Sei sulla pagina 1di 262
Ciro Faelia Costruzioni in calcestruzzo armato normale e precompresso Aggiornato al DM 14/01/2008 Volume 1B — MAGGIOLT INDICE PREFAZIONE va © Copyright 2007-2011 by CUES Capitolo 1 IL METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGLI STATI LIMITE AA Criter i verifca delle struttare © Copyright 2013 by Maggioli S.p.4. 4.2 Metcdi di analisi delle stratture ed element di analisi limite 2 MagaloliEditore un marchio 13. Caletlo elasco-ineare senza rdistburione dell soleitazioni 0 Magsiolt Editore wn marchio di MaggioliSp.A. 14. Calon elatico-ineare con rdistibuzione delle sollectazioni i qa cctifcto1$0 900: 200 ref cunueecs A {$7822 Santarcangelo di Romagna (RN) + Via del Carpino, 8 1.6 Calcolo non lineare 3 Tel 08811628111 es 03411622598 1 Defcon dep sa time 4 e-mail cieal edueeboo eat 19. Combinazione di carico allo stato limite ultimo 16 es 1.10 Combinazione di carico allo stato iit di servizio 20 Din don. emorenone etre, di dpione 11 Esersizi 2 1 aataento tale o paras con quan mezzo sono hae perio i Paes Capitolo 2 LO STATO LIMITE ULTIMO PER TENSIONI NORMALT 21 Premessa 33 2.2 Ipotesi di base @ legami costitutivi 35 23 Definizione di s..u. per tensioni normeli 36 24 Leggi costituive dell'acciaio e del calcestrazz0 41 241 Legame elastico perfettamente plastico per I'armatura 4a 24.2 Legge razionale fratta di Saenz peril calcestruzzo a 24.3 Legame parabola rettangolo per ilcalcestruzzo 50 244 Metodo con legame elasto plastico 3 245 — Metodo semplifcato 4 2S Carateristiche delta sollecitazione 9 Capitolo 3 LA_SEZIONE RETTANGOLARE IN PRESSO- TENSO- -FLESSIONE RETTA 3A Prenessa 6 Fait samara nae & nora 32 Caleta de contbut sac de calestruczoe del satira @ cea a erie 201 33. Costurone dei domini di ressenzaadimensional & er conto della CUES Fiseiano (Sa) 34 Verifca analitica della sezione n : ; m voice a 3.5. Progetto della sezionee delle armature 351° Progetto diho b ed 4, mediante tabelle a Capitolo 7 LO STATO LIMITE DI INSTABILITA? 333 Hessone:progeto armanuraaserioneassegnata 2 7 Lo stato limite di instabilita 187 334 Presofesion:progatdiha bed, 4 72 La stabilthdell'equiibrio elastico ig -5$4 —Pressoflessione:abachi per i! progetto della seione ret 35 73 La stabilt delle coloane snelle in caleestruzzo armato 19 3.6 Eser samen 74 Classificazione delle strutture sensibili agli effetti del I! ordine 198, “ a 88 741 Aste singole 198 Can 74.2 ‘Smranura intelatate 205 ‘apitolod SEZIONI' NON RETTANGOLARI IN PRESSO- 7.8 Metodi di anaisi di struttare in e.a.sensibili agli effetti del Il ordine 208 TENSOFLESSIONE 7.5.1 Colonne isolate 208 : Sirutureintelaiate 26 41 La aaie circolare: verifica e progetto 10s ‘Strutture intelaiate a nodi fissi 214 ine 105 Sirutture intelaiate a nodi mobili: metodo generale 21 an Ee il Prt dela seionecrcolare mediante abachi 108 5 Seruttare intelaiate a nod mobili: metodi approssimati 20 12 La sezione generica in presso-tensoflessione 0 16 Esercizi eal GEL Levee cresotnatesion re io ‘ a veriia a presso-tensoflessionedeviata ‘i 42.2.1” Impostazione generale 7 H re Capitolo 8 LO STATO LIMITE DI PUNZONAMENTO 422.2 Metodo approssmato pe il progeto-veifia dise- ay 81 Genéraish 241 2ioni retiangolari soggette a pressoflessione devine 8.2. Aspettifisici del fenomeno 241 43° Boercizi 125 83. Verifica a punzonamento secondo I'Eurocodice 2 us 84. Eserciah 25 Capitolo $ STATO LIMITE ULTIMO PER TAGLIO 541 Premessa Capitolo 9 LA VERIFICA DELLE TENSIONI IN ESERCIZIO 52 La tave priva di amature a taglio By 9A Generalita 215 I A Generalita 33. Latrave con armatura rasversale ae 92 limit dele tension in esercizio 275 5.4 Progetto-verifca dalle sezioni 149 93 Elementi sogget a flessione semplice 29 $41 Measo di sole safe (a=90%) 149 93.1 — Confronto rai momentiresstentiallo stato limite ultimo ed 279 $42 Ieaso distaff e barre piegate be allo stato limited servicio 5:5. Effeni dela fessurazione a taglio sulla ammatura a flessione 152 93.2 Crier di progetto combinato stato limite ulimo-stat limi 969 56 Eeerciah aa tedl servicio 7 9.4. Elementi preso inflessi 28s Capitolo 6 LO STATO LIMITE PER TORSIONE 9.4.1 Confronto tra i momenti resistenti allo stato limite ultimo € 285 61 Preaessa stata limited servizio en $2 Osservazin’ seinen 18s 942 - Crit droge combina tlie lin rogettoe vertica della sezione y aise 64 Sollecitacion!composte eal esione 17 9.5 Considerazioni finali 230 esi eee is 996 Esercizi 21 Capitolo 19 LO STATO LIMITE DI FESSURAZIONE 295 10.1 Premessa y wv ice DICE E VERIFICA 10.2 Stato limite di decompressione 295 Capitolo 14. PROBLEMATICHE De 103 Stato limite di formazione delle fesse 256 DI STRUTTURE PREC 104 Stato limite di ampiezze delle fesse 300 aa re 397 4104.1 Distanza media ra le fessure 303 14.1 Progetto della sezione ¢ 404 1042 Deformacione media 303 143 Now ie fod Gayon ae 1043 Verifies di ampleza delle fssure 307 143 Tl carco equivalent alla recom 47 105 Esereizi 308 144 Ti eav concordaste a 145 Cel sul ip pecompresione i Capitolo 1 LO STATO LIMITE DI DEFORMAZIONE aka a econbresslone sca extern! nox aderent 44 ‘ALI Premessa 317 2 ’ URALE 11.2 La valutazione teorice degli spostamenti in ravi invlesse in ca 318 Capitolo 15. CAPACITA PLASTICA E DUTTILITA’ STRUTT! d IL2IValutazione dela cursarura istantanea in reginejessurato 319 27 1122 Valutasonedalls caratua diferte m rgine boa 323 Isr Pees 29 IL23 Calcol dalle ecce in rave sostaiche 308 152 Ladi scone a3 UIA Calcolo delle frecce in rave perstaiche 329 153 Laces osole 40 113 Caicoto approssimate dele fesve 331 154 [acu maint a 1 Applicazione ay TST Confnamena con caniceoangoarecalastel metal a 5. ‘onfinamento con FRP Capitola 12 LA PRECOMPRESSIONE DELLE STRUTTURE IN C.A. 156 Progen curt couollata is 121 Liidea della precompressione “7 1877 Esersii 122 Le tecniche d precompressone 353 123 I material della precompresione 334 Capitolo 13, LA VERIFICA DELLE SEZIONI PRECOMPRESSE APPENDICI ‘13.1 Premessa 55 eae " tit a 45L 152 Verfin elastin di sein’ infesse 360 Appendice 1: Esempio di progetto di una trave continua in c.a. 1221 Secioni di membratrepos-ese 360 ; - 50 22 Sezioni di membrature pre-tese 365, Appendice 2: Serione rettangolare a doppia armetura, reso 1323 Neaw risutane i tensoflessione retta (Domini di resistenza 133 Veriicaataghio. 372 sila) 134 Valutavione celle perdi istantanee 7 \ son 5 Valutazione degl eft lent . Flessione 507 SUSI Vote og tee apleado eo ate 3 Appendice 3: Sextone retangolare a doppia armatara. Fe 13.5.2 Valutazione degli effetti lenti secondo la Normativa italiana 385, retta (Tabelle di progetto allo s.l.a, 136 Veriica a fessurazione 389, 13.7 Vecfica allo stato Lite ultimo 390 13.8 Verifica delle testate BIBLIOGRAFIA sis PREFAZIONE 11 Volume 1B conten le part della teoriaiecnica del ca dedicate raperivamente ati ana del sorportament loss limite delle scion! e dele membre, lla eats del comporamento dle avi inc. = ‘Nel volume 1B, dopo i cap. 1, introduttivp, con alcuni elementi di analisi limite senza per la compronstons det snetod di snalist non iea propos ell normative Thodeme, capt dal? all 1k tatano fl proget9 verica di sexont © membratare agli aime con Vinuoducione al metodo semiprobiisic,Vanalist allo alu. i sezioni Tecmgolar, ecole © genetiche per slleclazion! nomnall etangenial, lo stato limite {tm per anid, pr panconnento, met diana delle rune fpersatiche allo Sau ste limite di seri tensional, i fencurazione ed deformazione Leap. wove al te capitol! suocessivi uno svlupp exsazialedediato ai pincipi general ed agli asptttecnlogici pit rlevan, af problemi di veric, di progeto, ai Erodi pec ania Golle suture iperstaiche precompesse, ale teouche' di Precomptession pale «con cavi non aren. Tel captlo 13, si fomiscono eleent ai base inerent I duit dle seiont ¢ la capectd foazionale delle membre, problema che ba grande rlevanza nella propetazion di stu in zona simi e nell adeguamento simico di queleesistea, Sono sa riporati aumeosieercin ed applicsion con la Raa sia di conseatire 4 contol de'eppendimento a pare dello siden, sia di fvorre Pacquisaione dei ‘meccanismi applica. Una appendice pntostoestsa conten la watazione del progeto- ‘erifics agli si una fave continua con cfecimeno sia alle condizon!ultime che di Servizio ilizando ‘eto d nai present nela normative Tafement lle nore naionli ed europee sono fequet in quant, neato di tdi i sons gis, ess sono pracameateinlimnabil in ragione del peso che he alla eters la coeea uric espermentale condensata nelle varie nomzative Gi argoment sviuppati sono in gran parte frat dal corso di Tecnica delle CCostruzion tonto dao sotvente a pare dallanno accademico 1986-67 presso la Facota Gt IngegneiadelTUniverst di. Salero inizaimente per Ia Laurea quinqueaale, successivameate per la Laurea Triennale e quella Specialisica © Magisrale, con alcuni Inserimeat dev invece da cor ci sggiomamento potlzurea Sono anche preset contbutl deriva dalla tit ricerca svola nel perodo srascoro con pertinlare tiferimento i cepp. 7,9, 1L.¢ 15 deicad vspetivamente alla Sebi all Sat limite tensioale, allo sato limite dt deformaione, alla dati ed al Coninamente In partcolare | eapp,7 ed 11 son0 sa soi tm collaberazione paritica con prof. Emidio Nir. a Infine ringrazio i proff. Emidio Nigro, La presente edizione (quinta) del volu 1 onnaid SECS -ayine (Quinta) el volume in rihisto Padegumento dei ifriment Coaruions da 2508 ACNE EN 1992-11 [35] of ale identifica ta -veifica di sieurezza con il controllo puntuale che le tensioni dela strutura siano inferiori © Geterminati valori ammissibili. Tale metodologia fornisce un grado di sicurezza pari al rapporto tra tensione di rotturae tensione ammissibile in tut i casi in cui i materiali hanno ‘un comportamento elastico-lineaze fino a rottura (materiali elasi-fagili) © aon vi siamo problemi di non linearita geometrica. Queste condizioni sono frequentemente non verificate nella pratica teenica che utlizea materiali come il calcestruzzo, che ha un comportamento fortemente non lineare, ¢ l'acciaio o altri materiali metali e non, che hanno invece una fase «di comportamento post elastico generalmente non trascurabile. ‘Lugo del metodo tradizionale, pur essendo in molti casi mcora adotabile e talora preferibile per ln sua maggiore sempliciti, deve assumersi come metodo particolare © Fichiede in ogni caso un controlle circa I'assenza o lo scarso rilievo di fenomeni son lineari i tipo meceenico 0 geometrico, che possono inficiame i rsulta. Inoltre pud sicuramente affermarsi che il metodo tradizionale alle tensioni arsmissibili non da adeguato risalto alle Verifiche di eccetabiitt non dizettamente connesse alla sicwrezza, il cui controllo & nell'ambito di tale metodo demandato all'esperienza ed alla professionalita degli operatori pid che a precise preserizioni normative, Inoltre, il semplice controllo di un livello tensionale sotto i carichi di servizio non fomisce una sufficiente conoscenza del grado di sicurezza posseduto dalla struttura. La sicurezza nei confronti del collasso non & Punico requisito che le strutture devono possedere perché siano pienamente accettabili, dovendo esse rispettae una molteplicita di requisiti prestazionaliulteriormenterichiesti. 2 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE INCA. 1.2 Metodi di analisi delle strutture ed elementi di analisi limite Nella verifca delle strutture agli stati limite, dovendosi considerare il Givers aumento man lineare dei material ¢ delle stature, sono nevessaie metadslosie Aiverse per la verifica delle sezionie per Vanalisi dee struttore, Nelle struture ipersatche i calcolo delle sollecitazion’ allo stato limite ultimo nelle ‘Sezioni pub essere eseguito seguendo diverse strade che in diverso modo tengono coute del comportamento non lineare delle membrature in prossimith dello stato lines jLa nomativa europea elenca quarto diversi modi fissando per ciascuno criteri ¢ limit’ di applicazione: 48) caleolo elastico lineare senza ridistribuzione delle sollesitazioni; ®) caleoloelastico lineare con riistribuzione delle sollecitazioni; ©) ealcolo plastica; 4) calcolo non linear _Telasciando il primo metodo che coincide con quello classico adotatonellaaalist elle strutture, si passa ad esaminare i rimaneat 1 quarto metodo, considerando modelli di comportumento non lineare delle ‘Rembratue, richiede anlisi al passo dele srutture, previo disretizzanione dele scene stere in un numero finito di increment. Al erescere delle azion econseguntsments dain sollecitazion, le sgidezze delle membratae si modificano © quind! per opat meements asso cccorre considerare una strutura carstterizata da diversi parametti meccaniot Le brocedure di analisi che permettono di teuer conto di tale evolusione sono relstvacenie Samplesoe © non sono. glustficate per una utlizazione corente rfaia a suuftne th Zomale uso, te sono indispeasabili per anlisi accurate di cui ¢ necestarioavvelow) ai emp pe fisare mit i appicabiliaaalti metod, pit semplic, ma tae cape 30 MPa oo cons, = 010026 +0.035-[(90-f,)/100 perf, >50 Ma 070651 (429) Per fc50 la prima delle (1.28) consente il massimo di rdistibuziame: (5-8.70) in presenza diuna clevata duttlite delle sezioni crtche (y, < 0208 at nom enusente ridistibuzione dei momenti quando le sezioni crtiche henno un asse nein: msgiare di 0.45 a. Valutazioni simi si possono fae peri calcestruzzi con reistenza magaiars meno uri. Una reazione tr capacitérotazionale e posizione dellasse neue & fen dalla formulazione approssimata di derivazione teorico-sperimentale: 2004 . avg el 130) In sintesi il metodo sopra descritto si presenta come lapplicaziane dt metodo statico alle strutture in c.a.. Infatti nel progetto delle membrature si adow wn campo di sollecitazioni staticamente ammissibilt (ovvero equilibrate con i carichi exerai e che non vviolano le condizioni di plasticizzazione in quanto tali sollecitazioni sama assists come sollecitazioni di progetto), cou alcune limitazioni finaliazate a commisccare te eapacita roiazionale richiesta con quella disponibile, A tale scopo si limita i cuctiicieem df ridistribuzione in un campo di variazione relativamente poco diverso dall'usi. (0.7081) imponendo in tal modo che la dstribuzione dei momenti di progetto sia nom. trapgo diverse dda quella fornia da un calcolo elastico; inolte si correla il coefficiente di ridisnabmzione alla capaciti rotazionale disponibile attraverso y./d 15 Caleolo plastico 1 eaeolo plastic, consent per le tri soctinue con Ini consecntve ma mot diverse (055, <1-8), pub appicarsi come il metodo precedeme camssacato i moment drivati da ua caleoo elastic senza le liitazini su 6 di cu alle (278-428) coors perd contolare che le seziot critcke siamo effetivamente- dui, pone na condizione pit restive alla poszione dels etre, ove imponendo che aaae co 30kN | 0,7 | 08 a STR GEO G parcheggi Pes Carichi Permanenti | Favorevoli Yo oo | 10 | 10 |x| Copecmre 09 | 90 | 00 Non favorevoli jot 13, 10 + 7 ] t 06 | 02 | 00 Carichi Permanenti | Favorevoli Yon oo | 00 | 00 ea ce nonstruttwali__| Non favorsvali us [us [13 | V Neve a quota 1000 msm as | 02 | 00 Carichi variabii | Favorevoli ve [00 | 00 | 00 7 i Non favorevoli tH ae Neve aquota> 1000ms.Lm. SIM) Reon meaa j T ; e | a6 | os | 09 aiazioni termiche M | Per Ja definizione delle combinazioni di carico allo stato limite ultimo e di servizio —— vengono altresi definit i coefficient di combinszione yy, Wry , Wy tuti minor di 1, che a snaisl 20 CALCOLO AGLI STAT LIMITE DISTRUTTURE INCA. coptlo IIL METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGLI “STATLLIMITE” 21 Nelle verifiche allo su, la combinazione i carico fondamentale si pud esprimere — combizazion’ rare nel modo seguente: i G+G +R +Ou4 Du Qu) (1.39) YaGi + ¥e2G2*7o P+ 7—1-Qu+ > Yoy Wes Oy aan Ee = combinazion frequent: Tale relazione esprme in forma simbotica che le condizion di cai allo sin, D devono prevedere i carichi permanenti emplificati (yoy'Gi e yorG:), le azion! della G+G +P, +H Oat Wa Oy) (1.40) precompressione (yp'P),"F.carichi variabili amplificati (yq-Q.) se le loro presenza a sfavorevoe ripeto alla sicureza. In presenza di pi cach vari (a carck varisbil) primo viene considerato per intero, i rimanenti vengono corre dai coetiicienti dt = combinazoni quasi permanent combinone (ua). Ss 04) 1 ruolo dei coefficient 7 © y & di determinare combinazioni di carico di una 6-6, ++ uO aay prefissata probabilitt, differenziando le verifiche agli s.lu. da quelle agli ss, in cui ‘ + Da diverse sono le probabilité di riferimento. In particolare le combinazioni di carico per le verifiche agli sLu, hanno una probabiliti di accadimento molto inferiore a quella. di riferimento per le verifiche di servizio, ¢ pertanto si utilizzeranno per i due tipi di condizioni di carico coefficient yo, different Oltee alla suddetta condizione di carico fondamentae, in presenza di azioni sismiche si considera la combinazione seguente: EtG, +G, + P+ 0) -Oy (1.38) ‘Si osserva che in presenza di sisma si considerino i carichi permanenti non amplificati ed i carichi variabili nel loro valore quasi permanente. 