Sei sulla pagina 1di 82
Hi tise Marco FRIsINA esurrexit Canti per le celebrazioni del Tempo Pasquale e delle Solennita EDITORIALE AUDIOVISIVL MARCO FRISINA. Nato a Roma nel 1954, dopo gli studi classic’ si é diplomato in composizione al Conservatorio di Santa Cecilia. Ha compiuto gli studi teologici presso la Pontificia Universita Gregoriana conseguendo poi la licenze in Sacra Scrittura al Pontificio Istituto Biblico. Ordinato sacerdote nel 1982, svolge il suo ministero nella Diocesi di Roma. Attualmente & Presidente della Commissione Diocesana per I'Arte Sacra ed i Beni Culturali, Consultore del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e Rettore della Basilica di Santa Cecilia in Trastevere. E docente presso la Pontificia Universita Lateranense e presso la Pontificia Universita della Santa Croce. & anche Accademico Virtuoso Ordinario della Pontificia Insigne Accademia di Belle Artie Letteratura dei Virtuosi al Pantheon, di cui & Assistente Spirituale. ‘Autore di numerosi canti liturgici conosciuti ed apprezzatiin Italia e al estero, nel 1984 ha fondato ~e da allora diri- ge ~ il Coro della Diocesi di Roma, con il quale anima le pit importantiliturgie diocesane, alcune delle quali pre- siedute dal Sento Padre, Dal 1991 & anche Maestro Direttore della Pontificia Cappella Musicale Lateranense. Nello stesso periodo ha avuto inizio la sua collaborazione al progetto internazion: Rai "Bibbia® sia come consu- lente biblsta che autore delle musiche del film prodotti. Otre al "Progetto Bibbia”, negil anni ha composto le colonne sonore di molt film a tema storico e religioso. Ha composto oltre venti Oratori sacri ispirati a personaggi biblici o alla vita di grandi santi, le maggior parte dei quali sono stati scritti ed eseguiti in occasione della annuale visita del Santo Padre al Seminario Romano Maggiore. Accanto 2 queste composizioni, meritano di essere citati altri tre oratori sacri: “Cantico dei Cantici” scrtto nel 2009, “Passio Cascilza” del 2011 e "Paradiso Paradiso” eseguito nel 2013 al 56° “Festival dei Due Mondi” di Spoleto. Nel 2007 ha composto lopera teatrale “Le Divine Commedia”, prima trasposizione musicale dellfomonimo capola- voro dantesco, Nella stagione 2009-2010 & andato in scena il suo secondo lavoro per il teatro: “Il miracolo ai ‘Marcellino”, ispirato al rorianzo di Jos® Maria Sanchez Silva “Marcelino Pane e Vino”. & anche autore delle musi- che di “In Hoc Signo”, rappresentate a Belgrado nel 2013 in occesione del millenario dell'Editto di Mileno. Da anni porta questa sua esperienza di sacerdote, musicista e docente in moltissime Diocesi italiane ed estere, wwe marcofrisina.com ‘CORO MUSICANOVA. Fin dagli esordi concertistici, 1990, il coro Musicanova si caratterizza per una scelta molto varie del repertorio che, pur privilegiando musica rinascimentale e contemporanea, propone in concerto generi che spaziano dal medioevo alla musica pop. Lrattivité concertistica ha portato il coro ad esibirsi, oltre che in Ital, in Danimarca, Financia, Grecia, Svezia, Spagna, Ungheria, ottenendo riconoscimenti e premi in alcuni fra i pitt importanti Concorsi internazionali coral: Tours, Maribor, Marktoberdorf, Cork, Gorizia ed Arezzo. Nel 2008 il Musicanova si aggiudica il 1° Premio al VI Concorso Internazionale di Miltenberg (Germania) ¢ nello stesso anno & ospite del Festival di musica sacra di Avignone. {A|45° Concorso Nazionale di Vittorio Veneto il Coro Musicanova si aggiudica il "Gran Premio” quale miglior coro dell'edizione 2011. Nel 2012, al Concorso Nazionale di Anguillara Sabazia, si aagiudica il 1® premio e il premio spe- ciale Rinascimento, riconoscimento assegnato al coro anche al 60° Concorso Internazionale Guido d'Arezzo. II core Musicanova ha dedicato alla musica popolare uno studio mirato dal quale @ nato lo spettacolo "Roma che in... canta” originale rappresentazione frutto della commistione fra musica corale e teatro. Collabora frequente- mente alle produzioni musical di vari artisti, Ennio Morricone, Andrea Guerra, Marco Frisina © ha partecipato ella realizzazione di CD dei cantanti Mina, Bocelli e Branduarci. La discografia del Musicanova, rispecchiando il gusto eclettico del coro, comprende il CD d'esordio “Deveribest” (1999), “Hee dies”, con inediti composti e dedicati al Musicanove (2001), la “Misa Andina” (2003), gli “Haiku” (2004), “Whiteinblack” (2006) “Polifonia Antica” (2009), “Singing Christimas” (Erretfe 2011) e Voratorio "Passio Cocilize” di Marco Frisina (Brillant 2013). Nel 2013 il Musicanova realizza diversi progetti di notevole valore artistico: concerto di apertura al XXIV Concorso Internazionale di Verona, esecuzione del Requiem di Mozart ¢ Vnvito alla XXX edizione del prestigioso festival inter- nazionele Voci d'Europa di Porto Torres, Sardegna, Molto impagnato sul fronte della diffusione della coralita trai glovani, il Musicanova realizza collaborazioni con varie scuole romane, dalle quali provengono la maggior parte dei propri cantori Direttore artistico dell’Associazione Musicanova sin dalla sua fondazione & Fabrizio Barchi, titolare della cattedra di Direzione di coro per Didattica del 1993 presso il Conservatorio di Campobasso. Tiene frequentemente corsi sulla coralita giovanile, sulla vocalita e sul repertorio corale. ‘worw.coromusicanova.it DSP, Roma 2014, Tui crit serv E RISORTO! II grido gioioso della Chiesa risuona nella notte pasquale e risveglia nel cuore dei credenti la speranza. Cristo risorge dal sepolcro, vittorioso sul male e sulla morte, € con lui risorge ogni uomo che si é lasciato abbracciare da lui nel mistero della Croce, lasciandosi amare e perdo- nare. Il mondo, con le sue contraddizioni e le sue meschinita, & vinto ai suoi piedi, mentre i Signore si erge trionfante, glorioso nelle sue ferite, come trofei splendidi della sua vittoria. A Pasqua la Chiesa canta questo trionfo e lo canta insieme a Cristo. E la nascita dell'uomo nuovo, linizio della nuova creazione liberata dalla morte, & il canto dei figli di Dio che vedo- no finalmente svelato Risorto la vita del nuovo Adamo: la nostra vita nuova. | testi pasquali della Liturgia ci invitano all’esultanza e allo stesso tempo alla contemplazione; Vesultanza per la redenzione attuata e la contemplazione del volto di Dio che in Cristo Risorto risplende di bellezza e di gioia. Sono questi i due elementi fondamentali della preghiera pasquale e I'uno deriva dall'altro: infatti, la contemplazione de! Mistero della Redenzione fa nascere in noi le gioia e nel contempo la gioia pasquale @ tutta luminosa, piena di pace e di commozione e ci porta a guardare in alto verso il cielo e nella profondita del nostro cuore, dove troviamo i prodigi che lo Spirito Santo produce in noi per la grazia della Pasqua. “mistero nascosto nei secoli", che possono contemplare nel corpo del Tutto questo si percepisce nelle musica dei brani di questa raccolta: la gioia e l'entusiasmo si alternano al raccoglimento adorante e alla preghiera affettuosa e stupita, il tripudio si alterna alla contemplazione e muove il nostro cuore all'amore e alla gioia. | testi utilizzati sono quel- li proposti dalla Liturgia Pasquale, ai quali & stato aggiunto il Salmo 23 "Dominus pascit me” il canto eucaristico “Adoro te devote”. Le parti dell'Ordinario sono tratte dalla Messa Vill "De Angelis” realizzata in forma dialogata, nella maniera classica della tradizione musicale polifonica, owero alternata tra canto gregoriano dell’ Assembiea ¢ polifonia della Schola. La presenza dei canti eucaristici vuole sottolineare il legame fortissimo del sacramento dell'Eucaristia con la Pasqua. II corpo eucaristico di Cristo @ la presenza vive del Risorto in mezzo a noi; attraverso questo Pane del cielo noi diveniamo Chiesa ed entriamo in comunio ne con Dio ¢ tra di noi realizzando il progetto di salvezza. Le difficolta di esecuzione sono diversificate: vi sono brani pit! difficile brani pit: semplici, pensati per cori diversi, sia per quelli parrocchiali che per quelli piti esperti ¢ impegnati. Tutti i brani potranno essere valorizzati anche come meditazione e ascolto, per aiutare la preghie- ra personale e dilatare il nostro cuore dinanzi al volto de! Risorto. Che la luce pasquale possa penetrare sempre pill profondamente nel nostro cuore per cam- biare la vita e per accrescere in noi I'amore per Cristo e per i fratelli Mons. Marco Frisina INDICE HAEC DIES pag. 5 KYRIE (De Angelis) Missa Resurrexit pag. 17 GLORIA (De