Sei sulla pagina 1di 94

Riepilogo delle principali funzioni

Excel utilizzate
Prof. Raffaella Folgieri
Email folgieri@mtcube.com

Prof. Folgieri aa 2008/09

Come usare questa guida

Le funzioni presenti in queste slide sono quelle viste a


lezione e utili sia per la risuluzione degli esercizi, sia ai
fini della certificazione IT4PS
In alto a destra riportato (riquadro colorato) il
riferimento della lezione in cui la funzione stata trattata
per la prima volta)
Inizialmente vengono introdotti alcuni argomenti di utilit
generale e di base per poter utilizzare al meglio tutte le
funzioni avanzate di Escel viste durante il corso.
E riportato sia il nome della funzione in Italiano sia
quello in Inglese, cos che ciascuno possa scegliere, a
seconda della versione di Excel che utilizza.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Formattazione celle
Formattazione del testo e dei singoli caratteri
(dal menu Formato):
Orientamento a 45
Allineamento orizzontale
al centro
Protezione: bloccata o
nascosta (per le formule)

Controllo testo: testo a capo


Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Formattazione celle
Formattazione condizionale (Conditional Formatting)
(dal menu Formato):

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Le formule
Le formule iniziano con loperatore =
Possono contenere:
1.Costanti(numeri o stringhe)
2.Riferimenti(indirizzi di celle, es. A1)
3.Funzioni(operazioni predefinite)
Vengono aggiornate automaticamente quando le celle cui
fanno riferimento vengono modificate
Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

I riferimenti relativi
Si adeguano in relazione alle celle di partenza
quando si copia o si sposta una formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

I riferimenti assoluti
Non comportano nessun adeguamento durante
la copia della formula
Rif. assoluto: =$A$1

Rif. misto: =$A4


Rif. misto: =A$7
Copia della formula =A$7
nelle celle adiacenti
Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Le funzioni
Sono caratterizzate da un nome,un elenco di argomenti
(arg1;arg2;), restituiscono un valorenella cella ospitante

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Inserimento di una funzione

Manualmente: ogni formula preceduta dal


simbolo = e vengono utilizzati o i nomi di funzione
(se noti) oppure i simboli matematici usuali (*,+,/,). Vengono utilizzate le parentesi per indicare
lordine di svolgimento dei calcoli.
In modo guidato: dal menu Inserisci/formula,
trovando la formula desiderata e seguendo le
indicazioni (help) di Excel per inserire gli
argomenti necessari.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Completamento automatico

Se la stessa formula deve essere


riportata lungo tutta una colonna
(o una riga):
Una volta inserita la formula, se
selezionate la casella, a lato, in
basso a destra, compare un puntino
(maniglia)
Click e, tenendo premuto il pulsante
sinistro del mouse (modalit drag
and drop), trascinare la formula sulle
caselle desiderate.
Excel riporter la formula
aggiornando (vedere riferimenti
relativi ed assoluti) tutti i riferimento.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Esempi

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Operatori
Simbolo
+-*
/
=% > ^ <
=> <=
&
:
;
Prof. Folgieri aa 2008/09

<>

Tipo
aritmetici
confronto
concatenazione

Esempi
3+2, 6-1, 4*5, 8/2
20%, 10^2, 10*10
A1=B1, A1=>B1,
A1<>B1
salva & gente
salvagente

B5:C15
riferim. (intervallo) A1;B15;C27;D2
riferim. (unione)

Argomento generale

Calcoli in forma di matrice


La cella C16 contiene la formula
in forma di matrice la quale trova
le celle nell'intervallo C5:C14
contenenti il testo Europa, quindi
calcola la media delle celle
corrispondenti nell'intervallo
D5:D14.
Una Formula in forma di matrice
esegue pi calcoli su uno o pi
insiemi di valori e restituisce un
unico risultato o pi risultati. Le
formule in forma di matrice
vengono immesse premento
CTRL+MAIUSC+INVIO.
Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Riferimento a fogli e cartelle