1.10 Combinazioni di carico allo stato limite di servizio Le azioni da consderare per tli verifiche sono quelle normalmente presenti nella vita della srumura; possono al riguardo dstinguersi le azioni quasi permanent, costiuite dal peso proprio, dai carichifssie da una quota modesta dei carichi accidental, ele azioni frequent costinite dal peso proprio, dai carichi fssi e da ma quota maggiore i carichl variabii In particolae, carichi come il vento la neve non sono in genere da considera nelle condizioni di carico quasi-permanent, mentre possono considerarsi nelle condizioni i caricofrequenti con percentualiridote (dell'ordne del 20%). Le azioni negli s.ls. sono assunte con i loro valoricaratteristei (19 = ye= vo 1), ceventuslmenteridot in rapporto al diverso tipo i permanenza delle azion, che detcinina diversi effet sula strtura, come ad esempio effet! dervanti dalla corrsione e dalla deformazione viscosa. A tal fini occorre considerare diversi tpi di combinazioni di carieo: wineiee Le combizaion’ tice senate evdenian come lent de carch varbil dn reader in cont vin vn dacescente al pstagio dalle combinant area qule gus Demmanent pr effet de coefficient dit Ya 5V 2 Vn Nel cao del vento ¢ dla neve occorte tener conto della situazione geografca del to, che po suger valor ih adegut orca Pop io. poke conical di carco di servicio deteminao sad solestasioesiguficalvament nord quel tin, comporanenta dell suture si consid elsio liner 2 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN Ca. BAEC OL 0 AGL STATI LIMITE DI STRUTTURE IN CA. 1.11 Esercizi Per evidenziare Je prineipali differenze ta i metodi di analisi innanzi descrti, ‘vengono propost di seguito alcuni esercizi esemplificativi, in tali eserizi le resistenze lulime delle sezioni veagono fornite come dati, essendo la loro definizione e calcolo “oggetto di successivi capitol, Esercizio 1.1 Per uns trave continua a due campate, con sezione ed armatura assegnat, si voglia determinate il earico massimo distibuito in modo uniforme q, compatibile con lo sii SSotando in altemativa il metodo elastic, il metodo elastico con ridistibuzione dei fromenti, il metodo plastico; in tut i casi i momenti ultimi delle sezionicritiche sono stati ‘Geterminati con i metodi illustrati nei capitolisuecessivi (vedi cap. 3). ‘Trattasi di una trave di due campate, continus, con i seguenti dati geometrici, meccanici edi carico: ‘Loci campate: LsSm L-sm Geometia sezine: = 500mm, 250mm,’ 22. mm, Anmate —802.B (J. Ag 1018 mi, A,’ =226 mm sez AB (+): A= 1018 mm!) A,'=226 mat sez BC (+); A= 1018mm", Ay'=226 mat cessendo A, I'armatura tesa ed A’, Varmatura compressa ‘Lasse neutro ed il momento ultimo negativo e positivo, per tutte 12 sezioni significative di uguali dimension’ ed ammatura, valgono - asseneutro allo su. ase neutro adimensionalizzato = momento ultimo A) Sequendo il metodo dell Analisi Lineare Elastica (AL), essendo i moment kimi ‘Abappoggio ed in campata uguali ed essendo inole il momento sllecitante massimo focaltzraw sull'sppogzio B, il carico massimo compatible con un comportamentoelastico gud ottenere uguagliando il momeato sollecitante in campo elastico connesso al carico Jebgnio gal moment ulimo in B. Si otiene pertant 6.53 EN, Ti momento in campata 8 nel caso in esame minore di quello ultimo (plastco). Infati si ottene: opitoly IL METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGLI “STATI LIMITE" 2 _Gopltolo |. METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGE! “STATI EIMATE” 23. 2oay in presenza di momenti resistenti uitimi differenti sul'appoggio B ed in campata, s possono determinare separatamente i carichi corispondent all’uguaglianza trail momento Riileitante e quello ultimo in B, ovvero ta if momento sollectante massimo in éamapata ed ZT comispondente momento ultime positivo in campata. Ovviamente il carico massime ccompatbile sara il minore tai due. 1B) Sequendo il metodo di Amalia! Lineare Hlasica con Ridstriburione de Slomend (ER), eco detrninare peiminarment a masina ridsbucione ammessa Mono snio valore del eoeficeate di ndstbuzion 6 cpendens dala posiziooe Shirase neuwo alo nu, dela seine sede della Ricisuibucowe dei Moment, Tale setanone & possible ia five di verifin esseado note le arate. in fase di progeto etrcente 8 deve ener potizzato ep, a verfea eet, se oe deve convo ammissibilita. Nel caso in argomento, (f<50 N/mm’), si ottiene Be O4b +1285, fd uO 125-0212 0705 si assume pertaato 8 = 0705 1 carico massimo compte coa Tos, il minore tj Sus che of sosono demrniare shemativanents sopooendo Tuguglaa tx moment Selecta eemoment resiteat lasae sll eppoegio (con ricscbucione) en carpet. Considernda ia primo ogo Tappouse B, dove vi reggunge pina il moment plasico, si determina i caico qu, cut corisponde un momento MB in modo che inisnado le atrbuzoue post verficare i sgpeto del momento Pasi agg etl _ 8:829310705, i Cccore ancora veificar: che, in peseaa dun momento in B pa a qual plastica, it momeaton campat sa infesor o al pl upuale a quello placn, Per effetuare ale Contolo si derma alo ia A ed l momento mass in campelacespondent a ‘agglmgmento dl moment pasico in B get Gi ss43 29 Tora 237.64 ein 4 La verifica rigulte soddisfarta e quindi il carico massimo compatibile con Ia verifica allo Lu, 8 proprio dy 2 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C.. eT Se ln verifica won fossersultata sodsftta,avremmo potato ricavare i cario per il quale if momento massimo in campaia uguagla if momento plastco positvo mente I moweete in B@ pari al momento piastico negative. Sequendo fale strada, in questo caso superfiua it quanto la verifica€rsultatasoddisfata, si otterebbe ft Mot 2 (102 3G) nar oo 7 + fob BMG) a2) 5) 2 (5 s093) 42 saree, ua BeeZle 82.93)" -£2.937 =19.90+18.76 =38.66 wim TM carico qua = 38.66 kNim & superiore a q.s come previsto e, quindi, qg=min (Qui; Qa) = 4; = 37.64 Ni, ©) _Nel caso esaminato, essendo yy/d025 ed inolte le luci delle campate Sonsecutive uguali (i limite sarebbe (0.5. y/l,4, S1.5)), € possibile applicare I” Amalist Plastica (AP), Per determinare i carico massimo possiamo allora seguir il metodo statco © il metodo cinematio, 11 primo metodo (metodo static), ha il vantaggio ci forire catch, ‘lin conservatvi,ovvero minor o al pit ugual di quelli imassim’ amuness Essendo aot i moment ultimi celle sezioni eitiche, & possibile ipoizzae distibuzioni dt sollecitazioni in equilbrio con i carchi estemi e compatbili con i limit di eastern selezionando queliadistribuzione cui corrisponde ilcarico massimo, Una tale distribusiees si ottiene imponendo ad un diagramma del momento parabolico (compatible ton wea distibuzione di carico uniforme) che il momento in B sia par al momento plastico negative (M4) mentre il momento massimo in eampata sia par a quello plastica posivo (Mie Tale criteio & in sostanza quello adotato in precedenza (ca80 B) per doteseteioe nel setodo (LR) il carico gz, Peranto seguendo la stessa stradaimpostala ia provedensa por Sua $i ottiene ancora qae= 38.66 KN/m. Per epplicazione del metodo cinematico occorse conoscere il meccanismo di collasso che nel caso in esame écostituito da una cemiera all‘ppoggio intermedio ed una in carpets a osizione aon esattamente nota a prior. Pertamto il metodo, applicato nella soa formulazione base, ovvero senza ottimizzare la posidione delle ceriere che individvane meceanismo, fomisce valori generalmente non conservativi del carico di collaseo, Nel caso in esame possamo stare i risuliatotteut ia precedenza (LR) per otenere ln posisione otimale della eemiera plastica in campata, Infati la solwzione innani stents cen a t k t t 25 Coptolo J. 1 METODO DI co ei consents di concsere con precisione Ix poisons dels cic in reds detrainaa dalla ascigt che estendo. un puto ci momento miso, compatnde ad un punto di nulla del tag, Si otiene prtato u2't Mot 3866-5 9293 2 £2 S 50.06/38.66 = 2.07 a Indicando con 4 I’angolo di rotazione rigida arbitrario dei due tronchi centrali delle due ae es eae ee ear ee ew Og7O4 + Og =1.4155-05 +05 =2.4155 - Op. 80.06 kN % Le 1) Ty!y vcr Be eS ZS S Gre vd ce ( 24(tye:0586 289 (2) =2.(MGy 8g rb 2415-85) MPLV siserive: —2-g4,--086-25/2 = 2.(82.931 82.93.4155) 566.50 ARS = 38.66 kNi Swe Tags to cas i metodo statico ed il metodo cineratico hanaofomito to stesso isla © (Rnd cao dcolawo (nassino tual ote cond mda sco ¢minimo dual oui con i met deena) ¢ to eivencti een (a Se = “Tale rintato & stato ragghito selesimando el metodo sc ‘eiSino manent pov nl consion colle (fog cf MoM) ena aocs Cinematic fseando la cemer in expe cela sezione di motneto mas in contiion Ai collsso. Appicando il metodo statico senza impone la condiione di massimo i campata avrebbe comportato soluzioni conservative (q, S ques) mentre con il metodo Snematico si saebbeoftenita na solzionegeneaimente non Sonsevativa (2 Qc) ‘Riassumendo, il arc ultimo Seguendo ite etoile: t % CALCOLO AGLISTATI RATE DISTRUTTURE ICA. api 1.1L METODO DIVERIFICA SEMIPROBABILISTICO AOL “STATTLIMITE” _ 27 Meiodo iNimj —| = (01.2 ode _7_aalk f Esercizi LR 32.64} er una tave continua a due carpete, con sezione ed armature assepnati, si voglia AP. 38.66} Fe an ei carco mussimo distibuito in modo unifomme q, compatible con lo $3. Si osserva che i metodl LR e AP sel cas0 esaminato fumiscone valori ultimi del carico notevolmente maggiori del metodo AL. Tale rsultsto & connesso al fatto che le rmature della trave, con uguale resistenza a momento negative e positivo, determinano ‘margini diversi nei confronti dei moment sollecitanti derivanti dalla analisi elastica. Tn ogni caso si sotolinea che per una corretta progettazions occorretenere in conto anche le verifiche agli stati limite di servizio che impediscoas talora lo sruttamento integrale del comportamento plastico di cui ai metodi LR © AP. [Nello schema sottostante si osserva il diagramma del momento relativo alla analisi lineare (AL) con un carico ultimo (Quu.) minore dei corrispondenti qu « aap. Per i metodi LR ed AP sul lato destro & riporato il disgramma del momento nefls ipotesi di resistenza flessionale illimitata, sul lato sinistro il diagramma del momento limitato dal momento plastco in B. In sitesi si osserva a desta il diagramma del momento elastico ed a sinistra on ridistibuzione relative al metodo LR ed al carico ultimo comrispondente (qu12). Si ‘cssceva infne il diagram allo s.Lu. (lastico a desta e plastico a sinistra) ottenuto con il metodo plastica (AP) e relative al carico ultimo quar, poco maggiare di qusx- 028 sezAB8C sreiiserometnteeein jeStando it metodo elastco, il metodo elastico con rcistsbuzione dei momenti, il metodo ‘rasc. I presenteeserczio differisce dal precedente per una divera sett delle amare Prsizonate in modo da avere una dversaresistenza a momento positvo e negative. ‘Frattasi di una trave di due campate, continua, con i seguenti dati geometric, smeceanicie di carico: Schema: Lesm Li=5m Geometria sezione: b= 300 mm, Amanre ez. BQ) sez ABO) sez B-C(): As=603 mm", A’s cessendo A, larmatura tesa ed A,’ V'armatara comipressa, sexABBC 28 Lasse neuro ed il momento ultimo negative e positvi valgono (eff. eap.3) per le sezicni significative: Sea-B yu 83.44 mm yelde0.174 (My —Mgi = 211.32 kN yon 4622 mm ygd-0.0967 Mam Myo |A) —Seguendo il metodo dell’Analist Lineare Elastica (AL), il carico massimo pub essere determinato come minimo tra quelli che si ottengono uguagliando momento sollecitante e momento resistente nelle sezioni dove il momento assume valori massira: 0 ‘minim, In B ed in campata delle campate A-B e B-C nel caso in esame. Se. ABeBC 108.26 kNm 2% (CALCOLO AGLI STAT LIMITE DI STRUTTURE IN C. Ugagliando it moment it moent relavo a aio inoguto gal momento pls in Bia aten 2MGr sansa wee 7.62 Nl 1 cain detemionto non &necessaret dono perch in cmp momento poebbe to aptare equi ovrero eee maggie aumento sees ontpnione Inf nel cao in ese momento im camps comapondene acca ne Guelo lice salsa coe a ansanat eeten Soto tat MG onans min een eins 126.79 Tae re canpeta maggie & quello risen Fomiamo alla dtaranare i earco ‘asso consondente al momeeto massino in campus imponen upuagaza ta momenta wllsione maian rth a a2 2 + fa? ay 422 pe a 126.79 N Map 11886 im [>M%, «10826 we] 108.26 422 08.26.18. SIE? 261.58 EN 42 = —S5 T carico ultimo & pertanto quest'ultimo essendo gy = min 61.58.67 62)=61.58 kNim B) In questo caso il metodo di Analisi Lineare Elastica con Ridistribuzione dei Momenti (CR), si presenta in una forma diversa da quella innanzi descritta (vedi Es.) in quanto il momento plastico viene raggiunto in campata. Avendo in questo caso lo sviluppo ddel metodo una forma poco diversa dal metodo plastico si omette lo sviluppo siaviando al caso successivo (AP), ©) __ Nel caso esaminato, essendo yi/d<0.25 ¢ le huci poco diverse (uguali in partcolare), possibile eseguire I" Analisi Plastica (AP). Per determinare il carico ‘massimo possiamo seguire il metodo staticoo il metodo cinematico. Si segue il primo come nell’esereizio 1.1, determinando il carico per il quale i momenti in campeta ed all'appoggio uuguagliano i rispettivi momenti plastci oe cepts IIb METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGLI "STATI LIMITE” 29 _Coptole 1. Il, METODO DI VERIFICA SEMIPROBABIESTICO ACh STM? 0 G2) Ge Ma) OG) 2 25 ye 2 (nuise42-10826)+2 feniaae2 ing? (asap = 2¢ a Fanaa) 4 3422+29.76=6398 kim Pertanto il earico massimo con il metodo statico vale qu. 63-98 kW/m. | Come visto in precedenza & superfiuo applicare i. metodo cinematico in quanto fornirebbe lp stesso carico 0 carichi superiori, ma non conservativi, adottando collocazioni non corrette della cemiera plastica. 