Angelis) Missa Resurrexit pag. 20 RESURREXI pag. 32 SANCTUS (De Angelis) Missa Resurrexit pag. 41 AGNUS DEI (De Angelis) Missa Resurrexit pag. 45 ADORO TE DEVOTE pag. 48 DOMINUS PASCIT ME Psalmus 22(23] - mottetto a 6 voci pag. 62 CANTATE DOMINO CANTICUM NOVUM pag. 73 © FSP, Roma 2014. Tut ids iserval HAC DIES Musica di Marco Frisina 1 deat Organo’ le ~ Iu-i, al Do minus. di'=es quam | f - cit Do=mi-nus. di - es quam Do - mi-mus, ~ tu-iajal-le - hu AL + le = lu-ia,al-le xul -| te = mus et = ome AL = le = Iu-faal-te om le - fui, alle le ~ Iai, alte © FSH, Roma 2014, Tul | dit served 6 saa tia | ~ a - - © te Wueiaal-te = Wu-igal-le + On: di - es quam | fe - cit dies quim |fe - cit di ~ es quam -es quam fe - it : + les lusiaal-le - 44 Org, Povo - ti + te = hieia,al-te fe = Invi, ole le = Ia-ia,al te fle re, Ma] si le - Iu-in, alte SP, Roma 2014, Tut | dit rservath = es quam Fee ai es quam B eovonns wows fe + cit Do- mi-mus. Al < In-ia,al-le | ~tu-ia,at-te | Inia, alle - alcle - 9 FaDie sur | AT te - mus et fe = ms et xul-te = mus ct le + te = omur AL no bis, Ma =) i Ie = Iu-igal-te mut, AL = le e-Weigalle = m= ia a4 Inia, al le Inia alle ©-FSP, Roma 2014, Tut jdt eservath quid vi-di-sti in : + ha-ia, alle di - es quam ci + Tes tasiggal-le - Do - mi - nus. Hee di- es quam fe - cit Do-mi-nus. Al - le-fuigal-le- w= ia B eoncnnenroousa Je = lusigal-te =| mun A= te =| 1 mur Alle -| Iu le -igal-le = ad = hui al + tus iggal SE, Roma 2014, Tut dl iserval 2 © FSP, Roma 2014, Tt iit sservah Je - hu-ia,al-le =| tw le - tu-ia,at-le 4 ta darian et [ve - Te hiinal-te | ta Je - Iu-ia,al-le Ie = Iu-ia,al-le Do - mi ~nus. di = es quem : conowneavorousm mus |et le - te - | | mide sm a ie fe mul | te - muse Org: FsDe — se-pul-oro sur -| re Ore, le = huis, alte lo ~ luis, al-le a4 Je = tua alte le weigal-le - le = fu-ig, alle le - Iu-fa,al-te © FSP, Roma 2014. Tui i dirt seat 14 -lu-fajal-le | -hn-iaal-te | + cit Do-mi-nus. | AL - e-tu-ia,al-le ~ cit Do-mi-mus. ~ cit Do-mi-nus. ~ cit Do-mi-mus, . ~ nnn 1S et le te-mur, | AT = le lucia, al-le -| I Je Iu-ia, alle tu = mur Alle -} ta ia, alle + tu mus et Te te le Iu-ia, alle «| tu le-te = mur Al - Te-lusiaalle - iu 7 le- Inia, alle ~ ta ad HAC DIES Testo dalla Liturgia, elab. Marco Frisina Heee dies quam fecit Dominus. Questo @ il giorno che ha fatto il Signore. Alleluia, alleluia. Alleluia, Exultemus et leetemur. Alleluia. Esultiamo e rallegriamoci. Alleluia. 1. Lapis revolutus est - Alleluia, alleluia 1. Lapietra é stata rivoltate Alleluia. ab ostio monumenti. Alleluia, alleluia. dall'ingresso del sepolcro. - Alleluia 2. Noli flere, Maria: - Alleluia, alleluia 2. Non piangere, Mar - Alleluia. resurrexit Dominus. _- Alleluia, alleluia. il Signore & risorto. Alleluia. 3. Dic nobis, Maria: Alleluia, alleluia 3. Raccontaci, Maria: - Alleluia. quid vidisti in via? - Alleluia, alleluia cosa vedesti sulla via? - Alleluia. 4. Angelicos testes, Alleluia, alleluia. 4, Gli Angelici testimoni, + Alleluia. sudarium et vestes. . - Alleluia, alleluia. il sudario e le vest - Alleluia. 5. De sepulcro surrexit - Alleluia, alleluia. 5. Erisorto dal sepolcro ~ Alleluia. quiin Cruce pependit. - Alleluia, alleluia, Colui che fu appeso alla Croce, - Alleluia. 1 giomo della Risurrezione @ i! “primo giorno” della nuova creazione. Tutto & rinnovato dalla luce che splende in Cristo Signore. I! suo trionfo sulla morte fa sgorgare dal cuore dei credenti 'alleluia pasquale. Nelle strofe i tenori propongono i misteri pasquali a cui il coro risponde “Alleluia”: @ fa Chiesa che con centusiasmo fa eco all'annuncio pasquale vibrando di gioia insieme al suo Signore. © FSP, Roma 2014, Tel sti 16 KYRIE (De Angelis) Missa Resurrexit Musica di Marco Frisina 1, ¢=70 ae Soprano| Contato Tenor Basso] i -|son. tg tAssemblea B cononws suow ati Chri | ste. Chri-ste, Chwi-st, ef + Tesi-son. ar, Hasemblea Christe, desi son, vat ty +Assemblea eget eee eee -i+|s0n, KYRIE (De Angelis) Missa Resurrexit Testo dalla Liturgia Kytie, eleison. Signore, pieta. Kyrie, eleison, Signore, pieta. Christe, eleison. Cristo, pict’ Christe, eleison, Cristo, pieta. Kyrie, eleison. Signore, pieta. Kyrie, eleison. Signore, pieta. La Messa Vill "De Angelis” & la pid popolare delle