Sei sulla pagina 1di 43

Accom'o di Rinnollo CCNL edilizja art;g;anato

VERBALEDIACCORDO

Roma, 23 luglio 2008

t r a.

Anaepa/ Confartrg ianato r GNA Costruzion i, F i ae-C as art ig i an i, Di pa rtim ento Edi le C I aa i

e

Fe.n.e.a.I-U.l _L., F, l.l.c. e.c. r .S, L., F, LI.I,e_a_-C_G-I- L_

si e conven uto q u anto seg ue per if rin novo del C. C. N. L 1 ottobre 2004 per gJi ad detti delle piece lee m ed ie imprese edi lied affi n i _

Letto, co nferm ato e sottoscritto

ANAEPA Associazione Nazionale Artig i an i dell' Ed ilizia, Decorator" Pittori ed Attivita ~~~~P'-

FE.N, E.A L_-U_LL;-----:--

It I .._ _j_ -4. ~ ..

~~&1~

F~~·~N A~-' 4:~· ~

, 4 ~

:"! I •

. .

pagins 1 di 43

23 lug lio 2008

Accardo di Rinnovo CCNL edHfzfa artfgianato

p

I ART,1 - ASSUNZlONE Pag.4 I
~
I
ART.2 ~ DOCUMENT~ I » 5
I i
L .....
ART,3 - PERIODO DI PROVA ~ »- 6
,
ART,4 - MUTAMENTO DI MANSIONI » 7
..................... -
ART. 5 - MANSIONI PROMISCUE :II 8
ART_13 - RECUPERI lI9 I
.............
ART.21 - ACCANTONAMENTI PRESSO LE CASSE EDILI ARTIGIANE » 10
i
I ART.22 ~ LAVORO STRAORDINARIO NonURNO E FESTIVO » 12
) ART.27 - TRAnAMENTO tN CASO DI MALATIlA » 13
!
1 ART,31 - ANZlANITA' PROFESSIONALE EDILE » 15
j ART,33 - PREAWISO » 16
I
-_.
ART.42 - ACCORDI LOCALI ))017
ART,56 - AUMENTi PER10DICI Dj ANZIAN!TA' :9' 19
ART_52 - FERIE 1I 20
ART.77 - CLASSIFICAZIONE DEI LAVORATORI :II 21
,
ART -78 ~ QUADRi ~ :& 22
ART.83 - SlCUREZZA DEL LAVORO » 23
~
.. ART.84 - RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA ;iii 24 I
~
, ART,86 - DIRITTO ALLO STUDIO ;iii 25
r
i
, ART_93 - CONTRA no A TERMINE : » 26
~ I
I ! ART.97- LAVORO A TEMPO PARZIALE 'f} 27
~ &
I . ART.98 - PREST AZIONI SANIT ARIE INTEGRATIVE DEL SSN- )it 29
~
~ ;
I ,
ART,103 - DECORRENZA E OURATA , » 30
~ , :
I ,
I ART_104 - ESCLUSIVA D1 ST AMPA : :$0 31 :Iv
, i
; ~ I
I i ALLEGATO D - ART. 7 - RETRIBUZIONE APPRENDISTATO 1I 32
r i
l ! PROFESSIONALIZZANTE
! AUMENTl RETR!BUTIVI » 33
;t
ALLEGATO F - REGOLAMENTO ANZIANITA' PROFESSIONALE EDlLE » 34
AODESTRAMENTO PROFESSlONALE » 36
I
t J 23 luglio 2008 IJW
1~ .p
A ~y f!'
agina 2 di 43 Jlz,( »>
(ge
Accardo di Rinnovo CCNL edifizia artigiana(o

NUOVO ARTICOLO - PRESTAZJONI AGGIUNTIVE IN FAVORE DEGLI-' » 37
APPRENDISTI
LAVORI USURANTI- LAVORI PESANfi » 38
._. __ 0" --.-
NOTAA VERBALE )) 39
PROTOCOLLO SUGU ORGANISMl BILA TERALl » 40
- \~ rv

paqina 3 di 43 ~

23 ruglio 2008

.. _.- - _.-

- -- ---_.- -- -- --_._----_ .

...... - ._ ... - ._ .... _- ... - --

- . __ .. _- ._.- --_ .. _ .... _-_ .

....... - --- ._. _.-

Accordo di Rinnovo CCNL edfJizia artigianato

Art 1 (Assunzione)

Gli operai devono essere regoiarmellte assunti secondo Ie norms di legge.

If repootto di impjego st costittJisce con tenet» di assunzione nella quete nmores« oeve speciticer«:

1. Ja data dj assunzlDne;

2. fa ca tegona CI.l i il tevormore viene assegnafo e ie mansioni cui tieve a tteooer8;

3. 'a durata de/{'evenfuafe periooo di prove;

4. f'apposizione de' 'ermine in coso di essunzione a tempo determinato;

5. il tre ttamen to economico iniz iafe;

6. il Contralto naz/onate di Ja voro appficato;

7. fa seae di la voro;

8. if numero dj posizione net libro metrcote;

pag Ina 4 di 43

23 lug uo 2008

--_._- .... _-

._._ ..... __ .

- _._._ ... -

_. _ ..... _ ...

Accordo di R innovo CCN L ed.liz ia ariigfanato

Art. 2 (DocumenU)

All' atto deU' ass un zlc tle l'operaio deve prese 1"1 ta re:

1} 1a carta d'ldentna 0 sttrc dccurnento equlpollents;

2) la scheda professio nate ril asciata d al Centro pe r rim pieg 0;

3} i documenti attl a cornprovare il dlritto agli assegni per il nucleo familiare; 4) il cod ice fiscale:

5} i d ocu me nti co m provanti i 1 d iritto a lras s i stenza rnalatfia:

6) i docum enti eventu ali relat lv i ai versarn e ntl effettuatl a tavo re de ll'opera io per ferie, grstifica natalizia, r~posi annul. Nel caso in cur "operaio ne sla sprovvlsto l'lrnpresa prowedera a far rnunire l'operslo dei docurnanf di cui trattasl.

II tevoreuxe e tenuto, atl'atto defl'assunz/orle, a dichiarare al/'azienda la sua residenza e iJ SlJO domicilio ad e tenuto a nDtificare al/'atianda i successiv! eventuali motemeou.

E' in tacoha delnmprssa di richiedere H certificato penale di data non antencre a tre rnesi N el corso del rap porto di lavoro I' 0 pe rain deve docu mentare og n i eventua I e va riazion e ag 1 i effetti del suo dirlttO a9'1 asseg ni fa m iliari.

L un presa deve rflascia re ricevu fa de i d ocurn e ntl che trattlene,

l.'operalo deve dichiarare all'irnpresa la sua residenza e dornicuio e gli eventual. cam biam enU,

Per i docu rnenti per i qua li la 'egge preveda d eterm inati adem pim e ntl da parte dell'lrnpresa, questa provvedera agli acernplrnentt stessi,

Cessato LI rapporto di lavoro, 1'impresa deve restituire all'operaio, chs ne rllascera ri cevuta, tutti i d ocume n.ti d i sua s peltanza

{f .1, /
~/ ~ "XV
LI Js
~
~ til pagina 5 di 43

23 luglio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Art, 3 (Periodo di prove)

L'assunaicne di lavorc dl ogni operaio si intends effeUuata con un pericdo di prcva pari a 25 giorni di ISVOfO per operai di 4° bvello, 20 giorni di lavoro per ccerat specializzan. 15 giorni di lavoro per operai qualificati e 5 giorni di lavorc per tutti gli altri cperai durante il quale e am m esso, d a am bo Ie parti, i I diritto alia resets s ione del ra p po rto d i I avo ro se nza preavviso n€ diritto ad i nd e nn ita.

L'assunzione degli autisti adeem alia conduzlcne ed 031 funzionamento di autobetoniere e di auto beton porn pe, se effettuata pe r I a cateqoria deg I i ope rai S peci a I izzatl puc a wenire co nun periodo d i orova 110n s u periore Q 20 9 i 0 rnl d i lavoro, du rants il qual e e pa rim enti am m esse, d a ambo Ie parti, il dlritto alia resclsslona del rapporto di lavoro senza preavvlso ne diritto sd i nd snn ita. La flssazlon e del periodo d i prova per tal i ope rai, i nd tpenden ternen te d alia categ cria di inquadramento. deve essere fatta per iscritio all'atta dell'assul1zione,

Sono esentl d a I periodo di prova d i cui ai com m f precedenti 9 I i operal che a bb ian 0 9 i a prestato servizio presso la s tessa im p res a co n Ie s tesse man s ion i re I atlve a II a qualifies del precedente ra pporto dl lavoro, se m pre che qu est'u iti monon s ia state rlsolto ca oltre 3 an nL

n periodo di prova sara utilmente consicerato agli effetli del compute deU'anzrsnita del1'operaio conterrnato.

La malatiia sos pen de i I periodo dip rova e I' ope ra io sara am m esse a cant i n uare i I period 0 di prova rnedeslmc quaiora 1a malatna non abbia durata superlore al periado di prova stesso.

pagina 6 di 43

23 luglio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizfa artigianato

Art, 4 (Mufamento di mansiam)

All'operaio c he Ii ie n e tem pora n eamen te adi bito a man s io n i per le q uaf e stabitita un a retribuzione SU pe riore a q uella ch e norm al me n te percepis ce deve essere corrls posta la retribu2ione prop r ia delle I1U eve man si OIl i du rante i I periodo per il q uale vi rests ad i b ito,

Qualora il passaggio di manslcni si prolunqnl oltre due mesi consecutivi di effettiva prestazione, rcperaio acqulsisce .1 dlritto alia cateqorla relative aile nuove manslonl, salvo che la te m poran ea assep nazione a mans i 011 i 5 U perle ri a bb ia avuto I uogo per scsmuz lone d i lavoretore assente COil diritto alia conservazione del posto.

Deco rsi i du e m es i, su ric h iesta fo rrnale de I la voratore, I' im p res a e ten uta a co m u nica re per isc ritto la cateqoria relative aile nu eve mans ion i asseq nate allo stes so, salvo qu a n to prsv isto al com m a 2.

NeU'ipotesi che l'operalo adibito a rnansionl superion risulti avere gfa nel passato acq u is ito la qua I iflca i nerente alte man s io n i s ups rio rr cu i vien e adiMo, eg I i acq u isira nu ovam en te la q ua1 ifi ca su perio re qua ndo Is perm a nen za n e lie n uove su perf 0 rl mansion i perd u ri per un periodo d item po non inferiore a q uelic prevlsto per i I period 0 d i prcva,

Tutti i passagg i d efi n itivi di categoria devono risu Ita re da rego lart reg i strazio ni su I libretto di lave ro COil I'in d icazione della decorre nza,

tt!

paqina 7 di 43

23 lugl io 2008

Accordo di Rinnovo ceNL edi/izia artigianato

Art. 5 (Mansioni prom iscue)

L'operalc che sia adibito per un periodo di ottre 2 mesl, con caraHere di conttnuita, a m a nsio n i relat lve a dive rse qua I ifiche sara c las s ificato nella qua I itica della cateqona S upe rio re e n e percepi ra la retri b uz ion e qu a nd 0 Ie man s ion i ill erenti alla qua I ifica su periore ab biano rl lievo sensib i Ie, anc he sa non preva I e nte, S ul com plesso deU' attivita da lu i svc Ita.

L'eventuale assegnazione dl una cateqoria superlore a quells di assunzione, denvante d aj la cas i stica d i ell i al com rna 1, dovra esse re regofa rm e nte reg ist rata da parte de!r imp resa e com u nicata per iscriUo a I lavoratore.

()

pagjlla 8 dj 43

23 jug uo 2008

Accordo di Rinnavo CCNL edilizia arligianato

Art. 13 (RecuperO

E' am mess (J il racu pero de i pe riod i d i sosta d ovuti a ca us e imp revi ste, i nd i pen d enf daHa volonta dell'operaio e dell'irn prasa e ene derivino da Cause di forza maggiore 0 dalle interruzlonl dell' orarlo norm a Ie concord ato tra I' impress e 9 I i 0 pera i.

i col1seguerttt prolungamenti di orarlo non POSSOf"lO sccedere il tirrute rnasssno di un'ora al giorno e deb bono effettu ars i entre i 15 9 lo m i lavorativi i mm ed iata m en te s ucce ssivi a I 9 lorno i 11 cui e awe nuta la sosta 0 l'interruzione.

In case di rlparuzione su 5 giomi dell'oraffo setttrnanale, l'impresa ha la facolta di recupsrare a regime norrnale I'lel 6° giorno Ie ore di lavoro normale non prestate durante 103 setti mana per cause i ndipe nden ti dalla vo lonta de II e part!

In os n i caso con i I com pimen to delle ore d i recu pero non si pUG eccedere l' ora r io norm a Ie giOfnaliero di 10 ore.

pagina 9 di 43

jv

23 Illglio 2008

II trattarnento econom ico spettante agli operai per le fene (art. 18} e per la gratifica natallzia (art, 19) ~ assolto daU'im press con la corrssponsione di una percenfuale complesslva del 18,5% caleclata sugli elementi della retrlbuzlone di cui a( punto 4) dell'art, 25. per futte Ie ore di lavoro norrnale contrattuale dj cui agli artt. 6 e 8 effettivamenie prestate e sui trattamento aconomtco per Ie festlll'l~ di CU·I al punto 3 dell'art, 20,

Gli importi dena percentuale di cui al presente articolo devono essere accantonaf da parte de lie lrn prese p resso la C assa ed i I e secon do q uanto stab i I ito localmente dane Orqa n izzaz io ni te rritoriali ade renti a lie Assoc lazio ni nanonau co ntraen u.

Detta percernuale va com putata a nche s u II' utile effettiva d i cotti moe su i prem i d i produzlon e 0 cotti m i impropri.

La percentuale dj cui al p resente articolo non va com putata s u: ~ ['eventuale indennita per apporta di attrezzi di lavoro:

- le quote supplernentari delrmdenruta 61 caropane non conglobate nella paqa base {c·loe per lallori pessnnssimi, per minatori e boscaioli):

- la retri b uzion eel a re laflva mag 9 iorazione per lave ro s traord i nari 0, s ia esso d i urno, n ottu rno 0 festi vo:

- la retribuzione e la maggiorazione per lavoro normale festive;

- Ie maggiorazioni sulla retribuzione per lavorc normaie 0 notturno:

- la diaria e Ie indennlta di cui alt'art. 24;

• i premi ed ernoiumenti similari.

La percen tuaje d·1 cui al presente artlcojo non va ·1 noltre com p utata su:

- Ie i nd en n ita per lavori s pee iali d isag i ati, per lavori in Q Ita m 0 ntag na e in zo n a rna lari ca, in quanta nella determ i naz i 0 ne delle m isu re percentu a I i attri bu ite a cr asc II na dene predette

lncennlta e state tenuto conto • come gia nei precedenti contratf collettlvl in relazlone aile caranertstlche dell'industria edile • dell'incidenza per j moli di cui al presente articoto e all'art. 21_

La percentuale cornplesslva va lrnputata per 1'8,50% al trattamsnto econornlco per ferie e per jl 1 0% alia grstifica (l atalizia.

