al connettore di collegamento alla rete 220V per la ricarica delle batterie. Sulla griglia radiatore, sulle fiancate laterali e sul portellone posteriore, sono state applicate sigle autoadesive "ELETTRA’, di colore azzurro. Internamente, alla plancia portastrumentié stato aggiunto un mobiletto centrale in materiale plastico su Cul sono installati un comando per linterruzione/inserimento generale Gell'alimentazione in caso Gi emergenza e uno strumento indicante Io stato di carica delle batterie di trazione. | sedili posteriori sono stati eliminati per consentire linstallazione di un gruppo di accumulatori, questi sono coperti da un pannello che costituisce Il piano di carico del vano bagagli. !! uadro stramenti @ fondamentalmente rimasto quello che gia equipaggia la Panda 770L; la strumentazione é ridotta all'essenziale ed @ costituita da: tachimetro/conta km con fondo scala 110 * kmh; indicators jivello combustibile (si ricorda che in questo'caso il combustibile é esclusivamente _ utiizzato per timpianto di riscaldamento abitacolo), parinello riportante le spie di segnalazione relative alle luci di posizione, indicator didiezione, luci emergenza, lic! retronebbia, lucl abbagiian- 1i, insufficiente liquido freni, freno a mano Inserito, massima temperatura motore, 2 segnalazione anomalie impianto diricarica betteria servizi. Sulla parte centrale della plancia strumenti sitrovano ancora i comandi del riscaldatore con l'interruttore per linserimento del bruciatore e gli interruttori per Hinserimento dei normali servizi della vettura. 10 Panda Elettra FIAT AUTOTELAIO Le modifiche relative all'autotelaio sono le seguenti: ~ Tubazione specifica per mandata combustibile al bruciatore. — Frizione, cambio e mctoassale anteriore fanno origine al mod. 770 FIRE. — Ruote e pneumatici: pneumatic 145SR13 REINFORCED anziché di tipo 135SR13. Adozione ruotino di scorta 105/70 R14 di origine Tempra S.W. anziché 135SR13. Adozione coppe ruote origine Panda CL anziché coprimozzi a bicchierino, — Sospensioni anteriori e posteriori: adozione particolari diorigine Panda 7701 ad esctusione degli ammortizzatori con taratura specifica, molle con diametro del filo maggiorato e maggiore lunghezza. ~ Assale posteriore: adozione mozzo posteriore monoflangiato di origine Tipo TD anziché di tipo rullato. Coprimozzi posterior di origine 159 Brasile : ~ Sterzo: adozione scatola guida origine Panda Anterestyling con 34 mmvgito anziché con 38 mm/ giro, per alleggerimento sterzata alle basse velocita, = Freni anteriori: adozione gruppo completo freni anteriori con disco da 240 mm di diametro (anziché 227 mm) con pinza freni tipo GIRLING (anziché BENDIX 3AM) origine Y10 1300ce. i.e — Freni posteriori: adozione piatto pona freno o: — Comande meccanico treni: adozione leva freno 4 mano origine Panda 4X4, per tiduzione carico sulla leva. = Comare idraulicn freni: arjazione flessibile per pinza (rena anterinre origine Y10 1200 oc. te Dotarigni: javettura.é,datata.di,un.cuneo.di.stazionamente.¢.celativo.contenitore in. materiale, pISSTi6G; sisteriate distro-al Sedileantetiord-sinkgtOr— E inoltre dotata di un cavo bipolare con terra munito di due connettori PALAZZOLI per il collegamento del caricabatterie alla rete 220 V € di un dispositive per il rabbocco dellelettralito. _delle batterie, _ Panda Elettra FIAT 12 Panda Elettra FIAT COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'IMPIANTO ELETTRICO SPECIFICO PER LA TRAZIONE GENERALITA La vettura é costituita principalmente dai seguenti particolari: 17-5. Batterie di trazione, divise in due grupy primo @ formato da una batteria di 10 accumulatori ognuno da 6V nominali ed é@ sistemato nel vano baule. Il secondo gruppo, formato da 2 accumulator é sistemato nel vano motore. 19, Caricabatterie con tensione di uscita di 72V nominali, alloggiato nel vano baule, davanti alla prima batteria di accumulatori. 7. Batteria 12V per I'alimentazione dei servizi tradizionali della vettura e di un gruppo di teledeviatori ausiliari appartenenti allimpianto di trazione. E ubicata nel vano motore sul lato destro. 13. Convertitore corrente continua - corrente continua (DC/DC converter) impiegato per la riduzione della tensione a 72V fornita dalla batteria di trazione, in una tensione di 12V adatta a ricaricare la batteria dei servizi. E sistemato sulla parte anteriore del contenitore delle batterie anterior 12. Indicatore di stato di carica della batteria di trazione, situato sulla plancetta centrale aggiuntiva. " Disgiuntore di emergenza a pulsante peril disinserimento della alimentazione dei circuit di trazione in caso di pericolo, situato anch'esso sulla plancetta centrale aggiuntiva. H-F-V-R. Gruppo teleruttori costituito da: un teleruttore principale (H) per l'inserimento del'alimentazione a 72V per la trazione, un teleruttore marcia avanti/frenatura (F) e due teleinvertiton di armatura rispetto all'eccitazione de! motore (V-R) installati sul pannelio -utoleruttoriy situato-a sinistta-del.contenitore-batterie-anterior: B-C-D-E. “Gruppo di quatiro teledeviaton peril comando e laimentazione dei circuili ditrazione e del convertitore DG/DC, sul pannelio teleruttori. MT.____ Motore ditrazione a corrente continua con eccitazione in serie, da 9,2 KW, flanglato sulla campana frizione. (Regolatos “imotare ¢ 1 Ventilatore per raftreddamento motore di trazione situato ne! vano motore a destra del gruppo accumulatori. 6 ‘Termocontatto per linserimento del ventilatore di reffreddamento motore, situato cul fianco della carcassa esterna del motore (non raffigurato). (E collegato ad un teledeviatore ausiliario situato sulla centralina fusibili e a massa) 20. Termocontatto per accensione della spia “eccessiva temperatura motore" sul quacro strumenti (non ratfigurato). E situato in prossimita del termocontatto (6) per'inserimento dol ventilatore. 22. Cormmutatore a chiave. Panda Elettra FIAT voss-oz4i i \ @ Sia-a-l- e L Panda Elettra FIAT 18. 32. Potenziometro di comando regolazione numero di giri motore situato in prossimita del pedale comando acceleratore sotto il plantone guida. E comandato direttamente dal pedale stesso. Aspiratore dei gas prodotti durante la ricarica delle batterie, applicato diretiamente sul contenitore degli accumulatori posteriori. Presadicollegamento del caricabatterie alla rete 220V ~, pentapolare ditipo"PALAZZOLI" € interruttore automatico di inserimento del caricabatterie, entrambi situati dietro alla calandra ribaltablle anteriore. F19-F20. Due fusibili a lamina da 250A per protezione linea 72V di potenza. Il primo é collegato FSOA, Fre. St. 40. at 28. 29. 34. 35. 44. 24. JF 18... Eusibil, post fra il gruppo accumulator! anteriore e quello posteriore ed fissato sul lato destro de! contenitore degli accumulatori posteriori, Il secondo, collegato a valle del gruppo accumulatori anteriore é fissato sul pannello teleruttori nel vano motore. Fusibili a lamina da 50A per protezione circuitoditrenatura, fissato sul pannello telerutiori nel vano motore. : Fusibile 10A per protezione circuiti ausiliari a 72V, situato nel vano motore, sul pannello teleruttori, Gruppo riscaldatore a benzina tipo "EBERSPACHER’, situato nel vano motore, lato anteriore sinistro. Unita elettronica di controllo del riscaldatore, situate ne! vand motore cruscotto, a sinistra del convogliatore aria del riscaldatore della vetture, Scatola fusibil situata sotto alla plancia strumenti, lato sinistro. Scatola di derivazione +e-72V per linea di ricarica batterie di trazione. Connettore per collegamento del caricabatterie altimpianto elettrico della vettura Gide aa Interruttore comando luci stop e inserimento della frenatura elettrica. Teledeviatore per inserimento ventilatore di raffreddamento motore (1) situato sulla ‘Séatéla fusibi sinistr6. Segnalatore acustico per freno a mano non inserito e porta aperta, situato sulla centralina di derivazione. Intermettitore luci di direzione ed emergenza. Teleruttore lunotto termico (non utiizzato). Serbatoio combustibi'e per riscaldamento abitacolo. Pompa elettrica carburante Nodo di detivazine 12V. Microdeviatore freno a mano inserito. Panda Elettra FIAT I) | LAE FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT Ogni accumulatore @ dotato di due tappi in plastica: il tappo (A) serve per consentire lintroduzione di un densimetro per effettuare il controllo della densita del’elettrolito. Iltappo (B) svolge la duplice funzione di dispositive di rabbocco dell'elettrolito @ di raccolta dei gas prodotti durante la ricarica degli accumulator La raccolta dei gas avviene semplicemente tramite un raccordo di sfiato (C) che sbocca nella cella di ogni accumulatore, Tutti i raccordi sono collegati in parallelo tramite tubi in plastica formando un solo circuito dalla cul parte terminale (F) vengono scaricati i gas. Ii dispositivo oi rabboceo @ invece costituito da un raccordo (D) munito di una valvola (M) comandata da un galleggiante (N). La valvola prowede a intercettare automaticamente il tlusso di acqua Gistillata introdotta durante il rabbocco dellelettrolito, ‘Anche in questo case tutti raccordi sono collegati in parallelo tramite tubt in plastica formando un circuito unico terminante con un raccordo ad innesto rapido (E) fissato lateralmente al cantenitore degli accumulator Ii circuito cosi costituito consente di effettuare il rabbocco simultaneo deil'elettrolito in tutte le celle e di interrompere il rabbocco in modo indipendente quando il livello delfelettfolito in ogni cella, ha. raggiunto il valore prescritto Un apposito indicatore (I) collegato al galleggiante (N) indica che Telettrolito ha raggiunto il livetlo prescritto. 19 Panda Elettra FIAT \\rabbooco del’elettrolito deve essere fatto dopo ave? ultimate il ciclo di carica tramite una tanica in plastica (L) da 201 munita di un tubo alla ‘oui estremita @ collegato un raccordo ad innesto rapido (6) che deve essere innestato @ quello situate sui contenitori delle batterie. tl rabbocco deve essere eseguito posizionando a tanica ad una altezza da terra di almeno 12+ 1,3 min modo da assicurare un sutficiente dislivello tra le batterie e la tanica stesse. Un indicatore di flusso a ventolino (H) & installato sul tubo di mandata. La sua rotazione indica che 3 mnatto Toperazione di riprstino del lvello deltelettroito, Loperazione deve essere eseguita almeno ogni settimand 40 giorni previo controllo del tivello delrelettrolito. Caratteristiche tecniche — Batterie tipo FIAMM 3VR240-6V-185 Ah/5h, -- Tensione nominale: 6V. — Capacit nominate (in 5 ore}: 185 Ah. = Peso per elemento: 31 kg. FIAT Panda Elettra TABELLA A Temperatura (°C) Valori di correzione (kg/l) 50 + 0,140 45. . + 0,105 40 0,070 aB Hadad 0,035 30 0 25 0,035 20 0,070 Seas eee a eat O10 BOE ett tet cot eco tat et ede ee oae eeaesrtaeeeene eee = 0,140 5 . — 0,175 ° 0,210 Correzione della densita in tunzione della temperatura. Densita (a 30°C) in kg/l Stato di carica 1,270 1,240 . 100% della carica 75% della carica 50% della carica 25% della carica 1,190 so 1,160 ed inferiore one praticamente scarica Stato di carica della batteria in ‘unzione della densita dell'eiettrolito. Panda Elettra FIAT LE BATTERIE DI TRAZIONE COSTITUZIONE L’energia necessaria per la trazione é fornita da due batterie di accumulatori al piombo collegati in serie, agniuno dei quali ha una tensione nominale di 6V. I primo gruppo (17) @ formato da 10 elementi ed @ sistemato nel vano baule. Il secondo (5), di 2 elementi, si trova nel vano motore sopra il motore di trazione. Entrambi sono alloggiati in un apposito contenitore sigillato. Gli accumnulatori sono di tipo FIAMM 3EVR240-6V-185 Ah/Sh. FIAT Panda Elettra La carica delle batterie deve essere iatta tenendo presente aicune regole di carattere generale che sono elencate di seguito: +. Tenere sempre presente che durante la carica delle batterie, viene prodotia una miscela di idrogeno ed ossigeno che & altamente esplosiva. Por tale motivo Teperazione ci carica deve essere efetuata allaperto 0 in Un locale ampio pene areato. Inoltre bisogna sempre assicurarsiche l'aspiratore dei gas, situcto sulcontenitore posteriore delle batterie sia tunzionante. 