Sei sulla pagina 1di 116
N. 4 = APRILE 1977 - L. 800 | || Frequenzimetro NBN REY) (nnio > Fantastico!!! og Radioelettronica costa lire 800. BREMI Aretrati lve 1000. Abbonamento. | | Sais routs nosey 2 Te mumeri Tie 8000 (estero lite | | eaésineus 2 gn att 000). Stampa; Art, Graviche | | Get A Bellomi S.p.A. Via Pacinotti, 16 shana capt Mancucet we Verona = el, 305605. Sclevione | | Sfhna max q tino % ore - fotalita in nero - Tip EuEint ART Rone 4 Seer & veline: ti Grafiche Jom 2 SCUOLA RADIO ELETTRA 8 "Verona, Diffusione: Fi Fabbri adh sent 3 Tel 3095, Wilano, Distbucione | | PEMAAB! PORDENONE 8h Bian aie per I'Italia: A, & G. Marco s.as. GANZERLI 7 ‘ZETA ELETTR. uM fia Fortezza 27, tel, 2526, Milano, Radio Betonica una pubs | cass wun win al moe strata presso il Tribu, | fia: 10126 arin, eso M--d’Azeallo 6) tel” 65.88.63, 16131 Genova via E. Ver. del Milgno oor Di an 12/72 nazza 23 tel. 59.25.60."* 40125 Bologna - via Rizzoli 38 tel. 22.88.26-22.67.28 * 39100 sponsabile: Mario Magrone. Pubs | eet iii 315t SSH Beek ale Barlow Sic. 238, eles icita inferiore al - at Rovereto - c.so Rosmini 53/b tel. 32.499. * 28100 Novara - ¢.so della Vittoria 2 disegni, fotografie anche se non via Globerti 47 tel. 83.366. * 18100 Imperia - via Matteotti 16 tel. 78.841. * 46100 Se'g31,_* 35100" Udine = via ella Prefelura 8 tel. 203824, "¢ 34170 Gorizia = corso Talia 99 tel, 87-466 1 UN LIBRO ECCEZI IN REGALO A CHI SI ABBONA A_ Radio Elettronic MUSICA ELETTRONICA ‘oyeiouinu “Bueya1 oj]09 {1 0 OuN||aueD | Hod uoM as epIfeA Q WOU FyNAaDIE ey 1 exsea mp rovetiney | vate we mevnthont 1 seormnone | cum ve oesunt | coyurwoss24 1p vmpaffe 18 mmo wy owsord 2p omen v12859 242p vIMP UT 293 w o1mPOW 1 7 vssog rome OHI TNP SIePUH OTe SHuRSOH OBIT APP PHBH PY or ouaai1 OdWal Svia - 20 ojmysan ONVIW zz10z ‘8 ‘ouospow Ip RUODSIA FIA Leber/e N22 ms qa or PY Syuesi98 op eas 1 1 1 1 1 ONVUW 1p 17121109 u09 12p ornffn.qeu | ONWIW 2zi0z - BE “euoHpoW Ip AUDORIA ein | ONT OdWaL SVLF = TLA *? 75 LELEy/E WN 2/2 mms 1 i I! 1 1 l | i | i 1 ! I ' ot onvi ae ‘ouospowy Ip MWOOHA SIA ouagi OdWal S¥ia - 113 29 osm LeLey/8 N22 IR paeoop by opinose Tp ojuruossa, onuawossa4 um 1 DINABINY “Tp onmouvssza um sed ounaTog | opuaupagiyy 1p opanfinser \ \ pr201 00 I [oe doo ap onndess | op oymdoso | \ = \ ' = ene) a ! aurT = 117 | ! > Up) <7P ' \ \ \ WpIsog HUEZICD HOD Jep opAIes TTWVISOd IINZYYOD ILNOO Idd OIZIAUGS | newog naexog wae top ojareg oquauresiaa [ap a[esne> e| 0819} & axeaypuy JNALE E IN PIU’... @ LATESSERA SCONTO Discount Card: sconti interessanti SCHEMI TV Tutti gli schemi degli Solo L. 8.800 TECNICA Per ogni domanda tecnica una risposta privata in diretta a per i Vostri acquisti casa. in tutt'ltalia. @ CONSULENZA @ SERVIZIO apparecchi TV a di- sposizione a sempli- ce richiesta. estero L. 13.000) PER RICEVERE SUBITO ACASA RADIOELETTRONICA CON IL LIBRO DONO, GODENDO IM- MEDIATAMENTE DI TUTTI | VANTAGGI SOPRAELENCATI, DEVI ABBONARTI MAGAR! UTI- LIZZANDO IL BOLLETTINO DI VERSAMENTO RIPRODOTTO. QUI A LATO. Hymn re} aye) Lalu Vio tre OUlDSVisOd ISS0911 aus0A 9] 19d 2 yUsWE sod 9/9 uy ouauessaA [ap wiNADIH ey L’ABBONAMENTO smpysod u21s09 pu02 r9p rfp) mansodsy ap avd vp auorzozRsoyn9 myavud “oyurwvssen Ip unjay}0q e102 orsdosd 42d ssvdurnys 1p pyosf vy vysyuzss0> 11 ‘oanyadsiz uas09 1 ads ouos jyaprzue NED) auorzsodsip D 1p osauunu [9p 2u0!ze>;pu zB 2 ospuinu y! eZzax8IY> UOD opul ayeysod O/9 un viqqe 1y> 1p 24088} ¥ OBUDP Ip assauNLB auENVa}}9 J9d ODIMOUOD? TIE 2 aoyjduias mid ozzoui || 2 aquas409 ojuoa ut owouresioK |] AZNALYAAAY auowutian SS 7 9 21109; onpas 11 auorzvsado ayuaseud 0 odo ‘auopzpsado 4)2p N ‘ne21i6> U09 199 oPyINAE VOINOULLATa Olav ojsweuoqqe oAouuTY F ojwaueuoqqe oAonN C ‘png Buifa 2 wg Ip 2e08of © “epuawesios top ajesnes 97294 ofnods ATTENZIONE! Radio Elettronica HA CAMBIATO SEDE Nuovo indirizzo: Via Carlo Alberto 65, Torino Telefono: 011/513649 - 513702 ANCHE QUEST’ANNO IN REGALO A TUTTI GLI ABBONATI LA CARTA DI SCONTO DISCOUNT CARD 1977. NEI NEGOZI CONVENZIONATI, I PRODOTTI ED I PREZZI MIGLIORI PER I NOSTRI LETTORI. Ancona Elettronica Professionale, Via XXIV Settembre, 14. Avellino De Nisco Luigi, Via C.Del Balzo,103 Bagnolo in Piano (Reggio Emilia) CTE, via Valli, 16. Bologs Vecchietti, Via Battistelli, 6/C. Bolzano START «T» di Angelo Valer, Viale Europa, 28, Campobasso Maglione Antonio, Piazza V. Ema- nuele, 13 (Grattacielo). Catani Casa mia, Corso Malia, 162. Trovato L., Piazza M, Buonarroti, 14 Cosenza Angotti Franco, Via Nicola Serra, 56/60. Frosinone Piedimonte di San Germano Eletiron. Bianchi, Via G. Mameli, 6 Genova ELL. Elettr. Ligure, Via Odero, 30. Giarre (Catania) CARE, Viale Libert®, 138/140, Gorizia RTE. di Cabrini, Via Trieste, 101. 6 Gravina (Bari) Strumenti e mu Piazza Buozzi, 25 Iglesias (Cagliari) Floris Raimondo, Via Don Minzoni, 22/24. Milano A.Z., Via Varésina, 205 Buscemi, Corso Magenta, 27 C.A.AR'T. Elettronica, Via Dupré, 5 Franchi Cesare, Via Padova, 72 Lanzoni, Via Comelico, 10 Marcucci, Vie Bronzetti, 37 Modena Elettronica Bianchini, Via De Bono- mini, 75 - Via S. Martino, 39 Napoli Piccolo Antonio, Via P.S. Mancini, 23/27 Padova Vanotti, Via Roma, 49 - Viale delle Piazze, 34 Palermo MMP. Corleo, 6 Peseara Testa, Via Milano, 12/14/16 Potenza Pergola, Via Pretoria, 296/298 Priolo (Siracusa) Elettronica Maccarone, Via Rossini 6 Electronics, Via Simone Roma Elettronica Biscossi, Via Ostiense, 166 Musicarte, Via F. Massimo, 55/57 Radio Argentina, Via Torre Argen- tina, 47 Santa Giusta (Cagliari) Mulas Antonio, Via Giovanni XXIII Settimo Torinese (Torino) Aggio Umberto, Via Aragno, 1 Piazza S. Pietro 9 ena Bianchi Enzo, Via Montanini, 105 Taranto RATV.EL,, Vie Dante, 241 - Via Mazzini, 136 Elettronica Piepoli, Via_Oberdan, 128 - Via Temenide, 34/C Torino Pinto G., Via S. Domenico, 44 Morana “Ottavio, Via Villar Foc- chiardo, 8 Trento START «T» di Angelo Valer, Via Tommaso Garr Treviso Radiomeneghel, Vile IV Novembre, ina, Via Donizetti, 2 Conemtie res ene eae) GANZERLI .... Poe ECR MIME WORM el ORC aC) Arar Gi richiedete il catalogo tea levee] (3 ai distributori (. (7 Mecca 6 ANCONA aban roa pata Ce Pay Foo tea Pate Rice Freer a aie ony BOLZANO Fiza Te cae ancy eV Caan aco ay ane Pela ao Ce pate) ay Finenze ean a) fey ace) Foren Hiner aes LATINA. UPON a) ya Sotto onc) Eun Seen TD rc UO) Peer) Poe ater) Pa Stee NAPOLL agnor oy Piao actA meeaEy Coe ema} wes Pry eae ry Eeeb meat PESCARA eaprabeinters Festa) anny Ps ame) Picante tenia ron een Pen SEN anita m ny PA NAIND EO) ee Bru) peta ea cat TELERADIO CENTRALE boa fern besa at Paige TRENTO. Dain ‘ThEViso RADIOMENEGHEL iad Pees Ss biel eee COMPONENTI NOVITA’ ELETTRONICI occasiont acco materiali vari kg. 2 cltca Pacco 1/2 kg. vetronite 100 resistenze assortve, 25 rosistenzo alto wattagglo sssortite 15 trimmor por es. 2 W assortiti con perno in teflon @ @ 10 manopole piccole 2 6 10 commutator! a slit 1 testina registratore Geloso mod. Cr. 15 registrazione © cancellazione 5 NTC 390 Ohm 4 elegante borsello in Skay © vinilplle {0 valvole acortite Magnadyne 00 condensstori ceramict In mica argentata Penna per ia preparazione del circuit! stempati direttamente su rame kit per fotoinisione posto 1 fldecone a 'viluppo 4 Hiaecone a fotoresist Ventola a chiocciola Ve 55 Ventola tangenziale plecola Ventoia tangentiale grande Confezione arasso silcone gr: 25 rerperereeeer XA_ 2216 Monaltic Compandor,~ Compressore espansore delle. dinamica det Ghali BF, Adato' por impian al Alte Padeth © per ottenere registacion_perfots eo XR 2208 - Generatore di funzioni da 0.1 Hz a 1 Mhz. Distorsione massima 0.5%. I" mig ed I" pla versatile stualmente in commercios T6500 XA 4151 Convetttore Tensione.Frequena - Da 0 Volt a 10 Volt @ da 0 Hz a 10 Khe. Per realizzarevoimetr! ed ahmgetri digital!" In" abbinamento con un fe Guenzlmetro.Linesrth delle. 0.1%. Per” applcazion! professionall ed indus Util per realizare un moog ‘seenomica, 500 XR 2240 Timer programmabile - Per tempi da un microsecondo a parecehigiorn Precisione ‘dalle 0%. Ute per eallzare convertor! A/D. per sintetszatori at requenca 04300 ICL 8211 Rivelatore di calo di tensione rispetto al livello prestabilite. L250 IL 8212 Rivelatore di aumento di tensione rispetto al livllo prestebilito Entrambipossono essere usatl come: 8) precisiriferimenti di tensione programmable 1) Zener regolabll con continuitd mediante un parttore da 2 30 V €} regulator! serie © regolateri shunt ai tonafone 4) Indicator precist i minimo e di massime ©) generator! dl corrante costante Radiator! - Cavi RGB, RGSE - R, L, C - tr parlenti HI-FI - Transistor » Darlington - Richiedete Il catalogo-listing. mer, potenzlomett, manopole - Aito- TH, MOS, ECL = Connettor! eee. ‘TRASFERIBILI -MECANORMA 10 striscie L. 1.800 al rotolo L. 1.800, Richiedeteci | cataloghi Mecanorma e listial COMPONENT! ELETTRONICI OROLOG! E CRONOMETRI MOS-L8I 1M 4001 B = National - Modulo cm. pleta diglt = radio clack L. 15.000 MHL SSH © Nationol 28 pin 86D mal tiplex 6 dit 18.000 MMP S314 National 24 pin BED mul lex © digit 9.00 Mk 50250 ‘Mostek 28 pia, multiplex 6 digit 24h Allarm. L. 12900 MK. S817 * Mastek 24 pin - multiplex S6 git 9 version! Ls 26.500 tei. 7205 © Tnterll Crono” 2 pln rmox 3 fusion! 6 digit. 30.000 Uh 7045 * Intersil = erono’ 28 pin mix fungion! @ digit 1. 45.600 Av 5 1226-GiE wight mux . ‘CowTAToR FREQUENT TITORL A mK, soozSy Mattel Contato 4 digit con dspiay decoder L-16:00 MK. 3009". Mostak base teipl car foron 6 pin'DC + Mids 25,000, tem. "7208 °° intersil Contatore Chine ? dig 26 pin TVA L. 36,000 ICM. 7207 - Intersil - Base tempi per 7208 14 pin + VAL. 9.800, LD.110 - LD-111 - Siliconix - Copia Convertitore AD -+ Contatore -3/ 11/2 digit - Mux L, 30,000 8052-7101 «Intersil - Coppia Con: vertitore AD - Contatore 3 1/2 di- git Bcd L. 3.000 3814. Fairchild - Volmetro ‘digitale 44/2 digit 1 25.000 MULTIFUNZIONE M282 - Generatore di ritmi L. 10.000 024 - Generat.per organo L. 14.000 8038 - Generat. di funzione L, 5.000 555. = Timer C4200 586 Dual timer LL 2400 41 C 990 - Proscaler + 10-11 650 MHz L. 19.500 VAA.170 = Pilota 16 led per scale (4.500 OPAMP - quadruplo t 1.690 L324 - OPAMP - quadrusio t Orologio 16 pin 4 L, "6.500 LM 3300 4.000 NE.S25 - FET - OPAMP — t, 6.000 'SN.76131 - Preamplificatore stereo L800 ma 739 - Preamplificatore stereo L. 1.800: T8XX - Serie regolatori.positivi iL. 2.000 79XX - Serie regolatori negativi "2.000 FCD.810 - Foto isolatore 1500V L. 4.200 Fs Microprocessor - Fairchild L 250.000 Cee ene Sr Scere ee Gee Macc Se) Cea ae Perri neat Spedizione: contrasseano - Spese tro Scr eee STM oR a cn Neri eD via Varesina 205 20156 MILANO - @ 02-3086931 KITs AZ KITS vengono forniti complet! di clrculto stampato FORATO e SERIGRAFATO, CU ee iene aie Ta a ee erred Encore pait Visualizza In ogni, istante lo stato della batferia dell'auto, con 3 Indi- cazionl; ted verde: tutto bene, Led Giallo: ‘attenzione, Led rosso: per! Colo. Alimentazione 12 V30 mA, KIT L. 5.000 Montato L. 6.000 Az 3 INDICATORE DI CARICA ‘ACCUMULATORE, AUTO. Microamplificatore con TAAGI1B = Alimentezione 6-12 / 85-120 mA. = Pu efficace 07-15 W su 4-80. = Dimensioni 40 x 40 x25 mm KIT L PREMONTATO L 3.200 4.000 Miniamplificatore con TBAS00 = Alimentetore 6-24 Vf 70-200 mA = Fu efficace 035-8 cu 8160 = Dimensioni 50 x 80 x 25 mm Kir Lu PREMONTATO L 4.000 5.000, ‘tipo 337 a8 Potenza 242W 4b 4W VAlimentatore mona mat ona 1 alim ‘ei8 0 816.0 Kit L. 7.000 8.600 Montato L8.000 3.500 INDICATORE DI BILANCIAMENTO STEREO AUTOPROTETTO Utile per il bilanciamento di ampli ficatori di potenza da 2W a 100W RMS. mediante regolazione interna, Dimension! 40 x 20 x 55 mm KIT L. 4.000 PREMONTATO L. 5.000 AZWUS INDICATORE D'USCITA AMPLIFICATO STEREO ‘MONO Progettato per uso quale indicatore di tensione duscita per preamplifcatori Alta Fedelta pud essere ottimpmente utilizzato come VU meter per amplilicator! i potenza. Sensibilits, per la max deviazione, da S50 mV 2 250;V off: 900 W ‘su 8.12 Alimentazione maggiore di 8V cc. KIT mono L. 5.000 montato L. 6.000 - KIT stereo L. 10.000 montato L. 10.000 AZ MM1 METRONOMO MUSICALE con 555 KIT L, 6,000 Regolazione continua del tempo dt bettuta da 40 (grave) a 210. (pre- Stissimo) - Indicazione acustica 2 LED - Alimentazione 6 12V / 1 25mA max Dimension! 60 x 45 mm ea” dottissime dimension’ tanno in modo che se nascosto opportunamente ud captare e trasmettere qualsiasi suano 0 voce. 7.000 vi 205 20156 MILANO - @ 02-3086931 PINZA PROVA CIRCUITI INTEGRATI Permette un facile accesso ad ogni pie dino = Risolve | problemi di prova con ‘ogni tipo di sonda - Evita il pericolo di danneggiamento deglt integra. ‘modello fire 9.500 Tors 5.940 Te16 6.220 0-16 LS111.720 Te1s 13.70 To20 15.130 To2 15.130 To28 18.100 1028 19.940 10-36 26.050 To-40 27.450 Tos PIASTRE PROTOTIPI cl. tire 8 24.730 8 37.800 12 325600 12 45.650 1861350 2 400 35 LEDs DIGIT MULTIPLI 7 display TEXAS lente bianca rmultiplexati - catodo comune 12 display TEXAS lente fossa 9 display piatto rosso 42 display PANAPLEX gas = Forniti con schema collegamenti Disponibilita display Fairchild. Op oa, National, Litronix. L. §.000 meee) Pee aC Ca ne Dees Con aS Meco is Benen nitty Lage AMPLIFICATORI COMPONENTI ELETTRONICI INTEGRATI S.p.A. Viale Bacchiglione, 6 - 20139 MILANO - Tel. 5696241.23.4.5, ‘CONDENSATOn! a0.C1000 so) COMPAGT corset C/0 (m0 Guerouricn 88. am 2 | couact cassette C90 U. soo0 oe rf 190 une AALIMENTATORI con protesione elettroniceancigcito Me 2 ¥ 70 ep-croud /2000 2000 fegolablli; daOv2 30 Veda S00 mA'e 45 AL, 20000 1 ome 2sv a | Sravcvoud i | dale a 30 Ve ca S00 mA a ZA 0000 {ome sv 1 | Se alongs dh 6 2 Ve da S0OmA 245 A © 000 3 me too 100 | connotite cao | ALIMENTATORI 2 4 tonsioni 6759-12 V por man- dame ev | | Save 203 | Slanesnrrangiadsch regiatrtor_ece 2000 2 me o if 300 Ne trazione Lesa, agme ey g Bao C1500 oe TESTINE 31 canceliasione © registrazione Lesa, | ar mes Y a | Bj ceeee 302 | Getoso, Castel Europbon "tn cop athe oy yo | Bieo.csao0 183 | TeSTINe K 7 = fe coopia L950 is re ‘500 | TesTiNA sTEREO L700 3 OMe ay Be | socio 250 | Tesrina auabnironica 1300 1 omeasy ® | secs 80 | MICROFON! K 7 © vari 2600 19 me oS ogo 4 0 6 om. 0 var 3g ome hy 09 nEcoLAToR! POTENZIOMETRI perma lungo 4 0 8 iL 20 Bom ay © STABILIZZATORI 15 A POTENZIOMETRI con intertore Lo B om iey ‘e “RO. ‘ine | POTENZIOMETRL micron senza interattore m0 a i LM340ks 2800 micron con interruttore radio. 15¢ 2 mF 350V 400 Untaaok2 Fl NaN Ieee te Lom Beam v So | pists 380 | porENzIOMETAI micromignon con interurtore L220 2 men fm | thei 2600 | _TRASFORMATORI D’ALIMENTAZIONE BD meso V 30 ros 3502 | a0 mv primerio 220 secondario 6 V 0 7.5 Vo 5 mF 350V 500 fas 2200 ovo my L. 1500 Beomr ev mo | Jie Be +A primate 220 V secondario 9.6 3v tt 2300 io" mee v wo | Tes 0 1A Srimare 20 secsndario V0 "bY 023 [3300 180 Me a8 V fo | fle B00 | sop mA primate 220 V secondarlo 754.73 soo 190 Me SY ao | i 200 2m brimario 2 V secondaria ab Vora VC dene 130 me amy | Sop ZA Bilmatio fy seconaaro fe Vovevozv C. San0 {0+ it mr 280 V 1003 DISPLAY E LED 3A Bimase z20V Seconaario 124-12v 9 2000 me 12 V 120 TIPO LURE 15415 V L 3800 wo meV zo | teal east a 4A primario 20 V ascondario 15415 V 0 Bo me y ao | (ed ver on in Vo av L. 7000 ome v ia) | tee Bianchi ca a me BY wo | tet gait & | wwrecran piciraur cosmos ome ay zo | Frnt zoo | 11 URE TIPO) IRE TIPO LR one Y mo | Noir zoo | tooo ton dno aes 00 20 me SOV oo | ENDeao soo | fm = tm ago armpit BO ime fey mo | gwar woo | ice = ato oet oo. dtu, Sna Bo meV 450 | trot’ (con schema 300 | Mitesh duce oon ago 0) tome IY io Icatont ‘oor oy 4023 00 40st 1800, ome ey is AMPLIFICATOI a nr soo me eo TIPO URE 4009 600 4025 400, 4053, 1600 30 me Sv a De 1.2 W a oV 4010 1300 4026 ‘3600 4055 1600 go me oy 50 con TAAGIIB Testins anit 400 4027 1200 4065 1300 Boome ay 20 con SN 7601 1800 4012 400, 4028: 2000 ore 550, 1000 me 18 = Da2WagV 4013 900 4023 2600 4075 550 1000 mE 25 aso | magneton nco | ore oto tango ome 0 1000 me 80M (£30 Da 4 W a 12 V con 4015 2400 4033 4100, ‘STAGNO- 20 me tO 1000 TAABIIC testina 4016 1000 4035 2400 al Kg. L. 8200 2000 me 18 Ve 3 magnetica 3000 4017 2600 4040 2300 wo mezy 500 | DeNaeWso/ss v_vamoo | fora aw foe 500 2000 me 100. 2000, Da 3030 2/40 V COM. 00 38 A 400 V 1000 “ALIMENTATORI Zao mee Yao | Bregman, PA ioy ‘00 STABILZZAT 00 me BY oo | Dest 2 core 8 Amy 19 Hp, une Seq me 25 V 0 Gscluso tasformatore 19000 3 A 300 209 EC ny 300 me 80. V 1300 See rr ‘— 85 A 400 V Wooo Da 2S Az V0 ‘3000 mE 100 V 2500, 6 W senza preampl. 5000 8 AMV 17 SV eY 4500, 4000 me 25: V 300, 10410 V 24+24 com. 85 A 600 V 1800, mee A omv fom me wy 140 | plato alimenatare 8 Aan Y Bm ow VOR’ sam 00 ine SV 1 fo Aa y ‘ace 4700, mF 63 V 1500 elisa srasformatore 16000 40 A 600 V 2200 UNIGIUNZIONI 5000 mF 40 V 1600 Amplificatort 10 A 800 V 3000 TIPO. URE Stoo mr sv test i Aaov 00 lize yes 200+ 10049025 mF B Agwy moo NS $003 ‘0 soo | fore 6 con S Aomy ren 3N2IGD 0 RADDRIZZATORI fscluso. tre As Vv oe ase 19% 1iP0 uae sformatore 40000 120A 600 V feseo | 240 a sapcao 18 | Gonmaves’ decimal 2000 | ay Soau'y coon FS, me fecio S| Sacre: | BBA SY oan ite 3 003 B30. Cis #0 Aste filettate con dedi 150 BTIN9 3200 ‘ZENER Ba0-cr200 ! Bri0 BO da 400 mW 2 a0.ct009 So] MH Q§OR RE | ress BB tw 3 Ba0-6200/2200 fo | 1s AIey me | era SB 2 W i fan 00 woo | TSA soy | ey So Bea W 12 ATTENZIONE: 224 20 sm Sons so Aine oi evitare dieguid nel evasione deal orn. si prege di $3900 So Scrvere ‘io Stampateite nome ed indriao gol commiterte. eta 8 301 80 © CAP. In calce al'ordine fion si dcoettana ordinaslont inferfori @ L. 4.000; escluse le spese di spodizione. Richieders qualsies material CONSULTARE LE ALTRE RIVISTE SPECIALIZZATE. Fornlamo qualsiasi preventivo, dietro v flettonico, anche ‘se non pubblicato nella presente pagina smento anticipato di L. 1.000. Aumento globale del 3% incluse le spese su tutta la merce 7 prezah indicat ono esclusi di IVA incurs | Tipo Lune | suvace ‘soo | Sureon 1900 | TAASIO 2200 | TBATSO 700 invecrart | Lish ‘oo | SNias0 300 | Swreacs —Za00 | TAASeD ‘so | TeAteD 2300 ipo! tune | S335 ‘90 | Shrast 500 | Svrevis 2000 | Taaaeo too | TBa7e0 ‘co Asis 200 | S388 2200 | S83 sto | Swtesss —Zo00 | Tanase Stoo | ToAz90 se00 Eacoe oo | Svicee 2000 | SNH08 S00 | Swresee a0 | Tanaso ‘ooo | TBAB00 0 Eaaoas zona | Swisssr 2000 | SNrac0 Seo | Swrecoo 2000 | TAASSD moo | Tpasios 200 casos 300 | Suissee 200] SNrara fo | Toazeso zon | Taasro zam | Toaszo ‘00 aso Zon | Shtao0 ‘oo | Swrare 00 | Toassso 00 | TaAsre {ooo | Teasco 2400 Gaooss gan | SNH ta | swrars fo | Tasso a0 | TaAGrip 1200 | TBasao 2400 Gass on | SNT402 ‘oo | SNT476 foo | Tasso S00 | Taasri eon | TBAB 3500 GAsoas foo | shra09 00 | SATB) sooo | Snréeeo 200 | Taasat 3000 | Tasso za Sass om | SNA08 500 | S63 sao | SNraioo 00 | TAASO ooo | TBAro 3500 Sasose fon | SN7a08 50 | Swraoe foo | Sarat 20 | Taasto go | TeA2ao 3a GAcoo 2aoo | Swra08 ‘no | sures feo | S\ratioa é30 | Taco aon | TCAato 2400 Sasoes Sooo | Suracr i | Sura66 sao | SNrahas fo | Tasssia fm | Teast 200 Ease 2a | Suraoe ‘0 | Sura soso | SNiaHos San | Taaria 2am | TeAGo0 00 Eaaoso Soon | Suet0 550 | SN7400 tooo | Swratios 630 | Taaror ‘00 | TGasio 00 ame is00 | swraia fo | Swrase Hoo | S\ratito S80 | Taagro zano | Teaco 00 703 tooo | SN45 ‘3 | swrasa too | Suratzo 0 | Tazo “oo | Teas 00 ual anne soo | Sree és | shrase oo | Neat 30 | Tee258 ‘soo | Taste 0 wane 3 | Sunair 650 | Sura soo | SNratao 30 | Teese foo | TAs 200 ua SNe 5 | SN7408 sioo | SNrini0 G50 | Taaiz0 foo | TéAse0 Bo bart soo | Shes | Swraras ooo | SNvanso © Sa0 | Tpazet fo | Toaseo oo nares 50 | sh7490 ‘oo | Swiaiss noo | Suranst 30 | Tease ‘oo | 308 ‘eo se am | Stage foo | Svisise = rp | SNH 650 | TBAz40 2am | 3310 200 tras smo | SNTAST fo | Svrcies ooo | Swratier anon | Temas; 2o00 | SAS3H0 200 7 ‘ooo | sNTEO Soo | swvaies aso | SNraitiea oo | TBazrt 200 | SASSO 200 us Sureat 800 | Svruior Zana | SNFaLO0 “a | TBAgtt zam | SA8800 Bon a4 4000 uA Suraiat soo | Swraiae ano | SNTAL2H 730 | TBaK00 2am | SAS300 20 wan ooo | Swraee sooo | Swraiss aon | SNratSe ‘oo | eae 2am | SAtte0 300 ase 00 | Swraes {oo | Swraiss Bano | Swralss ‘ao | Teatco gam | Sz = ‘20 sooo | Shes sso0 | Swraisr Bao | suoacsio 700 | TBAaeo Zan | S213 jt00 Ht Sooo | SNraas oo | Swraise 2400 | TPO une | Teasio Zoo | Icisoss 00 tae {00 | TIPO. ike | 30. Cine | Sarasisa ooo | TBAszD Zaoo | S540 ‘S500 tio tooo | Sx "200 | Shrisee ton | Taare! on | Tass Zao | shasese “200 Inst sooo | SNe? iso shvaiso 200 | Tanta ‘oo | TaAsio zion | SNeseet 2800 TBASS Za | Suze 2o00 VALVOLE Toasso too | TaArrs 30 re ure | reo. tune | 11° une | Tio une | Teas Boo | SN7A48 300 Drar ‘a0 | Eta 00 | Push "oo | esn7 ‘0 | Teasoo fou | SNraiee 500 Brave 00 | Eta0 ooo | 82 ‘800 | seer foo | Tessar soo | SATS aon EAac0 ao | E05 4000 | uss ‘00 | sce tooo | Tipo. Gae | Suretss 00 E86 sooo | E505 too | use 50 | eco 400 | Toss: Soca | SNieie0 4309 Eee {ooo | Etsoe 2000 | Plas 1000 ocr 350 | Tearie zam | SNL {800 Eceeo tooo | EXet ‘00 | Ptsoe {ooo | 25868, aco | Tears zo | SNréte2 —j6a0 Ecce 00 | Exes {200 | Ptave 1100 | Soe te00 | Terao Zsa | SNivis dm Foca fo | EM? 4209 | P1305 ato | Seas 4009 Snisiss eon Escss fo | Ever oo | PL So SNraiss i600 Foca 00 | E¥8 to | Pee 00 Taine anunaton | SN7e170 toa E69 250 | EVES to | Pye co | riro, une Snr 1600, Eoo8s soc | Eve? 00 | Pye ato | 1" soo v “300 | rip0 une | SNrait0 80 Escieo {ooo | EY6S 00 | P55 a | 4A soy 1290 | Boro gaa | SNraise = t200 Ecoas ‘oo | Pose 1080 | Pys00 somo | 8A a00 V 500 | Some Beo0 | SNraisa 1500 Era. 0 | POs jogo | Usa: oo | 6” A ooo V o00 | bya Seco | SNraies 1300 Fore 0 | Pow "30 | UCHEY go | 19 A Sw Jeo | Boxee Zao | snieios = tsa0 Ecraot 100 | F000 1060 | Osta sto | 10 Aaoo V iso0 | Boos Soo | SNraio8 300 Ener ‘mp | Bocas foo | cess so | ‘> Asm Ze0 | BBm00 Zoo0 | TeaGro 200 Foues 1000 | PoCi9 ‘gee | Getae tooo | 18 S00 ¥ 3300 | Tineoor oo | TARO 0 EChae {oe | PCED ‘0 | Ucar 400 | 13 & 690 ¥ 00 | Tove ‘soo | TBAreo 2500 Foleo {oon | Bore 850 | Ulae ‘amo | 25 & Soo ¥ 2000 | Tievat {00 | Teasoo 200 Ecise ‘0 | PC200 #20 | Uva ss0 | 35 A ooo v tao | Tie35 {800 | TBarsoo 2200 Bard fp | Poraor ‘a0 | es sioa | 4 400 V deooo | Tiga 7 | tearsis 2200 Eolas soso | PCFeD! ‘goa | 1X28 ooo | 49 & soo v 0000 | Tieras too | Bbxss ‘00 Eolas {ogo | Pcrene 180 | Sus ‘200 |100 A soo ¥ aooo0 | Tiosae 4800 | Boxes {200 fag ‘oo | PCOS 20 | 5x3 200 | 199 80 Vow | Tipiar {800 | TAAsro 2400 Eres 00 | PeHzo0 sso | Sr Yao0 [100 A too0¥ 9000 | Tes 2am | yard 2a Eres 00 | Pctee 220 | ona 00 Tipe am | tree ‘00 Eres ae | Poise 00 | Gara 1889 |_twasronmatony | 1pi3) 2200 | Yexean fom Ee ‘no | Pets se | a0 seo | rip une | Tips Zao | TSA, 2am Ero eo | Pousts see | Sats 200 [10a ev 15000 | Museo Stoo pate Ese sao | Bet200 ‘20 | Bes ‘00 [10.4 aay tao | Mase Stoo Jecime to £138 Zeno | PLss ‘00 | 8685 goo 10 A av js000 | Masooo oop $e0ue 25806 ooo | Poste 000 | 25K 100 110 A 2s+'asv_r7oo0 | Misoo1 sip eas URE ioor TiPO. TIRE] TIPO, URE | 7120 une | Teo tune | AerroK 0 Byi89 10 | B05 380 | TNbos 50 | Mewssic ‘ao | AGras 250 | AGi80| 20 Byis0 {00 | Ba108 350) Neos feo |Mewsric i800 | Actas 30 | AGie0K = bya {ooo | B82" 350 | taser 70 | mertoe mo | Acizt 450 | Actes 2 Byer oo | 88122 550] Oare 20 | 2Naezs too | AGI2T« fe | AcionK = Byes 2200 | Btat 380| Gast 109 | 219 ‘oad | Actas 2 | Acres Ey orsts ‘oo | ata 550 | Oats 400 | 2Nae20 1000 | AGi2a« 5 | Acioax 50 Avice {oon | 8103 300 | Oas0 '90 | geo {soo | Acie 30 | Actask 39 Avi "0 | Bys09 220 | ast 0 | avant 2am | Aci3s 230 | Actes 20 ‘vio, ‘no | vite 220 | Ono 80 | Ensue too | AGIS6 220 | Actor 20 Avis | Bvt 0| Rate oo | 2Nsisr mo | A138 30 | AGIs Ee figs so | BYi28 30 | RANT | aNsase foo | AciaaK 550 | ‘Actes 20 Batoo ‘io | Byiar bao | AALS & | fora seo | Aci3e 3 | Acien 0 Baio so | BY ISS bao | RAND 0 | anise ‘00 | Acie 350 | AGreaK So Bana oo | Byi89 300 Fer Sua 400 | Acie 20 | Acieo 20 Baizr ‘oo | 8¥90 ‘00 | ipo ue | sNier 2000 | AcraiK 5m | Acist 20 Batza {00 | svice ‘0 | Bo254 00 | SN202 ‘soo | Aciaak so | Acie 230 Baie ‘wo | By208 220 | Sez240 709, piac Abist 250 | Acto5 20 fats0 400 | Tat 520 | Sesoer ito | 110 une | Acise 50 | Acto4 230 Bale wo | Wie ‘33 | bee 700 | dawn v “0 | AGIs 2 | Actes Bo Bates 350 | TV20 ‘0 | Beas oo | bas V Soo | AGisaK m0 | Actoak = Bat73 550 | Thee ‘00 | Broa E50 | °semicondutior, | Aci60 2 | Abo a0 Baie fan | Nate ‘| Bret 50 | anos 00 | Actes 233 | Abia oo Bai $0 | Nos ia | Bewio 100 | Niaz 00 | AcrrsK ‘eo | Abie 0 88105 ‘0 | Naan ‘20 | Bewit 0 | autoes 40 | AGrraK Sp | Abts 0 TO. Abts ois Abus ‘Abiso Aiss ABIor Abie URE Late ects bens Bou Bew aoe Bews Bevo Bexat bora berg 80507 Ber Bra Be bron Brose e235 Brat Pca maine auizee ae Nios Mr ie Bisse ons aie NT me90 Team Tears Taarso Teavara Teaaaa0 Toa Teneso ‘Teneo Toazeeo onze) toaze20 Tonge Tags Tbataao Tato Tomo ‘ins eat Bao yt 450/12 2503508 E IN EDICOLA a IMOTORI FUORIBORDO Ieee S\N ome RCT eo!) DUE LIBRI ECCEZIONALI SUI CIRCUIT! INTEGRATI lori - Pagg. 436 - Figg. 481 - Tabelle 46 - Formato 17x24 - Prezzo L, 15.000 (Compreso Wa). PRINCIPI E APPLICAZIONI DEI CIRCUIT! INTEGRATI. LINEARI di H. Lilen Contenuto: Panorama della micro-elettronica; Tecnologia; L'evoluzione degli schemi con integrazione; | circuiti differenziali; L'amplificatore operazionale: Analisi di alcuni schemi di amplificatori operazionali; Compensazione in frequenza; Gli amplificatori a banda larga e a banda stretta; | compara. tori; Alcune regole per impiego dei circuiti integrati lineari; Misure sui circuiti integrati lineari; II rumore; | circuiti integrati_ a MOS; | circuiti integrati a film sottile; Schemi fondamentali; Circuiti con diversi tra- sduttori; Funzioni elettroniche semplict; Circuiti classici per comparatori; Schemi diversi; Alimentatori stabilizzati; Telecomunicazioni e applicazioni ai beni di consumo, ‘CRCUITL TEGRATI Copertina telata lino a colori ~ Pagg. 456 - Figg. 478 - Ta belle 45 - Formato 17x24 - Prezzo L. 18.000 (Compreso Wa). CIRCUIT! INTEGRATI NUMERICI di H. Contenuto: \ circuiti integrati e i loro parametri: Le porte logiche: Flip-Flop; Le porte DCTL, ATL © RCTL; La famiglia DIL; Le famiglie TTL (dalla TTL conven- zionale alla Schottky); Le famiglie ECL: Dall'isolamento dielettrico ai sub strati isolanti (SOS); Circuiti integrati MOS monocanali (PMOS e NMOS); | MOS complementari o CMOS; Circuiti J-FET e FET Schottky; La logica bipolare a iniezione (FL); La logica a isolamento per diffusione di col- lettore (CDI); | dispositivi a trasferimento di carica (CTD): CCD, BBD SCT; Metodi avanzati di produzione - Beam Lead e Flip-Chip: Appiicazioni ai combinatori; Circuiti sequenziali: i contatori; | re tura statici e dinamici - Funzioni MOS dinamiche; Le memorie RAM; Me- morie per sola lettura o per lettura maggioritaria: ROM, PROM, REPROM, CROMM, RMM ¢ loro applicazioni; Altri tipi di memorie: associative, silo, a nuclei magnetic! e CCD; Funzioni e applicazioni particolari dei circuiti integrati. len EDITRICE IL ROSTRO Via Montegeneroso, 6/A - 20155 MILANO Desidero ricevere: ( «Principi e applicaziont dei circuiti integrati lineari » in contrassegno di L. 15.000. Ci «Circuiti integrati numerici » in contrassegno di L. 18.000. Nome e Cognome ee Via 7 CaP, a citta Re La NIRO audio dynamic system annuncia la propria presenza alla annuale “Fiera Campionaria Internazionale di Milano” e Vi invita alla presentazione ufficiale dei nuovi modelli presso gli stand n. 552 e 553 del Padiglione RTV Reet cr aes se ier eens oo na audio dynamic system Meo Eat ie NRC Le NF Le Le La sintoamplificatore IC FM stereo re 20 W aqmiTkon UK 188 in Kit L 133.000 UK 188 W Montato L. 185.000 IN venorta presso Turve ve seo! SEE LA STAZIONE C.B.+ROGER... ROSMETRO-VATTMETRO vi permette di tenere sotto controllo la vostra antenna Ml wattmetro misura potenza fino a 100 W. Mod. « 27/120 » AMPLIFICATORE LINEARE «CB» con preamplificatore d’antenna, Da stazione base potenza: AM 300 W - SSB 600 W Mod. « Jumbo Aristocrat » MATCH - BOX Accorda perfettamente Vimpedenza dell’antenna a quella del ricetrasmettitore ’igliorandone il rendimento. Mod. « 27/422 » COMMUTATORE A TRE POSIZIONI con carico fittizio. Potrete usare tre antenne per il vostro RTX-CB; sulla quarta posizione si inserisce un carico fittizio di 5 W. Mod. « 27/113 » PREAMPLIFICATORE SINTETIZZATORE DIGITALE D'ANTENNA per ottenere con il vostro guadagno oltre i 25 DB: ricetrasmettitore 100 canali CB. facilita i DX. Con indicatore Applicabile su tutti gli RTX. luminoso di trasmissione Mod. « Stratos 2000 » Mod. « 27/375 » am fa C.T.E. NTERNATIONAL Presente alla Fiera Campionaria di Milano BAGNOLO IN PIANO (REGGIO EMILIA) - ITALY Pad. 33 - Salone Il - Stand 541 UN VALIDO STRUMENTO PER IL TECNICO ELETTRONICO! IL LIBRO NUOVO PER CHI VUOLE INTRODURSI NEL MONDO DEI MICROELABORATORI guida per la sostituzione dei circui integ editrice it rostro panarlio Guida per la sostituzione dei circuiti integrati di G. Panarello Lo spirito di questo libro @ fornire un utile e pratico strumento di lavoro ai tecnici, progettisti e a tutti quelli che si occupano di elettronica, che eviteranno cosi il di cile e oneroso lavoro di ricerca per le so- stituzioni. Di 1200 circuiti integrati principali sono stati trovate circca 25.000 sostituzioni. Copertina a due colori - pagg. 181 - formato 16x21 - prezzo compreso IVA L. 8000. EDITRICE IL_ROSTO Via Montegsneraso, 6A 20155 Milano I | Vooliste spedizmi il volume «= Guida per Ia sostituzione det | ireuti-Inogratt» tn" contrassegno. dl L."9000" al seguente Ininaze | Nome e cogsome | Intvia0 | | 1 cap cima Introduzione ai microelaboratori di M. Molinari Lo scopo di questo libro é di presentare le strutture fondamentali del microelaborato- ri; le metodologie ed i supporti necessari allo sviluppo del progetto. Il primo capitolo descrive I'ambiente tecno- logico in cui sono nati | microelaboratori La discussione parte sempre da problemi di progetto per descrivere prima la struttu- ra del microelaboratore (cap. ILIV), ed al- largarsi quindi ai problemi delle memorie (cap. V e VI) e dei circuiti di 1/0 (cap. VII). Il capitolo Vill riguarda i problemi dei supporti necessari allo sviluppo del proget- to, ed il cap. IX @ un riesame dei preceden- ti con una discussione completa di un pro- getto. Copertina a 2 colori - pagg. 113 - formato 17x24 - figg. 71 - prezzo IVA compresa L. 8000 ra in | eDITRICE IL RostO Via 'Montegeneroso, 64 - 20155 Milano | Vogtiste spedirmi 11 volume « ntroduzione ai, microctabore- | font» Im contrassegno gi 1. 8000" sequente Indirizo: | Nome © eoanome | Indiriazo 1 | | CAP ca | (da staccare epedire in busta chiusa) w LS secre ¢ ote oe E) 18 MACCHINA PER SCRIVERE M S P 42 Carattere Pica, 42 tasti - Battitura molto veloce Nastro di seta, con fori cambia-direzione - Reggi fogli - Marginatore - Tasto sblocca rullo - Tasto ferma carrello - Carrello. lungo mm. 245 - Completa di coperchio - Dimension 320x320x190. Prezzo L. 46.200 CALCOLATRICE BROTHER 518 AD r= FT a |g BO CST Etre titel a Tl LEME RT RIPRODUTTORE STEREO DA AUTO CP 7090 Potenza d'uscita: 2x5 W. musicall - Risposta di frequenza: '50 - 8000 Hz. - Controllo del volume, de! tono, del bilan- ciamento - Cassetta piccola tipo stereo 7 - Tasto per avanzamento veloce del nastro - Alimentazione: 12 Ve.c.~ Dimension: 115x155x50, Prezzo L. 27.800 — 8 cifre - 4 operazioni fondamentali - Canceliazione totale e parziale - Radice quadrata - Pi greco = Percentuale - Calcolo reciproco - Calcolo inverso - Elevazione al quadrato - Inversione di segno - Virgola futtuante - Memoria negativa e positiva - Timer di speg mento automatico dopo 30 secondi per un minimo consumo delle batterie - Alimentazione: 3 Ve.c. (presa alimen- tatore estemo) - Dimensioni: 78x140x22. \ ‘CALCOLATRICE BROTHER " A 508 AD 8 ciffe - 4 operazioni fondamentali - Co- stante automatica - Vigola fiuttuante - Cancellazione totale - Memoria negativa © positiva - Percentuale - Radice qua- drata - Pi greco - inversione di segno - ‘Alimentazione: 3 Vc.. (presa alimenta- tore esterno) - Dimensioni: 78x140x22. Prezzo: L. 18.400 BROTHER CALCOLATRICE \ 408 AD : 8 cifre - 4 operazioni fondamentali - Costante automatica - Virgola futtuan- te - Percentuale - Radice quadrata - Pi greco = Cancellazione totale e par- ziale - Alimentazione: 3 Vcc. (presa alimentazione estermo) - Dimension 78x140x22. Prezzo L. 15.000 CALCOLATRICE BROTHER 708 SR 8 cifre -4 operazioni fondamentali - Costante automatica - Virgola fluttuante - Memoria - Cancellazione totale & parziale - Calcoli composti - Radici quadrate - Elevazione {al quadrato - Funzioni trigonometriche - Funzioni trigono- metriche inverse - funzioni esponenziali - funzioni iperbo- liche - Funzioni logaritmiche - Alimentazione: 3 Vc.c. (presa alimentatore esterno) - Dimensioni: 78x140x22. Prezzo L. 25.800 CALCOLATRICE BROTHER 712 SR 8 cifre + 2 esponenziali - 4 operazioni fondamentali - Costante automatica - Virgola fluttuante - Memoria - Pi ‘grec - Elevazione al quadrato - Radice quadrata - Eleva~ Zione al cubo - Radice cubica - funzioni trigonometriche - Funzioni trigonometriche inverse - Funzioni iperboliche - Funzioni logaritmiche - Funzioni esponenziali - Funzioni fattoriali - Conversione delle coordinate rettangolari Calcoli reciproci - Cancellazione totale e parziale - Ali- mentazione: 6 Vc.c. (presa alimentatore esterno) - Dimen- sionl: 90x158x26. Prezzo L. 39.800 emaUromeiare1ae](e) Superpila é la tua energia Pile corazzate uso universale, pile alcalino-manganese, accumulatori ermetici ricaricabili al nichel cadmio. Rigorosicriteri di ricerca scientifica, profonda esperienza e severa specializzazione, fanno di Superpila l’energia pit sicura per tutti i tuoi apparecchi, anche i pit sofisticati e preziosi. Superpila é la pi: venduta in Italia. Puoi trovarla sempre la dove ne hai bisogno. SUPERPILA la potente che dura nel tempo elettromeccanica ricci 21040-Cislago (Va) via Cesare Battisti 792 tel, 02/9600672 COMPONENT! ELETTRONICI KITS distributore per zona Brescia: Fototecnica portci dieci giornate Brescia oscilloscopio 3” SMHz solo montato L. 200,000 voltmetro 3 digit e 1/2 con cambio di partata da mV a 1000V ; - oe So % ee mos/Isi per orologi e contatori INTEGRATI TTL INTEGRATI C1/MOS INTEGRATI MOS/L.S! (OPTOELETTRONICA, MEMORIE ~ ROM/ PROM/RAM/EPROM TRANSISTORS TRANSISTORS GIAPPONES! STRUMENTI «irs MINUTERIE CONDENSATOR! RESISTENZE DOCUMENTAZIONE TECNICA SCR TRAC contasecondi a predisposizione per uw 14 OROLOGIO « CIFRE \ e000 Camera oscura INK 80280 OROLOGIO 6 CIFRE CON SVEGLIA L000 {3817 OROLOGIO 4 CIFRE CON SVEGLIA C700 17002 OROLOGIO 6 CRE / CALENDARIO / 36D 12000 7004 OROLOGIO 6 CIFRE/ CALENDARIO L 12000 INK 5089596197 CONTATOR 6 DECADI 20000 int L. 87000 montato L_98000 orologio 6 cifre con sveglia integrati funzioni speciali LD 10 11 VOLTMETRO 8 DIGIT E va L. 28000 {0120 VOLTHETRO 3 DIGIT L re500 12S 123 MEMORIA PROM 2x8 u as00 Wc 80240 GENERATORE O| OTTAVE L400 1 50009 BASE TEMP! PROGRAMMABILE U t4000 3 195 4 90 DECADE scouts U tasco 16 80 DECADE 600 Mie L te800 inkit L 32000 ‘montato L_36.000 varie MA 1300 national orologio digitale ND 500 L 2800 AND sa? {280° con quarzo per auto MG 1a oEcovER SrERO C3800 ga 70 CED LEVEL METER Cte oe 8098 GENERATORE O1 FUNZION! C8000 = L 176181 PREAMPLPICATORE STERO L800 {x 20m0 AMPUICRTORE 20 W L Ab00 Gos «840 CONTATORE UP~DOWN {2000 Ehios as11 goo TO 7 SEGMENT LATCHIDECODERIORVER T2800 Enos a814 1 OF 16 DECODER! DEMULTIPLEXER WITH IMU LATCH L490 CcMos 4518 QUAL «BIT DECADE COUNTER {2200 E8108 4520 QUAL « BIT BINARY COUNTER C de00 Mos #828 QUAL RETRGGERADLE RESET NONOST. muriwien, L240 CMs 4559 9 O1rT COUNTER MULTIPLENER L_7oee ‘SI PREGA EFFETTUARE GLI ORDIN' A MEZZO RACCOMANDATA LE CUI SPESE VERRANNO RIMBORSATE SUL MATERIALE ACQUISTATO 21 iro Goria 16129 Genova 10128 Torino 20129 Milano {8100 Bolzano zos2 Cortina ai) ff 32S Be Bernaral Allegre Francesco ff Marcuccl Spa, ff Electronia SpA. [ff itaxs Equipments Hf 2.55:,recsionale Vie Toilet 7 Cische Umberto a ff Via Broncetic ay ff Via Porter Vie G.Geirst at Elet, rotessional Tel o1a/sarais | Tet ovi/st0a Tol. G2/5481443 ‘ol. 0471/2851 Tel. 0a36/3313 ye Mapa 18129 Genova ‘7047 Verona 35100 Padova, 16125 Trieste EU lett 2001 Patesa [) Ballarin Giulio Radio Trieste Yia'A, Ogero 30 Eso Venevia 8s, If Via Jappell 9 Vile xx Seite. 15 Tel. B10/S65825, Fels os/610213, Tel, ono/eses00 Tel. 040/785250 20125 Venezia 10030 Oriago (VE) Mainardi Bruno Elettr Lorenzon Campo.d, Fran 014 ff Via Vanezia 15 Tel Be jacks Tel. 041/429629, ‘100 Parma Hobby Center Ve Tevet Tel. ose1/S6be0 4r100 Modena lett: Componenti Yia'S, Marino Tol. 050/255510 90128 Firenze (00127 Roma. 160109 Ancona Paoiett Ferrero Commitier e auié If De-Do Electronic Yar'e, oa Yin G Brune Vist Prato 2079 YE Ne raeot Sesteiolognese av Mf Yo. or /6s% Firenze (65109 Pescara 64018 Tortoreto (TE) De-Do Electronic ff De-Do Electronic Vie W Fabris 75 ff Via Trieste 26 Tel. 0as/a7i98 Tel. 0661/7543 7o121 Bar fentivogio Filippo ’ Via Carat ea. escara Tel. 080/a30875 14300 Taranto sono i distrihutori a. dei nostri "moduli premontati per HEFT” in Italia e all’estero siamo in molti Paesi Messina ‘98100 Messina Edison Radio Caruso Vis Garibatst 80 Tel. 000/773816 ‘Donne 95128 Catania Bronange (He) HI Rone: anione Fees eee eoy Via Papale st Te. conn/airer Tel. oss/ser5r7 P3136. 1100 GIANNI VECCHIETTI CP 3138,, 40100 Bologna, Informiamo gli appassionati di elettronica che stiamo ulimando la preparazione del nostro CATALOGO GENERALE 1977. Tutti coloro che per arricchire il proprio hobby © per lavoro, sono interessati a riceverlo, sono pregali di riempire e spedire iN tagliando di richiesta qui accanto, allegando L. 500 anche in francobolli. Vi invitiamo inoltre a prenotare subito la vosira copia, in quanto, le richieste cne ci perverrannd dopo Il 31 Maggio verranna evase solo dietro versamento di L. 700 TI PREGO Di REIVARE A MIO NOME Una ConA DEL"GmTAIDGO GENGVEE ToT?” E Dr SPEDINA AL WOIIZZO Gu SOTTO APPERA SARE PRONTA LI Hobbista i racioripa Cl industria via cap ina Cet ha qualcosa in piu... i pr Rea Tears i Peweticry To econo Preemie! SUS cai desiderate. Preece Pe eeu Pee rte per ultimo, da non dimenticare, rene eet) Agente generale per Italia: ELEKTROMARKET INNOVAZIONE Divisione Elettronica ‘Corso Italia 13-- 20122 MILANO Tel. 876.614-5-6 (3 linee con ric. 873/540 - 873,541 - 861.478 Rs LUMPS Renny my CRe es ‘ALIMENTATORI STABILIZZATI 220 Vac. 50. Hz BAS-20: tensione d'uscita: regolaz, continua 5-15 Veo, corrente 2.5.4, protez. elettronica stru- mento a doppia fettura va 1. 23.000 CARICA BATTERIE BRS.29: come sopra ma AUTOMATICO BRA.50 senza strumento B12V 3A, ‘L. 15.000 Protezione elettronica BRS: 28 come sopra ten- Led di cortocircuito sione fissa 12,6 Vec 2A Led di fine carica 12.000 L, 20.000 COSTRUITEVI UN DISPLAY PANORAMIC ECCEZIONALE STRUMENTO (SURPLUS) MARCONI NAVY, TUBO GV 1522 (2 30. mm. lung. 142 suai ute 1°) eoredato i earateritizne Teoiche fal tubo fa ontenitorealluminio comprende gruppo co. ‘mando valvola ‘alta tensione 2occolatura e support tubo potana, “a Til “corer. variabil, vaWole in’ miniatura Eomm. coramici ece'a sole 29.000 ‘VENTOLA TANGENZIALE Gosttione USA a8 Wm. 250 Tr 9.00 'SIRUMENTI: OFFERTA DEL MESE Ricondlzionati-etatieamente porter MARCONI INSTRUMENTS ‘mod Te 1041 'B Volmetro aval. ‘Re-bc 0 1. 200.008 ‘mod. TF'1100 Millivoimetro sensi 3 val 460.000 ‘mod. TF 809 A Mlouratore’potenea Uselia 1. 160.000 mod. TF 1067 Frequenzimetro etero: dine de 2.4 Miz Le frequenze pid alte vengona camplonate con le ralative armonighe (Freq. camp. 10 Kejs) "100 Ke/s” L.'500.000 tod." 820 Generatore “di RE. da 50 Ke/s a 50 Mo/s 1 430.000 weston sod. $85 WHE Caliator freq. viriablle 410 Mie « Frog fisse 15 Mlz/a.s MMe ‘30.000 KLEIN’ HUNMEL mod AVI? Voimetro Elettronica Vee Vea 1.5500. V FRYE, pas itor “tmanca sends) 7.000 ‘ype, VOR EN 1081. FNeM 1218/11. = Doppio. volmetro {Wiz = S00 KHz 3 mV"r200V'= 10 commutasion’ "0 dB ‘#508 0a8-+—-s0 a8 1L 500,000 COMMUTATORE rotative 2 vie 6 posiz. Lo 30 400. peel scanto 20%. COMMUTATORE rotativo 4 vis 12 postz. 1. 5.900 SD A'Z 0 pore 28 NIXt Gua. a7 (Fossa) 1.200 NIKI GNOA 187 (chiara) 4.300 CONNETTORI SOUR! AU:9607.82-14.201 font. 62 fern L500 ELE" MINIATURA, SIEENS-VARLEY scam 700 ohm 26 VDC. 1.500 FRELE”AEED miniatura 1000 9hm 12 VDG 2 cont. NAL 1800 Picant. NC L.'2.500; INA+INC L. 2.200 10 p. sconto 10% 00". seonto 20%, FONOVALIGIA portatile AC/DC 29/88 ait « > 1, 8.00 \ Be. oe as v ‘TRASFORMATORI MONOFASI 38 W V1 220290-245 V2 a+8 L. 3.500 100 W vi 220 V2 22KV AC e DC L. 3.500 450 W Vi 200-200-245 V2 25 A3+ V2 10 A07 1. 4500 500 W V1 UNIVERSALE V2 7-40.48" L. 15,000 2000 W _AUTOSTRASFOR. V117-220 _L 20.000 OFFERTA SCHEDE COMPUTER 5. sehede. rim, 9501280 °1 echeda mm, 250x160 10 schede Imm. 60x110" 15. sched agtortite con monteto una grande uartita di wansistor. cond. ‘eletricl, ‘cond. tantalio, ire Suit Tntdgrath, "Wasformatori “Simpuial, resistenze, eee 101000, PACCO FILO GOLLEGAMENTO Ka. 1 spezzoni Trecciola stagnate ¢ isolate P.V.C. ve. 110 silieone. “eee. sez. O05" mm. spezzoni da 0 ro cm. olori assert tt.a00 TELEPHONE DIALS (ew) 1. 2.000 CICALINO 48 vee 55x45x15 mm 1. 1.000 MOTOR! MONOFASE A INDUZIONE SEMISTAGNI - REVERSIBILI 220 V'50W $00 RPM L. 6.000 : 220 V 1/16 HP 1400 RPM L. 8.000 VENTOLE 6-12 V cc. (Auto) Tipo 7 amper a 12 V 5 pale @ 180 mm. 4 Prof. 130 mm. Alta’ velocita L. 9.000 Tipo 4,5 Amper a 12 V, 4 pale @ 220 mm, Prof. 130 mm, Media velocita L. 9.500 \VENTOLA PAST-MOTOREN 220 V 50 He 20 W Ex computer Intoraments In metal. ‘Statorerotante cuscinetio regglepinta ‘utolubrticante mm 113 x 12 x50 p00" gir 2750" me/h 145-"Db (A) 58 14.500 OFFERTA SPECIALE (TEMPORANEA) PER | LETTORI DI RADIO ELETTRONICA Gm1000 MOTOGENERATORE 220 Vac - 1200 VA Pronti_a magazzino Motore « ASPERA = 4 tempi @ benzina 1000 W a 220 Vac. (50 Hz} contemporaneamente 12Vee 20.8 0 24 Veo 10 A er carica batteria ddim, 480 x 280 x 420 mm. kg 28. Viene fornito con goranzia e istruzioni per uso. Sha to00 wate GM #500 Watt 1. 360.000 ¢1VA foo.oo va NB, In 380 d} pagamento anticipato il traspoite & @ nostro garlco\In pi il prenza on ser gravato lle spose im oreo contrassegno. Ce 1/4. HP 1400 RPM L. 14000 — Spedizioni non inferiori a 1, 5.000 UOC 'VENTOLA TANGENZIALE costuzione inglese BOVIS W Td10 mm. — L. 5.000 costrurione US. 220 35 W 250x100 mm —_L-9.000 PICCOLO vcs Ventilatore centrifuge 220'V 50 H2-Pot. ass. 14 W Port. mh 23 L. 6.200 VENTOLA BLOWER 200-240 Vac 10 W PRECISIONE GERMANICA motor reversible diametro 120 mm fissaggio sul retro con viti 4MA_L. 12.500 # VENTOLA ROTRON SKIPPER Leggera esilenziosa V220-.W12 2 possibilita di applicazione diametro pale mm 110 profondita_mm 45 peso kg. 0:3 Disponiamo di quantita t.9.000 “sy CONTATTI REED IN AMPOLLA Lunghezza mm 21-2 25 MAGNETE PER DETTL Lungherza mm 9525. SCONTI PER QUANTITA® 1, 400 10 pozzt L. 3.500 1200 10 pezzi L. 1.500 ACCENSIONE ELETTRONICA se: 7 ‘apactiva 6= 1218 V = NEW SPECIAL per auto con sistems Pormette in caso ol guasto Il ps > Slo automatico da slettronica & nor ra ELETT. 132/5. per auto normal auto foto a 2 apinterogent, 2 bobine (Ferra. Hl Monda, Guzzi, Laverda cc.) L. 16.000 ELETT. 122 SPEGIAL/S per auto ‘norm: Srrioio a2 spinterogent. 3 bobine. (Ke ‘waeaki, “Suzuki,” ece) "con. sistoma di Passagglo autor. da mate in caso dg VENDITA PER CORRISPONDENZA NON DISPONIAMO DI CATALOGO NUOVO STOCK (Prezzo eccezionale) DAGL U.S.A. EVEREADY ACCUMULATORE RICARICABILE ALKALINE ERMETICA, BV ah/10 h, Contenitore ermetico in. acciaio Nemiciato mm 70coxt96 kg) store 120 Vac @) He = @ degli accumulator! alcalint come fosistonsa moccanica, casea au {escerica e lunge durata vita USSccumalatoro ermetice preson: tai antag hon richiedere Impisntl dt segnal pedo portabil, utensil flocattol allarml, eee. Site at 918 Conosclut”vantaggl CeCe Pye res MATERIALE SURPLUS. 20 Schede Remington 150x75 trans. Silieio ec. 2) Schade Siemens 100x110 trans, sillelo ess. {0 Schede Univac 150150 trang. Silclo Inten, Tant. ect 29 Schade Honeywell 190x65 trans. Silicio Feslsten. dod! eco. 5 Sehede Olivet 1ix250 (250 Integrati) 3 Scheds Olivetti 350x250.(00 trans. 1500 comp. 55 Sehedo con Integ. e Transistor Potenza ecc. Contaimpulsi 100 veo ‘con azzeratore Contaimpuls 110 Vee 6 cite To'MICHO. SWITCH 3.4 tit Dios 108 250V Biodi 404 250 Biodt 100.9 600 v Biodi 290 A 600 GE Biodl 278.8 600 lavoro Raftrecdatore” per dotto Diodi 275 A. 1000 V" vero Ratireddatore per detto SCR 300 A 800 V 222513 West con raft Incorporato 13010580 Usmeadina ineand. 2 Sei0 mm 9-12V Paceo § Kg. materiale eletrieo inert. camp (cand. sched switch elettromagaetl cam. ce. BGEEEER 2 28 ol SHEEREs L L t C C c C C v C t C t C C C L C L g ‘OFFERTE SPECIALI 500 fesit. assort. Yh 10%-20% 500 Resist, assort e Se 100 Cond. elt 1-000 aseor. {00 Potters. "Mylardassort da 100600 V 300 Cond Ceramic asst 40) Cons. listo. astor "20 Wanopote foro 8 Ser tpl {0 Potenfiometr ratte assor 30 Trimmer grate assoc. Pacco extra spe a0 Cond. ele 100 Cond. policar. Myra 00-600 V 50 Cond. filen ergot. 0 amo feast, ee teW ag SE AEN ow ge nm wt re Fe rane anata pe SSE aS Fes nS gy casi dl tps techtt de aang fans lng 0,05, 14.000 0.18. 