La percentuale spetta all'operaio anche durante l'assenza dal lavoro per malsttia anche professionale 0 per info rt un '10 s.ul I avoro ne i Jim'lf:'l d ell a co n servazio ne del pos to COn deco rrenza

dell's nz! an ita.

Durante rasssnza dal lavoro per malattia I'impresa e tenuta, nei fimiti di cui all'art. 28, pe n ultim 0 com rna, ad accan tonare press 0 la Cassa ed i le la percsntuale fl ella rn isura del 18,5 % lorco (Allegato E),

Du ran te I' assen za da I la voro per rnalattia professionale 0 in fortu n i 0 SU I I avoro I' i rn presa e ten uta ad accanton a re presso rae a ssa edife la d ifferenza fra I' i m porto de lJa percentua Ie e iI nattarnento economico corrlsposto per 10 stesso titolo dali']stitl1to assicuratore (Allegata E)_

Gli accordi integrativi locall potranno stabillre che I'ctbligo di elil ar commt precedent! sia assolto dalle lrnprese in forma rnutualistica e con effatto tiberator!o mediante ji versamento atla Cas sa ed ile dl un ap posito contribute sta b ilito d agli accordl stessi e c he potra es sere va riato arH'luaimente sulla base de lie ri s u Ita nze della re latwa gestio ne.

Gli accordl locali stabjiiranl'lo altrasl le modatita di versarnento del contribute e di correspen s i 0 ne agli ope ra i aven ti diritto deg Iii m porti d i cui a i com m i preced e n ti_

Nei casi di assenza dal lavoro per rnatattia 0 infortunio la psrcentuale va cornputata sulla base dell'orario normale di lavoro effettuato dal cantlere durante l'assenza dell'operaio ovvero suJ!a base deWorario normale di lavoro localmente in vigore cualcra i lavori del cantiere siano totalmente sos pesi,

G Iii m porf come sopra accanton ati sa ran n 0 corrl S pes ti d alia C ass a edile ag I i aventi d iritto alre scadenze e secondo le rnodallta panmsntl stabilite dagli accordi locali stipulatl cane Org an lzzazion i di eu i so pra

La Cassa Edile e ten uta ad eroqare i I tratta m ento dig ratlfica nata I iz i a e feri e soltan to a seg uito del ve rsa menta, d a parte de II' imp rssa, aj 103 cassa stss s a delle so m me calcotate in

percentuale di cui al presente articolo. rb

All'atto ceua cassazlone del raoporto dj lavorc, all'operato che ne faccla rlchiesta t'im presa e te nu ta a com u nicare per iscrittc 9 Ii im porti accantcnan presso ta C assa ed i I e in base

al presente articolo e daUa stessa non ancora liqLIidati all'operajo, __,__~_ '

~ Py ~~ ~J//231"9Ii0200B

c::...........,...--

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Art, 21

(Accantonamenti pmsso fa Cassa eoue artigiana)

pagina 10 di 43

Accordo di Rinnovo ceNL edilizia artigianato

Con la d iscip lin a conten uta nel p resents a rtico 10, co ns id erata nella sua i nsc i n.d ibi I i till, s i intendono integralmente assolti gli obbligtJi a carico dei datori di lavoro per la corresponslone dei trattamenf econornici di cui agli artt. 18 e 19, per cui nulla e dovutc dalle irnprese nei casi di as senza dal lave ro pe r ca use divers e d a q uene sopra p revi s te.

La d tsc: plin a m ed es i rna tiene a Itres i conto d egJ i mterventi della C as sa i nteg razi 0 n e 9 uad ag n i, in C<lSO d i S05 pen s i 0 ne d i lava ro per ca use mateo ro log ic h e e d i sospens ion e d i la VOfO in genere.

Dich i aratzlone at verba Ie

- Premesso che talune sentenze hanno affermato I'obbligo delta Cassa Edile ad erogare il trattamento dig ratitica nata I iZICl e ferie a ncorche non vi s ia state il rei atlvo ve rsa m ento da pa rte dell' i m prssa, in ta Ie modo a ltera ndos i I'assetto eo n trattuale del rappo rto d i lavoro, q uale ri bad ito a suo tem po d a I]' art. 9, comma 3 del d.l. 103/91 sub 1 conv. 166191;

- cons iderato che, i nvece, la n arm ativa eontrattua te su bordina e Ie pa rti con traenti h an no sem pre intaso su bordin are e su bordin ano I' e rogazi one de i sudd ett i tratta m enti a I ve rsarne n to de Iia provvlsta d a pa rte de Il'jm presa, essendo la Cas sa in caso d i man cam versamento ta nu ta solta nto a porte i r1 ess e re Ie azion i 0 ppo rtu ne per i I recu pero del cred ito de nu nc iato:

- al fine di rendere anco ra piC. evidente il quad ro della vo 10 nta delle pa rti co ntraen ti ne I senso sopra indicato anche per gli effetti dell'art. 1362 del cod ice civile.

Le parti hanno convenuto I'inserimento del quattorolceslmc comma del presente artlcolo.

&



pagina 11 di 43

23 luglio 2008

Accardo di Rinnovo CCNL edif/zia artigianato

Art. 22

(Lave ro s traoro mario, nottu moe fest ivo)

Agli effetti den' appl icazlone deUe percentual i di a u men to d i cu i appres 5 0, vtene con 5 iderato iavorc su p pjem e ntare 0 straordlna rio q uetc es egu ito oltre 9 I i 0 ra ri die u i ag I i artt. 6 e 8 del prese n te CO n trattc.

F erm 0 rests nd 0 i I caratte re d i ortiinarieta de I rei ativo (avo rc, Ie m agg ioraz io n j pe r lavcrc straordinario di urno son 0 in oltre ccvute nei cast previ 5t i dag I i artt. 8 e 1 0 del R D _ 1 0 sette m b re 1923, n_1955e RD.10 settembre1923, n. 1957.

Illavoro straordinario e ammesso nei limiti di 250 Ore annuali.

La richlesta deJl'impre5a e effettuata con preavvlso all'operalo oi 48 ore, salvo i casi di n ecess ita urgenti. i ndifferi bili od occaslo n a I i.

Ove rim p resa per 0 b iettive es ig e nze teen ico-proo uttive dis ponqa lavo ro strao rd i nano pe r la giornata de! sabato, ne darn preventlva ccmunicazlcne, per il trarnlte dell'Organizzazione terrltcriale artigiana a cui aderisce, alia Rappresenlanza sindacale unitana territariale ai fini di consentire eventuan veriflche.

A scope informatiVo, con periodicita bimestrale, le Organizzaziont territorjaji artigiane forniranno uniteriarnente alia Rappresentanza slncacate unltana territortale indicazioni sui lavoro straordln arlo effettuato n el b i m estre.

Per ore notturne sj consid ereno que lie co m pi LIte d a II e 0 re 22 aile ore 6 de I rnattlno. Per !avoro festivo si intende quello prostate l1ei giorni festivi di CL1i all'art, 20, escluso il lavoro domenicale con noose cornpensatlvo.

le pe rcentu ali per lavoro strao rd ill arlo, notturno e fe stivo son 0 Ie seg uent i:

1) Lavoro straordin aria: 35%

2) Lavoro festive: 45%

3) l.avoro festive straordinano: 55%

4) tavoro nottu rno non co m preso in tu rn i regola ri avvicen dat i: 28%

5) Lavere d i urn 0 com p reso in tu rn i regoiari aw icend ati: 12%

6) l.avoro ncttu rno com preso in tu rnj rego la ri a w lcendatc 14 ~% 7} l.avo ro nottu rn 0 del 9 ualrd la ro: 8 %

8) Lavoro 11 otturno a ca rattere conti nuativo d i operai c h e com p iono I avorl d i costruzicn e 0 d i riparazione ch e pos 5 ano eseg u irs i esc Ius i vamente d i norte: 16%

9) Lavoro notturno straordinarlo: 40%

10) Lavere festive nottu rno: 50 %

11} Lavoro festivo nottu rno straoro i n.a rio: 70%

12} Lavoro dornenlcale con riposo compensatlvo, esclusi i turnisti: 8%

Le suddette percsntuall vengol1o calcolate, per gli operai che lavorano ad economia. sugli elementi della retribuzione di cui al punta 3), JeU. a} dell'ert, 25; per i cottimlstl, va tenuto co n to a nche deU'uti Ie effettivo d i cottimo.

Le percentuall corrlspondenti aile voci 1. 2, 3,4. 9 e 11 devono essere applicate anche in caso di r aVOfO in tu rn i reg 0 I a ri a vvicend ati as sorbendc la perce ntu al e d i cui a Iia voce 6_

Le Com u n lcazion i relative a! SU peram ento de! le 48 ore sett i man a I icon prestazionl d i lavoro straordinario alia locale Direzione provinciale del Mfnistero del lavoro, di cui all'art. 4 del decreto I~islativo n_ 6612003. dovrsnno essere effettuate. net termini stabilLti darla legge e daJle disposizl on i am m i rusfraflve.

La media delle 48 Ore settlrnanaa viene carcolata nell'arco di UI"I pericdo di riferimento di 12 mesi.

Ai fin i d eg I i ade m p i me nti relativ! a II a com u n lcazlon ~ del lo straorc i nari a, per u nita prod uttiva d eve inte nd ersi il canti e re.

IJ--

paqlna 12 di 43

23 Juglio 2008

,

~

Per 9 I i ope rai ad detti a i I avori d iscontin ui 0 d i se m p I ice auesa 0 c u s tod ia per i q uaii valgono i rnmirrn dl paga base oraria di cui alta lett. b) dells tabella Allegata A} al presente contratto, le quote crane d i cu i a I 5" com ma sono caico late a ppl icando a II a retribuz ion e oraria gli stessi coeffic ienti i nd ivid uatl riel 600 com m a,

~l trattam e nto econ 0 m ico 9 lorna I iero com e S opra d ete rm i nato e co rris posto dal1'im presa # all' 0 peralo per sel 9 iorn i la s etti mana escl use Ie festi v ita.

In case di ricaduta nella stessa m a latt la 0 a ltra con s eg ue nz iale com e ta I e ri co nose iuta

dall'INPS, vale ai tini dei cosfflcienf da appncare la ncrrnatlva delr'lNPS medssimo. Cb In caso di contratto d i iavoro a te m po parzia le, i I trattam ento econ 0 m ico gjornal iero d i

m a laUi a si oHi e ne moUi p I icando Ie qu ote ora rie d i cu i a I 6<) Com ma pe r i I n u m ero delle ore d i

lavoro giornaliere risullanti daUa divisione per sei dell'orano settimanale convenuto_ .-

Accordo di Rinncvo CCNL ediiizie artigianafo

Art 27 (Trartamento in case di mafattia)

t.'assenaa per malattla deve essere cornurncate entre il giortlo deu'eventc. salvo i casi di 9 iu stificato im ped i mento: i' opera io 0 Its p pren d lsta d eve tras m etiere entro due giomj dall'inizio dell'assenza il relative certificata medico.

In case di rnalattia, I'operaio non in prova ha diritto alia conservazions del peste per un periodo di 9 rnesi consecutivi, senza intsrruzicne dell'anzian[ta. L'operalo con un'anzlanita superiore a ire an n i e mezzo ha diritto alIa conservaztons del peste per un pe riodo d i dod iCL mes i consecutivi, senza interruzione dell'anzial1i~a, Nel caso di piu maletne o ricadute neua stessa rnalattia, l'operaio ha diritlo alia conservazlone del posto per un periodo massimo cornplessivo di nove rnesi nell'arco di 20 mesi consecutivi. L'operaio con un'anztanjta superiore a tre anni e mezzo ha d i ritto alla con se rvazlc ne del peste per un pe ncco m assim 0 com pies s ivo d i 12 rnes i nell'areo di 24 mesi consecunvt

Trascorso tale penodo, eve J'impresa licenzi l'operaio. 0 la rnalatna debitamente accertata, non gli consenta la ripresa del lavoro, l'operaio ha diritto all'lndennira sostitutiva del preavviso ed al trattamento econ 0 mica di cu i all' art. 38. Ove I' i m presa non p roceda a I llcenzlernento, il rapporto rimane sospeso, salva la decorrenza dell'anzianita aqh effetti del preavviso.

L'operaio che cada arnmalato in periodo di preavvlso, ha diritto, oltre al trattarnento economtco a norma deH'art. 38, alia conservazione del posto fino alia scadenza del preavviso stesso.

Per il trattamento economico dovuto in caso di malattla dagli Istituti assicuratori, si fa riferimento aile norme generali riguardal1ti I'assistenza dl malattia agli operai dell'industria.

Durante l'assenza dal lavcro per malatna l'impresa, entro i Ifmiti della ccnservazicne del peste di cui al presente articolo, e ten uta ad eroqare mensilmente all'operalo e aU'apprendlsta non in prova un trattam ento econo m ico 9 iornaiie ro pari a II' im po ria ell e ri 5 u Ita m otti plies nd 0 Ie qu ote 0 ra rle sottoind icate dell a retri b u zi one costitu ita dal m i nirn 0 d i paga base, dall'in den n ita territoriale di settore, dall'Elemento econom ico terrltcriale e dalrtndennlta di ccntinqenza, per il numero di ore corrlspcndenn alia divisicne per sei dell'orario ccntrattuale settimanale in vigore nella crcoscrlzlone durante rassenza per rnalanla,

Le q uote 0 rarle d~ cui a I com ma preced e nte sono COl lcolate ap plica nd 0 ails retri b u zione

ora ria come so pra spec ificata i coefti ci e I"Iti seg uenti:

a) per il 1",2°, 3" giOrrlO nel case la malattia supen i 6 giorni: 0,5495;

b) per il 11), 2a, 31) giorno nel case la rnalattia superi j 12 giorni: 1,0495;

c) dar 4~ al 200 gLorno, per Ie giornate indennizzate dall'l N PS: 0,3795;

d} dal 21-Q al 180g giorno, per Ie giornate indermizzate dall'l NPS: 0,1565;

e) dal 181 e al 365" giorno, per Ie sole giornate non indennizzate dall'INPS: 0,5495,

Le parti stlpulanf il presente CCNL si danno atto che, dal Hvello di contrattazicne collettiva regionale, n e I rispetto delle rego Ie e delle prcced u re del s iste mad i relazio n i sind aca Ii, posse n 0 es 5 e re previstl event uali e divers i coeffic lent i d i c u f a I pun to a) e b) de! cornm a precedente,

ivi cornprese Ie modal ita di attuazione eel erogazione della prestaztone stessa

Per j giomi d i carenza in case d i as senza pe r m a lattia d i ou rata ~n teriore a 7 gg la percentuete per i rlposl annul del 4,95% e erogata per intero cuettamente dall'lmprese a Il'opera lo.

pagin. 13di43t<_ ~

23 luglio 2008

ACCQroo di R inno vo CC N L edifiz ia artigiana ro

In case di assenza iligiustificata dell'operalo • soggetta ai provvernrnenti disciplinari di cui all'art. 6 - nel mese di calendarlo precedsnte I'jnizio della malattla il trattarnento dovuto dan'impresa alj'operaio a norma dena presents regolamerLtazione e rid otto di 1/173 per ogni ora d i assenza in 9 i ustificata. Pe r glt 0 pe rai d i ct,J i al ga com mail tratta m e nto dovuto dall'im press e ridotto di 1/208 per 09 Iii ora di assenza irlg iustflcata,

Du rante I' as se n za dal lavoro per m alattla I' i m press, en tro • lim lti della co nservazlo n e del peste d i cu i al prime e terzo comma, e tenuta ad accantcnsre presso la Casaa Ed iie la percsntuale di cui ail'art.21, sa~vo npotesi die ui al no no com ma dena steese artlcolo.

