Sei sulla pagina 1di 8

Carlo Lesma

Creare un’attività

www.bookfarm.eu

1
Materiale coperto da copyrigth. Tutti i diritti sono riservati.

Ogni violazione sarà perseguita ai termini di legge.

No part of this publication may be reproduced, stored in a retrieval system, or


trasmitted in any form or by any means, electronic, mechanicals, photocopyng,
recording, scanning, or otherwise, except as permitted by the law of UE and USA.

Bookfarm.eu potrà concedere a pagamento l’autorizzazione a riprodurre una porzione


non superiore a un quindicesimo del presente volume. Le richieste vanno inoltrate al
seguente indirizzo e-mail:

info@bookfarm.eu

Informazioni sul copyright

Autore: Carlo Lesma


Titolo: Creare un’attività
Copyright: 2010 © Licenza Standard – Tutti i diritti sull'opera sono riservati
Paese: Italia
Edizione: Prima – Bookfarm.eu 2010

2
Creare un attività

Introduzione:

il sogno

Un proverbio dice che le vecchie abitudini sono come camicie di ferro; se


ci pensi bene le abitudini che ripetiamo più spesso tutti i giorni e protratte
nel tempo formano la personalità e l’immagine di noi stessi.

Un altro proverbio che mi piace molto citare è “ho sognato mille sentieri
nuovi… Mi sono svegliato e ho percorso quello vecchio”…

I proverbi sono perle di saggezza. Non lo sono proprio tutti, ma sono


orientato a quelli che aprono un ragionamento con noi stessi e sviluppano
nuove idee.

Riflettendo sulla frase iniziale dice: “ho sognato mille sentieri nuovi”.
Quanti di noi hanno sogni, desideri di iniziare cose nuove o realizzare
quello che sentiamo più vicino alla nostra passione ed al nostro talento. E
3
poi cosa succede? Per qualche ragione nostra interna o di fonte esterna,
ci svegliamo e ritorniamo nel vecchio percorso, il sogno si spegne e si
mette in un archivio.

“Ho un sogno nel cassetto!”.

“Per mille ragioni sono troppo grande ora per fare questo o quello, le
persone che sono introno a me non mi aiuteranno mai in quello che voglio
davvero… e se fallisco?”. Si sviluppano in noi degli schemi per evitare il
vecchio sentiero e andare in quello nuovo, che se non vengono fermati,
bloccati o rotti li porteremo avanti tutta la vita.

Voglio scrivere questo mini libro per invitarti a stare nel sogno e non
svegliarti, per permetterti di continuare a conoscere quella parte che
dentro di te ti guida e ti pilota come un navigatore satellitare, mettendoti
costantemente nel desiderio di creare e fare quello che senti più vicino
alla tua passione ed al tuo talento.

4
Ti lascio questa visione per proseguire a leggere le pagine che troverai qui
di seguito e per prendere la decisione di continuare a volare. Anche se
inizialmente è una nuova abitudine, sviluppata costantemente il risultato
è certo così come una barra di ferro, continuamente affilata,
diventa un ago.

Prendi i concetti base: costruisci, sviluppa quello che davvero vuoi e


mantieni costante il tuo pensiero. Vedrai aprirsi porte che forse non hai
mai immaginato di trovare davanti a te.

Sei pronto per il viaggio?

E se fosse più facile di quanto pensi?

“Quando insegui i tuoi sogni... si aprono porte dove non avresti pensato
che ci fossero porte, e dove per nessun altro ci sarebbero”.

Joseph Campbell

Buona lettura

5
1)Direzione mentale

“Fra venti anni saremo più delusi per le cose che non abbiamo fatto che
per quello che abbiamo fatto. Quindi molla la cime .Allontanati dal porto
sicuro” Mark Twain.

Non esiste un tempo o un’età! Esiste solo quella voglia di mettersi in


gioco e capire i nostri schemi interiori, perché ripetiamo spesso quello che
non vogliamo fare e che non vogliamo a noi accada. Ti sarà capitato,
forse non prima di iniziare a leggere questo mini libro, di sapere quello
che non si vuole e di non mettere in atto quello che davvero si vuole.

Semplicemente: dai una direzione alla tua mente! Visto che non sai quello
che vuoi, ribalta la scrittura: metti al posto del non “io voglio “… non
riesco a smettere di fumare, non voglio bere alcool, non voglio aumentare
di peso.

Si tratta di esempi semplici, ma se trasformati e ripetuti spesso


verbalmente nella nostra mente hanno un impatto devastante .
6
Prova a trasformare le frasi appena elencate in “voglio smettere di
fumare”, “voglio bere acqua e sentirmi bene”, “voglio dimagrire e
mantenere il mio peso ideale”.

È certo dagli ultimi studi della neuro scienza che i pensieri sono energia e
vibrazioni. Gli scienziati scrivono che i nostri pensieri funzionano come un
magnete e quello su cui ci concentriamo con costanza viene “attratto”
verso di noi.

In campo musicale si chiama principio di simpatetica: se si hanno due


pianoforti e si preme il Mi su di uno dei due, scoprirete che sull’altro
pianoforte la corda che corrisponde al mi comincia a vibrare con la stessa
intensità.

Le emozioni che si celano dietro i pensieri determinano la velocità con la


quale questi si manifestano: trasmettiamo di continuo energia che attrae
e respinge le cose. Per questo penso che più portiamo a noi pensieri
incentrati sul creare e sviluppare nuove idee e realizzare l’attività giusta,
7
più attiriamo a noi quello che davvero desideriamo. Più mettiamo
chiarezza, maggiore è la direzione che diamo ai nostri pensieri, potendo
quindi creare quello che si vuole.

Indipendentemente dalle nostre scelte e credenze, l’importante è


ricordare che concentrandoci sulla mancanza riceveremo mancanza,
mentre concentrandoci su quello che vogliamo attiriamo possibilità nella
nostra vita più grandi che mai.

“Noi siamo quello che pensiamo”. Buddha

2) Sviluppa la tua passione

Un mio pensiero visionario nasce dalla seguente riflessione. Se tutti noi


professionalmente facessimo quello che ci piace davvero fare, come
sarebbe la qualità della nostra vita? Come sarebbe la nostra energia nel
vivere la vita?