2, £ fatto divieto assoluto di fumare, usare fiamme libere, 0 utilizzare utensili che possano provocare scintile (mole, flessibil, ecc.) in prossimita della vettura. 3. E fatto divieto di eseguire operazioni di manutenzione sulle batterie o sul caricabatterie quando si sta svolgendo la ricarica. 4. Leoperazionidi manutenzione (verifica del serraggio dei morsetti dei poli detla batteria, verifica della continuita dei cavi, verifica dei fissaggi vari del caricabatterie, contenitore ecc.) devono sempre essere eseguite con utensil isolati, evitando nel modo pil assoluto di depositarli tra gil elementi delle batterie. ‘i controllo delfelettrolto deve essere fatto almeno una volta ogni settimane © 40 giomi in occasione ci un eventuale rabbocco, che deve essere fatto con Yapposita attrezzatura in otazione, occorre sempre controllare che 'acqua distiliatafuiseanelle celle degli accumulatori con regolarita Gurante tale operazione oocorte contfollare che non vi siano perdite di acaue dalle tubazioni, specialmente sugli glementi degli accumulator e sul caricabatterie. Eventualmente asciugere cpouratamente tutte le part che si sono bagnate prima i inserie il ciclo di catica. oO 6. Ealtresi imnortante tenere sotto controlio la temperatura dellelettrolito durante tacarica. Essa non deve mai superare i 45°C, pena la deformazione € ‘conseguente distruzione delle piastre -oow-deglt-elementika causapudessere doyle idunaeccessivacorentedi carica: Inquesto case. occorre interrompere Taiiméntazione dete icabatterie finch la teriperaturad Jettrolité rien sia scesa a valor inferior. _ NOTA..Si. intende."bene .areato” un locale .che..consenta un. ricambio di aria di..almeno 10+15 meh. SIENZIONE ~ La eventuale sostituzionedi elementidi batterie nonché qualsiasi manipotazione dei'elettrolite deve essere sempre esequita utiizzando guanti di gomma. Panda Elettra FIAT Da! momento che il caricabattere in dotazione non prevede una regolazione manuale delia carronte, oocorre enere presente che un eventuale surriscaldamento delelettrolito pud essere causato da un difetto funzionale de! caricabatterie che dovra essere pertanto sostituito. Nel caso in cui si riscontrasse una diminuzione della autonomia della vettura rispetto ai valori normalmente riscontrati & consigiiabile, dopo un ciclo di carica completo, disinserire @ reinserire it caricabatterie: si otterra in questo modo un supplemento di circa due ore del tempo di carica. Il Faultato @ una maggiore equalizzazione della carica dei vari ‘element che si traduce in maggiore autonomia. in caso di uso saltuario della vettura che causa una temporanea inattivita delle batterie, si consiglia oi adottare i sequenti accorgiment +. Effettuarelaricarica completa delta batteria, ligiori sual siottenger” Se questa operazione viene svolta in un ambiente con temperatura compresa trai 15 € 1 25°C. 2, Se possibile, mantenere il caricabatterie insert, in questo moc F garantisce linserimento periodico del cicio di ticarica (come descritto nel capitolo “| caricabatterie"). 3. Settimanalmente, at termine della carica, disinserire e reinserire il caricabatterie, come detto precedentemente. li caricamento risulta comunque ulimato quando la densita dali'elettrolito © ja tensione per elemento rimangono costanti, a caricabatterie disinserito, per almeno 1542 ore 4. Per poter ottenere una durata ottimale delle batterie occorre comunqué evitare scariche in esercizio superiori a 80% della capacita nominale. ‘A questo stato cortisponde ad un valore di densité minimo dellelettrolito pari a 1,13 kg. Panda Elettra FIAT IL CARICABATTERIE GENERALITA Le batterie sono caricate tramite un caricabatterie specifico (19) di cui la vetiuraé dotata: @ alloggiato nel vano baule, dietro al gruppo di accumulatori, li caricabatterie é dotato di un display numerico (A) con il quale viene visualizzata la percentuale di corrente che il dispositive eroga alle batterie, dando cosi unainformazione diretta sull'avanzamento del ciclo di carica. Inoltre il dispositive @ dotato di quattro LED con i quali é possibile seguire lo stato di carica delle batterie in modo pid immediato: — Il primo LED, rosso (8), segnala che @ attiva la prima fase di ricarica. ~ llseéondo LED, rosso (C), segnalla che fa ricarica é in gran parte awenuta. ~ IIterzo LED, verde (D), segnala che il ciclo di carica si é completato e che il caricabatterie si 8 automaticamente disattivato, ~ l quarto LED, giallo (E}, ineica una ancmata di funzionamento del caricabatterie che ha portato i suoi componenti ad una temperatura troppo elevata, In questo caso occorre disattivare il dispositivo e sostituirio 2 cenit ' Panda Elettra FIAT Panda Elettra FIAT FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO DI CARICA Dopo 5 secondi dal momento in cui si inserisce tinterruttore Principale (2), l'unit& elettronica di controllo A, prowede ad eccitare i teleruttori K, @ K, . 'teleruttore K, provvede a collegare alla rete 20V jl trasformatore stabilizzatore di tensione (T,). La tensione disponibile sul secondario del trasformatore viene raddrizzata dal ponte diodi (V,), € portata alle batterie di trazione tramite i cavi AZZURRO e ROSSO collegati ad una morsettiera interna. La linea @ protetta dal fusibile (F,). A valle de! ponte raddrizzatore, in serie tra il negativo dello stesso e il negativo delle batterie, & collegato lo shunt (R,) sul quale tunita elettronica di controllo (A,) rileva la corrente di cerica delle batterie. \iteleruttore (K,) @ impiegato per inserire laspiratore dei gas prodotti durante la cerica delle batterie. Se per un guasio accidentale laspiratore dei gas (18) dovesse fermarsi un circuito elettronico (A,) prowede a disattivare il caricabatterie Uunita elettronica (A,) serve per la gestione degli indicatori di carica (display, LED) e pet. tazione dei circuiti elettronici. FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT FUNZIONAMENTO DEL CONTROLLO ELETTRONICO DELLA DURATA DELLA CARICA (TIMER). lt caricabatterie @ dotato di un timer che stabilisce la durata della ricarica in funzione dello stato di carica delle batterie. Il parametro valutato per stabilire il tempo di ricarica é la corrente di canca . Il rilevamento viene effettuato 1 ora dopo l'attivazione del caricabatterie. Iltempo di carica delle batterie é limitato ad un massimo di 16 ore dopo le quali possono verificarsi je seguenti condizioni: 1. Le batterie hanno raggiunto o superato il 75% della carica totale. In questo caso il caricabatterie si disattiva per circa 15,5 ore dopodiché attiva un ciclo di mantenimento (o di ricarica) la cui durata é stabilita dal tempo in cui é stata eseguita la carica principale e dallo stato di carica delle batterie. {ciclo di mantenimento pud durare da un minimo di 1 ora ad un massimo di 2.5 ore circa. Durante il tempo di mantenimento é acceso il led verde (D) indicante “fine operazione di carica principale". 2. Le batterie non hanno raggiunto II.75% della carica totale. {I timer attiva immediatamente il ciclo di mantenimento secondo le modalita descritte al punto te Nel caso in cui venisse interrctta 'alimentazione di rete a 220V, il sistema prowvede a tenere in memoria il programma di caricamento in modo che al ripristino dell'alimentazione tute le operazioni riprendano da dove sono state interrotte 31 Panda Elettra FIAT Panda Elettra ; FIAT COLLEGAMENTI E CABLAGGI Il caticabatterie @ dotato di tre cavi multipolari per i sequenti collegamenti: — Un cavo tripolare (A-M-GV) serve per l'alimentazione 220V del caricabatterie. Esso é collegato direttamente altinterruttore differenziale (2) e quindi alla presa di alimentazione pentapolare "Palazzo" (3) posti nella parte anteriore della vettura — Un cavo bipolare (A-R), facilmente riconoscibile per la notevole sezione dei conduttori, & collegato rispettivamente al polo negativo del gruppo accumuulatori posteriore e al polo positive del gruppo accumulatori anteriore. Allintero del caricabatterie il cavo bipolare & collegato al'uscita del ponte raddrizzatore 72V. Questi conduttori passano attraverso la scatola di derivazione (15) situata sul contenitore delle batterie posterior. — Il connettore a sei vie (16) situato sul lato destro del caricabatterie, serve per collegare quest'ultimo all'elettroventilatore (0 aspiratore) dei gas (18) e a una alimentazione +12V. in particolaré, quando il caricabatterie @ in tunzione i contatti (5 e 6) del teleruttore K1 che sitrova allinterno, provvedono a collegare il cavo (GR) proveniente dal fusibile (F 1) allaspiratore (18) tramite lunita elettronica (A,). . i cavo (AN) non & momentaneamente connesso ¢ termina nella scatola fusibill su una connessione ad una via: 33 FIAT Panda Elettra Caratteristiche ~ Caricabatterie: BENNING tipo FERROTRON 220G 72/20 BFF. — Tensione di alimentazione: 220V~. Tensione nominale di uscita: 72V. = Corrente massima erogabile: 20A. NOTA In occasione di eventuali interventi assistenziali sui circuiti di alimentazione 220V che comportino a sostituzione della presa di collegamento “Palazzol" (3) 0 dell'interruttore ditferenziale (2) occorre prestare la massima attenzione ai simboli prodotti sui morsetti, al momento del riallacciamento dei relativi cablaggi, in modo da non pregiudicare lincolumita Gi chi opera sulla vettura. Sui dispositivi in oggetio sono riportati i seguenti simboli: Presa 220V (Palazzoli) . Interruttore differenziale 1 Nee 3 | (Linea) = ingresso 220V ~ Ar = 220V ~ + =Terra 2 | (Carico) = uscita 220V ~ $2 = Ponte 4 13 = Ponte Panda Elettra FIAT Panda Elettra FIAT — ar ns ROR na RIO RS ne e fara as a7 tt tye ‘op ttt ABR anda MG AR | aolanin | | | 28 |. 24 (ri pia jes? a7, stor, ¥] wy ) a Ea a) ee 1 cris I, | 14 Tt i, | Or, Om, a (eae oot, par) HG on ih 23 I pus.cow Ir al Panda Elettra FIAT IL CONVERTITORE DC/DC GENERALITA {i convertitore di corrente continua (DC/DC converter) (13) € un dispositive che prowvede a ridurre latensione di 72V, delle batterie di trazione, a una tensiane di 12V che viene utilizzata pera ricarica della batteria dei servizi (7). € installato sulla parete anteriore de! contenitore batterie anterior. La ricarica della batteria 12V awviene sia durante la ricarica delle batterie di trazione, sia durante la marcia del veicolo, quando il commutatore a chiave é inserito nella posizione MARCIA. 