400 8 yet a ae 2 mm Lalkg 930 monet amis 8B ve $8 ww iB iB i 8 Be im is BB 3 ¢ stagnato isol. doppia seta 1 x 0.15 t da 28m, 9x 005-2070 ASTUCCIO PORTABILE 12 Vcc 5 Ah/10h LLastucclo comprende 2 cerleator| 2 batterie - 1 cordone Slimentasione ="? ‘moreett cerrafio. schema. eletrico per poter realizar: Riimertasione rete, 110 Vac/220 Vac da batt. (paral) 6 orto Ah/ioh da batt. (serie) +8 Veo 6 Veo S°An/th (zoro cont) da. batt (eerie) 12 Veo’ 5 Ah toh IL TUTTO AL. 25.000 Componenti Eletonici Via FZ. cna alle Paludi, 126 Nepal - Geb soases Per la zona di Capua prego rivolgersi alla ditta Guarino MX1D deviatore FEME’ ar) MX2D commutatore FEME’ L. 4.100 Relé 1 scambio 12V FEME’ L. 4.650 Relé 1 scambio 6V FEME’ L. 4.600 Relé 1 scambio 12V FEME' a cartoline L. 4.650 Relé 3 scambi 12V-10A FINDER . 2,500 Pulsante normalmente aperto L. 240 Pulsante normalmente chiuso L. 250 Zoccolo 14 pin TEXAS L. 220 Zoccolo 16 pin TEXAS L. 250 MICROBOCCOLA 2 2,5 L. 160 Presa RCA Le 485 1 confezione rame smaltata o stagnata L. 300 1 confezione inchiostro LL 750 1 confezione acido 1It. L. 1.400 Molla di riverbero L. 6.800 Fotoresist positivo 65 gr. KONTAKT CHEMIE L. 3.500 Lacca trasparente protettrice KONTAKT CHEMIE L. 2.300 Led rosso L220 Led colorati L. 400 PRODOTTI NIRO Trimmer 20 giri L. 1.500 MC1310P decoder L. 3.250 TDA1200 L. 2.400 28799 L. 4.900 Ad031P L. 2.500 Quarzo 1MHz L. 6.500 Oscilloscopio HAMEG finito L. 195.000 Oscilloscopio HAMEG montato L. 175.000 Sonda rapporto 1/10 adatta per oscilloscopio HAMEG L. 10.000 Tick film 2036 - 2034 - 2039 - Integrati - Mos - Cosmos - Resistenze Phier - Conden- satori poliestere - Ceramici - Mylar - Policarbonato - Elettrolitici - Tantalio - Serie R41 trasferibili Spedizioni ovunque. Interpellateci per altro materiale non descritto. ANTENNA RFT 21-71 Large Sounds L. 12.000 Some Cer Sy od * PLAYKITSEE* MADE IN ITALY CTE, TERNATIONAL RAND BC Ou 18 Finalmente possiamo essere fieri di costruire contenitori, fra i migliori esistenti tutt’oggi sul mercato europeo, pos- siamo perfettamente offrirli al miglior prezzo di qualsiasi altro. Questo @ ['ultimo nato dalle E' disponibile nelle seguenti misure: Tipo 1: 200x 80x200 Tipo 11: 350x 80x250 Tipo » 2: 250x 80x200 » 12: 250x 100x200» = 3 300x 80x 200» 13: 250x110x300 + » 4 200x100x200 = 14: 300x 110x300» 8: 255x 105x200» 15: 250x 190x300» » 8: 300x 100x200» 16: 350x 130x300 = » 7: 350x 100x200» 17: 400x 130x300» » 8: 400x 100x200» 18: 200x 200x300 = » 9: 200x 80x 250 49: 150x 200x350» » 10: 250x 80x250 » 20: 400x100x350 + Garatteristiche dei nuovissimi conteni professional Linvolucro esterno @ diviso in 2 parti, una superiore ed una inferiore; complete entrambi di fori per la cir colazione interna dell'aria. E’ completo di 2 profilati di_alluminio anodizzato (vedi figura) e studiato appo: sitamente per dare al contenitore un aspetto altamen- te elegante © professional; nonché una assoluta pra ticita © indipendenza dai 2'coperchi, superiore ed in. feriore. Sond compresi 2 pannelli\ anodizzati dello spessore di 2 mm. a richiesta anodizzati nero opaco, ed una base di alluminio per il fissaggio di circuiti stampati. Il pannelio posteriore & completo di un foro da 10 mm. con relativo passacavo. Completano il con- tenitore 8 viti a brugola filettate da 4 mm. nere, una chiave a brugola, 4 piedini di gomma, 1 alzo brunito per chi volesse porre il contenitore in posizione obli qua Tutti i contenitori sono firmati Piero Porra ITALIA. costruzioni elettroniche professionali castelgomberto (vicenza) telefono 0445 /90132 Per il 15 ap biente nuovo che vi 28 lee di PIERO PORRA 21: 400 x 130x350 22: 400 x 160 x 350 23: 400 x 200x350 Richiedete al Vs. Fornitore | 24 40032505350 gura'aVal pw adatan 25: 450 x 300 x 350 26: 450 x 200 x 400, 27: 450 x 400 x 450 Contenitori verniciati con ver- 28: 500x 120x350 Nice goffrato RAL grigio an- 29: 500 x 150x350 tacite o nero, Lechler. 30; 500% 200x350 Modell, sotto’ brevetto inter. nazionale. Progetti, design & realizzazio- ne di PIERO PORRA. Elenco rivenditori: VARESE: LAE UivoRNo: MacstRL TERRI SUPER ELETFRONICA Finenze pascal TRIPOD RiMINi. BEzzI RIGO. LORENZON PORDENONE: COMBALE ‘TRIESTe” WADIO KALIKA THIENE: ELETTROACUSTICA ToniNo: reistaR IAEA” VenGANO MILANO. AGE! MICANO: Az MILANO: RONDINELLI MILANO: ERWeL FORTE de! MAMI: PELLEGRINI MONYECCHIO” AKER GENOVA ELEFTAONICA LIGURE ESCLUSIVISTA PEM L'EUROPA PADOVA: IDAG. DE MEG: ECA’= MONACO Ol ANCONA. CLETTRONICA PROF. BAVIERA (0), CaLFOSCO.BeLLUNO. ‘CONEGLIANO! ELCO NAPOLI ABBATE ROMA: TODARO g KowaLski PeScARA: Az. FOVIGO: GA eLetaoNicA BRESCIA: FOTOTECNICA SAN REMO! VIA. MARTISI ‘covatri Deus “Lipenra "as Modalita di consegn: Spedizioni in contrassegno ovunque, tranne nelle citta ove operano i nostri rivenditori. Prezzi: i migliori che esistano sul mercato. POSSIAMO COSTRUIRE QUALSIASI TIPO DI CONTENITORE SU SPECIFICO PROGETTO, LA CONSEGNA VERRA’ EFFETTUATA A DOMIC! LIO; PURCHE’ LA QUANTITA’ NON SIA MINI- MA DI 100 PEZZI, fuzionera a Vicenza un nostro nuovo negozio di elettronica, in viale San Lazzaro 1, un am- iberera decisamente dal monopolio sui componenti elettronici finora esistente in citta. Radio Portatile Paris con te dove vuoi Paris, usata in gita, in macchina o in casa non si sente mai in Le sue prestazioni la rendono veramente versatile. Caratteristiche Gamme dionda: OL, OM, FM Potenza di uscita: 600 mW Comando a tasti per tono, interruttore,cambio di gamma @ fono. Antenna in ferrite per OL-OM Antenna telescopica per FM Prese esterne per registratore, altoparlante supplementare e antenna per autoradio Alimentazione: a pile o rete Mobile in materiale antiurto. Dimensioni: 280x160x70 Codice: ZD/0742-00 le superofferte 1977 RAFA mini 46 46 canali quarzati, presa per antenna @ altopar- lante esterno, 5 W, completo di microfono, sen- sibilit2 0,7 uV (S/N 10 dB), dimensioni: 40x 150 x 130 mm, - Alimentazione 13.2 V. L. 114,000 ASTRO LINE CB 555 46 canali_quarzati, presa per antenna e altopar- lante esterno, completo di microfono, indicatore S/AF, controilo volume e squelch,’ PAS/?-AF meter, 5W, delta Tuning L. 124,000 GTX 2325 SSB 69 canali AMLSBUSB, interamente quarzato, completo di microfono, delta Tuning, squelch. alimentazione 12,5 potenza 5/15 W. L. 220.000 SOMMERKAMP TS 664 64 canali quarzati, completo di microfono, presa er altoparlante e antenna esterna, 10 W'imput, alimentazione 13,8V, doppia convérsione, peso kg. 23. L. 220.000 L. 274.000 registratore: stereo velocita 4,75 cm/sec. cassette: C60 2 C90 altoparlanti: 2 potenza musicale: 20W (10%) impedenza: 4 Ohm CON. GARANZIA «HIFLVOX » tipo CC 400 intoamplificatore AM/FM stereo con giradischi registratore stereo. Caratteristiche tecniche: alimentazione: rete 220V - So Hz semiconduttori: 5 circuiti integrati 33 transistori - 33 diodi dimensioni: —L. $22 - H. 135. P, 380 mm. peso: kg, 85 potenza: 2x18 = 36 Watt prese microfono, cuffia, altoparlanti radio: FM - da 87,5 Mhz e 104 Mhz OL - da 150 Khz @ 273 Khz OM - da 510 Khz a 1600 Khz OC - da 5,6 Mhz a 63 Mhz Piastra LESA CPN 610 con cambiadisco giradischi automatico, 33 ¢ 45 giri testina ceramica puntina zaifiro VI-EL VIRGILIANA ELETTRONICA Casella post. 34 - 46100 MANTOVA - % 0376/25616 ‘SPEDIZIONE: in contrassegno + spese postali La VIEL @ presente a tutte le mostre radiantistiche. CALCOLATORI « BROTHER » CHIEDERE OFFERTE PER QUANTITATIVI Laboratorio specializzato riparazioni apparati rice- trasmittenti di ogni tipo. ome eds Cinescopi TV B/N 12’ 16’ 20’ 24" collo corto Valvole elettroniche eet OLY NA eect Ls Dey Rappresentante per I'ltalia erie cer aed GUERRINI VINCENZO Ces TEN Asien ee uo Lele oleh er UT sca ST ee Mera Pe RRO ERS ERS eek aan a co Aenea mM BREMI PARMA - TEL. 0521/72209 INDUSTRIA Wilbikit evertronica salita F.lli Maruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 KIT n. 74. COMPRESSORE DINAMICO Kit dalle prestazionl eccerionali dato il suo basso costo, 2880 pud essere. Impiegato. noi piu molteplici usi qual Fegistrator, ampificazionl, discotacho o radio libere ed in-ogni altro Impiego dove si richiede un controlla auto matigo ei volume. CARATTERISTICHE TECNICHE Ingresso magnetico sensibilita 5-30 my, Ingresso_piezo-registratore-radio sensibilita 50-800 mv. Uscita da 0a 50 mV. Compressione massima 40 dB Distorsione 0,1°% a 40 dB di compressione Distorsione 0,03°% a 10 dB di compressione Regolazione del segnale di uscita in dotazione Regolatore del livello di compressione in dotaz, Alimentazione 6 V.ce.- 15 V.ce. Assorimento max 20 mA. L. 11.800, CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 68 Vice. Assorbimento max 500 mA. ‘Sensibilita 50 mv. Potenza d'uscita 3 watts RMS. Due microfoni piezo in dotazione Due pulsanti di chiamata in dotazione L. 13.500 KIT n. 78 - TEMPORIZZATORE. PER TERGICRISTALLO | progetist della WILBIKIT, sempre alavanguardia de- git suiomatism mogernihinno eeaio. questa semplcs Kir. dalle ottme"prestaion’pratehe, ta cul ta facie Inaatlione, Te tigate. misure ed" une’ Surezza a iGnsionamenio nel tempo In quanto privo di "ele dh ltt component!’ meceanicr soggett ‘20 usura Gon aueato che pus benisaimo essere insiallato in ute ie aUlovetute st'pud regolare a piacere Il tempo ol betta. ol terpleistali aa ‘un minimo. el una betula gn! #0 Second! fing 2 ragglungere Te batuta massima 88" tergierisall in dotazione CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-18 Vice. Tempi regolabili_ max 1 battuta ogni 40 sec. - min. battuta del tergicristal- lo in_dotazione dell’auto L. 8.500 KIT n. 75 - LUCI PSICHEDELICHE IN CORRENTE CONTINUA - CANALE MEDI | generator gi uel psionedelione hanno avuta noteva- 10 successo, tanto che tute le moderne sale da bal {0 dlpongana Gi apperscenature al questo pe Ue WILBIK'T ha volute estendere con questo Kit Ia pos- sibilita dl Impiego .o) questo. eft, permettendone. ii {unzionamento a 12 V.cc.'© pertanto Tusa anche dove per vari motivi non si dispone al corrente allernata a-220 V.ca, ta sua elevate ‘sensibilta permotie dl applicarlo adam plifcator ci potenza anche limata, quali giredigcht por {atl autoradio, manglanast occ. Come fue! si potranne uillizzare. delle comunissime lam- pedine per auto con. potenza fina a” f00 W. magari or Sposte In. parabole, tipo tari dl auto opportunamente CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-15 V.cc. Assorbimento max "100 watts Sensibilita 400 my, Gontrollo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 20-20.000 Hz 1. 6.950 *; KIT n, 79 - INTERFONICO GENERICO PRIVO DI COMMUTAZIONI sto. dalla WILBIKIT =) distingue oa rente In commercio, in quanto non abbisogna delle festigiose. commutazioni por parlare’ ed Ascoltare, Infat i! suo funzfonamento simile a quella Fefonico pormetto. ta. simultane conversazione da. en- trambe.le- part. Appunto per quesia Innovazione @. par- ticolarmente- indicate. per essere. ingorito. nol caschi dei motasielisti@"permettare ‘cos\ il ialago altimenti m= ossibile. tra if passoggoro el pilota. inoltra la sua ‘ersatilité git congonte ei essere impiegato, In tutte quel- To esigence in cui 6 necessario comunicare volocemonts on uno o piu interlocutor! In amblenti come util, able taziont magazzinl, ece. (i KIT @ fornito di un dispositive i chiara). KIT n. 76 - LUCI PSICHEDELICHE A CORRENTE CONTINUA - CANALE BASSI CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-15 V.co. Assorbimento. max 100 watts Sensibilita 100 mv. Controllo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 20-1000 Hz L. 6.950 KIT n. 77 - LUCI PSICHEDELICHE A CORRENTE CONTINUA - CANALE ALTI CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione 6-15 Vice. Assorbimento max 100 watts Sensibilita 100 mv. Controllo di sensibilita in dotazione Gamma di frequenza 1000-20.000 Hz L. 6.950 Novitt BAF ORION 505 ...e la sua anima AP 15S ...con 15-+15 W e... ... il design tipo JAPAN... .. @ il suono tipo ITALY... «.@ la tecnica tipo U.S.A. ... .. @ la costruzione tipo GERMANY Potenza >65 dB Uscita altoparlanti 380 x 280 x 120 Uscita cuffia 8 ohm Alimentazione 220 Vea Ingresso phono magn. 7 mV Protezione elettronica al c.c. sugli altoparlanti Ingresso aux 450 mV a limitaz, di corr. Ingresso tuner 150 mV Speaker System: Filtro scratch =3 dB (10kHz) A premuto solo 2 box principali Controllo T. bassi £13 dB -B premuto solo 2 box sussidiari Controllo T. alti 212 dB A+B premuti 242 box Distorsione’ armonica ‘<0,3% La cuffia @ sempre inserita Distorsione d’intermod. <05% ORION 505 montato e coll. L. 84.000 in Kit L. 68.000 Possono essere disponibili i singoli pezzi: L. 36.000 Pannello L. 2.700 L. 6.000 TR 50 (220/34) L. 6.800 L. 7.500 Kit minuterie L.- 9.000 PREZZI NETTI imposti compresi di I.V.A. Garanzia 1 anno su tutti | modelli tranne i kit di montaggio. Spedizione a mezzo pacco postale o corriere a carico del destinatario. Per gli or- dini rivolgersi ai concessionari pit: vicini o direttamente alla sede. G Via L. Lotto, 1 - tel. (035) 222258 YA ZETA elettronica 24100 BERGAMO 10. g 2 N a S NASA 4 ST 28 sco0o4 129.090 ee le superofferte 1977 PONY CB78 - 24 ch (23423 A) Equipagglato di quarzi- Indicato- re S/RF - Presa per microfono, antenna e altoparlante esterno, Ricevitore supereterodina a dop: pia conversione - Sensibilita ri cevitore: 1 uV per 500 mW a 10 dB S/N - Potenza uscita audio: 1 W - Potenza ingresso stadio fi- RICETRASMETTITORE ASTROLINE CB 515 234-22 A quarzati Completo di microfono - Prese per microfono, antenna ed alto- parlante esterno-Indicatore $/RF = Controllo volume e squelch Commutatore PA/CB - Potenza nale 5W - 17 transistori, 1 IC, | | stadio finale 5 Watts - Alimenta- 11 diodi - Alimentazione: 12Vc.¢. zone 13.8 Vew. = Dimensioni: 134 x 230 x 81 L. 80.000, L. 90.000 RICETRASMETTITORE ELECTROPHONIC CB 800 234-22 A quarzati Completo di microfono - Prese er microfono, antenna ed_alto- parlante esterno-Indicatore S/RF Controllo volume e squelch - Sintonizzatore Delta Tuning Commutatore PA/CB - Potenza stadio finale 5 Watts - Sensibi- lita 0,1 BV per 10 dB - Alimenta- Zione 138 Vee. L. 100.000 Preto a NASA 72 GX 69 canali, di cui 46 quarzati - completo di mi- crofono, prese per antenna ed altoparlante esterno - indicatore SWR - indicatore automatico di rumore - 10 Watt input - sensibilita di rice- zione - 17 dB (0 dB = wV - 1,000 Hz) - controllo automatico di frequenza. L. 168.000 VI. EL VIRGILIANA ELETTRONICA Casella Postale 344 - 46100 Mantova ‘B (0376) 25616 Spedizione: in contrassegno + spese postali Laboratorio specializzato riparazioni apparecchiature ri- cetrasmittenti di ogni tipo La VEL @ presente a tutte le mostre radiantistiche. CHIEDERE OFFERTE PER QUANTITATIVI Calcolatori « BROTHER » ears DATI TECNICI: «UNIVERSUM » tipo RGR 9003 L 175.000 con garanzia seme ‘Trastormetor a limentazione serle A (solo econdaro) 9 a6 W 06075-0980 12016024 V L 1000 ZWosogorsvoorzor602 v L400 4Wosasorsceoioiom Vv L179 Swososorscooroieuny C200 WWosceorsosoioromy LC dia WosoeorsoeoioeceY aaa BwososorscsorzoiwoV L300 fowoscsorsosoizo1oaV $00 & W asc tzaseoe V t é200 100 W 08-012.034096 041-050 V treo 180 W 06-0 12028036041-050 V { yooe0 250 W 060 1202¢0.98-041-080 V 1 12980 400 W 060.120.24-096-0.41-080060070-080V 17200 500 W 06.0:12026-0536-041-0500.0-070-000.0 20100 1 kw 0.9000.400-0.00-0800 Soe 2 kw 0:900-0.400-0800-0600 V #2000, 5 Kew 0.90000 4000 800-0600 ¥ U soca e pros contale) 15 W 50560675075008-12012-1601624024 3320 25 W 5056007,5075009-120.12160.16.24 031, 1 S90 40 W 50560675075009-12012-1601620024 1 s040 60 W 60692012.0402406098 t e200, 100 W 808120 122402405096-1.041-50.056 7900 180 W 606120.12240.2498.0.26-4.041-60086 10.080 Cea] applicazioni elettroniche trasformatori 25080 botticino mattina (brescia) via molinetto 20 @ 030 / 2691426 Con pagamento in contrassegno le spedizion! verrano gravate dl: L700 per pacchi fino a 1 Kg L850 per pacchi fino a 3 Kg 1000 per pacchi fino a 5 Kg 1600 per pacchi fino a 10 Kg 2000 per pacchi fino a 15 Kg {2400 per pacchi fino a 20 kg Ai citati costiverrano aggiunte L. 300 di diritto postale ai contras- segno. Le spedizioni vengono di regola e- vase entro 10 giomi dalla richest ‘Tprezzi sopra indicati non sono com: prensivi di IVA 12% - per pagamento anticipato sconto 3% 250 W 6.06:120.12.24.024.960.9641.0.41-600050 i. 12.960 12.0,12.24.024-98.0.36-4.041-50.05. 17280 500 W 80.6920 52280 2428.09641.041-50.0.55- Cao.60 S080 2 Kew 300.0300-400.0 400-5000 S0-a00.0600 L. 42.000 U 2000 ‘kw 300.0300-400.0.4006000.500-00.0.800 L $0.800, ‘rastormator! dl alimentazione serie © (eocondarlo a prese In serie) 2w 0875012 V L sa70 iW osteon v {Xba sWosrsawv C20 wow Oserso% v {Sao is W Os67 591024 V C3380 2 Woe7sata1V C360 40W Oo t2.460 V C suo ‘0 W 08.12.2461 V C ear 100 W 0'3122435.4.50 V L000 3o0 W O8s234 984180 V Coase 250 W 06.1224.96.418000 V C0 ‘dco W 08,1224:38.4150:0.70 V Cis ‘S00 W 086.12249641.80.80 7080 V E200 “Kw 0390460 500.600 V C5176 2 Kew 0.300.400 00.800 V tC acteo 3 Kew 0:30.400 800.600 V U seo Trastormetor dll rete 500 W Prim. 200.210220,290 240 V Sec. 220 VL. 22.500 ‘Kw Prim 200.210220 200 00 V Seo 220 L. 34840 2 Kew Prim. 200.210 200-230 240 V Seo. 220V L a8s10 5 Kw Prim. 200210,220:200.240 V Gee, 200 98.220 ... COMPONENTI NICU MATORI A ST, ZIONI FIS! PER STA: : RADIOMICROFONO FM 96-10} MHz A s eX SPEDIZIONE CATALOGO CON COMPONENTI OMAGGIO PAGHERETE INNE PER R. LTIPLA ALLA CONSEGNA £.1000 PIU'SPESE POSTALI Con Josty Kit mi diverto Bay prsva etl (e)4 AT 365 Luci psichedeliche Lit. 42.400 Na COMPRES HF 395 Amplificatore di antenna AM-FM ‘Trasmettitore FM WA COMPRESA HE 375 Mini ricevitore FM VA COMPRESA L. 3. Wk cOnPRESA, AT 65 Comando tuci ‘Amplticatore psichedeliche di potenza <5 23 canali L. 13.850 ~ L. 27.200 A COMPRESA Wk ComPies MARCUCC il supermercato dell’elettronica 20129 Milano - Via F.lli Bronzetti, 37 Telefono: 73.86.051 (5 linee) SpA. 7 naponizzaront | INTEGRATI eimcum | 11°0 uae] TPO une SRenRoLe! 10 ine | ‘BlenTAL! Sfenan | shratos “ean | aero 0 | ouSso «= MES] | cosmos | tro upe | Strato eso | Aras zo me, “Np | Sanciaao 500 tune | yrs eo | Strano so | ACHAa 50 Tome sv 7 | Baocrz sap ‘00 | Hato seco | SN7aH23 30 | Actaik 50 1 me 35 v 80 ‘00 | Atos ‘so | SNTAHIO eso | ACIARK 330 {meV 100 B40-Gz20 2000 689 0 | WX grim gt) agg = 2 ome iwey too | sencrsoo 3600 of | Wares soo | Shao gat | Ae 2 22 me 16 V 0 | Beo-Ceoig eo 400, 747 2000 | TAAsss 4000 | ACI81 250 22 me 25 V a eed 1850 | L120 3000 | TAAGSO -4oga | AGTEK 330 Sime ey to | Bzece 10 eo | Liat too | Taasso oo | ACIBD a sim ey ao 1300 | L129 1600 | TAASTO 2200 | ACIasK 330 AT mE 50 V 190 | 8B0.C7000 /9000 2000 4g0 | L130 1600 | TAABTT ‘so00 | ACI85K 330 | g" messy 0 | Bigo.Crew aw Pan 1600 | Tanotia ——taan | ACiBe So S me iso. Zoo | B200 4 50 valange fee | S555 400 | Taaenie ——feon | Actes Fa 1 me wy 89 | ontalets 200 | $6598 zoo taassi” ooo | Acie? 350 10 me asc a Batn.cra00 1300 too | SNieeeo ooo | Tanesd daa | Aci 2 ib messy soo Baloctsoo "700 10S | Suiesst eon | Faasso too | Aion 3o Bomewey a bone 2b | Sule Hom |Taamita ae ASI Sn B me mv — s00| Beop-czzc0 1600 38) | Snraeo ‘io Yaasoi® ga | acieo Fa 2 mi ie 50 | 8100-65000 8 ‘1300 | SN7401 ‘500 | TAATIO. e0a | ACI91 250 | Bomeey ol gemocsom isp 0 | Surica fto| taaret dan | Actee 20 2 ar ay doa | B100-C1¢000 2800 ‘2409 | SN7403 S00 | TAABEI 2000 | AC193 250 BAG ME SV 8) nego aan | SNP 500 | Tesaea ‘en | ACio4 0 so mriy “ao | | mecovatom ‘ny | sr ‘a | Yacose ‘Boo | Actank 30 ime y aa E STARILIZATOR aso | sNrace Goo | Teese toon | AION x 50 me 50 22 too ‘00 | SN7AU7 600 | TBAT20 ‘aon | ADtaz 300 ' 2 mF sv 300 cine ‘3600 | SN7408 400 | TRAZ2 1200 | AD143 800, 50+50 mF 350 ¥ 600 | LM340KS_ 3500 ‘200 | SN7410 400 | TBAS2 1800 | AD149 800 sao''merey top| Baokiz mp 2 | Sura o| Yeas damp | Abier 9 jo meV ao | LMsenks 3600 foo | Sunes fo] Teaser aon | Abiez 650 19 me SV | LMBaouis 2600 fon | SN74i6 00 | TBAZT! ann | Abzee 700, 100 mF 350 V 700 | 3500 400 | SN7417 ‘600 | TRAST 2500 | AD263 800 49000 mr aso v_ 109 | 7805 B00 38 | Shr {0 Teaco 2a | Arias = goo mE aS 200 | 7012 Fo Beno | SNTA25, sco | Teneo 2ss0 | AFI06 a0 200 me 25 V 200 | 712 2200 ‘00 | SN7420 ‘a | Teadeo ‘ann | AFI08 ~” Bo me oy ao | ie 20 ‘oo | SNe to Teneo oo | AFItd x wo om tev | 0 {00 | Sarasr so| Tenses am | APS 3 may 200 | 78h 200 199 | Shre4o ‘00 | Teasio 2300 | Arse =o me 3 1000 900 | TRAS20, 2200 Biome 0 DISMAY € LED jem | swater Sto | Teasn a | AFG 0 wo ome soy awe | TI URE ‘00 | SNTe 1000 | Tsao 2200 | Ara 30 Some ey Wott ossi tn ‘goo | SNreig N00 | Tass ao | AFtze = 3 omeisy 19 ted fect atn jem | swrase 500 | Toaseo ano | AFI27 30 ‘ao me es y © 320 | Led ranens op $93 | Stress HO | pase Bana | A 0 Ho me iy eo | Led aati fap 2 | Niece Geno | Foam Bata| Are 39 Boome BV 100 | ENDTO 2090 500 | SN7ua7 41500 | TBAT. Baou | AFIT 350 Soo me 2sy © seo | FMDosr Beng B/S TR pane ita | ote 30 so me sv © S50 | FNDsoo | Seab ane ‘0 | Tears dane | araot 0 Gio me oy za | DLA Sb00 Fer Shirts $20 | parse 30 | APE io 1009 me ey so (con schema) | TIPO LIRE | SN7453 ‘500 | TBA760 200 | AF240 600 1900 me 25 V 49 2400 | pcan 700 | SN7458 500 | TBaTaD ‘aoo | AES 1300 1000 me SoM eo I | Be2e 700 | SN7460, ‘S00 | TBA790 900 | AF280 1200 $000 mr tony 1099 DIODI a. | Brass aa | Sure aco | Toaem au | AFSer iam wooo mi yy 350 | THO tune | Brees am | stra gro | Tenses auc | ALioa i pooo me 2s yb | aving fo | S236 Saar Si | rea 200 | A 1 B00 150 | Avian 700 | upeioa feo | ste fo | Teron dao | Alias 20 200 me 1000 1800 | Ay 104K 700 | 2N3822 sago | SN7481 1800 | TBAS20 2400 | ALI12 1000 dao me cey tam | Avion ie | sNasra so SNrany Yoo | Tease Zauo | ALtN3 {oon 3000 me ev | Ayic6 1000 | 2nse20 sooo SN74a4 1800 | TBA9SO 2200 | ASY75 400 goa me 25 V gaa | Baton 19 | Drees ‘soe | Saas Heo | TBaraso 3800 | AUIO8 20 HQ ome Yt | Balog so | BNseae "ma SNras taza | YeAuto’ ano | Autor im 30m mE tony 1900 | Baza te | Exsisr 70) | SNraae sono | TeAaed ano | Auras 4500 foo me OY 00 | Barco MO | ansase 700 SN7490) 1000 | TCAsit 200 | AUI10 2000 m soo | Boies 350 | Nis soo Surese 0 | Teagan 00 | Aut 303 #7@ me y 1100 | B6i00 so Shree ——fon0 | Teasto fo | Avie 3 messy seta | eyiz7 Ho blac Sarust = Hoo | Teagan ano | AUS 43 9000 me 40 Vv 400 | Tit $50 | TPO LAE | SN7495 ‘900 | TCAS00 ‘900 | AUZO6 2200 Se 1800 | T18 700 | De 400 V 400 | SN7495, 1600 | TCAStO 950 | AU210 7200 200+ 100450425 mF 2 ‘750 | Da soo v ‘soo | SN74143 ‘2900 | TCAG20 2200 | AU213- 2200 mv (1800 | Nata 0 ‘SNTAI44 ‘3000 | TGAS4O 2200 | BC1O7 220 Tro scr ine | INioc2 480 | _ pantincron | s\iatss mo | Toasso azo | BC 108 3 TS roo * Map | Non 0 | wo Tue | Swreies fom | sao. favo | sine % 15 100V ‘800 | 1N4004 179 | eprot ‘z200 | SN741B1 (2500 | 95190 15000 | BC113 220 {SA gov fo | #Neo0s 490 | Boras woo | SNiaisr Zama | Saeco “sae | BC a EBA wey S| Insc ae | Bess Zoo | SNiaice = Zapo | Sassro fam [BCs oe S384 y same | ‘Nico? 0 | Boro. ‘oo | Svreies Zara | Sassen aw | Bc Baa a A 100 V 1000 | OA80 89 | TiP120 1800 | SN74196 2200 | SAS5=0 2200 | BCT 350 8 Amy teen | OAM» | Honey tooo | Swraier Bano | Shasta 3000 | Berta a 8 Aamo y tan | AAtTO 0 | Tbtze {aon | Swreise Gano Snaseot—Beoo | acts aa 85 A 400 V ‘eo0 | AAMT: 80 | Tip 125 1900 | SN74544 ‘2100 | SN2OBE2 2600 | BC120 