Per j casl di The. fermo restando quanto previsto dal comma precedente, si fa riferfmento aile vigenli dispOSkzioni d i !egge_

La rnalattia in so ria durants i I period 0 di prova sospen de i I rapporto d j lavoro per tutta la sua d u rata, com unq ue non oltre l lim ltl d, tern po del periodo d i prova stessc,

f

pagina 14 di 43

23 lugljo 2008

Accardo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Art 31

(AnzianiM professiona/e edile)

Sono istituiti a favors degli operat partlcciari benetici connessi all'anziaruta professionals

ecue.

Le ccndeion i, i term i t1 i e Ie m odalita per la mat u razio ne e I' e rog az io ne d i ta I i beneflcl so n 0 previsti nel regolamento alleqato al presents contrattc, del quaie forma parte integrante,

Ana copertura degli oneri derivanti dalla disciplina delt'anzianita protessionale edile sl provvede co nun contri buto, a carico d ei date ri d i lavoro, nella m is u ra stabilita in reiazione aile esige n z.e de Iia gestion e con acto rd i tra leO rg a n tzzazl 0 n i territorial i a de renti Oil lle Assoc lazlon i nazic na 1 i co n traenti.

i1 contribute e corn p utato s u 9 lie lem e n ti della retri b uzione d i cu i a I pu nto 3) d ell' a rt. 25 pe r tutte le ore di lavoro 0 rd fna rio effettlva mente prestate, non erie sui t ratta m ento econom icc per Ie festivita d i cu i all' a rt, 20,

Norm a transitori a

A pa rti re dan' e rogazione p revista nell' a rum 2009, co n I' 0 biettivo dim ig I iorare la prestazio ne dell' a pe ord i n aria a I fi ne d i i ncent iva re la perrnan e n za nei settore, j lIalori del coefficie n ti orari p revJsti d a II' a II eg ate F, rid eterm i nati nell' accordo de I 18 m arzo 2008 e<I i'Vi indicah, S0l10 incrementati del 5% dalla 3a eroqazione e del 10% a partire calla sa erogazione,

E' istituita una Cornrnissione paritenca voita a verificare i requisiti per l'accessc alia prestazlone medesima, ad integrazione e modifica di quanto prevlsto dal Regolamento den'anztanlta

profes S ional e ed i ie,

J+A----.

! / ._/

pagina 15 di 43

! 231uglio 2008

Accordo di R innovo CCN L edHit ia artigl;;ma to

Art 33 (Preavviso)

II I lcenziam ento 0 led i m lssioni de ltopera io ell e a b bi a s ups rate i I pe r iod 0 d i prova possono ave r I u ogo ill q uaiu nq u e 9 i orno co n un p raavvis 0 che. in cans ideraz ione delfe partlcolarl caratteristlche dell'edluzla, e stablllto in una settirnana per gJi oparai COil anzlaruta in interrotta fin a a tre ann i e 1 Q 9 lorn i d i cal e n dario per 9 It 0 perai co n an zi ill nita in i nterrotta d i oltre 3anni_

Ai sensi dell'art. 2118 dei codlce civile, in mancanza di oresvvlso. il recedente e tsnuto a versare a II'a'tra parte un' i nden nita eq u iva I en te all'irn porto ceua retri bu il 0 n e (v. pu nto J de" art. 25) che sarebbe spettata per il periodo di preavvlso.

N el cas i in cu i rl lave ratcre rsceda dal rapporto di lave ro i n mod 0 inform ale e non S i a nntraccia bite ovvero a ppcs itam e I1te convocate d al dato re di lava ro non si presenti sui posta d i lavcro, decors] 5 giorni di assenza, tare compcrtamento potra essere valutato dal datore di la voro come vo lonta did i m etters i.

Da tale data decorrera I'ulteriore tsrmine di 5 giomi previsto per legge entre il quale il datore di la vo ro a ten uto ad effettuare la co m U n icazi 0 ne ab bligatoria d i cessazion e del ra p po rto d i lavern a lJe co m petenti autorlta amm i nistratlve,

Tanto il llcermarnento che le drrnissionl vanno comunicate per lscntto. - .

\

pagil'la 16 di 43

23 lugiio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Art. 42 (Accorcl locali)

AIf~ Organlzzazioni regionati eto terntoriaii dell'artigianato e della plccola industria e del lavorato ri aderenti ane 0 rg a n lzzazion i nazi onali contrae n ti e de m an d ate d i provvec e re alia stl pu la del co n tratti i nteg rat iv i d i seco n do liv~lIo, ssccn do qu a n to stabi I ito oa lsi stem a d i con trattazto n e conven u to dalle parti _

II contratto integrative, ill particolare, provvede:

a} alia ripartizione, a norma deU'art. 6, 30 comma dell'orario norrnala di lavoro che, salvo divers a val utazi 0 ne delle oa rti territo rialt, deve es sere fissato in modo d iffe re nziato n e I corso delf'anno, al fine di tener conto delle ccnolnonl meteorologiche locali:

b} alia determ i nazione dell' e lem e n to eco n a m leo d i secondo live 110, seco lid 0 i c rite ri i ndicati ai com m i 4 e 6 de I presente articoio:

c) alia dete rm in azi 0 ne de lie in den nita re lative ai la veri in alta m ontag n a:

d) all'anuazione delle rnodallta e dei criteri per gli accantonamenti per ferie, gratif~a natalizia e fip05 i com pensativi;

e) all a i nd ivid uaz io ne de i lim iti te rritoria Ii oltre i q uali e ap p I i ca biie la d i scppl i na della trasferta di cui all'art. 24;

f) ana determ inazl one del period 0 d i normal ~ god im e nto dell e ferie ivi com presc in s pee ial modo quello rlchiesto da Iia m anod 0 pera i mm ig rata;

g} alia deterrn i nazi one delle in den nita dim e nsa edt tras porto e relative i nden nita sostitutive:

h) ana determinazione di eventuale lndenmta per attrezzi di lavoro in proprieta dei lavoratori;

i} alia determ i nazion e di in d e nn ita per lavon in galle ria;

I} aile eventua Ii determ i nazi on i in ord i ne all' attu azione dell a disci p I i na del Ra p presents nte per la sicurezza di cui all'art. 84 anche a modifica di quanto prevlsto al punto 9 del rnedesirno artlcolo;

m} alia eventuate determtneztone di una indennita per f lavoratorl soggetti a reperlbllita utmzzati in imprese vincotate contrattualrnente a garantire la rnanutenzione elo gestione di impianti;

n) alia eventuals determ lnazlcne di una indel1nlta per i lavoraton soggetti a spostarnentl periodici;

0) all a eventuate determ ina: io ned i una ind enn rIa pe r i lavoratorl comand sf alia 9 uid a d i pulmini dell'azlenda per gli sposramentl periodici del lavoratori;

p) alla determinazione di eventuali e diversi coefficienti relativi alia carenza della rnalattia previsti all'art. 27 deJ presente CCNL;

q) alia determ i n azlo ne dell' aliq uota d i contri b u zio ne del Fond 0 relatlvc alia prestaz ione a favore dei d tpendenti ap prend isti. per i nterve n ti die ass a Integ raztc ne G uada gn i:

n alia defin izio ne di og 11 i altra m ateria ed ,stituto no n rego lam entato a I ivejlo n az ion a Ie.

L'elernento economtco di sacondo livello. d. cui alia lett. b} sara concordato in sede regionale 0 territoriale tenendo conto deltandamento congiunturale del settore e sara correlate ai risu ltati consequ iti in term in i di prod uttivi t~. qual ita e com petitivita n e I terrltcno. uti I ina n do a tal fin e a nche i seg uenti in d tcatort

- andam ento del n u m ero d i im p rese a rtig i a ne e cena piccola i I"Id us tria e d ei relati II i dipend el"ltf iscritti all a C assa ed ile e del corns pon dente mo n te sa lari;

• d lnarn lea de I n u rn ero edell' i m porto com p lesslvo d ei ba nd i d i gara e deg I i appa Iti aggiudicati anche con specifico riferimento al mercato dell'artiqianato e della piccola industria:

- dlnamtca del numsrc e delj'irnporto complessivo delle concessioni edilizie e delle dich ia raz ion i d i i nizio aUivita (D IA);

• clnarnlca del numero e dell'importo complessivo delJe concessioni edilizie e delle dichiarazicni di awio del lavorl:

- dinam iea del nu m ero dei lava raton ed i fi iscritti nell e lis te dim ob i I ita per mancanza d i

ta voro ed and am e nto della C assa i nteg razi one gu ad agn i s i a ordin a ria ch e s trao rd i naria;

- evoiuzlone del prodotto interno lordo del settore oene ccstruzlcn! a liveflo terrltorlae:

- attivaz ione dei f n.anzi am enti com pres i q ueJli de rivantl d a fond i struttu ratl.

U Iteriori 0 dive rs i indica to ri pot ra 1"1 n 0 esse re co ncord ati in sede reg ionals 0 territo riale. l.'elernento economico cti cui alla lett b), susa base dei criteri dl cui al comma orecedente

ri levati a live 110 nazlcn ale _ sa ra rin eg oziato in sede regionar e/territo riale ent ro la m is ura massima che Ie Assoctazlonl naztonaf contraenu stai:Ji!ira(Jno entre jl 30 giugno 2009_ I contratti

pagina 17 di 43

23 luglio 2008

Accordo di Rinnovo CC N L edifiz ia art igiana to

i nteg rativi avran no durata qu adrie nn S le, fatto salvo q uanto p revi sto nella Die hlaraalone a verbale sotto ripo rtata.

Le rlchieste per la stl pula de! contratto ~nteg rauv 0 dis econ do I ivell 0 de bbo n 0 essere avanzate secondo item P' e Ie procedure previste dal sistema contraftuale di cui all'accordo interconfederale 17 marzo 2004, riportato rtell'Allegato C). II contratto integrativo avra d ecorrenza non anterlc re al 10} gen naio 201 O.

Aile Organizzazioni regionali 0 territoriali e, lncltre, demandato di provvedere:

1) alia d eterm i nazio ne della m isura co m pless iva del co ntrl bu to d ovuto a II e Casse ed iii artiglane:

2) all'attuazione della disclpllna relativa aile prestazlonl della Casse edili artigiane per i casl di m S latti a, Info rtu n io su I I avoro e m atatna profess lona le:

3) alia d eterm i nazlon e die u i a U' art. 41, relative aile q Llote sin daca I i di com petenza

territoriale;

4) alia determinazione del contribute per l'anztanlta protesslonale edlie:

5) a Il'attuazio ne de lla disc i P I in a della form azione profess iona Ie co n te nu ta nell' art, 40:

6} alia lstituztone ed al funzionarnento, secondo le rncdauta stabilite dalla disciplina nazionale, del Com itatl paritet ic i territor: a I i per [a prevenzi one in fo rtu n i, I'ig i ene e I' am bi e n te d i lavoro, previsti dall'art. 39_

Dichiarozions a verbste

LB Organ izzazton i nazi 0 nali co ntraentl sl da nne reci p rocarn e n te atto che eventuali

m odifiche che dovessero i nterven i re in sed e co nfed e rale 0 naziona Ie s ug Ii assettl contrattuali com pcrteran n 0 i I ness me della mate ria co ntrattu a Ie ~ n tro 90 9 i 0 m L dalle mod ific h e in te rven ute,

con specifieo riferimento al cornpif ed aile materie demandate ai liveHi nanonaie e territorlele di ~

contrattazlo ne. Cj.

pagrna 18 di 43

23 luglio 2008

Accardo di Rinnovo ceNL ediJizfa arljgianafo

Art 56

(Aurnenti periodici di anzianlta)

A decorrere da: 1 ~ gennaio 2009 I'impiegalo ha diritto, per oqnl biennio di anzlamta di servizio presso la stessa impresa 0 gruppo azlendate (intendendosi per tale il complesso facente capo a II a stessa s ocleta owero co n S orz lo 0 as sociaz lo n e tern pora n ea d i i m prese 0 societa di progettc), ad uno scatto biennale, per un rnasslrno di cinque scaW, secondo i valori me nsi I i sotto i nd icat i per ciasc un a categ oria:

• 1m piegato 1 a super - Impiegato 1 s

- Impiegato 2S A

- Impiegato 2S B

- Impiegato 3~

- Impiegato 4-

rr livell 0 )'. (60 Iwello): (50 Iwello): (40 livello): (3D Itvello): (2D livello):

€ 16,73', € 15,42; € 12,55; € 11,54; € 10,78; € 9,86;

G I i a urn enti pe riod ici d i ariz ian i ta d ecorron a da I pri mo 9 i 0 rn 0 de I mese i m m ediatam ente succes s ivo a qu ell 0 in cu i s i com pie il bien n io d i a nzla nita.

G I i au m enti period ici die L1i a I p resents artico 10 assorbono 9 I i au me n ti 9 i a conces s i per r 0 stesso titolo. Gli au menti periodici d i anz i an ita non possono co m u nq ue esse re asscrb iti d a precede nti 0 S ucces slvi au m enti d i merito, ne 9 Ii aLI m entj d i rnerito posse n 0 ess ere a ssoroltl dagli aumenti periodici maturaf 0 da maturate.

In caso di passaggio a cateqorla superiore sara rnantenuto aJl'im pieqato I'importo in cifra d eg Ii aumenti periodici mat u raf 11 e lie cateqorie d i prove n lenza

La frazio ned i hie nn io in corso a I memento del pa ssag 9 io d i categ oris sara co I'lsid e rata uti le ag Ii effetti de! la m atu razione de I bie n 11 i a della n uova cate goria.

23 luglio 2008

pagina 1 9 di 43

Accordo di Rinnovt: C eN L ediliz ia artigianafo

Art. 62 {Ferie)

L'implegato ha diritto per ognr anne di servlzio ad un periodo di riposa feriaie pari a q uattro setti mane d i cal en daf~o esc I uden do dal com puto j 9 lorn i fes tiv! die u i all e Jett. b) e c) delrart. 61. In case di ferie frazionate, cinque giomi lavcrativl fru[ti come fsrie equivalqono a una setnmana se rcrano norrnate e distribuito su cinque giorni. eve 113 distribuziorle sia effettuata su sei g~orni, sei giorni tavorativi fruiti come ferie equlvalgono ad una settlrnana. La stessa criterio vale ai flnl della corresponslone deWindenn[ta sostitutiva delle fene eventualmente non gooute_

Per il periodo di fe rie devon 0 essere corrls posti 9 I i elernenti d i cu i a i n u meri dan' 1 al 12 dell'a rt. 48.