39 Panda Elettra sa FIAT Panda Elettra FIAT auto seMems 1 eae was aeihie tt ttt fade 29 28 Be)/ Bul |& 4 : = rj | = Sine ne CB eme \ | Posi vent. cu 1 i csuqy SNP St Ree Nano MAREE it | PLAFON 53 Panda Eletira FIAT RICARICA DELLA BATTERIA 12V CON COMMUTATORE A CHIAVE IN POSIZIONE MARCIA Girando il commutatore a chiave in posizione MARCIA, si ottiene I'eccitazione del teleruttore (B) tramite il positive 12V presente sul cavo (AN). | positivo a 72V presente sul fusibile F20 da 250A passa attraverso il disgiuntore (11) e tramite i contatti chiusi del teledeviatore (B) viene portato sul'ingresso del convertitore (13) Lo stesso contatto del teleruttore (B) prowede inoltre ad alimentare le bobine del teleruttore di frenatura (F), dei teleinvertitori di armatura del motore (V e R), l'elettronica del chopper (pin. 22) e tindicatore di carica delle batterie (12) tramite i contatti chiusi del teleruttore (D). La linea & protetta da un fusibile da 10A (F18) situato sul pannelio teleruttori Lluscita del convertitore 12V @ connessa direttamente ai poli + e — della batteria servizi (cavi Re N). Nel caso in cui dovesse veriticarsi una anomalia di funzionamento, il convertitore prowede ad accendere la spia “anomatia impianto di ricarica” ($1) posta sul quadro strumenti (10) in modo anaiogo al sistema utlizzato per gl alternator nelle veture citipo tradzionale. La spia é colegata al convertitore tramite nee {AH}. Quando Il commutatore a chiave @ insefto in posizione MARCIA la spia “enomalic impianto ¢i ticarica" emette una breve lampeggio: cid é da ritenersi perietiamente normale e pud essere sinonimo di buon funzionamento del sistema Quande il converttore é attivato, la tensione misurabile sui morsetti di uscita (cavi Re N) deve avere "43,043, 0 49,0--13,3Y cipcidente dail n f temente vera accesa'ta'spia” “strumenti. = a 27 8 fase ees YY = Panda Elettra _ Se FIAT ALLO SCHEMA 4 A fee none, Lepnanistl cs wed \ coe 29 28 24 A y ") Gal [8] Bell Le, a GR ck | 44 | I SSS ‘: | BeOY, pO OR OF Oar | ||| BO] Po ee ee ‘ | ced fa ae +INTIA | Rava WMT Sree saree eh prereeeere had | 7 En RN ce cea [ete som - | tact eukne! a. mscnwenro *| ee RIN" RISCALDAT. | wassa rost sa Panda Elettra FIAT RICARICA DELLA BATTERIA 12V DURANTE LA RICARICA DELLE BATTERIE DI TRAZIONE, ED ESCLUSIONE DEI CIRCUIT! DI POTENZA Inserendo il connettore pentapolare PALAZZOLI (3) che collega alia rete 220V il caricabatterie, si ottiene leccitazione dei due teleruttor! (De E). Le due bobine dei teleruttori sono infatti collegate ad un positivo 12V proveniente dalla batteria tramitei cavi (GR) eal puntodi massa (27) situato nel vano matore, con i cavi (AH) (M) collegati tramite il ponte del connettore stesso. | contatti chiusi de! teleruttore (E) provvedono a collegare nuovamente il positivo 72V, prelevato a valle dei usibili da 250A (F20) 6 10A (F'18) all'ingresso + del convertitore (cavo RN) mentre I contatti delteledeviatore (D), aprendosi, escludono talimentazione delle bobine del teleruttore di frenatura (F)e déiteleinvertitori (Ve A) in modo che la vettura non possa essere movimentata durante la fase di ticarica delle batterie. Caratteristiche — Convertitore: DC/DC marca ZAP!, tipo 72/12W — 200W. — Tensione diingresso massima: 100V. — Tensione diuscita massima: 14V. ~ Corrente di ticarica (media): 6A. — Corrente massima erogabile: 20A. : : eminem Panda Elettra campo agnetico Panda Elettra FIAT 1L MOTORE ALCUNI CENNI TEORICI SUL FUNZIONAMENTO DEL MOTORE A C.C. La rotazione del motore a.c.c. @ dovula alle forze elettromagnetiche che un campo magnotico prodotto dai poll induttori statorci esercita sui condutori delfindotto, percorsi da Gorrente elettrica In figura (A) & rappresentato schematicamente un motore a ¢.c. bipolare. Quando il senso della corrente di eecitazione, quindi il nome dei poli dellinduttore e il senso della corrente che percorre rrdotto sone quell indicat, le forze agenti sui concuttor delia via interna di sinistra tendono a far Irotareil rotors in senso orario; contemiporaneamente le forze agent sui conduttor della viainterna didestra, tendono anch’esse afar ruotare lindotto nello stesso senso, perché questi conduttoni, pur secondo peroorsi da correnti aventi senso opposto, si trovano affacciall ad una espansione polare cineme contratio, Si produce quindi una coppia motrce. ll eolettore fa si che la corrente si inverta ‘nun condultore quando passa in corrispondenza della spazzola, per cul si riproducono sempre le steese condizionirappresentate dalla figura: lacoppia manterra sempreo stesso senso @ se questa @ superiore alla. coppia resistente, applicata al motore, la rotazione continuers. . € owio che sei inverte 0 soltanto il senso dela corrente di ecctazione.0 solarta quelio della corronte deltindot{6; a totazioné avviene in’senso contrario. La copia motrice (Cm) covuta alla’ risultante delle ferze che agiscono sui conduttori é: Cm=Kt+o-la dove (®) & jl luéso.generaito da ogni polo; (Ia) é la corrente totale. che circola nellindotto.e (Kt) & una costante che diperide dalla costruzione del motore stesso. ‘ Per effetto della rotazione dei condutigrnel campo magnetica si genera in essi una forza elettromotrice indotta chiamata forza controelettromotrice (f.c.e.m.) essendo diretta in senso iqvalla-tensione-epplicalas: \lvalore della risultante di questa f.¢.0.m. ai capi delfavvolgimento indotto civ® alle spazzole é EB (Volt) =ken+@ ‘azione e (kj una costante dipendente dalle caratteristiche del'avvolg dove (n)élave indotto. a Latensione applicata (V) deve controbilanciare latensione (E) pit alla tesistenza dellavvolgimento indotto: Si avra quindl: VoE+Rasla Esprimendo la coppia motrice (Crn) in joule/radiante e la velocita i rotazione (n) in numero di giti ai minuto, la potenza resa dal motore (P) sara: 2ilen P (Watt) = ——--- Cm 60 FIAT Panda Eletira ve ic dai van tipi di motore a corrente continua. Come per i generatori di c.c, anche per i motori gli awoigimenti di eccitazione possono essere percorsi da tutta o da una parte della corrente assorbita dalla linea di alimentazione dell'indotto oppure dalla corrente di una alimentazione separata. | motori a c.c. sono pertanto classificati secondo il collegamento e le caratteristiche del circuito di eccitazione, per cui si avranno: ~ Motori con eccitazione in derivazione. ~ Motori con eccitazione in serie. — Motori con eccitazione mista 0 composta. ~ Motori con eccitazione separata. Non tratteremo in questa sede i motori con eccitazione in derivazione, mista e separata poiche questa monogratia non ha owiamente lo scopo di ilustrare le caratteristiche e il funzionamento di tutte le macchine elettriche. Possiamo dire, a titolo puramente informativo, che i motor con eccitazione in derivazione henno caratteristiche elettromeccaniche tall da trovare applicazione in tutti quei casi nei quali si richiece una velocita pressoché costante, anche al variare del carico come macchine utensil, pompe centritughe, laminatoi ece. ece. Mentre quelli con eccitazione composta trovano applicazioni ove & richiesta una forte coppia di spunto e una non grande diminuzione della velocita sottocarico. E questo i caso dei carichi fortemente e bruscamente variabili con intermittenza come per esempio nelle cesoie, nelle piegatrici, nelle pompe a stantutfi ecc. | motori con eccitazione separata vengono impiegati in tutt quel casi ove occorra una grande iiessibiiita oi funzionainento, specidiménie in uinione a grippi di regolazionie. Date le loro caratté- -fistiche.costrottive, questitini di macchine.possono, avere. cost sensibilmente magcior di quell “illeetiali preséderiteménte: = ‘Signs snncr va : = Daremo quindi alcune indicazioni generali sul funzionamento del motore eccitato in serie di cui appunte la Panda Elettra é dotata. a Panda Elettra FIA] In quesio tipo ci motore i circuiti di incotto e Gi eccitazione sono cciegati in serie (fig. B) lav- volgimento di eccitazione ha un numero di spire relativamente piccolo, formate da un conduttore di sezione tale da poter sopportare lintera corrente assorbita dallindotto. |! flusso induttore @ quingi approssimativamente proporzionale alla corrente delindotto (Ia) percid la coppia @ proporzionale al quadrato della correnie delf'indotto (qualora si trascurino gli effetti della saturazione e della reazione di indotto): Cm=Kt+@+la ne consegue che un aumento della coppia comporta un aumento di corrente relativamente modesto. In funzionamento, un aumento di corrente dovuto ad un aumento della copia, produce anche un aumento di flusso; percid la velocita deve diminuire in modo che la f.c.e.m. prodotta soddisti le eguaglianze: E (Volt)=Kene® VaE+Ra-la Ne deriva una caratteristica meccanica a velocita variabile. a Ai bassi carichi iltlusso & debole perché & piccolo il valore ci corrente dell'indotto per Gui la velocité aumenta, viceversa quando il carico applicato é elevato (esempio allo spunto) il flusso @ intenso perché la corrente di indotto é elevata. Cid fa si che si produca una forte coppia motrice che é una delle caratteristiche pil salienti di questo tipo di motore. Fig. A Schemadi principio di un motore bipolare ac.c. L'avwolgimento indotto (AF disposto alla periferia del rotore) @ sudciviso eletticamente dale spazzole (Sp) situate sul plano porpendicolere allace. detzol att fra fore in parallels, chiamate vie interme, peroorse da correnti pposte (Ie croceteindicano le cacche delle frecce cine venti Sntrantinel plano del foglioss puntini-le-punte delle frecce cioé correntiuscenti<; dirette verso |'osservatore). Le frecce lunghe indicano I'andamento del campo magnetico (generato dallavvolgimento induttore AS polare statorico); quelle corte, le forze che esso esercita sui condutton rotori In B) motor a.c., eecitazione in serie: As rappresenta lavyolgimento di eccitazione in, series Ar-lawolgimento di airhatuta percorso dalla corrénife Ta. In C) diagramma delle caratteristiche meccaniche in funzione della corrente I t Cm=coppiamotrice; P=Potenzaerogata; n= numero digiri dellindotto;n =rendimento. FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAI \LMOTORE Dl TRAZION 1 motore di trazione (MT) 2 di!9 8 corrente continua, con eccitaziene inserie, in grado di erogare una potenza nominale di 9.2 KW (12,5CV) e una COPPIa nominate di 36 Nm (~3.5 kgm) & 2500 girl! min. 1\ motore @ sigiato TTL 180C ed & costruito dalla THRIGE TITAN ELECTRIC. II motivo per cul stato scelto UN motore con eccitazione sere @ dovuto alle sue caratteristiche elettromeccaniche che lo vendono particolarmente adatto ad essereimpleg2to Per Jatrazione. Iniatti \e applicazioni tipiche ci questo motore sone quelle per le quali sono * chieste una elevata coppla di spunto e una velocita Variabile tra le quali appunto ja trazione per veicol. | motore della Panda Elettra a figsato direttamente SU Un coperchio specifico in alluminio tramite pulloni. Lestremita deltindotto & muito di un cone in cui é piantata una flangia che support it complessivo frizione. Ht Laparte posteriore & invece Goperta da una calotta metalice gulla quale ci soni quattro morse che costituiscone le parte Terminale degl evvorgimentl Ch cocitazione e ci armature | morgetti sono contrassegnatl on AeA, per rawolgimento di armature ¢ b, 2D, per quello dt eccitazione. La calotta inattre ricopre i caletiore e quattro coppie di spazzole che possono essere sostitune 010 Staccando it motore dalla verter? (Le norme di revisione Sono riportate sul manuale Per le FIAT Panda Eletira Panda Elettra FIAT RAFFREDDAMENTO Hl motore & munito di un sistema di raftreddamento a ventilatore centrifugo (1) situato ne! vano motore. Il ventilatore @ collegato ai contatti normalmente chiusi di un teledeviatore (A) la cui bobina & alimentata da un +12V quando si inserisce il commutatore a chiave in posizione MARCIA. Il teleruttore (A) é installato sulla scatola fusibili (14). Ltaltro morsetto della bobina é collegato a massa tramite i contatti normalmente chiusi ci un termocontatto (6) awitato direttamente sulla carcassa del motore. Nel momento in cui si gira il commutatore a chiave in posizione MARCIA si ottiene l'eccitazione del teledeviatore (A) e apertura dei suoi contatti, che interrompono |'alimentazione al ventilatore. Quando la temperatura del motore raggiunge un valore ci circa 65°C, il termocontatto si apre ciseccitando il teledeviatore (A) il quale, chiudendo i contatti (30 e 87) provaca linserimento det ventilatore (1). Nel casoin cuila temperatura motore dovesse ulteriormente salire, al raggiungimentodi 102°C cir provoca la chiusuta di un, secondo termocontatto (20) installato anch’esso sulla carcassa del motore, il quale provvede a collegare a massa la spia di segnalazione “eccessiva temperatura motors" ($2), situata sul quadro strumenti (10). Caratteristiche 1 Tipo TTL180C corrente continua eccitazione serie. 9.2KWI2SE-CY) Nm (3,5 kgm). Coppia nominale Giri corrispondenti = 2500 giri/min. ’ Potenza Tidssimia in sovraccatico temporaneo: 14 kW (19,04 CV). =. Copia in savraccarico: 72 Nm (7.2.kgM)...