Sei sulla pagina 1di 16

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

TRA SUPERSTIZIONE E DIFFIDENZA GLI AZZURRI CHIUDONO AL PRIMO POSTO IL GIRONE


DANDATA A +2 SULLINTER,

Partendo dal presupposto che si parla sempre alla fine, il titolo di campione d'inverno in un campionato
cos equilibrato mai come quest'anno conta poco o nulla. Che realmente esistono organici pi competitivi
di quello del Napoli. Che corsi, ricorsi e statistiche non restano altro che corsi, ricorsi e statistiche. Che la
scaramanzia una suggestione. Il Napoli si laurea campione di inverno, nel giorno del 57esimo
compleanno di Maurizio Sarri, il mister di provincia, "bestemmione" in tuta e mozzicone, alla sua, guarda
caso, 57esima gara in Serie A. Da Frosinone a Frosinone, l'ultima vittoria azzurra al Matusa fu
fondamentale nella cavalcata azzurra verso la promozione in "A" e risale al 2-1 del 2007 con Il Pampa Sosa
ed Ivano Trotta a violare la porta ciociara, guarda caso, anche allora difesa da Zappino. Guarda caso,
ultima volta che il Napoli si laureato campione di inverno era 26 anni fa, stagione 1989-90. Guarda caso,
mi raccomando, con due punti di vantaggio proprio sull'Inter. Guarda caso, anche allora a trascinarla c'era
un argentino (no ai paragoni tecnici), ieri Diego, oggi Gonzalo. Si, Gonzalo 18 gol (in 19 partite) sui 38
messi a segno dal miglior attacco del campionato, 12 in pi rispetto alla stagione 89-90 ma con gli stessi
subiti. Addirittura meglio. E se quindi veramente la parola scudetto una bestemmia e la scaramanzia una
suggestione, giusto cos: chi campione d'inverno non detto che lo sia anche a maggio.
Tocchiamo ferro.
In fondo come dice il coro tormentone? "Un giorno all'improvviso"... chiss.

Gianluca Castellano

Napoli Campione DInverno dopo 26 anni dallultima volta


Terminato il girone dandata, la squadra di Sarri ad ottenere il titolo di Campione dInverno con i suoi 41 punti,
approfittando del passo falso dellInter e la frenata della Fiorentina nellultima giornata disputata. Le scaramanzie
sono dobbligo e quando parliamo dei napoletani ancora di pi, ma le statistiche dicono che nelle ultime 11 stagioni di
serie A, chi arrivato in testa al giro di boa, ha poi vinto il tricolore. In pi, negli ultimi 30 anni, per ben 22 volte chi
ha terminato il girone dandata in testa ha poi vinto il campionato. Una grande prima parte di stagione quella dei
partenopei, incorniciata dallo strepitoso 5 a 1 inflitto in casa del Frosinone: una doppietta del solito (e sempre pi
capocannoniere del torneo con 18 realizzazioni) Higuain regala la vetta della classifica. Scende al secondo gradino
lInter di Mancini, che nel match di pranzo della domenica, perde clamorosamente in casa contro il Sassuolo (4
sconfitta stagionale, di cui ben 3 subite in casa), con un rigore assegnato (e poi realizzato da Berardi) al 95 della
ripresa, a tempo quasi scaduto. Ma le notizie brutte non finiscono qui per la squadra di Thohir: nel posticipo infatti, la
Juventus espugna Marassi e supera 2 a 1 la Sampdoria di Montella, guadagnando cos la nona vittoria di fila in
campionato e appaiandosi meritatamente al secondo posto, accanto ai nerazzurri. Scende al quarto posto la
Fiorentina, che perde in casa 1 a 3 contro la Lazio. Pareggio per 1 a 1 tra gli allenatori pi in bilico di tutta la serie A:
Garcia (Roma) e Mihajlovic (Milan) si dividono la posta con un punto ciascuno che non serve a nessuno dei due. Chi
messo peggio soprattutto il francese della Roma, che entra definitivamente in conflitto con la sua societ e
soprattutto con il suo presidente, James Pallotta, il quale ha dichiarato di essere disgustato dal gioco espresso dalla
sua squadra nellanticipo del sabato. Una domenica con il 2 fisso su ogni campo: dal Genoa (vittorioso a Bergamo
contro lAtalanta per 2 a 0) al Chievo ( 1 a 0 in casa del Bologna), passando per lEmpoli (1 a 0 in casa del Torino) e il
Palermo (sempre 1 a 0 nei confronti del sempre pi ultimo Verona). Unica vittoria in casa quella del Carpi, che
supera lUdinese 2 a 1 e resta aggrappato al sogno salvezza.