E un modo per semplificare modelli complessi in
pi cartelle di lavoro tra loro dipendenti
Per collegare formule in altri fogli di lavoro vengono usate
due sintassi: con parantesi [] (aperto) o senza (chiuso)

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Inserimento di un Grafico
(menu Inserisci)

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Intervallo dei dati


Per selezionare le celle che
contengono i dati a partire
dai quali si intede realizzare
il grafico.
Nel nostro caso le serie sono
i valori rilevati per i vari
inquinanti.
Quindi i dati relativi alle
serie sono qulli compaiono
nelle colonne.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Per dare il nome alle serie


Si seleziona la cella
che contiene il nome
dellinquinante a cui
la serie corrisponde.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Titoli del grafico

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Posizionare la legenda

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Posizionare il grafico

Il grafico pu essere posizionato nello stesso foglio che contiene i dati


o in un foglio a parte.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Dimensionare e posizionare

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Dimensionare e posizionare
Spostare: premere il tasto sinistro quando il
cursore sullarea del grafico e, tenedolo premuto,
trascinare il grafico.
Dimensionare:
selezionare il grafico;
posizionare il cursore su uno dei quadratini che
compaiono sulla cornice;
compare una freccia che indica il verso del
dimensionamento;
premere il tasto sinistro e, tenedolo premuto, spostarlo
nella direzione in cui si vuole modificare la dimensione.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Modificare un grafico
Posizionare il
cursore sul
grafico.
Premere il tasto
destrodel mouse.
Si apre un men
contestuale, che
fornisce i
comandi per
modificare le
varie propriet
di un grafico.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Aggiornamento in tempo reale


Le formule e i grafici vengono aggiornati in
tempo reale.
Se vengono modificati i valori rilevati dalle
centraline, vengono aggiornati media, allarmi, e i
grafici.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Come creare un modello a partire


da un foglio Excel
Se vogliamo conservare un foglio in cui abbiamo
posto particolari funzioni per ulteriori usi futuri, ma,
ad eempio, considerando dati diversi, possiamo
creare un MODELLO. I passi da compiere sono i
seguenti
Selezionare la voce SALVA CON NOME (SAVE
AS) dal menu FILE
Scegliere (nella tendina TIPO DI FILE) la voce
MODELLO.
Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Presentazione dei dati


Per presentare i dati (contenuti nel foglio) in un modo
pi chiaro o per evidenziarne la struttura, selezionare la
voe FORMATTAZIONE AUTOMATICA dal menu
FORMATO.
E possibile scegliere tra vari formati predefiniti messi a
disposizione da Excel.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Analisi e valutazione delle formule

Se si desidera analizzare le formule contenute in un foglio Excel,


possibile scegliere Verifica Formule dal menu Strumenti, e
selezionare lopzione MOSTRA BARRA DELLE FORMULE:
Per vedere dove sono le formule, selezionare
STRUMENTI/OPZIONI e VISUALIZZA-FORMULE
Ora, se si seleziona una cella contenente una formula, attraverso il
bottone INDIVIDUA PRECEDENTI, si ottiene la visualizzazione di
tutte le celle coinvolte nel calcolo.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Analisi e valutazione delle formule

Allo stesso modo, possibile individuare le celle dipendenti e


chiedere ad Excel di evidenziare le celle contenenti i dati non validi
o mostrare una finestra in cui seguire la valutazione passo-passo
dei risultati della formula.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

Import di dati

E possibile importare in Excel dati provenienti da altre


fonti (ad es, database trovati in internet, fogli di testo.
Per fare ci, sono possibili due strade:
1.

2.

Aprire il file dei dati dal menu FILE/Open, ma, nonostante


Excel possa aprire molti tipi di file, non sempre questa
operazione possibile (tipo di file non riconosciuto) o
conveniente (non vengono conservate le formattazioni o il
tipo di valore contenuto nel campo)
Sceglere lopzione IMPORTA DATI ESTERNI/IMPORTA
DATI dal menu DATI. Comparir la procedura guidata che
ci permetter di indicare il separatore tra i record (spesso il
carattere di tabulazione, lo spazio, la virgola o il punto e
virgola), fino allinserimento dei dati nel foglio di lavoro.