In conslderazlone delle parficolari caratteristicha deH'industria edlllzia, I'impiegato ha d i riUo, trascorsc i I period 0 di prova, a ta n ti dod ices i mid i fe rie qu a n ti sono i mesi com pMi d i se rviz io p restate, La frazi 0 ned i mesa s uperi 0 re ai 15 9 i orni sa ra Cans id erata co m e m es e intero. II riposo feriale ha no rmafmente caratte re co ntin uati vo.

Nel fissare l'epoca del fiposo ferials sara tenuto conto da parte dell'lrnpresa, compatibllmente con Ie esiqenze di servlzlo, degli eventuaf desideri dell'im piegato, anche per un eve 11 tuale frazio namento delle ferie m edes i me.

La ri so luzlone del ra ppo rto per qua lslas i m otivo no t1 preg iu d lea i I diritto a lie feri e maturate,

L'asseqnazione delle terie non puc aver luogo durante il perlodo di preavviso.

Dato 10 scope igiel1jco scctale dell'jstituto delle ferie non e ammessa la rlnuncia da parte de II'im piegato al god im entc delle ferie.

Se J'Lm pieg ato \I iene ric hiam ato ins ervizi 0 durante i I pe riodo d i fe rie I'im pres a e te n uta a rimborsargli le spese effettivamente sostenute, sia per il riantro fn sece che per l'evsntuale rltorno nell a local ita dove godeva delle fe rre s te s se.

L'eventuale periodo di tempo necessario per rientrare in servlzlc non V~ computato come

Ierie.

Qua lora per esig e nze d i serviz io I' imp ieg ate nan possa god ere de lie fe ne n e I peri ad a gja stabilito dall'irnpresa, egli ha diritto al rlmoorso delreventuale anficipo corrisposto per 1';:3lloggio prenotato per d periodo di ferie, sernpreche dis la prectsa documentazione del versamento dell'al'lticipo stesso,

ge_ jI --

II

c-.

y--.\ \.'--' ,

.,-~+ . . -r

- ... /

pagina 20 di 43

23 luglio 2008

Accardo di Rinnovo CCNL ediHzia arligianato

Parte terza

REGOLAMENT PoZION E COMUNE AGLI OPERAI E AGLI 1M PIEGATI

Arl. 77 (Cfassificaziona dei isvoretori)

La classificazione del lavcraton e effettuata secondo i seguenti tivelli:

.... ,. ". ---
[Jvel1i Categ
7~ Impiegati_di .1a _~~.~r
6~ I mpiegati di 1 ~
f--- .- ..
5° Impiegati di 2~ - o~r~i .. 5· livello
4° ~~.j.stenti tecnicl gia lnquadrati in 3~ e
3~ I mpieg ali di 3~ e ope r~l ~pe:cializzati
2~ Impje9.~~.i. ~i_ 4a e operai qualif~ti
1~ l mpieg af d i 4 ~ prime i mpi_~9_0 e_?pera.i one

-------_. _ .. , .. ----.-----,-----------,

Parametri

---------,_~

205

180 l

--------+---- .. - .. -""1

150 i

-------_._ .... , ... ---+--------;

opera!_d.i 4° liv_e_ll_o ----j- __ 1_3_9

130

comuni

115

-------~-

100

La predetta classificazione determina comunt livelli escilJsivamente per i minimi dj retribuzione ccntrattuale e pertanto non intende modificare, tra raltro. I'attribuzione al singoli lavoratori del trattam entl di caratte re norm ativo ed eeo n om jco che so 110 p revi sti, rispettlvam e n te per 9 I i im piegati e pe r 9 I i 0 petal dalle d is pas izion i d i Jegg 6, d f accord i i ntsrconted e ra lie d i ccntratn ed accordl collettivi nazlonatl e territoriaJi.

(ornlssis) , . ,

5D livello

Apparte('J 9 0 no a q u esto I lvelto 0 pe ra I, rrn piegati sia tecnjcl che amm in i strativi ch e assolvono mansion i di co n cetto ric h iedenti in fziativa ed una dete rrn i na is auto n om ia fu nzionale nell'amblto ceue dlrettive ricevute per la cui esecuzione sia necessaria una spscifica co noscenza teen i ca 0 am m i nistrativa, 0 pp ure com provata pratlca ed esperi e nza S u pportata dalJe necessarie nozioni tecniche, In particolare sono lnquadraf in tale livello i sotto indicatj im pieg ati - opera i:

{om iss is) , , ,

- Capo speclellsta conduttore di rnacchlne cornplesse: e colui che, oltre ad operate su m acch i ne com p lesse per lave ri di fo n dazio nj e con so I id a m enti, coo rd i na altri 0 peratori in possesso di specifico patentino con autcncrnia e res ponsabf"ta opsrativa.

(ornlssis) , , ,

Pate nti no pe r ope ratori m acch i ne com pi esse,

Dal 1 lug'io 2009 i lavoratorl che operano utilizzando macchlne complesse nel settore delle fonoazton i e d ei conso I idarn e nti, devono esse re in pos sesso di un patent in 0 rllas ci ato da enti del s lstema form ativo bilate rale 0 da entl fo rm ativi accredttati, co n fo rm em e nte alle norm atille \I ige nti neg Ii statl U E,

Norm a transito ria,

Le parti demandano al Formedll nazlonale la proqettazione dei percors: formativr specifici e delle p roced ure d i rnascto del pate ntino.

pagina 21 di 43

23 lug!io 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Art. 78 (Quadrij

Ai sensi della legge 13 maggio 1985, n. 190, ha la qualinca di quadro il pereonale con funzioni direttive che, pur non appartenendo alia categoria dei drrigellti. per l'alto Itvello di responsabilita gestionale ed organizzahva attnbulto e per retevata preparazione speciallstlca con seg u ita, e ch [a m a to a fo rn i re contributi qual ifi cati pe r I a defin lz ion e deg 1i ob iettivi de Il'im presa e svolge, con carattere di confnurta, funzioni di ri!evante importanza ai fini dello sviluppo e dell'aauazione di tan obiettivi.

Ass leu razlone

Ai sensi dell'art, 5 della legge 13 maggio 1985, n. 190, il datora dj iavoro e tenutc ad assicu rare i I qu ad ro co n tro i I rlsch io d i responsab i I ita civile verso terzi co nseg uente a co I pa nero svolgimento delle propria mansloni, con l'eselusione del caso dj colpa grave 0 dolo.

Ai quadri si riccnosce la copertura delle spsse e l'assistanza legate in case di proced i m e nf civili 0 pen a I i per ca use non d ipendenti da cotpa grave 0 dolo e relative a fatti direttamente con nessi con I' esa rcizio delle fu nz ion i svoue.

tndennlta di funzione

A fa r data dal 1 e ottob re 2008, a I person aie con q us I lflca d i quad ro verra corns posts un a lndennlta di funzsone dl unporto pari a 140 euro men.sili con asscrbenento den'eventuale superminirno individusle fino a concorrenza del 50% dell'importo predetto. Tale indennita e utile ai fini degli artt. 53.62,63,64,65, 66, 67, 68, 70 e 72.

, . , " omlssls , ..

tfJ2--

pag ins 22 di 43

23 [uglio 2008

Accardo di Rinnovo CCNL edffizia artigianato

Art. 83 (Sieurezza def levoro)

A) Igien9, ambiente di Ievoro e prevenztone infortuni

.. - , omlssls , ,

Data la particolare natura dell'attivita edilizia, Ie rntsure suddette potranno essere attuate anche COn baracche rnetalliche 0 d·1 legno, fisse 0 moo'lli ovvero con altr"1 eiementi provvisionaf. c h e potran n 0 avera sede in un ico 'ocale pu rche d iviso.

Secondo quanta prevlsto dalrart 46 del 0 PR 303/56 e successive modifiche, gli alloggiamenti ed i servizi devono essere dfffsrenziati nel case in cui ci sia la presenza nel ca ntiere d i lavoratori di sntra m bj i s essi,

ornlssis . ,_

pagina 23 di 43

23 ILIglio 2008

Accardo df Rin()ovo CCNL edifizia arligianatQ

Art, 84 (Rapprssentante per ie sicurezze}

_."",,'.' .iomissis). _ .. _ .. _ .. ,.,

DJCHIARAZIONE CQNGIUNTA

La part[ socrall, nel riservarsi di reqolamentars il presente arncolo ill attuazlone del D. l.qs, n, 81/08, ritengono necessarto avviare 131 livello nazionale LJrI tavolo congiunto di confrcnto del settore per dare concrsta attuezione ai rlnv i i operat i aHa contrattazl 0 ne co llettiva da I T es to Un ic 0 dena si cu rszza d i rece n te attuazlo ne alia delega d i cu i alia L egg e n _ 123/2007,

La presenza co nte m porane a, i nfattl, nel medesim 0 ca ntie re dip i u i m prese a nch e con diversa qu a lificazi one g i u rid lea, rend e op portu n a la defin izi a ne di reg 0 Ie 0 m ogenee e coord i n ate a I fin e d i gara nti re la piu efficace tutela della sicurezza del lavorator!

[n partlcolare andranno definite regole che pur net rispefto dell'autonomia delle diverse irn prese presenti nel caruiere, consentano alle diverse forme di raopresentanza dei lavoraton per la slcurezza, previste dal Testa Unico, dj svolg~re efficacemente Ie proprle funziom e di reanzzars adequate forme di coorclnamento ·1 nform ativo e coon::f. n ativo.

[1 confronto dovra concludersi entre 6 mssi dalla sottcscrizione del presents contratto.

N ell' a m bite de I s uddetto confro nto Ie parti s i i m peg n an 0 a nchs ad effettuare t utte Ie n ecessad e verltlche affi nche si d ia COn creta attuazione alia prevlsl 0 ned i cu i a H' u It i m 0 capovers 0 del PUll to b} deWart, 40.

r
if ~ 6
~
·vN
..A.,/ if
r;y- ~
_ .
. t? / ®
I
I
paqlna 24 di 43 23 lL1glio 2008 Accordo di Rirmovo CCNL editizia artigianato

Art, 86 (Diritto alia studio)

Ai fine di contributre al miglioramento culturals e prctessionaie dei lavoratorl edili, 1e imprese concederanno, nei casi e aile condlzlonl cui ai cornml successlvl, perrnessi retr,buiti ai I avorato r i non i 11 prova che inten do no freq u e n rare C ors i d i stu d i 0 com pres i nell' ord i na m entc scclastlco e svolti presso istituti pubbljc"1 0 legalmente nccnosciun.

I co rst di cu i a I com m a prsced ante no 1"1 potra n no avere u fl a du rata lnfs riore a 300 ore dj i nseq n a rn entc effettivD_

II lavoratore potra richiedere perrnessl retribuiti per un rnassjmo di 150 ore iii un trlenruo, usufruibiii anche in un 50rO anne,

Tale norm a s i a pplica neUe im p res e con a I m en 0 8 d ipen den tr COn es cl us ion e d a I com puto degli apprenastl soggetti all'obbl~go di frequenza dei corsi professional: della legge n" 25 del 19 gennaio 1955 nonche del Digs 27612003"

II la voratore dovrn presentare domand a scritta a II' imp resa aIm e noun m ese pri m a delr'inizio del corso, speclficando it tipo di corso, Is durata, I'istituto orgalliuatore,

11 lavoratore covra fornire all'lrnpresa un certiflcato di iscrizlcne 031 corso e su ccesslvamente I certificati d i freque n za m ensile con I 'in d icazion e d ells ore re lanve.

Nel caso in cui Ie ore di frequenza ai corsl cadano in period! di sospensione 0 riduzione di orario, if tavoratore conserva "II dmtto aile "Integrailon"1 salanaf a norma d"1 legge e non trova applicazlone la dlscipllna di cui al presents arficolo.

Al f n 8 dj agevora re I' i nteg razio ne soc io cultura Ie dei I av 0 raton mig ranti, je parti s i attlveranno pe r favo r j re J' avvio d i cors i d f lin 9 ua ftalia ria da te n ers i presso ent i p ubbl ic i 0 pres S 0 entl d i form azione accred itatl.

Ina ltre le pa rti i nterverran no nei centre n ti del Min istero Com petente per far perven i re ag I i organ ism l pub blici local i ~e rlsorsa per Ie attiv ita previste d a I com m a precedente e per i I riconosci m en.to dell e 0 re d i stud to effettuate d a I lavoratore: Is p a rtscipaz lone ai co rsi de' com m a pr edente non dov ran no Co m po rta re cost i ag 9 i untM a ca rico delle im p rase.

paqina 25 di 43

23 lugfio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia arl.igianafo

Art 93 (Contra tto a termioe)

In ralazlone a quanta disposto dal dscreto Jegislstivo 6 settembre 2001, n. 368, e s.rn., il lave ro a tem po determ i nato e co n sen nto a fronts d i ra gjon i d i carattere teen i co, prod u tllvo, organjzzativo 0 sostituuvo.

II ncorso ai contralto a tempo dsterrnmato e vietato nelle seguenti ipotest

1) per la sostituz io ne d i la voratori c h e eserci ta n 0 i I diritto d i sciocero:

2) presso un,ta produttive nene quali si sla proceduto, entro i sei rnesl precedenti a licenziamenti collettivi ai sensi degli artt. 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, 1"1.223, che abbiano rig uard ate la vor a tor i ad i b iti aile stess e man s ion i eu i S E ri feri see il contratto d i lavoro stem po determ in ate, sal vo ch e ta le co n tratto sia concJ u soper provv ed e re a sostit uzi 0 ne d i lave ra tori assenti, ovvero sia conclusc aj sensi dell'art. 8, comma 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223, owero abbla una durata inizjale non superiore a 3 mesi:

3) presso unita produttive nelle quall sia operante una sospensiofle dei rapporf 0 una riduzione delrorarlo, con dlrltto al trattamento dt ~ntegrazione salanale. ehe lnteressino lavoratorl adibiti a"e stesse mansionl cui si riferisce il contratto di lavoro a iern po determinate;

4} d a parte delle i m prese C h e no nab bia n 0 effettualo la va I utaz ion e dei ri sc hi ai sens i delr'art. 4 del decreta legisfativo 19 settembre 1994, n. 626 e successive rnodifiche.

Fermo restando quanto previsto calrart. 10, commi 7 del citato decreto legislativo n. 368, il ricorso ai confrartl a termine per Ie ultenori causal! non puc superare, mediamente nell'armo, cumulativemente con P contratti di somrnjrusfrazione a tempo determinato di cui an'art, 94, il 25% del rapport: di lavoro con contratto a tempo lndeterrnlnato deiJ'[mpresa,

Resta ferma in ogni C;ESO ta possibmta di utilizzare almena sette rappcrf di Javoro con contratto a termine e/o di somministrazione a tempo determinate. cornunque non eccedenti la rnlsura di un terzo del nurnero di lavoralorl a tempo lndetsrmlnato dellfrnpresa,

Le frazioni evenfualmente risultanf da tali conteggi verranno arrotondate all'unita supenore.

La media e cornputata con rlferirnento ana media annua dei tavoratorl in tcrza netl'anno soja re precedente.