Carlo Sicignano

Manita e sogno azzurro!


Con la vittoria del Sassuolo in casa dell' Inter all' ultimo
minuto di gioco con il rigore di Berardi,il Napoli vola in
vetta alla classifica vincendo il titolo di Campione d'
Inverno strapazzando per 5-1 il Frosinone al
.Matusa.Sarri lascia in panchina Insigne per far giocare
un ottimo Mertens nel tridente delle meraviglie.Il
Napoli parte fortissimo.Dopo varie azioni pericolose,il
risultato si sblocca con il primo gol in stagione di Raul
Albiol segnando il secondo gol in campionato su azione
da angolo.Il Forsinone non riesce a contenere la forza
immensa dei giocatori partenopei infatti,il primo
tempo si chiude con il rigore messo a segno di
Higuain,il quale sale a quota 17 gol in campionato e si
rende sempre pi protagonista.Nel secondo tempo,la
squadra di Sarri indomabile;Hamsik segna il terzo gol
consecutivo in tre partite con una gran gol dopo un'
azione iniziata nella met campo partenopea.Arriva
successivamente il poker con la doppietta di Higuain
scartandosi tutta la difesa ciociara.Il Forsinone ormai
non c' pi e Gabbiadini,dopo molte partite senza aver
messo piede in campo,entra e segna un gran gol da
fermo imparabile per l' estremo difensore della
squadra di Stellone.La squadra ciociara per,riesce a
trovare il gol della bandiera con la rete di Sammarco
dopo
un'
azione
tutta
di
prima.
Il Napoli Campione d' Inverno,una cosa che non
succedeva dal lontano ma magico '89-90,anno in cui il
Napoli vinse lo scudetto.La parola scudetto per il
mister Sarri ancora una bestemmia,ma per i tifosi
partenopei ormai pu diventare realt vedendo una
squadra che gioca un calcio magnifico e che regala
tante emozioni e qualit.

Lorenzo Castaldo

Napoli: Tratta da diverse settimane per Andr Gomez, mezzala portoghese del Valencia.
Nella trattativa si inserisce anche la tanto odiata Juve, ma avendo il portoghese una
valutazione intorno ai 25/30 milioni, Marotta ha gi una alternativa che si chiama Lassana
Diarra classe 85 attualmente in forza al Marsiglia. Il Napoli oltre ad Andr Gomez sta
osservando altri 10 centrocampisti e 5 difensori. Alcuni nomi sono quelli di Maksimovic,
Kramer ed Herrera. Il pi vicino al club partenopeo sarebbe proprio Herrera,
centrocampista del Porto, visto anche la quasi impossibilit a trattare con il Valencia per
Gomez che non intende cederlo nella finestra di mercato di gennaio.
Milan: Entro domani dovr dare risposta alla Roma per il prestito dell Italo-Egiziano,
Stephan El Shaarawy. Le cifre sono di 2 milioni per il prestito e di 12 milioni per il riscatto.
Intanto, Galliani piazza il colpo Diawara del Bologna classe 97 per lestate. Loperazione
dovrebbe concludersi sta pochi giorni, mancano solo i cosidetti dettagli ,e le cifre girano
intorno ai 12 milioni.
Roma: C lipotesi Leonardo come traghettatore, ma non sono da escludere Bielsa e Lippi,
questultimi difficilmente accetteranno un contratto da 6 mesi, visto che il sogno di Walter
Sabatini si chiama Antonio Conte, pronto a firmare con il club giallorosso dopo lEuropeo.
Se tramonta lipotesi Leonardo come traghettatore, il pole c Spalletti ma vuole un
contratto superiore ai 2 anni e mezzo, e Sabatini prende tempo.
Fiorentina: I Viola stanno seguendo la pista Goldaniga del Palermo, classe 93, offrendo al
club rosanero circa 3 milioni di euro, ma le richieste di Zamparini sono molto pi alte, e si
pensa che si possa chiudere a 5/6 milioni.