~ : 800 giriimin. ' ~ Giri corrispondenti = Regime di rotazione massimo continuativo = 5000 gir/min. — Resistenza dell'awolgimento di eccitazione: 0,132. = Resistenza dell'awolgimento di armature: 0,120. — Raffreddamento ad aria con ventilazione forzata attivata tramite un sensore termico montato sulla carcassa esterna. FIAT Panda Eletira Panda Elettra / ALLO SeHEMA 1 ENG 9 RIO FO tit i PLAFON.S 725 naa ee eo wane ene tas eae ‘ikon. EnIave 38) i FIAT Panda Elettra FIAT | CIRCUITI DI POTENZA FUNZIONAMENTO 1i polo positive della batteria di accumulator posteriori collegato ad un fusibile a lamina da 250A (F19) posto sul contenitore della batteria (17). Al tusibile & collegato un cavo nero, che passa sotto il pianale della vettura e raggiunge il polo negativo della batteria di accumulator anteriore (5). Iipolo postive della batteria anteriore @ collegato ad un'altro fusibile da 250A a lamina (£20). | due fusibil realizzano cosi una doppia protezione della linea i potenza, in particolare (F 19) protegge Ie batterie posteriori da un eventuale cortocitcvito del cavo n* 7 che collega in serie i due gruppi di accumulator, mentre (F20) interviene se si verifica un cortocircuito 0 un sovraccarico di notevole entita sul ircuito di potenza compreso tra le batterie anterior e i motore. Alfusibile (F 20) @ collegato jl cavo n° 8 che porta la tensione di 72V ad un contatto del teleruttore principale (H) che & situato sul pannello teleruttor e fusibil posto su! lato sinistro del contenitore delle batterie anteriori, Alpolo + delle batterie anterior é inolire collegato Un cavo (R) che proviene dal caticabatierie (19) e serve per portare il +72V per la ticarica. 1A valle del fusibile da 250A (F20) é-collegato un cavo (G) che porta la tensione a 72V per alimentazione delle bobine del teleruttore di trenatura (F), dei teleinverttori di armatura (V, R), del convertitore DC-DC ¢ dellindicatore ci stato di carica delle batterie (12). La Jinea & protetta dal fusibile (F18) da 10A, posto sul pannello teleruttor\ Avalle del usibile (F18) 8 collegisto il disgluntore ci emergenza (11) situato sulla plancetta centrale, iI quale se non & premuto, porta la tensione @ 72V su un morsetta della bobina Gel felerutiore principale (H) predisponendolo all'eccitazione. atore.( ‘one MARCIA: ece colleaata il contatto normalr dorset Inserisce if commutatore:z Quando il teleruttore (B) é eccitato, la tensione di 72V viene inviata allingresso + del convertitore DCIDC (13) il quale provwede alla ricarica della batteria ausiiaria a 12V eisoluntore & ny Ve in pos 65 FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT FIAT Panda Eletira Lingresso — 72V dei convertiore & coilegato direttamenie sui tusibiie (F50A) e quindi ai pcio negativo della batteria ci trazione tramite la barra B~ det chopper (9). llteledeviatore (B) quando é eccitato, alimenta pure il contatto narmatmente chiuso del teledeviatore (D) il quale porta la tensione a 72V alle bobine del telenuttore di frenatura (F) dei teleinvertitori di atmatura (V, R), al morsetto (4) dellindicatore di stato di carica della batteria e all'elettronica del chopper (terminale n° 22). | contatti del teledeviatore (D) sono chiusi se la bobina non é eccitata. L'eccitazione della bobina di (D) awviene sottanto quando si inserisce fa spina pentapolare "PALAZZOL (3) tramite un ponticello interno. Nel momento in cuiil chopper viene alimentato dalla tensione a 72V (sul terminale n° 22) si ottiene eccitazione del teleruttore principale (H), del teleruttore di frenatura (F) € del teleinvertitore di armatura (V). In particolare, un contatte ausiliatio del teleruttore principale (H) provvede a collegare i terminali (4 e 5) del chopper predisponendolo al funzionamento. I! diodo collegato in paraltelo alta bobina del teleruttore (H) serve per sopprimere le extratensioni che potrebbero danneggiare i circuitiinterni cel chopper a cui @ collegata. Quando ilteleruttore di marcia avanti/trenatura (F) @ eccitato, il positive 72V viene inviato al morsexe {A2) dell'armatura tramite uno dei contatti chiusi del teleinvertitore (V) (cavo n° 12). Contemporaneamente, altro contatto chiuso di (V) collega il morsetto di armatura (A1) con T'altro morsetto dell'eccitazione (D1) tramite ilcaye N° 11, tealizzendo| intal medoun collegamente in serie trai due avvolgimenti. ii morsetio delteccitazione (3) 6 infine collegatovalla barra (N) del chopper tramite il cavo n° 10. In queste condizioni, premendo il pedale acceleratore, il motore pud entrare in rotazione. 66 FIAT a2ovw Panda Elettra FIA’ Panda Elettra Panda Elettra | | | Levi es f Fa 7 sans Aa eee ui is , AIT i 29 28 i $790) FF 1! 1) ' fee : so} Bt esl | | | 14, i | oH Ie | | | Fa Fe iN F12_ Gao POSIZFIS we ane op CO, CO Le Oy Oe PE ORI et cayene teens || | tt | 3 ate OY OR iad (HL HATS % a a iit Whi it an i | a | aye an lilt ' | \ ea) Coa ANSE UCI ENERS. FIAT Panda Elettra FIAT al microinterruttore lI teledeviatore (C) serve per axivare ia frenat per il comando luci stop (8) tramite il cavo (R). Quando il teledeviatore (C) & eccitato, i suoi contatti collegano il terminale (6) con il terminale (8) del chopper il quale prowede a diseccitare il teleruttore di frenatura (F), ilteleinvertitore di armatura (V) ead eccitare il teleinvertitore (R) In questo modo siottiene linversione di collegamento dell'armatura rispetto all'eccitazione (morsetti A2con D1)é e il collegamento del morsetto At con la barra (B-) del chopper tramite i cavi n? 2-3 e il fusibile FS0A. Il citcuito si predispone cosi ad effettuare la frenatura elettrica del motore come verra descritto in dettaglio nel capitolo seguente, nel quale verra trattato il funzionamento del chopper, che concorre appunto ad effettuare questa operazione. Panda Elettra FIAT 2 e@vquipgl dimants Panda Elettra FIAT IL CHOPPER PERCHE IL CHOPPER Come accennato in precedenza, il CHOPPER é il dispositivo elettronico che consente di regolare la corrente assorbita dal motore di trazione e quindi il numero di giti deil'indotto. Chopper @ un termine inglese la cul traduzione letterale-@ "“Tagliatore" 0 “Troncatore". Questo termine esprime perfettamente la funzione principale che questo dispositive svolge cio’ quella di “gpezzettare” una tensione continua in un segnale avente una forma d'onda rettangolare a cui pud essere variato il tempo durante il quale la tensione assume il valore massimo (t1), rispetto a quello. in cui assume il valore minimo (12). Questo genere di segnale si rende particolarmente adatto a regolare meglio l'energia dissipata da un carico, variando il tempo durante il quale avviene la circolazione di corrente. Perchiarire meglio tale concetto, consideriamo un motore elettrico, (M) i cui morsetti sono collegati rispettivamente ad una tensione continua V+ e a massa tramite unseostate (R). Quando Il reostato & nella posizione A la corrente che citcola nel motore @ massima perché massima @ la tensione applicata ai suoi morsetti. - Si otfiene la rlassima produzione di flusso d'induzione é quindi massima é la coppia motrice prodotta. Se questa é maggiore delle coppia resistente, Costituita dai carico del motore, lindotto si mette in rotazione. she late if i hasoloinariduzione'del : magnetico prodotto con una riduzione della copia motrice che consente di ottenere una diminu- zione del numero di giri con una certa progressivita. . ~-Maquando la riduzione diterisione’e quindidicorrente supera tin certo Valoré, la riduzioné det tlusso~ di induzione diventa tale per cui la coppia prodotta non é pits in grado di vincere la copia resistente re:inisotazione it motore:(vedidiagrarima ib-figiitay wear eas. Diminuendo in modo progressivo V, oltre ad un certo limite la coppia-moirice (Cm) non é pit sufficiente a vincere la coppia resistente. 7 FIAT Panda Elettra V+ Fig. A Panda Elettra FIAT Se sostituiamo il reostato con un interruttore (fig. A) quando questo @ chiuso si ottiene lo stesso effetto che si aveva con il reostato nella posizione A: intera tensione é applicata ai morsetti del motore, quindi la corrente @ massima e massima la coppia motrice. Se linterruttore viene ciclicamente chiuso e aperto (per esempio 0,5 secondi chiuso ¢ 0,5 secondi aperto) si otterra sul morsetti del motore una tensione 12 cui forma d'onda ha tandamento rappresentato nel diagramma (B) In queste condizioni si ha LA MASSIMA CIRCOLAZIONE Di CORRENTE e quindi LA MASSIMA COPPIA MOTRICE per un tempo che é la meta di quello che si avrebbe con \'interruttore sempre chiuso. Non si ha quindi una riduzione della coppia motrice ma soltanto una tiduzione del tempo in cul questa viene a manifestarsi (diagramma C). Il figuttato 8 quindi solo una riduzione det numero di giti dovuto all'opposizione della coppia resistente alla coppia motrice nel periodo in cui quest'ultima é nulla. ll chopper parmette appunto di controllare la rotazione dellifdotto dei motore nel modo descritto, fiducendo i! numero di giti senza penalizzare entro cert Jimiti la cOppia motrice. 79 FIAT Panda Elettra i MOS—FET ae COLLETTORE TRANSISTOR NPN EMETTITORE Ib~wcc Ice Icollettore DRAIN ape GATE kK fk MOS ~ FET SOURCE Panda Elettra FIAT COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO Nel chopper della Panda Eletira, la funzione dellinterruttore riportata nell'esempio precedente & svolto da una serie di particolari transistors chiamati MOS-FET (fig. D). Questo nome & costituito dalle iniziali deiterminiinglesi"Metal oxide semiconductor- fieldettecttransistor’ cio’ semiconduttore a ossido metallica - transistore ad elfetto di campo. ‘Semiconduttore ad ossido metallico (MOS) @ un termine che indicail procedimento tecnologico con cui questi tipi di transistor sono costruiti Transistor ad effetto di campo (FET) indica, per cosi dire, i! principio su cui il semiconduttore lavora. Tralasceremo la descrizione in dettaglio di questi componenti perché risulterebbe alquanto complessa e sarebbe in questo caso priva di interesse pratico. Possiamo dire, in linea di massima, che il FET ha un funzionamento analogo ad un transistor a giunzione (NPN o PNP) con caratteristica ci poter controliare correnti di notevole intensita tramite segnali di comando consi- derevolmente deboli NOTA Alcontrario ciun tradizionale transistor a giunzione dove la corrente dibase @ proporzionale alla corrente ci collettore, la corrente che passa tra “drain” e “source” (tali sono inémi degli elettrodi del FET corrispondenti al collettore ed emettitore) non influenza minimamente il segnale applicato al "Gate" (elettrodo corrispondénte alla base} in quanto i passeggio di corrente tra "drain" e “source” é controllato da un debole campo elettrico prodotio dal + segnale Gi pilotaggio applicato al gate (fig. E). f FIAT OSCILLATORE 18 KHz wR kK F-4 wos-Fer Panda Elettra +72 oR Fig. F Panda Elettra FIAT Nel chopper ci sono 16 MOS-FET collegati in parallelo, i quaii sono in grado di sopportare lintera corrente che pud essere assorbita dal motore, | drain sono collegati alla barra N del chopper la quale @ collegata, tramite ii cavo N° 10 al morsetto D2 dell'awolgimento di eccitazione del motore. | source sono invece collegati alla barra B- quindi al negativo delle batterie di trazione (fig. F). | FET sono pilotati da un segnale a onde rettangolari, con frequenza di 18 kHz, generato da un oscillatore interno e il rapporto tra il tempo in cui il segnale @ presente (t1) rispetto al tempo in cui il segnale @ assente (12) pud essere variato da 0a infinito (Fig. G) tramite un potenziometro esterno da 5 kQ (4) collegato ai terminali 11, 24 e 12 del chopper e comandato dal pedale acceleratore Ne consegue che pud essere variato iltempo di conduzione dei FET rispetto al tempo diinterdizione, analogamente allinterruttore presente nel circuito visto per descrivere il principio di funzionamento, riportato nella fig. D. .Nel chopper esiste infine una serie di 6 diodi di recupero (DR) collegat