Visto l'Avviso cornune del 10 apri'e 2008 sottascritto in attuazione delJ'art.5, comma 4bis, del citato decreta fegislaHvo n, 368101 e s.m. je parti concordano che rulterlore successivo contralto a termine in dsroqs al limite dei 36 mes, comprensivi di proroghe e rlnncvi, di cui al medesimo COmm a, potra ave re d u rata massirn a pari a 8 m es l, a co nd iz ion e che veng a rispettata la procedure i vi prescritta.

l n occasion e dell a ses s ion e sem es tra Ie d i concertazione e inform az ion e.

I'organizzazione regionafe eto terntonale adarente aile Organizzazjoni artigiane e della piccola 'll1d u stria sn pu I a nf fo r n ira a lie Organ lzzaz ion i s i ndacal i dei lave rator! territo ria ll, 0 a lie R. S, U, Jaddove es istentl. info rm azio n r in m erito a ll'utl I lzzo sui territorio de i contratti df I avoro a term in e.

La s tessa tnforrnazione a II e 0 rg a n izzaao n i nazi 0 n a I i 0 territo rial i dei ja vo rate ri sara tornita dalle imprese in occasions degli iflcontri prevlstl daJl'ultimo comma. lett. A) de! sistema di concertazicne e informazione def vigente c.c. n.L

,

/'10 __ . .. ~ l/

.~.

pagina 26 di 43

23 lugJio 2008

A ccorao di R inn 0 vo CCN L edifi! ta artigianato

Art. 97

(La voro a tempo pan te te)

Jr revere a tempo parzlale (part-time} e djsciplinato dalle norrne di legge e dalre dlspcsizionl del presents anlcolo. I'organizzazi on e del lavoro 'In cantiere irn phca "II rlcorso del tavoro a part-time degli operai d·1 prod uzione q uale prestaz io n e eccezionale.

II rapporto di tavoro a tempo parztale, cssia il rapporto di lavoro con prestazione ad orario ridotto nspstto a que 110 stabi I ito dal prese n te con I, potra essere attu ato con riferi m ento a tutti i 9 iorn r lavorativi della settim ana {part- tim e orizzontale), no nc h e a pe riod i p redeterm in an ne I co rso della settim a na, del m ese, dell' a nno (pirttime verficale) conformemente ai prlnclpl di seguito elencati:

a, vo 10 nta rieta d i en tra m bile pa rti del rappo rto, salvo dive rse prevision i della leg 9 e;

b, com patibilita con Ie esigenze funzlonali ed orqanlzzauve dell'ufficio, unita produttiva e dell'azief1da nel suo co rnplesso, no nche can icon te n u ti profess ionali della man 5 i on e s vo Ita;

c. revers·lbif.ta della prestazione da tempo parziale a tempo plene in relazione alJe esigenze aziendall e quando sia compatibila con le mansioni svelte elo da svolqere:

d _ app I icabifila d eJJe norm e del presente contratto in q uan to Coe renti co n la II atu ra deJ part -ti me, secon do 113 regola dell a prcporzio n a I tta,

Le mcdallta atfuanve del lavern part-nme di cui al comma precedsnte potranno tra loro com binarsi nell' am bito de[ s i ngolo rapporto d i lavoro tpa rt - tim e m lsto) ,

L'instaurazione del rapporto dt tavoro part-time dsve avvenlre COn atto scritto nal quale devono essere prscisati l'orarlo di lavoro - con riferimento al giomo, alia settlmana, al rnese, all'anno - l'evenluale durata pred eterm in ata a gli a Itri elernen ti p revlsf dar pres e n te co ntratto per i I ra p po rto d i lavoro a te rn po plene _

La retribuzione diretta ed indiretta. nonche tutti gli lstltutl contrattuall, saranno proporzionatl aU'orario di I avoro concordatc, co n riferi rn ento al trattarn e n to contrattua led e i lavorato ri a tem po pi en o.

La trasform az ione del ra pporto d a tem po pie no a tem po pa rzia lee viceversa deve awe n ire Co n il consenso delle perti, Ie quali possono stabilire le cnndiziorn per il riprtstmo del rapporto orig·lnario_ II lavoratore puc avvalersi dell'assistenza delle RSU 0 delle organizzazioni sjndacali terntoriall.

Fermo rsstando quanta previsto daJla legge, Ie parf stabillsccnc che ummpresa edlle non pUG assumere

o petal a tem po pa rzial e per una percentu a Ie s u perlore a I 3 % def tala le d ei I avoratori oce upat i a tern po t i nd eterm i nato.

Resta terms la possibilita di fmpjegare almeno un operalo a tempo parztale, laddove non ecceda il 30% degl' opera i a tern po p len 0 d ipendentl dell'irn p rasa.

S i concorda c he, fe rme restan do le percentuan in d icate a i com m j 7 e 8, ~e i rn prese ca 0 a 3 dl pe n de nti posson 0 ass urn ere d'i pe n d e I"Ifr operai a tern po parz iaf e. per un perlod 0 mass: m 0 tem pora Ie del 30 % del

di categoria firmatarie del P(esellte Ccnl, cornunlchera aile 00. SS, tsrritorlaf I',ntenzione di procedere /

all'assunzione dsll'operelo: trascorsl 10 giorni dana cornunlcazlone senza che siano pervenute i

com U nicazion f in m erito d a pa rte dell e Organ izzazi 0 nisin d aca ri terrltoriali, I' i m presa potra p rocedere all'assunz:ione 00 aile relative ccrnunicazlonl agn I sfltuti di competenza e aila Cassa Edire del terntoric,

Ferm i restando gli obblighi df legge di cornunicazione all'lNPS del ricorso all'istituto del part-time e dell'orario di lavoro stabimo, il datore dj lavoro, con cadenza annuals, lnforrnera la RS. U. o. in 10(0 assenza, Ie OO.SS_ territoriaii, su ll'andamento derte assu nzl 0 n i a tem po pa rzla le, la relati va tipolog ia ed if ricorso aJ javo ro

s u ppierne ntare.

Sona in ogni case esentl dai limiti quantitativi dj cui ai cornrnl 7, 8 e 9 i ccntratti a part-tsna stipulati con persona Ie impiegatizio, Con personate operate non adibito alia produzlcne ad esclusione degli autlsti con pe rsona Ie opera io d i 4· 'i lie 110, con person a I e ope ra i 0 occu pa to in la vorl d i res ta u ro ed arch aoloq ici, Co n personate operaio che usufrulsca di trattarnento penslonistico, nonche la trastorrnaziom dei rapporro di lavoro da tempo pieno a part-time motivate da gravi e cornprovef problerni 61 saiute del richieden.te, OV\fero da necess ita di assfstenza det con iu 9 e 0 dei pa rellti d i 1 C grad 0 per m a lattia 0 condizto n i dl d i sabilita jjf+t:l-'---..IlI

riclliedano assistenza continua, adeguatamente comprovate. 1

pagina 27 di -if ~ w '\!~ fo 11

Accordo di Rinncvo CCNL edifizia sttiqieneto

Per speciriche esigenle tecnico-orqanlzzenve. prodettive e amministrative, e consentito il riccrsc a prestaztoni di lavoro supptementare nel oart-nme orlzzcntale, ancne a tempo determinate, fino al raggiungimento di 40 are settimanali, e a prestazloni di lavoro straorctnarlo nel part-time verticale 0 rnlsto, an ch e a tem po determ i nato.

Per ii person ale operaio, Ie eventuali are di lavoro suppternentare prestate nel rispetto del limite settlrnanale di cui sopra saranno compensate con fa quota oraria di retrlouztone dlretta, maggiorala di una percentuaie del 20%, calcolata sugli elernenti della relribuzione di cui al punto 3 cerrart 25, che avra incidenza su tutti gli istituti retributivi legali e contrattuali, indiretti e differiti, compresi le ccntnbuzlcni e 9 Ii accantonernenti in cassa Edile_

Per gli impieqati la maggiorazione del 201% per il lavoro supplernentare sara calcoiata fcrfetanamente sugli elemenf della retrtbuzrcne d~ cul at puntl 1,2,3,4,5,6,8 e 9 dell'art. 48 ed il reiauvo compenso deve intendersi om n icom pre ns ivo de II' i ncidenza su 9 Iii stitu ti retrrb utivi contrattua lie lega ll, in d i retti e d ifferiti, e non avra incidenza sui TFR.

Per !e evenluali ore di lavoro stracrdinano effettuate valgono Ie disposizionl di cui sgli artlcon 24 e 58 del p rese I"Ite co ntratto.

Per i lavoraton d i cu i a I co m rna 11, e faco Ita delle pa rti a pporre 031 con tratto di la vo ro a tem po parzl a Ie, a nche a tempo determinato, previo consenso scrltto del lavoratcre, clausole che consentano la variazlone della collocazione temporaJe della prestazione lavoratlva (clauscle flessibili) eJo, in case di part-time verticale 0 misto, anche la variazione in aumento della prestazione lsvorativa {clausole elastiche).

La tacolta dip recede re a II a varlaz i 0 ne de Iia p restazi 0 n e I avo rativa a i sans i del pre sen te com ma deve essere esercitata dal datore d i lavoro CO n preavviso co rn u nq ue no 1"1 i nferiore a 5 g lornl Is vo rat lv i.

11"1 ca so 111 a pp ncanon e di cia usol e e lasti che, pe r I e ore di I avoro pres tate in au mente sara a ppri cata una magg lorazicne del 20% cajcotate pe r 9 I i 0 pe ra i S Llg lie lementi dells retrib LJZ ione d i cu i al punto 3 dell' art. 25 e per gli jmpie;;Jsti sugli elementi dena retribuzione di cui ai punti 1,2,3,4,5,6,8 e 9 dell'art. 48_ La variazlone in au rn e nto della prestazione e com U nq ue consentita per una q uantita an n u a d i 0 re non s u pe riore a I 30% de II a norm al e p restaz ion e a te m po parziale.

I ('J caso dl variazi 0 ne della collocazion e te m porale de 1103 p restaz io ne per effetto d i cl.au 50 Ie flees i bill. per Ie ore rei atlve sa ra rlccn os ci uta una m agg io raz ione del 1 0 % con gl i stess i cri ~e ri d i com p u to previ sti per I a quantlflcazlcne del ccmpenso per lavoro supplementare.

Tenendo canto della particolare artlcolazicne prcduttiva del settore, in case di assunzlonl dr personale a tem po pa rzrale run presa fo rn irate m pest iva com un lea z.ion e a lie R SUo in man ca n za Oil He org an zzazi 0 ni territcrla lis in dacali.

Le Pam concordano ch e Je perce ntua lie q uanto previsto ai co m m t 7, 8 e 9 si app I icano per Ie 11 U ove as SLJ nzlo n i effettuate a d eco rrere d a I 1 agosto 2008.

Dich·laraz·lone a verbale

E' lstinnta una ccmmtssrone nazianaJe che individUi gli elemenf dissuaslvl da porre in essere, a livello te rrltorla le, de i co m portamenti eJu s ivi della norm ativa sui tem po pa rzial s.

( ....

W

paginCl 28 di 43

~ ,'1'/ 23 luglla 200S

(-1] /

Accordo di Rinnovo CCNL ediJizia artigianato

Art 98

(Prestazioni sanitaria integratille def Servizio sennet!o nazionaJej

L e pa rti, a seg uito dell'a wi ata m odalita df co pertu ra a tavo re de i la vo ratori isc ritti aile CaSSEl Ed iii d i prestazioni sanitarie integrative di quelle del Servizio sanitario nazionale {EDI LeARD) ed in ottsmperanza a quanto gia previsto dall'ultimo comma del presente arncoio nel rinnovo del 1/10/2004, concordano di defin ire, e ntro il 31 dicem bre 2008, cO n acco rd 0 nazlo nale, I' estens ione dell a cope rtu ra delle prestazi 0 n i d i cu i sopra, anche ai t itoiari d' i m press, is critti presso Ie Cas se ed iii e sog geUi al ri sch io infortu ni dele rm i nandone Ie m ocanta a ppl lcatlve ed i relativ i on e ri .

Tal e co poe rtu ra avril carattere sperl m entale per la ou rata del presente Contratto e sara sottoposta a veriflche armuali, da parte delle Organizzaziol1i firmaiarie del presente CCNL, per verificarne l'effettiva fru izio ne da parte d eF s ogg etti beneflcia ri.

La eN C E prowed era a 11a p red is pas iz ion e diu n 0 schema d i rego lam entazione delle p restazio ni, fo rm uland 0 la prop ria p roposta entre i I 30 se ttem b re 2008, in mod D d i COil sent i re aj Ie parti naz ionali d i softoscrivere l'accorco di cui ali" comma.

/~ !/ '-.-

pagina 29 di 43

luglio 2008

Accordo di R mno 110 CC N L edifiz ie art igia nato

Art 103 (Decorrenza e durata)

Salvo Ie diverse decorrenze espressamente indicate, il presente contratto Sf applies dal 1 o luglio 2008 al 31 dicembre 2011 ai rappati di lavoro in corso alia data del 23 lugljo 2008 0 ill sta u ratl S uccessivarn ente,

Q u alora non s ia d isdetto da una de lie parti, co n iettera raccornan data A. R.. a I m eno 3 mes i pri m a de!1 a scadenza, si rn te ndera rinn ovate per 4 an n i e cos 1 dis egu i to,

,,~,- _ .. (__ .

, ,_/""

pagina 30 di 43

23 luglio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL editizi« artigianato

Art. 104 (£scl()silla di stampa)

Le parti concord a 110 ch e s una base del pre sen te verbal e dL acco rdo p rovvsce ra lin 0 alia stes u ra del teste defi n itivo del ccntratto co IleUi vo nazi orate che sa ra editc a cu ra de lie parti m edes i m e en e ne hanno la escluslva a tutti g]i effetti,

Tale testo definitivo sara disponibile non prima dl 2 mesi dalla data di snpula dell'accordo di rinnovo al f n e di p raced ere a II e necessarie arm onizzaz io n i

Pertanto Ie parti rnedesime impegliano Ie impress ed i lavoratori a fare riferirnento nel fratternpo esclu s lvarn e n te al p resen te verba Ie d i acccrcc che sara rras mess 0 ail e u ra deH epa rtL s tesse a futts Ie pro prie struttu re locali evitand 0 d f uti I izzare eve n tual i test i non p red is posf e d iffusj d a II e part i sottoscritte.

II verba Ie d i accordo e i I testa defin itivo del con tratto eo Il€ltti vo n az iona le d i lavoro s a ran n.o de positati presso i I Min istero del lavo ro ed iI eN E L.

paqina 31 di 43

23 luqlio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edifizia artigianato

Aflegato 0

Rego~amento nazionale per la

disci P I i na de ll'a p crendistato protes s ion a I izzan te

Art 7 (Retrtbuz ione)

A decorrere dal 1 lug lio 2008, la retri b uz io n e dell' a p prend is ta e determ i nata med i ante j' app I lcazlon e delle percentuah sotto in d lcate su I min i mod i paga, i nd en nita d i co ntingenza, indenn ita territori a Ie d i settore, Elem ento econ om i co terr ito r iale e pe rcentua Ie per ri pos ian n L1i speHante a I lavoratore inq uao ra to al 2~ I iveUo.

Per i r 1 D gru p po I' a pplicazi 0 ne delle pe rcen tu al i sotto in d icate e effettuata sui lave ratore mquadratc nel 3g livello.