MARCO SORRENTINO

Torino: Ormai rottura tra Fabio Quagliarella e la tifoseria


granata. Accolto con uno striscione allOlimpico tuttaltro che
romantico. Fabio Quagliarella, che sta attraversando un
periodo buio per quanto riguarda i gol, sarebbe pronto a
lasciare Ventura e company gi nei prossimi giorni, in pole ci
sarebbe la sua ex squadra, lUdinese, ma ci sono offerte anche
dallArabia, con contratti molto allettanti.
Palermo: Esonerato Ballardini dopo le dichiarazioni molto forti
del capitano Stefano Sorrentino, dichiarando che la partita
contro il Verona lhanno preparata da soli, senza laiuto del
tecnico. Zamparini, il mangia allenatori, non ha esitato un
attimo a prendere provvedimenti, ed ha gi trovato un
accordo con Fabio Viviani, soluzione interna, che a breve
dovrebbe essere ufficializzato. In questa stagione il Palermo ha
gi cambiato 3 allenatori Iacchini, Ballardini e Viviani, e siamo
solo a gennaio.

MARCO SORRENTINO

La Serie B non si fermata durante le feste, e nemmeno il Cagliari e il


Crotone. Le ultime partite della serie cadetta si sono disputate il 27
dicembre 2015. Al SantElia i sardi si disfano facilmente della Pro Vercelli.
Con un secco 3-0 i rossobl chiudono lanno da primi in classifica. Sogna
ancora il Crotone che vince 1-2 in casa del Virtus Entella e rimane al secondo
posto a meno uno dal Cagliari. A meno sette c la terza della classe: il
Novara. La squadra lombarda viene umiliata con un secco 3-0 dal Modena.
La Salernitana perde in trasferta 2-1 con il Como, mentre a Cesena, con lo
stesso risultato, lAvellino porta a casa tre punti importanti con lo stesso
risultato. Trapani e Latina superano di misura rispettivamente Pescara e
Bari. Pari senza reti tra Brescia e Ternana. Ascoli supera 3-0 lo Spezia. Il
Lanciano batte 2-1 il Livorno. Rinviata invece Perugia-Vicenza.

Classifica:
Cagliari 46
Crotone 45
Novara 38
Pescara 37
Bari e Brescia 35
Avellino e Cesena 31
Perugia 30
Trapani 29
V.Entella 28
Spezia 26
Modena, Pro Vercelli e Ternana 24
Ascoli e Livorno 23
Latina 22
Vicenza 21
Salernitana 20
V.Lanciano 18

