Sei sulla pagina 1di 3

Relazione N: 1 Data: 14/11/2007

OGGETTO DELLA ESERCITAZIONE

Verifica sperimentale sul principio di Archimede

SCHEMA

Dinamometro

Acqua

Peso Alcool

Dispositivo 1 Dispositivo 2

STRUMENTI ADOPERATI

Supporto metallico con relativi accessori, 2 parallelepipedi, 1 cilindro graduato (sensibilità = 1 ml;
portata = 100 ml), dinamometro (sensibilità = 10 g; portata = 200 g), 1 cilindro.

Alunno: Nisci Fabio


Classe: IV M
3

RELAZIONE
Il principio di Archimede è un teorema riguardante l'interazione dei fluidi con i
corpi che vi sono immersi.
Possono darsi tre casi:
• Il corpo tende a cadere fino a raggiungere il fondo se la forza di
Archimede è minore del peso, FA < Fp.
• Il corpo si trova in una situazione di equilibrio se la forza di Archimede è
uguale al peso, FA = Fp. Questo significa che se il corpo era in quiete
rimarrà in quiete, mentre se era in moto si muoverà di moto decelerato
fino a fermarsi per effetto dell'attrito.
• Il corpo tende a risalire fino alla superficie dove galleggia se la forza di
Archimede è maggiore del peso, FA > Fp. In questo caso il volume
immerso Vi sarà tale da spostare un volume di fluido che equilibri il peso
del corpo.

Abbiamo pesato i tre pesi in esame grazie al dinamometro e riempito due cilindri graduati con 80
ml di acqua e 80 ml di alcool etilico.
Abbiamo inserito uno a uno i campioni e verificato il loro peso e volume nei due fluidi.
Si è moltiplicato il volume di fluido spostato per la densità del fluido.

Il risultato, ovvero il peso di volume di fluido spostato è stato confrontato con la diminuzione del
peso dei campioni dovuta alla spinta di Archimede.

Conclusioni:
E’ stata verificata con successo la spinta di Archimede; infatti, il peso del volume di fluido spostato
corrisponde esattamente o quasi alla diminuzione di peso.

Alunno: Nisci Fabio


Classe: IV M
3

TABELLA
Corpo in esame Peso in Peso nel fluido Volume (cm3) Peso del volume di
Aria (g) Del fluido fluido spostato
(g) spostato (g)
Alcool Acqua Acqua Alcool Acqua Alcool
D=1 Etilico
g/cm3 D=0,8
g/cm3
Parallelepipedo
1 16 11 10 6 6 6x1=6 6x0,8=5

Cilindro 93 84 81 12 12 12x1=12 12x0,8=10

Parallelepipedo
2 4 0 0 4 5 4x1=4 5x0,8=4

Giudizio:

Firma del Professore:

Alunno: Nisci Fabio


Classe: IV M

Potrebbero piacerti anche