Messe gregoriane, ma non é una delle pitt antiche. Eppure le sue melodie continuano a far pregare il popolo di Dio e risuonano in tante parrocchie e basi- liche del mondo. {mn questo brano, come per gli altri brani della Messa, la melodia gregoriana é sempre presente, non solo nelle parti dell’Assemblea, ma anche in quelle polifoniche. Nel "Kyrie" Vinvocazione “Signore, peta” s‘innalza verso Dio di volta in volta in modo accorato, oppure con pacata dolcezza. Peonoane moons GLORIA (De Angelis) Missa Resurrexit Musica di Marco Frisina Joma Glo-ri-a in ex-cel-sis De - o. ni-bus, Org, {© FSP, Roma 2014, Tut dt sserval vo lun mi - ni-bus bo-ne vo-lun = ta tis, bo-aevo-lun = ta - == tis p27 sAssemblea Lau-da- mus te, be = ne -|di - of = mus Poe -ne = di - ci = mst - ne die - iw te bene - di = ci - fms te ae cis mms te, ds cia te be ne gai rust, EDITONALE AUDIOVisNI ' 9, I= sassemblea jeu 8 A-do-ra - mus__ te. ies i-fi -ca-mu Fotoei-t-ca-mus fe, F io-ri-f1-canmus |te, lalo - i = [4 f Glo-ti-fi-ca-mus te, glo - ri =~ carmas |te, oo" +Assemblea = ho AE ° He ——— SS =; + f et : 4. | é& SS SS = S55 yom 22s, atic sii i See ==t = = iW Be = JS — S54 De-us, Do-mi-ne [De - wf Do-mi-ne De-us, = om = = nk = po = tens,De-us Pater om - nl - = = = po = tens, rome Eee HE ean eet Poteet ee tens, 11, I-60 +Assemblea d=56 | Do-mi-ne Fi-li u-ni-ge- P Do-mi-ne De | | i | on _ FSP Rema 2014, Tut jdt riser A-gnus De = Fi 2560 sdssemblea Qui tol - tis pec ea - ta mun ~ B eroane morons lis pee -}ea - ta man Bil Bull tl - + tis pesca = @omm Poi se By Bull wos we no > += bis, - we-re no | bis, mio = sere re no = Bs 26 Ors, 4 Tt lit sera ins, 4= 60 sessemblea Qui tol-lis pec-ca ta mun - di, s-ci-pe de-pre-ca-ti-o-nem_ no Fai we = de ad de ome am Be te missesresre ono = = ~ bis, mi-se-re- re ome ~ bis sencatl Bx fORIALE AUDIOMSIVI as, 1.60 +Assemblea Quocniean tu so-Iis San ens Pita so-ts PlTw —so-lus [Do ~~ mi-jaus, Do - P| Tu so-tus [Do = ami -fous. P tu so-lus Do - imi - nus, 1, 1-60 +Ascemblea [Tu so-lus AL - tis - si-mus,— Ie - su_Chri-ste, F cum san = cto Spi = vi - Yeu Sanco Spi-si= tu: in gov ica Devi Pa = cum San = to Poe os ee in glo - viva |De-i is, in glo - ria |Do-i Pa - tis, Scum S00 - eto Spi = - |r in glo - iva [De-i Pa in glo-ri-a |De-i Pa- is, in [glo - sia De-i Pa - Org, © FSP, Roma 204 Ti isi sora 30 —-— GLORIA (De Angelis) Missa Resurrexit Testo dalla Liturgia Gloria in excelsis Deo. Et in terra pax hominibus bone: voluntatis. Laudamus te. Benedicimus te. Adoramus te. Glorificamus te. Gratias agimus tibi propter magnam gloriam tuam, Domine Deus, Rex caelestis, Deus Pater omnipotens Domine Fili unigenite, lesu Christe. Domine Deus, Agnus Dei, Filius Patris. Qui tollis peccata mundi, miserere nobis. Qui tollis peccata mundi, suscipe deprecationem nostram. Qui sedes ad dexteram Patris, miserere nobis. Quoniam tu solus Sanctus. Tu solus Dominus. Tu solus Altissimus, lesu Christe Cum Sancto Spiritu: in gloria Dei Patris Amen. Gloria a Dio nell'alto dei cieli pace in terra agli uomini di buona votonta, Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore, Figlio unigenito, Gest Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre; tu che togli i peccati del mondo, abbi pietd di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pieta ai noi, Perché tu solo il Santo, tu solo i! Signore, tu solo I'Altissimo, Gest Cristo, con lo Spirito Santo, nella gloria di Dio Padre. Amen, "I “Gloria” che gli angeli cantarono a Betlemme diventa nella Liturgia un grande inno dove siamo invi- teti ad adorare e glorifcare il Padre, Re del cielo e il Figlio Gest! Cristo, Agnello di Dio, nostro Redentore, che trionfa in cielo nella gloria della risurrezione, nella luce e nell‘amore dello Spirito Santo, Ualtemanza polifonica con la melodia gregoriana diviene un'occasione per soffermarci un poco in con- templazione guardando al mistero trinitario e cantandone la bellezza # la “gloria” B conoun: AUDIOVISIVA RESURREXI Musica di Marco Frisina 1 J=84 Orgone Feces te-cum Fre sue re Sre- sue tre FRe-sur - re © FSP, Roma 2014, Tal dr servi - tive est scien scien = tia Mi - m- bi-lis & + ca ost J DITORALE AUDIOWISIVA | ia, atte-tw ja, ablelu = + | ia, alete-tu | I Alle-fu = ia, al-le- tu ™ Jen P, ‘Do - mi-ne, pro | ba-sti me | - cs LDo- mi-ne, pro 4 ba-sti_me ct co-gno-vi sti P LDo + mine, | pro-ba-sti me | et congno-vi- sti tu co-gno | vi sti ses-sio - nem et congnowvi - sti tu co-gno - vi - sti ses-sio - nem © FSP, Roma 2014, Tui i di servi 34 = |sur - ro-ctio = nee Pine - am, + sti ses-sio ~ nem et re-sur = re = fetia - nem, ( co-gno-vi~ sti ses |sio-nem me-am | et re-sur = re - fetio - nem, Sogoo - les -so-nem mean et cesar se «fio - nem, JZ I re xi et] avdhuc te-cum re = sur-re-ctio nem a a-dhuc te-cum a-dhue te-cum Ye-sur-w-ctio-mem ome = am Prosu re = xi et adhe te-com scien -ti-a ©FSP, Roma 2014. Ts lit icra fi-te = micni quo = ni-am bo | aus, = nica in = mi-ni Do- mi -] no— quo-niare bo P2.con - Fite © micni mn = se-ti-cor dia se > cutum ini - se-ri-cor dia 2 + cu-fum mi - se - ti cor-dia € quo-ni- am in se + culum mi - se - ri-cor-din € - ius, a-dhue te- eam oma 20 clit se =| = bielis f@ + ota lest scien -ti-a =| bi-tis f& ~ ota fest scien -ti-a a= biclis fa = cia est sclen-ti-a om 40 RESURREXI Testo dalla Liturgia Resurrexi et adhuc tecum sum. Alleluia, alleluia. Posuisti super me manum tuam. Mirabilis facta est scientia tua. Alleluia, alleluia. 1. Domine, probasti me et cognovisti me, tu cognovisti sessionem meam et resurrectionem meam. 2. Confitemini Domino quoniam bonus, quoniam in sascula misericordia eius. Sono risorto, e sono con te sempre. Alleluia. Hai posto su di me la tua mano. E mirabile la tua sapienza. 1. O Signore, tu mi scruti e mi conosci, tu conosci quando seggo @ quando mi aizo. 2. Confidate nel Signore perché & buono, perché nei secoli & la sua misericordia, L’antifona d'ingresso del giorno di Pasqua dice: “Sono risorto e sono sempre con te, alleluia”. & Cristo che si rivolge al Padre nella gioia della sua risurrezione e sale alla sua destra, tionfante e felice, dopo aver compiuto la sua volonta e aver redento I'umanita decaduta con i suo sactificio d'amore, Anche noi, che nal bettesimo risorgiamo con Lui nella gloria dei figli di Dio redenti, ci uniamo nel canto. In quel “Resurrexi-Sono risorto” ’é la nostra debolezza salvata dalla Croce gloriosa di Cristo. Nel ritornello, la melodia che si innalza pit volte verso V'alto, viene descritto il nostro elevarci in com- pagnia del Risorto verso il Padre. © FSP, Roma 2014, Tut dct Hisar Musica di Marco Frisina - Testo dalla Liturgia , dam Assemble Soprano = = San tus, San organo nf py dara te Ple-ni sunt 8 nf a dett0 c 1 Pl ple-ni sunt cw ‘oa Prteni sunt |ew-li et ter BI Peni sunt [on-t t er all ? esi sunt ce-li et P| tient on | | 42 cetit er = ra, ple-ni sunt ple-ni sunt |cw-li et ter - ple-ni sunt em-li et ter - 1a, © FSP, Roma 2014, Tut jit iservat ple-ni sunt | ew fi (et ¢ . ples Yo cell et ter al sunt exe et te ple ~ ni sunt ple-ni sunt ce-li et jter = 1m, sunt om-li et ri sunt Org, 4-74 sAssembea PP Be-ne-di - —ctus qui ve = nit in mo - mi-ne Do - mi - ni, 0, d=74 + Asemblea ie == == Pa ae 2p = SSS or = 7 = = SS ee ee er re : - ee ee My Re =. eae = = = —S4 = =| t Pee ¥ ¥ fr r T tr a ) Jj 4s Jd dd A} peas = = f f f BE Ze : i= f a—F =: ‘Sanctus, Sanctus, Santo, Santo, ‘Sanctus Dominus Deus Sabaoth. Santo it Signore Dio dell’universo. Pleni sunt ceali et terra gloria tua. I cieli ¢ la terra sono pieni della tua gloria. Hosanna in excelsis. Osanna nell‘alto dei cieli. Benedictus qui venit in nomine Domini. Benedetto colui che viene nel nome del Signore Hosanna in excelsis. Osanna nell’alto dei ciel. Quande cantiamo “Sanctus” 8 come se si aprisse una porta nel cielo che ci invita a salire verso il trone di Dio (Ap 4). In questo brano i! coro ci invita a guardare verso il cielo per innalzare a Dio il nostro tri plice “Sanctus”. Nella parte “Pleni sunt ceeli" i soprani cantano la melodia gregoriana su un fluire 0 note che come un ruscello di grazia scorre sotto di loro, alla maniera dell’antico “cantus firmus”, dove una melodia fa da base di riferimento ai diversi contrappunti cantati delle altre voci. i E if ___8 FSP Roma 2014 Tit sera AGNUS DEI (De Angelis) Missa Resurrexit Musica di Marco Frisina 1 dno Soprano Contato gnus_ De Tenore Bosso : - - gms De : i qui tol = tis pec -Joa- ta mun lis pec-ca-t@_ jmun = Assembles i, quite [tol - lis