R.Agnello

IL PUNTO SULLA LEGA PRO


LEGA PRO GIRONE A 17^ GIORNATA: 10/1 Cuneo-Cremonese 0-0, Pavia-Feralpi Sal 2-2, Pro Piacenza-Lumezzane 1-0, Pro PatriaRenate 0-1, Alessandria-Padova 1-1, Cittadella-Sudtirol 2-3, Bassano Virtus-Reggiana 1-0, Giana Erminio-Pordenone 1-2.
CLASSIFICA: Alessandria, Cittadella 32 punti; Bassano Virtus 31; Sudtirol 29; Feralpi Sal 28; Pavia 27; Reggiana, Pordenone 25;
Padova, Cuneo, Cremonese 23; Pro Piacenza 22; Giana Erminio 21; Lumezzane 19; Mantova, Renate 15; Albinoleffe 11; Pro Patria 7.
LEGA PRO GIRONE B 17^ GIORNATA: 10/1 Carrarese-Lucchese 1-0, Ancona-Robur Siena 0-2, Pisa-Pistoiese 2-0, L'Aquila-Lupa
Roma 2-1, Savona-Prato 1-0, Teramo-Pontedera 0-0, Santarcangelo-Maceratese 1-0, Tuttocuoio-Spal 0-2, Arezzo-Rimini 2-0.
CLASSIFICA: Spal 37 punti; Pisa 32; Maceratese 30; Carrarese, Ancona 27; Robur Siena 26; Pontedera 25; Tuttocuoio, L'Aquila 23;
Lucchese, Arezzo 20, Prato; Santarcangelo 19; Teramo 16, Rimini 16; Pistoiese 15; Lupa Roma 10; Savona 4. Savona e Teramo 6 punti
di penalizzazione.
LEGA PRO GIRONE C 17^ GIORNATA: 10/1 Foggia-Juve Stabia 1-1, Lupa Castelli Romani-Lecce 1-1, Monopoli-Matera 0-2, IschiaCosenza 1-2, Fidelis Andria-Catania 0-0, Melfi-Catanzaro 2-0, Benevento-Akragas 1-0, Messina-Martina Franca 3-0.
CLASSIFICA: Casertana 33; Foggia 32; Cosenza, Lecce 30; Benevento 29; Matera, Messina 25; Fidelis Andria 23; Catanzaro 22; Juve
Stabia 21; Monopoli 19; Catania 18; Melfi, Paganese 17; Akragas 16; Ischia 14; Martina Franca 11; Lupa Castelli Romani 6. Catania 9
punti di penalizzazione.
Alessandro Fusco

Benincasa trascina il Maddaloni, netta


vittoria con lo Scalc1one. Orefice: Primo
tempo perfetto

Foto di Catello Carbone


Il Maddaloni apre il suo 2016 al PalaBrancaccio invertendo la rotta dellultima uscita (sempre tra le mura amiche) del 2015 (sconfitta
dal San Giuseppe). Gli uomini di Orefice non vogliono perdere terreno per la zona play-off. Gli ospiti, avendo chiuso il girone dandata
con soli 9 punti, provano a scuotersi. Nella prima frazione i casertani per chiudono virtualmente il match, grazie ad una tripletta di
Benincasa, un gol di Verdicchio, un gol di Capobianco, portando il punteggio sul 5-0. Un po di calo di intensit nel secondo tempo e gli
ospiti vanno sul 5-1 con Cozzolino e poi sul 5-2 su tiro libero di Illiano. Ma a spezzare i sogni di rimonta ci pensa Cerbone, con la rete
del 6-2, realizzando subito dopo la sua doppietta personale, siglando il 7-2. Un altro tiro libero realizzato da Illiano (doppietta per lui) e
il definitivo 8-3 siglato da Briganti terminano il match. Nicola Orefice, tecnico del Maddaloni: Abbiamo disputato un grandissimo
primo tempo, nel secondo tempo abbiamo calato un po lintensit , subendo qualcosina ma ci siamo subito ripresi. Grande passo in
.
avanti rispetto allultima gara del 2015. Grande determinazione da parte dei miei ragazzi questoggi.
Catello Carbone

IL PUNTO SULLA LIGA..


Anno nuovo, vecchie abitudini. Il 2016 ricomincia alla
grande per le principali pretendenti al titolo della Liga
spagnola, che vincono e convincono in attesa dei rinforzi
previsti dalla sessione di mercato invernale. A guidare la
classifica, lAtletico Madrid di Simeone, che si aggiudica il
posticipo serale in trasferta contro il Celta Vigo grazie alle
reti del solito Griezman e di Carrasco e sale a quota 44,
appena due lunghezze sopra il Barcellona, vittorioso in
casa contro il modesto Granada con una tripletta di Messi
e una rete di Neymar. Dopo la tempesta arriva anche la
quiete in casa Real e la nuova gestione targata Zidane
comincia alla grande : 5 a 0 al Deportivo La Coruna con
reti di Bale ( 3 ) e Benzema ( 2 ) e terzo posto
riagganciato, in attesa di ritrovare un gioco convincente
che possa esaltare lesigente pubblico madridista.
Importante vittoria casalinga che vale il quarto posto
anche4 per il Villareal, a cui basta la doppietta di
Bakambu per avere ragione dello Sporting Gijon.

Francesco Rosa.