360, BA 400 V 1700 | RANE 80 | Tipi26 1800 | SN74150 ‘2800 | TBABIOAS 2000 | BCI21 ‘600 6.5 A 600 V 1900 | AAN9- 80 | Tipsar 1a00 | SN76001 1800 BCi25 300, BABY 2200 | Ueiyyzionn Ties zamo | SNre00s 2200 | Semiconduttor! | BCi25 ee 10 A400 V ‘2000 | __ UNIGIUNZION! TIPAat 2200 | SN76013 2000 | Ac125 ‘250 | BCi34 20 [ 1 Roo y 00 | anion 00 | iPsa2 zoo | S\ress wo | Aetze 3 | acrss ml | 10 Aeoy Samo | BNeveo ‘a00 | TPs Zo | SNestt mo | Acta? 30 | Boras is 2% Ray Sao | aNawie aso | Misom Sono | Svrooeo Fano | AGIaTK 3 | acisr feo] | % Romy tam | aNacar soon | Musto 3400 | SNreroo 600 | ACto8 3 | Betas ita Asm y —ts00 | heute ‘ca Siri aa | Actaak 30 | Bcvat in 3 Asov som Swnie | Acta 3 | acieo ata % Acoy om] zenen Shree tan | Actas 20 | ociat ato 1 Roo team | oe ain’ Sinaiot ae | crab ee | Bc ate 2 Ritw'v tno | Ba "Seo Be aw aD BewW 0 | PREZZI ESPOSTI SONO + IVA 790 une | 0 ae | Teo une | aro. a a ee ee Ble Bee as ee 6 Bl lB ae a ee ae See ES f BR ee Blee Ble iiss Mr tT 3 ig |e ne ee ae anrAV rn : ae ! ee oe Sli felis SCD ee 2, SEE Bie eB acter 2 | Bove | grti7 4 | eSaae TAL) S BSe sla B/Ee ici Ba | Bolo $300 | Bea a\ss Pesala elke BRE : BCI 0 | BDIt 1150 | BE123 300 | BU00 (Mel aed Berg 20 | aor 1150 | BF1ag so | Bute Leche) icin Ea ti | Bets 580 | Burs Cesc i re ee BC180 240 | BOtT7 1150 | BE156, ‘500 | BUtOT bihaidadlieaetonel ee BBE Re BIS BCiee 2ao | apis 1200 | F160 300 | Busta zam| ECCEZIONALE OFFERTA n. 4 re ee ee ee eee Bb BBG BURR ER) weet rns saw BS gas She 8 See a BBS BRS Bs ie] TS Sth an SS 2 8o Sigs BNE se) TES ce cs 28 Sie Bite ie) fail oe ee eee ee rr ee ee ee = Seo fo. S82 8) tee es Se s8e SNe Sf Heke Se She ti. S82 8) ise. = Sipe Bae Bike ! s alte cane 3 | 178 ‘9 | BrI8 ‘600 | Bu209 ‘4on0| TUTTO QUESTO MATERIALE ee ee ee aaah 0 | apie ie | B08 400 | BU21t 3000 NUOVO E GARANTITO eB |By Se at C237 220 | BD180 ‘700 | BF188 499 | BU310 zm} ALL'ECCEZIONALE PREZZO DI = fee See Bae B Sa0 2S | soa ‘oo | Beles 0 | susie 0 LIT 5.000 + s/s es Si ‘Bee gi wy 5 282 Sip BR & Bee Bike| Bl ee Ege Se B\ke & BC287 250 | BO234 700 | BF200 ‘500 | 2N707 490, ECCEZIONALE OFFERTA n. 2 rr ee ee ee er ee Bb gis Be Bl im 28s sie 222 8] UR ee S62 Bee BS Bl lee ee S6S gee aS) Re = be Bef Bae Bl ime ee ee ee ee re rr ee eee eee Ss 25s Sie BR 8) ers Gave re ee ee er ee ed ee ee ee eo re ee ee eee ne ee ee ee ee 2 x Baie 2 | Bos04 900 | BF257 3 | aur 30| TUTTO QUESTO MATERIALE See SiS BIER IR!) au tccenonaur enezzc FB ae Boars 2 | pours 9 | Bret | aan a ALL'ECCEZIONALE PREZZO DI (es ie BUS bewt 220 | Boase ‘to | Beers $50 | 2NaeA2 2700 LIT 6.500 + s/s re ee ee & 38: 852 glee 3 = 26s 8:2 sae 2B = 28 gis Sa a Be BBS glee Bk a a ie Boat 400 | ap s0t 700 | Brae 20 | aNeaas 2200] ECCEZIONALE OFFERTA n. 3 & 2 sis Bie, ie BBY HERS BY sco mle mle ao me BES Bike | Bc360 400 | BOS15 ‘800 | BF208 ‘350 | TIPS! ao} 2Kg. L. 3. + s/s ‘BC351 400 | 80516 ‘e00 | BFe5 380 | TiP32 800 a. L. 3.000 / = Se: Sig gs & = 28 Sie Sie Bl = Soe gies Ble |S e 2 gre si 8 # 2k 2. gle al eee Bee Bl camera sa asin Sos ies | Boser ie Bet 33 | Tas {8a [ta Dita LEM. s71, comunica alla affesionata Boat 450 | BDS88 1000 | BFYS2 ‘500 | 40261 1009 |¢lientela' che a partire gennal re: ee 1 ee ee ee ee Sr ee eee ee ee = Sibson SPrenknhets Sn Masai = Si Sa 8 ee ee dd Ww I < 4 9 ee a a i o 4 a SL retizzazione det frequen zimetro, contrariamente a buanto pud sembrare a prima sta, non é eccessivamente com- plicata. Infatti nella fase di pro- bettazione si @ tenuto molto: con- to di questo problema, anzi, ad essere sinceri dobbiamo dire che Ja soluzione del multiplexer é stata scelta in particolar modo per evitare Peccestivo riscalda- mento dello strumento e la mi- tiade di fili che dalla piastra del contatore vano al visualizzatore. , 7 - a . . ‘un cablaggio compli- A pit delle volte non viene ‘oppure se viene reali zato dificilmente funziona al p mo colpo, daltronde la ricerca delf’errore non & sempre cosi semplice per cui in molti casi quello che doveva essere un pre- stigioso strumento di misura si riduce ad un ammasso di com- ponenti dimenticati in un an- golo del laboratorio ed una per- uv eT Tes e args 7 ‘ i | é ie 5) ae ad eo o RI ° C3 o ‘ fil eee ; a we oa ” a e\e 9 ie @ e e ° 960 = 6 2 @288le bite HTT & ge 42. ° 13. ° ° ° © ° ° “ ie 10 e eo IPSe * Se oN. & of ita ies Su) ons its ° ene sai ) Fs 7 tne $ 9 6 & ° e dita di fiducia per la rivista che Vha pubblicata, Inoltre ci sia- mo posti nei panni del costrut- tore che dopo aver speso una cifra non trascurabile per_una simile realizzazione a lavoro ter- minato, lo strumento non fun- ziona; a questo punto la delu- sione ¢ la fiducia per la rivista passa in secondo ordine per la- sciare il posto ad una « solenne arrabbiatura » dal momento che non & pit possibile restituire i componenti a chi ce li ha ven- 44 duti e recuperare almeno parte del denaro speso. Come avrete notato, in tutta la descrizione non si & parlato mai del circuito di alimentazio- ne, il motivo & presto spiegato: siccome lo strumento viene mon- tato insieme ad altri strumenti in una «colonna » per conteni- tori tipo rack, l’alimentazione & fornita da un alimentatore gene- rale situato nella « colonna » stessa Per tutti coloro che non sono interessati a realizzare solamen- te il frequenzimetro, presente- remo l'alimentatore da inglobare nello strumento; esso sara realiz- zato con un circuito integrato stabilizzatore tipo A723 ed un transistore di potenza 2N3055. La corrente erogata @ di circa 15A, la tensione 2 di 5V. In realti il frequenzimetro assorbe 1A ma abbiamo preferito mag- giorare l’alimentatore per poter alimentare circuit supplementari da abbinare allo strumento che Disposizione pratica dei componenti sul circuito stampato a doppia traccia progettato per contenere i circuiti di controllo, contatore, memorla e multiplexer, UNA PROPOSTA PER VOI Anche per il frequenzimetro digitale Radio Elettronica ha preparato una gamma di soluzioni per risolvere i pro- smi degli sperimentatori che intendono realizzare I'ap- parecchio. ta prima di queste soluzioni consiste nel kit dol circulti ‘stampati: vale a dire che sono state preparate delle con- fezioni costituite dal quattro circuiti stampati necessari per allestire 'apparecchio. Git stampati sono stati roallz- zati con tecnica altamente professionale. Le basetto in doppio rame sono del tipo con fori metallizzati por assi- curare un miglior contatto fra traccia inferiore e superiore. Wl kit degli stampati per il frequenzimetro @ offerto a lire 16.500. Sono poi disponibill altri cinque tipi di kit: 1, materiale per circuito base del tempi pit commutatore di funzioni disponibile a 31.800 lire; 2. materiale per cir- uito di ingresso, pli. potenziometro © connettore BNC. lire 16.500; 3. materiale per circulto di visualizzazioné per circuito contatore, memoria © multiplexer pid un potenziometro e due diodi led per 31.500 lire; infine, 5. kit, Ia soluzione completa di tutti e quattro i ‘moduli dianzi descritti per lire 131.500. Naturalmonte nelle confezioni, il cul prezzo & comprensi- vo delle spese di spedizione, sono inclusi i relativi cir- cuiti stampati. Gli ordini devono essere indirizzati a Radio, Elettronica che provvedera ad eseguire Ia spedizione del, ‘non Inviate soldi, pagherete al postino. un secondo facile ed immediata, inoltre cor- svilupperemo in tempo. Inoltre sempre nello stesso articolo descriveremo la dispo- sizione dei vari moduli in un contenitore da tavolo con dimen- sioni_ molto simili all’attuale. Prima @’intraprendere la fase realizzativa devono essere acqui- stati i componenti, Tale mercato attualmente @ molto vasto, di negozi che vendono circuiti inte- grati ce ne sono molti, special- mente per le funzioni pitt comu- ni della famiglia TTL quindi non dovreste trovare difficolt’ di approwvigionamento volgetevi ad un distributore qualificato per i vostri acquisti ¢ diffidate dall’usare integrati di dubbia provenienza e tanto me- no integrati di recupero se non siete pitt che sicuri del loro fun- zionamento. Un integrato difettoso pud compromettere il funzionamento dello strumento, individuare il colpevole spesso non & cosa rete il rischio di rovinare anche eli alte Gli_integrati tipo 74800 © 748112 devono essere di buona qualita in quanto determinano Ja frequenza massima di funzis namento del frequenzimetro. Sui nostri prototipi con degli inte- grati della Texas siamo riu ‘a leggere perfettamente i 128 MHz. Tutti gli altri componenti, ad eccezione del commutatore che 45 tratteremo pitt avanti, sono mol- to comuni sia per valore che per qualita, quindi non. riteniamo opportuno dilungarci sulla lo- ro descrizione e passiamo subito alla realizzazione vera e propria. La parte pitt laboriosa di que- sto frequenzimetro consiste nella realizzazione delle quattro pi stre a circuito stampato, due di queste sono a « doppia facia » cio’ le piste di rame sono dispo- ste su entrambi i lati, Iniziamo dalla pit: complessa cio’ la pia- stra dove vengono montati i cir- cuiti di controllo, conteggio, me- moria ¢ multiplexer per un to- tale di ben 25 circuiti integrati. Essa @ realizzata su supporto di vetvoresina, le sue dimen- sioni sono mm. 250x100, La se- rigrafia delle piste vista dal lato saldatura & mostrata in fi- yura 10A mentre quella dal lato component in figura 10B, L’esecuzione di una piastra di ouesto genere pud essere effet- tuata soltanto con la tecnica 46 Nella foto, una delle basette @ doppia traccia realizzate per Vallestimento del frequenzimetro. Per il montaggio si raccomanda ‘molta cura nel collegare gli integrati e molta attenzione per ricordarsi di collegare fra loro le due trace ramate nei punti in cul della serigrafia 0 della fotoinci- sione, quest’ultima nota a molti nostri lettori i quali la praticano con facilita. Purtroppo anche con queste tecniche impiegate dal costruttore casalingo non & possibile ottenere un circuito stampato ideale in quanto per effettuare i collegamenti tra le piste situate dal lato saldatura con quelle situate sul lato com- ponenti necessita infilare e sal- dare da ambo i lati degli spez- zoni di filo di rame. La soluzio- ne ideale in questi casi @ quella realizzare un circuito stampa- to con i fori metallizzati, in tal caso i collegamenti tra le piste poste sui due lati avviene me- diante deposito galvanico, que- sta soluzione perd & attuabile soltanto con procedimenti indu. striali che diventano _costosi quando si deve realizzare un numero limitato di piastre. Al fine di rendere pitt pro- fessionale il nostro _montaggio stiamo facendo realizzare un se ne presenta a necesita. certo numero di piastre con i fori metallizzati; esse sono una riduzione della ‘precedente, ma di dimensioni molto ridotte, in- fatti sono di mm. 95x170 ¢ con- serva ancora la stessa_disposi- zione dei componenti. Tale pia- stra verrd fornita a chiunque ne fara richiesta. Supposto che voi abbiate rea- lizzato la piastra senza fori me- tallizzati potete iniziare la fase di montaggio seguendo quanto stiamo per descrivervi: procura- tevi un buon saldatore con po- tenza di 30W, dell’ottimo filo di stagno autosaldante da 1 mm, di diametro ¢ del filo rigido sta- gnato da 0,5=0,7 mm. di dia- metro. Seguendo il prospetto componenti di figura 11 ese- guite i collegamenti tra le piste situate sui due lati del circuito stampato infilando nei fori degli spezzoni di filo di rame i quali verrano saldati da entrambi le faccie, poi passate al montaggio dei resistori, dei condensatori badando che C3 sia nella giusta posizione, successivamente mon- tate i due transistori ed infine gli integrati. Questi ultimi possono essere montati su zoccoli, comunque la cosa non & consigliabile per i seguenti motivi: gli integrati TTL non sono delicati come i MOS, quindi facendo un po’ di attenzione durante la saldatura & quasi impossibile rovinarli. Volendo impiegare gli zoccoli essi devono essere di ottima qua- -2 C z \3 a lita ed a basso profilo special- mente per gli integrati che lavo- rano ad alta frequenza altrimenti si corre il rischio di non riuscire a misurare le frequenze elevate in quanto gli zoccoli_ introdu- cono delle piccole capaciti. pa- rassite. Inoltre & da tener pre- sente il fattore economico: una serie di zoccolini a bassa ca- pacit& e basso profilo costa mol- to di pit dell'integrato che vi & montato sopra. Scartata la soluzione di mon- taggio con gli zoccoli si proce- der& a montare gli integrati nel loro giusto posto ed orienta- ‘mento sullo stampato badando di effettuare delle buone salda- ture; vi rammentiamo che una cattiva saldatura effettuata su un pin di un integrato che lavo- ra ad alta frequenza pud com- 2 promettere il funzionamento del- lo strumento. Terminato il montaggio della piastra effettuate un meticoloso controllo visivo iniziando dal lato componenti: verificate che resistori_e condensatorisiano del valore indicato nell’elenco materiali si trovino nel giusto posto, 10 stesso controllo deve essere fatto per gli integrati ba- dando inoltre che la tacca o il punto di orientamento sia nella giusta posizione, Verificate che i terminali dei condensatori C4, C5, C6, C7 siano saldati anche dal lato com- ponenti. Ora effettuate il con- trollo dal lato saldatura inizian- do a verificare che siano state effettuate tutte le saldature, poi Sezione circuitale destinata ad espletare Ja funzione di base dei tempi. Nei disegni trovate la disposizione pratica delle parti e la traccla del circuito stampato, in questo caso a traccia singola, in dimensioni reali. controllate che non vi siano corto circuiti causati da salda- ture troppo grandi 0 gocce di stagno residue cadute inavverti- tamente sulla piastra durante la fase di saldatura ed infine pas- sate a ritoccare con un salda- tore tutte quelle saldature che non vi risultano eseguite alla perfezione. Completata ques prima piastra potete essere gi soddisfatti e congratularvi in quanto avete gia effettuato circa meta del lavoro necessario alla realizzazione del frequenzimetro. Concedetevi una pausa di ripo- so € passate a realizzare le altre piastre; la seconda piastra che monierete sara quella della base dei tempi. Tl montaggio di questa _pia- stra rispetto alla prima & un gioco in quanto essa 2 molto pitt semplice. Il circuito stam- pato la cui serigrafia in gran- dezza reale vista dal lato rame & riportata in figura 12 @ ad una sola faccia e quindi di fa- cile realizzazione. Seguendo lo schema di_montaggio riportato in figura 15 inizierete a montare i resistori, poi i condensatori ed i cirouiti integrati; naturalmente tutti i suggerimenti descritti per la realizzazione della prima pia- stra sono validi II quarzo verra montato per ultimo, durante la saldatura dei suoi terminali cercate di non scaldarli molto in quanto si possono rovinare le saldature al suo interno. Completata questa seconda piastra effettuate un controllo visivo per accertan che tutto sia in regola, qu passate al montaggio della p stra successiva. La penultima piastra che pas- sate a montare & quella del vi- sualizzatore; anche questo cir- cuito stampato ha le piste sulle due face ma in questo caso uno stampato con i fori metallizzati non & giustificato dal momento che i fori di collegamento non sono molti, La serigrafia in grandezza reale vista dal lato saldature @ riportata in figura 14A mentre quella dal lato com- ponenti in figura 14B, Inizierete il montaggio della piastra seguendo il prospetto componenti di figura 15; come prima cosa infilate il filo di rame stagnato nei fori di colle- gamento € saldatelo sulle due face, poi procedette al _mon- taggio dei resistori e dei_tran- sistori, poi montate i circuiti i tamento. I display devono es- sere montati su zoceoli per i seguenti motivi: essendo compo- nenti delicati e costosi si corre il rischio di rovinarli durante la fase di saldatura, inoltre con sli zoccoli la piastra a circuito stampato che sara montata pa rallela al pannello frontale si troverd da quest’ultimo ad una distanza maggiore, cid permette di poter effettuare i collegamen- ti sulla piastra con minore di ficolta. Completata la piastra effettuate un controllo meticolo- so su entrambi le facce del cuito stampato per accertarvi che tutto sia al giusto posto e che non manchino delle salda- ture. Per terminare_il_montaggio delle piastre vi rimane di mon- tare il circuito di ingresso. Il cir- cuito stampato & ad una sola faccia, la sua configurazione & molto importante, dal momento che si lavora ad alta frequenza, per cui attenetevi scrupolosa- mente alla serigrafia in grandez- za reale mostrata in figura 16; il supporto dello stampato deve essere in vetroresina. Seguendo il prospetto componenti di gura 17 montate i resistori condensatori, i diodi, i transi- storied il cireuito’ integrato rispettando owviamente valori e polarita. E importantissimo, per una buona riuscita dello stru- mento, che le saldature siano fatte molto bene ed infine pas- sate al solito scrupoloso con- trollo. Scusateci se insistiamo sul controllo finale della piastra Nelle foto della pagina a sinistra trovate le immagini relative alla basetta del circuito destinato alla generazione dei tempi di riferimento. Nei disegni in basso appaiono invece le indicazioni necessarie per la costruzione del pannello di visuelizzazione a display. 1! disegno del circuito stampato @ al naturale. ma soltanto in questo modo po- tete procedere con sicurezza al traguardo finale, Rendetevi con- to che anche un banale errore pud non far funzionare il fre- quenzimetro e se vi accorgerete soltanto a frequenzimetro monta- to, a volte non solo & difficol- toso individuare V’errore sulla piastra, ma individuare la pia- stra che contiene Verrore, AIRNS Nella descrizione di montag- gio delle quattro piastre abbiamo seguito un certo ordine pura- mente arbitrario, infatti_ se lo preferite potete iniziare il mon- taggio con la base dei tempi o i circuito d’ingresso, la cosa non ha nessuna importanza. Il contenitore impiegato per la realizzazione del frequenzime- tro & costituito dalla ditta Gan- + 49 aren [eseptneauiae Pin Disposizione dei componenti del circuito di ingresso del frequenzimetro. Anche a rischio di annoiarvi riteniamo necessario sottolineare che una saldatura fredda potrebbe pregiudicare il funzionamento dell apparecchio. zerli ed & possibile ormai repe- rirlo in tutta Italia. 11 pannello frontale & di alluminio anodiz- zato con spessore di 2 mm. Le sue dimensioni sono mm. 300 x 90; in esso sono praticati 8 fori: 4 per il fissaggio del pannello alla «colonna» e quattro per fissare il pannello al contenitore mediante due maniglie. Per smontare il pannello. frontale dal contenitore & sufficiente svi- tare le quattro viti che bloccano le maniglie. 16 Traccia del circuito stampato in grandezza reale vista dal lato rame del circuito di ingresso. Si rammenta che la configurazione che esso deve elevate. Sul pannello dovra essere pra- ticata la cava dove compariran- no i dispaly ed i fori dove sa- rano montati i diodi luminosi, i due potenziometri, il commuta- tore di portata, il connettore coassiale e Vinterruttore dell’ali- mentazione. Il disegno meccani- co per la foratura del pannello & mostrato in figura 18. La finestra dove compaiono i display @ stata chiusa con una striscia di plexiglas rosso-tra- sparente, quest’ultima @ tenuta di questo stampato molto importante dato lavorare anche a frequenze sul pannello dalla placca auto- adesiva di alluminio fotosen: bile sulla quale sono state ripor- tate le seritte ottenute con foto- grafia a contatto. Le figure 19 20 illustrano rispettivamente la serigrafia della placca autoade- siva ed il particolare di fissag- gio della striscia in plexiglas. I vari moduli verranno sati in successione durante la fase di cablaggio. 11 cablaggio, pur non essendo molto comples- 80, richiede un po’ di attenzione 18 300 |_so__! t Zl g | 3 Soe & 6 a 19/ ° na 4 "I g | 93 tw 6 d ‘eTe#—t4 | Ss bas a 60 + 244 48 t 70 50 9 FREQUENCY-TIME COUNTER MODEL 131 Orerion + [ OY Fraquese te couse Mone. 1 20 Alluminio autoadesivo fotosensibile Striscia in plexiglas pertanto vi consigliamo di segui- re meticolosamente quanto sti mo per descrivere. Prima di tutto va preparato il commutatore $2. Questo com- mutatore miniaturizzato di ti- po professionale, la sua cos tuzione fisica & molto diversa dai comuni_commutatori usati per impieghi civili e dilettanti- stici. Seguendo il disegno di fi- gura 21 notiamo che S2 @ un commutatore a 3 vie, 12 posi- zioni_composto da tre settori Per il nostro impiego le posizio- ni necessarie sono 9, quindi bi- sogna predisporre il’ dispositive di blocco, situato dietro il dado di fissaggio, per la nona posi- zione. Questa operazione ef- fettua togliendo completamente il dado di bloceo, e posizionan- do la rondella dentellata nel foro corrispondente alla nona_posi- zione. Per individuare tale foro si guarda il commutatore dal la- to settori, sul terzo settore si no- terh una freccia rivolta verso Hl prototipo realizzato & stato costruito facendo uso di un contenitore Ganzerli della serie «mini rack »; nel disegno in alto trovate un esempio di come pud essere organizzato il pannello frontale e nelle altre illustrazioni le indicazioni necessarie per l'allestimento della mascherina, tun contatto, questo contatto cor- risponde al numero 1, Partendo da questo contatto e contando in senso antiorario si conta fino a nove, in corrispondenza del lato comando si troverd il nono foro, su questo verra posizionata la linguetta della rondella den- tellata, Richiudete il tutto e fate ruotare il commutatore € con- trollate che in tutto si abbiano 8 scatti; ora con un tester veri- ficate che i due arresti avvenga- nc esattamente in corrisponden- za del primo e del nono con- tatto. Nei comuni commutatori il cursore & rappresentato da una paglietta identica a quelle dei contatti corrispondenti alle posi- zioni, nel nastro il cursore & co- stituito da una corona circo- lare; questa soluzione comporta diversi vontaggi, infatti come vedremo, grazie a questo tipo di cursore siamo riusciti ad evitare il deviatore frequenza/periodo. Per effettuare questo scam- bio direttamente con il commu- 81 tatore bisogna apportare questa semplice modifica: la corona del cursore del terzo settore va tagliata in corrispondenza tra il terzo ed il quarto contatto, Infine con una piccola lima © grana sottile asportate la cro- matura sul dado che blocca i settori situato vicino alla free- cia di orientamento e stagnate con un saldatore la parte lima- ta, in questo punto saranno sal- dati gli schermi dei cavi scher- mati. Ora iniziate il cablaggio del commutatore procurandovi prima una matassina di cavo di rame trecciola stagnata isolata in PVC, ed un rotolino di carta autoadesiva. Tagliate tre pezzi di cavo lunghi circa 20 cm., pre- arate tre targhette autoadesive con le scritte 10A, 11, 12A e attaceatele ad una estremita dei tre cavi; prendete il cavo 12A e saldatelo al contatto 1 del pri- mo settore, il cavo 11A al con- tatto 2 ed il cavo 10A al con- tatto 3. Procuratevi un cavetto 82 schermato unipolare per alta frequenza lungo circa 10 cm., siglatelo con la sigla 4B e colle- gate il conduttore centrale al cursore del secondo settore, lo schermo sara saldato in un’ se- condo tempo. Con un filo di rame stagnato nudo collegate insieme i contatti 1, 2, 3 ed i contatti 4, 5, 6, 7, 8'¢ 9 del secondo settore. Pren- dete un pezzo di filo di rame isolato ¢ collegate il contatto 1 del secondo settore con la coro- na del cursore del terzo settore in corrispondenza del quarto contatto, Con un pezzo di filo uguale al precedente collegate il contatto 4 del secondo set- tore con la corona del cursore del terzo settore in corrispon- denza del contatto 1. Preparate due cavi schermati lunghi circa 15 m., siglateli con Ie sigle 3C ¢ 4C, il primo andra collegato a contatto 2 del secondo settore, il secondo al cursore del terzo settore in cor- rispondenza del secondo contat- to; ora unite i due schermi con quello del cavo 4B ¢ saldateli alla superficie precedentemente stagnata del dado di fissaggio dei. settori Tagliate otto cavi trecciola lunghi circa 35 om., siglateli con le sigle 3D, 4D, 5D, 6D, 7D, 8D, 9D, e 10D; collegate il cavo 3D al contatto 1 del terzo set- tore, il cavo 4D al secondo e cosi via come mostrato nello schema di figura 21 saldate un ponticello tra il contatto 3 ed il contatto 9. Ora unite tutti i cavi e lega- teli assieme in modo da formare un unico cordone. 