Sei sulla pagina 1di 1

Pronomi relativi

Il pronome relativo ha la funzione di mettere in relazione tra loro due proposizioni


subordinando la seconda alla prima, e di sostituire nello stesso tempo un termine gi
espresso, detto antecedente. A due proposizioni indipendenti quali:
Ho incontrato Laura.

Laura tornava a casa.

posso sostituire ununica frase:


Ho incontrato Laura che tornava a casa.
in cui il pronome che prende il posto della parola Laura e unisce le due proposizioni,
mettendole in relazione.
Che pu essere utilizzato come soggetto e come complemento oggetto della proposizione
che introduce:
Mi piacciono i fiori che (soggetto) hanno colori tenui.
Mi piacciono i fiori che (oggetto) vedo dalla finestra.
La forma invariabile e la brevit rendono che un pronome molto duttile e spiegano la sua
diffusa presenza nel discorso.
Esso usato anche come complemento di tempo al posto di nel quale, in cui (ma sono
preferibili queste ultime forme):
Ricordo quella sera che sei venuto a trovarmi.
Il giorno che ci siamo conosciuti pioveva.

N.B. Come distinguere nel che la funzione di soggetto da quella di complemento


oggetto?
1 - Accetto la tua offerta che mi pare molto allettante.
2 - Sono tante le novit che ho da raccontarti.
3 - Il ragazzo che sta parlando mio amico.
4 - Il libro che leggo interessante.
5 - Lamico che mi ha prestato il libro mi ha telefonato.

Regola empirica (eliminare il pronome relativo):


1 - La tua offerta mi pare molto allettante. (Funziona Soggetto)
2 - Le novit ho da raccontarti. (Non funziona Complemento oggetto)
3 - Il ragazzo sta parlando. (Funziona Soggetto)
4 - Il libro leggo interessante. (Non funziona Complemento oggetto)
5 - Lamico mi ha prestato il libro. (Funziona Soggetto)