TERZO TURNO SENZA GRANDI SORPRESE A PARTE IL LIVERPOOL DI KLOPP CHE VA AL REPLAY
CON LEXTER CITY

Dopo le fatiche del boxing day e di Capodanno, la Premier riposa (per modo di dire) e lascia spazio al
terzo turno della FA Cup. Nessuna grande sorpresa tra le grandi a parte la figuraccia del Liverpool,
mandato al replay dallExter city, club di quarta divisione inglese, e quella dello Swansea, eliminato
dallOxford Utd. Vanno al replay anche Tottenham e Leicester dopo aver pareggiato 2-2, mentre si
qualificano senza patemi Chelsea, City e Arsenal. Col brivido invece il Manchester United che fatica ad
archiviare la pratica Sheffield United e viene salvato soltanto da un rigore di Rooney al 93.
Gianluca Castellano

VIDEO TECHNOLOGY IN CAMPO: LA SVOLTA


ARRIVA DA LONDRA
La svolta arriva ad inizio anno direttamente da
Londra e riguarda un punto focale del regolamento
internazionale dello sport pi seguito al mondo,
oggetto di grandi discussioni, polemiche e riflessioni,
.ma troppe volte impantanato in un sistema vecchio,
poco risolutivo e che lascia spesso il dubbio di
favoritismi ed irregolarit. LInternational Board (
unico organismo con potere decisionale sulle regole
del calcio a livello mondiale) , adesso detta la linea
rivoluzionaria, consentendo la sperimentazione della
video technology in campo, per supportare le
decisioni arbitrali, cos come accade gi da tempo per
altri sport ( basket, pallavolo ecc.). Non ancora noto
quando sar sperimentata e quale specifico supporto
potr fornire ai direttori di gara, sar competenza
della Fifa nei prossimi mesi decidere gli ambiti e le
sedi, ma sta di fatto che questa storica decisione
abbatte un muro innalzato da anni da tutti i puristi,
quelli che vedono un calcio imperfetto,
passibile
dellerrore umano e non innovativo.
Positiva la reazione dell Italia, che attraverso le
parole del presidente della Figc Tavecchio ha
espresso la volont di essere fra le prime nazioni a
sperimentare la video technology , affinch ci
possano essere i presupposti per un calcio sempre
pi libero da errori che possano compromettere i
risultati.

Francesco Rosa.

Messi, Messi, Messi, Messi e ancora Messi. Sono cinque,


come se quattro non bastassero per entrare nella storia, il
campione argentino non si ferma e ancora una volta il
premio individuale dellanno lo porta nella sua bacheca. Non
ce ne vogliano Cristiano Ronaldo e Neymar, ma come
successo in altre occasioni, non cera storia. La Pulga
argentina alza il suo quinto Pallone doro, unico giocatore
nella storia. Altri campioni del calcio sono rimasti a tre, vedi
Platini, Van Basten o lo stesso Cristiano Ronaldo, che per a
30 anni sembra essere lontano dal rivincere questo premio.
Perch nonostante i numeri del portoghese e le prodezze del
brasiliano, Messi stato pi decisivo e merita la vittoria
finale. Un urlo silenzioso quello del fenomeno azulgrana, che
fa pokerissimo: 2009,2010,2011,2012 e 2015.
Otto anni in cui si sono alternati largentino e il portoghese (2008,2013,2014)
lasciando agli altri la polvere, e forse neanche quello. La storia moderna la fanno
loro, ma ancora una volta Messi a vincere la battaglia e questa volta forse anche
la guerra. Questanno per compare la figura di un brasiliano, destinato a
prendere il loro posto. Neymar senza dubbio il giocatore che pu subentrare a
questi due fenomeni. Appuntamento allanno prossimo, ci sar un cambio della
guardia? Nel frattempo Messi ha messo unaltra storia da raccontare nel libro di
questo fantastico sport