in parallelo, icui anodi so... collegati alla barra N e i catodi alla barta B+: essi servono per il recupero di energia in fase di frenatura del motore come verra descritio tra breve. rerrr Ty 42845 67 8 81d trie 49 FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT PREDISPOSIZIONE DEL CIRCUITO DI POTENZA AL FUNZIONAMENTO Come gidé stato accennatoin precedenza, nel momentoin cui si inserisce il commutatore a chiave in posizione MARCIA si ottiene tramite i circuiti elettronici del chopper, l'eccitazione del telerutiore di marcia avanti/frenatura (F) e del teleinvertitore di armatura (V). Con il contatto chiuso di (F) e uno dei contatti chiusi di (V) la tensione a 72V viene applicata al morsetto (A2) dell'armatura tramite il cavo n° 12. |i morsetto (A1) del'armatura viene collegato con un secondo contatto del teleinvertitore (V) al morsetto (D1) del'eccitazione tramite il cavo n° 11, realizzando cosi un collegamento in serie tra armatura ed eccitazione. iI morsetto (D2) delleccitazione @ infine collegato permanentemente alla barra N del chopper tramite il cavo n° 10. Alla barra Ne alla barra 8~ del chopper sono collegati rispettivemente i DRA ei SOURCE dei MOS-FET. FIAT Panda Elettra FIAT ACCELERAZIONE E RILASCIO Nel momento in cui viene premuto il pedale acceleratore, viene azionato il potenziometro da 5k (4) il quale prowvede ad attivare Hoscillatore che genera il segnale ad onde rettangolari per il pilotaggio dei MOS-FET. Se lacceleratore & poco premuto, loscillatore genera onde rettangolari dove il rapporto presenza/ assenza di segnale (11/12) 8 piccolo. Breve é dunque jl tempo ditotale conduzione dei FET rispetto al tempo di totale interdizione e quindi breve iltempo durante il quale la massima corrente assorbita circola negli avvolgimenti del motore Basso sara quindi il numero di giri dell'indotto. Aumentando progressivamente l'accelerazione si ha un aumento proporzionale del rapporto t1/t2, conseguentemente aumenta il tempo di conduzicne dei MOS-FET e il numero di giri de! mote Quando i! pedals acceleratore viene ritasciato, loscillatore del chopper si biocca e i MOS-FET vengono [nterdetti. E cosi interrotta la circolazione di corrente nel motore. FIAT Panda Eletira se di rilascio, lindotio del moisre continua a girare, trascinato dallinerzia della vettura e in queste condizioni il motore diventa un generatore di corrente continua, La possibilita che un motore di questo tipo diventi generatore, nonostante 'assenzadi alimentazio- ne agliavvolgimenti di eccitazione é dovutaalla presenza di un certo magnetismo residuo residente nelle espansioni polari deltinduttore, perilquale civentano magneti permanenti.Ilflusso magnetic prodotto, seppure di modesta entita, é in grado di eccitare la machina. La tensione generata @ proporzionale allintensita di tale flusso magnetico, al numero ci giri det rotore e lacorrente ha un senso opposto a quello che ha quando la macchina tunziona come motore. In realta, la tensione generata dalla machina, quando funziona nelle condizioni suddette, non pud mai raggiungere il valore della tensione nominale di funzionamento del motore (in questo caso 72V) perche il flusso prodatto dal magnetismo residuo non pud mai avere una intensité pari a quella rrodotta dagli awolgimenti di eccitazione, quando sono percorsi da corrente. Tuttavia 6 possibile recuperare, entro ceri limiti, 'energia di un motore a corrente continua con eccitazione in serie, tramite alcuni accorgimenti che consentono di sfruttare la forza controelettromotrice prodotta dagli awolgimenti del motore. ll recupero di energia awiene durante la fase di frenatura di cui parleremo tra breve. eS & Panda Elettra FIAT NOTA Lecaratteristiche elettriche di un motore in.c.c. con eccitazione in serie non gli consentireb- bero comunque di funzionare come generatore in grado di restituire energia elettrica alla linea (in questo caso alle batterie), neppure se si lasciasse collegato alla alimentazione. Infatti, occorrerebbe che la tensione prodotta fosse superiore alla tensione ai alimentazione e cid potrebbe awenire solo se il rotore raggiungesse un numero di giri elevatissimo. Se si osserva il grafico della fig. C a pag. 52 i intuisce che aumentando il numero di gir, diminvisce la corrente assorbita e percid diminuisce il flusso: se il numero di giri potesse raggiungere un valore tale per cui la tensione generata diventa uguale alla tensione di alimemazione, la corrente si annullerebbe e consenguentemente anche il flusso prodotto. 89 [I g [F FIAT Panda Elettra FIAT FRENATURA Sié detto che durante la fase di rilascio il miotore si comporta come generatore in virt diun debole flusso magnetico residente sulle espansioni polari dell'indotto e delt'eccitazione. Sid pure dotto che la tensione generata non é sufficientemente elevata da produrre una corrente contraria a quella che si ha durante il funzionamento come motore, adatta a ricaricare le batterie. pord possibile siruttare la corrente generata dalla machina elettrica per la frenatura e entro certi limiti, @ pure possibile recuperare una parte di energia prodotta per ricaricare le baiterie. Questo si ottiene invertendo i! collegamento di armatura rispetto alfeccitazione in modo che il motore, quando funziona come generatore, produca una corrente avente un senso uguale a quello che ha quando funziona come motor, Cortacircuitando contemporaneamente i morsetti del motore si otfiene una elevata citcolazione di corrente di cortocircuito la quale produce un flusso tale costituire un energica coppia resistente, con conseguente frenatura dell'indotto. Quanda si preme il pedale del freno, il chopper provvede quindi a: ~ Diseccitare il teleinvertitore {V) e ad eccitare il teleinvertitore (R) realizzando l'inversione di collegamento deli'armatura rispetto all'eccitazione {morsetto AZ con D1). A diseccitare pure il teleruttore marcia avariti/Frénatura (F) in modo da ottenere il collegamenio.a massaiil morsetto dell'armatura At ~ Riattivare foscilldtcre in modo chei MOS-FET entrinoin conduzione realizzando uncollegamento trai morsetti D2 del'ectitazione e At dell’armatura, tramite i! circuito di frenatura, protetto dal fusibile (F50A). FIAT Panda Elettra RECUPERO DI ENERGIA Quandoi MOS-FET vengono riattivati, non sono mantenuti in piena conduzione per tutto il periodo di frenatura ma sono pilotati dal segnale a onde rettangolari generato dalloscillatore, il cui rapporto (presenza/assenza) t1/2 é stabilito dalla tensione generata dal motore in fase di frenatura e dalla corrente circolante. Quando i MOS-FET sono in conduzione (tempo t1) si ha quindi la frenatura secondo le modalité descritte precedentemente. Quando i MOS-FET sono in interdizione (tempo t2), cio quando interrompono bruscamente la circolazione di cortente nel motore, gli awvolgimenti del motore stesso producono una forza controelettromotrice il cui valore @ tale da superare la stessa tensione di alimentazione e con una correnteche halo stesso verso di quelia che circola nel motore durante la frenatura. Questa corrente prodotta viene quindi recuperata sulla barra N del chopper e convogiiata direttamente alle batterie di trazione attraverso i diodi di recupero (DR) tramite la barra B+. Per inire il chopper é ancora dotato di un circtito elettronico che svolge alcune funzioni di sicurezza, disattivando la trazione quando: La tensione di batteria scende sotto i 40 volt circa. Si verifica una interruzione del potenziometro acceleratore. I Si verifica un cortocircuito sui MOS-FET.. =, ll clreuito.del matore siinterrompe : foes Lo stadio finale di potenza va in sovratemperatura. ATTENZIONE | choppérs che équipaggiané le vetture appartenent alla fase 2 non sono intercambiabili con quell __della fase 1, pertanto, in occasione ci una eventuale sostituzione, accertarsi che il numero, ci identificazione per la fase 2, inizi con la lettera B. =, CHOPPER B01 92 Panda Eletira FIAT Panda Elettra FIAT L'IINDICATORE DI STATO DI CARICA DELLE BATTERIE DI TRAZIONE GENERALITA E COLLEGAMENTI E fondamentalmente uno strumento in grado di visualizzare lo stato di carica delle batterie tramite una serie di 10 led, misurandone la tensione. Lo strumento (12) & fornito dalla BENNING. |I dispositivo @ collegato allimpianto tramite quattro morseti. | morsetti 1 @ 4 sono collegati al +72V con i morsetti delle bobine dei teleruttori (F, V, R) e sono alimentati conseguentemente, dai contatti del teledeviatore (B) da quelli del teledeviatore (D) normalmente chiusi, quando si inserisce !a chiave in posizione MARCIA. | morsetto (2) @ collegato al -72V direttamente nel caricabatterie. Ui morsetto (5) & collegato al terminale (21) del chopper dove @ pure collegato un morsetio del teleinvertitore (R). Questo collegamento ha la funzione di stabilizzare il valore di stato di carica delle batterie quando si passa dalla fase ci accelerazione-rilascio a quella di frenatura, Tale situazione viene riconosciuta dal collegamento a massa della bobina del teleinvertitore (R), tramite il terminale (25) del chopper. Durante ia irenatura iniatii, possono verificarsi delle variazioni nella tenisione di alimentazione pes le quali lndicazione potrebbe variare sensibilmenté 95 FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT RISCALDATORE A BENZINA "EBERSPACHER” COSTITUZIONE 1! riscaldamento dellabitacolo awviene tramite un bruciatore a benzina di tipo “Eberspacher", controllato elettronicamente, il quale prowede a riscaldare e a fare circolare il liquido di riscalda- mento nello scambiatore di calore di cui la vettura é normalmente dotata. II bruciatore @ installato nel vano motore sul lato anteriore sinistro. ligruppo é fondamentalmente costituito da una camera entro la quale @ alloggiato uno scambiatore di calore. Attraverso lo scambiatore di calore 'acqua viene riscaldata e tramite una elettropompa (32) viene inviata allo scambiatore di calore (33) proprio deltimpianto di riscaldamento della vettura dal quale ritorna al brucialore formando un circuito chiuso. Il iscaldamento dello scambiatore di calore ¢ quindi del'acqua, viene effettuato bruciando del carburante nella camera di combustione ¢_ lcarburante viene prelevato dal serbatoio (34) della vettura tramite una pompa elettrica (35), situata sotto al pianale, che prowwede a dosarne la quantita immessa Uaria da miscelare al carburante viene immessa tramite una turbina soffiante (36), azionata da un motore elettrico 7 L'accensione della miscela @ ottenuta tramite une candeletta ad incandescenza (37) il cui principio di funzionamento é simile a quello delle candeletie utilizzate per i motori diesel. Nella camera di combustione @ pure installato un sensore di fiamma (38), costituito da un fototransistore, che provvede a disinserire l'alimentazione della candeletta ci accensione (37) nel momento in cui si ha la completa accensione e il mantenimento dela. combustione della miscela. lI grupso é inoltre dotato di un sensore di temperatura (tipo N.T.C.) (39) che prowvede a mantenere sotto conirollo la temperatura del liquido di riscaldamenito. SSS femipd-ai nserimento- della: pom controlio/regolazione della temperatura, nonché I'inserimento e disinserimento della candela di accensione é stabilito esclusivamente dalla unita elettronica di controtio (40) situata sulla parete cruscotto, lato sinistro, nel vano motore. ial +12V diretti dalla batteria (cavi A). oo oa.es Latimentazione elettrica del cispositivo @ costituita da due collegam ingtallati-sulla centralina Una ulteriore alimentazione é costituita dallinterruttore di inserimento del riscaldatore (D) situato sulla plancia strumenti. E collegato ad un +12V proveniente dal contatto "INT" del commutatore a chiave ed @ protetto dal fusibile F4 (cavi SN). II sistema connesso alla massa generica situatain prossimita dell'unita elettronica, FIAT Panda