11 commuta- tore cosi preparato verri ora fissato sul pannello frontale. Completate il montaggio mec- canico del pannello frontale con il fissaggio dei due potenziome- tri i due diodi luminosi il co nettore BNC ¢ Vinterruttore di alimentazione $1. Usando sempre del cayo tree- ciola in PVC collegate insieme il catodo di DL1 con quello di DL2; tagliate tre cavi lunghi circa 20 cm., siglateli con i nu- meri 1, 7, 8. Il cavo 1 sara collegato ai due anodi dei LED, il cavo 7 al catodo di DL2, il cavo 8 al ca: todo di DL1. Tagliate due cavi lunghi circa 10 cm. e contrasse- gnateli con le sigle 5G e 6G; essi_andrano collegati ai due ancoraggi esterni del_potenzio- metro «GATE». Guardando quest'ultimo dalla parte opposta al lato comando saldate il cavo 5G sulla paglietta di destra ed il 6G sulla paglietta di sinistra, il cursore andra collegato al ca- vo 5G. Prendete altri due cavi lunghi circa 10 cm., contrassegnateli al potenziometro « LEVEL TRIG- GER »: il cavo 5T al terminale di destra ed il 6T al terminale di sinistra, il cursore andra col- legato al cavo ST. Collegato un cavo contrassegnato con il n. 3, lungo 11 cm., il connettore BNC. L’interruttore di alimenta- 21 SETTORE 2 aA ry ‘AL VISUALIZ- ZATORE 390.0, usciTa, CIRCUITO DLINGRESSO “——~ 1CONTROLLO. Schema di cablaggio del commutatore $2 e, a lato, struttura meccanica del commutatore. Nei disegni a destra trovate anche la numerazione dei contatti di un settore visto dal lato opposte 2 quello di comando. zione pud essere collegato alla fine. Ora prendete la piastra del visualizzatore ed alle pagliette 6, 7, 8, 9 collegate quattro cavi in PVC lunghi ciascuno 20 cm. che contrassegnerete_rispettiva- mente con in. 12, 13, 14 € 15. Preparate altri tre cavi lunghi 30 cm. e contrassegnateli con i numeri 9, 10 ¢ 11 e collegateli rispettivamente alle paglictte 5, 4e3, Montate dalla parte compo- nenti della piastra del visualiz- zatore due squadrette di fissag- gio mediante due viti da 3M; posizionate la piastra nella giu- sta posizione senza fissarla, ora tagliate a misura i cavi 10A, 11A e 12A provenienti dal com- muiatore e saldateli alle pagliet- te 10, 11 € 12 collegate un cavo rosso alla paglietta 2 ed un cavo nero alla paglietta 1. |+ settore lv settore lw settore COMANDO, A questo punto la piastra det visualizzatore 2 completamente cablata, pertanto deve essere fis- sata sul fondo del contenitore mediante le due squadrette pre- cedentemente montate. La secon- da piastra da fissare al conteni tore & quella del circuito di in- gresso, prima di effettuare que- sta operaione fissate una squa- dretta ad L sulla piastra, colle- gate un cavo rosso all’ancorag- 1 42d asoyernuuod fo} owerpuews 1A 24) [ap O1B62]409 Ip 0) jou! Jaq “0: jed eyjou aJeA011 349 oUBasip oysodde, dys OUOS OU e2z—K ‘aquapooo1d ‘auoyssauuos Ip |91p09 | Buojzensn| asoyenuitucs vg Jexaidiyinus evo te $ ononuos oronwon ce |_| DE | __ es ASF a101eZZI!eNSIA AS+] AO) ere it osses6ul Ip OYNDWID auolzewawy AS+ Elenco component circuiti di controllo, contatore, memoria € multiplexer RLRB = Resistori da 10K - 1/3 R3 = Resistore da 1000-1/3W.5% R4R6 = Resistori da 5609. 1/3W 5% RS = Resistore da 4,7KO. - 1/3W- PI = Potenziometro da 100K variazione lineare, miniatura C1-C2 = Condensatori da 1,5 nF- 25 VL ceramico C3= Condensatore da 150 uF - 12 VL tantalio CHCS-C6-CT = Candensatori da O.1 pF = 25 VL ceramico T1 = Trans. unigiunzione 2N1671 12 = Transistore BC208 ICLIC#ICS = Circuiti integrati 74812 IC2 = Circuito integrato 74123 IC3 = Circuito integrato 74S00 IC6IC7-IC8-IC9-ICIO-ICH-ICI2 Circuiti integrati 7490 ICI3 = Circuito integrato 7473 ICI4CI5-ICIEAC7-ICI81C20.1C21 = Circuiti integrati_ 7475 1€22-1C23-1C24.1025 = Circui tegrati 74151 DLI-DL2 = Diodi luminosi a luce diffusa Elenco componenti base dei tempi RI = Resistore da 1KQ - 1/3W - 5% R2R3 = Resistore da 22 KO - 173 - 5% C1 = Condensatore da 82 pF - 25 VL ceramico 2 = Condensatore da 4a 20 pF C3 = Condensatore da 0,1 uF - 25 VL ‘ceramico C4\= Condensatore da 47 uF - 12 VL elettrolitico ICI = Circuito integrato 7400 IC2-1C3-IC4-1C5-1C6-IC7-ICB = Circuiti integrati 7490 = Quarzo da IMHz Elenco componenti circuito visualizzatore RIRZRIRERSRERTRE = Resistori da 1500 - 1/3W - 5% RORIORIFRIZRIFRIGRIS Resistori da 2700 - 1/3W - 5% TIT2T3-T4-15-T6-T7-TS Transistori 2N3546 0 equival. ICI = Circuito integrato 7442 1C2 = Circuito integrato 7447 DS1DS2.D$3.DS4DS5.DS6.DS7- DS8 = Display a7 segmenti, anodo comune Per I'utilizzazione del frequenzimetro consigliamo di preparare una sonda secondo le indicazioni del disegno: questo tipo di circuito ha il pregio di offrire une alta impedenza di ingresso ed una bassa capacita, gio 2 ed un cavo all’aeronaggio 1. Posizionate la piastra nella giusta posizione senza fissarla, tagliate a misura i cavi_ scher- matin, 3 provenienti dal BNC en, 4B proveniente dal commu- tatore, poi i cavi normali 5T 6T provenienti dal potenziome- tro. Saldate questi cavi alle ri- spettive pagliette, quindi fissate la piastra in senso verticale sul fondo del contenitore facen- do in modo che il lato compo- nenti sia rivolto verso il fron- tale del contenitore. La piastra che contiene i cir- cuiti controllo, contatore, memo- ria e multiplexer viene fissata sul fondo del contenitore me- diante quattro viti e quattro di- stanziatori forati alti 10/ mm, (per Vorientamento si guardi le fotografie). Eseguito il fissaggio si colleghino tutti i cavi prove- nienti dai vari circuiti_ secondo Jo schema di cablaggio ripor- tato in figura. In questa piastra verranno riuniti i cavi rossi e neri di ali- mentazione, inoltre da essa par- tira un cavo rosso che andra saldato ad un contatto dell terruttore di alimentazione men- tre il cavo nero andra portato direttamente alluscita per es- sere collegato al negativo del- Palimentatore. Ora preparate gli ultimi tre PVC lunghi 25 cm. siglateli con i numeri 11, 12 € 15 cm, andranno saldati alle pa- gliette di ancoraggio 9, 10 11 Con altre due squadrette fis- sate in senso verticale la piastra della base dei tempi, effettuate tutti i collegamenti; i cavi di ali- mentazione andranno riportati sulla piastra a circuito stampa- to grande, Per concludere il ca- blaggio vi rimane soltanto di collegare un cavo rosso all’altro polo dell'interruttore di rete ed il resistore da 3309 tra il cur- sore del primo settore e la massa. Effettuate un sever controllo per accertarvi che il cablaggio sia stato effettuato nel migliore dei modi ed in particolare con- trollate che non siano invertite le alimentazioni; se cid acca- desse e vi accorgete soltanto do- po aver dato tensione non vi rimane che mettervi a piangere e picchiare la testa contro il muro. Abbiamo cercato di fare del- Vironia soltanto per mettervi in del danno che pud veri- Sicuri: che cid non ac- cada, finalmente!!! potete pas- sare all’uso del frequenzimetro. Uso dello strumento Prima di esaminare le opera- zioni necessarie per il buon uso del nostro frequenzimetro ci & sembrato giusto parlare di cid che normalmente viene trascura- to o semplicisticamente trattato da parte di altre riviste che han- no pubblicato strumenti di mi- sura simili al nostro. Quando si collega un qualun- que strumento ad un circuito, quest'ultimo ne viene disturbato 55, RI RS R4 = RS = R6 RT RS RO R10 = RIL RI2 RB RI4 RIS 0 Resistore da 33 KQ- 1/3W 5% Resistore da IMQ - 1/3 W 5% Resistore da 1KQ - 1/3W - 5% Resistore da 4709 - 1/3W - 5% Resistore da 22K - 1/3W 5% Resistore da 22 - 1/3W - 5% Resistore da 2,7KQ-1/3W- 5% Resistore da 4709 - 1/3W - 5% Resistore da 4709 - 1/3W - 5% Resistore da 4700 - 1/3W - 5% Resistore da 4700 - 1/3W 5% Resistore da 33K - 1/3W 50 Resistore da 2209 - 1/3W - 5% 1/3W - Resistore da 4700 5% Resistore da 399 - 1/3W - 53% RI6 = Resistore da 1000 - 1/3W 5% PI = Potenziometro da 1K9 va- jazione lineare miniatura Cl = Condensatore da 10nF - 630 VL ceramico (2 = Condensatore da 68 pF - 630 VL ceramico C3 = Condensatore da 0,1 uF - 100 VL. ceramico C4 = Condensatore da 22uF - 12 VL tantalio C5 = Condensatore da O1uF - 100 VL ceramico C6 = Condensatore da 0,1LF 100 VL ceramico C7 = Condensatore da OnF - 100 VL ceramico C8 = Condensatore da 22uF 12 VL tantalio C9 = Condensatore da 0,1uF 100 VL ceramico C10 =Condensatore da 22uF - 12 VL elettrolitico LI = Induttanza VK 200 Ti = Transistore FET 2N3819 12 = Transistore 2N3227 3 = Transistore 2N3546 ICI = Circuito integrato MC10216 Una delle piastre doppia facia utilizzete per la costruzione del frequenzimetro. Per avere ottimi risultati @ obbligstorio utilizzere ta tecnica della fotoincisione. in modo pitt 0 meno evidente, fino a falsare del tutto i risul- tati della misura, Nel caso dei frequenzimetri per ridurre al minimo questo effetto nocivo si debbono usare appropriate sonde le quali con la loro bassa capacita ed alta impedenza variano molto poco © comunque in maniera trascu- rabile i valori di frequenza o di periodo del circuito in esame. Il perché della bassa capacita risulta lampante se si pensa a cosa succede se misurando la frequenza di oscillazione di un circuito LC, noi sommassimo alla capacit’ C del’oscillatore un'altra di valore pari o mag- giore: la frequenza letta sul fre- quenzimetro non sarebbe nem- meno vicina a quella reale di oscillazione. E risulta altrettanto chiaro che se la sonda usata non fosse ad alta impedenza, nel caso del- la misura di oscillazione di un cireuito RC, succederebbe la me- desima cosa. La sonda pitt semplice con- siste in un cavetto coassiale che ad un capo porta un connettore BNC maschio che si inserisce nello strumento e dall’altro una punta isolata collegata al con- duttore centrale del _cavetto coassiale ¢ da un coccodrillo collegato alla calza. Questa sonda perd, pur non mantenendo alta impedenza del cireuito d’ingresso del frequen- zimetro, ha la capacita risultan- te, dovuta alla somma delle ca- pacita distribuite tra condutto- re centrale ¢ calza schermante del cavetto coassiale, non tra- scurabile che aumenta all’au- mentare della lunghezza del ca- vetto stesso, Un altro tipo di sonda pud essere costruita saldando tra il puntale isolato ed il conduttore centrale, una resistenza di va- lore elevato con in parallelo una piccola capaciti dell’ordine delle decine di picofarad come mostrato in figura 23. (SEGUE A PAGINA 100) s ST Quindici ritmi in casa 1 ritmo @ 'essenza della m sica, la trama sulla quale si sviluppa Parmonia. Si_potrebbe anzi dire che 2 stato il ritmo a nascere prima della musica, al- lorché all’alba dei tempi si ac- compagnava il lavoro degli uo- mini con il ritmo degli strumenti a percussione dei pid vari tipi Anche le cerimonie religiose e, purtroppo, la guerra, sono state sempre svolte al ritmo di stru- menti a percussione che davano il tempo per l'azione sincrona di grandi masse di uomini. Come avviene per i composti chimici, ogni suono pud essere sottoposto ad analisi per di derlo nelle sue componenti fon- damentali che sono frequenze pure; il passo successivo @ la sintesi che avviene partendo dal- le frequenze fondamentali che, opportunamente combinate, dan: no origine ai vari suoni che nel- uso si ottengono con i pitt di- sparati. strumenti. L’elettronica ha portato un aiuto insostituibile a questa tecnica di sintesi dei suoni, permettendo anzi di otte- nere suoni nuovi che nessun al- tro strumento musicale & capace i produrre. Il risultato di qu ste tecniche ora altamente so! sticate sono i vari tipi di organi elettronici, di sintetizzatori ec- cetera. L'UK 263 pud essere inserito in un sistema pitt complesso di musica elettronica oppure essere usato tal quale per sostituire il gruppo batteria in una orche- strina di strumenti convenzionali, Il numero di ritmi generati, quindici, & sufficientemente gran- de da ‘permettere I'esecuzione dei pit diffusi motivi. La poss bilit& di variare con continuita 57 la cadenza del ritmo offre nuove possibilit’ di interpretazione. Il numero di strumenti sintetizzati (nove) mete a i piccolo spazio una batteria tra le pid complete. 1 cirouito elettrico si pud sud- dividere in cinque parti fonda- mental Il generatore di ritmi 1 generatori del suono La tastiera di codifica degli in rizzi L’ amplificatore - mescolatore di uscita L’alimentatore, Generatore di ritmi Cominceremo dal generatore di ritmi, che @ la patre pitt im- portante e complessa del mon- taggio. Questa complessita perd non appare all’esterno in quan- to l'integrazione permette il fun- zionamento con un numero estre- mamente ridotto di component. Esempio di utilizzazione della batteria elettronica in unione ad altri kit della stessa casa, Il generatore di ritmi (IC5) @ un sistema che genera impulsi di trigger 0 di eccitazione che provocano la partenza dell’oscil- lazione in una serie di oscilla- tori i quali, opportunamente smorzati, simulano la sensazio- ne acustica dei vari strumenti musicali che compongono la batteria. Il generatore di ritmi quindi non genera i suoni di per se stesso, ma temporizza Pinnesco dei vari oscillatori se- condo una sequenza ed un ritmo 2g ee $y vais/u eso ey prefissati, che sono scanditi da un oscillatore di orologio. E evi- dente che, come per la normale esecuzione musicale ogni ciclo completo di ritmi che si ripete sempre uguale nel tempo, deve essere diviso in un certo nume- to di tempi elementari. Quanto pid grande @ il numero di queste suddivisioni, tanto pid ricco di variazioni risulta il ritmo. I li- mite, come per la musica, & la nota di 1/64, al di sotto della quale non si riesce @ percepire Src 2" werent oto pe Sab He. Schema elettrico generale. | tili interrotti sono diretti alla pulsantiera. 58 oe La batteria elettronica @ stata progettata per trarre i massimi vantaggi dai circuiti integrati che le industrie dei semiconduttori studiano, talvolta ‘anche con intenti diversi da quelli che pol ritroviamo nel ‘mondo degli sperimentatori. Vintervallo. Nel nostro caso ci si ferma a 1/32, Il reset necessario al contatore per ogni ritmo programmato & prodotto all'interno del circuito integrato. E invece previsto un reset esterno nel caso si voglia interrompere in qualsiasi_ mo- mento il programma e farlo nuo- vamente partire da zero. Questo impulso di inizio serve anche, dopo opportuno trattamento, ad accendere un segnalatore che in- dica visivamente la nota di par- fark ARE c Sak) ie4 3 tenza di ciascun ritmo. I genera- tori di suono sono studiati e pro- gettati per riprodurre il pia fe- delmente possibile il suono dei vari strumenti a percussione che compongono la batteria. Il suo- no degli strumenti a percussio- ne pud essere di due tipi. Un treno di onde Uno di questi & caratterizzato da treni di onde sinusoidali smor- zate, come i tamburi. Il secondo tipo consiste in impulsi smorzati di rumore bianco (il_ rumore bianco @ cosi chiamato in analo- gia con la luce bianca, ossia co- me una mescolanza di tutte le frequenze comprese entro una certa banda). Nella prima cate- goria possiamo includere la gran- cassa, il bongo alto e basso, il conga e le clave. Per tutti questi strumenti si usa un solo tipo di Gireuito, mentre i vari suoni so- no ottenuti cambiando il valore dei componenti. Down beat Dal piedino 7 del programma- tore @ possibile prelevare un im- pulso di segnale dell’inizio ciclo. Siecome questo impulso agisce per un tempo brevissimo (2-3 microsendi) no & possibile azio- nare direttamente la lampada di segnalazione, quindi l’impulso deve essere prolungato ed am- plificato con un opportuno cit- cuito esterno. Allo scopo si usa un multivibratore monostabile costruito su tre porte COS-MOS di IC2 e sugli elementi_passivi R7, RB, R9, R10, RII, C8 ¢ C9, Un’ transistor ausiliario Tr3 permette l’accensione del segna- latore LED DOWN BEAT il cui innesco viene ottenuto con la regolazione del trimmer P1 Tastiera Questo elemento si deve con- siderare come un sistema sepa- rato avente la funzione logica 59 Ritmi ottenibili: ‘Strumenti sintetizzat Semicondattori impiegati: Peso: CARATTERISTICHE TECNICHE Alimentazione: 115-220-250 Vea 50-60 Hz Livello di uscita: 250 mV Impedenza di 265x 70x 215 mm 1500 grammi di codificare le parole binarie da applicare agli ingressi di i dirizzamento di ICS. (piedini 1, 2, 15, 16). Mediante la tastiera si sele- ziona inoltre il suono delle clave © quello dello snare drum a seconda che si tratti o no di ritmi latino americani: Per alzare il livello dei vari segnali sonori ad un valore tale da poter essere applicati all’in- gresso di un amplificatore di po- tenza, si fa uso di un preampli- ficatore impiegante il circuito integrato lineare IC6. Si tratta di un amplificatore monolitico imtegrato a larga banda con un buon guadagno ed avente la possibilita di collegarsi a carichi che possono andare da 2 a 10 Kohm. La configurazione & nor- male, con R74 che fornisce la controreazione ed un filtro di regolazione di tono all'uscita (R75-C42-P11). II potenziometro di regolazione P12 permette di graduare il segnale prelevato ot- tenendo cosi una regolazione di volume. L’apparecchiatura 2 intera- mente disposta entro un robusto ed clegante contenitore metalli- co di basso profilo, La quasi totalita del circuito elettrico e dei componenti sono montati su un unico cireuito stampato che comprende anche l’alimentazio- ne di rete. Sul frontale del contenitore appaiono i vari comandi e cioe il pulsante interruttore generale di rete, il pulsante di arresto ed avviamento ritmo, il selettore dei ritmi, il comando di variazione del tempo, il comando di regola- zione del volume e quello di regolazione del tono. Inolire ci sono due segnalatori LED che indicano V’accensione dell’appa- recehio e Tinizio di battuta (down beat) di ogni ritmo. Sul pannello posteriore si no- tano la presa di prelievo del segnale, il fusibile di protezione, il cambiatensioni ed il cordone di rete. Particolare, in alto, @ vista d'insieme de! generatore di ritmi Il montaggio @ estremamente ordinato e razionale ed i circuiti integrati sono inseriti su zoccoll Per il materiale La scatola di montaggio or- ganizzata dalla Amtron com- prende tutto il materiale elet- tronico necessario allallesti- mento dell’apparecchio_ cosi come appare nelle foto. L’ap- parecchio, fornito di conteni- tore, & reperibile presso tutte le sedi GBC. 61 €CED Una nuova pellicola di FRANCO TAGLIABUE i laboratori di ricerca sta- tunitensi della 3M & stato messo a punto un nuovo tipo di pellicola’ in poliestere traspa- rente trattato con emulsione diazo, cio? sensibile ai raggi ultravioletti. Tranquilli, non impressiona- tevi, non abbiamo deciso di cambiare i contenuti di Radi Elettronica pasando dall’elet- tronica alla fotografia. Vogliamo solo darvi una dimostrazione pra~ tica di come progressi tecnolo- Sequenza pratica per Iutilizzazione del INT. Per prima cosa si sovrappone originale @ pellicola e si procede all'esposizione sotto un'idonea sorgente di luce. gici nel settore fotografico pos- sono ripercuotersi favorevolmen- te nel nostro campo sia a li- vello sperimentale che indu- striale, Eliminiamo la situazione di vago ed indeterminato che ab- biamo creato con questo prologo per precisare a cosa pud servire questo nuovo tipo di pellicola ¢ come awviene la tecnica di uti- lizzazione. Il sistema I.N.T., cost si chia- ma, consente di trasformare il per gli stampati disegno di una basetta in un master per circuiti stampati sen- za che si presenti la necesita di disporre di una camera oscu- ra per ticavare la pellicola. Inol- tre sempre con il sistema I.N.T. si pud realizzare il disegno tra- sferibile della basetta che, una volta applicato sulla superficie ramata, pud essere sottoposto al tradizionale sistema di inci- sione con percloruro ferrico. Allora le possibilita del siste- ma I.N.T. sono due: o realiz- Terminata lesposizione, il tempo & strettamente legato alle possibilita della sorgente di ultravioletti, si toglie i! foglio di protezione dalla pellicola, Dalla tecnica fotografica una proposta per il laboratorio dello sperimentatore pill esigente. Fai il master del tuo progetto con la macchina per le fotocopie zare una pellicola con il disegno desiderato, che pud essere uti- lizzata ogni qualvolta se_ne presenta 'opportunita con il si- stema della preparazione dei cir- cuiti stampati fotoincisi, oppure di allestire il disegno trasferi- bile del circuito stampato da ap- plicare sulla superficie ramata € utilizzare, in questo caso ov- viamente una sola volta, senza che siano necessari altri. proce- dimenti allinfuori del normale trattamento in acido. Imbevendo un bstuffolo di cotone con il Tiquido per lo sviluppo si procede alla operazione in luce ambiente. Nel giro di qualche minuto 'operazione conclusa. Come accennato tutto il pro- cedimento di lavorazione di questa nuova pellicola della 3M viene effettuato in luce ambiente. Vediamo come si procede fase per fase e successivamente come si pud alterare il procedimento ortodosso per ottenere gli stessi risultati ma in una maniera che forse per uno sperimentatore & pitt pratica, Supponiamo di prendere il di- segno di un circuito stampato, per esempio una delle tante tr ce riprodotte in dimensione na- turale che abitualmente