Le parti concordano che in nessun. CaSD la retrlbuzicne di fatto dell'apprendista potra superare 113. retrlbuzione globale minima spattante al lavoratore con qualifica di 20 livello.

-- --r
I /I fir IV V VI VII VIII IX , X
Grupp; sem. I sem. __ s_e_rrl_. __ sem.
setn. sem. sem. sem. sem. sem.
1° sue. 74 I 76 79 I __ ~~ J ~~ I ~~ 91 91 96 96
1(] 70 I 74 76 86 91 96 96
_ .. -. ._---
2° 74 I 76 79 79 j 86 I 86 91 96 96
I
--- . - ~- ! i_. -_ ... . . _-
3° 74 76 79 84 , 91 I 96
~
--- -- I -_ .. - . _ . _ . (om iss is) _ .. __

Dichiarazione a verba/e.

Le Parti concordano di demandare al Formedil nazlonate l'elaborazione, entre il 31 dicembre 2008, dei profili per l'apprendlstato professionalizzante.

Le P a rtl, sta bHiscon 0 ch e ana Com m issio ne pariteti ca 9 i~ prev is ta a II' a rt 77 del ccnl, i cu i r avor i dov ra n no essere defi n ttl e ntro jJ 31 dice rn bre 2009, vie n e a tt rrb uito il co m pito d i rivedere, nell'ambito dsll'attuale sistema di classlflcazlone dei lavoratori, anche la defimzione dei pmfili professions I i attin enf i lave ri sfraoa lie la seg n a I eti ca.

.. -

~

pagina 32 di 43

23 luglio 2008

Accardo di Rinnovo CCNL ed{fizia artigianato

AU MENTI RETRI B UTIVI

E MINIMl DI PAGA BASE E DI STIPENDIO

Pe r 9 Ii opera i con qua I ifica de I 3· I lvello e stabi I ito un i ncrern ento com plsss iva del trattam ento retri bu tivo pari a euro 188,50 di cui euro 84,50 a decorrere daJ 1~ lugJio 2008, euro 20,00 a decorrere dal 10 gennaio 2009, euro 40,00 a decorrere dai 1" gennaio 2Q1 0 ed euro 44,00 a decorrere dal 1 ~ gennaio 2011"

Le tsbefle de"1 va I Of", menslf, de"1 rnirnml di PQga base degli operai e degli stipendi minimi mensili per gli im p iegati sono q u in d i mod ificate com e s ~g ue:

,----""-----r----- -------- --=-=-==-=-==----- ------ ----,-----"-,

Live II i AU ME NTI param etri 1

01/0712008

01101/2009

Totale

27,69 23,08

31,54

7

297,25

133,25

6

261,00

117,00

217,50

97,50

5

4

201,55

90,35

21,38

3

188,50

84,50

20,00

74.75

17,69

2

166,75

145,00

65,00

15,38

69,38

01 JQ 1 J2.01 0

01/0112011

63,08

50,92

55,38

46,15

50,77

130

42,77

47,05

139

40,00

44,00 38,92

35,38

1Hl

33.85

100 "

-~ \1/

concorcata, ~

30,77

Le P srti hanno d efi njto gJ i au m ent i retr ibLIti vi s u II abase diu n ta s so d i i nflazione convenztonalmente deflnlta per it quadrlenruo 2008 - 2011 nell' 8%"

Eventuali aumenu della retribuzione, corrispostl a titolo di acconto sui futuri miglioramentj contrattuall 0 in prevlslone del presente CCNL, saranno assorbitl fino a concorrenza degli incrementi retnbufivi previstt dar presents contratto e cesseranno di essere corrisposti dal 1 luglio 2008"

Le psrti concordano che nera vigenza confrattuele attlveranno una Commissione tecnica per verificare la scala pa ra metra le.

Dichiaraz ione comune /1

Le parti s i dan n 0 atto en e, CO n la scttcscrlzlo n e del rin I"IOvO con trattlJare, S i e data conti n u ita a I l,,{.f

processo d i arm 0[1 lzzaz io ne dei min im j ta bellari previ stl d a g1i a!tri c. c. n.l sottc sc ntti nel setto re. ~

N e I case 'I n cui attl legis lafivi e/o accord i tra partj sociaJj prevedano soluz i 011 F divers e d a qu e II e previs te dal presente c.c n.l, Ie parti flrrnaterie armcnizzeranno. sulla base def principle df saillagui:lrdare con d izion i eco nom ictJ e 0 m ogell ee ira Ie im pres e, q ua n to p revi sto d a I presents con traUo COn Ie soluz ion i gerLerali matu rate per i I lavoro d i pend e n te.

pag i na 33 di 43

~

~~;~ ~~

, /

, ' /' 23 lugl;o 200B

Per gli operal discontinui di cui aile lett, a) e h) delf'art. 8 I'importo orerio di cui sopra e pari rispettlvarn e nte al 90 % ed a IJ' 80 % d i queJJo dell 'operaio co m un e.

Per gij apprendistl si fa riterimento af rnmlrno di paga ad ess) spettante a norma d~jla disciplina contratfuale \ligente,

La Cassa edile artlqlena presso la quale e iscritto l'opsralo al momento den'accertamento del requisite. qualora risulti che l'opsraio ha prestato la sua attjvjta nell'ultimo anne pres so altre

Casse e<liIi, ne da comunicazione a queste ultlme, affinche provvedano a liquidare per ij tramite

dj sssa C assa ed i Ie artigian a I' i m porto de Iia p restazione dj lo ro co m pete nZ;;3,

N er case d i abban do n 0 defin rt[vo del s ettora do po i I rag 9 i uo 9 rm ento del 600 an no d i eta ovvero a S eg u ito di i nva I idita perm an e n te deb ita mente a ccerta ta d all'l N P Sod i intortun io 0 di maiattia professicnale, i cui esiti non permeftanc la permanenza nel settore stesso, all'operaio c he n e a bbia matu rato jj req U is ito, la prestaz ion e e e rogata d aila C assa ed i Ie artig ia n a anticipatamente su rtchissta dell'operaio rnedesjmo

4} I n case d'i rn orte 0 di 'I nva l'idHa perm anents assai uta alia voro d·1 a psrai en e a bb iano percepito almena una volta la prestazlons 0 comunoue abbiano maturate il rsqulslto di cui al punto 2) e per i qual! nel biennio precedents l'avento, siano statl effettuati presso la Cassa edile srtigiana gli accantonamenf di cui all'art, 21 del c.c.n.l, e eroqata darra Cassa edile artigiana, SU ric hiesta deW 0 pera lo 0 deg I i aventi ca usa, una p rsstaz lone pari a 300 volte la retrib uzione orarl a minima contrattuate costitu ita dam in i mod i pa ga base, in den nita d icon ti ng e nza e ind e nn it a tsrritoriale di settore spettanf all'operaio stesso ai momenta dell'evento.

5) AI fine di far conseguire agii operai dipendenti benefici di cui al presente fegolamento. i dato ri d i I avoro son 0 ten uti:

a) a diehfarare alia locale Cassa ediie artiqiana le Ore di iavoro ordlnano effettivamente pres tato da c iascu n 0 psra i 0 11 0 nch e re eventualj ore previste ai pa rag rare 6;

b} a versare alta Cassa edlle arfiqiana un contribute da caicciarsi sugli elernenu dena retrtcuzlone sl punta 3) deWart. 25 del prssante ccntrarto, per tutte Ie ore di lavoro ordinario d ich iarate a norm a dena lett, a}, La m i sura del co n trlouto e s ta b i !ita, in rei az ions alre eSigenze della gestion e, co n S ceo rd 0 tra le Organ izzazi on i terri tori a Ii adere nti ai Ie Assoc lazlon i nazlon a I i con trae ntl, II contri b uta afflu i See ad una u tall omo F On do de nom ill a to "Fond o per a nzia nita

rj P'OfeSSiO".I.:~ _ ~A" f0 ~ i A"'.:/. ~

p.gina 34 dl 43 \8 ~ '7 ~ 23 lugllo 2008

!

A ccordo di R innovo CC N L ediliz fa arfigianatD

AHegato F

Rsgolamento de/ranzianita professiona/e eaue

1) All'operaro che in un bienrno abbia maturate ranilanHa protessionate edile, anchs in Casse ediJi diverse da quells artlqlane. queste ultirne corrlsponcono neltanno successive. ciascuna per la propria cornpetenza, Ja prestazicne discipjjllata daJ prasente regolamento,

2} L'operaio matura r'anzianita professionale edi'e quando, in clascun btennio, POSS;:l far valere almeno 2,100 ore com putando a tale effetto Ie ore di tavoro ordinario prestatc, nonche le ore di assenza dal lavoro previste al paragrafa 6. Ciascun blennlo seade il 30 settembre dell'anno precedente quejlo delJ'erogaziof1e.

L'erogazpone e effettuats daija Cassa edile artigiana in occasione del 1Q maggio,

3} La p restazion e per I' a nzten ita profess ionale 9\1ile e sta b i I ita seco n do i m po rtf crssce nti, in reazione al nurnero degli anni nei qua] l'operaio abbla percepito la nrestazione meneslma e caicolata moltfp I ican d a 9 I i im porti d j c u j alia tabe lla sepuen te per pi n urn e ro d i ore d i lavoro ordin a rio effelliva mente prestate i n C iascu na categori a eden u ne iate alia C assa eel He a rtig lana per il secondo anne del biennia di cui al 21) comma del par. 2.

Maggio 2008

- 0 pera;o. -!' '-iVello I Operata·j<> Jjvaflo .) 0;;.,.; ... (lV.i,. 0 •• ,..'." "''''J

I-------,~ ~,1519 . 10,1414 _ . 0,12?9 ~ 0,1104

3~ e 4~ erogazione ' 0,3035 O,282~. .9.~2518 0,2207

5~.e 6i e~g<lzion~.. ..- ~I O,45.~4 i 0.4239 0,3775 O,~~10 __ .

7a e 8~ e azione 0,6073 rO,5650 D_5033 0,4415

ga e successi~·e erogazi,~n·1 0,7589 ': 0,7064 _J 0,6290 0,5518 --=1

Accardo di Rinnovo CCNL edifilia ettiqieneto

6) Ag I i effetti dell' acce rta mente del req u isita p rev lsto dal pa r. 2 la Cassa ed i I e a rhg ian a regis tra a f avore d i ciascun 0 perai a Ie 0 re dj I avoro ord i nari 0 e I e eve nt u a I j frazi 0 n i d i ore dlchlarate e per Ie quali e state versato il contributo previsto dal par. 5.

Agil effetti di cui sopra ta cassa edile artigiana registra anche Ie ore relative a~ as senza ca I lavorc per m atattl a i nd e nn lzzata dam N P S:

assenza eal lavoro per infortunio 0 rnalattia professionale:

pe riod i d i astens ion e obb I ig atorla pri mae do po i I parto;

periodi di conqsdo parentsle di cui agli art. 32 e 33 de! DLgs 15112001;

La Cassa eel i Ie artigian a registra altres 1:

1} 104 Ore di assenza per congedo matrmonlate, su ricniesta dell'operaio rnunita della necessaria cccumentazicne. cornpresa l'attestazlone dell'impresa in ordine all'effettivo gad imento de I conged 0 sud detto:

2} 88 ore ogni mese intero di servizlo militate di leva. su richiesta dell'operaio rnunita della certflcanone n ecessarla e del!' attestazio ned e II'im p resa in ord ifl e alia costanza del ra pporto d i lavorc,

3) Agli effetti delle registraziani di cui ai punti 1) e 2} nonche della registfazione delle eve n tuali ore dl assenza i nden n izzate daJ!' IN PS e dall' I NAi L, dell e qua I i la Cas sa ed i I e a rti 9 iana non sis a con osce nza, I a ric hiesta dell' 0 peraio deve pe rven i re a II a Cassa edlle artig iana e ntro tre m esi dalla scadenza del bien n io valsvo Ie per la m aturaz ion e del req u lsito.

4} Nel caso in cui I'operaio si trasterisca da una ad aitra Cassa edile artigiana, 1a cassa edile di provenienza, SU richiesta dell'operaio medesimo, gli rilascia un attestato redatto secondo i I mode 110 predis posto dalle As sociaalon i naztc n ali com prova nte I a sua postztone in ord i ne all' anzta n ita profess i 0 nale ed i le,

5) L'operaio provvede a far pervenire tale attestato alia Cassa sdile artiqiana della circoscrizlone nella quale si e trasferito.

6) Lo stesso proced im e n to si app lica a nch e [n ca so d i eventu al i s u cces s ivi t rasferi m enn, 7) Qualsiasi contrcversla inerente alnnterpretazlcne e all'applicazione de! presente regolamento e d eferita aWes a m e d elie 0 rg a n izzazioni terrltorla! ade re nf aile Assoclazlon i nazio na I i contraenti.

In case dim ancato accord 0 tra Ie stesse, I a co nt roversia e rim es s a aIle predette Associaz ion i che dec idono in vi a d efin it iva.

Og ni controva rs ia tra Ie Organ izzaz ion i te rritorial i i nere nf a II a a rT1 m in lst razi 0 n €I del "F 0 n d 0 per I'anzianita protessionale edile" e parimenti rimessa aile Associazioni nazionali per Ie d eciskJni defln ltlve.

8) Le Casse edili artiqiane sono tenute a dare esatta ed integrale appllcazione al presents rego lam e nto, fi no a nu ova dis pos izione delle Associ az ion i nazlo n a I i stl p ulant i.

Gli 0 rgan i d i am m in i strazione deHe Cas sa ed iii artig ian e SOnO vin co lati a non as s urn ere decision i in contrasto co 1"1 i I regolam ento n azionele e a non dare esecuzlo f"Ie ad event u aji paftu izioni te rrtto r Jali derogatorie. innovative e i nteg rative de I regol a m ento m ed es i mo.