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

TABELLA MONOVARIATA
Struttura di una tabella monovariata (che dipende da un
solo parametro):

Prof. Folgieri aa 2008/09

Argomento generale

TABELLA BIVARIATA
Struttura di una tabella bivariata (che dipende da due
parametri, rif. tabella pivot):

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Sintassi della funzione SE (IF)


La funzione SE prende come argomenti:
Una condizione
Il valore da restituire se la condizione soddisfatta
Il valore da restituire se la condizione non soddisfatta

=SE(condizione;valore_SE_si;valore_SE_no)
Il valore restituito dalla funzione pu essere un numero
oppure testo o un valore di errore (#VALORE!)

Sintassi:

Per inserire pi criteri, si utilizzano gli operatori logici AND, che


richiede che le due (o pi) condizioni siano soddisfatte (vere)
contemporameneamente, oppure OR (almeno una delle due, o pi,
condizioni deve essere vera)
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Finestra della formula


Nidificazione delle funzioni (max 7 livelli)
(Il valore restituito da una funzione deve essere un parametro valido per
laltra)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Sintassi della funzione TASSO (RATE)


La funzione TASSO prende come argomenti:

Periodi: numero totale dei periodi di pagamento in un'annualit


Pagam: pagamento effettuato in ciascun periodo. Non pu variare nel corso
dell'annualit. In genere, pagam include il capitale e gli interessi, ma non altre imposte
o spese. Se si omette pagam, sar necessario includere l'argomento val_futuro.
Val_attuale: il valore attuale o la somma forfettaria che rappresenta il valore attuale di
una serie di pagamenti futuri.
Val_futuro: il valore futuro o il saldo in contanti che si desidera raggiungere dopo
aver effettuato l'ultimo pagamento. Se val_futuro omesso, verr considerato uguale a
0. Il valore futuro di un prestito, ad esempio, sar uguale a 0.
Tipo: corrisponde a 0 o a 1 e indica le scadenze dei pagamenti
Impostare tipo a 0 (oppure omettere) se i pagamenti devono essere effettuati alla fine
del periodo. Impostare tipo a 1 se devono essere effettuati allinizio del periodo.
Ipotesi l'ipotesi del valore del tasso. Se ipotesi omesso, verr considerato uguale a
10%. Se i risultati di TASSO non convergono, provare a utilizzare dei valori differenti
per ipotesi. In genere, i risultati di TASSO convergono se ipotesi compreso tra 0 e 1.
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Finestra della formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Sintassi della funzione ASS (ABS)


Restituisce il valore assoluto di un valore
La funzione ASS prende come argomenti:
Numero: casella in cui indicare il numero o la cella di cui si vuole
conoscere il valore assoluto. Pu contenere anche unoperazione di
cui si desidera il risultato in valore assoluto.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Finestra della formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Sintassi della funzione ASS (ABS)


Restituisce il valore assoluto di un valore
La funzione ASS prende come argomenti:
Numero: casella in cui indicare il numero o la cella di cui si vuole
conoscere il valore assoluto. Pu contenere anche unoperazione di
cui si desidera il risultato in valore assoluto.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Finestra della formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Sintassi della funzione MIN (MIN)


Restituisce il valore minimo di un insieme di valori (ignorando I
valori logici o testuali)
La funzione ASS prende come argomenti:
Lintervallo di celle in cui si desidera trovare il valore minimo.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 1

Finestra della formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 2

Sintassi della funzione SOMMA (SUM)


Restituisce la somma dei valori considerati
I valori si possono sommare direttamente ponendo nella cella di destinazione
del risultato il riferimento alle celle, sommate tra loro con il simbolo di somma
(+)
In alternativa si usi la funzione di SOMMA AUTOMATICA, selezionabile dal
menu dei bottoni (il sigma maiuscolo, ovvero il simbolo di sommatoria) oppure
la funzione SOMMA dal menu INSERISCI/FUNZIONE
La funzione ASS prende come argomenti:
Lintervallo di celle di cui si desidera ottenere la somma.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 2