1 carico ultimo seguendo i tre metodi risultato: “Metodo ‘qn [Nip AL 158. LR = AP, 3.98 ‘Si osserva che i metodi AL © AP danno, nel caso in esame, Fisultati poco diversi. Cid & dovuto al fatto che le armature sono disposte in modo abbastanza coerente (proporcionali) con le sollectazioni di analisi. Naturalmente quando le armature devono tener conto di una ‘molteplicita di condizioni di carco, tale coerenza non ¢ in generale possibile. (CALCOLO AGLE STATI LIMITE DI STRUTTURE IN CA. Esereizio 13 Si debba progettare armature di una campata intermedia di una trave continua in cui sono assegnati i seguenti carichi: 215 KN che saranno armplificati tenendo conto dei coefficient yp paris 1,35 per ay ¢ 1.5 pet g'k® te Te wave in esame é costtuita da quatro campate diseguali, dt lunghezze Sm, 6m, ‘7m, 4em. Si prende in considerazione la campata di 7m (Ja terza), ella quale si vuole progetiae [armature Le caaterisiche geometiche della tave siano b=40 em ed h= 70 Incleacione del careh caratieristc! k= 151 ge=20 Km sm on m tn ‘La prima fase del progero delle armature, a prescindere dal metodo usato, rchiede it elcolo delle sollecitazion! conseguenti all'analisi elastica della struttura, con carichi mplificati (61); per massimizzare le sollectazioni nei punti di appogeio ed in campata, Gamo definite Ie combinazioni di carico pit gravose. Si possono adottare distribuziont osiddette a scacchiera che richiedozo, nal caso di massimizzazione di momenti su appoggi Siem, di maseimizzare i carichivaribili sulle campate adiacenti al generico appoggio su Gu si voglia massimizzare (in valor ascoluto) i momento, mentre nel caso si vogliano (haseimizzare/minimizzare i moment positivi in campata di caricare altemativamente le ampate parle ispari con i massimi cerichi vriabil, Nel caso in esame si sono considerati {quatro condizioni di carco: due condizioni di carico per massimizzare i moment suglt Sppogei @ sinista ed a desta della campata in exame, due condizioni di carico per ‘massimizzare o minimizzare i momenti nella campata in esame (L=7ca) 1) -magsimo momento nell’estremo “1” di sinistra; 2) massimo momento nell’estremo “j" di destra; i { i copia. METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGL! "STATI LIMGTE” 3 3) snassimo momento in carmpate “i; 4) minimo momento in cempata “i. earorassimo in campata ristlta Gan ~1.35*7+1.5%(20+15)-61.95 KN/m. Jogo minimo in campatarisulta qu = .0*7+1.0°20=27 kN/mn Da tale analisirisutano i seguenti moment flettet: ‘Combinazione sevone TD 2 2. 2] Min | max To 5620 | 17406 | 131.75 | -156,67_ [256,20 Tp 79,51 | -229.05 | 201,56 | -99.90 | -229,05 FL 162,09 [17789 [18779 [37,77 187,79 'A) Seguendo il metodo dell'Analisi Lineare Elastica (AL), si deve semplicemente procedere al progetto dell'armatura sulla base dei valori massimi tel moment (positivi e negativi), Seguendo il metodo tabellare (eft. cap 3). 1 ‘ es 10" 0 277 per V'apposio "i"; 0 a ua 7 = 0.298 per eppogsio Hs 23, 05-10 0 n F fg =e = 038 per la campate “i; f= 10" 0 assumendo i seguenti materali: celeestruzzo di classe 25/30 e acciaio B4S0C, se il ‘apporto tra Je armature compressa ¢ tesa @ pari a p=0,25 e tenendo inolie conto di wn rapport d'/4=0,05 (coprifero d’=3,5 cm), si leggono i seguenti valor: del coefficente che definisce it braccio della coppia intema ("= Ch): © 0,894 per appogsio §=0,886 pe 'appogsio “i 90,899 pes carpata "i"; le aree di exmatura necessarierisultano cosi le seguentis 32 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE INC. 256, 20-108 2. eu 5A tone sence 28 on? pe pags 0,886. 700 -391,3 . 187,79 10° 74mm? perla campata “i”, 0,886.70. Si adottano pertanto le seguenti armature in zona tesa (con armature in zona compressa ‘non inferiore al 25% di quelle corrispondent in zona tesa) 220+3 14 per ’appoggio “i” (10,87 em? 202043 ©12 per l'sppoggio )"; (9,67 em); 202041 ©14 per la campata “i-j" (7,81 cm’) B) —Seguendo il metodo dell’ Analisi Lineare Elastica con Ridistribuzione (LR), si deve procedere comunque al calcalo delle sollecitazioni con metodo elastico per applicare poi la ridistibuzione dei momenti. Applicando ai valori massimi dei momentisugli appoggi un coefficiente di ridistbuzione 80.75 si ‘ottengono le seguenti sollecitazioni di progetto: {4 = 5. = 0,75-256,20 = 192,15 KN mn M4 = 5-M, =0,75-229,05 =171,78 KN Ce MG -—_—_—t—__ , h eishatreceatenser nce cpio 1, le METODO DI VERIFICA SEMIPROBABILISTICO AGLI "STATI LIMITE: 3 1 rid «5-uj+ | My OMT Gr ; snisredal cessendo il carioo massimo nella campata in esame yyy = 1,35-7+1,5(20+15) = 61,95 Nn Con tal sollecitazioni la progettazione delle armature procede analogamente al caso IA), Seguendo il metodo tabellare, assumendo i materiali gia in precedenza scelti nel ‘metodo AL (caleestruzzo di classe 25/30 e acciaio B450C), un rapport tra le armature ‘compressa ¢ tes. pari a p=0,25, ed un rapporto d'wh=0,05 (coprifero d'=3,5 cm), i coefficient r,risultano’ t= #0319 per appogsio "i"; fimasac =o 70_ 0,338 per Vappogzio fi.re.10® « 70 6S ors a) | valor del coefficient Gssultano: §0,90 per appogsio "i § 0,900 per appogzio “"; (0/899 per la campata Le armatixe che ne conseguono rrultano cos le sequent 315 per la campata 192,15-108 0, 900-700-391,3 171,78-106 ae 0,800 -700-391,3 6 780 nm per Vappoggio “i”; = 697 mm? per V'appoggio "i": 197, 54.10 = EN 12 mm per la campata “i. 0,889-700-391,3 xu . (CALCOLO AGLI STAT! LIMITE DI STRUTTURE IN CA. ‘Si adottano pertanto le seguenti armature in zona tesa (con armature in zona compressa ron inferior al 25% di quelle corispoadenti in zona tes) 2020+1 O14 per lappoggio “i” (7,81 em"); 22041 012 per 'appoggio js (7,41 em"); 202042 12 per la campata “ij” (8,54 em") Come si osterva, si otengono delle economic ai arnature sgl appogy, cui corssponde Ghvtinore ineremento della snmatra in campata; ovvigmente, V'enttd di queste fconomie ® infuazata dal coefciente di ndstsbuzione asunto ae ricaoolo delle soliecitazion ‘Rrendo asounto un coeffcente di rdistibuzione 60.75, occore contollae che le edom: configurte abbiano una suficiente dul owvero che T'asse neuro ssl suicientemente basso: yy s[(6-nasyri2s(a7s-04s 25024] ‘La condizione @ faciment verifiable in fase di progetto ricavando dai valoi di § i ‘alondellesse neuro comispondent: fhad-ay, me Ayo a at rs ‘Essendo nel caso in esame i valori i { relstivamente alti, infuti i valori di 6 sono prossimi s 0.9, a trave énotevolmente dutile Per (=0.9 © 8'=0.05 risulta: ©) in questo caso progettare l'srmatura facendo riferimento all"Analisi Plastica, ‘Comporta gii stessi passi dalla Analisi Elastica con Ridistribuzione dei Momenti, con fa facolta di assumere un coefficiente 5 non pii limitato inferiormente dal velore 0,7 Naturalmente valori ridotti del ccefficiente di ridistibuzione 5 possono- rendere ddeterminanti nel dimensionamento le verifiche tensionali legate agli ss. Capitolo 2 LO STATO LIMITE ULTIMO PER TENSIONI NORMALI 2.1 Premessa : Lo stato limite ultimo pit fequente nelle, stuttue in ca. & lo stato limite per tension! nompali ovvero 10 stato limite di sezioni presso/tenso-inflesse. Tale stato limite ‘Gguarda pevtanto in maniera unitatn i casi di esione, prossoflssione etensoflessione ‘Dal punto di vista del comportamento, le sezioni sottoposte a soliecitazioni di reso lessione con fessione prevalete, ovvero co ‘grande ecoenimici, ateaversano te Hreerse fai al crescere della entitA delle sollecitazioni fletenti: <= ja prim fase & caratterizzata dalla assenza difessue e quindi da un comportamento @ ‘enone integra o non parializzata, con legami tensione-deformazione nei material ‘praticarsente elastic; -. = Tp seconda fase & caratterizzata dalla fessurazione delle sezioni ¢ quindi dalla parzializzazione delle stesse mentre i materiali sono ancora elatici; — In terza fase, che appresso sari presa in considerazione, @ caraterizzata dalla necessiti di considerare la non linearita dei legami costitutvi essendo i materiali sollecitati a livelltensionali possi alla rotura ‘Nelle sezioni tenso-inflesse manca la prima fase nella ipotesi di calcestruzzo non resistente a trazione. 2.2 Ipotesi di base e legami costitutivi Per la determinazione delle caratteristiche ultimé di sezioni in c.a, presso-tenso inflesge si assumono le consuete ipotes alla base della teoria tecnica: = conservazione delle sezioni piane; = omogeneit ed isotropia del calcestruzzo in zona compressa ¢ della armatura; = aderenza tra ealoestrazzo ed acciaio; = ‘wascurabilita della resistenza a trazione del caleestruzz0. ‘Per quanto riguarda il segno delle tensioni ¢ delle deformazioni, si assumono, come & usuale sella teoria tecnica del calcestruzzo, positive quelle di: compressione © di 36 {CRICOLO AGLI STAT! LIMITE DI STRUTTURE IN Ca, sccorcaments,rispetivamente; le teuioni masse (di progete) del caleesruzo fy ¢ de acciaio fy st merle aces della miscea, ale modaish di get, alle endicon di matuasione sa wee ok Seo deed aan ae Sag sora Sey TAO wet st re, ones onan aor ea, “Se ZS ee —— ——— > Soon ——— = aia Spe mm ian spac pms Senet ms ne toe noes renga gree Seo ae eee eee = Fe ile mee a ep meat se st gb Seay eee peas Satabwaent pe agree akan arsine jai ot nae oe =r Nel seguto verano utes sin i tegisia gli srumenti antic pr la oro Uutilizzazione nella verifica delle seziomi. ® aia 2.3, Definizione di S.L.U. per tensioni normali i i £ ipo 2 LO STATO LIMITE ULTIMO PER TENSION! NORMALE a Quale che sia il legame adottato per il caleesinuzzo, si distinguono due valori ‘ilevanti pet la deformazione: «la deformazione 4 cui corrisponde nel legame di riferimento il raggiungimento della resistenza a compressione £5 = Is deformazione ubima eq alle quale si fa corrispondere la crisi per schiacciamento del calcestruzzo compresso. Tl pedice i in eq varia da uno a quattro in relazione ai quattro legami costtutvi proposti per ilcalcestruzzo, mentre eq esprime nei vari legami la deformazione intermedia tra 0 ed eq necessaria alla definizione del legame. A tal proposito, la Fig. riporta ‘chematicamente tre dei citati legami tensione-deformazione che possono essere assunti per ‘iodellace il comportamento del calcestruzzo. Indicando con ¢, il valore relativo al legame razionale fratto di Saenz mostrato di seguito, con &q si indica il corrispondente valore da associare all'inizio del tratto a tensione costante nel legame parsbola-rettangolo (Fig 2.12), con Ea € Sequel da associareall'inizio del tratto a tensione costante nei legami lineare- costante (Fig 2.16) e nel legame denominato stress-block (Fig 2.lc) of of ° fea V1 fea fea £2 by © of © ey ew & 2) parabola-retangolo _ lneare-retangolo 6) suese-lock Fig 2.1: Relazioni costtutive per ilcaleestruzzo in compressione Quanto ai valori numeric, nei casi pi feequenti in cui il valore ceratteristico fx ella resistenza cilindrica a compressione £, non super i SO MPa, si assume: oy =0.0035 a Per calcestruzzi con fy >S0MPa, invece, sia 1a normativa italiana che quella europea prevedono un valore decrescente della deformazione ultima, coerente con Ia ‘minore duttlita esibita dai calcestruzzi ad alta resistenza. Tl valore della deformazione indicsta individua, net legame tensione-deformazione, Iinizio della fase in cui le tensioni sono fortemente decrescenti e quindi corrisponde ad una deformazione oltre cui non signifcativo andare al fine della valutazione della capaciti portant ultima della sezione, 8 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C.. I valore da assumere per le deformazione cui corrisponde il raggiungimento della ‘massima tensione varia a seconda del legame tensioni-deformazioni. Con niferimento ai fimboli introdotti nella Fig. , si riporlano i valori fomiti dalla normativa per la deformazione ts ed fs 4 =0.002 per fay $50. MPa 25 0.00175 per foe $50 MPa 24 =0.0007 per fg $50 MP2 470.0085 per fg $50 MPa 002+0.0085-(yi, 50"? per fy >50. MPa ,00175+0.00055-(f, ~50)/40 per fy >$0 MPa perf, >50 MPa @2 fg =0.2Eay q970.002640.035-[(90- fp) N00] Quanto al'aciaio, si possono assumere valori di deformazione ultima ¢s, molto imaggion di quell reatvi al caleestu2zo in rapione dell'assai maggiore duiith di ale Taterale In paricolare, a recente normativa nazionale ed europea definisce valor dt Droge ta della deformazione ukime delaccsio in fanzine di corrispondenti valor: caratritii eye dels stessa per fy >50MPa bq 096 e3) valori caraterstici ey della deformazione ultima dipendono dalle duttiita del ‘materiale acciaio. Si distinguono in ambito europeo tre classi di acciai per calcestruzz0 Genotate con le lettere A, Be C ¢ caratterizzate da dutiit (e dunque valori di ea) ‘crescent, La normetiva Italiana (Norme Tecniche per le Costruzion),tuttavie, fa esclusivo GHecmento alle classi Ae C ed, in percolate, agli acciai da calcestruzzo B450C ¢ B4S0A. { ca “beton”) con valore caaterstco della tensione di saervamento f=450 MPa ¢ valosi ‘molto diversi della deformazione ultima. In particolare, per-i due materiali previsti dalla ‘pormativa italiana si possono assumere i seguent! valor Eg 20.075 Ey.4 = 0.025 ea It legame tensione-deformazione dell'srmatura pud essere sia elasto-pastico con deformazione ultima espressa dalla (2.3), sia elasto-incrudeate con tensione varabile nel amo incndente da f ad fz . Nel caso elasto-plastico, per le determinezione delle Caratteistiche ultime dele sezioni si pud assumere una deformazione ultima delarmaturs tesa indefinita (cm =). Tale assunzione comporta alcune semplificazioni nella eterminazione delle cerattristiche della sollecitazione allo s.L., che saranno esaminate in seguito (cfr. $2.44) rece cela sodxoe in ma seo & dete dl ging 1 a eG meas sme al titel ie gee comin is uci el ner nua nn, ¢ peste cen on sess go ira dla divas cle Gefommaion GR post sara seen gen. Ev soo snsizate nei Fi 22, dove _ bllecinimg sei civerse zone di possibile collocazione deltasse neuro allo siu: aaa ene con ast euro eer ala sie cn massima deformszion ves pina on or eae sono oe, aes o0 ase on er oP 9 Scrone r ue euo cpen tro comes Se a npenane ocouenporue rggeiest elle sary acon lie del calestuzo e dell aciio esendo: 937-4) es) Fig. 22: Definizione delle zone limite ced il valore y,, che corrisponde al deformazione ‘uns terza zona con I"asse neutro compreso 18 Ya, raggiungimento della massima'deformazione ael caleestruzzo € della limite elastica dell acciaio teso, essendo: oo CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN Ct GEE ey ae ~ ns quarta zona con I'asse neutro corpreso tra y,, ed il val yg 04 il valore y,, corrispondente al raggiungimento di una deformazione nulla nell'acciaio tes0: : (r-a)na eo Ys en una quinta zona con Passe neutro compreso try, bordo inferiore della sezione; * una sesta ed ultima zona con’ asse neutto estemo alla sezione che risulta compress, mente la deformazione sulla cord posta distanza de dal borden = de yx, = h corrispondente al de = Saft. @3) son si moda rnesendo pa sla deforasion® ty rgguna quando 1 agit guano Passe euros colloca al limite inferiore della zona 5. : nue ZONE] POSIZIONE | ‘STATI DI ASSE NEUTRO| SOLLECITAZIONE 1 | -w50(fen > 58) G19 comes canes creas cars Cis6r G00 cass cana 3540 0.000 001 0902 0008 anos Fig. 2.6: Diagranmi o-¢ per caleesrzo express dal legame 2.1!) 