Sei sulla pagina 1di 1

C4_app_teor_cin.

qxd

11-06-2012

14:02

Pagina 1

Capitolo 4

Le leggi di conservazione

Derivazione del teorema dellenergia cinetica


Consideriamo una mela di massa m che cade dallalbero nellaria e supponiamo
! che su di essa
!
agiscano due forze: la gravit, mg , e la forza! dovuta alla resistenza dellaria, Faria.
La forza risultante che agisce sulla mela, Ftot, fornisce alla mela unaccelerazione costante di
intensit:
Ftot
m
Dal momento che la forza risultante verso il basso e il moto avviene verso il basso, il lavoro
compiuto sulla mela positivo.
Supponiamo ora che il modulo della velocit iniziale della mela sia vi e che, dopo essere caduta per un tratto s, il modulo della sua velocit sia aumentato fino a vf. La mela cade con accelerazione costante a; ricordando che in un moto uniformemente accelerato v2 v02 2ax, possiamo scrivere:
a

v2f = v2i + 2as


da cui:
2as = v2f - v2i
Sostituiamo a Ftot/m in questa equazione:
2a

Ftot
b s = v2f - v2i
m

Moltiplicando entrambi i membri per m e dividendo per 2, otteniamo:


Ftot s = 12 mv2f - 12 mv2i
dove Ftot s il lavoro totale compiuto sulla mela. Possiamo perci scrivere:
Wtot = 12 mv2f - 12 mv2i Kf Ki

La forza nella
stessa direzione e
stesso verso dello
spostamento
quindi viene
compiuto lavoro
positivo
s
sulla mela.

Un lavoro negativo
compiuto sulla
mela
mg
s
mg

Ci causa
un aumento
della velocit
della mela.

Mela che cade: W > 0, v aumenta

causa una
diminuzione
della sua
velocit.

Mela lanciata verso lalto: W < 0, v diminuisce

Lavoro gravitazionale

Il lavoro compiuto dalla gravit su una mela che si muove verso il basso positivo; se la mela in caduta libera,
questo lavoro positivo si traduce in un incremento di velocit. Al contrario, il lavoro che la gravit compie
su una mela che si muove verso lalto negativo; se la mela in caduta libera, questo lavoro negativo si traduce
in una diminuzione di velocit.

2012 Pearson Italia