Finestra della formula

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 2

La funzione sum if (somma se)


La funzione SUMIF serve per sommare tra loro i dati solo se soddisfano una certa
condizione
Vediamo come si comporta nellesempio riportato qui sotto:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 2

La funzione sum if (somma se)


SOLUZIONE
Dovete scrivere la formula =SOMMA.SE(D5:D11;">100";D5:D11)
(SUMIF se avete excel in Inglese)

La formula fornisce il risultato:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (1)


Sono strumenti flessibili per
analizzare grandi quantit di dati
Provate a immaginare di avere i dati
riportati nella tabella a fianco, e di
dover rispondere a domande del tipo:
- Che quantit di A stata spedita
a Febbraio?
- Cosa ha ricevuto il cliente Rossi?
- Che quantit di C ha ricevuto
Bianchi
- Che quantit in totale stata
spedita di C?
Bisogna organizzare i dati secondo
pi dimensioni, utilizzando la
TABELLA PIVOT
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (2)

In Italiano menu DATi, voce RAPPORTO TABELLA PIVOT e


GRAFICO PIVOT
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (3)


Seguite le indicazioni del wizard
1. Se la fonte dei dati lo stesso
foglio Excel, sufficiente cliccare
su AVANTI
2. selezionate tutta larea dati
(comprese le intestazioni delle
colonne)

3. Ora occorre definire


il layout (tramite il
bottone LAYOUT

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (4)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (5)


Disponiamo le colonne come risulta qui sotto:

4. Date OK
5. poi FINE

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (6)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (7)


Ecco il risultato nel nostro esempio:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (8)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (9)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (10)


FILTRO DI PAGINA:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (tipo di dato rappresentato)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

TABELLE PIVOT (altre viste)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

La funzione SINISTRA (LEFT)


Opera su una cella contentente caratteri, date o numeri. Permette di
selezionare il numero di caratteri specificato a sinistra della cella.
Nellesempio, la cella
originale contiene il
testo si pensa di no
Con la funzione SINISTRA
viene richiesta la selezione
dei due caratteri pi a sinistra
del testo, ottenendo SI
come risultato

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

La funzione DESTRA (RIGHT)


Opera su una cella contentente caratteri, date o numeri. Permette di
selezionare il numero di caratteri specificato a destra della cella.
Nellesempio, la cella
originale contiene il
testo si pensa di no
Con la funzione DESTRA
viene richiesta la selezione
dei due caratteri pi a destra
del testo, ottenendo NO
come risultato

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

La funzione ANNO (YEAR)


Restituisce lanno relativamente ad una data

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

VLOOKUP (CERCA.VERT)
Supponiamo di avere una tabella organizzata verticalmente e di voler
prendere i valori da tale tabella in funzione di un parametro scritto in una
cella. Compilate una tabella come nellesempio qui sotto:

Supponiamo di voler trovare il


nome della Facolt cui corrisponde il
codice 3

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

VLOOKUP (CERCA.VERT)
SOLUZIONE:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 3

HLOOKUP (CERCA.ORIZZ)
Chiaramente si avr una sintassi analoga se consideriamo il cerca
orizzontale
Provate a cercare, con gli stessi dati, messi orizzontalmente
(copia,
poi incolla speciale-trasponi), sempre la Facolt cui corrisponde il
codice 3:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 4

Come calcolare frequenza relativa e frequenza assoluta


Costruiamo una tabella delle frequenze assolute e relative.
Nella prima colonna riportiamo le sette categorie associate alla
varibile in esame.
Per calcolare le freq. Ass. utilizziamo la funzione
CONTA.SE(intervallo;criteri) dove intervallo=celle in cui sono stati
riportati i dati, criterio=uguaglianza con categoria considerata.
Per la frequenza relativa occorre dividere le freq. Assolute per il
numero totale di osservazioni (somma di tutte le frequenze assolute).
Verifica: la somma di tutte le frequenze relative deve essere uguale a 1