Elettra D___Interruttore impianto di riscaldamento con indicatore oltice. hens : Leva regolazione quantita aria : Levaregolazionedistribuzione aria ; Commutatore com. ventilatore + Lava inserimento tiscaldamento Panda Elettra FIAT ACCENSIONE Nel momento in cui si inserisce 'interruttore di accensione (0) (si accende la spia, incorporata nellinterruttore stesso), il sistema prowvede ad alimentare la pompa acqua, la turbina di immissi aria e la candeletta di accensione. Dopo un periodo di preriscaldamento (variabile da circa 20 a circa 50 secondi) la pompa dosatrice viene attivata alla "massima portata” ¢ la miscela viene incendiata. Adaccensione awenuta, lacandeladi accensione viene disinserita ¢ la condizione suddetta rimane immutata fino a quando il liquido di riscaldamento non raggiunge una temperatura di circa 80°C. Al raggiungimento di tale valore, 'elettronica prowede a ridurre la portata di carburante (1/4 della portatamassima) finché la temperatura del liquido non scende adun valore di circa 70°C. Raggiunto “tale valore verra nuovamente incrementata la portala di carburante in modo da riportare la temperatura a 80°C. Il ciclo si manterra tale per tutto il periodo di funzionamento. NOTA Con questo sistema di riscaidamento non é possibile, effeituare la regolazione della miscelazione di aria calda/fredda pertasto la relativa leya di comando non é operativa. Questo perché é assolutamente indispersabile che il liquido ci riscaldamento circoli sempre nello scambiatore di calore e che questo sia sempre investito dallaria proveniente dall'esterno. " SPEGNIMENTO 2 Guands il nscaldatorc”. Let equa 6:la-ventola-dell'ari che si disinseriscono automaticamente. SSS Spig ST specie m funzionare per circa FIAT Panda Elettra DISPOSITIVI Di SICUREZZA La fiamma é tenuta sotto controllo dal sensore di fiamma (38) posto in prossimita della camera di combustione e dalla temperatura massima ammessa sul cul valore @ impostato il fusibite termico (41 ) (0, in alternativa, un termointerruttore di sicurezza). Entrambi questi dispositivi sono sotto il cantrollo della centralina che in caso di guasto, spegne il riscaldatore. 1. Se il riscaldatore non si accende entro 90 secondi dall'inizio della mandata del combustibile, occorre ripetere la procedura d'awiamento prima descritta. Se anche al secondo tentativo il riscaldatore non si accende entro 90 secondi dalla mandata del! combustibile, si verifica la disattivazione per difettosita (per mezzo della centralina elettronica di comand). 2. Se la fiamma si spegne spontaneamente durante i funzionamento, il riscaldatore viene fiawiato; se non si riaccende entro 90 secondi dall'nizio della mandata de! combustibile, oppure'se si accende ma si spegne nuovamente entro 3 minuti, si verifica la disattivazione automatica per difettosita. La condizione di disattivazione per difettosita pud essere eliminata spegnendo e subito riaccendendo it riscaldatore. 3. Incasodi surtiscaidamento (mancanza d'acqua, impertetto spurgo del circuito ci ratfreddamen- to). ilfusibile termico di sicurezza fonde, oppure scatta il termointerruttore di sicurezza con la conseguente interruzione dell'alimentazione del combustible, seguita dalla disattivazione per difettosita, Dopo che la causa del surriscaldamento é stata eliminata, si pud montare un nuovo fusibile di sicurezza 0 azionare il pulsante del termointerruttore di sicurezza, dopo di che si ‘pid riaccendere il riscaldatore mediante la successione dei comandi di spegnimento e accensione come dette sopra. oe : Sela tensione: Sdifettosit 5. Ilriscaldatore non siaccende se la candela ad incandescenza difettosa el cavo elettrico della pompa dosatrice é interrotto. 6.” La funzionalita del motore del bruciatore viene controliata ogni volta che il riscaldatore viene messo in funzione; quindi se il motore non si accende fa centralina disattiva il sistema, 100 Panda Elettra FIAT NORME PER L'INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE ll riscaldatore non deve funzionare in ambienti chiusi, ad esempio autorimesse. pos Luso del riscaldatore non & consentito in loghi nei quali possono svilupparsi vapori o polven infiammabili (ad esmpio in prossimita di depositi di carburante, carbone, segatura, granaglie, ece,). 3. Lintero impianto idraulico del riscaldatore deve essere spurgato, in modo da eliminare eventuall bolle daria formatesi durante il montaggio applicando le prescrizioni del costruttore. Tutti collegamenti dellimpianto devono essere serratl in modo da prevenire qualsiasi perdita e devono essere riserrati dopo 2 ore di funzionamento: a Dopo ogni intervento sultimpianto idraulico (riparazioni, sostituzione liquido) fimpianto deve essere spurgato come prescritto al punto 3. a Iliquido deve contenere aimeno il 10% di anticongelante, in tutte le stagioni, come protettivo contro la corrosione. Nella stagione fredda |'anticongelante contenuto nel liquide det riscaidatore deve essere in ‘quantité sutficiente, Non @ consentito far funzionare il riscaldetpre con liquido gelato. - Incaso di danneggiamento dellimpianto di riscaldamento odel riscaldatore, occorre richiedere - intervento di un officina autorizzata che deve prowedere alla riparazione con personale esperto ed usando ricambi originall E pericoloso, quindi non consentito, prowedere alla riparazione con mezzi propri oimpiegando pezzi gi ricambio non original. 7. llriscaldatore non deve essere messointunzione mentre ¢ in corso il rifornimento di carbu rante. 8. Neliastagione caida accendereilriscaldatore per ‘breve tempo (circa 10 secondi) circauna volta Pal uave:delmotore,del-bruciatores 9. Prima ai svitareilfusibile termico oi sicurezza, allentare il tappo sul bocchettone del serbatoio del liquido allo scopo di depressurizzare rimpianto. --10. Prima di-rimontare il-fusibile termico di-sicurezza, ingrassare la filettatura e lanelio:con un idoneo lubrificante (ad es. grasso a base di silicone, glicerina, vasellina), Se AvvitaTé:ii fasibilé tino ad awvertire: chia‘amenté la Fesistenza all’awilamento, che“segnala Taderenza del fusibile stesso contro la superficie dello scambiatore di calore. in Panda Elettra FIAT si. BS ees ——— Bee oe -f>}—-2 - 31 rey ne} a lve we TN TMB] HOT YN 12 129456 7e90nw LT us v2.58) olan! AN. 102 Panda Elettra FIAT CARATTERISTICHE TECNICHE Fluido di riscaldamento Acqua, refrigerante Capacita di riscaidamento Alta: 5000 W + 10% alla tensione nominale Bassa: 1250 W+ 10% Regolazione della capacita di riscaldamento Alta: pienta portata Bassa: 1/4 della portata Spento: mediante sensore della tempera- tura, in funzione della richiesta di calore. fas . Combustible Benzina (tipo commerc.) Gonsumo di combustibile Alto: 0,68 Uh Basso: 0,17 Uh eee Tensione nominale 12 Campo di funzionamento Tensiéne minima 40V ca Tensione massima 14V Assorbimento di catr2nte con pomna di circolazione, senza ventola aria calda: funzionamento continuo Basso: 28 W + 10% Pressione di funzionamento- consentita da 0.4.4 0,2 bara manometro ‘Portata della pompa acqua @ 0,1 bar 950 Uh Minima portata d'acqua Riscaldatore, circa 450 vh Panda Elettra FIAT NORME PER LUTENTE PRESTAZIONI ED AUTONOMIA 4. Utlizzate la vettura giornalmente, specie nel prime mese d'uso, fino al massimo della sua quignomia (cio® fino a lampeggio dei LED su! sognalatore stato di carica batterie) procedendo quindi alla ricarica completa. 2. Procedere, per quanto possibile, alla ricarica giornatiera delle batterie, inlocale bene areato ed alla temperatura di 15° - 35°C, anche se non é stata raggiunta la scarica completa. 3, Settimanalmente, dopo aver eseguitola ricanica delle batterie no adaceensione del LED verde presente sul caricabatterie, interrompere valmentazione agendo sulfinterrutore differenziale, posto anteriormente alla vettura, @ SUDO dopo reinserirl. Br notera che il caricabatierieiniza un nuovo ciclo i ricarica (\° LED rosso acceso) di durata r inferiore a quello precedente (citca due ore), che proseguita fino a nuova eecensione del LED verde. Tale operativa permette Jeggermente sul pedale freno prima che Interyengano i ren ide a Wer Eo moO 106 Panda Elettra FIAT SOSTA TEMPORANEA Sulle vetture a trazione elettrica, non ésisténdo la possibilita di utilizzare, come sulle altre vetture, il motore fermo ed una marcia inserita per mantenere frenato il veicolo, @ indispensabile l'uso del freno a mano ogni qualvolta si scende dalla vettura. Proprio per questo, appena si apre una portaosimette la chiave nella posizione STOP, un segnalatore acustico si mette in azione se il freno @ mano non é stato inserito. SOSTA IN GARAGE © Lasciare sempre la vettura con cambio in folle e freno a mano inserito. © E opportuno tenere il caricabatterie collegato alia rete elettrica (vedere istruzioni relative), indipendentemente dallo stato di carica delle batterie proprio per mantenerle costantemente caricate al livello massimo. © Verificare che la corsa peril completo inserimento del freno a mano sia di 4'0al massimo di 5 scatti. Se si dovesse riscontrare un numero di scatti superiore o¢corre far registrare il comando. © Nelle soste in'salita o discesa, oltre al freno a mano, occorre utilizzare anche apposite cuneo in dotazione (sistémato sotto il sedile guidatore), ‘applicandolo sotto una tuota posteriore. E inoltre buona:norma sterzare completamente le ruote anteriori verso il bordo strada. 107 FIAT Panda Elettra Panda Elettra FIAT RICARICA DELLE BATTERIE Per ncaricare le batterie di trazione occorre effettuare le sequonti operazioni * Abbassare il frontale della vettura tramite gli appigl (A) (fig. 1) * Sollevare il coperchio trasparente (F) (tig. 3) ed accertarsi che tintertuttore differenziale (G) sia in posizione “0”, * Svitare la ghiera (B) (fg. 2)in senso orario etoglere i!tappo(C) che protegge la presa di ricarica, * Allzcciare la vettura alla rete elettrica mediante il cavo di dotazione. La spina (0) di fig. 3 va inserita nella presa a § poll esistente su vettura e bloccata ruotande la ghiera (8). [:Blvo capo del cavo, dotato ciuna spina 2 8 poll, (E) deve essere collegato ad uns presa di rete (220V monofase ~ 1A di tipo industriale), ® Sollevare il coperchio trasparente (F) © chiudere linterruttore ditferenziale (G), portancolo in Posizione "1"; si notera l'accensione sullinterruttore di un LED verde che indica presenza di tensione in rete, © Per controllare che. linterrutiore differenziale funzioni regolarmente, salvaguardando.cosi le epparecchiature elettriche della vettura, premere il pulsante (Hi: linterruttore dovra Scattare in Posizione "0" ed il LED verde.si spegnera. © Fiportare rinterruttore (@) in posizione "1* per iniziare la ricatica delle batterie, Durante la carica Si potra awertire anche il ronzio della ventola di areazione del vano batterie posteriori. © E possibile seguire la ricarica della battdrle osservando i LED posti sul carica batterie (fig. 4): ~ Laccensione del LED rosso (B) segnala che la ricatica @ nella prima fase. “~-Llacensiotie dei LED rosso (C) inidica che tan nsione.del LED, verde (D), seanala che il ci SUIS HHatiCaTEHTE GisaRIVaRO A ~ Uaccensione delL ED gialo (E) indica una anomalia nel sistema diricarica con autoesclusione del dispositivo; La cifta indicata sul display “hassima che in quel moment * [asciando insert il collegamento con la rete eletrica, dopo che si 8 ultimato il cilo diricarica (LED verde acceso), il carica batterie si riattiva automaticamente ogni 16 ore citea, per 1 ora+ 255 oF8. Questo fatto non pregiudica in alcun mado letficienza delle batterie, ma contrario consente Gi tenerle sempre al massimo grado di caica, © Per conseguir la miglior ricarica, questa deve awenire in luogo bene areato ed a temperatura di 15°- 35°C, NOTA Si intence “BENE AREATO" un locas che consenta un ricambio di aria di almeno 10+ 15 mn. Panda Elettra FIAT Ae OR ORE AY STER! LIPO RIORE ANTE! Panda Elettra FIAT RIPRISTINO SETTIMANALE LIVELLO ELETTROLITO BATTERIE NOTA // rabbocco deve essere eseguito sempre dopo il ciclo di ricarica delle batterie e mai durante, per evitare possibili tuoriuscite di elettrolito dagli elementi, a causa dell'aumento di volume che si verifica durante Ja carica. 