80 il rapporto i Infuti, nel rapporto stone Cg. 2g eeazt i forma sspica sail modulo elastic fanzine aon ner e Sat O's. 2.0) Nelle veriche ai resinenza la tnsione massima di meoeee og viene phenninata dividendo per un coeticiente =I. la resistenza ciindica careree See 2ez {208 couto della pemmanenca dei caich nelle verifche di resistenes dele sezioni si Sg04e Me Secondo coefficient idutivo pari a au=0'85, auenendo le eoctece i progetto riot 45 Soe fet ve Si @17 fit secs por ots Iga oes sp dest scrittura delle relazioni di equilibrio interno delle sezioni, si osserva prelimsinarment Gfe'o afro rsttunte dele tension’ ef compressione nella part compresa a anges ee abd. one retiangolare, sollecitica da una tensione'massima o,'¢ con legame osanteb di wa zion , Grea ime ep ala 211 deve eras dl nore Ne=b i oly) ay @ay do intesi come distanze’dal'asse neutro delle bra yy i limit di integrazione intesi Pn rani nin eaten pih pene; ewmccade yr gpm dele {aun oo Afeineno con ongioe rullase eure Grunts 9, fal bode compesse 2 Pin = se neutro interno alla sezione, yy h prio lini vale ripetivamene 7, =0 pe ase ei intro ‘per asse neuro esteo alla seione; i secondo limite vale per definiione y (2.74) Le equazioni di equilibrio alla trastazione ed alla rotezione intorno all’asse baricentrico di uns sezione retangolare si serivono: foob)o+S Avon a ei) 220) cessendo a stanza della armature /-esima dal bordo superiore della sezione. 6 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN CA Fig. 2.7 ab; Valutaione delle sollecitazioni nel calcestruzzo Le precedenti relazioni (2.19) e (2.20) possono seriversi in forma pitt cl os ersi ia iit semplice, intoducendo le fara! adimensonal v2, Per ase neuro item ala sezione le sesso +2, 10 STATO LIMITE ULTIMO PER TENSION! NORMALI a Bye feat Ag og =N 21) 2 h bre W Set [ew Er As-ou-[ Bay] aae e2) Ys ‘g “ As 8: Andamento reale delle tensiont nel cs. compresso allo s.Lu. per ser. rettangolare onde: rie 223 at [Eeb)O-ve]_, {fro 2 olay [ Yew Set T cvefficiente y, come si evince dalla definizione, rappresenta il rapporto tra area Gel diagramma delle tensioni sviluppato sulla sezione e I'area corrispondente nella ipotesi tensione uniforme sulla zona compressa, che risulta pari ‘al prodott ta y.¢ a tensione di to fs 2-ye rappresenta invece la distanza del baricentro dellarea delle tensioni in jenza indicata dal bordo superiore della sezione (Fig. 2.8). ‘Nota la deformazione sulla fibra pit sollecitata fanz © Ponendo €~Cxq/ Ea, si ottiene ‘pera genera fibra.a distanza y dall’asse neutro la relazione: a (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C., Hic. 10 STATO LIMITE ULTIMO PER TENSIONI NORMALE 49 Per la valutazione del cositributo del calcestruzzo compresso, escluse la regione “I” it ells. non 2 reagente, vanno considerate separatamente le regioni di rotura nelle ivesiand le ceformazioni negli estremi di integrazione, "pertanto, nelle varie regioni di rottura sia: Regione 2: *y" ¢°2” vanno determinati una volta nota a deformazione massima del ‘es. che in tale regione, introducendo le variabili dimensionali &=y¥fh¢ 6’=<'h, rsulta 6 ton I fa Fa Ve Ye 225 9 che, sostiuita nella (2.11) ¢ suecessivamente negli integrali contenu nelle (2.23) ¢ (2.24), fomisce nel caso di asse neutro interno alla sezione: Kova _e 4 Hee(E2) 1R(E2) aa (ea)e] 226) Oe (k-2) (e-2Fe fob)y ay eL+k(k-2)_1+k(k-2) 8 ED ae eae * be ERD alts] ee) (e-2F@ E iaferiore della zona 2, indipendenti dalla posizione dell'asse neutro e fuzzione della classe di resistenza del calcestruzzo considerato. Regione 6: in tale regione le fimzioni y e 4 tomano ad essere funzione delle jeformazioni nel calcestruzzo allo stato limite ultimo al bordo superiore ed inferiore a setion che sultan essere pari a da cui pud trarsi: tase Lise 22 (230) (2.29) 30 Dalle funzioni sopra definite possono con semplici cousiderazioni ricavarsi Je ‘analoghe funzioai y ¢ . per asse neutro esterno alla sezione”, sono tabellare con validita generale per le zone 2 e 6 in funzione della posizione el'esse neutro adimensionalizzato E, mentre sono costanti nelle zone 3, 4 e 5, dove la Ye (tofu se asse neuro 2 ester ala sezione, 1 fasion y © 2 possoo rcavarsi dalle precedent Preble ob)a ‘alutando le fizioni yle) © Ne) eatvamente alla defommazione masrima ey sul boro pit ‘compressa ed alla deformazionee,, sul bordo meno compresso. Si otiene infat: w(¢u)-¥3 = Bem) (ve ~AY =Ye Sen) Ye~ Fm) Ye A) Lovley fob) prob) Soa Whey : (¢4)-¥.~Slem)-(y. A) i 0 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN CA i910 STATO LIMITE ULTIMO PER TENSION NORMALI 3 eformazione massima @ costante ¢ pari al valore massimo consentito (Tabella 2.2). Nelle ‘zone 2,345, la tabellazione @ rferita a ’ =E/(1-8') in luogo di & per renderla indipendente dal coprifero,Infat la posizione dell’asse neutro &'25 di passaggio dalla zona 2 alla zona 3 2 indipendente dalla dimensione del copriferro. t Sut 2.34) : aa, ede 3 ery, compres tay, ed la deformazione massima & pari ¢ ¢q,%0.0035, mentre 5, compreso ta hc ad ogni valore dees neuto eorispondono deformaziont 243 Legame Parabola-Rettangolo per il calcestruzzo ‘e massime espresse dalle relazioni: 1 legame parabola-rettangolo (Fig. 2.9), & espresso da un tatto parabolico pec deformazioniinferori a ¢,_ ¢ dam tratto a tensione costante per deformazioni vaiabili tra 235) ey 3 Enig = —22—-(y, ~h) = —£2—.(-1) 236) O16) =f faSéSbq as» 9 ‘Lresponente n vale 2 per calcestruzzi a medio-bassa resistenza mentre assume valori rminori per calcestruzzi di resistenza superiore (E255 n=1.75; f4=60 n=1.60; £4=70 1.45; 64°80 n° 40; £490 n=1.40).. F? facile controllare che il tratto parabotico ha una tangente all’origine pari a 1000-fgg, che rappresenta il modulo elastico di questo legame convenzionale, mentre si cosserva che per le diverse classi di materiale il rapporto E/f,® in realta varahile rmaggiore per i calcestruzzi a bassa resistenza. Per s=<, 1a tangente del legame costtutivo &orizzontale, raccordando il tato parabolico al tratto lineare costante, ‘Dal punto di vista delle verfiche di resistenza I'imprecisione rilevata sul modulo clastio ha searso peso e pertanto il legame viene proposto dalla normativa nazionale [1, 2] ed europea [7, 9]. Nellambito di quest’ultima, invero, il legame parabole-retangolo 4 Tappresenta tn caso particolae di una legge pil generale del tipo “potenza-rettangolo” che Sladdice meglio ai celcestruzzo ad alta resistenza (Ex>50 MPa) considerando peril ramo rescente una legge di potenza con esponente minore di due, mentre degenera nella suddetta legge parabola-rettangolo peri ealcestruzzi ordinari (fa-S 50 MPa). Esso @ comunemente utiizasto attraverso a definizione delle funzioni y © 2 cespeesse in dipendenza della posizione in forma adimensionale dell’asse neutro, E=yJh. Tnfati allo su. ad ogni posizione dell'asse neutro in forma adimensionale ans 01 als 02 025 03 035 04 fax Fig. 2.9: Legame parabola-rettangolo Risolvendo gli integali definit nelle (2.23) e (2.24) si possono ricavare per ye Ale zenti espressioni analitiche in fimzione della deformazione massima (c,) raggiunta dal estruzz0: comsponde un vale determinato della Gu Pee 8, St @3n (Quando Ia posizone del’asse neato vara ta 0 ey, Ia deformazione massa nel caloestruzzo vale: . per ea St Shq =” (238) 32 (CAECOLO AGLI STATT LIMITE DI STRUTTURE IN Ca Fc 5, dove la deformazione massima & costante ¢ pari al valore massimo consentito. Per ee Sen Fras # nlla zona 2 in logo di & permerte di avere uns tabelazion indipendente Metodo con legame elasto-plastico IL legame ‘elasto-plastico (Fig. 2.10), & espresso da due relazioni valide wvamente yer deformazioni inferiori a ¢,, da un tratto a tensione costante per Ber 62 $8, Sy E? da rilevare che j coefficienti y e A, come accadeva per la legge di Saenz, variano nella regione 2 in relazione alla posizione dell’asse neutro™, mentre assumono valori costanti nelle restanti zone 3,4,5 dove la deformazione massima del calcestruzzo & costante : oe 41) pari al valore limite ¢,, . Siriportano di seguito i valori dei coefficient w e 3 caleolati al D variare delle regioni di rottura. Regione 2: 1a valutazione dei coefficienti y ¢ Aawviene al variare dell'asse neutro 6) = Set fg 56S by 242) Ye § a 7 1 FTA Tg Mimentiomizmto rispetm Valtecm wile o con & compreso 1H rato lineare iniziale ha una pendenza pari a S71-fog, che rappresents il modulo nellintervallo (0&3); pertant, assegnato I'asse neuto, si passa a caleolare Ja Sco di queso legame convenzionale; osservazioci analoghe al legame parabola deformazion del calcesrizz0 Rhgolo pouebero eer fat circa la searsa comispondenza tail legame in argomesto J comportamento reale per quanto riguarda il campo elastco. Infatt il rapporto te Bjulo elastco e resistenza di progetto (costante nel legame in esame: EJf.=571) & in — fd vy, ae,-—E eames aes valore ottenuto nelle relazioni (2.37) ¢ (239), si rcavano ivalri di wed ‘yariabile © maggiore peri calcestruzzi a bessa resstenza, Inoltre per $= 6,5 1a te del legal costitutive ha una discontiouita passando bruscamente dal valorecitato re 0 sostituendo © il — Regione 3-4-5: in queste region i coefficient’ y ¢ 4 non sono funzione della posizione delfesse neutro; infati, in tali regioni il valore della deformazione massima nel 4 Come nel caso del legame parabola-rettangolo, per le verfiche di resistenza delle caloestruzzo @ costante vale ¢, = é, =0.0035..Pertanto, i valori ye si ottengono Eni, Fapprossimazione del legume ha scarso peso sostituendo il valor della deformazione ultima del calcestruzzo nelle elazioni (2.38) ¢ Fil tegame elasto-plastico pud essere utiizzato nelle verifiche atraverso la 2.40), 3 izione delle funzioni y e 2, espresse in dipendenza della posizione adimensionale ~ Regione 6: in tale regione Je funzioni yea tomano ad essere funzione delle | Wasse neuro, bf ae 7 Infatti allo su. jone dell'asse neutro in forma adimensionale deformazioni nel calcestruzzo allo stato limite ultimo al bordo superiore ed inferiore es eee ba ‘un valore determinato della Ear. della sezione, come gia visto nel caso del legame costtutivo di Saenz en ala positions elfen nest, pec i dofrmaziove ai Ta conclusone, le finzioniy e 2, estendo in forea del legame adotat indipendenti E cesruzzo valgono le expression gid indicate in precedenza (234,235,236) dala resistena del caicestruazo, si possono tabellare con vaidts generale per le zone 2¢ 6 : in fimzione dels posiione dllssse nowro adimensionalizato, mente sono costnt nelle © Si not che nella valutazione dei coefficient y e 2, con Iimpiego del legame della Parabola— retangolo, preferibile adimensionalizeare Iasce neutro rispetto all'eltezea utile d in quanto tale sltaegclde la dipendenza dad La relazione tra &'=yJ/de&¢asegueate: 2” Yeo Ea (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C4 55 + (Fig. 2.11), che considera allo s.Lu. un'diagramma tensionale costante esteso fe cella zona compressa della sezione (Fig. 2.12). D O05 01 015 02 025 03 035 04 bak, 0 00s a4 O15 02 025 03 035 4 Fig. 2.10 Legame elastoplastico Bey Le espressioni analitiche delle funzioni y e, per il legane elasto-plastico risultano: Fig. 2.1 Legame semplificato (stress-block) 4a particolare per ealcestruzzi di classe f< 50 la parte compressa della sezione con Per 8. S63 fe peri & fy 6 estesa alla pare di Sezione compresa tail bordo pid compresso € y's io, per asd neu interno alla sezione: per £58, Se, . “ 208-75 ean Per &, Sé5 aa n4e,)=05.| all sale. 8) y's che tende asintoticamente ad h quando T'asse neutro tende all’infinito. Cid equivale : (2.-64/2) J per ey <0, <6, Esvsumere nelle sezoni retangolari con ase neuto intemo alla ezine: ea) 245 Metodo semplificato Una valutazione pit semplice del contributo del calcestruzz, valida come il legame iD arabola-retangolo 0 lincare-rettangolo limitatamente al caso in cui interessi la Aeterminazione della resisteaza ultima delle sezioni e non i parametsi deformativi delle ‘membrature, pud ottencrs sulla base del modello semplificatn suggerito dalla normative, 36 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C.A, bio 2, LO STATO LIMITE ULTIMO PER TENSION! NORMAL Ed Si osservi infine che le espressioni sopra riportate diy e A non risultano funzioni delle deformazioni, ma costanti per asse neutro intemo alla sezione e fumzioni della posizione dell'asse neutro quando questo & estemo alla sezione, > paticamente coincident, essendo i valor di y ¢ dedi con il legame parabola- rzgolo costant in tai zone © par a 0.8095 e 0.416 rispettivaments, or ese neuro estomo alla sezione le diffeenze sono analogamente molto ridote, Nella 2003 2, € $ &cs/(Gcy + 6ua)-(1-8) si osservano difference consistent tra i vidi y e & valutati con il legame costtutivo parabola-tetangolo © cod lo stess-block, i valor! di Vee ‘Hae che esprimono i contrbuti del calcestruzzo all’equilibro ne sono 0 influenza - oe? er calcestuzi ad alta resistenza (E,>50) il metodo semplificato assume ancora un gramme retangolo delle teasioni con valore della tensione di compressione minore di sesia ci progett (Pa ~ rrfa). I parametri y, 1 © A che defiiscono rispettvamente SF roiczza della parte compressa della sezione, la tensione costate di riferimento e la sczione del baricentro della zona compressa rispetto al bordo compresso,valgon0: wy =0.8-(faz ~50)/ 400 Ay e 0- (fa ~50)/200 est) v 2 ‘Nella figura Fig. 2.14 sono visibil gli andamenti dei parametr y ed n in funzione la resistenda caratteristica del calcestruzzo. a 20 40 60 8 fy 0 as 10 1s 20 25 39 35 40 4s 30 Fig. 2.14: Andamento diy edn al variare dif, Con T'intoduzione delle variabili y ed n) il contributo del eslcestruzz0 compresso allo sforzo normale in una sezione rettangolare risultano pertanto: Nea b Ye Sea M, =N,-(h/2-Aa-y,) ‘Anche per 'armatura @ prevista, come anticipato, una semplificazione consistente g Fig. 2.13: Andamento di yp A, vs peal variare dt & Nella Fig. 2.13 sono rappresentati gli andamenti delle curve w(&) ¢ AME) ottenuti adottando la schematizzazione parabola-rettangolo ovvero lo “stress block”. Si pub notare che per esse neutro nelle zone 3, 4, 5 (y, compreso tra 0.259 d ed h), le due formulazioni (252) 58 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN Ca nella assunzione di una deformazione ultima dell'armatura illimitata (c=). Tale semplifcazione @ ammessa solo nella ipotesi di legame costitutive non incrudente dell'acciaio (easto-plastico). Fig, 2.15: Domint di resistenza ala variare della deformazione ultima dell'acciaio Risulta evidente dai domini rappresentati nella Fig. 2.15 che "influenza della eforazione utima sulla esistenza della sezione ¢tascurabile. Yalta parte nella ipotesi semplifiata (eq) Pertcolazone in zone per la sertara det eqs equi dela sone meno rol Leone I e 2, complessivamente compresenell'intervallo (0 ¥,5-0), con polo A (é = -=), comportano per ogni posizione del’ase neutro sell interval indicto: N,=0 by 2-2 to} ¢ quindi un solo punto del dominio i resistenza della sezione presso inflesa, Infatti per le posizioni dell'asse neutro possibili nelle zone | e 2, Ia estensione della parte compressa di calcestruzzo ¢ sempre nulla mente le deformazioni delle armature sono sempre infinitamente grandi e dal lato delle trazione. : Le zone 3, 4 € 5, comprese nell’intervallo (0,4) con polo in B (é = &), comportano per ogni posizione dell’asse neutro nell’intervallocitat Ne awed Ye Soa M,=N,-(h/2-4-y,) ass) on =25-Gera) <> 10 STATO LIMITE ULTIMO PER TENSION! NORMALE 2 f La zona 6, compresa nellintervallo (b+ «) pud essere trattate assumendo: Nea vababine hg yer yet Mg = Ngx(hi2-a%3,) @5 1 tev) ‘La Aimzione y" fornisce un valore variable tray ed 1 al varare diy, tra ed +. Tn tutti i casi sopra descritt, le tensioni nelle armature sono ricavabili dalle mzazioni ¢ nel modo seguente: fer SED(eq) PEE Bu Bay oa = Ee bu Por fy < bop oa Caratteristiche della Sollecitazione Le caratteristiche della sollecitazione in una sezione rettangolare per un assegnsto jgramma di deformazioni che attinga sulla fibra compressa del calcestruzz0 0 in una di acciaio Ia massima deformazione consentita rispettivamente per il calcestruzzo 0 (bet Vacciaio, assumono il signficato di caratteristiche ultime e valgono pertanto: bye fat Lidg ou =) @sn brew haar) Sade tal ad ets 258) Hove momento & valuta rsptto allssebacientic della sezone geometric. Ea (CALCOLO AGL STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C.A, Nel caso siano presenti due soli live di armatura le prevedenti equazioni si DoW Saat Ay Oy + Ay Oy = Ny Brey fal Mtr ese 2) do, [Ba] = Mg vendo assunto positive le tensioni di compressione. 