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 4

Costruzione della tabella delle frequenze


Modo veloce per costruire la tabelle di distribuzione delle frequenze:
- Nella prima colonna indicare gli estremi destri delle classi scelte
-Nella seconda colonna calcolare il numero di osservazioni che cadono
nella classe corrispondente, utilizzando il comando vettoriale frequenza(dati,
classi)
-Nella terza colonna calcolare le frequenze relative, dividendo le frequenze
assolute per la numerosit del campione
- Nella quarta colonna si ripostano le frequenze cumulate, Ovviamente
nella prima casella si riporta il valore della frequenza relativa della prima
classe e nelle caselle successive si somma al valore della cella
immediatamente sopra la frequenza relativa della classe corrispondente
- Nella quinta colonna si riportano le densit di probabilit di ogni classe,
ottenute dividendo la frequenza relativa per lampiezza della classe
- Nella sesta colonna si scrivono esplicitamente le classi in cui sono stati
ripartiti i valori per poterle poi utilizzare come etichette da riportare nel
grafico
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 4

Tabella delle frequenze e istogramma


Generalmente per mostrare I risultati di una tabella di
frequenze, si preferisce il grafico a istogramma, che permette
di evidenziare eventuali simmetrie.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 4

Dare nomi alle celle


E possibile assegnare un nome (consigliabilmente
evocativo) a un insieme di celle. Per esempio:

E sufficiente posizionarsi nella casella casella nome


(in figura) e assegnare il nome desiderato.
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Variabili qualitative (1)


Si vuole condurre lanalisi dei dati riportati in tabella, che rappresentano il risultato
di 60 osservazioni di una variabile che indica il tipo di danno alla salute presentato da 60
soggetti impiegati in unazienda agricola e per i quali si sospetta
lesposizione a un pestivida.
I possibili valori assunti dalla variabile sono etichettati con le lettere:J>=joint
swelling; F=fatigue; B=back pain; M=muscle wakness; C=coughinh; N=nose running/irritation;
O=other

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Indici di posizione: il RANGE


Conduciamo lanalisi dei dati in tabella, che
rappresentano la concentrazione di vitamina
D in un campione di 26 soggetti (dati da
Bland M., 1995).

Calcoliamo i principali indici di posizione e di


dispersione, sfruttando le funzioni statistiche di
Excel. Supponendo di avere i valori xi delle
nostre osservazioni, ad es. nelle celle A4; A29,
otteniamo:

Ricordiamo che range =differenza tra


valore massimo e valore minimo

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione MAX
Rende possibile determinare il valore massimo in un
intervallo di celle:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione CONTA.SE (COUNT.IF)


Conta il numero di celle, in un intervallo, rispondenti al
criterio indicato:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione MODA (MODE)


Restituisce il valore pi ricorrente in un intervallo dati:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione MEDIANA (MEDIAN)


Restituisce la mediana dellintervallo considerato:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione MEDIA (AVERAGE)


Restituisce la media aritmetica dei valori considerati:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Altri tipi di medie


Es. Media.geometrica:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione VAR (VAR)


Restituisce la varianza dei valori considerati:

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Altri tipi di funzioni per il


calcolo della varianza
VAR.VALORI: Stima la varianza sulla base di un
campione. Oltre ai numeri, nel calcolo vengono inclusi anche
i valori di testo e logici, quali VERO e FALSO.
Sintassi
VAR.VALORI(val1;val2;...)
Val1,val2,... sono da 1 a 30 argomenti di valori
corrispondenti a un campione della popolazione.

VAR.POP: Restituisce la varianza sulla base dell'intera popolazione.


Sintassi
VAR.POP(num1;num2;...)
Num1;num2;... sono da 1 a 30 argomenti corrispondenti a una popolazione.