1. Accertarsi che il cavo di collegamento alla rete elettrica sia scollegato. 2, Posizionare il serbatoio a 1,2 ~ 1,3 metri dal suolo; posizioni al di fuori di tale altezza pregiudicano la corretta esecuzione del rabbocco. 3. Accertarsi che il livello ne! serbatoio sia compreso fra i riferimenti di MIN e MAX, per evitare di dover eventualmente eseguire il rabbocco in due fasi. Per il ripristino usare esclusivamente acqua distillata o demineralizzata. 4, Collegare l'attacco rapido (B) del circuito di canalizzazione acqua, all'attacco (C) del serbatoio. 5. Accertarsi delesistenza di un regolare flusso cacqua segnalato dalincicatore rotante (D) posto sulla tubazione. 6. Altendere il completameito del rabbocco di tutti gi elementi, segnalati visivarmente alltarresio Celtindicatore rotante. 7. Scollegare il circuito del rabboccatore (attacco rapido). 8. Procedere al rabbocco dell'altra batteria posta nel vano posteriore collegando''attacco rapido (8) del circuito canalizzgzione acqua al'attaceo (C) del serbatoio inci procedere con | punt 5,6,7. eee ! : i mooailita i carica 6 dalla temperatura externa: Nel period estivo la quantia di acqua consumata aumenta leggermente. FIAT Panda Elettra CENTRALINA Di DERIVAZIONE COMPONENTI E FUSIBILI La centralina di derivazione o scatola fusibili e situata sotto alla plancia strumenti lato sinistro. Nella centralina di derivazione, oltre che itradizionalltusibili di protezione dei servizi dicui la vettura @ equipagglata, sono presenti alcuni componenti che sono interessati allimpianto della trazione: A Telerutiore pert'inserimento del ventilatore raffreddamento motore; la bobinaé collegata al termocontatto posto sul motore di trazione tramite il cavo (MV) e al + chiave tramite il fusibile (F7) da 10A. | contatti, normalmente chiusi sono collegati al ventilatore tramite il cavo (AR) e allo stesso + chiave tramite il cavo (AN). FA Fusibile da 15A: luci emergenza, segnalatore acustico freno a mano non inserito, autoradio, aspiratore gas vano batterie posteriori. Fa, Fusibile 15A; lunotto termico. Limpianto elettrico della vettura 6 predisposto per talimentazione del lunotto termicoill quale, su questo modello non @installato. Limpianto relativo & comunque costituito dal fusibile, dal teleruttore e dai cavi di collegamento. tI pulsante per I'inserimento non € montato. FB. Fusibile da 10A: luce di cortesia, awisatore acustico. FA, Fusibile da 154: luci stop, luci emergenza, riscaldatore (EberspAcher) quadro sirumenti (+ chiave). ee Fusibile da 10A: abbagliante destro. a faba Fusibile da 10A: andbighante's destro. ~Fo: ~Fusibile da 10A>anabbagliante sinistro; luce retronebbia. eee te £10. _Pusibile da 10A: impianta riscaldatore (Eberspacher) (+ batteria), Fusibile da 7,5A: luce di posizione anteriore sinistra, post illuminazione ideogrammi pulsanti su plancia strumenti. re destra, targa destra, F12, __Fusibile da 7,5: luce di posizione anteriore destra, posteriore sinistra, targa sinistra, spia luct posizione. F13, _ Fusibile da 15A: impianto riscaldatore (Ebersp&cher) (+. batteria). F14. Fusibile da 15A: tergicristallo, pompa lavacristalto. 112 Panda Elettra FIAT FAs, 2t. 28. 29. Fusibile da 15A; elettroventilatore climatizzazione e iunotto termico. Cicalino. II cicalino é attivato quando viene aperta una delle porte anteriori se il freno di stazionamento non é stato inserito. Ul dispositivo ha quattro terminali: il terminale (P) é collegato ai pulsanti comando plafoniera sulle porte ed @ collegato a massa quando queste sono aperte. Mterminale (L) é collegato alcontatto normalmente chiuso del microdeviatore comandato dalla levadel reno a mano. lIterminale (E) @ collegato direttamente a +12V della batteria, Ilterminale C, al +12volt provenienti dal commutatore a chiave quando é inserito su MARCIA. Seilfreno a mano non & inserito il terminale (L) @ collegato a massa. Quando una delle porte antoriori viene aperta, viene collegato a massa anche ilterminale (P). Se la chiave non é in posizione MARCIA, il segnalatore acustico si attiva Intermettitore luci di direzione e emergenza. Teleruttore lunotto termico é installato ma momentaneamente non @ utilizzato, FIAT Panda Elettra Panda Elettra ALLO SCHEMA 1 FIAT | coin 8 Rie te —e8 ans AZ RIS RZ, a a no ndite foto na me ne AR Ese Litt + +t Atatt von Ad Mc dn alate i " | 29 28 wl 241 duct + sro asere, 00) wr. iver y 4& ar neino Bsbared crue on ; se | 4 ———— TeLgR, Ur fife a wee venrone.ne ys || +25 Te We eines CSL ae eS ous BO ON hol Rg OTe , | PLar. | sx cumiay means asgas. | Annas. fos | rl Lede rs alot] me | sso Ve winters ne cone AC S.cn rit | ee Som ro52[ Prete oy wer Gane Ped a Lucl EMERG. INT INSERIMENTO. RIDAT Bema Veco 18 ‘ 7 eNecie a. 23 2szalpl | us.com, “yt PLAFON.S as” MASSA post. sx Ss iE SHEN Gnurpo aco Post. ox 115 Panda Elettra FIAT. —"LLVE op aq uy \\ eK Q eattegees B 16 Panda Elettra FIAT Vos => o> a 7 NO c INDICATORE CARICABATTERIE —~ : SCHEMA ELETTRICO 42345 67 8 91014112 43 Chopper (9) Panda Elettra FIAT 40 50 0 Al 30.0317 90 202 "Gadaad ~s0 0= e =s0 ~ Zango Oo kom Y “100 FIAT Panda Elettra LEGENDA SCHEMI ELETTRICI 9. 10. 1. 12. 13. 14, 15, 16. 7. 18, 19, 20. at 120 1 2 3. 4, 5. 6. 7. 8. Elettroventilatore rafireddamento motore trazione. Interruttore differenziale. Presa Palazzoll Potenziometro acceleratore. Gruppo batterie trazione posizionate nel vano motore. Termointerruttore comando elettroventilatore motore trazione. Batteria servizi. Interruttore luci stop. Chopper. Quadro strumenti Disgiuntore emergenza. Indicatore di carica delle batterie di trazione. Convertitore DC/DC. Scatola tusibil. Scatola di derivazione. Connessione tra caricabatterie e impianto elettrico vettura. Gruppo batterie di trazione posizionaté nel vano baule Aspiratore gas. Caricabatierie Termointerruttore per segnalazione eccessiva temperatura motore trazione. Cicalino segnalazione freno a mano non inserito. Commutatore 2 chiave. Pulsante lato sinistto comando plafoniera. Pulsante lato destro comando plafoniera. interrutiore ireno a ‘mano. Massa posteriore. “ ‘Gruppo oitico posteriore-destio. Massa anteriore sini Intermittenza uci di cirezione ed emergenza, Teleruttore lunotto termico. Plafoniera. riscaldatore Eb smpa elettrica carburant Centralina Eberspacher. Intérruttore impianto di riscaldamento con indicatore ottico. Nodo di derivazione 12V. Motore di trazione. Fusibile ci protezione. Fusibile 250A protezione linea di potenza. Fusibile 250A protezione linea di potenza Teledeviatori ausiiar. Telerutioni circuiti comando trazione. Panda Elettra FIAT DIAGNOSI E INTERVENTI RIPARATIVI INTRODUZIONE In questo capitolo verra trattata la dlagnosi di alcuni guasti pit significativi e la metodologia di riparazione. E bene ricordare che non é possibile effettuare una trattazione completa di tutti iguasti che si possono eventulamente verificare perche diventerebbe estremamente lungo e complesso organizzare una diagnosi sistematica per iscritto. Verranno indicati pertanto i guasti che possono essere prevedibili basandosi sull'esperienza acquisita su altri dispositivi analoghi. MATERIALE OCCORRENTE Per effettuare ia diagnosi e la relativa riparazione dei guasti si consiglia all'operatore di munirsi preventivamente dei seguenti particolari: Tester (Breckmann) o simile = Puntali prensil ~ Spezzoni di cavo muniti alle esiremité di capicorda maschi e femmine. * ~ Spezzone di cavo munito ad una estremita di pinza a-coccodrillo‘e alf'altra estremita di due capicorda, uno maschic e uno femmina. NOTA Usare esclusivamente utensili con manico isolato. iq tee s 121 FIAT Panda Elettra AVVERTENZE ~ La diagnosi di un eventuale guasto deve sempre essere preceduta da un controllo dello stato di carica delle batterie sia quelle di trazione, sia quella dei servizi 12V, le quali devono essere cariche a meno che il quasto non interessi il caricabatterie o il convertitore DC/DC. — Non eseguire ponticeli o collegamenti celle bobine dei teleruttor’ a massa se non sono speciticatamente indicat. — Prima dieffettuare qualsiasi operazione di diagnosi ed eventualmente di sostituzione di qualsiasi particolare della vettura, (in particolare dei circuiti relativi al comando della trazione), controllare il serraggio di tutte le connessioni che fanno parte del circuito di potenza; inoltre verificare le condizioni dei contatti dei teleruttori principal, (H), (F), (V) e (R), tramite controllo visivo e tramite {e misurazioni di tensione ai batteria (72V) sui morsetti dei contatt ~ Ebene tenere presente che i valori di resistenza degli awolgimenti del motore sono: 0,122 per larmatura e di 0,132 per.l'eccitazione. In caso di sospetto malfunzionamento del caricabatterie é utile procedere all'apertura dello stesso controllando almeno le connessioni sulle morsettiere interne ed il fusibile (F1) (vedere schema elettrico del caricabatterie). ATTENZIONE, — Uinterrruzione di un fusibile da 250A pud essere dovuto ad una sovraccarico del motore di trazione 0 ad un cortocircuito della linea di potenza. Prima di effettuare la sostituzione occorre eliminare preventivamente la causa al fine di evitare il rischio di bruciatura del fusibile stesso durante l'installazione, con conseguente pericolo di ustione dell‘operatore. .gorrente che pud circolare nel Z essere, pericolosa ps iportatoni di Pace: Maker’: a ~ Prima di effettuare qualsiasi intervento che comporti l'inserimento del commutatore a chiave su "MARCIA" accertarsi che il cambio sia in posizione "FOLLE" e il freno a mano inserito. - sates ” oe Chases Panda Elettra FIAT 1 CIRCUITO RICARICA BATTERIE 1. Le batterie di trazione non vengono ricaricate. Verificare che il caricabatterie (18) sia attivato e che l'interruttore ditferenziale (2) rimanga inserito, Verificare che i fusibill (F19) e (F20) stano integri e veriticare inoltre lefficenza del cavo di collegamento tra il caricabatterie (19) e la fonte di alimentazione a 220V. 1.2 Se il caricabatterie (19) non si attiva e T'nterruttore diferénziale (2) rimane inserito verificare o eseguire le operazioni seguenti: a Integrita fusibile (F,) all'interno del NO Sostitire tusibile (F,), caricabatterie : freee , ¥ Si : 3 | si Presenza 2¢0V oreo ra cai (A), (M) sua feoive pein dione ay: morsettiera del caricabatterie (19). p (9), ¥ NO Presenza, 220V tra | pin (CARICO) 2-4 sl Riptistinae ii collegamento tra internutiore (2) delfinternutiore dtferenziale (2). [|e caricabatierie (19) oes Bresetiza™220V" tra"t’pin“(CINEAy 1-3” * faterutiors eiterenaiate (2) aiteites 4 delfinterrutiore ditlerenziale (2) Sosiituire. ¥ NO Presenza 220V ra ipin (N) (21) della presa sl Ripristinare cavo (N) e/o (RIN) tra Vinteruttore eo Palazzo (2) oo Decider pes LF aiterentae 2) la rosa Palazzoli 3), | FIAT Panda Elettra 13, Se il caricabatterie non si atiiva e Vinteruttore difterenziale (2) scatia al tentativo di inserimento @ possibile la presenza di un cortocircuito o sovraccarico della linea di alimentazione del caricabatterie o una dispersione della linea verso massa. Scollegare i cavi (A) e (M) del caricabatterie (19) e verificare o eseguire le operazioni seguenti: !solamento tra icavi(A) e (M) e lamassa (GV) NO Sostituire © riparare il fascio cavi (A), (M) & nel tratto tra Tinternuttore generale (2) e # [>] (gyy caricabatterie (19) ¥ Si Staccare i cavi (M) e (A) dai terminali (n° 2) e Ne (n°4) deifintemuttore diferenziale (2). Provare Sestituireilcaricabatterie (19). 2 reinseri Io stesso e verificare se questo scat ¥ Sl Sostituire internuttore ditferenziale (2). Panda Elettra FIAT 2. MANCATA RICABICA DELLA AUSILIARIA 12 (7). 