259) SEZIONE RETTANGOLARE IN PRESSO- ‘NSOFLESSIONE RETTA (2.60) Premessa La verifica delle sesioni soggette a presso o tensoflessione retta si esegue ollando che i punti (Ne M) rappresentativi degli stati di solleitazione di progeto interni al dominio reistente ultimo della generica sezione (Fig. 3.1), che coincide con ‘nel piano M-N caratterzzata da caratteistche della sollecitazione cui corrispondono rmazioni massime nei materiali minori o uguali a quelle ultime. Per la determinazione ie frontiera del dominio di resistenza di una sezione in c.a. presso o tens0 inflessa, e determinare le caratteristiche della sollecitazione allo sLu. della sezione al variare posizione del’asse neuro, e quindi della condizione limite, nell'intervallo (<2, +), Per la forma che assune il dominio di resistenza a presso-flessione, il controllo di xrezza su di una sezione pud essere eseguito nei casi di interesse tecnico anche evitando srazione deWintero dominio di resistenza ultimo della sezione. Infati ¢ sufficiente jcare che per ogni stato di sollecitazione che interessa la sezione, il momento ultimo spondente allo sforzo normale di progetto sia maggiore del corrispondente momento di jogetto, ovvero sia verificat unica diseguaglianza: Mas M(N2) en fella stessa figura sono anche rappresentati i casi in cui le solleitazioni evolvono fino a con momento flettent>costante e con eccentricita costante ¢ la verfica si effetma ntrollando rispettivamente che: My=My Ny SN (Ma) 62 a (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN CA. G3) Nal ™ Fig. 3.1: Dominio resistente allo su. e verifica della sezione ‘Nel prosieguo del capitolo, con rferimento al caso notevole di sezione rettangolare in ca. a doppia armatura, dopo la caraterizzarione dei contributistatici del ealcestruzz0 e delle armature, si tratterd i problema della verificae del progetto dell sezione sia mediante uso dei domini resistenti allo Lu. sia mediante I'applicazione di relazionianalitiche, 3.2 Calcolo dei contributi statici del calcestruzzo e della armatura ‘Ad ogni possibile collocazione dell’asse neutro corrisponde una condizione limite del piano delle deformazioni in cui nel calcestruzzo o nell’armatura viene raggiunta la deformazione ultima. Facendo variare la posizione dell'ssse neutro tra <0 ¢ +2 si ddeterminano pertanto le seguenti situazioni con riferimento alle deformazioni del calcestruzzo e dei due liveli di armatura, cui sono connesse le tensioni e le caratteristiche della sollecitazione allo .Lu.: Zonal (=<), <0, Fig. 32) ~caleestruzzo non reagente -armaturainferiore (tesa): armatura superiore (compressa o talora tesa): —£ut_.(y, ~€'): ay, 62 © $i sono introdott 1a variabili adimensionali 5° = d'h e Seb, si indicano con il seano + gli Sore di compressione e le deformazion di accorciamento. 6 (CALCOLO AGLI STATY LIMITE DI STRUTTURE IN C.A |. LA SELIONE RETTANGOLARE IN PRESSO-TENSOFLESSIONE RETTA 65 aucn superior (Compress) oa 61 x ] be 4 61) lo» | Lett An = ' hs Fig. 3.3: Diagramma delle deformazioni - zona 2 Zona 3 (23 <¥-< Yaa Fig. 3.4) + calcestruzzo: Samar Fan G9) G.10) gain Zona 4 (re , 4) e valutando ve pao mediante le (3.26) € Sm) dopo vere catonato e deformazion’ nel acito e cetcent ye secondo le 1a rapresentazione di domi di esitenza all sn. di sezini & prefebiimente elazioni riportate nei paragrafi precedent effetuata in forma adimensionale con il notevole vantaggio di utlizzare un abaco unico per ‘Una definizionesufficientemente precisa del dominio pudottenersiconsiderando un tn insieme di sezioni caratterizate da geometrie ¢ disposizioni di armatura simi In Gumero ridotio dt punti, ad esempio considerando i valori del momento e dello sfor20 partcolre pera seione rettangolre a doppia armature, le equazioni di equilibria informa 4 forma ulti nei punt di passaggio da una zone alalra. In questa ipotei si coniderano acimensionale si ottengono dalle (2.21) (2.22) dividendo ambo i membri della prima pet (inf) 0 dela seconda per (62). (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN C. Dir SEZIONE RETTANGOLARE IN PRESSO-TENSOFLESSIONE RETTA Fe ammeate dai coefficient y ¢ nelle zone 3-4-5. Nella Fig. 3.8 sono riportat i domi er una sezione revangolare al variare della percentuale meccanica di armatura irametrica (0=0"), uilizando sia le espressioni (2.28) ¢ (2.29) di y € di h, dala integezione del legame costitutivo tensione-deformazione (2.11), sia quelle FE on il legame semplificato “stess-block”. Si rcorda che la resistenza gel calcestruzzo modifica levemente ta forma del costitutvo di Saenz, mente & ininfiuente nel caso di legame parabols-retangoto Bro per fa50 MPa) oppure per legame retangolare (‘stress-block”) I tio di acciio Ee) Ac B450 C) con uguale limite di snervamento e diverso limite plastico, non monaF(S-Te) ra SES) ou (Lag : 2 , fa \2"} 2 DOMINIO SEZIONE RETTANGOLARE - PRESSOFLESSIONE S.L.U. I | * ore'= 100 [ppp cf smmassmoce ° ' Yas Et alo dmm=0.05 [ops os epee | Moe =FE (s Fe) 35) | a oa H 3 Bebasa1-8 | (3.36) : 6. @3n 50 050 1.00 Vu (CALCOLO AGLI STATT LIMITE DI STRUTTURE IN CA 1:4 SEZIONE RETTANGOLARE IN PRESSO-TENSOFLESSIONE RETTA La love difference tai domini a tatto pieno (y © dal legume o-e di Saenz) « Ee y-o80 asoa elle 2008 23,45 quel a tro discontinao (y e % approssimat) testimoni Ia buona precisione otenibie an toche con la formulazione sempificata “sress-block’. Inoltre si potebbe verfcare che yet ani nella zona 6 anche lutilizzo dei soli punti caratteristici dedotti dalle relazioni (3.21)+(3.27) & sufficieate! Ye 0.75 per ottenere una buona descrizione del dominio. Ia appendice vengono foraiti i domini di resistenza di sezioni retangolari pressoinflesse con rapport i armatura (ala) pari a 025, Bato valor del caico asiale di progetto in ua numero limitao di sottocas. A tale 0.50, 0.5, 1.00, otenuti con la formulazione semplifcata diy ¢2.(stress-block), che hai Proccore defiire la posizione dellasse neuxo (jy) che separa le zone in cui ‘vantaggio operativo di forice domini invariant al variare della resistenza del ealcestruzo a superiore allo s.Lu.& elastic da quelle in cui la stessa ammatura é nervata, Tale per £2250 MDa, diversamente da quanto succede quando si utlizzano le finzioni oenui Boe, nel caso in esame (B430C con 6,7-6.75%), suddivide la zona 3 nelle sottozone alla integrazione dela (2.11). Data la scarsa influenza della classe i resistenza Se si otiene imponendo nella stessa zota 3 (polo B) che la deformazione dell’acciaio, i domini riportati in appendice, possono essere ritenuti validi anche nel caso di. a superiore compressa sia al limite di snervamento. Si ottiene allora: acciio delle classi attualmente coificae dalla normativa nazionale (B4S0A e BASOC con far450 MPa). 3.4 Verifica analitica della sezione Come anticipato nel paragrafo 3.1, la verifica analitica della sezione pressoinflessa frie del tipo di acciaio (B4S0A e B450C) e del copriferro nell'intervallo usuale ud essere effetruata controllando che per ogni stato di sollecitazione (MN) il momento 0.05h+0.10h), la posizione dell'asse neutro fz separatore delle zone 3” ¢ 3*, “ultimo comispondente allo sforzo assale di progetto MN) sia maggiore del momento di i valor estrem progetto Ma. q Ege = 0.1067 per 5 a determinazione del momento resistnte ultimo, comispondente ad un assegiato aan sforzo normale di progetto, richiede la determinazione della posizione dell’asse neutro allo. 4 Sax = 0.2134 Le os soc gra ort ett arin elms eae ey a ne eee eee Tineare del contributo del calcestruzzo ¢ dell'armatura dalle deformazioni raggiunte allo 5) 0.0035 0468 per o-0.05 ee a ee etal 9) sansa IPO ‘solo parva mumericafacendo varie a posizione dallase neue fine ache Vegun : hows alla traslazione delle tensioni normali é soddisfatto con sufficiente precisione. In alcuni 21-5") = 0.0085 _9.99=0.0444 per 50.10 tact rlevan da un pumio dl vst tenioo, come 1d egeapio eel ato terion : Brey)" Tan3s--0.0875 rettangolare a doppia armatura, il problema pud essere ricondotto alla soluzione di sempre contenuto nella zona 3 (Ey,7>0.0468). Cuma! di 0 H grado quando Vesse neato si ove nelle zone (3, 4, 5, im cif ceumibun del” ealsatruso 5 mprinile come uaa. fmzioos’ Uneer® dj. 00035 9g (N, = 95+ ye fog + 0 nella 2021 dove il contibuto del calestruzzo& null, 4 Efe Bsns STON per 5-005 Owviamet deve rar: . ease Why Sag Ay Sag SNe * Na) Ae Set Sat A fa (1-5) Fopssco.onas 001212 per S010 owero la presente analis si potebbe rifomaulare con poche varazion,suddvidendo la zon 2 coor piché la zona 3 in due part ((O8s=)-Grr* &)) Per dare una impostazione operatva al problema imitando pee brevtélanais al eee ean as grad pela determinazione del asse newt { Zoned e5(yn4 (S30) per ogni 9 = Ae Be bays Sud Ma zona3? nag Ay Eg A My Sag PN yd zona? ly XE Xgy zona 3? ) armature entrambe snervate (zona 3"! Per asse neutro in zona 3" (ys~ yes) equazione di equilibrio alla traslazione iventa: a condizioneeulla dutta riguarda ovviamente le sezioni pit sollecitate del elemento stratturale, che nel eazo di pilastei presoinflessi coincidono con gli estremi dell’elemento dove il momento Aestente assume ivaloc mageior, mente allintemo & prevalente lo sforzo normale. +4 SEZIONE RETTANGOLARE IN PRESSO-TENSOFLESSIONE RETTA valoze del copifero e tipo di acciaio. oe, eee Si ower aco che ulsresenliczio si pervs nel caso di emplie rogetto dih ob . joue della atezza (0 della lrghezza) ¢ dell'armatura dina sezione ‘nc jnflessa agli stati Limite pad avvenire mediante tabelle analoghe a quelle primo grado nelle zone 2 ¢ 3 (0<§ f=0.8659 pen 0? [ps931-10° u 20 mate 6 Pha Se ___293t0 ree - 7 18659-700-3913 go12s-0-009 |1- us| _ 3.00604 = 0.0484 M7 400-700-118 2 Myc. _198,57-10% $00.00 0 2 = Mc BST _ 9 0894-5 u, > sy one 3913 beh fog 40-70" -113.3 Vilizando to tabelle sha: 3 25-(1-0.05)-|1- ft-—2 0.0894 |=0.1241 n 0057 = 04505 = ¢=09146 |96.57-10% 0.8-0.1241 = 0.0993, bd 510-700-1133 ag 2 ol 313 09146-700-3913, res O anmess 2 312 > f=0.8899 meOlT (22 08 40 My ___29931-10" Ma. 3 91348 DAP fog 40-707 113.3 Me _ 42c010 dot STAM LNT DISTRUTIURS | 198,57-10° ‘ i p= 6 on? i | casinos 4 ©) Appossio C: ; | men017 ans | Me 4931-108 I Mg =o — = sno 9s = se > ay fog 400-700 2128-4005, [-f @=0.8-0.0259 = 0.0208 3913 400-700-11.33, Unilizzando le tabelle si ha: 70 [43.31-10" 40 4531-108 03258. 700-3913, =06 m1 = =I mo? 1133 2 a-0.057 168 mom! o.019s 9258 259 Armatura tesa Ammatura compressa Ay 2163 wm? 3916 2416 Ay #386 mim 3916 2416 29931-106Ninm Ay #1265 mm 8616 2916 1c #1985710 Nm Ay = 816 mn 5916 2916 Ag =1TL mm aye 2616 Per confronto si effettua il progetto delle armature applicando il metodo delle ‘e facendo riferimento alle sollecitazioni prodotie dai carichi (CALCOLO AGLI STAT LIMITE DI'STRUTTURE IN Cf 6 N, 1°; 25.29.10" 616 fy My =2529-105 Noun a 192 mon? 3416 665-206 ‘ 67: 8, 67.38-10 seein ae ao Sag ~ 4p Fadi V08-391.3-- 402-3913 05. 665-220 alee Tee seh 08 400-1138 sas-108 . 208.510 Mg =20885-10°Nam a seis a “Toes. a vali tal Histo va verficata conolando che le deformazioai ad 2 vie Jano efeavamente magpion det couspondeat valor al limite & 6 if jali introdotti nella soluzione dell’esercizio winase-108n 133.610 ato con tterinento a mater : Mac = 3836-10" Nom Se 71052. noe Hente (acciaio B450C) si possono assumere i seguenti valori di progetto della tensione 9-€65-200 tet azine al at di servamento ; f 6 30.22-10' 3616 Mg =3022-10°Nom 2 61 c Om 450 09-665-20 ofa BD eseisoume, gg 09-54 =09-001 39130 Lresempio sottolinea una sostanziale equivalenza tra i due metodi. Tuttavia tale risultato 6g 22 = IS = o.00186 =,” 210000 Assumendo una deformazione ultima del calcestruzzo pari a e=-0.0035, come si Ftv iene per un calcestruzzn di classe C2025 (fa=20 MPa), V'ordinsta dell’asse neutro alla Bile si ragginge contestalmente la deformazione ultima nell'acciaio compresso © Pacino tes6 Vale non & generale in quanto in altri casi, caratterizzati da un meggior impegno del calcestruzzo, il metodo agli s.Lu. consente soluzioni altiment impossibil. ESERCIZIO33 Per la trave dell'esercizio 3.2, si effetti la verifica allo SLU. della secione in 5 corrispondenza dell'appoggio B, soggetia al momento flattente M,=-299-31 kN. — 0.0035 - 0.00186 30 = 64 mm Poiché risulta y, > y23, la deformazione limite @ attinta al livelo del calcestruzzo cu)» tentre la massima deformazione dell'ermatura tesa (0,0145) & minore di ey deformezioni sviluppate al livello del!"armatura compressa vale: 0.9035 28035 (1302-30) =00027 = Bo b=40 SEO? 9.0035 = 0.0145 73.02 Per la determinazione della posizione dell'asse neutro, si supponga inizialmente di ‘essere nella zona in cui le armature sono entrambe snervate. L'equazione di equilibrio alla taslazione diventa, uilizzando il diagramma “stress- block” peril caleestruzzo: TA CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE Ty, ONE RETTANGOLARE IN PRESSO-TENSOFLESSIONE RETT: eatrambe maggiori di ea, 0.00186, Ta soluzione ¥.=130.2 mm risulta, dunque, ‘ccettabile edi corispondente momen ultimo vale: j Mag =08-b-36-fal B04») 4.4 fy Yefal F-04-9.) 4g (f-4)-4 Ja(b Mag =08-400:1302:11.33.(3 '50~0.4-130.2)+402.391.3.(350~30)+ +1608-391.3.(350~39) ve 92.32-10° Naum = 392.32 Nm |a verifca & soddisfuts,essendo: M,y,5 la crsi della sezione & raggiunta al livello della mass ddeformazione del calcestruzzo in compressione e, dunque, le deformazioni dei due live amatura si possono quantificare come segue: ™ cai M, 149.835-10* Me. IBS Lone BW fy 25-50-1133 0.4 ¢y=08, il momento ultimo vale: no $025 eponeado owoss (rena) 22S. (a0.2-20) = 000251» Ay = 08:025.(1-005-04.025)=037 £2 (-a)= 20%. (02-39) 07> ty 0018 ¢ bau °. 6, = 5a (d~y,)= SS. (470 ~200.2)= 0.00471 > 2, = 0.00186 ‘armatura compress, deterinand il valor: ¢ Vipoes fata che extra ls armature sano snervat alls 2 sods 1 morcento limo s cava dal eqiszione di equa all oarone che, pee Ha=He _ 0212-017, ‘ona in esame, si particolarizea come segue: 1-28" 1-2-0005 ata dalla relazione: 0.0467 A A ( Mya 20-90 Sea (Baane jody fg (bo anv -b% ia? 2.) faye eae ha ZBI ed. 00467 250-500-1133 cena 3913 Si considerino 2.614 Per 'armatura tesa risulta: = 08-§+0' =0.8-0.25+ 0.0462 = 0.2462 bh fag 02462-280-500-11.33 2 = 891 mn a 3913 Si ipotizzano pertanto 3 916 +2 414, ESERCIZIO 38 Si consider’ la stessa sezione di cul all’ Sei all'esercizio 11 Valore adimensionale del momento di progetto & pari a: 111 (0.25) =125-¢--005) (- — oom 1-005" L’armatura tesa & dunque determinabile dalle seguenti relazioni @=08-E =08-0,11=0,088 O° fog 0.088-250-500-11, Ted 3913 2 31 ma Si ipotizzano pertanto 2.616 come armatura in zona tesa, (CALCOLO AGLI STATE LIMITE DI STRUTTURE By c Precedente, soggetta perd ad und (ONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO- BYSOF LESSIONE a Sezione Circolare: Verifica e Progetto Pf La verifica Ea sezione circolare rappresenta, come la sezione rettangolare, un caso rilevante sia Fequenza con cui 8 utlizzata nelle struttr, sia perché @ possibile esprimere con ile elicit le grandzzze che interessano al fine ci defnire la posizone del'esse 9 ed il momento ultimo. E Nella pressoflessioce occorte considerare separatamente la zona 2 con polo della B clic deformazion’ in A (massima deformazione nell’accisio teso), le zone 3, 4, 5 con Bll sissa retain B (massima deformazione nel ealeetru220, a zons 6 com polo in Se si adotta per la valutazione del contributo statico del calcestruzzo lipotesi inplificativa dello stress-slock, il diagramma delle deformazioni al varare della posizione Flcesse neutro serve escusivamente a valutare il contibuto delle barre di armatura, in Ejsinco quello del calestruzzo & definito dal prodotto del'area A; al di sopra della corda sin 80.8 y, dal bordo compresso per la tensione di progetto fi. "La condizione di equilibrio alla traslazione, che consente Ia determinazione della iione dell'asse neutro, si scrive pertanto: F)= A Sat Au aN Se si indica con y;=0.8-y, Valtezza dell’area sulla quale si considers un an (ONTNON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN c. Pia distanza del baricento del segmento citcolare sede del diagramma di tensioni ae arccos| 1~2= es zeometrico della sezione. eomme(i-2) i ani l'un 3h 2 Pe Simervallo defnito dallo sforzo asia di traxione e compressone pura Heys N, S07 fetus Sat) | | Zan punto di vista operativo, poiché il primo termice della (4.1) & una funzione Fo edions dls nee yqcon valor gave poy.