VAR.POP.VALORI: Restituisce la varianza sulla base dell'intera popolazione. Oltre ai


numeri, nel calcolo vengono inclusi anche i valori di testo e logici, quali VERO e FALSO.
Sintassi
VAR.POP.VALORI(val1;val2;...)
Val1;val2;... sono da 1 a 30 argomenti di valori corrispondenti a una popolazione.
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Funzione Quartile
Restituisce il quartile secondo lindice indicato (rif.
Figura):

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Per determinare il range interquatile


Q3-Q1

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

ROUND (ARROTONDA)
Ipotizziamo di voler arrotondare i valori contenuti in alcune celle. Provate con il
valore riportato nellesempio, arrotondando a 0,1,2 cifre (con la funzione arrotonda,
arrotonda per eccessoe arrotonda per difetto):

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

ROUND (SCHEMA)

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Arrotondare alla decina o al centinaio


Se si desidera arrotondare i dati alla decina o al centinaio:

=ROUND (D3/100;0)*100
=ARROTONDA (D3/199;0)*100
Cio si procede cos:
Si divide il numero per 100
Poi si arrotonda allintero pi vicino
In tal modo si ottiene il numero di centinaia del numero iniziale
Moltiplicando ancora per 100 si ottiene il numero iniziale, arrotondato alla
centinaia

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato spiegazione pratica


Illustreremo due tipi di test statistici che usano la
distribuzione chi-quadrato:
1. Il test della bont di adattamento, che determina
se i dati osservati di un campione provengono da una
particolare distribuzione della popolazione
2. Il test della tabella di contingenza, che esamina
lindipendenza fra due misure categoriche e pu
essere utilizzato anche per verificare luguaglianza
delle proporzioni da due o pi popolazioni

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato per la normalit (dati)


Unazienda che produce batterie elettriche, per determinare il periodi di garanzia,
ha bisogno di sapere se le durate delle batterie hanno una distribuzione normale.
Sono state registrate le durate di 200 batterie e i dati sono stati raggruppati in una
distribuzione di frequenze, (celle A6:C13). I valori calcolati della media e della
deviazione standard sono, rispettivamente, 164 e 10 ore.
Copiate i dati in figura (comprese le intestazioni (in bold) che ci serviranno per il
chi-quadrato).

Nelle formule utilizzeremo i nomi, perci selezionate e celle A3:C4, aprite il menu
Inserisci e scegliete le opzioni Nome>Crea>Riga Superiore. Fate click su OK.
Le ipotesi nulla e alternativa da verificare sono:
H0: la popolazione delle durate delle batterie ha una distribuzione normale
HA: la popolazione delle durate delle batterie non ha una distribuzione normale

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato per la normalit (calcoli - 1)


Ora per determinare le probabilit normali, digitate la formula per il primo
intervallo chiuso (D9), copiatela nelle altre celle che contengono le
probabilit normali (D8:D12) e modificate per il primo e ultimo intervallo
aperto (D8 e D12)
Le formule sono:
=DISTRIB.NORM(B8;Media;Dev_Standard;VERO)-0
=DISTRIB.NORM(B9;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A9;Media;Dev_Standard;VERO)
=DISTRIB.NORM(B10;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A10;Media;Dev_Standard;VERO)
=DISTRIB.NORM(B11;Media;Dev_Standard;VERO)-DISTRIB.NORM(A11;Media;Dev_Standard;VERO)
=1-DISTRIB.NORM(A12;Media;Dev_Standard;VERO)

Le formule servono a calcolare la probabilit cumulativa normale della


coda sinistra del limite superiore meno la probabilit cumulativa normale
della coda sinistra del limite inferiore. Per il primo intervallo il limite
inferiore meno infinito e la probabilit cumulativa della coda sinistra
zero.
Per lultimo intervallo, il limite superiore dellintervallo pi infinito e la
probabilit cumulativa della coda sinistra uno.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato per la normalit (calcoli - 2)