24. Labatteria ausiliaria non viene ricaricata ne durante la ricarica delle batterie principaline durante la marcia del veicolo (commutatore @ chiave su MARCIA). 2.1.1. Portareilcommutatore achiave su MARCIA assicurarsi cheildisgiuntoredi emergenza (11) non sia premuto, quindi verificare o eseguire le operazioni seguenti: Tensione 12,6 + 12,9V su batteria servzi(7), [Sip] Sosttuire a batteria servizh vNO < aeear sents si Interruzione collegamento cavo R da Tersione 12.6+12,8V al uscita delconvertitore convenitore (13) a baiteria (7] 0 cavo M da (13) rat cayo Re massa (27) cconvertitore (13) a massa (27), ¥ NO. Tensione 72V tra icavi RN eN all'ingresso del Sh Convertitore difettoso. convertitore (13), Sostituire it convertitore. NO Interruzione collegamento del cavo RN tra Tensione 72V tra il terminale 87 del st Fingresso delconvertitore (13) ¢ ilterminale 87 1 teledeviatore (E)¢ il fusibile F50A. ~ Fa L del tetedeviatore.'F) oppure del gave N tra il convertitore (13) @ ilfusibile FS0A. ENG See e Tensione 72V tra il terminale 87 det Si Interruzione collegamento del cavo RN tra i teledeviatore (B) e fusibile F50A. terminali 87 dei teledeviatori (B) e (E). 125 FIAT Panda Elettra 2.2, La batteria ausiliana non viene ncaricata ne durante la ricarica celle betterie principal ne durante la marcia del veicolo (commutatore a chiave su MARCIA). La vettura non funziona vedi da pag 126. 2.3. La batteria ausiliaria non viene ricaricata solo durante la ricarica delle batterie principal (viene ricaricata durante la marcia del veicolo).. Verificare integrita dei fusibili F18 @ F1. NOTA Durante la ricarica delle batterie principali, il connettore di alimentazione 220V (3) @ inserito, consentendo I'eccitazione dei teledeviatori D e E, in particolare: E alimenta a 72V il convertitore e D esclude lalimentazione ai circuiti di trazione. 2.4, Se il teledeviatore (E) @ eccitato verificare o eseguire le operazioni seguenti: Tensione 72V tra il terminale (87) del si Inteiruzione cavo RN tra il terminale (87) del toledeviatore (E)e i fusible F50A r *] teledeviatore (E) © convertitore (13) ¥ NO. Tensione 72V tra il terminale (30) del st Teledeviatore (E) ditettoso. leledeviatore (E)e il tusibile F50A >| Sostiuire ¥ NO Interruzione del cavo (GB) ra terminale (30) del teledeviatore (E) e il usbile F18 25 Se il teledeviatore (E) non é ec 10 el teledeviatore () snle-operazioni seguenti: .:.92t < Pe Er Tensione 12V tra i terminali (85) e (86) del Si Teledeviatore (E) difettoso, teledeviatore (E) Sostituire Panda Elettra FIAT agerezioni seguenti: 26 St Continuit’ dela linea costituta da: cave AH, ponticeltra terminaliT3 e S2dolcornetore fa) e cave (M)collegato @ massa (27), rminale (86) del teledeviatore (E) € massa (27). Tensione 72V tra il ter YANO si ontinuit ta il torminale 86 det teledevistore Tensione 12V tra massa e fusibile F1 neta (Eje il fusible F1 dei cavi (GR @ F seatola fusibili (14), e la marcia del veicolo (la ricarica avviene iene ricaricata solo durante delle batterie principal). del cavo BN tra i terminal (87) del teledeviatori (B) e (E)- 2.7 “La batteria non vi durante la ricarica Verificare continuita Panda Elettra FIAT 3. IL MOTORE DI TRAZIONE NON FUNZIONA. NOTA Girando il commutatore a chiave (22) su MARCIA si deve ottenere leccitazione del teledeviatore (B) e dei teleruttori (H), (F) @ (V). 34 Se il teledeviatore (8) non é eccitato e il fusibile (F7) risulta integro verificare o eseguire le operazioni seguenti: Tensione 12V.tra il terminale (86) del teledeviatore (B) e massa (27). NO. Continuita trailterminale (85) delteledeviatore (8) e massa (27) de cavo (M). ¥ Si ¥ SI Continuita de! cavo (AN) dal terminale (86) det teledeviatore (B) e il tusibile (FZ) in centratina (4). Teledevialore (8) difettoso: sostituire. 3.2. Se il teledeviatore (B) é eccitato maiteleruttori (H), (F) e (V) non sono eccitati, controllare Vintegrita dei fusibil (F20) (F19) e (F18) e che il disgiuntore (11) non sia premuto, In seguito veriticare 0 éseguire le operazioni seguent: Linea costitvita dai cavi (VB) trail terminale (30) 22) del connetiore del chopper chopper (9) everificare preseniza 72V trapin (n° @) vs ‘Sempre con chiave su MARGIA e connettore chopper (8) Staccato collegare rispettivamente Serraggio cavi (3) e (5) alfa barra (B-) del Connettore del chopper (8). ing 2) 7) 0" 2) ble (FROM jS! 5} chopper (a), Se quest’ gono'O.K.: si deve ottenere I'eccitazione, rispettivamente ‘ire il dot teleruton (F), (He (V). Sostituire il chopper (8). ¥ NO. Continuita cavi (AB), (HB) ¢(MG) traiteleruttori . (H), (F) e (W) el pin in? 7), (n*2) e (n® 25) del si Sostituire telerutton’ che non si eccitano; (Bobina interrotta), psxBlpcistinare:conths ¥NO FIAT 3.3. operazioni seguenti: Se i teledeviatore (8) ed i teierutior! Panda Elettra . (F} 2 (V) sone eccitati, verificare © eseguire le Staccare il connettore del chopper (9) (N.B. ‘questa operazione deve essere effettuata con chiave su STOP!) Verificare trai pin (n° 11) @ (n* 12) la tesistenza del potenziometro acceleratore che deve essere di circa 5,5 KQ. Verificare inottre tra i pin (n° 11) @ (n° 24) a pedale rilasciato una resistenza di circa 280- 330 Q; Premere l'acoeleralore con gradual’ e controliare che la resistenza vari con continuita da 280-330 @ a circa 4,9-5 kQ. ¥ SI Con connettore chopper (9) inserito (N.B. questa operazione deve essere effettuatacon chiave su STOP), chiave suMARCIA, staccare uno deidue cavi(AZ)0(Z) dalcontatto ausiliario delteletuttore (H) quindiverificare la continuit’ del contatto. ¥si Slaccareilconnettore chopper (9) (N.B. questa operazione deve essere effettuata con chiave su STOP) e verificare la continuita dei cavi (Az) e (2) tra i contatti ausiiar di (H) ei pin (n° 4) e (n? 5) det connettore del chopper (9). 130 Connuits cave No | (G)e (H) tra pin (n° 44) del chopper (2) e | NO 41 patenziometio; {B)e (A) a Ilpin (r® 24) e Ii potenziometro: {i © () trail pin (n° 12) e il potenziometro Si Sostituie il potenaiometro. NO i [NO 5] sostituir il telonuttore (H). |S! 5} sostituire il chopper (9). ate S288) Spots FIAT Panda Elettra 4. FRENATURA. 41. Ii motore funziona regolarmenteé in accelerazione ma non si ha la frenatura elettrica. NOTA Quando si preme il pedale de! freno, si realizzano le seguenti condizioni: Si ecaita ilteledeviatore (C), si eccita ilteleruttore (R) si diseccitano iteleruttori (Fe (V). 4.2. Teledeviatore (C), teleruttori (R) e (H) sono eccitati; teleruttori (V) ed (F) sono diseccitati @ il fusibile (F50A) é integro: Sostituire il chopper (9). 43, Teledeviatore (C) diseccitato, fusibile (F4) integro verificare o eseguire le operazioni seguenti: rc Continuita cavo (M) tra terminale (85) det Con pedale freno premuto, tensione 12V trai EJ) teledeviatore (C) e terminale (85) del torminale (86) di (C) e massa (27). teledeviatore (8). Se questa ¢ OK. sosfituire teledeviatore (B). NO! feeensicgy tel sion: NO Tensione 12V sul cavi (AB) detfinterruttore >] tuci stop (8). y SI ¥ SI FIAT Panda Elettra 44 Teleruttore (R) diseccitato verificare o eseguire fe operazioni sequent Siazcare i eonnetore del chopper (@) (NB. Controllare continata cavi (B) e (BN) tra i questa operazione deve essere efettuata con | NO i (ne chiave su STOP) concommutatoreachiave su [-————P| faunal (n° G7) 6 a perateesnablnt ahi 7 MARCIA © con pedale del freno premuto pin {n° 6) @ (n° 8) oper vericare continuita tra i pin (n° 6) e (n* 8) dello (9). Se questo si verifica sostituire it stesso, teledoviatore (C). vi Pontcaliara I pin (n° 24) eal chopper (9) a |g massa sul tusiile (F50A). >| Sostituire a chopper (a Si deve ottenere leccitazione del teleruttore oe (A). ¥ NO Continuita del cavo (RZ) tra ta bobina det | gy lelerutiore (R) ed i pin (n® 21) det connettore >| Sostiuie i telerutore (R). det chopper (3) sess - : 7 Panda Elettra : FIAT 5. VENTILATORE RAFFREDDAMENTO MOTORE. 5.1. It ventilatore raffreddamento motore (1) non funziona; fusibile (F7) é integro. NOTA Questo 6 comandato dal termocontatto (6) che interviene a circa 65°C e dal teledeviatore (A) posto in centralina fusi Nel caso in cui il ventilatore (1) non funziona, si ha intervento, a 102°C, de! termocontatto (20) che prowede al'accensione della spia “eccessiva tempera- tura motore" (S2) sul quadro strumenti (10). Verificare 0 eseguire le operazioni seguenti: Staccare Il cavo (N} collegato al contatto (6) st : della massa batteria (7). [-——»}_Sostituire i termocontatto (6). I motore gira? NO Continua cavo (N) tra ventiatore (1) ¢ ta [NO =>) ripvistinare continua massa batteria (7). vs Presenza 12V sul connettore del ventiiatore |S! gl’ sostiuire i ventilatore (1) (3) cavo (AR). J | a | Ripristinare continut& cavo (AR)traventilatore | -»(t.otomuminale (87a) daltoleceviatore (A ¥ NO Presenza 12V sul terminale (87a) del _Presenza4tensione, 12V sul terminale (30).del...|_S"_p...Sostituire il teledeviatore.(A).—~ teledeviatore (A). 2 SCLC ger SEIN, Se a Continuita del cavo (AN) tra il tusibile (F7) ed il terminale (80) del teledeviatore (A). FIAT Panda Elettra 5.2, Con motore freddo: il ventiiatore di raffreddamento motore (1) non appena si gira la chiave su MARCIA entra in funzione. Verificare 0 eseguire le operazioni seguenti: Continuitatrailterminale (85) delteledeviatore S| Sostituire teledeviatore (A). (A)e massa. ¥ NO Continuita del cavo (MG) tra il terminate (85) del teledeviatore (A) e il termocontatto (5); i! Sl__y} Sostituie it termocontatto (6). ‘cavo (N\) tra iltermacontatto (6) e massa della batteria (7). ’ : ee ee saee Be te eee raceae Panda Elettra FIAT 6. INDICATORE DI CARICA DELLE BATTERIE. 6.1. Mancato funzionamento dell'indicatore di carica delle batterie (12). Veriticare o eseguire le operazioni seguenti: Presenza72V trailpin (n° t) 0 (n° 4) eitpin (n° ee 2) dettindicatore (12). |S! 4} sostituire rindicatore (12). ¥ NO Tensione 72V tra il pin (n° 4) e (n° 1) St Ripristinare cavo (N) tra il pin (n® 2) dolfindicatore (12) e I usibile (F504). >] deltindicatore (12) e il tusibile (F50A). ¥ NO 7 Continuita det cavo (NZ) tra it pin (n° 4) NO. dellindicatore (12) ¢ la bobina del teleruttore. [————>)_ipristinare collegamento, (). 5 FIAT Panda Elettra PIANO DI MANUTENZIONE Batterie ® Quotidianamente: — Ricarica batterie in locale ben aereato. Ogni settimana: — Ripristino livello elettrolito batterie con acqua distillata; !operazione va eseguita dopo aver effettuato la ricarica delle batterie e il cavo di alimentazione staccato. Ogni mese: ~ Controllo condizioni ossidazioni poli batterie. — Controllo condizioni tubazioni rabbocco elettrolito € tubazioni emis- sioni gas. Loperazione va eseguita dopo aver ricaricato le batterie e ripristinato illivello delelettrolito, © Ogni 6 mesi: = Controllo densita elettrolito di ogni singola cella (circa 1.26 + 1.28 gr/cm® a 20°C e batteria carica). Motore elettrico Verifica condizioni collettore e usura spazzole. Verifica chiusura connessioni © Ogni 6 mesi: 1 Regolatore elettronico di trazione (Chopper) © Ogni 6 mesi: — Conttollo/pulizia alette radiatore (con aria compressa e spazzola) ~ Verifica chiusura connessioni. Convertitore DC/DC ve. Ogni.6.mosi:-aisi.-a.= Contrallo/pulizia alette rackaters(con aria compressa o-apazssia)- esecielemuttortesTelelnverttorizcscresor ree Scare me ~Pulire contatti con atia compressa @ proteggere con spray antiossidante. ; : - ifica chiusura cavi Interruttore ditferenziale (Salvavita) Cntiollo-funziohamentérean autéctiecks” prima della ricarica, con presa insorita. ~ Incaso di mancato funzionamento sostituire i! particolare. Caricabatterie @ Quotidianamente: ~ Verifica corretto funzionamento. i contrallo va eftettuato dopo aver eseguito la ricarica per un tempo superiore alle 8 ore con presa di alimentazione e interruttore differen- ziale staccati. In questa condizione i LED devono risultare quasi tutti acces!.