9) La disciplina dell'lstituto sara rleserninata dalle Assoclazloru nazionali net case di norm e di I egg e 0 d i accord i a live 110 conted e ral e che i nterferi sse ro ne lla materia.

dv

~.

pagjna 35 dr 43

23 luglio 2008

Accardo di R inno va CC N L ediliz ia artigianato

Da insetire in ceice ett'er; 40 - Fotmezione Proiessionet«

ADOESTRAMENTO PROFESSIONALE

te part, intendono sperimentare, ssclusivarnente per la durata di due annl a decorrere dal 1" germaio 2009. un nuevo servizlo di sostegno e accompagnamento allo sviluppo professlonale. AI term ine del biennio Ie parti vaJ u te ra nn 0 g jj es Fti d ef progetto e as sum e ran n 0 Ie conseq uenti d eels ion j_

a} l.e imprese edili si impegnano a comunicare rassunzlone dl ogni operaio cha acceda per Is prima volta al settore con congruo anticipo, comunque. di norma, non inferiore a 3 giomi rispetto al giorno d i effettivo ing resso in cantle re d e1 lavorato re. Tale co m u n icazi 0 ned ov ra es sere effettuata alia cassa Ed i I e (Edilcassa) territoria Ie ell e t ras m ettera I a com u nlcazlon e a II a Scuola Ed ite 0 all' ente bjlatera Ie d i tormazlo n e _

b} II lava ratore frequ e nte ra if corso d i form ezlon e d i 16 ore att i nente Ie ba sip rotess ionaji del tavoro in ecillzla e la formazione alia sicurezza {in adernplmento aWart, 37, comma 4, lett. a}, D.lgs 81/2008). II corso, che H lavorators frequenters prima dell'assunztcne 0 entre 30 giorni dalla comunlcazione ails Scuola Ed i leo all' ente b i I atera Ie d i form az lone, rlcorn pre n de il mod u 10 formative d f 8 ore p revisto dall'art. 83 del CCN L vigente per la formazione alia slcurezza. Questa formazione sara orqanlzzata d alia Sc uola Ed i Ie 0 da II' ente bilaterale pe r I a form azlon e: i I coste de! lavoro, event u a I m ente sostenuto dall'lrnoresa, sara rimborsato dalla Cassa Edi!e (Edilcassa) ccmpetents, con le rnodalita s ta bilite da accordi tarritoria I L

Le parti s i attlveran no a I ive II 0 te rritori a Ie per la cos tituz!one di stru m enti b i lateraJi per r a form azion e di emanaalone corrtrattuale, ove questl siano assenti nei sistemi bilaterali territoriali artigiani,

c) La cassa Ed i I e (Ed if cass a) territoriale invi e ra a I do m iciHo d i clascu no dei la voratorl, d i cui alia precedente lettera b}, una com unicazione personate con I'invito a frequentare i corsi di tormazone presso fa locale Scuola Edile 0 ente bilaterale per la formazione e trasmettera a CNCE e Formedil i dati die iascu n n uovo la voratore e ntrato in ed iJ izia.

Le Orgal"lin:azioni territoriali firmatarle del presents Ccnl, possono ccncordare Ie mooalita

appllcative di cui ai punf a}, b} e c). J;

d) Entro fine settem ere d i og n i an no, in co i ncid e nza con la G lcrnata Nazi 0 nala dell a F ormazlcn e nelle Costruzioni, i lavoratori interessati potranno concordare con la scucla Edile 0 l'ente bilaterale per la

form azion e un P r09 etto d i Svilu P po Professio n a I ~ (P S P}. II P S P prevede un serv izio d r

accom pag nam e n to e s osteg no d a pa rte della SCLJola ed i Ie e un min i mo d i 48 ore ann ual i d i formazione collocate at di fuori dell'orario di lavoro.

D!CHIARAZION E A VERBALE

Le parti, nell'ambito dei bandi prornossi da Fondartigianato, si impegnano a reallzzare nuove esperisnze nel ssttore al f n e di gars ntl re ad eg uati prog ram mid r formaz lone per I' i nsterne de lla fo rza I avoro occ u pata.

pagina 36 di 43

,:I

&:.L- \. .... \_i""- _. --........

" lP

. ,

,

,

....

23 IlJglio 2008

Accordo di Rinnovo CCNL edilizia artigianato

Nuovo articolo

PRESTAZ10NI AGGIUNT!VE IN FAVORE DEGLi APPRENDISTI

II presente erticoto, anche alia luce della normativa intelVenutaJ sost;tulsce J'al1egato "l: II del CCNL 1G ottobre 2004.

Visto I' art. 12 d ell' a Ileg ate "0" de I ccn I 1 ~ otto bre 2004, Ie Parti stabl lisco no c he con effetto da I 1 c gen naio 2009, ~ tavcratori apprenelsti dlpendenti delle lrnprese artigiane e delle PM I ens applicano il presente CCN L. potranno beneficrare. in case di sospenslone 0 riduzione dell'attivita lavorenva per eventi meteoroloqicl, del trattam ento die assa l nteg raz ion i G uad ag I1 i (C j GO)_

P res so og ni Cas sa Ed i Ie sa ra cos titu ito un F ondo per t'assistenza de i favoratori a p prendjsti artigia n i per I' erogazione delle prow id enze d i cu i a I co m ma 1. Tal e prestazlo ne sara e rogata dajja cass a edile aitraverso I' im presa, ag I i a ppren d i sti app I lean d 0 q uanto previs to pe r 9 Ii operai a fro a rt. 12 de I presente CC N L e sa ra pari all'80% della retrlbuzione persa dail'apprsndista per gli stessj eventl, nei lim iti del massimati di legge.

t.'impresa che impiega lavaratori con contratto di apprandistato e tenuta al versarnento, a decorrere dal 1· gennaio 2009, per gli spprandlstl in forza, di un ccntnouto che sara stabilito territorialmente dalle Parti firmatarie iJ prssente Accordo; la rnisura della percentuate di contrlbuzlone non potra sssere lnfenore all'1 % d ell a retrl buz lone perce pita dal lavoratore app re ndista. S 0(10 fatti salvi tutti 9 I i a ceo rdi attiv i nel territori 0 e siglati in ottemperanza aWAllegato "L" del ccnl 1 c ottobre 2004,

conclzloru per I'erogazjone della prestaztone sono:

.. la sos pe nsione 0 rid u zione de Il'sttiv ita lavoratlva d ovra es sere r~fe rita ad un p eriodo non i nfe riore ad

u na g lo rnata d i lavoro;

• l'iscrizione dell'apprendista, all'atto dsll'evento, presso 113 Cassa Edile;

• aver debitam errte esposto nella denuncia rnensile de'l lavoraton Ie ore c,L9- deirapprencista;

• la reg 0 larita dell' imp res a con fI versarn e n to d eg Ii aces n to narn e nf e deUe co ntri b uz ion i all a stessa cassa edife all'attc di liquidazione della dornanda di prsstazlcne.

• tale prestaz ion e vena an t,cjpata al I 'a p pre n d ista da II' imp rasa che ne ch ied e ra poi i I ri m borso, tram ite

apposite do m anca alia stessa Cass a Ed i le,

La dornanda pe r essere accolta dovra pervs n ire ails cassa Ed i I e entre i 30 gi orrn SU ccesswi af russcto. d ail parte delrlnps., dell'autorizzazione all'lntervento c.l.q. per eventl rneteoroloqlc per il cantiere in cui era occupato i I persona Ie ap prendlsta,

NeJl' i potesi j n cu i rim presa ri suit i ave re a lie dfpsll denze solo person al e ap pre nd lsta, I a ric hi esta dovra perven i re alia cassa ed i lee ntro i I term j n e previs to per I a prese n tazion e della de nu n cia mensjs dei lavoraton occupan relativa al periodo in cui sj ~ verftcatc l'evsnto. In questo case l'impresa covra corredare la dornanda d·1 prestazlone dr idonea documentazfone cornprovents l'avvenuto verflcarsi dell'evento atm osferico nel ca ntiere in teressato.

pagrna 37 di 43

23 iugljo 2008

Accordo di Rinno vO CCN L ediliz fa art igianato

N uovo artico 10

LAVORI USURANTI - LAVORI PESANTI

AI fine di effettuare un'analisi piu approtondua del requistti necessarl per ac.cedere ane prestazlonl previdenziali obbligatorie in favore del lavcraton del cornparto edile, le parti concordano di lstltuire, entre 30 9 iom idalia fi rm a del P resente accordo, una Com miss ion e pa riteti ca c h e sta bllisca Ie pos s i biji mod a I ita di copertura degli oneri, determinandone l'entita ed i criteri dl npartiz:ione tra sistema obbligatorio e quello mutualistlco, presso l'tstltutc pubblico ovvero presso la Cassa Edile_

La Commissione dovra approfondire l'lpotest di cosntuirs un a pposito Fond 0 mutual"lst'lco a copertura d'i eventuali vuof contnbutlvl, che garantjsca si lavoratori di cui scpra un m iglioramento dei tempi per accedere all a previdenza 0 bbl igalorja,

I lave ri della Com miss ion e d ov ra nn 0 esau rlrs i in un tern po tale che Ja n uova no rm ativa possa entrare in vigore entre un anne dalla data di sottcscnzlcne del presente ccntratto. I costi contrattuaf sane pari allo 0,10% della rembuzione flssata al punta 3 dell'art, 24 del presente contratto.

J:
/\ 6
t/---
~([ pagina 38 d i 43

23 lugfio 2008

Accordo di R innovo CC N L edilizia a rtigia nato

Nota a Verba/e.

Le Parti riten gono im portents far evolvere I'attuale sistema d·1 regolar"lta Gontr'lb utiva basata suila correntezza ad un s i ste m a nel qua Ie ta rego13ri ta potra ss sere ce rtifi cata attraversc in d ici dl co n 9 ru ita delle pe rosntua lid i incidenza minima della manodopera sul vaJore dell'opera per i lavcri pubbllc: e privati. A tal fine le Partj si adopereranno sull'aperiura di un tavoio settoriale.

Le Partl, ino~tre, nella prospettiva di aurnentare !a ccrnpentlvlta delle mprese artigiane e di sostenere i livelli retrtb u tivi dei I avoratori, SOrlO im peg nate S d intra pre n dere un' az ione co m u n e ne~ confrontl d i Governo e Parlamento, agendo, aU'rntemo delle politlche di ccntrasto al lavoro irregolare, per una proqressiva riduzione del costo della vo ro e in partico lare degl i elevatl 0 neri soci a I i che 9 ravano i t1 ed i lizia.

In tate ambito, costltulsce quindi un obiettivo strategico SU cui converge I'interesse delle parf sociali: 1} CASSA INTEGRAZIONE GUADAGN' ORDiNARIA

E' necessario rid u rre i I co ntrl bu to, a pa riUil d i prestaz ion i, dovuto da lie i m prese eo iI i per 9 Ii 0 perai, parificandoJo aile rnisure ill atto per gfi altri sett.ori. La riduzione non comporterebbe oneri per I'erario in q uanto il relative fan do f[SU Ita da te rn po largam e nte attivo. Tale rid uztone potra con s e nti re aile parf socla lid i desti nare a9 I i amm ortizzatori socia I i contratt u arid i ssttore, in regim e dim utuanzzazi 0 ne, pa rte del nsparm io cosl ottenuto dalle lrnprese. In particolare, potrebbero essere lntsqrall attraverso Ie Casse Edili dei trattame ntl percepltl d ai lavoratori derivant i d ag I i am mortizzato ri socia I i.

2) DECONTRIBUZIONE DEI TRATTAMENTI AGGIUNTIVI ALLA RETRIBUZIONE STABILITA DAI CONTRA TTl COLLEnlVI.

Le Parti ritenqono fondarnentale decontribuire i trattamenf erogati in. aggiunts aHa refrlbuzione stabifita dai contrattl coHettivi terrltorla!l, da una parte, riducendo il coste del lavoro e dalraltra recando benefici sui versante flsca Ie e s u lIa previ nenza com pi em entare, La d iSpOSFZi 0 n e leg i s lativa if] fatti d ovra preved ere che:

- ia d econtrl buz i on e attien IS i trattarn enti erog ati dopo I' entrata in v ig a re d etta dis posizione s tessa:

- i trattarnanti di che trattasi concorrono a formare I'imponibire fiscaie:

· e destinato alia previdenza d i settore U n im porto pari al 1 0% deU'jm porto a nil U 0 deco ntri bu ito; c(

• i I mecca nismo di dscontn buzlo ne s i aUua n ei c:onfronti delle im p rese iscrjtte e j n regof a Co n la C assa Ed i I e (Edilcassa),

3) REGIME CONTRIBUTIVO E FISCALE DELLE PRESTAZIONE DI MENSA E TRASFERTA

Occarre rivalutare, in m is u ra pe rcentu ale pa ri alla variaz: on e deg I i ind ici I s tat, ai Sen si d e II' a rt. 51, co, 9, del D. Lgs n. 314197, 9 I i im porti e i relativi tetti delle voci retri butive che god on 0 d i un pa rtico lare reg i me di ese nz! 0 ne daUa base im pon ib i I e previdenzi a Ie e cloe:

• l'lndenruta' di trasferta che, dal 1 e- gennaio 1998. non concorre a formare radolto nel lim ite di franchigia df € d 46,48 e € 77,47 rlspettlvarnente per Ie trasrerte in ltalia e sll'esterc, ex art- 51, co, 5, del D,Lgs, n. 314/97;

- l'indennita sostltutiva di mensa che, a decorrere dal 1" gennaio 1998. ex art. 7 del D.Lgs, n, 56/98 non conconre a formate reddito fino all'irnporto cornplessivo di lire 10.240, attuall € 5,29, ex art. 51, co. feU, c} del Tuir,

Le Parti concordano di attivarsl affincM in tutti gli Organism i bilaterali prssentl sui territorio nazionale (Casse Ed iii, Seu ole Ed iii e CPT), nei lim iti previs ti d egli Accord i n az ionali, ven ga asslc u rato I' acces SO de lla rappresentanza delle Associazionl artiqiane,

\4:0

iLl

1/

pagina 39 di 43

23 luglio 2008

- _ .. - _. - . __ ..... _._--

_ .. - -_ ... _-

..... _--

Accorco ai Rinnovo ceNL ediJizia arligianato

PROTOCOLLO SUGU ORGAN ISMl Bj LA TERALI

Le parti, preso alto delta cres cita occu pazlc n a Ie e prod utt iva del setters cne si e ve rrficala neg I i u W m j an ni, tenure conto della collaborazione e della condivisione degli intenti tra Ie parti medesime, concordenc nel proseguire nel percorsa rntrap-eso, .::II fine 01 ottenere nsultan un portanf soprattutto nella lotta centro il lavoro irregolare e nella promozlone della slcurezza slil lavoro.

Per tali ragioni e per rendere concref gli oblettivi di cui sopra, il presente Protocollo pone quaf argomenti fol'1 damentat, 9 ia a m piarnen te trattati e og getto di 11 urn eros i accoroi, fa form azione, la sic u rezza s uj I u a gh i dj lavoro e il ruolc che attorno a tali capisald, devono svoigere glr organismi paritetici, sla at livelro nazlonale che tsrrltorlale,

Occorre proseguire nell'analisi e nel contrasto al fenorneno degli infortuni sui lavoro, a quetto del lavoro i rreqolare, te n end 0 ben presente la Sem pre rn a ggiore pre senza d i r avorato r'l st ra nien (com u nnan e non) sui terntorlo nazlonsle.

In tare ottlca dlventa tondamentale il ruolo che deve assurnere ir sistema delle relazloru industriali e della concertazlone tra Je part! sociali, quale unico strumento in grado dl svolgere un'azlone determinante nel raggiungfmento degl"l ob'lettivi voW alia crescita e allo sviluppo del mercato del settore.

Non bisogn a d imenticare I' i m porta nza di alcu n r deg I i ob ieWvr fond a menta I i 9 i a perseg u fti neg I i u It i rn i tern pi daile parf sociali deWedWzia soprattutlo in tema di regojarita ccnfrlbutlva, grazie aJ Durc, nonche in terna di sviluppo degii orqanisml parltstlcl {Formedil - CNCPT - Casse Edili), rlsultat) quest"! cne, nel dare un forte slancio al settore, hanna significalo anche un importants precedsnte per tuttj gJi altri settorl dejla prod uzione.