Create ora le formule per le frequenze attese, che sono pari alla
probabilit normale dellintervallo per la dimensione del campione.
Scrivete =D8*nnella cella E8 e copiate la formula nelle celle E9:E12
Create le formule per i singoli termini della statistica chi-quadrato:
Termine chi-quadrato = (Fr_Effettiva Fr_Attesa)^2/Fr_Attesa, cio
=(C8-E8)^2/E8 nella cella F8 e copiate questa formula nelle celle
F9:F12
Create la formula per sommare i termini di chi-quadrato. Scrivete la
formula =SOMMA(F8:F12) nella cella F13.
Scrivete ora letichetta chi_quadrato nella cella F14, sotto la cella che
contiene il valore della statistica chi-quadrato. Utilizzate questa etichetta
per assegnare il nome alla cella F13 (selezionate le celle F13:F14 aprite il
menu Inserisci e scegliete le opzioni Nome>Crea>Riga inferiore. Click
su OK.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato per la normalit (gradi di libert)


I gradi di libert (GL) per un test della bont di adattamento dipendono dal
numero di categorie o intervalli (nel nostro esempio sono 5) e dal numero
di parametri della distribuzione ipotizzata per i dati del campione (due: la
media e la deviazione standard):
GL=Numero di intervalli Numero di parametri ipotizzati 1
Nel nostro caso si ha GL=2
NOTA: prendiamo il caso in cui lazienda avesse in mente una
distribuzione specifica e parametri specifici prima di analizzare i dati del
campione. Per esempio, per determinare se le durate delle batterie hanno
una distribuzione normale con una media di 160 ore e una deviazione
standard di 8 ore, i dati del campione non devono essere utilizzati per
calcolare le frequenze attese, quindi GL=5-0-1=4. Poich il valore di GL
dipende dalla situazione specifica, lutente che deve digitare il suo valore
nel foglio di lavoro.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato per la normalit (risultati statistica)
Inserite le etichette che vedete qui a fianco nelle celle A15:A20.
Per utilizzare i nomi nelle successive formule, create i nomi per le
celle che contengono GL, Alfae Val_Critico, cio selezionate le celle
A15:B15 tenendo premuto il tasto control anche le celle A18:B19 e
poi aprite il menu Inseriscie scegliete le opzioni Nome>Crea>Colonna
sinistra. Click su OK.
Ora scrivete le formule per il p-value, cio =DISTRIB.CHI(chi_quadrato;GL)
Per il valore critico =INV.CHI(Alfa;GL)
Per il risultato della decisione scrivete:
=SE(chi_quadrato>Val_critico;Rifiuta H0;Accetta H0)
Diamo ad Alfa il valore 0,01
Vedremo comparire, accanto alla casella decisione, il risultato del test
Il valore assunto dal p-value indica che molto probabile ottenere questi
dati del campione da una distribuzione normale. Lipotesi nulla di una
distribuzione normale non pu essere rifiutata.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5

Test chi-quadrato: tabella di contingenza


Unazienda vende quattro tipi di bevande nel Nord America. Per verificare se lo
stesso approccio di marketing adottato negli USA pu essere applicato anche in
Canada e Messico, lazienda ha fatto analizare la relazione fra preferenze e
nazionalit dei consumatori. Lanalisi di marketing ha classificato la popolazione
dei consumatori di bevande in funzione delle seguenti preferenze: bevanda
normale, senza caffeina e zucchero, senza caffeina, senza zucchero. Una
seconda classificazione riguarda la nazionalit dei consumatori: americani,
canadesi e messicani. Lanalista ha intervistato un campione casula di 250
consumatori delle tre nazionalit. Li ha raggruppati in base ai due criteri di
classificazione e ha ottenuto le frequenze riportate nella figura seguente (NON
copiatele in Excel).