riprodu- ciamo nelle pagine dedicate al montaggio delle apparecchiature di cui proponiamo la realizza- zione pratica. Ritagliamo il dise- gno ¢ lo poniamo a contatto del- la pellicola diazoica (come gid detio sensibile alle radiazioni ultraviolette). II blocco disegno e pellicola lo poniamo sotto la emissione di un fascio ravvici- nato ed intenso di raggi ultra- violetti (un sistema di lampade al neon realizzato cosi come per sistema di fotoincisione per circuiti stampati (vedi Radio Elettronica, luglio °76). Il tempo dell’esposizione dipende dal tipo di sorgente luminosa_(normal- mente bastano due minuti). Ef- fettuata l'esposizione per il tem- po necessario si provvede allo sviluppo della pellicola. Lo svi lupo avviene in luce ambiente, Si prende un batuffolo di co- tone, lo si inumidisce con la soluzione chimica per lo svilup- po e si passa il cotone pitt volte sulla superficie della pellicola sino a che appare il disegno. ‘A. questo punto, non sono trascorsi piti di altri due minuti, si provvede a lavare con acqua la pellicola che 2 pronta per uso. Per realizzare il disegno tra- sferibile il procedimento & lo stesso. Cambia solo il tipo di supporto diazoico ed il liquido per lo sviluppo. In fase di svi- lupo i tempi sono leggermente Quando lo sviluppo della pellicola consente di ottenere con nitidezza la copia del disegno inserito come originale si puo passare al lavaggio def supporto. pid lunghi ma, come per il precedente, tutto si compi luce ambiente ed al massimo in una decina di minuti ‘Anche noi abbiamo voluto sperimentare direttamente il pro- cedimento di lavorazione di questo materiale della 3M e siamo recati nel loro laboratorio di Segrate per poter constatare il grado di risoluzione che il materiale consente, Ci & stata data dimostrazione di tutto il procedimento cosi come sinora lo abbiamo descrit to, dopo di che abbiamo richi sto di effettuare delle prove con un procedimento un poco inso- lito ma che riteniamo pit: inte- ressante sia per una ditta che per uno sperimentatore. Vediamo in cosa consiste il cambiamento di lavorazione II procedimento di sviluppo che ci é stato presentato ¢ molto razionale e pratico, non abbiso- gna certo di arrangiamenti_ per consentire a tutti lo svolgimen- to, mentre ill processo di espo- Wl lavaggio si effettua con acqua corrente in modo da eliminare qualsiasi residuo del liquido di sviluppo. Dopo di che si pud passare ad asciugare /a pellicola con un Pano di carta, sizione, fatto durante la prima dimostrazione con una apparec- chiatura per fotoincisione della ditta Corbetta di Milano che & altamente specializzata in questo settore, richiede di possedere © quantomeno di costruirsi_ un apparecchio analogo. Qui sta il punto: visto che la pellicola @ sensibile alle radiazioni ultravio- lette © considerato che le mac- chine per le fotocopie funziona- no sul principio dell’emissione un fascio molto intenso di ra- diazioni ultraviolette, perché non utilizzare la macchina delle fo- tocopie? Al centro 3M le fotocopiatri non mancano di certo, cosi che non abbiamo dovuto fare altro che sceglierne una e compiere la prova. Per l'esperimento si & utiliz- zata una fotocopiatrice 3M pic- cola piccola, una di quelle dove per ottenere la fotocopia si inse- risce un apposito foglio che ri- passato successivamente in mac- china insieme alla carta bian consente la riproduzione dell’ori- ginale. Programmata la fotocopiatrice per una esposizione massima ab- nserito originale e pelli- cola per compiere la procedura, I risultato & stato eccellente: abbiamo ottenuto la prova pra- tica di quanto desideravamo sa- pere. Ogni sperimentatore pud recarsi in un centro per foto- copie con l’originale e il pro- prio pezzo di supporto diazoico ed ottenere una pellicola che una volta a casa provvedera a sviluppare ed utilizzare 0 come master fotografico 0 come tr sferibile. E. se cid & possibile per uno sperimentatore che si reca in un centro per fotocopie, qual sono le possibilita per una pi cola ditta che certamente co- munque possiede gia una foto- copiatrice? A voi le conclusioni, per il momento possiamo solo aggiungere che il sistema I.N.T. & gid disponibile sul mereato italiano. Quando i! panno di carta ha reso operativa la pellicola si pud trasferire immagine. Nel caso del circuito stampato si trasferisce il disegno su rame e si mette la basetta nell'acido. war Amp lificatore stereo 10-+10 moderni processi di fabbri- cazione dei circuiti inte- grati hanno consentito la rea- Tizzazione di dispositivi dalle prestazioni veramente sbalordi tive, immaginabili sino a pod anni fa. Anche se i maggiori progress si sono registrati_ nel settore degli integrati digitali, un notevole sviluppo hanno avuto i circuiti integrati_lineari. Nel campo della bassa frequen- za sono stati messi a punto © commercializzati gid da diversi Due circuiti integrati ed il gioco é fatto ogni problema di amplificazione in bassa frequenza @ risolto. Un circuito semplice e funzionale che anche un principiante pud realizzare con garanzia di successo. di ARSENIO SPADONI FOTO MICHELONI anni amplificatori in grado di erogare potenze superiori a cen- to watt, Anche per realizzare i due amplificatori (uno_ stereofonico e Paltro monofonico) descritti in queste pagine, sono stati uti- lizzati dei circuiti integrati mo- nolitici di recente commercia- lizzazione, L’impiego di circuit integrati al posto di component discreti consente di ottenere nu- merosi vantaggi tra i quali la riduzione delle dimensioni del- 65 66 HOoura ‘co Schema elettrico generale del circulto di ampliticazione. Vapparecchio, la maggior affida- bilita, il minor tempo richiesto per il montaggio ecc. Inoltre, Vimpiego di circuiti integrati consente di ridurre notevolmen- te il costo degli apparecchi Quattro resistenze amplificatore _monofonico utiliza un circuito integrato del tipo TCA 940, dieci condensa- tori e quattro resistenze; l’am- plificatore stereofonico, ovvia- mente, utilizza un numero dop pio di componenti. Lo schema elettrico interno del TCA 940 & molto complesso; esso compren- de 19 trapsistori, numerosi dio- die alcuhe resistenze. Questo dispositivo) che dispone anche di un ciréuito contro i sovrac- caridhi di uscita, & in grado di verogare una potenza effettiva di 10 watt su un carico di 4 Ohm. Come si vede dallo schema clettrico ’amplificatore stereofo. nico & formato da due sezioni amplificatrici che sono uguali git amelificatore monofonico; TB wrercio, in seguito, descriveremo unicamente il funzionamento dell’amplificatore_ monofonico. Il segnale di ingresso viene applicato al piedino n. 8 tra mite il condensatore elettrolitico C1. L’impedenza di ingresso del- Vamplificatore ammonta a circa 100 KOhm; tale valore & la risultante del parallelo tra la resistenza R1 e la resistenza di ingresso intrinseca del circuito integrato, resistenza che ammon- ta ad alcuni megaohm. Per otte- nere la massima potenza di usci- ta occorre applicare all’ingresso un segnale dell’ampiezza di al- meno 100 mV efficaci; tale infatti il valore della sensibilita dell’amplificatore. Dal valore della resistenza R2 dipende il guadagno ad anel- lo chiuso dell’amplificatore e quindi, in ultima analisi, la sen- sibilita di ingresso. Il valore di tale resistenza pud essere modi- ficato per aumentare la sensibi- ita dell’amplificatore; tuttavia coccorre considerare che un au- mento della sensibilita comporta anche una minore stabilit2 del ito, La stabilita dell’ampl ficatore dipende anche dal_va lore dei condensatori C6 e C7 i quali hanno il compito di limi- tare il valore superiore della banda passante. Analisi del circuito Per effetto del filtro formato dalla resistenza_R3 e dal_con- Tensione di alimentazione Assorbimento massimo Potenza di uscita pr densatore elettrolitico C8, la tensione continua di uscita pre- senta sempre un valore pari a meta tensione di alimentazione; cid consente di ottenere un fu zionamentoperfettamente sim- metrico dello stadio di potenza dell’amplificatore. I segnale di uscita, presente sul piedino n. 12, viene applicato, tramite il condensatore elettrolitico C10, all’altoparlante da 4 Ohm. Dalla capacita di C10 dipende in gran parte il limite inferiore [enema oven 22 volt 0,8 ampére (1,6) 10 watt (10+ 10) 11 montaggio & molto compatto, ‘condensatori sono stati utilizzati in posizione verticale e due dissipatori fovwedono alla stabilizzazione termica dei circuiti integrati della banda passante; ne! nostro caso, con un condensatore da 1,000 4, il limite inferiore del- la banda passante risulta di cir- ca 50 Hz II filtro composto dalla resi- stenza R4 e dal condensatore C9 mantiene costante I’impe- denza che Vamplificatore « ve- de» in uscita, anche alle alte frequenze. I condensatori C2 ¢ C3 filtrano la tensione di ali- mentazione eliminando eventuali ondulazioni residue sia di basa che di alta frequenza. Per ali- mentare l'amplificatore & neces- saria una tensione stabilizzata di 22 volt. L’assorbimento a riposo 2 di circa 40 mA, quello alla massima potenza raggiunge gli 800 mA. Ovviamente la versio- ne stereofonica assorbe alla mas- sima potenza una corrente due volte superiore ovvero 1,6 A. Non tutta Penergia assorbita dal circuito viene convertita in potenza audio; una percentuale piuttosto elevata (circa 7 watt 67 Componenti RLRIA = 100 KOhm R2R2A = 47 Ohm R3-R5A = 100 Ohm R4-R4A = 1 Ohm “CLCIA = 10 uF 16 VI clettr. > C2024 » C3-C3A, C4-C4A, \ C5.C5A C6-C6A 470 uF 25 VI elettr. 100.000 pF cera- mico 100 uF 16 VI elettr. 100 uF 16 VI elettr. 4.700 pF ceram. > C7-C7A = 1.000 pF ceram. > C8C8A = 100 uF 16 VI clettr. C9-C9A = 100.000 pF cer. © CIO-C1OA = 1000 uF 16 VI elettr. AP = 48 Ohm AL = 22 Volt ICLICIA = TCA 940 alla massima potenza di uscita) viene dissipata in calore, II cit- cuito integrato deve pertanto essere munito di un adeguato radiatore per evitare un ecces- sivo innalzamento della tempera- tura che provocherebbe l'irrepa- rabile distruzione del microcit- cuito. I limitato numero di compo- nenti consente di portare a ter- mine il montaggio dell’ampli catore in poco tempo. Tutti i componenti sono cablati su una 68 basetta stampata che nel caso dell’ amplificatore — monofonico misura 50x50 mm. mentre nel caso dell’amplificatore stereofo- nico misura 50x105 mm. In se- guito descriveremo unicamente il montaggio dell’amplificatore monofonico (vale a dire di una sola sezione dello stereo) in quanto non vi sono differenze tra le fasi di montaggio delle due versioni. Ultimata la realizzazione della basetta stampata con la foratura A sinistra, piano generale per le disposizione pratica dei componenti sul circuito stampato. Si raccomanda molta attenzione durante |'esecuzione delle sadature dei piedini degli integrati. Sotto, vedete riportato i! disegno in dimension naturali del circuito stampato progettato per la realizzazione dell'amplificatore in versione stereofonica Per la versione mono @ evidente che il master verrd diviso in due parti secondo Ia linea di simmetria Nel disegno in piccolo appare un esempio di come il dissipatore termico per circulti integrati pud essere fissato alle due alette di raffreddamento gia esistenti Ty SI] \> YY L- foo a foo) 2) Per il materiale Tutti i componenti usati in questo progetto sono di facile reperibilita. All’esclusivo scopo di agevolare i lettori interessati alla costruzione, informiamo che possono rivolgersi alla ditta Kit Shop (C.so Vittorio Emanuele 15, Milano) che offre dietro versamento su vaglia postale, la scatola di montaggio dell’am- plificatore stereofonico a lire 14.500 e quella della versione mono a lire 8.000 spese postali comprese. della stessa e la pulizia delle no subire senza conseguenze sur- piste, si potra iniziare il montag- : riscaldamenti e quindi & molto gio vero e proprio. L’inserzione difficile che possano essere dan- dei vari componenti sulla ba- neggiati dal calore del saldatore. setta dovra essere eseguita te- Per ridurre il rumore di fondo & nendo costantemente sott’occhio consigliabile utilizzare resistenze il circuito elettrico dell’amplifi- a strato metallico che generano catore nonché il piano di ca- una tensione di rumore di gran blaggio e T’elenco dei compo- lunga inferiore rispetto a quello nenti, Per prime dovranno es- generato dalle resistenze ad im- sere inserite e saldate le resi- pasto. stenze, tutte da 1/2W al 10% Montaggio Questi componenti vengono mon- . tati per primi in quanto posso- Spesso i terminali di questi 6 componenti sono ossidati; in tale caso, per evitare salda- ture fredde occorre asportare lo strato di ossido mediante carta vetrata. Dovranno quindi essere cablati i condensatori ceramici € quelli elettrolitici; come noto questi ultimi sono elementi pola- rizzati, dispongono cio’ di un terminale positivo e di un termi- nale negativo i quali debbono essere collegati_ come indicato nello schema elettrico. Una in- versione di polarita provochereb- 70 cordatevi di ‘posizionare di riferimento orlentata alla disposizic jone pratica delle parti be in breve tempo Virreparabile distruzione del condensatore. Per ultimo dovra essere montato il circuito integrato TCA 940. Questo elemento @ disponibile di 12 terminali disposti alterna- tivamente e di due alette di raf- freddamento forate. L’identifica- zione dei terminali & molto sem- plice: osservando il circuito in- tegrato dall’alto, il terminale alla sinistra della tacca di riconosci mento corrisponde al n. 1, quel lo alla destra al n. 12. Per evi tare surriscaldamenti l’integrato deve essere munito di un pic- colo radiatore a forma di « U » dotato di due fori per il fis: saggio. Prima di inserire Vintegrato sulla basetta, occorre fissare, me- diante due dadi, due viti da 3 MA alla stessa; quindi inserire Vintegrato facendo passare le Viti attraverso i fori delle alette di raffreddamento. Successiva- mente occorre fissare le alette mediante altre due viti (utiliz- zate principalmente come distan- Ziatori) e fissare il dissipatore. ‘A questo punto si potranno sal- dare i teminali _ dell’integrato adottando tutti gli accorgimenti del caso, come, ad esempio, la- sciare trascorrere alcune decine di secondi tra la saldatura di un terminale e Valtro, utilizzare un saldatore munito di una punta perfettamente pulita ecc... L'amplificatore non necessita di alcuna messa a punto; se il cablaggio & stato portato a ter- mine senza errori, l'amplificato- re funzionerd di primo acchito. Prima di dare tensione & neces- sario collegare il carico di usci- ta ovvero Valtoparlante o un carico fittizio (pid indicato per effettuare le prove con gli stru- menti). La massima potenza di uscita si ottiene con un carico di 4 Ohm e con una tensione di alimentazione di 22 volt. Aumentando Vimpedenza del arico 0 diminuendo la tensione di alimentazione, la potenza di uscita diminuisce. Ad esempio, con una tensione di alimentazio- Esecuzione monofonica dello stesso progetto. Le dimensioni della besetta sono praticamente dimezzati ne nominale e con un carico di 8 ohm, la potenza massima am- monta a circa 5 watt, potenza equivalente a quella che si ot- terrebbe con un carico di 4 ohm € con una tensione di alimenta- zione di 16 volt. Onde evitare di danneggiare Vintegrato, il carico di uscita non deve mai presentare una impedenza inferiore a 4 ohm € la tensione di alimentazione non deve essere superiore a 22 volt. La minima tensione di alimenta- zione & di circa 10 volt; con tensioni di alimentazione infe- riori ’amplificatore distorce no- tevolmente il segnale, 1 due amplificatori potranno essere utilizzati per realizzare apparecchiature di vario tipo Essi sono particolarmente indi- cate ad essere impiegati in quel- le apparecchiature che richiedo- no un amplificatore di piccole dimensioni ma di discreta _po- tenza, A PROPOSITO DEL SINTETIZZATORE traordinario, come testimoniato da varie telefonate ¢ moltissime Tettere giunte in redazione, il suc- cesso incontrato dal progetto dell’Or- biter 2000, sintetizzatore, apparso su questo giornale in febbraio. Di- ciamo chiaramente che si trattave di tun. sucesso largamente previsto con: siderata la validita del progetto, stu- diato sin nei_minimi particolari, ¢ il favore che Vargomento (il suono elettronico) suscita in tutti gli ap- passionati dell’elettronica Al lettore che costruird il sinteti zatore pitt bello (inviare una foto- gratia ben fattal) in regalo un rice- trasmettitore CB 23 canali ad insin dacabile giudizio. della redazione. Gli esperti di Radio Elettronica giu- dicheranno scegliendo il lavoro me- slio eseguito. Di questo sperimenta- ralmente nome, indirizzo e foto, se fornitaci, LETTORI ATTENZIONE n Security box ‘ominceremo subito col ras- C Strate leon chest fos sero eventualmente lasciati pressionare dall’apparenza: si tratta di un progetto semplicis- simo, che non necessita di al- cuna taratura; nonostante questo non manchera di dare molte soddisfazioni a chi vorra intra- prendere la sua realizzazione. Non occorre una grande espe- rienza, basta saper saldare in maniera decente e, come per tut- te le cose, dedicare molta atten- zione © cura; chi segi tamente le nostre indicazioni, non potra fare a meno di tro- varsi soddisfatto da un disposi: tivo di cui sottolineamo Taspet- to professionale. La nostra cen- tralina infatti ha ben poco da invidiare ad analoghe apparec- ture in commercio, sia in quanto ad affidabilita,” che si curezza e prestazioni. Ve lo as- sicura chi, per la sua progetta. zione, ha impiegato mesi ed ha avuto modo di approfondire la conoscenza del mercato, Quest'ultimo risulta pid che mai fiorente; con i tempi che corrono, infatti, in tutte le citt& grandi e piccole esiste ormai un installatore di apparecchiature per chi ha qualeosa da difendere da chi quel qualcosa non ha potuto avere e ricorre alla ma- niera pitt facile per dispome: prenderselo. Forse da che mon- do @ mondo esistono queste due categorie di persone, chi ha po- tuto avere e chi no, chi difende i suoi privilegi e chi, inevitabil- 7 Centralina antifurto professionale progettata per garantire un elevato grado di affidabilita e prestazioni di rilievo. Nessuna taratura e sicurezza di proteggere l'abitazione contro spiacevoli visite i CLAUDIO GIUSTI mente allettato, li rincorre. Ci rendiamo conto che & un’esem- plificazione un po’ troppo spin- ta, la realth quotidiana & mol- to pit complessa e intricata, ma siamo altrettanto sicuri di un fatto: il miglior antifurto non pud essere che questo: fare in modo che tutti abbiano in parti uguali Un impianto antifurto si pud dividere in tre parti: sensori, centralina, allarmi I sensori sono gli apparecchi © i dispositivi che « segnalano » la presenza di persone o l'ay- venuta intrusione ¢ la trasmet- tono alla centralina, Fra i sen- sori sono compresi i rivelatori ad ultrasuoni 0 a microonde, gli infrarossi passivi, i contatti ma- gnetici o a vibrazione, i tappeti magnetici, i tappeti sensibili, i traguardi invisibili a fotocellula, i rivelatori di fumo ¢ di tempe- ratura (questi ultimi due sono di protezione anti-incendio, met- tono perd in opera lo stesso allarme) La centralina raccoglie diver- si segnali, li elabora converten- doli in allarme, fornisce le tem- porizzazioni e i ritardi necessati, eroga energia dai propri accu- mulatori in caso di mancanza di energia elettrica della rete, atti- va diversi circuiti separati ¢ in- dipendenti di allarme. Pud even- tualmente alimentare apparecchi esterni. Ad essa 2 associata una serratuta, con chiave di sicu- rezza 0 a combinazione, per att vare ¢ disattivare l’impianto an- 13 sxouazove +7 hee oan we exo roman Teromazwon | | pmvsmaznane won wncmaom | | smteraraon comes ror | ‘oe 'SEGNALAZIONE se Dw 1 magnetic su porte o finestre, contatti a vibrazione sui vetri) sia gli sbarramenti ad infrarossi. Si tratta, in quest'ultimo caso, di_un fascio di luce invisibile per l'occhio umano, posto in passaggi obbligati 0 posizioni ctitiche e, inutile dirlo, in ma- niiera tale che la sua interruzio- ne provoca lallarme. Il fascio modulato da una frequenza ben precisa ¢ il rivelatore & sensi- bile non tanto all’assenza del fascio di luce infrarossa, ma all’assenza della modulazione sovraesposta a questo. Sui contatti magnetici c’@ ben da dire (chi non fi conosce?), ad ‘ogni buon conto si tratta di con- tatti (fissati ad esempio sui bat- tenti di una porta) azionati da una calamita (fissata_ ad esem- pio sulla porta stessa). All’aper- tura di quest’ultima viene azio- nato il contatto. Come mai que- sto gruppo di sensori si chiami «protezione perimetrale» & chia- 10, € proprio come il gruppo 4 precedente, ogni elemento ha una sistemazione_preferenziale: i contatti sono ottimi per porte, finestre e serrande; sbarramen- ti e traguardi ad infrarosso sono da preferire quando @ necessario difendere con uno sbarramento rettilineo luoghieventualmente non impediti da sistemi di ac- eesso come ingressi, portoni, viali ece, Molte apparecchiature del ge- nere sono ormai disponibilian- che ai neofiti, soprattutto grazie all'uso delle scatole di montag- gio ma i contatti magnetici sono € restano il sistema preferito da molti, per diverse ragioni, tra le quali V'affidabilita non indif- ferente e soprattutto il basso costo se paragonato ad altri sen- sori, Soprattutto su questo, ciok sull’eventuale impiego con mo- desti dispositivi si é basata la progettazione della nostra cen- tralina, cid non toglie che pos: sa essere impiegata con qualsia- altro sensore che presenti dei contatti normalmente chiusi Veniamo ora alla centralina e, per capirne il funzionamento, prendiamo in esame lo schema a blocchi, passeremo poi ai det- tagli. Innanzitutto un appunto: per- ché una serie di contatti normal- mente chiusi? Per evitare mano- missioni e per facilitare linstal- lazione. Costituendo un « anel- lo» del genere intorno all’area da proteggere si previene una eventuale manomissione ed un A sinistra, schema a blocchi del sistema antifurto. Nei disegni alcunl esempi di come possono essere Installathinterruttori magnetici (reed) per proteggere ingressi e oggett Tread sono disponibili presso tutti {. migliori negozi di componenti flettronici @ si travann su catalogo GBC alla voce GR/ 4946.0. SU QUADRO tifurto solo da chi ne conosce i meceanismi di accesso o dispone delle chiavi. Gli allarmi possono essere nu- merosissimi ¢ scelti in funzione dello scopo per cui viene ideato Vimpianto. Fanno parte di que- sti le sirene, luci intensive, cine- prese, combinatori telefonici per Vinvio di messaggi _pre-incisi, ponti radio collegati al comando di polizia, ecc. Ad un esame affrettato, sem- brano molte le soluzioni possi- bili, ma valutando accuratamen- te si potra constatare che ad ogni esigenza corrispondera sem pre una soluzione ottimale. Po- tremmo ad esempio considerare il campo dei sensori; si vedra