peo-ea= ta |mun ‘A-gnus qui | tol-is pec-ca lis pee fea = ta mun Pa. gous De i, quitol-lispec-ca = ta ‘mun : di M4, ‘tAssemblea Org, Bs cee ————— =—— + is pee = cain jun a + lis pee = ca-ta jun + dis A= snus De - iy qui tol = is pee - carta mun - _OFS?, Roma 2014, Tull dt riservat 46 Ore. su sat ar +Assemblea FP io ma m0 - bis pe com, Pp com AGNUS DEI (De Angelis) Missa Resurrexit Testo dalla Liturgia ‘Agnus Dei, qui tollis peccata mundi: Agnello di Dio, che toglt i peccati de! mondo, miserere nobis. abi pietd di noi. Agnus Dei, qui tolls peccata mundi: Agnelio di Dio, che toglt i peccati de! mondo miserere nobis. abbi pieta di noi. Agnus Dei, qui tollis peccata mundi, Agnelo di Die, che togli i peccati del mondo, dona nobis pacem. ears La litania dell’”Agnus Dei” & una preghiera ci preparazione interiore al momento della comunione ‘eucaristica. Siamo invitati a rivolgerci all’Agnello immolato per noi, per chiedere pieta dei nostri pec- cati @ delle nostre debolezze e purificare il nostro cuore avvicinandoci al suo Corpo santissimo, chia- dendo a lui il supremo dono della pace. Questa non é semplicemente I'assenza di confliti o di guerre, ma & dono di Dio che ci offre, con la sua presenza salvtica, ogni bene e gioia. Il brano termina con una supplice richiesta, riassunta in una sola parola: "Pace”. ADORO TE DEVOTE Musica di Marco Frisina Tenore LA- dorm te de-vo - te, que sub his fi - gue Ht | I tem plans Lvi- sus, ta - ous, = P 2Ni - sus, mone MORAL AUDIOVISI SI sot sa Cre a Cre = do quid ~ quia quid = quid sil hoe et hu = ma = oi © F5P, Roma 2014, Tut drt eiserati "Opin a, Ee 4.Pla = gas, si - cut Tho ~ SSS "Sei = aos, si = ew to - ma, 4Pla~ gas, si - cut [Tho = mas, De um men me = un fe cm + fi - te - Foo me obi bi ima ~ gis te spem ha Org, ____9 FSP, Roma 2014, Tut rt riser i | | 34 —______ | 54 ool 5.0 me-mo-ri =| su Org, s4 = a Org. Si Sols Ore, @ vos0xe soos Bok Org, sy sola sal On, d 56 9 FSP, Rema 2014, Tat | di riseval SI Solo sul Ore, s4 sats sa Ore. gui | stil Te sal - vam sy soto = tum mun = dum sal ‘mun - dum Org. | Soto sal 80, quem ve = da = tum munc as ii riser EP conoriaue auoiovisit SI Sola sa Org. t w OFSR, Roma 2014, Tut i drt sient ADORO TE DEVOTE 1, Adoro te devote, latens Deitas, quae sub his figuris vere latitas: bi se cor maum totum subiicit, quia te contemplans totum deficit. 2. Visus, tactus, gustus in te fallitur, sed auditu solo tuto creditur. Credo quidquid dixit Dei Filius: nil hoc verbo Veritatis verius. 3. In Cruce latebat sola Deitas, at hic latet simul et humanitas; ‘emo tamen credens atque confitens, peto quod petivit latro pzenitens. 4, Plages, sicut Thomas, non intueer; Deum tamen meum te confiteor. Fac me tibi semper magis credere, inte spem habere, te diligere. 5. O memoriale mortis Domini, panis vivus vitam preestans homini, presta mez menti de te vivere, et te illi semper dulce sapere. 6. Pie pellicane, lesu Domine, me immundum munda tuo sanguine, cuius una stilla salvum facere. ‘totum mundum quit ab omni scelere. 7. lesu, quem velatum nunc aspicio, oro fiatillud quod tam sitio Ut, te revelata cemens facie, visu sim beatus tuze glorise Amen. Testo dalla Liturgia (attribuito a S. Tommaso d’Aquino) 1, Tiadoro devotamente, 0 Dio nascosto, che sotto queste apparenze veramente ti nascondi; a te si sottomette tutto il mio cuore, perché quando ti contemplo tutto vien meno. 2. La vista, il tatto, il gusto in te falliscono, ma con il solo udito si crede con sicurezza, Credo tutto cid che disse il Figlio di Dio: niente @ piti vero di questa parola di veri. 3. In Croce ha nascosto la sola Divinita, ma qui @ insieme celata l'umanita; entrambe tuttavia credo e confesso, chiedo quel che chiese il ladrone pentito. 4, Come Tommaso, non vedo le piaghe, tuttavia confesso te, mio Dio. Fa! che fo creda sempre pil, che io sper in te, che io ti ami. 5. O memoriale della morte del Signore, pane vivo che assicuri la vita agli uomini, fai che la mia mente viva per te, e gusti sempre della tua dolcezza. 4. Pio pellicano, Gesit Signore, purifica me, immondo, con il tuo sangue, una cui stilla pud salvare i! mondo intero da ogni peccato. 