‘ ¢ posite pr, D0 ohzione del problema pub esere otenuia feendo vai ass neuro Be rent costanti a partire da 0 fino a determinare due posizioni dell’asse neutro cui oo val dsepo opost dela rlaion (4.1) Fee Tanente o pos Tgginger le presione volta detenninando in og il contributo statico del calcestruzzo si scrive: Ne=(p~seng-c0s9)-1*- fey = 4. fos La deierminazione della posizione dell’asse neutro si esegue pertanto valutando ff variare di y, il contributo del calcestruzzo e dell'armatura finché & soddisfatta la relaziond i equilibrio (4.1) Yet “Yak Yost “Vey 46 eb eb gay, - 72 een, 46 FenA. RAR io nelle /iterazioni precedent FO.) + Fig. 4.1: Sesione eircolare 11 momento ultimo si valuta successivamente mediante la relazione: j Myg=Mg +3 Aut On -dy a4 essendo dj Ie distanza delle armature dall’asse posto nel bericentro geometrico, oy la tensione nelle varie bare, valutata sulla base della deformazione corrispondeate allo su. on polo delle deformazioni in A, B, o C a seconda della altezza dell'asse neutro, ed Me, ricevato dalla relazione: | ay Fig. 42: Andamento della funcione Fy) Larresto del procedimento iterativo @ regolato dalla disequazione: os an as) | TENSOFLESSIONE (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE 1 ViNON RETTANGOLARI IN PRESSO-11 (4.14) cake : y 2 (Uvase/2r) ottenuti dalle precedent relazioni (4.11) ¢ (4.14) 41.2 I progetto della secione circolare mediante abachi po wu ved 2 See rettang cruzi proble jcolare forma della secione, fssato i Per la progettazione di sezioni cicolari pressoinflesse & possibile costrire a Crane poi, peptone mada cones analoghi a quelli della sezione rettamgolare. La costruzione di tali domini si pud oft Ce es valutando, per ogni posizione dell'asse neutro e per ogni percentuale di armatura, 1 Gel catico assiale adimensionalizzato e del rapporto tra l'eccentricita del centr di p od il diametro della sezione circolare corrispondente. Infati,fisati la posizione dell’asse neutro e V'armatura, risulta: ph se secestia si ieava dalfabtco con ifsimenta a punt. coordinate Sie rblemn di verfica,noi 1, ela pecentale méeanice di armatura ©, sonnei valre ulin dell ecenrc, che informa adimensionalizata pect vera &vicondota al console data disuguaglianza: a & (4.5) r ar Qr ne Sa nde San : Essen 2: SEZIONE CIRCOLARE PIENA -PRESSOFLESSIONE SULU we fay fy L’equilibrio alla trastazione (4.1), dividendo per wr? fay fornisce: Aha DiCula) my we npr feg wT fag, cen itn ala bare sponte pal came, ca Lig Lequazione di equilirio alla rotezione, dividendo la (44) per 2-7) Fomisce invece Av faY lou a; le — la Belea te ‘ Seeaeaee pam 4 Vy daca . 4 Fig. 43a: Abaco per seione crcolare per d/2r =0.05 Hig 2S Sah hate FaBr mentre il rapporto e/2rrisulta: 2 MaelNy ar 2r oy In Fig. 4.3a, b sono riportati gli abachi ottemuti calcolando al variare dell’ssse n son passant pei os defend oi psa per polo A, coon ‘ msttmata pi olectato 2 ion, sitaone che indvius i ete ela sie defomzazion delfacciao ttn : ext ad ws defomason & eco! psate pr lo 3, component ss etomacio Mencia pt soles, stuone cae didn Fe ats csi deormarione sel lest, eformazion pasante peril polo C aventedeformazione pari a gly =e ¢ Ferre on pi cmpro, ce nv I tune Ite por Be eramente compressa. joni individuate cortispondono rispettivamente alle zone 1-2 peril polo sivas . Ei polo B, 6 peril polo tribato al’equibro alla taslzione delle armature si pud sinetcamente larelaione: (416) We Dla eea) mo 2 4 16 ‘ a7) a Fig. 4b: Abaco per seione circolare per @'/2r=0.10 ee (418) 19) 4.2 La Sezione Generica in Presso-Tensoflessione ony =F e'8yy PE 421 La verifica a presso-tensoflessione retta Nel caso di sezione di forma generica od armatura disposta su pi livelli sottopostl presso-tenso flessione retta, Ia valutazione dei contcibuti alla resistenza della 20d compressa di calcestruzz0 ¢ delle armature deve essere eseguite partendo da ull descrizione della sezione avente caratterstiche di generaliti mediante le coordinate 24 vertici del contomo della sezione (x, x) per il caleestrizzo, le coordinate ¢ le aree d be (4.20) 421) diversi Livelli i armatura 0 singole bare (ty, yz» 4,,). Le coordinate si suppongoa . ‘ferite ad wn sistema di assiavente assy paralelo al piano di flssione. ° ft —-y,,-¥») G2) Non facendo riferimento a due soli livelli di armatura, ma ipotizeendo arma Yom -de Fy diffusa nell’ambito della sezione, per la valutazione dei contributistatici dei vari livell ‘amnatura 8 necessario preadere in considerazione le te situazioni in eui pud trovarsi Ia 10 Your 12 coordinata del punto della sezione con massima deformazione nel delle deformazioni in condizioni limite: sZ1ONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE. ob 4 Per quanto riguarda la valutazione degli sforzi nel calcestruzzo, note le coortin della parte compressa della sezione coincidente con I'intea sezione solo se l'asse neuro, estemo, per ogni trato rettlineo che descrive il contorno della sezione reagent, Ios 4i compressione relativo alla zona sottesa al medesimo trato si pud valutare conoscendo Geformazioni ¢; ed ¢., nei due estremi del tratto ()-(i+1)e le coordinate degli stessi punt, 8 ey 70.0035 Fig. 44b,¢: Deformazione nel calcestruzzo e nelle armature allo S.L.U. (polo B e C) Bi Infat, scrtta Ia relazione o-e di cui alla (2.11), esprimendo # in funzione della Me (423) (4.24) costacti per tna assegnata posizione dell’asse neutro, essendo allo s.Lu, la curvatura ultima 8 univocamente definita dalla posizione dello stesso. Lo sforzo i compressione risultante relativo all’area sottesa al generico tratto del pevimetro della zona compressa diventa: o [be (425) Nes capitol 4 SEZIONT NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE, us ne (CALCOLO AGLI STATY LIMITE DI STRUTTURE IV C4, 4 con Fy la coondinata di massiza ampiezza tra J; ©Feu Distinguendo la parte retangolare e quella triangolare dell'area sottese (Fig. 4.5) et indicando con J Ie coordinata minore ta J, e Fi, siotiene ulterionmente: Gua) Poe 429 ) bua (om La soluzione degli integra precedent fornsce Ners = (in 51): Sot “KF. Fn)- Ka Fe Fa) (428) 1 Sot Be Lue) Gn) Ka CE Fu) FG + fea EK Au) - Ga )I-Ke (Gu) BG) con Fi, Fa Fed Fs definiti di seguito. “Analogamente Ia valutazione del contributo statico flessionale rispetto all'asse ‘eutto si valuta per I’area elementare (/, #1) nel modo seguente: 429) Ma = [0 0) 3.5 430) ; Moy = (ina) fo) 767 asp May Fa [O55 (432) 1a souzion deg integral precedent fice Mai Soa Cie, —%) [Ki FOn)- Ks Fall 433) Mas * fet eS Fue {Ke Lu) Gn) Ks Gu) Gull a Im (434) +h a [.G.)-AGall-&: 1Gu)-.Gn)]} 16 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DISTRUTTURE IN CA copitolo 4 SEZIONT NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE uy cessendo le funzioni F, F,, Fe F, cost definite: os aay 42.2 Laverifica a presso-tensoflessione deviata 422.1 Impostazione generale : Nel cas0° della pressoflessione deviate sono incogniti sia Ia posizione che © Vinclizazione dell'asse neuto. Come nel cas> del metodo di verifica alle tensioni © seissbili é possibile pervenire alla soluzione del problema della verifica individuando la * feione reagente per successive approssimazioni. f°" Fissatopreliminarmente il vetore delle ceratteristiche della sollectazione 0,> [Ny My My] proporzionsle al vettore delle caratterisiche ultime da determinare, per E ogni posizione di tentativo dell’asse neutro si valatano le caratteristiche della sollecitazione E corispondenti allo stato limite ultimo (Q', = [V, Mizy Miy]), in generale non proporzionali al vettoreprefissato Per ottenere con successive approssimazioni la posizione dell’asse neutro, occorre | coreggereripetutamente Ia sua posizione sovrapponendo allo stato deformativo corrente quello corrispondent allo scart tra le caraticrist.che dels sollecitazione allo su. ottemute fe quelle cercate, proporzionali a Q, e definite a meno del parametto di proporzionaliti fncognito, ‘A tale scopo,& possibile define il coeficente 3, mokiplicatore del vetore Q,, Jimponendo come condizione che Ia deformazione limite raggiunta sul perimeto della sezione allo su. carcatadallo stato di sollecitazione Q', non sia volat. Per effettare Is S© correzione della posizione dell'sse neutr, si ipotizza un comportamento elastico della | setione sottoposta ad uno stato di sollecitazione rari allo scart tra 40, ¢ 0, 43% 2 6 Ke |%& La rsultante degli sora valtatisull'nterasezione reagents si ote come sorama ei consribut element: New Dy a + Nant) ae relativi ai tratt che delimitano la zona compressa della sezione. ‘La determinazione della posizione dell'asse neutro deve essere perseguita pet via iterativa annullando la funzione fy, LU0)= (Net Ns)-Me (440) dove y, la distanza dell’asse neutro dall'asse x. ‘Una volta determinato la posizione dell’asse neutro che soddisfa ta relazione precedente, il valore del momento ultimo corrispondente, valutato rispetto all'sse neuto, si determina secondo la relazione: i My=Me+M, (any Indicando con X* =[1,=y", ja vetore relative alle coordinate del punto c°{.»*) dettasezione dove & stata raggiunta ls deformazione limite nella armatura 0 nel caleestruzzo, con AD =(Aéo, Ad,, A0,)il vettore delle caratteristiche della deformazione della sezione parzalizzata, corispondente allo scarto tra i vettori AQ, € O', la condizione che permette di determinare 2. risulta la seguente: — M=Z Mer Mas) 07 El Dalla (4.37) & agevole ricavare il momento rispetto al baricentro geometrico della sezione mediante il trasporto: 5 Gas) 1 05°91) cao 4 SEZIONT NON RETTANGOLARIIN PRESSO-TENSOLESSIONE ID. Caso A: Caso B: Ay n t Py oo A ‘Caso C: si 4 CasoD: py 05, 9, = | oath Cee PeAi (Cas0E: P= 1.0, =O IN hi) +e CasoF: p= 1.0, p= 05 [= My % oan Fie fs GAL + 20, As +29,A)- fa +4016 +40.1b bh toe b Fig. 4.6: Definizione delle sollecitaziont Fig. 4.7: Sezione rettangolare tipo e relativa armatura eterminato il coefficiente 7. dalla relazione: oe die 1 procedimento ha ovviamente termine quando la differenza tra Qi, €Q, diventa Kg (aan Yascurbile rispeto a QZ. Tale conxollo pod essere effetusto confontando il rapport ta x KO, =F moduli dei due vetor ed ua errore ¢, piccolo a piacere: . poendo. ancora pois : ‘a avove posione delfsse seuto si pud otenere ficenlo amcor 10 Ie nao eee ela fase dk comeione, rodifiand jpramet di efomazione I we es an rae on cos la poszione dellasse neu. Indcando infati con Dy © Dy veto delle deformazion C8 0) della sezione al pass = +1 si otis La posizione di partenza dell'asse neuro nel procedimento iterativo pud essere suata del comportamento elastic parislizzatoo meno della sezione Parla sezioe etangolae con armature disposte nei sliver’ o anche Iungo ila, ondo i eas indica in Fig. 4.7, vengono riper i domini di resistenza a pessoflessione jot Fig. 48); in ciascun dominio si assegoa ad ogni quadrante(otante) un determinato el carico assiale adimensionalizzato v = N, /bFfag Dy =D, +K* (4.0,-2) 120 copitolo 4 SEZIONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE 121 42.22. ° Metodo approssimato per il progetio-verifica di sezioni rettangolari soggette a pressoflessione deviata Data la laboriosith delle operazioni necessare ad eseguire manualments ia verifica «i seconi anche semplici come le sezioai rettingolari, sono propost in leterature metodi Spprossimati che hanno Te stessecarateristiche def metodi descrittinell'ambito del metodo FP renca alle tensioni ammissibili e che risultano motto util sia nella esecuzione di ‘ecifche epprossimate sia nelle fasi di progetto. TI metodo che si suggeriscenasce da una indagine parametica su scion rettangolari che ha condotto al disegno di domini di resisenza di sezioni con diverse disposizioni e quant i armatura Definiti per un assegnato valore del carico assile N, i momeati fletenti pec oflessione t2tta Myzy © My di una sezione retangolare con armatura simmetica i dominio di resistenza in” regime i pressoflessione deviata nel _ piano QU /Mizo-My/Myyp) assume una forma complessa che pud essere deserita autelativamenteatraverto un dominio seaplifcato expresso dalla relazione: 4.50) a ° 001 02 03 04 OS 26 07 08 09 10 Ha Fig. 49: Definizione approssimata del dominio di resistenza per serioni retiangolari Fig. 48: Domini di resistenza adimensionali ,~ Hy al variare div (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN Ca: Infatti imponendo alla curva di equazione i+ 4, =1 il passaggio peril pus 0.80 sulla bisetrice di coordinate Akg = Ay = 8, si ottione la relazione: Bias 26° sy) 0.70 da cui la precedente espressione di . ‘Al variare del perametro B tra 0.5 ed 1 il dominio semplificato pud assumere uns forma varibile tra quella tiangolae ¢ quella quadrats. Infasi per P = 0.5 si ottene weg csponente a = 1 ¢ lespressione (4.46) diventa una retia passante peri punti di coordin (0.1) ¢ (1.0); per B =0.707 si ottiene un esponente a. = 2 ¢ Vespressione precedente divet ‘uta circonferenza con centro nelVorigine e raggio unitario, con B = 1 si ottiene u esponente cameo e V'espressione rappresenta due rette paallele agli assi passanti per i punt G1) €(,0) ig. 49). ‘La forma del dominio reale ¢influencata nella sezione rettangolare dalla entith dei carico assiale, dalla quantiti ¢ dalla disposizione della armature, dalla resistenza d 065 0.60 055 030 dalla intepolaioned slat nme oben! nell’ ambito della analisiperemetrca Biv, a) max (05+ 25 p04 , 054005 (a-a)) (452) essendo ¥ € © rispettivamente il carico assiale allo stato limite ultimo adimensionale ¢ percentuale meccanice dell’armatura complessiva della sezione (Fig. 4.10). ‘Lranalisi parametrica di riferimento ha considerato la percentuale meccanica di amatura variabile tra 0,05 ¢ 1 coa una distribuzione sia uniforme sui quatiro lati dell sezione e conceatrata o meno nei vertici, sia concentrata su due So at La formulazione semplificata proposts fornisce valori delle carateristiche ultine ‘con scart generalmente conservativinel’intervallo di v compreso tra 0 ¢ 1 Nella successive figura (Fig. 4.10) si vede infatti come lespressione trilate proposta per B, contrassegnata dalla lettera “c", messa a conftonto con i valor di orenu all’analisi parametrica, fornisca al variare diy ¢ di @ un valore minore © quin conservative nel campo parametrico esamineto, sitola # SEZIONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE 0 01 02 03 o4 05 06 07 08 09. 