E aitri ancora SOIlO stat. i temi sui quah re part] scciall dell'edilizia hanno mciso sulle decisionl degn organi or Govemo, quali I'abbligo di ccrnunicazrcne delle assunzjoru da assolversi " giorno prima della medesima e del cartel I i no d i riconoscnne nto,

Le partj sottcscritte rilengono di dover ccntlnuare nel percorso lrurapreso. nell'ottlca df incerfrvare r'accesso al settore, air' avang uard la pro p rio graz ie a r costa n te dia logo tra fe parti sods Ii, an c he per cia che concern e il possesso d i tutt i q lJei req uis i ti necessa ri per una parteci paz ion e corretta e com petitiva s IJI mercato.

E necesserro perta nto p roseg u i re con 'a consapevolezza ch e una b uona e COs mntlva rete d i rei azlo ni lndustriall. quale e stata quella lm prcntata sino a questa memento, rappresenta Is chiave di volta ner raggiu n 9 i mento d egjj 0 bjettrvi preflssaf per la c rescita del settore delle cos truz ion f.

Formazione

La pa rtf. eon riferi menta alia form azlone cent i n ua per i la vo ra to ri de I setto re, con card ano d i istitu i re otto ore annue di formszione, COil particolare rrguardo alia sicurezza sui lavoro, da effettuarsj presso l'azienda 0 pres so le Sc u 0 le Edili, 9 Ii enti bilateral i pe r la formaz lone, co n certlflcazi 0 ne della fo rm azlon e es pleta ta, attravers 0 I' u@zzo d ei fjM nziarn en fl de riV8J1 tl da I contn buto del lo 0, 30 % pe r la to rrnaztone contin u a p revisto d a lla vi gente norm atlva,

A questo fine Ie parti sono impegnate ad .ntraprendere un'azrone comuns nel confronti di Fondartigianato affinche jj contributo di cui sopra, d"1 pertinanza delle impress edilj, sra pienarnente utilizzero dal settore.

@ lsfltuzione deUa Borsa del Lavoro del Settore delle Costruzioni

Le parti soclafl, concordano di riconoscere agli organismi bjlateralt per ta forrnaztone, un ruolo forKfamentale e attivo nena gestione e jmplemefltazione dell'incontro tra eomanca e offerta dj Javcro.

AI tal fine e nell'intanto di predisporrs un sistema che possa effettivamente rispondere aile esiqenze del mercato e deJ settore, je parti convsnqono di istituire, entre un mese dslfa scttoscriztone dell'accordo di rill novo del cent, una commlss.one tecnica p~"llefica che S'I occupera de!r anahsl e delle studio del sistema scrsa t.avoro nell'ediiizra, su tutto il territoric nazlonsie.

La sudd etta Comm ission e d 0\1 ra st u d iaf8, oar fi ne dj pro po r{e soju zio ni CO ncrete e adeg uate a istit u 're un sjstema effrcace che tenga canto delle peculiarJta del settore e che s"la volta alia reaf,zzaz"lone 01 specitich

frnalit";;; ~r'l ~7 /' . /f

pagina 40 oi 43 f\: <i:r, ~~. 23 I"glio 2008

ACCOrdo di Rinnovo CCNL ed;lizia arligianafo

» favorire la circe lazion e delle informaaion i tra ja vo r atori disoccupati 0 moccu p at i e im prese del settore sulle opportunlta lavoratlve e sulle offerte formative, con Jo scope di favorire l'tncontro tra la domanca e I'offerta dl lavoro, mediante l'lstltuzione presso clascuna Scuola EdHe 0 ente bHaterale per Ja rormazione di una banes dati del lavoro lnfcrmafizzata e collegata alia Borsa lavoro, a cui affluiscano i curricula dai lavorato ri e Ie offerte l.avorative dene i m pres e ed iii ~

" fo rn i re as si stenza aile jm pres e in relaz ion e a i b isog n i form at iVj e occu paz ion a Ii; »- tavo nre I' 0 r ientam entc della ri c hiesta-orterta di iavo ro de i s u ddeUi lave ra torr;

> pred is porre e attivare standard rn i njm i e m is u re atte a ce rtifica re i crediU form ativi:

'j> prornuovere acccrci mirusteriall volti ad attivare la rormaztone all'estero ed if collocamento dei tavoratori

stranierj ne I settore ediie_

La Com m lssione dovra i noltre prevedere un sis tern a C h e fe rm 0 resta nd 0 Ie a u to rlzzazlo ni prey iste da parte del Ministero competente e, sulla base delle firLslita sopra descritte, preveda:

:lr l'assunzlone, da parte del F ormedj e d egfl orga{1tsml bilateraf terntona] per Ja torrnazone, di un ruolo atnvo all'lnterno def proqetto volto a tavorire 10 svlluppo dell'occupazione e I'incontro tra la dornanda e I' offerta d i lavoro, attraverso ir sistema d i a utorizzazione p rasso fa com petente P.A;

:y I a posslbmta, per Ie im prese in reqola con la COil triouzione contrattu a Ie alia C assa Ed i Ie (Ed i lcassa) di COns u ltare d lrettarnen te i cu rricu la de i I avoratori in cerca d t occupazlone e d i pu b blica re a I contem po Ie proprie offerte 01 tavoro pressc grl sportelh cosntuit: pres so re Scuole Edili ~ presso gH entl bilaterali per Is form azione:

);0 la possibilita per Ie pe rsone in cerca dl la vo ra d i co nsu ltare 9 ratu ltarnen te je offerte di favoro delle

imprese acerenf alia Cassa Edile (Edilc;:lssa) in modo da peter prospettare le proprie candidature.

L'entrata in vigore del Sistema Borsa l.avoro nella costruzioru e prevista alla scadenza del prime armo di vigenza de! presents contratto. A tale fine, 30 giomi prima di tale data, Ja Cornrnrssione presentera aile partl 10 studio effettuato, contenente anche te rnodallta con Ie quall si lntsnde approntare il nuevo istlfuto.

La vo ra tori Mig ra nti

III considerazicne del costante aumento del fenomeno migratorio nel nostro Paese, sl ritjene necessario dover affro ntare ta Ie tern at lea so prattutto a lla I uce diu na previsions che co n te m pi i un ruolo attivo in ta r s e nso da parte del F 0 rrt1ecfli e deg I i org a rusm i bi!aterali pe r la fo rrn at ion e.

le parti sociat, infatti, consapevoli delle problernatiche connesse aile differenze linqulstlche, cujturatl nonche aHe problernatlche legate all'integrazione socio-lavcranva dei soggetti di cui trattasl, stante la rlpercussione nell'ambito del javoro regoiare e del fenomeno lnfortunistico, convenqono di costhuire una apposita Com m lssio n e pa rite-tica per defi n ire prog etti volti a:

& razlonalizzare e incrarn ertare la Iorrnazione preventiva ne"1 paesi d' oriqine dei lavorator'l mjgrantr;

• attuare corsi di lingua ltallaoa e formazlons speclfica dsdicata presso enti pubblrci 0 presso Ie scuore Ed i If e 9 I i entl bilate rali pe r ta form azione:

- attuare i program mid i formazone interc ultu ra 'e fi nalizzaf s ia al mig lloramento cena co m u nicazione tra Ie varie etnie, che al migliorameflto del nmzionarnentc del cantiere.

La Comrmss.one, medlante un costante mOflitoraggjo del fenomeno, dovra favorire tutte Ie inlzlatlve in tali ambiti che permettano la soluzione det problem i di integraz~one societe dei lavoratori migrcll1ti, a partire dai preble midi organ izzazl 0 ne del cant iere. m en sa, ca lenda rio ann uo, cas a, serv iz i.

II Form edil dovra d eterm inare. en tro ir 31 dicern bre 2008, un pia no dial ion i che realizzi: - la possfbWta di fornire corsi di aJiabetizzazione con mutuanzzaztone dei costi:

la raziona llzzaz: One e Ie si n e rg i e delle in iziatlve dei sogg etti pe r fa form azion e preve ntiva n e i pa esi di orig"lne de! lavoraton emjgranfl:

- l'artuaaione del prognllmmi di formazione intercLJlturale"

r"-"

,

pagina 41 di 43

23 luglio 2008

jJ

La central ita de I ru 0 10 svo I to d a II e ca s se ed iii s u tutto i I te rritorio 11 az iona Ie, q uaie ente percatto re d egfi accantonamenf delle diverse prestazlor» dOl riconoscersi ar lavoraton impegnati nel settore, quare ente

e rogatore di m 0 Ite p I ic i p restaz ion l, nonch ~ qua I ~ Ente deputato a d em ettere rl D U R C, co m porta necessaria men te 1'0 b b'ig 0 d i po rre forte atte I1zio n e sui reg 0 lare svolg i men to di t utte I B attivita dell e s i ngole Casse, amncM venga nato un forte im p u lso ai p rfncip i d i reg 0 larita e d j tras pa renza,

In 01 tre co n I' i n trod uzlon e d er d ccum e n to u nico d i reg 0 larfta contri but iva - 0 U R C - e con I' eve I uzio ne della

(Jj norm ativa i 11 materia di fegola rita del rapporto d i tavoro, d i sa I ute e si cu rezza d ei lavorato ri gii e nti b iiatera I i a cq uisisco n a com pete I1ZS- n uove e, in parte d i natu ra pu b blicistl eel"

Permane poi l'esistanza di sltuazlom diffe(enziate a livello terrttortaie riguardo aaauuaalcne degli accr;x-dj colleWvi s ug I i enti bi lateralj,

Considerato i! comune interesse a valorizzare gli strumenti deJia bilateraljta adeguandone la missione, Ie

str1J ttlJre e re regol e d i fu nz i 0 namefl to a i n uovi co m p iti ed aile prospettive soci O--eConom iche del s ettore Ie ~

pagloa ~43 W --F ~ ~Lj/ 31"911D 20?8~

f,·

Accordo di Rinnovo CCNL edifizia arligianato

Sistema Bilatera Ie per la Sic u rezza

Ai la I wee di qu a nto fi nora esposto e dell' i m po rtanza, in un settore q ual e que II 0 dell e cosuuz ion i, del te m a de Iia sicu rezza sui tavoro, nonch e alia. lu ee de i race nti intervsntl leg isjativi in m ateri a G he, se bbefl e non ancora pienamente esecuuvl, hanno contnbulto a dare forte rFlievo all'arpcrnento, puntando su una forte s ansioi IrzzClzione derle partl coi nvo Ite net ra pporto d i lavoro, no n che dell e pa rf socia I i rn ed esirn e. q ueste ultime ritellgono fondarnentale rafforzare 10 strumento della bilaterallta e il ruolo dei Comitati Paritetici te rritori a lie dell a C NC PT.

Le parti sccia I i Co n co rda no pe rta 11 to did a re n uovo slanc io a tali E nti, aHivan d os i per la lore cost ituzion e nel territori non copertl e attri b uen d 0 un ru 01 0 d i su pervisio nee d i i nd irizzo deg I i stes si all' ente istltuito al I ivellQ nazlcnale.

In tale ottica spettera ana CNCPT verificare:

i com piti e Ie funz i on i pro prie dj cia SCU n Com itato Pa ritetico Territor iale; i I reale fu nzlo n a m ento d i clascu n Com itato P arltetlco T erritori ale:

Ja COngfUjta delle rlsorse spertann a ciascun Ente sulla base del reaie fabbisogno e dell'aUivita che il rn edes i m 0 si ap presta a svo Igere:

la com petenza dena struttu ra tecnica 0 perante all'interno de i CPT, pred ispo nen d 0 un sistema d i controJii volti a garantire Ie reali ccrnpetenze e prafessionaiita dei medesimi.

I' adozi 0 n e da parte de i CPT dello statuto ti po.

T ale aftlvita potra essere rea I lzzata a nche attravs rs 0 un prog ram ma d i i ncontri al I ivello reg ion a Ie che, se da un lato halo sec po dim 0 nitorare costar! ternente I' attiv ita deg IE en. ti te r rftoria Ii, affinche ris po nd ana aile rea I i esigenze del settore, dall' altro deve es sere fi n al izzato a I mig I iora men to deW 0 pe rata m edes imo e alia sua omoqenelzzaalcne al livello reg lonale.

Sistema di qualificazione alia sicu rezza dei nuovi imprend itori edili

le parti, considerata la volonta comune e condivisa di reqolarnentare l'accasso al settore dell'edilizLa, attlverannc un confronto per definre j contenuti di una proposta per contribuire in sede parlamentare alia definizione di una normatlva in materia.

A tal fine sara costituita una Commissione che, inoltre, in attesa della emenazlcne delJa norrnatlva ~n rtinere. nell'oltica del persequimento degli ooiettivi di slcurezza sur lavoro studi la possibiliM: e Ie modallta cl c reaz iane diu n sistema che pos sa co ntri b u ire a qua I ifica re i I1U ov i im p re nd ito ri su i te mid ella sicu re.zza e in terrnint Ol aggiornamento prcfeesionale.

A tal proposito, ortre al sistema di formazione nvoito princlpelmente ai ravoratori, Ie parti sociali ccnvanqono di prevedere apposlt' corsi di forrnazlone prevennvl in materia di slcurezza, com prensivi anche dt un esame fin a Ie, rivoltl ai nuovi i m prenditori c h e accedcnc a I settore edjle_

Le parti lnoltre propongona l'istituzione di un sistema di corsi di tormazlcne/aqqornamento perlodicl cui potran no parteci pa re 9 Ii i m pre nditori edi I i stessj e a I te rm i ne de i q uali sara ri lase lata una ppos ito attes tate d i q ualiticazione.

Enti BiJaterali

Accordo di RinnOvO CCNL edfljzia artigiana/o

parti co n co rdano d i attivare i m med i atamente un centro nto s u II' ins i e m e delle te mati che della b i latera I i ta, con partico I are rig uardo a Iia \I aJ utazione dello stato d i attuazione e d 8i conten uti d e.g Ii accordi preg ressi in materia,

Le P arti rico n fe rm a ndo q uanto p revi sto aJ I' u ltlmo com m a den' a rt. 43 del CC N L del 1 otto bre 2004, concordano d t i nd ivid uare presso la eN C E, la sede pri 0 rita ria di i nco n tro de I Com ltato d ell a BjJateralita in materia di 0 u rc, un S vo Ita che ta Ie p rfnc i pio s ia state receplro da ff' i ntero s istem a contraUuale de lie costruzion i.

Cartellino di riconoscimento

Nell'ottica di rencere plu omogenea la norrnativa introdotta (L, n, 24812006 - art. 36 bls) con riguardo allo strumento del cartellino dr riccnoscimento dei lavoratori, oggi esteso dalla L_ n. 123/2007 in tema di slcurezza a tutti L lavoratorl impegnati in appalti e subappaltl, fe parti sociali dell'edilizia concordano nerrattribuire alia CNCE l'[ncarico di predtsporre il madelia del medesimc. che dovra essere acottato da tutti i d atori d i lavoro a peranti sui territorio nazi 0 rial e e co n te n.ente tutti i dati 9 i a ind ic ati da I M i nls tero del La voro qua ll elern enti essenz iali.

Resta ferma la facolta aJ J ivello territorlale di forn i re diretta mente Ie lrn p rese edili del predetto tesseri no d a parte della Cassa Edile (Edilcassa) cui sana lscritte 0 da parte delle orpanlzzazicnt datoriali di appartenenza.

/ /

paqlna 43 di 43

23 luglio 2008