R.Agnello

Mentre il calcio si fermato per


la lunga (e criticata) sosta
natalizia, la serie A di Basket ha
provato a prendersi tutta la
scena dello sport italiano,
giocando ben 3 giornate di
campionato, il 23 e il 26
Dicembre e il 3 Gennaio.
Raggruppate in testa ci sono
sempre le solite, con Milano e
Reggio Emilia ancora una
spanna al di sopra del terzetto
formato da Trento, Pistoia e
Cremona.
In
particolare,
nellultima
di
campionato,
Milano vince in casa 87-50 su
Sassari e Reggio Emilia espugna
il campo di Bologna 67-77.
Vincono anche le inseguitrici,
poste al secondo posto: Pistoia
supera 103-75 Capo DOrlando
(nuova ultima della classe),
Trento ha la meglio su Caserta
per 71-66 e Cremona torna
vittoriosa da Brindisi 76-81.
Vince Torino in trasferta a
Pesaro 69-76, in uno dei primi
scontri salvezza e lascia lultimo
posto della classifica. Vincono
anche Varese 79-66 su Cant e
Avellino 88-76 su Venezia.
Grande spettacolo nel week end
di pausa tenutosi domenica 10
Gennaio quando, al PalaTrento
di Trento, si sono tenuti gli All
Star Game del campionato
italiano con sfide di tiri liberi, tiri
da 3 punti e schiacciate
spettacolari.

Carlo Sicignano

COSA SAR?
Ancora una settimana di vacanza e poi il grande tennis si
metter nuovamente in moto per la lunga trasferta
australiana che da sempre lancia la nuova stagione. Molti i
tab da sfatare o le scommesse da vincere, soprattutto in
campo maschile. In primis riuscir Nole Djokovic indiscusso
dominatore del 2015 a trionfare al Roland Garros e centrare l
obiettivo del Grande Slam? Novak Djokovic ha giocato 11
volte il Roland Garros senza mai vincere: 2 turno nel 2005
(Coria), quarti nel 2006 (Nadal), semifinale nel 2007 (Nadal),
semifinale 2008 (Nadal), 3 turno 2009 (Kohlschreiber), quarti
2010 (Melzer), semifinale 2011 (Federer), finale 2012 (Nadal),
semifinale 2013 (Nadal), finale 2014 (Nadal), finale 2015
(Wawrinka). Sono in tutto 59 le partite giocate dal serbo al
Roland Garros , 48 partite vinte e 11 sconfitte. Dopo Nole i
riflettori sono puntati su Roger Federer. Riuscir lo svizzero a
conquistare uno Slam a 34 anni oppure sar lora dell oro
olimpico ?Le olimpiadi restano lunico titolo davvero
importante che ancora manca al primatista Slam, titolo
sfiorato a Londra nel 2012 quando si gioc la finale con
Murray. Ma lelvetico non nasconde laltro obiettivo
importante: l ottavo Wimbledon. E in vista della stagione
2016, il campione svizzero ha annunciato la fine della
partnership tecnica con Stefan Edberg e l'arrivo al suo posto
di Ivan Ljubicic. Di ritiro non se ne parla e i suoi tifosi possono
stare tranquilli : lo svizzero vuole giocare ancora per qualche
anno. Infine c Rafa Nadal e la sua voglia di ritornare nei Fab
Four. Rafa punta al decimo Roland Garros. Ed ha promesso di
ritornare il vero Nadal. Non a caso dopo il Masters il
maiorchino non si fermato perch, secondo zio Toni, solo
attraverso il lavoro duro potr ritrovare il feeling con il campo
che mancato per lunghi tratti in questa stagione senza finali
Slam e le eliminazioni precoci a Wimbledon e agli Us Open.
L'ultimo grande torneo vinto dal maiorchino stato proprio
Parigi 2014: da allora molte ombre o poche luci, ma la fame di
vittorie di Rafa inesauribile e darlo per finito il pi grave
degli errori. Insomma c tanta carne al fuoco, bisogna solo
aspettare il 2016.

Marco Sebastiano Zotti

I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO


INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELLATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI

Direttore: Cristiana Barone


Editore: Antonella Castaldo
Capo Redattore: Luigi Liguori
Coordinatore di Redazione: Ferruccio Montesarchio
Editing Grafica e Copertina: Catello Carbone
Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Universit
Parthenope di Napoli
FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008
del 28/02/2008
Info line: fattodisport@gmail.com
Seguici anche su Facebook : FATTO DI SPORT
FATTO CRONACA
SPYNEWS24