7. © Gesii, che ora guardo velato, prego che awenga cié che cesidero: che contempli il tuo volto rivelato, @ tal visione io sia beato della tua gloria. Amen. 11 "ritmo" “Adore te devote" @ tradizionalmente attribuito 2 S. Tommaso d‘Aquino; probabiimente "'autore scrisse questo capolavaro facendo eco alla teologia di $. Tommaso, dandone una interpreta- 2ione di grande intensita lca e spirituale. La melodie & una delle pili belle e commoventi del patri- monio gregoriano e il testo @ ricco di profondita teologica e di emozione contemplative. La mia inter- Pretazione wiole mettere in luce proprio la dolcezza mistica che lo anima e che @ ancora cosi efficace nella preghiera della Chiesa, soprattutto quando viene cantato nell'adorazione eucaristica. DOMINUS PASCIT ME. Psalmus 22 [23] Musica di Marco Frisina Dedicato al core “Musicanova" e al suo direttore Fabrizio Barchi Jest Soprano P Do [+ minus pa - set Contralto Tenore P Do - mi-nus | pa - seit me Tenore Do - mi-mus | pa - seit me Basso P Do - mi-ms, Do - mims pa - sit me et ais hil mi - bi minus pa - soit |me nis hl omi = bi z micmis pa ~ seit vmi-nus, - scitme, Do do = e-ri et nh = mis bi de = eit Do - mi- 2 iH ef © FSP, Roma 2014, Tat dil rservati si Do = minus [pa-scit me. sil T Tn | pa-seu-is vieren - ti ppa-seit_ me, In | pa-sevis visen - ti{bos sme col-lo pa-scit me, In} pa-scusis vieren + di -jbus sme colo f ca pa-seit me. Ia |pa - seu is vi-lren - tibusme [ool - lo - ca ~ seit, pavscit, paseit me. In po = seus is vi - pa-scu-is vi-ren - ti-fbus me colio tea collo-ca col-lo -} ea vit, me ca = vit, in [pa - seu-is col-lo-ca - vit, os vk J pera ame Su = per| a - quas quie - vit, me col =1o -| ca ~ vit ren - ticbus me col - loca - vit, me col-lo = ca ~ vit EDATORALE AUDIOVISIVL 7 si pera = quas lguie su aus quie c Su - pera fon | | aie + is uxt me | i i ie 4+ quse-du ~ sit i | 2. Su + per a - quas que - ise = du - xit SI su a - quas quie ni-mam me - am re 4 fe ni-mam me - am re 4 fe Ty a+ quase-dy + + xit |me, ni-mam me am re = tu nf @ + nismam me - am re - me, © dus ait me, wf 64 7 BE © FSP, Roma 2014, Tut i di rservatt af niemam me - am, EP tomomnue sudowsm fe a= niemam me + am. De | du ccon-spe = et duit me xit me De - du-xit me Pa a. sti seami-tas con-spe ~ ett con-spe = ett son-spe + ont 65 si su : ver = sus HH = 0 ad = her - sus | = 0 ad = [ver - sus + 0 ad - ver~sus = 08, qui wi = butent me, P Im - pin-gua ~ sti in Pin - pin-gua - sti in P tm = pinegua - sti in + pin-gua ~ sti in H 66 et ca = ix me = us Gla re = dun dat, 67 | ss, doleemente E + te-nim be te-nim be - gnictas mil - se-ti-cor - dig. | te-nim be sistas, gnictas i ~ Seti cor - dia | sgnictas, snictas imi - se-1i-cor = dia te-nim be -) ni tesnim be -| ni - = teenim be = ni - e+ wenim be - ni - gnisas et sy = quen - x, se = quen - ror sul = quen - tar, = se = quen -tur = quent, Ty oH se - i - cor . dia subse = quen- mur me, sub = se = {© FSP, Roms 2014. Tt i dint servi 68 om-ni-bus di -e quen = tur. me om-ni-bus di om-ni-bus di -e ‘om-ni-bus di -e quen - tar me om-ni-bus di - omnibus dite = com-ni-bus di | © com-ni-bus di-e com-ni-bus di © + bus vieke me = a me - @ PPey in = h-bi- FORIALE AUDIOVIIVI sy sil Ty ma SI sul Ty va do = mo Do + mi-ni, Do + mi-ai Do - 70 — © FSP, Roma 2014, Tut | dct era lon-gi-tu-di-nem i -| lon-gi-tu-dienem di in lon-gi-tu-di-nem di in lon-gi-ta-di-nem di P lon-gi - tu-di-nem di -e tu - disnem, gi hem fm + dimem di =e 7 rum, Beononnerorovsn —— 71 DOMINUS PASCIT ME - Psalmus 22[23] Testo dalla Liturgia Dominus pascit me et nihil mihi deerit. I Signore & il mio pastore, nulla mi manca In pascuis virentibus me collocavit, |n pascoli verdeggianti mi fa riposare, super aquas quietis eduxit me, mi ha condotto verso acque tranquille, animam meam refecit. rinfranca l'anima mia. Deduxit me per semitas iustitie. Mi conduce su sentieri di giustizia, Parasti in conspectu meo mensam Hai preparato dinanzi a me una mensa adversus e0s, qui tribulant me. contro coloro che mi tormentano. Impinguasti in oleo caput meum, Ungesti di olio il mio capo, | et calix meus redundat. il mio calice trabocca, Etenim benignitas et misericor Bonta e misericordia, infatt, subsequentur me, mi accompagnano ‘omnibus diebus vitse mez. in ogni giorno della mia vita Et inhabitabo in domo Domini E abiteré nella