cosi che si pud suddividere in due gruppi o funzioni: prote- zione volumetrica ¢ protezione perimetrale. Al primo gruppo appartengono gli apparecchi ca- paci di distinguere un’intrusio- neo un elemento di disturbo nella loro area (pitt propria mente volume), protetta attra- verso fasce di ultrasuoni o mi- croonde. Questi ultimi vengono «rimbalzati » dall’ambiente e- sterno verso lapparecchio emit- tente; emittene ma spesso anche ricevente, per l’esattezza tarato in maniera tale da ricevere il segnale secondo una fase ben precisa e in funzione dell’am- biente. Quando un elemento di turbo viene a trovarsi nel fa- sci suddetto, il « segnale » tor- ner’ al ricevitore con una fase SU TAPPARELLA ersa; la qual cosa fara tare unt rele, il quale a sua volta comanderi una sirena diretta- mente o verra elaborato da una centralina. Questo @ lo schema di base, in realtR esistono poi sofisticati circuiti in grado di distinguere un disturbo da un altro, una massa d’aria in mo- vimento (provocata ad esempio da un calorifero) da un movi- mento di intrusione di persone; perfino si & arrivati a distin- guere la direzione del movi- mento! In linea generale pos- siamo constatare che gli appa- recchi a microonde sono ideali per grandi ambienti, capannoni industriali ecc., mentre gli ap- parecchi ad ultrasuoni per _ne- gozi, ville, laboratori, dove vi no ambienti di medie dimen- sioni. Il secondo gruppo, ovvero la protezione perimetrale, compren- de sia tutti quei sensori che per essere azionati necessitano di un’azione —meccani (contatti 75 sy possibile taglio dei fili, anche se corrono allesterno; in ogni ca- so infatti_ si provocherebbe un allarme. Diamo ora un’occhiata allo schema a « blocchi» che chiameremo anche « unit». I primo di questi elementi deno- minato circuito soglia & un po" il fiore all’occhiello della nostra centralina e contribuisce a di: stinguerla da analoghe apparec- chiature. Esso infatti conferisce alla medesima un’« alta immu- nit al_rumore ». Ossia fa in modo che segnali spurii, ronzii, disturbi, captati dalle linee che collegano i sensori tra di loro e alla centralina, non provochi no Vallarme; cosa che succede- rebbe se si collegassero diretta- mente i contatti all’ingresso del- la porta 1. Infatti il circuito so- glia fa in modo che lo scatto del rele RL1 avvenga solo se sulla base di TRI la tensione supera i 5V, cio& solo se si apre uno dei contatti collegati in serie (osservare gli schemi). In altre parole questo « bloc- co » provoca sul piedino 12 del- Vintegrato 7400 una tensione ze- 10 in condizione di riposo e di +5V in condizione di allarme © contatti aperti, Due parole sul DEL D8 e sulla sua funzione: questo va sistemato nei_pressi della chiave, assieme a D9 (la cui funzione vedremo poi). La sua accensione significa che i contati sono tutti chiusi; 1a man: cata accensione segnala invece che qualcosa non va, una porta socchiusa, una serranda male accostata, un filo interrotto, il che provocherebbe T’allarme’ se Voperatore ignaro si allontanas- se dopo aver azionato la chiave. Consideriamo ora la seconda unita, chiamata porta 1. Questa fa in modo che la condizione «allarme » non arrivi alla me- moria ¢ viene bloccata per fare cid dal temporizzatore iniziale. Questi viene innescato automati- camente dall'azionamento della chiave, cio dall’arrivo dell’ali- mentazione a tutta la centra lina, Il « blocco porta» si at- tua mediante una tensione zero sul piedino 13 del 7400; in que- ste condizioni la porta @ bloc- cata per cui l’operatore, una volta innestata la chiave e messo in funzione il tutto, pud uscire tranquillamente, azionando pitt volte i contatti di allarme, con la sicurezza che cid non provo- chera Vallarme vero ¢ proprio Cid perd & possibile solo per un tempo. prestabilito, grazie a quello che abbiamo chiamato temporizzatore iniziale. Questo breve periodo di «libera uscit viene segnalato dal LED D9 che rimarra acceso per segnalare il temporaneo blocco della cen- tralina. Quando questo led si spegne significa che il blocco non ® pid in funzione e qual. siasiazionamento dei_contatti provochera un « segnale » che oltrepassera la porta 1 azione- 18 Vallarme vero e proprio. La memoria: questa unita fa modo che qualsiasi cambia- mento nel suo ingresso (uscita della porta 1; piedino 10 per Vesattezza) provochi_ un uguale cambio di stato dell’uscita; un ritorno alle condizioni iniziali ingresso, non provoca perd un ulteriore cambiamento alla Nel disegni che corredano la copia di pagine sono esposti gli schemi elettrici delle varie parti che compongono la centralina antifurto. Come si nota il cuore & costituito da due integrati della serie 555. ALIMENTAZIONE tee uscita, Vedremo poi meglio qua- Ii sono le funzioni esate, a grandi linee si potrebbe sche- matizzare cosi: se un contatto viene azionato, la condizione «allarme » si presenta all’uscita della memoria e viene da que- sta mantenuta, anche alla richiu- sura del contatto (cio se l'in- truso richiude la porta alle sue spalle). Cid detto, passiamo oltre e vediamo a cosa serve la porta 2 e il relativo temporizzatore. Ricordiamo anzitutto che l'aper- tura di un contatto provoca I'al- larme istantaneo e viene « ricor- dato » dalla memoria anche se il contatto viene richiuso; orbe- ne, qualcuno si domandera come si fa allora ad entrare per disin- nestare tutto senza provocare il suono dell’eventuale sirena. Si pud, grazie allunita porta 2 e relativo temporizzatore; questi bloccano infatti un’altra volta il segnale di allarme ¢ non gli permettono di azionare il rele finale. Il blocco awviene se il temporizzatore & in funzione, il che @ indicato da D10, e per fare questo occorre una semplice pressione sul pulsante $2, Que- st’ultimo sara sistemato in modo opportuno al di fuori della pro- tezione perimetrale dei contatti, nascosto e mimetizzato, magari anche azionato da una serratura, comunque in maniera tale da non dare nell’occhio. Attenzione, non si ritenga questo un eventuale punto de- bole dell’impianto. Si faccia be- ne attenzione allo schema a bloc- chi e al percorso del segnale di allarme. Chiunque azioni $2 ¢ superi la protezione perimetrale Componenti R1 = 3,9 Kohm R2 3,9 Kohm RS 47 Kohm R4 47 Kohm RS 100 Kohm R6 22 Kohm R7 470 ohm R8 = 22 Kohm RO 12 Kohm R10 = 47 Kohm Rit = 470 ohm R12 = 100 Kohm R13 = 330 ohm R14 = 330 ohm RA = 1,2 Kohm Tutte le resistenze sono da 14W Ci = 5 pF 15 Vi tantalio C2 = 330 uF 16 Vi eleur. orizzontale 2,2 uF 15 VI tantalio 4,7 KpF ceramico C5 = 2,2 uF 15 VI tantalio C6 = 100 uF 16 VI elettr. verticale C7 = 1000 uF 16 VI clewtr. verticale C8 = 330 uF 16 VI. elettr. orizzontale CA = 0,47 uF a carta (facoltativo) = 100 Kohm trimmer = 100 Kohm trimmer 270 Kohm trimmer BC107 0 simile TR2 = BCIO7 o simile TR3 = 2NI7I1 TR4 = 2N2646 BC107 o simile 1N4001 D2, D3, D4,D5,D6,D7 = come Di D8, D9, D10 = dio DZ1 = zener 5,6V 0,5W SI = pulsante norm, chiuso S2 = pulsante norm. aperto RL1 = relé FEME tipo AOW 22.05 MTP bobina 6V, 1 con- tatto normalmente chiuso RL2 = relé FEME tipo A002- 24.05 MGP bobina 12V, 2 contatti di seambio RL3 = relé FEME tipo AOO1- 22.05 MSP bobina 6V, 1 con- tatto di scambio Circuiti_integeati: 2 = NES55 0 uA55S 1 1 = SN7400 SN7404 (TTL) oppure 4069 (CMOS) 1 = L005 regolat. di tensione (aprendo un contatto) fara in modo di « fermare » il segnale suddetto all'uscita della memo- ria e all’ingresso della porta 2. Per disabilitare completamente Ja centralina, a questo punto oc- corre innanzitutto essere in pos- sesso della chiave ed eventual- mente sapere dove si trova la serratura per quest’ultima. E praticamente impossibile che nei pochi secondi a disposizione per quest’operazione, persone estra- nee, al di fuori delle persone 78 incaricate o del proprietario ab- biano il tempo di interve Infatti, nonostante possa essere richiusa la porta o la finestra, ovvero i relativi contatti, non appena il temporizzatore & al termine della sua operazione, la porta 2 verra sbloccata ¢ lascera passare il segnale al suo ingres- 50, ovvero cid che la memoria ha registrato come « avvenuta intrusione »; quale risultato ab- biamo Jo scatto del relé finale, 0, per intenderci, V’allarme vero e proprio con V’avvisatore acu- stico. Bene, abbiamo fino qui visto cosa succede nella centralina fino al suono della sirena. Chi non avesse ben chiaro questi punti & consigliato di ritornarci sopra per poter comprendere meglio quello che verra poi. Gi perché mica @ finita qui; una volta scattato Vallarme, si tratta di stabilire quanto farlo durare, se farlo smettere per sempre 0 imporre un intervento ciclico, 1 circuito stampato & del tipo in doppla traccia: deve inoltre essere realizzato sul lato opposto ai componenti i! ponticello riportato ne! disegno. 1 componenti utilizzati nel progetto sono tutti normalmente reperibili in commercio. Il costo delle arti, si aggira intorno alle 25 mila lire. ‘occorre poi fare in modo che, se si @ trattato di un falso inter- vento, possa tornare tutto in condizioni di riposo, anche in assenza di un’apposita azione. Noi abbiamo scelto per dare un tempo variabile della durata del- Pallarme di cinque-dieci minuti, ¢ questo & possibile grazie a cid che, nello schema a blocchi, abbiamo chiamato temporizzato- re durata allarme. Una volta che il tempo suddetto & trascorso, rimanendo eccitato il relé RL2 (relé_di_allarme), interviene il rel RL3 che con un solo impul- so provvede a molte operazioni: 1) toglie Pautoalimentazione al relé RL2, 2) cancella dalla me- moria lavvenuta intrusione, 3) ripristina il temporizzatore ini ziale, bloccando cosi la porta 1. Si-realizza quindi la condizione iniziale che si ha dopo l'aziona- mento della chiave generale. Ve- diamo subito quali vantaggi si hanino in questo modo, consi- derando due ipotesi: a) l'allarme @ avvenuto per un disturbo qual- siasi ¢ imprevedibile (un tempo- rale, un animale che attraversa un raggio, ecc.), per cui tutti i contatti sono tutt’ora chiusi; in questo caso la centralina ritorna in funzione in posizione di ri- oso, ovvero pronta a segnalare ‘una prossima intrusione; b) P'al- larme & avvenuto per un'aper- tura di uno dei contatti della protezione perimetrale, per cui & molto probabile che questo si trovi ancora aperto. 9 CARICA, BATTERIA IN TAMPONE PIASTRA CENTRALINA BATTERIA h2v 4+5An CHIAVE INTERNA ‘A questo punto, non appena il temporizzatore iniziale termi- na la sua funzione, il segnale di allarme trova la via libera per innescare il relé di allarme. Si ha cosi un suono ciclico della sirena della durata prefissata, con un intervallo esattamente uguale alla temporizzazione ini- iale. Ad esempio potrebbe suo- nare per 4 minuti, smettere per 30 secondi, risuonare per 4 mi- nuti e cosi via. Questa & Ia descrizione dello 80 7 schema a blocchi; qualeuno si potra accontentare. Per chi vor- ra saperne di pit e cimentarsi in uno studio pid profondo, ve- diamo ora di descrivere cosa Cc’ dentro ciascun « blocco » 0 « unit », senza perd entrare nei detagli_ sul funzionamento, pe- raltro molto semplice. Soglia, si tratta del complesso facente capo a RL1, comandato a sua volta da TRI. Sull’emetti- tore di_quest'ultimo un diodo zener (DZ1) provvede a mante- SIRENA 4069 (MOS) 7404 (TTL) LED CONTATTI D'ALLARME CHIUSI tenere una tensione di 5V circa. Il contatto di RLI si apre solo quando la tensione sulla base di TRI supera i 5,5V, € cid suc- cede se si apre SI. Schema elettrico Porta, una porta NAND del- Vintegrato 7400. Tempor. iniziale, & composto del circuito integrato WA 555 € i telativi componenti, Tl tem- po & regolabile per mezzo di CONTATTI LED RITARDO INSERITO ED \RDO OI INNESCO LLARME PI, Quando il temporizzatore & innescato si accende il LED D9. La tensione in uscita (pie- dino 3) viene invertita per poter comandare la porta, cid avviene tramite una delle sezioni dell’in- tegrato 4069, indicate sullo sche- ma elettrico con un. triangolino con un cerchietto sul vertice. Memoria e porta 2, sono an- cora parti dell’integrato 7400. Temporizzatore d’ingresso, & tutto cid che fa capo al secondo integrato WA 555; viene azionato Nel disegno a sinistra trovate lo schema generale per la messa in funzione del sistema di allarme studiato per avvalersi della nostra centralina, Nei disegni @ contorno sono riprodotti | codici di identificazione del semiconduttori utilizzati per la realizzazione pratica, Loos (da sotto) INSERZIONE RITARDO (da sotto) E Bo UJT 2N2646 7400 (TTL) 6 7 {abiamo gia visto) da $2; il suo funzionamento & segnalato dal LED D10, e il tempo si pud regolare tramite P2. Relé di allarme, si tratta di RL2 pilotato da TR2 e TRS in connessione «Darlington ». I suoi contatti di scambio sono impiegati: uno per ’azionamen- to dell’allarme vero e proprio (sirena, combinatore telefonico ecc.) il secondo per lautoali- mentazione, ‘Temporizzatore durata allar- me, & formato dal transistor uni- giunzione TR4, il quale forma un impulso, amplificato poi da ‘TRS, che a sua volta comanda RL3. Per le funzioni svolte da uest'ultimo, consultare le pa gine precedenti Alimentazione, elemento im- portante @ il regolatore di ten- sione L005, necessario per for- nire la tensione di alimentazione a 5V per i vari circuiti integrati. Fondamentale & pure il conden: satore C8, che, come elemento disaccoppiatore, impedisce che eventuali disturbi sovrapposti al- Valimentazione, pregiudichino il buon funzionamento della cen- tralina Un particolare accenno meri- tano C1 e R4; questi sono in- fatti coloro che « azzerano » tut to quando si fornisce alimenta- zione; ai capi di C1 infatti la tensione risulta zero al momento iniziale, sale poi lentamente fino a 5V. Cid permette l’azzeramen- to della memoria e Vinnesco del temporizzatore iniziale; la sca- rica di C1 avviene inoltre tra- mite i contatto di RL3. Quando si spegne la centralina togliendo alimentazione attraverso la chia- ve, occorre attendere qualche secondo prima di riaccendere, modo di permettere la scarica completa di CI, tale da_poter azzerare poi senza difficolta. Realizzazione € montaggio Sono operazioni che non ri- chiedono, come abbiamo gia det- to, particolare esperienza, basta saper saldare bene ¢ curare con atienzione tutti i particolari. 1 componenti sono di facile repe- ribilita e i valori non sono cri tici, ad eccezione di qualche re- sistenza e di C1; attenendosi al’elenco componenti, si avra comunque la certezza di non sbagliare. Con il master. che trovate nelle pagine della rivista potrete realizzare comodamente il circuito stampato a due facce; qualche ponticello 2 poi neces- ar sario per completare il tutto. Una raccomandazione particola- re per il montaggio dei compo- nenti ( la solita, ma...). Atten- zione alla polarita dei conden- satori e dei diodi, soprattutto di questi ultimi, visto che sono pa- recchi, verificate continuamente con le fotografie ¢ i disegni. E consigliabile inoltre accertarsi che le piste superiori del cireuito stampato (Jato componenti) sia no perfettamente saldate con gli elementi che dovrebbero col- legare, soprattutto per quanto riguarda gli zoccoli dei circuiti integrati. Insomma, per riassu- mere: cura_e attenzione non guastano mai, soprattutto in que- So caso saranno certamente pro- porzionali al risultato che, pur- ché seguiate le indicazioni qui riportate, sara sicuramente buono. Non occorre nessuna taratura, ad eocezione della scelta dei tempi attraverso i vari poten- ziometri. 11 collaudo si pud fare collegando pulsanti e LED come dallo schema di montaggio e ali- mentando con una batteria o 82 qualunque sorgente a 12V con- tinui, Con un po’ di pazienza osserverete la sequenza delle operazioni e gli interventi dei relé descritti precedentemente a proposito dello schema a bloc- chi, Impiego e installazione nell’abitazione ‘Trattandosi di un componen- te di un impianto antifurto, suo impiego necesita di... tutto il resto dell’impianto. L’impor- tante & che questo elemento prin- cipale ve lo autocostruiate, il resto si trova_tranquillamente in commercio, anche presso le sedi GBC. Un’occhiata allo sche- ma di montaggio vi pud dare un'idea di quello che occorre, se non l'avete git dedotto dal resto dell’articolo. Elemento im- portante @ la batteria, necessaria ad alimentare limpianto nel ca- so di mancanza della tensione di rete; i suoi dati ottimali sa- rebbero 12V di tensione, 4-5 Amper/ora di capaciti; ovvia- mente deve essere ricaricabile, possibilmente ermetica. Nelle fotografie potete notare un esem- plare del genere, appositamente studiato per queste applicazioni; si pud inoltre notare un alimen- tatore apposito che serve a man- tenere la batteria carica, col me- todo «in tampone », acquistato assieme alla batteria stessa. Chi intende risparmiare pud benis- simo usare una batteria da mac- china, magari usata, ma in buo- ne condizioni; deve perd prov- vedere alla ricarica periodica; oppure, con un apposito alimen- tatore eroganti pochi milliampe- re ¢ sempre collegato alla rete, mantenere la carica e control lare spesso sia la tensione, sia il livello della soluzione. La si- rena dovra essere a 12V, € per i contatti magnetici.... ne’ abbia- mo gid parlato, ma aggiungere- mo che si trovano in commercio ormai ovunque. fai da te le basette Come certamente avete notato, in ogni copia di Radio Elettronica contenuto un foglio tra- sparente su cui sono riprodotti in dimensione naturale i disegni di alcuni circuiti stampati dei progetti present. Questo foglio trasparente @ il master. U zando il master si possono realizzare i circuiti stampati con il metodo fotografico avendo la sicurezza di ottenere una basetta incisa assoluta- mente identica ai disegni del master. La risoluzione & elevatissima e, con un poco di esperienza si raggiungono rapidamente i mi- gliori risultati. vetro Master Ma’ \ | \ Basetta ramata Base di supporto / ss La basetta sensibilizzata, il master ed il vetro che opera da premitore debbono essere posti sotto la diretta influenza delle lampade al neon, LISTA MATERIALE -FOTORESIST i materiale chimico) = SVILUPPO ‘materiale chimico) (negozi = PERCLORURO FERRICO (negoci materiale elettrico) LUCE NEON (da 10, negozi mat, elettrico) =LAMPADA ROSSA ——_(nogozi_ materiale eletttico) ZGARTINE OTTICHE {eft nate noel) = le =ACQUA CORRENTE (in casal) ina LE OPERAZIONI in luce ambiente PULIZIA DELLA PIASTRA LAVAGGIO IN ACQUA CORRENTE = ASCIUGATURA IN FORNO 0 AD INFRAROSS! In luce rossa o al buio - DISTRIBUZIONE DEL FOTORESIST - ESSICAZIONE IN FORNO PER 1 MINUTO = RITORNO ALLA TEMPERATURA AMBIENTE + SISTEMAZIONE DELLA PELLICOLA | = ESPOSIZIONE ALLA LUCE DEL NEON = SVILUPPO In tuce ambiente + LAVAGGIO IN ACQUA CORRENTE INCISIONE NELL'ACIDO 300°000 GIOVANI IN EUROPA S! SONO SPECIALIZZAN CON [ NOSTRI CORS! $etica & ao (O} Scuola Radio Elettra Via Stellone 5/78 40126 Torino =a di ENRICO M. STADERINI “apparecchio elettronico che L presentiamo & una rielabo- razione, pitt completa e interes- sante, dell’analogo apparecchio presentato sul numero di Mag- gio 1975 che riscosse molto in- teresse. Senz’altro molti di voi ricor- deranno tale progetto; per gli altri diremo che esso consente a due giocatori di prender parte, in chiave elettronica, al notis: mo gioco della battaglia navale con il quale sicuramente tutti abbiamo avuo modo di diver- tirci. Questo gioco vuole ripro- durre il combattimento navale che si ebbe durante la seconda guerra mondiale tra le navi cor- sare tedesche, che attaccavano ¢ distruggevano i convogli mercan- tili alleati, e le navi da guerra alleate incaricate della protezi ne di detti convogli. Si tratta quindi senz’altro di una versione molto pid realistica di quella con cui ci divertiamo a scuola, Ogni giocatore avra a sua disposizione una flotta di due navi. La flotta tedesca sar’& com- posta da una nave corsara e dalla sua nave appoggio, mentre quella inglese avra una corazzata ed un incrociatore. Sulle carta geografica, dove si svolgera il combattimento, saranno traccia- te, oltre ai profili delle coste ed alle eventuali isole, anche delle linee marcate che’ rappre- senteranno le rotte comunemen- te seguite dai mercantili alleati. Compito della flotta tedesca, in particolare della corsara, cio’ 84 Ad ogni giocatore la sua flotta e via con le battaglie sul mare controllate elettronicamente. Un progetto semplice e che vi permettera di dare una veste nuova al gioco tante volte fatto fra i banchi di scuola con penna e fogli a quadretti. del giocatore che la manovra, 2 quello di stare il pid possibile sui quadretti della carta geogra- fica interessati da tali rotte in modo cosi da affondare il mag- gior numero possibile di mercan- tili. I giocatore con Ja flotta inglese fara bene ad esplorare continuamente i tratti di mare interessati dalle rotte per poter rintracciare e possibilmente af- fondare la corsara. Inutile dire che i due giocatori sono allo oscuro delle manovre dell’avver- sario; la posizione delle navi non @ infatti segnata sulla carta da nessun cartellino © modelli no. Se ben ricordate, nel vec- chio progetto, qualora una unita inglese veniva in contatto con una tedesca per quest’ultima non c'era possibilita di scampo: in- fatti si accendeva una lampadina che indicava «nave corsara af- fondata »; in questa nuova ver- sione invece, la corsara e Pap- poggio possono difendersi abba- stanza bene in quanto sono in grado di affondare anche le navi da guerra inglesi semplicemente (ed ovviamente) « sparando » L’affondamento dei mercantili resta perd una prerogativa della sola corsara. Analisi del circuito Vediamo ora quindi di esami- nare quanto pit chiaramente possibile il circuito elettrico di questa versione che in ultima analisi si pone come un nuovo e pit divertente gioco, Innanzi tutto & stata introdotta una so- stanziale modifica rispetto all’al- tro progetto in quanto l'altro, una volta realizzato, la lampadi- na che indicava « corsara col- pita > 0 « appoggio colpita » si poteva accendere anche se nes- suna nave avversaria si trovava effettivamente nella posizione dell'appoggio 0 della corsara, qualora le quattro navi delle due flotte si trovavano in certe par- ticolari posizioni. Non staremo qui a spiegare il perché cid avve- niva, diremo semplicemente che Vinconveniente pud essere ovvia- mente soltanto se si disconnet- tono elettricamente i terminali centrali dei commutatori Nord- Sud della corsara e dell’appog- gio; terminali che dovranno poi essere ricablati secondo il nuovo circuito, E questo lo diciamo per coloro che abbiano realiz- zato il vecchio progetto. Questa manchevolezza del vecchio pro- getto introduceva nei parteci anti al gioco un senso di insi- cureza e di sospetto verso tutto ill marchingegno che presto per- deva nelle loro menti credibilita € rispetto. Con tale modifica viene realizzato il buon funzio- namento a patto che si sappia subito che le