10 Fig. 4.10: Valutarione del coeffciente B 133 124 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IN Ca solo 4SEZIONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE : \ 7 ; 7 { ie { Yerifcare allo stato limite ultimo 1a sezione ottagonale in figura soggetta alle | - * T T “seguent sollecttazioni di progetto: Nj= 600 kif, M, = 21000 kNm. v T a Cho ‘Si utile calcestruazo di classe C20/25 (Rg, = 25 MPa) ed acciaio di tipo B4S0C. | | | | e=35cm al L| { =. | dvanga0 an3s \ Sie hanes 144 | * : 4 Ane ~ Le * 1 | aoe 20 d= 44.78 cm SCENT ‘ : 420 7 “ 14.14 | 7 I : iS 24920 | ae jana a ta * 1 | 1 4828 cm | asl | o. = ‘Nel caso di sezioni con base decrescente verso il lembo compresso la resistenza di | Senin paanavmeaie cece eww baie E progetto del calcestruzzo vale: | vane vanes 085 fy 085-20 18 1s Sed 1.33 MPa | seen valor! sedi Fig. 4.11: Curve P(v) per @ = cost - Confronto con l’analisi parametrica Le NTC 2008 consigliano, in assenza di pit approfondite analisi quali possono esser® ritenute quelle precedentemente esposte, di assumere a= I 16 AUCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE IV Ca caine 4 SEZIONI NOW RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOPLESSIONE m La determinazione del momento ultimo corrispondente allo sforzo normale ¢j progetto assegnato, richiede la determinazione della posizione dell’asse neutro allo su, che pud essere eseguita adottando un procedimento iterativo. Si calcolano anzituto i valori limite dell’asse neutro per la zona 3, che risultano sere: bs 0.0035 EN Y = 2 28-35 0675-00035 Ls ———+ | + 003s yg = (48.28 -3.5) = 28.19 on H+ 0187-00035 141629 1414 1 Ladistanza delle armature dal bordo compresso sono, inolte: 48.28 cm 5 om 1559 em 4,3 =32.70 cm, = 44.79 cm Per la zona 3, assumendo un diagramma di tensioni del calcestmuzzo tipo “stress Si assume come valore di primo tentativo del’ esse neuro yz, = yy =29.19 em, oui corispondono le armature 4,, ed 4,, snervate, mente per 4,, ed 4,, le tensioni vanno calcolte in funzione delle rspetive deformaziont: Yer~Yed_.0.9935 Yea I valori delle tensioni e delle deformazioni per i vari liveli di armatura sono riporat sinteticamente nella seguente tabella: Nog = og fag = 92757-1133 =1053.19 KN, Lo sforzo normale interno della sezione vale, pertanto: A | ow | % a Ne fom} | fou 7 [veal nN Nog +Ngq =1053.19+159,58=1212.77N ee] 350 000308 | 391.3 | 245759, pe ee eee ee 2811559 | 25,95 | 000163 | 324 | 215036 ove cin sonar es_| 3270 ooooa2 | #83 | 35480 BAN = Maa N= a 623 4479 0.00187 | -391.3. -245739 ee si assume una variazione di asse neutro proporzionale a tale differenza: AN, 61270 bfg 4828-1133 Perla sevonda iterazione si pone, pertanto: Yea = You + Ayog =29.19~11.20=17.99 cm 112.02mm 159576 128 (CALCOLO AGLI STATI LIMITE DISTRUTTURE IN Ca Risultando ancora yez>¥23 le deformazioni nelle armature si determinano @ partire dal valore eq, attnto al lembo compresso del calcestruzzo ed i valori che si ottengono sono riportati nella seguentetabella: a] % ea ou Ne fom) | fmm] _| (mm) [MPa] N oa3_| 350 o00282 | 3913 | 245739 628 | 1559] 11599 | vooos7 [98.1 | i578 28 | 3270 0.00286 | 3913 | 245739 eas | 4079 0.00521 | 391.3 | -245739 “184161 oq =V Yep =08-17.99=14.39 om Come si pud osservare, Ia correzione non é risolutiva, in quanto variando y, varia anche il contributo del!"armatura (in particolae dei liveli intermedi). ‘Sicaleolano allora i valori della funzione: Fre) Fa) FUa) stole 4 SETIONI NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE 9 Flygg) 22840388 La nuova posizione dell’asse neutro viene desunta nell'ipotesi di funzione Fy) a E> F0.0-Fo.d —FUe) FO,2) 05 -Fe2) ea Fo ay Foap Ct 7? 7.9943, Hea *%ea* Yor Poiché I'asse neutro & sempre nella zona 3, si hanno i valori di deformazioni As You Ye fe o | Nei os_| 355 ‘oozes | sot _| 245736 [“e2e [155.9] 99,9 | 9.00000 | 189.00 | 18749 628 | 327 -o,00105 | 3013 | -245736 ze | 447.9 0.00307 | -301,8 | 245796 Ne= -126988 Jeg 2 Ye3 = 982099 =168 om 43 = 482.744 45.28-(168-1414) » 611.18 om? Nes = 4e3 Set = 224 AN 692: -12699 — 600 = ~34.59 KN Fe) ad ‘Lo scerto rispeito allo sforzo normale massimo della sezione & pari a circa 1%: : : : 130 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE Hy cy .SEZIONL NON RETTANGOLARI IN PRESSO-TENSOFLESSIONE 1 —©#L010 AGLI STAT LIMITE DI STRUTTURE Bc | eel Foe3) sas9 2 aS Tay 001 fe Tag +e Tog WASAISS+I5I- WD Nye + Migs 1005 +132.60 = 235.1 kN er cui, dopo aver corretto un’ultima volta il valor diy My La wie sl eegueconrlln ch moment d poet sal iio 0 quieliscomr tins carpends alo sto anmaed pps. ssa My =Ng-#=600-0.35 = 210.00kNm s), 'equazione di equilibrio alla treslazion con un diagramma di teesioni del caleestruzz0 ipo “stress block" i srive: Bes: fag *B-O8: 309) fog* sft ~ Ay" Sap~ Aura = dau B+b)-8- fig + (Al + Ay + Aas) Sy 08d fa (-50+20)-12-113,.3+ (-4.52+12,56+12.56)-3913 08-20-1133 Ye ‘97 em “5.1 Premessa Tale valore & interno al'intervallo presupposto, © quindi & valida la posizion determinata per l'asse neuro. Tl momento ultimo, trattandosi di flessione, & determinabile dall’equezione di equilibro alla otazioneintomo ad 4, M, = B-s-fa-(d-s)2)+b-(08:y,-8) fa [a~s-(08-y,-s)/2]+ $A fig (d-d") Ag: fog d= 50-12-113.3-(165 12/2) +20-(08-21.97-12)-113 [76:5-12~(0.8-21.97-12)/2] +4.52-3913-(765~3.8)~12.56-3913-5 6617732 daNem Ii comportamento di una trave sottoposta# taglio @ caratterizato da vatie fasi in cui iver sono i meccanismai reistent che si ativan. Inizislmente, quando la trave non & fessurata (fase 1, il taglio determina stati teasionoli non dissimili da quelli che si determinano nelle ravi in materiale omogeneo ed _ actropo. Nelle zone in cui prevalgono le tensioni da flessione (ad esempio in mezzeria di trav semplicemente appoggiate) le isostatiche di trazione e compressione si dispongono in ~ dreaionesensibilmente orizzontae e vertical rspettivamente 2 Nelle zone dave prevalgono 0 sono rilevanti le tensioni derivanti dal taglio (in jprossimith degli appoggi in travi appoggiate o incastrate) le isostaiche di trazione © ‘ompressione sono inclinate allincirea @ 45°. Infat, il cerchio di Mobr derivato da uno ‘oto tensionale puramente tangenziale sulle facce verticali ed orizzontali del cubeto ee [2S sas a ee ae ee revalenza della orizzontalit delle isostatiche di trazione verso il bordo teso dela sezione e del'andamento inclinato delle stesse isostatiche nelle zone baricentriche dove prevale ‘inluenza delle solleitazionitaglianti. E” evidente che allorché le sollecitazioni principali di trazione superano i limiti di resistonza del caleestruzzo, (fase I), si determina un quadro fessurativo caratterizzato da fessure verticali laddove prevalgono le tensioni da flessione, da fessure inclinate quando prevalgono le tensioni da taglo, da fessure ad inclinazione variabile dal bordo (direzione vertiale) alle parete (direzione inclinata a 45°) net casi di preseoza di sollecitaziont di trazine da flessione e da taglio di enti paragonabile ‘Tuttavia a formazione delle fessure non corrisponde al collasso della trave in quanto ‘ono possiili meccanismi resistenti sia in assenza che in presenza di armature trasversali il collasso avverrdinfine quando si determineranno situazioni limit, differenti a seconda che Si rat di travi armate o non armate a tagio (fase I), caratierizate dal reggiungimento di condizioni di labilitA interna degli stessi meccanismi, 138 \CALCOLO AGLI STATI LIMITE Di STRUTTORE 1 fessure sono influenza, oltre che dalle presenza o meno delle armature trasversal 4 fumerosi altri ftir, quali la ent dell'ermatura longitudinale in zona tea, i rap seometrci tra luce ed altezza dela trave, il rapporto ta altezza della trave e dimers’ media degli ineri di diameto maggiore, le cartterstiche di resistenza e dutta celcestruzzo, i tipo di sollecitazione fletente che pud essere semplice o composta, Non @ agevole determinare V'influenze dei diversi fatori sopra clencati in quant loro azione & contemporanea e con frequenti influenze reciproche. Pertanto gli appoca ormativi sono generalmente basati su interpretazioni meveaniche basate su tole semplificati su estese analisi sperimentali, che hanno avuto la finalita di evidence ‘meceanismiresistenti edi consentire la loro determinazione quantitativa. ‘Vi ancora da sottolineare che talora si instaureno modalit di resistenza alle aio trasversali nelle travi alternative a quelle flessionali. "il caso del meceanismo resistents arco, che si attiva preferibilmente in travi corte con foti amature per sostenere Ia ters el tirante del’arco o in travi con catichi concentrati in prossimiti degli apposs\ comportamento a collasso in tl caso pud essere interpretato con modellitirante-puatone si verifica per crsi del puntone compresso o della catena. Il meccanismo ad arco fins ‘anche quando sono superat in tavi non corte gli altri meccanismi flessionali, main tal sal interviene in stad di danneggiamento molto avanzato che non ha senso considerate. 5.2. La trave priva di armatura a taglio La modellazione del meccanismo resistente che si determina nella tive successivamente alla fessurazione & alquanto complessa in quanto interagiscono, com innanzi detto, numerosi meccanismi elementari che collaborano all’equilibio della f tagliante sosttuendo progressivamente il meceanismo tensionale di trave omogencs§ sollecitata a tagli. Al fine di descrivere i tat salienti di tali meccanismi @ utile fs riferimento a due tipologie di travi: le travi prive di armature trasversali le trav armste 4 ‘aglio con armature trasversli,staffe da sole o staff e fori piegati ‘Nel primo caso alla formazione delle fessure diagonali si determina una struttura cosiddeta a pettine in cui la parte compressa della trave inflessa costtusce il doo ee bielle di caleestruzzo, ciascuna individuata da due fessure diagonali consecutive, ident che risultano inolte collegati dalla armatura in zona tesa. 139, ay cantteristiche della sollecitazione nella sezone critica (v-w) valgono: My ols 2) 7 xno 62) Fig5. 1: Schema della biella compressa Latensione massima di trazione provocata da M, e N,allor si scrive: on 82 p-(a'a)]_ 9-202) be oh che essendo h = aly{2 diventa: 2 ba ‘Ponendo la tensione di trazione pari a quella di progetto per flessione fy ed esprimendo 0 in finzione det taglio ¥ si ottiene: 9 (5_1_1) 124 (51 12 fgg 22 (EAD (2 fa Ba (eae) Ee ed Risolvendo la telazione precedente rispeto a V © considerando i ris sperimentali che forniscono per il rapporto fa un valore di circa 0.70, con a otiene: 12 12 (Gia)—173] Ded Sead 20.25 B-4- fort Tale modello elementare trascura tuttavia alcuni importanti contributi alla resis offerti dail'ingranamento delle superfici affaciate risultanti dalla fessurazione e coll i Gall’armatura tsa, dall’effetto spinotio determinato dalle bare di armatura orizzonale& attraversano le fessure stesse. Inolte, in presenza di pressoflessione, si increments l 2 ‘compressa di caleestrazzo con I'effetto sia di quilibrare autonomamente con sollecitzi tangenziali una quota crescente del taglio sia di ridure il rapporto 7a con il conse ‘neremento della capacitd portante derivante dallo stesso meccanismo a pettine. L modo sequente: Vag £Vate =025-by fag P0450 py)-5 exsendo: by le dimension’ del’altezza utile della larghezza dell’anima; 6-21 (a inmetri) ‘un coeffciente che tiene conto dell’efetto dell'ingranamento degli inert, fanzione del rapporto ta l'altezza utile d della tave ¢ la dimensione sieme di tai aspetti& preso in conto dalla prescrizione normativa riportata D.MLLPP. 09/01/96, che limita il taglio di progetto in assenza di armature a tagtio. ui se stesso trascurabile al erescere did oltre 0.6 m rs coeficicte dipendente dalla perceotsle geometric di armature in, wre tes pry (Byed Per Kener conto dellefeto epinotto; che si esplica G10) Menvero una coppia di forze trasversalial'amatra ebe riduee i momento My sso sempie) etn (ensoftsion) oo) SM, n (5.13) aoMle2 (qresafeton) “eel Wow (pressofl ) ‘un covfficiente funzione dello stato di sollecitazione normale della Weione, be assume il valore 0 in presenza di tensoflessione, 1 in presenza di flessione pura, 1+M,/Msq, nel cas0 di pressoflessione fssendo M, il momento che determina una tensione nulla nella flbra sneno compressa della sezione @ Mey, il momento che sollecita la sezione in cui si effettua la verifica a taglio. B focile osservare che per una sezione geneica vale: My=Norg os) ‘on 1, raggio di nocciolo della sezione (W/6 per la sezione rettangolare trascurando ‘Fametuca); pertanto, 1 incremento della resistenza a taglio offerto dalla pressoflessione ‘hts lincarmente crescente con Jo sforzo assiale, assumnendo valore nullo per Ityecente passaggio dell" EC2 da norms sperimentale (ENV) a norma defintiva (EN) {UNTEN 1992-1-1, ripresa nelle “Norme Tecniche per le Costruzioni 2008”, ba visto la faroducione di una diversa espressione analitica per la definizione del valore del taglio ‘psstente in assenza di armatura specifica, ovvero valore al di sotto del quale noa occorre “iprogeto di una specifica armatura a taglio: Vas [ost k-(100- py feg)!? +0. «| by (5) Lr IU taglio cos! definito& poi limitato inferiormente dal valoreV nema! Vaan [0352 fy! s03h0g) bed 1 | } B__ 142 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE py (70 LIMITE ULTIMO PER TAGLIO 143 In tale espressione i parametik, pop valgono rispettivamente: La trave con armatura trasversale [Nell eave con armatura trasversale, il fondamentale meccanismo résistente che si ‘Gopo la formazione delle fessure inclinate & quello della strutura reticolare di ryforseh in cui oltre ai correnti "uno teso ¢ Valtro coripresso, si distinguono i inclinati compressi, disposti approssimativamente secondo ‘le isostatiche di essione ¢ determinati da due fessure successive, nonché le diagonali tese realizzate Hg armature 0 taglio disposte secondo inclinazioni varabili in genere tra 45° © 90° Fate mecenismn clementae nea iptei generamente asus di cemiete ne nod i isostatico, trascura la continua tra bielle compresse inclinate © corrente 0, gid alla base del mevcanismo a pettine per travi non amate, Ia cui efficacia ein pralielo con gli eventualisforz di compressioe nella membratua, Di tale effeto ‘conlo con opportuni coeficienti correttivi previsti dalle norme, (. fam) alte J5 ] $2 Gon date util) in mm (tet ngranamesto, 1 =Ay (by -d)<0.02 percentuale geometrica di armature in zona tesa ancorata ol sezione considerata di dys dove ly 8 la lunghezza di ancoraggio (effetto spinotta); o Tso 2 fag Ia tensione baricentrica determinate dalla precompressione Nonostante Je formulazioni presenti nei due documenti normativi siano dives parametri de cui dipendono sono gli stessi mente i valor dei tag resistenti fort of ovviamente comparabil. Nelle travi, quando non é possibile fare affidamento su di una ridistrbuzione de sforzi di taglio come nelle solette © nei solai, occorre disporre valori minimi di armatg ‘che secondo le “Norme Tecniche per le Costrizioni 2008”, valgono: fa. Punic =0.08- 72. percentuale geometrica minima del'armatura (safe) da (59 dlisporremel’anima della rave; Sipe = 0.15 distanza massa tale stffe ngo asse dela rave, 1 se Tretga Semana Simax =0.75-4 < 600 mm distanza massima tai bracci delle singole safle; (519 ip eee eae grpumeeaneeeaes 4 | Alfine i determinare gl sforzi nelle diverse componenti del modello reticolare, si Shaan =0.60-d-(-+ctga) distenza massima tra le bare