casa del Signore in longitudinem dierum. per tutta la durata dei giorni. | 1 Sslmo 22[23] @ uno dei salmi pit usati nella preghiera lturgica. il salmista descrive se stesso come una pecora del gregge del Signore che egii conduce nei pascoli verdi e fertil, dissetandole alle con | gene dlacqua pura, facendola riposare vino a sé. La mensa mistica che egh prepara e Iolo che urge i il suo capo sono segno della benedizione di Dio che accompagners in eterno la vita del salmista. ta siruttura del brano é quella classica del mottetto e Iintreccio contrappuntistice segue i divers! momenti descriti dal salmo. | 2 —~ see {D FSH, Roma 2014. Tut écrit riserva CANTATE DOMINO CANTICUM NOVUM Musica di Marco Frisina d=00 fa + te Do-mi-ne © + mnis terra et jean -ti-cum no - vum,| 0 - mnis terre et Can -ta = t Do-mi-no can-ti-cum no - yum, o ~ mmis ter-ra et ——__— HTORALE AUDIOVISIV Ore. an-nun-ti-a = ee | ter gen - tes | glo-ti an-mun-ti-a ter gen = tes | glo an-nun-tisa ter gen ~ tes an-mun-ti-a = ter gen - tes (ee dd 74 LMa-gni - fi - cen P L.Macgni - fi - cen - Fi Mopai = fi ~ cen - 1.Ma-gni - fi - cen - et puil-chui - con = spe = con spe = et pul-chri-tw {8 FSP, Roma 2014, Tai dit vservati eee oe tHe eee gaageeeeeee ete ; | ser rs ieee a or Bete tnseue feu octet a ius. 7am Ee te Docmi-no lean=ti-cum na - vam | 0 = inns term et po = put = ane HOR Aumlowis eee Bese ; an-nun - ti - ter gen glo-ri-am ¢ - annum - ti glo-tisam e - n= nun = fi Alle = In - ia an-nun- fi - @ gen - tes =<) 2Tol-li - te ct in-toed 24Tol-li - te sticas On. ____ FSP, Roma 2014, Tut dit rseevati + mi-num splen -do = mi- num splen-do Or, rmnis ter = ra can - f= oum amis ter ~ ra can - i= cum cea = ti cum smnis ter - ra 4 _—_———_. BP ewrome asoovsn 18 an-non- if - an-nun- tt = a ter gen - tes ter gen ter gen elo = rf am slo ~ri- am ins. | AL te = tu - i jus. | ADs te = Iu ~ i, jab He = ia, ius. AL te = ta - i © FSR, Roms 2014. Tui i i ciservati mi - nus ni = ans can -ti-eum no - vam, © mnister-ma et can - ti-cum no - yum, ‘can -ti-cum no - vum, | 0 = mnis ter-1a et cum no - vom, o - mis ter-m et po - put, 80 fan mun = ‘an aun = 6 ‘annum = t an-nun = tt CANTATE DOMINO CANTICUM NOVUM Testo dalla Liturgia, elab. Marco Frisine Cantate Domino canticum novum, omnis terra et popull, annuntiate inter gentes gloriam elus. Alleluia, +1, Magnificentia et pulchritude in conspectu elus, potentia et decor in sanctuario eius. 2. Tollite hostias et introite in atria elus. ‘Adorate Dominum in splendore sancto. 3. Leetentur caali, exultet terra ‘et gaudeabuntur campi, quia venit Dominus iudicare terram. glo - i -am Al-le- tu - ia, Al-le- nia Alle = Iu ~ ia Cantate al Signore un canto nuovo, terra tutta e popol, annunciate in mezzo alle genti fa sua gloria. Alleluia. 1. Grandezza e splendore al suo cospetto, potenza e bellezza ne/ suo santuario. 2. Portate offerte ed entrate nei suoi ati. ‘Adorate il Signore nel suo santo splendore. 3. Sirallegrino i cieli, esulti la terra e gioiscano i campi, perché viene il Signore a giudicare la terra. canto nuovo del cristiano sgorga dalla risurrezione del Signore, la gioia dei figlt di Dio si esprime nel vedere il compimento della salvezza. Tutta la creazione vi partecipa con gioia ed esulta con i batter Jati La novit3 che il mondo attende ¢ il Vangelo del Signore, vivo ed efficace nei credenti che lo annun- Giano ai loro fratell, lo vivono nel mondo, lo celebrano nella Liturgia e nella preghiera personale, ‘Questa novita di Cristo deve riscaldere i cuore di ogni uomo risvegiiando con la sua grazia !'amore ¢ la gioia, 2014. Tt ae eservat Canti per le celebrazioni del Tempo Pasquale e delle Solennita Tat xen Lec) Pea (Oe Ue Pere eared 3. GLORIA (De Angelis) Missa Resurrexit PACU 5. SANCTUS (De Angelis) Missa Resurrexit 6. AGNUS DEI (De Angelis) Missa Resurvexit 7. ADORO TE DEVOTE 8. DOMINUS PASCIT ME 9. CANTATE DOMINO CANTICUM NOVUM. Ste ce tea REA Marco FRIsINA SN am cee UEC) I canti di questo Spartito per Voci e Organo sono incisi su Compact Disc PCD 342 In copertina: Piero della Francesca (1415/1420 -1492), Resurrezione Sansepolcro (AR), Pinacoteca Comunale, © Foto Scala Firenze Grafica: Erika Serafini si get Ee T Sire oc eee ee Er oT a aston ERE PU eee OLEN ONIN