lampadine della corsara ¢ dell’appoggio possono ancora accendersi in modo, a prima vista, inspiegabile. In par- ticolare esse si accendono tutte e due, contemporaneamente, quando la corsara e la sua ap- poggio si contattano nello stes- so quadretto, Detto questo, a 85, Tnerociatore Corazzata pensarci bene, vi pud anche essere utile in quanto sapendo a priori che 'accensione contem: poranea di tali lampadine signi fica tale fatto, il giocatore con la flotta inglese avra in certo qual modo il compito un po’ pitt facile C’8 ovviamente un modo per evitare che succeda cid, ed @ quello, semplicissimo, di non mettere mai la corsara ¢ Pap- poggio nella stessa posizione a meno che non si stabilisca la 86 MATRICE DI DIODI regola che appoggio ¢ corsara si devono contattare ogni certo numero di mosse, nel qual caso se ne avra una utile indicazione, Ma torniamo alla spiegazione del gioco per coloro che non sappiano assolutamente nulla della vecchia battaglia navale. I due contentendi manovrano a turno le loro navi in base ad una certa geografia divisa in 121 quadretti agendo su dei commutatori ad 11 posizioni. Ad ogni nave sono associati due commutatori, uno per lo sposta- mento in direzione Nord-Sud ed uno per quello in direzione Est- Ovest. Quindi secondo il siste- ma delle coordinate cartesiane i due commutatori indicheranno in realta un quadratino della carta geografica sul quale vir- tualmente si trova la nave. Come detto, a turno i gioca- tori_potranno’ muovere le loro navi spostandole di un quadra- tino (che potrebbe equivalere ad un giorno di navigazione) al- Seb DAL CENTRALE Br S2b AL«Gs DI Sab la volta anche in senso trasver- sale, cio’ agendo su tutti e due i commutatori della nave prima di uno scatto verticale e poi di uno in senso orizzontale. Il circuito & composto da otto commutatori di cui due a doppia sezione (sono quelli della cor- sara per un motivo che vedremo fra breve) tutti collegati in pa- rallelo tra loro in modo tale che se due navi nemiche si tro- vano nella stessa posizione si 59, Nei diversi schemi elettrici potete vedere le parti che costituiscono Ia struttura della battaglia navale, A sinistra trovate lo schema dei collegamenti che fanno capo ai commutator! su cui debbono agire i giocatori, In questa stessa pagina, in alto a sinistra, ev trovate la parte logica del circuito, ovvero la matrice dei diodi. Sopra & riportato Id’ schema dell'indicatore di primo evento che consente di stabilire chi ha colpito i! bersaglio. - A lato, circuito di controllo per l'aifondamento dei mercantili enda_una lampadina che in- dichi tale fatto. In generale si avranno due lampadine, una per la corsara e V'altra per Pappog- gio, la cui accensione significhe- Ta «corsara avvistata » oppure «appoggio avvistata » indipen- dentemente dal tipo di unita navale avversaria che sia respon- sabile di tale avvistamento. Nel- Paltro progetto, le analoghe lam- padine, quando si accendevano correttamente, indicavano subi- to « nave affondata ». In questo nuovo cireuito pri ma di dichiarare affondata una nave si deve stabilire quale delle due navi (cio& quale dei due contendenti) abbia fatto per primo « fudco ». Descriveremo quindi pitt tardi quello che pud chiamarsi cireui- to di « fuoco » e che in realta 2 un indicatore di primo evento tipo « Rischiatutto » per inten- derci. Per coloro che conosces- sero il veechio progetto specifi- cherd che i pulsanti $9 e S10 87 Componenti R1 = 220 ohm R2 = 220 ohm R35 = 3,9 Kohm R4 = 3,9 Kohm R5 = 3,9 Kohm R6 = 3,9 Kohm R7 = 22 ohm R8 = 22 ohm R9 = 10 ohm 1W D27 = OA9S D28 = OA95 D29 = OA9 D30 = OA95 TRI = BC207 TR2.= BC207 TR3 = AC 128 TR4 = AC 128 Per diodi della matrice ¢ lampa- dine vedi indicazioni nel testo. IL MONTAGGIO DELLA BATTAGLIA NAVALE sono stati aboliti anche perché la loro utilita non & poi ecces- siva, quindi le lampadine si a cenderanno subito dopo lo scat- to giusto del commutatore. Analizziamo ora il circuito della matrice dei diodi ¢ delle seconde sezioni dei commutatori della corsara necessari per otte- nere T'indicazione dell’affonda- mento dei mercantili. Detto af- fondamento & automatico, cio’ & sufficiente che la corsara’stia su una rota perché automaticamen- te (cioé senza far « fuoco ») si accenda una lampadina indican- te « mercantile affondato ». Que- sto accade in un modo molto semplice anche se a prima vista pud sembrare complicato. Quan- do la corsara si trover’ in un punto interessato dal _passaggio delle rotte mercantili. scorrer’ da una seconda sezione all’altra dei commutatori della corsara passando attraverso la matrice di diodi, che funge da elemento disaccoppiatore dei circuiti, una 88 Le at TTT AES Peril materiale I componenti adoperati per la costru- zione dell’apparecchio sono elementi di facile reperibilita. La cifra orientativa necessaria per l'acquisto delle parti cor- risponde a circa 15.000 lire. Bry — Y- J | a oi [ * oye | wf i, t apie { is [oul La costruzione dell’apparecchio non @ ditticile, richiede solo molta attenzione soprattutto er quanto riguarda i cablaggi. La foto in alto vi consente certo di intuire quali guai possono succedere in un simile groviglio di fil, corrente che far accendere la lampadina posta nel circuito del terminale centrale del $2b dan- do quindi Findicazione di « mer- cantile affondato » richiesta: Forse potrebbe non essere chiaro il significato di « elemen- to disaccoppiatore dei circuiti »: bene, vediamo di spiegarlo. Supponiamo che la corsara sia sitemata in Hf dove passa una rotta mercantile. La corrente al- lora attraverso il terminale cen- trale del S1b raggiungera il ter- minale «H» dello stesso. Sib, da qui deve raggiungere il ter- minale «f» dello $2, quindi tramite centrale dello $2b rag- giunge la lampadina (che si ac- cende) e quindi ritorna alla bat- teria. Per far passare la corrente dal terminale «H » dello Sib al «f» dello $2b si potrebbe pensare di unire « H» ad «f» semplicemente con un filo. Be- ne, cosi facendo dovremmo fare Io stesso per tutte le altre possi- bili posizioni interessate dalle 89 RH Riz R13 SR SRS NN EEE ge 2 3 6 7 be rotte; allora_ uniremmo « H » con «e», poi «H» con «d», con «¢», con «b», con «h» e quindi ad es. «G » con «h», «E» con «g», «D» con «g» € cosi via per tutte e ventis « posizioni di rota ». Ma vedia- mo un po’: «G » @ unito con «ch», daltra parte «h » & unito con «H» ¢ «H» & unito con «fe allora « G > risulta unito con «f» quindi la lampadina si accenderebbe anche se la cor- sara fosse nel punto G-f dove In una foto mandataci dall’autore ‘ecco un esempio di come la struttura meceanica dell'apparecchio ud essere fatta con un poco di legno compensato. 90 non passa nessuna rotta. Si ot- tiene cio® un funzionamento er- rato. Per evitare questo bisogna tas- sativamente evitare alla corrente di « tornare indietro », (nel caso detto bisognerebbe sbarrare il verso h>H). Siccome i diodi hanno la proprieta di far passare la corrente in un solo senso si & pensato giustamente ad unire «H» con «h» con un diodo posto in modo che la corrente possa passare solo in direzione Hh e analogamente si sono usati altri venticinque diodi per tutti gli altri collegamenti. Per quanto riguarda il tipo di diodi da impiegarsi, le scelte possono essere molteplici. Usando lampa- dine da 3,5V 0,2A, i diodi pos sono essere gli OAS o simili in grado di sopportare tali correnti. Se si useranno diodi led in logo delle lampadine come diremo pitt avanti, si possono anche sce- gliere diodi come gli OAS 0 si mili (costano anche meno). In particolare vanno benissimo in questo caso i vari diodi ex-sche- da. Detto questo per quanto riguarda la matrice dei diodi passiamo a spiegarvi il funziona- mento dell'« interruttore di fuo- co». Non appena si accende una lampadina di « nave avvistata » (corsara 0 appoggio) i due con- tendenti_ devono manovrare il piti presto possibile una levetta (interrutore) in. modo da fare virtualmente « fuoco » sulla na- ve avversaria, Naturalmente il Le lampadine ad incandescenza possono essere convenientemente sostituite da diodi led con la dovuta resistenza di carico. D 31 @ 32 sostituiscono LP 3 @ 4; D 33 @ 34 stanno per LP 1 e 2; D 35 © 36 per LP 5 e 6; D 37 por LP 7 e D 38 per LP 8, primo dei due che abbassera la levetta affonderd la nave avver- saria. Tale condizione sara indi- cata da una lampadina, che si accender’ dalla parte (0 sul pan- nello) del malcapitato che indi- chera: « abbandonare la nave ». 11 circuito non ha niente di spe- ciale_e ricalca sostanzialmente nel funzionamento quello pre- sentato sulla Rivista di Luglio 1972 e pid recentemente in Ago- sto 1976. Quello in questione 2 costituito da due circuiti logici di tipo NAND. Chi dei due per primo abbassera la levetta del proprio indicatore (« fuoco ») fara passare a livello 0 luscita del rispettivo circuito NAND fa- cendo per questo rimanere a li- vello 1 'uscita dell’altro circuito. Livello 0 sul colletiore del pri- mo transistor di tipo BC207 0 equivalente (BC108, IW8723, ece.) significa conduzione del secondo transistor (che @ un PNP) © quindi accensione della lampadina posta nel suo circuito di emettitore. Non 2 previsto reset perché & sufficiente ripor- tare le levette degli interruttori in posizione sollevata (off). Lo schema elettrico generale fa riferimento ad una realizza- zione a due pannelli come quella visibile nelle fotografie ¢ dove si sono quindi usate due lampa- dine per ogni indicatore di « na- ve avvistata » dovendone siste- mare una per ogni pannello. Nel caso si volesse realizzare un solo (SEGUE A PAGINA 102) TD Basta con i topi d’auto Visto il continuo salire dei prezzi di listino delle autovet- ture ed il parallelo incremento dei furti delle stesse, le industrie produttrici di dispositivi antifur- to si sono poste come impegno quello di aggiornare costante- mente e rendere sempre pit so- fisticate le apparecchiature di protezione per auto ¢ per tutte Je cose che all'interno si vor liono salvaguardare. Una delle ultime e pit inte- ressanti proposte @ stata messa a punto per conto di un centro specializzato di installazione an- tifurti milanese da tecnici che sinora si sono occupati della progettazione di antifurti per abitazione direttamente rispetto alle esigenze del cliente: vale a dire antifurti prodotti in esem- plare unico e che certo il Iadro non pud recarsi ad acquistarlo pet poter studiare @ casa, con Ja dovuta tranquillita, il sistema per neutralizzarlo. Il nuovo antifurto modulare pet auto si rif ai principi gene- rali di progettazione di queste apparecchiature che abbiamo citato. Fra le possibilita tecniche che maggiormente ci hanno colpito possiamo citare la sicurezza dei sistemi di allarme barriera mo- dulata d’infrasuono, l'autosuffi- cienza della struttura e, perla dei progettisti, la possibilita di chiamare via radio il proprieta- ric della vettura per informarlo dello stato di allarme: il ricevi- tore & pit che miniaturizzato diventa per Voccasione il cion- dolo portachiavi. Quanti_ fosse- ro interessati_ ad ottenere ulte- riori informazioni possono rivol- gersi direttamente al distribu- tore per I'Italia, Autostereo, V.le Marche ang. Pile Massara, Mi- lano. Motorola a 27 mega La Motorola Inc. si 2 pre- sentata sul mercato statunitense degli apparecchi_ emittenti-rice- venti funzionanti su banda di 27 MHz/AM. Questi prodotti sono disponibili dalla fine del 1976. Si tratta in particolare di un tipo economico di radio- telefono personale che funziona fra parecchi punti senza biso- gno di collegamenti. La gamma iniziale dei prodot- ti include un insieme completo di unit da inserire sotto il cru- scotto delle vetture nonché sta: Zioni fisse, antenne, e altri ac- cessori portatili. 1” modelli da incorporare al cruscotto sono di- sponibili negli USA in_ questi giorni. I nuovi prodotti CB sono fabbricati negli Stati Uniti e comportano parecchie innovazio- ni di grande valore. Il lancio di questo nuovo pro- dotto rappresenta il risultato degli sforzi congiunti di due divisioni della Motorola. Le at- tivita d’ingegneria e di fabri. cazione sono dirette dalla Divi sione delle Comunicazioni, e quelle di commercializzazione e distribuzione dalla Divisione dei Prodotti Automobi 91 Il tasto statico La Siemens presenta un tasto piezoelettrico, adatto per una ma- novra a pressione, ma senza par- ti in movimento, di funziona- mento fidato e di lunga durata, che pud essere usato isolatamen- te 0 a gruppi. Il tasto, ermetica- mente chiuso verso lesterno, vie- ne fatto funzionare con tensioni simmetriche e asimmetriche di 4 e 50V, e quando viene pre- muto brevemente con una pres- sione nominale di 1,5N, fornisce in uscita una corrente di 60mA (sufficiente per un minirela) per una durata di circa 0,3 s. A dif- ferenza dei finecorsa’ di pross mita, il tasto per essere fatto funzionare, richiede quindi una certa pressione. Un diodo lumi nescente, fornibile nei colori 10380, verde € giallo, indica lo stato di manovra attraverso una cappa estraibile, prevista per diciture, Raddrizzatori «surmetic » La Motorola annuncia I'in- troduzione di una serie di diodi raddrizzatori a silicio con ter- minali in forma assiale; si tratta della serie BY601/BY608, Que- sti diodi taddrizzatori che han- no delle dimensioni sub-minia- turizzate, sono stati progetta per applicazione di natura gene- rale in ricevitori televisivi, in si- stemi HIFI ed in sistemi desti- nati all’industria degli elettro- domestici, I nuovi diodi della serie BY 601/608, presentano una gam- ma di tensioni inverse ripetitive che vanno da 50V a 1250V per i vari elementi che compongono la serie. La corrente media diretta raddrizzata da 50 Hz é di 1,54 per tutti i dispositivi della serie, mentre la corrente (di picco) di va (sempre per tutti i dispositivi della serie) & molto elevata 50A. 92 Televisore a ricerca automatica Il Bildmeister FC 442 2 la noviti Siemens nel settore dei TV color. L’apparecchio dispone di un circuito per la ricerca au- tomatica dell’emittente che sem- plifica notevolmente la scelta del programma: sinora si dove- vano azionare pulsanti, selettori € regolatori di precisione; ora invece basta premere un tasto ed automaticamente avviene Ia ricerca delle emittenti ricevibili, Varresto ogni volta che sullo schermo appare il programma in corso ¢ la memorizzazione nitida € brillante, nei migliori colori, premendo nuovamente sul pul- sante. Con questo sistema posso- no venir memorizzate comples: vamente anche 16 emittenti, che possono a loro volta essere Chiamate in ogni istante, dal te- lecomando senza ili. Due batte- rie mignon provvedono a mante- nere costante questa. memoriz- zazione, anche quando venisse a mancare la corrente. ll computer in aereoporto Messo_a punto dalla societa svedese SRA presso la stazione aerea di Vienna il sistema com- puterizzato per il controllo del traffico di terra dei servizi areo- portuali, Vale a dire ogni auto- bus addetto al trasporto dei pas- seggeri dall’aereo ai locali della stazione € viceversa & collegato con un sistema radio display monitor al computer, ed ogni conducente @ immediatamente informato su dove deve recarsi e su quale strada seguire per non essere d'intraleio ad altre operazioni di spostamento a terra Un manuale per il microprocessor Bene organizzato ¢ facile da leggere, il manuale inizia con una parte introduttiva che de- scrive innanzitutto le caratteri- stiche generali dell’uniti centra- le, quindi presenta brevi discus- sioni su tutti gli elementi di sup- porto di PACE: i chips del si- stema, le schede applicative, il Proiettori ITT 1] gruppo europeo componenti ITT ha introdotto ora il proiet- tore NIGHSUN SX 16 che & un’unit leggera ¢ di alta poten- za, progettata per operazioni nel campo militare, in quello degli incendi, del soccorso e in altri ancora. Essa pud essere fornita con un sistema di montaggio per elicotteri a controllo a distanza © un sistema di montaggio a sistema di sviluppo del micro- processore, il software e¢ cost via, I successivi capitoli trattano questi clementi ciascuno in det- taglio, descrivendo non solo il loro funzionamento ma anche le varie applicazioni L’opera & posta in vendita a 3,000 lire. Per ulterior’ informa- contattare: CPM Studio, via M. Gioia 55, Milano. controllo manuale per installa- zioni_ su equipaggiamenti antin- cendig, navi o unita fisse. Il fascio Nigtsun & progettato per illuminare solo l’area del- Vobiettivo ¢ percid non crea luminazione secondaria su aree circostanti. Inoltre a causa della sua elevata potenza, lunita pud essere usate ad altitudini pid elevate 0 per maggiori distanze di quanto sia stato possibile fi- nora La potenza media del fascio @ di 25.000 lumen, e la larghez- za del fascio, nel modo di fun- zionamento « ricerca » & di 6,5° (angolo totale), aggiustabile con un controllo a distanza fino a 10° nel modo di funzionamento «illuminazione ». A 1000 m. di distanza, con un diametro. del fascio di 100 m., la luminosit2 50 volte quella della luna. 93 LEINDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA VIASSICURANO UN AVVENIRE BRILLANTE ce un posto de INGEGNERE enche per Voi Geral FOLITECNICH INGLES! pematano oh stusoe 9 cans Vostra ed conseguiretramite exam, Dplomy © Lauree INGEGNERE regolarmente iste nel!Ordine Buitanico lina CARRIERA splendide Ingegneria CIVILE » ingegneria MECCANICA san TOLO ambito Ingegneria ELETTROTEGNICA - ingor INDUSTRIALE Ingegneria RADIOTECNICA Ingegneria ELETTRONICA Se BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. alan Division 10125 Torino» Via Gils 4/7 Sede Contra se Londra « Delegazioni in ttto il mond, MAIOR-EL di MAGGIORA A. & C. s.as. Via Morazzone 19 - Tel. 879.333 10132 Torino Kr6o1 EXCELLENT ELECTRICAL PERFORMANCE | wit ste e cave Oe TESTER LT-01 Seni, 2040 /ves 16 mol leur Sela spc. Sig Vane BV. DAU", GeV. aig Sel S5uv. “vali GAY tov.” S00. - : foov, © Amp. CE: SdyA’- 23 mA 280 mA = Ohi: Decibel Pho 22 da "Protests Simmrsent Sextde ny Com eto astucei tn resinpelie, pila e-puntell Assetenca feenica e\rizambi gorantt~Bagomenta antcipat. tu! c7e postole 2/Stsi0- TWA"e speaizione comoresa’L. 12.600 = Fegementd e/aesesne 1.10 94 Tra le lettere che perverranno al giornale verranno scelte e pubblicate quelle relative ad argomenti di interesse generale, In queste colonne una selezione della posta gid pervenuta. Il perché dello schermo Mi piacerebbe sapere perché i cavi di regi- strazione, i cavi che collegano degli apparecchi con Vamplificatore sono costituiti da cavo schermato, mentre questo non succede ad esem- pio per i cavi degli altoparlanti. Pietro D’Antonio - Senago Generalmente i cavi realizzati con schermo vengono impiegati per la trasmissione di segna- il cui livello & molto basso. Come tutti san- no, un qualsiasi cayo metallico in aria funzio- na da antenna, ed & pertanto in grado di cap- tare segnali che viaggiano nello spazio trasfor- mandoli in segnali elettrici di bassissimo vello. Se questi segnali captati venissero ad esempio a sovrapporsi a quelli prodotti da un microfono magnetic (il loro livello non & molto diverso) si avrebbe una notevole confu- sione nel segnale che si riceve, perdendo molte delle informazioni ad esso legate. Mettendo uno « schermo >» attorno al cavo che porta il segnale si fa in modo che questo schermo capti eventuali segnali radio che poi cortocireuita a massa. Nulla si perde della chiarezza del segnale trasmesso, cui nessun segnale @ stato sovrapposto. Se il segnale por- tato dal cavo & molto « forte », come nei cavi di altoparlanti ha poca importanza il fatto che ad esso se ne sovrapponga uno di bassissimo livello, in quanto quest’ultimo non turba in modo ‘apprezzabile il precedente, Radio involontai Giorni Ja, mentre collaudavo un miniampli- ficatore a IC di mia costruzione, mi sono ac- corto che poggiando le dita in determinati punti del circuito riuscivo a sentire dei pro- grammi radio in AM. Cercando di dare io stes- so una spiegazione logica ho pensato che io potessi fare da antenna e che il circuito inte- grato provvedesse poi a rivelare il segnale, E cosi? Carmelo Tomarchio - Trepunti (Catania) La sua deduzione & esata, Capita spesso nel collaudo di apparecchi ad elevato guadagno co- me negli amplificatori a circuito integrato, di vedere trasformato l'apparecchio in una radio, E esatto che I'uomo funge da antenna. II se- gnale cosi captato viene, non si sa dove esatta- mente, rivelato da qualche elemento parassita sempre presente negli amplificatori soprattutto a IC. Il segnale cosi rivelato pud essere gid stato amplificato e trovarsi quindi in posizione dominante nei confronti del segnale vero e proprio, cosi quello che doveva essere il disturbo diventa il segnale che si ode. L’elevato guadagno @ uno dei fattori deter- minanti in questo tipo di inconveniente, cosi come I'uso di un amplificatore a molti stadi, ti- pico dell'alto guadagno, favorisce la presenza di quegli elementi parassiti che rivelano il se- gnale desiderato Adattamento Non ho capito un discorso che avete fatto parlando dell'amplificatore di antenna. Dice- vate che Vingresso 2 adattabile a linee aventi impedenza a 52 ¢ 75 ohm oa linee a 300 ohm Vorrei che mi spiegaste cosa intendevate dire. Eugenio Poli Le line che scendono dalle antenne sono formate da cavi coassiali per alta frequenza che hanno tra i parametri caratteristici I"impeden- za. I valori di impedenza che si incontrano sono appunto 52, 75 e 300 ohm. Tutti sappia- mo come sia importante per un massimo tra- sferimento di potenza di segnale che impeden- za della sorgente (il cavo) e dell’utilizzatore (il intonizzatore o il preamplificatore d’antenna) siano dello stesso valore. Questo @ tanto pit essenziale quando si tratta di bassissime poten- ze come quelle dei segnali radio. Percid quel particolare preamplificatore @ stato progettato in un modo da poter essere adattato a qual- siasi valore di impedenza della linea di ingres- 80, poiché questa varia a seconda della an- tena montata, mentre ha una uscita a 52 ohm perché tale valore & quello standard PERS neo ed g Tie tye BUT Tiy I a L. 18.500 Wa compress Whe comprende: (© Ura busta sal pr la preparazione 1 trod acdo «© Ura serie di traccedecaleabl per ncsione este e pack (pazzu9l) {na bomboleta di srayprotttiv. © Una seaolecta dl polvere pera lucdatura dae pice dram © Un pennareliocarcatoa Inchiostro coprente per iidvegro fs crcuto sul bastta, (© Un trapanefsionane con banceraa 12. (© Una confezione a pune per itrapano comprendente anche una na wun dao hacdatore, L. 7.500 wacsreres Peer gli aucocostruttor & inoltre disponibile un saldacore Iscantaneo di alta qualita ed basso prezzo. Isolamento antinfortunistico, luce incorporata, pronto in 3 second 10 Wate Tipo rinforzato L. 8.500 IVA compresa Seat é il primo Ham Center Italiano Via Lazzaretto, 7-20124 Milano-Tel. 652306