rialzatelungo esse (3. “Pessono fare due ipotesiz ce a diagonal compress &incinata secondo le isstatche i compressione prima dela fessuraione, ovvro circa a 45° rspeto a's della ave, ia diagonal compreia&inclinta con un angolo variable (nor in generale 459) che consenta di svilppare a massima capacita porate in relazione alle armature efetivamente preset La prima ipotesi & cocrene con il comportamento fessurativo inizile delle trav ‘ease ali, che effeivamente vedono it nasere dum quacro fessrativo con fessure ‘eprosimatvamente disposte « 45°, Tttavia si osservasperimentalmente che durante In fe sicesiva alla prima fessuazione ¢ prima del collasto per ‘agi, questo quadro fessurativo evolve con la chiusura delle prime fessure e la formazione di un meccanismo Tisente pi favorevle con biellecompresse generalmente pi icine all's dela tave 5) della trave, Infine si sottolinea che per effetto della fessurazione diagonale, come si ve ‘meglio nel paragrafo 5.5, Varmatura longitudinale tesa deve essere predisp considerando una traslazione del diagramma del momento nella direzione pitt sfavoreva did (atezza utile dela rave) 145 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE ‘yp Ste TO LIMITE ULTIMO PER TAGLIO. Tale comportamento pud essere interpretato sulla base del teorems sy oll'analisi limite che, in presenza di una molteplicita di campi di sollci jnclinazioni del puntone compresso), individua il moltiplicatore di collasso a tag ‘massimo tra i moltiplicatori associat, che generalmente non coincide con il motiplical relativo a belle compresse inclinate a 45° (Questa osservazione autorizza ad assumere in fase di progetto un qualungce ax di inclinazione delle belle compresse, minore © uguale a 45°, ed a determinare it tagliante massimo comispondenteritenendo che I'azione tagliante conseguente cori : 2 2 =D A ho ® del'analisi limite, si pud operare facendo varie Vengolo di inlinazione fog ye = 7 “ determinare il meltpicatore massimo coincidente con la contemporanca rots dali diagonal tesa edi quella compressa Il caico conseguent, il maggione di quel rela : Fig: Schema din nodo della rave reticlare valori diversi di B, pud essere assunto come earico tagliante ultimo della trave. Inf decrescere dell'angolo fs decresce la resistenza a causa della crisi del puntone, ment ‘Al nodo sopra descr crescere dello stesso angolo decresce la resistenza per la rottra del trante jn senso opposto con risultante pari a: ritto il corrente teso (armatura tesa a flessione) applica due forze “Tuttvia va considerato che il calolo plastico & applicable soto Vipots§ dt indefinitacutilita del materiale, ipotesi che non Ticore in maniera assoluta nel cso 5: q-M at oy, 623) travi in c.a. che raggiungono lo s.l.u. a taglio. Pertanto, sulla base dei risultati sperimentg @ € comma largamente éisponibil, ambito di variazione tale angolo viene limita dl Leqilbio del nodo, nella iotes di diagonal compressa inclnatade'angolo B ee ae eee erzzonae, si taduce nelle relazioni di equilibrio segueti: 45° 2 p28" Np sen ~N,-sona=0 24) ci corisponde sos +N, cosa =¥, 625) I setgp <2.5 Np coos +M, CConsiderando ua nodo generico appartenente al bordo txo della tave recoae acs cave: cui confuiscono olte al corente teso, una bella compressa ed uns diagonal tx, Yu (5.26) fpotizza che Ja prima abbia dimensione orizzontale de che la seconda rappresett Pinsieme delle armature inclinate contenute nel trato di lunghezza d” della stessa trav. Sena -eos Prcosa-senf senf (etgh+ctga) ‘Tale ipotesi non alter la generalith dei rsubati inerent Ia resstenza dela tr ype Yen __ (sz citenbile dal meccanismo resstente (rave di Morsch) in quanto le resistenzo del puntone + Semacos frrcosa sen fi sena(teB cea) del tirante al variare della dimensione di riferimento variano con Is sollecitazione vl stessa misura (Fig.5.3). Uguagliando N, allo sforeo di compressione massimo affdabile alla bells compressa by -d” ef sin Bi ottene: cig Brelga ean Yoq o¥ Oa de Sea oes g (9 1 camp di sllecitazion staticamente ammissibil sono dsteibusioni di sora inert che rsp equilibria con i cach ester enon vilano le coadizion di rotura. 1 coefficient v ed a tengon conto di vari fattor dela distribuzione non ufone tension nella seione det puntone, della minote dutta del ealeestnzzo al ceeene classe dello stesso, dlleeso postvo sulla resistenza a tglio della compressny secioni pressvinflesseo precomprese TU conficiatev & espresso in ficione della classe del material mente a nell essione odpende dalla teasione medi di compressioneo precompressons <: Per oy =0 Per 0 <0 $0.25: fay PeO2S- fay Sy $0.50: fay ) $2) pa00:fa see hu ‘Analogamente poneado lo sforzo nel trante pari allo sforzo limite del ama resstente ataglo nl tonco di lunghezzad (Ay yg) si often To sora ah ‘massimo determineto dalla resistenza del tirante: Vag = Ave fy “(ds)-sener-(otg e+e) oa Per un determinato angolo f, presceltonellintervallo ammesso (21.845°), il gf ‘assimo attribubile alla sezione in esame pud essere assunto come il minore tra V,_.e 7 valori che corrispondono rispetivamente alla rottura del puntone e del trante del tlic Spotizato, Dividendo le (5.28) e (5.29) per byd‘y si passa alla forma adimenso ottenendo: yg, ares B (60g lec? é Va = 0, sena-(ctga+ctg 8) (s3iy ', 4 fe IE Vari voters TZ veionean, Zwart Fig 4: Taglioresistente lato calcestruzzo(v.) lato acciaio (va) al variare di fe della : percentuale meccanica i armatura @rq Beas nem pnts gpa on pot ei 4 ee ee aa eae oe ‘armature (vu) al variare della percentuale meccanica di armatura a taglio per i vasiabile Rotarod a aaemannae ame pete ely ee peer re ae ees decrescente di . a Peano a acter esteaTt ar ae Se ee ee een cee ee ee Se aaa a aaa tae ae 0, , ade tind OSv-0, a eee fea ane 14a CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE py £0 STATO LIMITE ULTIMO PER TAGLIO 199 Ber valor maggior dll armature ta rotue si deve ritenere che avvenga nel pontang essendo fragile ¢ da evitare, Per tale ragione [armature fornita dal $ An Srnt 33 rappreseny Ae BS fa, oi Sova, (S40) Una volta definito 'angolo fi, la progettazione dell’ armatura Pwd essere eff ‘mediante la (5.31), Infati isolvendo la relazione citatarispeto all Bn ca epont tne nsn higpni ni 2 gs Sau Se Here ano al glo dal carci moat il coeficente nian E~ a/26 2 sper i cojcare al carico stesso. Tale riduzione tiene conto del fatto cho in prossiita RESETS war ann ont mime ew @ ae De igor ar ella direzione che congiunge il punto di applicazione del caricoall'appoggio. et 1 Fm) wna egarceB) (334 Pertanto, per semplificare la in atemativa ad una scelta casuale 4, Progettazione ed insieme sfrutare al meglio Parmay dell'angolo 8, & possibile distinguere due casi + taglio sollecitante inferiore al (VssVin)s + taglio sollecitante compreso tra il precedente ed caloestruzzo per B-45° (Vas Vaa2'h come por le sole safe, si adotano fini i armaturao si chiara la sezione non idones. Nel e830 2. [Vaze Vea, s Y « ‘cui va determinato innanzitutto l'angolo B ottimale. Peril progetto del’ amature occore verfcae se il taglio sollectante & eon neg interval (VauzVaza) 0 (ViagsVaan), over0€ superiore a Vago. Eschso ica ge quanto sla V>Vaga De re as ieetioecorerispetvarente svesen 24S} pagan ———2°500000_ 22. progettare Tamara assumendo og B=2.5 Way fag: by OGRA 11 33-300-09-570 = 3.determinare 'opportuno vale di Be quind progetae I'mstrs 4 refine la sezione non donea nelle dimension propose Pertnt i determinano Vaan Vaan Dalla (5.47) si ottiene 3147 Pertanto, armature a taglio va progettata assumendo cfg = 1.63, Essendo: a 644 4 Vay = EB Set _.b, SINS 599.570 = 430,283 eV Muy Oy My fe COB 5 My fag VB CteBrin +129 rin 25404 Sipub dterminae i passos delle tafe imponendo il diametro (sae $8 a due brace) vee Sos 0.644-1-11.33 7 Paes = pte Lt 5, = SINS 309,570 = 623,852 kv x “eB ang Fan Bon Tat p= 2:50-39130-09-570-1.63 _ 66 300000 158 CALCOLO AGLI StATI LATE DI STRUTTURe ‘10 STATO LIMITE ULTIMO PER TAGLIO 139 Le percentuali geometriche di armatura rsultano nei due casi ta sezione in esame il copriferro e l'armatura in zona tesa valgono: d= 3.5 cm, 2-50 " = 0.0018 Put 736-300 Pwo a 0.0051 6.300 1 minim regolamentari sono rispettati sia in termini di percentuale geomet (0.0018 © 0.0051), che di distanza tra Ie staffe (186 e 65 mm) di distanza tra one ‘mm), come si evince dal prospetto seguente con i lit egolamentari: — & Pe: la campata in esame risulta che il taglio massimo di progetto & sie “075-505 men Seine = 0.5 = 427.5 < 600 mm 00 3 ee 144 | (00-0.00605-200}"* 400-665 =113,469 kN Per la ‘rave continua di sesione retangolare b = 40 cm, h = 70 cm, si pote alle - diogramma del toglio come in figura, invituppo delle sollecitazioni dovute at car ( poy? _,.] vertical ed alle azion orizontali. ‘agli di progeto sono riportat di seguito, Tu, “= oss te 20"? |. 400-570 = 68,761. KN J Essendo {Vsen309,18)>[Vaae Si procede al progetto della armatura seguendo due strade: 7 13,469] occorre progettre I'armatura a taglio: 155.75 KN Vg =267.50 KN < 3 fc 1) solo state veticali (090°) Vj 309.18 kN 2) armature miste con staffee barre piegati, Vag =141.40 kN z ee 42 33 1 material sono gli stesi dell'eserczio 5.1. Si effetti la verifiea a taglio allo stato limite ultimo per la campata BC supponendo che In tale trattosiano present ferrisagomat 45° Gon passo s, = 35 em e diametro $16. [Nel primo caso i valori di riferimento del taglioresistenterisutano; 160 Ye fas oa4-111.33 ote ty, 400-665 = 669, Ba +a Poy 25404 ee ra 646-1133 Vagp 2 Sota 133 490.665 = wt £11139 gop 695 970407 kav Risulta dunque: [are = 113.469 Rv] <[7ey = 309,18 KN] 0.5-309,18 =154.59] UL progetto delle staffe si pud effettuare assumendo ctg = 2.5 ¢ riducendo il agi ella quota equilbrata dalle barre inclinate che in questo caso, essendo Vrye maggiore dely 50% del taglio, & pari al 50% del taglio totale. Bssendo: 09-4 VeVi ey Bo La OBB = gy Sag 25 SV 5g si pud determinare il passos delle staffe imponendo il diametro(staffe $8 « due bracci) nf ULTIMO PER TAGLIO 161 comispondente in questo caso vale pertanto staffe 8 a due bracci ogni piarnatwra casi le peroentuali meccaniche valgono: -50_, __ 201-0027 370-400 * 350-400-0.707 Come si evince dal prospetto che segue: in entrambi i casi tn percentuale meccanica minima di staffe&rispettata 1 ees ia este (180 e370 mm) ela stanza tai baci (340 min, son0 Jnferior al massimo tollerato (427.5 mm), : _ flgasso delle bare piegate (380 mm) & inferiore al massimo di normasiva indieto in 600 mm. 1 lint i ormativa ingatvalgono: Fe oon Treota d=4275-< 600 mm 60-4 (1+e0t) = 798 < 600 mm =008: 0008 20.5. 27.5 mm ESERCIZIO 53 veri stato tine er oto da eons retract dneson enh Hoo ata con dpplacrmnia simeran &, =A 466 copryere d compra clesepuent caters dlla section dprogeto Rec ahas re zzs68N Stet calosmaze dosh 50 Nim. ‘Vamno innanzituto definite le tesistenze di progetto fy fang od i paramnett v, Pai } \ 162 0 AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE 1c 1 5.10 STATO LIMITS ULTIMO PER TAGLIO 18 oie risuta: fy #21936 KN] < Wragg =1028.477 KN] urs taglio pud essere progetata assumerido cots raha M9* So 000 = 228 yy ng 25 ssendo: 2-50-391.30-0.9-470-25 219360 89. mm Perstaffe ¢8 a2 brace! ogni 18 om la percentuale geometric di armatura risulta: 0018 * Ta0-400 © | minimi cegolamentari sono rispettati sia in termini di percentuale geometrica (00014) che di distanza tra le staffe ([80 mm) oltre che di distanza trai bracci (350 mm) Fare si evince dal prospetto seguente con i limi regolamentari: r a 200 ua = + [20] Vegemie (on p a | 3 Jo 470 =98,822 kN Deve essere progetata una idonea armatura a taglio in quanto risulta: ign 201 Vea >Veae Faux =[0.75-470 er il progetto dell'armatura occorre verificare se i taglio solleitante & compresd neg interval (VnigaVaaa) 0 (Vaaa,Vnap), Ovvero & supetiore & Vacs, Escludendo il teas caso che evidenzia Vinadeguatezza della sezione, nei primi due casi occo-re™ spettivamente: + a) progettare I'ermatura assumendo ctg P =2.5 = _b)determinare 'opportano valore di fe quindi progetare Marmatura; Pectanta si determinano Vaan, Vaan ESERCIZIO 5.4 = Si determin’ il taglio resistente ultimo di una sezione rettangolare avente le dimensioni b= 18 0m, h = 100 om, copriferro @ = 5 om, armata con staffe 9 10 a due bracei con 2830 20 am. Si utilizzi accaio con fx=450 MPa e calcestruzzo di classe fg ™ 30 ¢ 50 Y= gi = SEB ga 10847 Pa Sisson cone fanente vere, che Yo na magioe Ying = = 7 Vanno innanzitutto definite le resistenze di progetto fi, fang ed il parametro v peri suena prove ooh 056.2838 abn 956-2833. 49, 479 149.29 apg tad SES so 40 1091291 168 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DI STRUTTURE thc, 0.85.30 Say = 20170 sa fan 2838 Mo as Sing 32 39130 Ma (,_f«) 30 7(1-£4\<07(1-22)-o.616 (-iB)-07(-za)-° ae 07(1-2\=07-(1-2} 0.560 (350, 250, Si determina 'angolo Bi ottimale che uguaglia la resistenza del puntone in caleestnizzo e quella del tirante in acciaio, Successivamente si determina il taglio resistente, Nel primo caso dalla (5.43) si ottiene: Aw Spat 157-3913 1739139 1630 Basa, Jags 0.616.180.2007 1 Assumendo: cig =2.266391 Vandy = ay (E18) Smt “C188 siottiene 157 *391.3* (855 200)-2.266391 = 595.224 KY 1 1 — = 0616-18 7 ee 2.707621 Vass 2V by 88 Set eR eaR Allo stesso modo nel secondo caso (f4=50 MPa) si ottiene: Aa So 137-3913, ¥,°b, 3°, fg* 0.56-180-200-1-28.33 ed 9.14 <21.8° Si assume f=21.8" con cig =2.5 ¢ siottiene: Fg = Ay (A 18) fg HG =15T-3913-(B55/200)-2.5 595.224 KN | La caraterstica toreante in tavi a sezione compatts, si presenta nelle strutture rote in c.. generalmente come secondaria, deta anche dl congruenca, rspetto ad ire caratteristche della solectazione nel senso che, nei casi in cui equiibro & possibile © ace in assenza di resistenza a torsione delle singole membraure, si pud preseindere e di “fa si prescinde dalla resistenza a tosione delle memabrature. Il caso pit semplice & quello ele tari epportenenti ad inpalcati i solai (Fig. 6.1). Infat, in assenza di resistenza a _fosione delle travi,¢ possible una soluzione equilibrara in cui le travisiano semplicemente © jaftsse nonostante la preserza di deformazioni (e sfori)torsionali determinati dal vincolo pasionale eserctato dalle travi nei confronti dei sola. In tai casi non @ in genere fesserio procedere a verfiche a torsione ma é sufliciente adotiare adeguate regole _gasruttve per garantire un buon funzionamento nelle condizioni di servizio, ovvero senza fecesive fessurazioni provocate dalla torsione associata alle altre caratterstiche della solectazioni generalmente presenti ‘Al riguardo si richiamano prescrizioni normative (DM. 9/01/1996) che prevedono fn preseaza di torsione, considerata o non consideraia nelle vertiche, una armatura trasvessale nom inferiore a 0.15-b cm per metro in presenza di staff in acciaio ad aderenza ‘igliorata, dove b & la dimensione in em dell'anima della trave 0 comunque la dimensione rinore dela stessa,E? inolte consiglabile che il passo delle staffe non sia superiore ad 1/8 de! perimetro della sezione complessiva ridotia del coprifero, ed imoltre che Te barre longitudinal, presenti almeno nei punti angolosi del perimetro, abbiano uns distanza ‘eativa non Superiore a 30 cm. Tn ale situazioni la capacita delle membrature di resistere a torsione non secondaria ma & essenziale al’ equilibrio Fig. 62): si parla in tal caso di torsione primaria 0 di equlibri, ed allora & aecessario procedere al dimensionameato delle sezioni ¢ delle tmmature pee sostenere le salleitazioni di progeto.