Poich lanalista verifica lassociazione fra preferenze e nazionalit dei


consumatori, lipotesi nulla e lipotesi alternativa sono le seguenti:
H0: le due classificazioni sono statisticamente indipendenti
HA: le due classificazioni sono dipendenti

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato tabella di contingenza (Frequenze Effettive)
Costruiamo ora la tabella delle Frequenze Effettive (osservate)
Scrivete i titolo della tabella (Frequenze effettive), le etichette delle categorie di
bevande (Normale, ecc...), le etichette delle categorie di consumatori
(Americani,ecc..) e le etichette Totale colonna e Totale riga, come si vede in figura,
copiando i calori delle frequenze osservate nel corpo della tabella (celle
B5:E7)
Per ottenere i totali delle righe, inserite la formula =SOMMA(B5:E5)nella cella F5
e copiate questa formula nelle altre celle (F6:F7 dei totali delle righe
Per ottenere i totali delle colonne, inserite la formula =SOMMA(B5:B7) nella cella
B8 e copiate questa formula nella altre celle (C8:F8) dei totali delle colonne.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato tabella di contingenza (Frequenze Previste)
Per calcolare il p-value della distribuzione chi-quadrato, scrivete letichetta pvaluenella cella A17
Selezionate la cella B17 e fate click sul pulsante incolla funzione oppure
selezionate Inserisci>Funzione
Nella finestra di dialogo selezionate la categoria delle funzioni statistiche e
scegliete la funzione TEST.CHInel riquadro Nome Funzione. Click su OK.
Mettete i parametri che vedete in figura.
Secondo lapproccio di reporting il
p-value trovato (0,00000013) dice che se
lipotesi nulla vera e le due
classificazioni sono statisticamente
indipendenti la probabilit di ottenere le
frequenze osservate in un campione
casuale di 250 0,00000013. Poich i
valori osservati sono cos improbabili
sotto lipotesi
nulla, molti rifiuterebbero lipotesi nulla e concluderebbero che le due
classificazioni sono dipendenti. Ci vuol dire che i consumatori di diversa
nazionalit preferiscono tipi di bevande differenti.
Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato tabella di contingenza (Test chi-quadrato)
Costruite una tabella che contiene i singoli termini di chi-quadrato. Poi specificate un
livello di significativit (Alfa), utilizzate la funzione INC.CHI di Excel per determinare il
valore critico di chi-quadrato per la verifica, confrontate la statistica calcolata con il
valore critico e, infine, decidete se accettare o rifiutare lipotesi. I risultati finali sono in
figura. Vediamo, nella slide successiva, come ottenerli velocemente.

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato tabella di contingenza (Test chi-quadrato)
Selezionate una parte della tabella delle frequenze effettive (A3:E7), escludendo i
totali delle righe e delle colonne e copiate il contenuto
Poi incollate in A19
In A19 scrivete Termini di chi-quadratocome titolo della nuova tabella
Per ottenere i singoli termini di chi-quadrato usate la formula:
Termine chi-quadrato = (Fr_Effettiva Fr_Prevista)^2/Fr_Previstae cio
selezionate la cella B21 e scrivete =(B5-B12)^2/B12
Copiate la formula nelle celle B22:E23
Per completare il foglio di lavoro, scrivete le etichette e le formule che vedete in
figura.

Per la funzione del valore critico, usate =INV.CHI(probabilit;gradi di libert)in cui


probabilit la coda destra, che nel nostro caso il livello di significativit. Il grado di
libert per una tabella di contingenza dato da
Gradi di libert =(numero di righe 1) * (numero di colonne 1)nel nostro caso
6

Prof. Folgieri aa 2008/09

LEZIONE 5
Test chi-quadrato tabella di contingenza (commenti)
Secondo lapproccio decisionale, il valore calcolato di chi-quadrato
(42,75) misura le differenze fra le frequenze effettive e le frequenze
previste sotto lipotesi nulla.
E maggiore del valore critico di chi-quadrato (16,81) che corrisponde
alla
regione di rifiuto dell1% nella coda destra.
Di conseguenza, c sufficiente evidenza per rifiutare lipotesi nulla al
livello dell1% (test dalla coda destra) e concludere che i consumatori di
diversa nazionalit preferiscono tipi di bevande differenti.

Prof. Folgieri aa 2008/09