Sei sulla pagina 1di 84
N. 2- FEBBRAIO 1976 L. 700 ‘Sped. In abb. post. gruppo tlt ‘Timer rr Pe eI ‘nus Fantastico Ill 1 Microtest Mod. 60 | Serene Samo: Brovettato - Sensibilita 20.000 ohms / volt 11 tester pli platto, pli plecolo e pid leggero del mondo! (90x70x18 mm. solo 120 grammi) con la piu ampla scala (mm. 90) Assenza dl reosiato dl regelezione 9 dl commutator! rota Regolanone eittrnics devo zero Simi Alla precisione: 2% ‘8 CAMPI DI MISURA E 40 PORTATE !!! VOLT 6.6: 6 porate: 109 m= 2:V. = 10 V.— 50 V,-200V.- aos? aa iy 1B Ve 10 V0 Wes 20 V.~ 100 Baht £0 uA,= 500 uA'='8 MA = 50 mA = 800 mies a Buk = 25: mA + 25 mA» 250 mA = EP, tow -Qx1 -9x10-A«100 fea fds heel Ca finite 3 iene a Pele iat POR VOLT C.A2 5 porta AMP. C.C 6 porta AMP. CAs 5 porta 48 V.~ 10'V.= 50 Ve= 250 V. = 1000 5 portale: +6 dB - + 22 dB 495 cB 48208 CAPACITA’ § porate: 25 UF - 250 uF - 2500 uF - 26.000 uF Strumento a nucleo magnetic, anturio e¢ antivibrazion!, sehermato contro i campl magnetic! estemni, con scala a specchio. mAs {ult component! eseguito su circutostampato ribalabile e. completamente seportablle senza aleuna dieealdature, er una evertoalo Tac vain ‘sostiturione di qualsiasi componente. @ Resistenze a strato metallico ed a filo di manganina di alissima stabilta edi altissima precis‘o (05{/01 8 Protezione stalica dello sirumento contro | sovreccariehi anche mile volte superior ala sua porala. w Fustlle prtazion Npristinabile (montato eu Holder breveltao) per proteggere le basse porate ohmmetriche, m Fila al metcurio da Volt 1.8 delle & uso normale, gi tre anni. Wil Wlerotest med. 80 LC.E. 8 cosirute a sezioni intorcambiebil per una Yacile ad economia sosttusigne él ua 43198! componente che si fosse accidentalmente guastato o che puo essere richiesto presso if ns/ servsio ricambl © proseo | migion’ rivenctor 4 Mandale ¢tisiruzione detagliassimo comprencente anche una « Guide per ripatare da oll Mloroteet mod. 80 IGE In cas0 dl quasi ace | j +50 08 Prezzo netio Lire 10.909 tranco nostro stabilimento, completo di: astuccio in resinpelie speciale, resis tall plla'e Manuele Gi isruzions. ™ L'Anallzzatore & completamente indipendente dal proprio astuec come per | Tester CE. 680 G © Gb Him cabre gree. wOogm Tester LCE. & aocompaghate, Gal DrOEr Brevettato - Sensibilita 20.000 ohms / volt - Precisione 2°%/o Super tester 680 G E il modello ancor pit progredito ¢ funzionale del glorioso 680 di cut 10 CAMPI DI MISURA E 48 PORTATE!!! VOLTS €.0.17 portate: 100 mV. - 2.V, ~ 19 V. = $0 Vs = 200 V, = 500 Vee 1000 V. (20k 9/¥) VOLTS C.A.: 6 portte: 2.v.- 10 V. - 50 V. - 260 V. = 1000 V. @ 2500 Volts (¢ KRW) AMP. C.C.: 6 portale: 50 1A 500 jsA = § mA = 50 mA 500 mA.@ Sac, AMP. CA: & portate: 250 WA «2.5 mA ~ 25 mA - 250 mA © 25 amp. CA. OMS: 6 portale: 2210 = Ox = MeI0 12x 100 = Be 09 - Ax 10000 (per let re Ges decimo el Ohm no a 00 We eotme) REATTANZA: 1 portata: da 0 a 10 Megaohin, 5 portate: a 0 a S000 e da 0 500000 oF - ds 0 8°20; da Oa 200 ¢ da 0 a 2000 Mcrolared portate: 0 = $00 ¢ 0 + S000 He V. USCITA: “5 portate: 10 v.- 50 V. - 250 V. = 1000 V. € 2800 V, DECIBELS: 5 pontate: ca — 10 08 4 + 70 48, Uno stuio, eenico approfondio ed una tentenale esperienza hanno ora permesso alla LC. ei tasfomare il vecchio modello 690E, che & His eb veri lee, Wet noah ch pens superior Snr 8 ori limita (rm, 1058432 = gram 259 pur prenetand Ur ua Fost, sie'a"prowrore a fio patina iwomato eu Holder broetus) er peenaers erbasse sone sumo Raa ea component eseguto Su ctcute stompulo ribatable@: compisamente asporabis ‘ventana favising 30! Sttsone ol ogni parigolare. m Coste « sezion! intercanbiaki pet une fel uma ‘oe venisse seutmatrerta gure che pus sso. rehews bree aac can gprs! min senor m Mana use cle dante anche una. *Gulde per Hparare. da’ sol NSuperietar 600 s CK» in: caso al guastl aveldenalis. © Give aut ore, nar come pei vocchio modelo 009, le sequen eaateriaticher Sueno’ a niles. magooie. ature ce anne conto | camp agnete) eater, con sesla a speccho, ™ Renslenze’a stata mesalcd ed's fle‘at manganing el altenea tallssina procaine (05a) m Proveione satica deo Srumenio contro | sovcearch anche mile Yole superbe ale sua betes, *Complatament Indipondena: ee, i oat accessor Suppiementar come er Supertaster e607 8 G20 EH Assenza assolta gi commutator rota © quiet elminazone cr gues! meccaril ei comtll mnseret Prezzo L 15.000 tranco ne/ statiliment, noel speciale, resistente a qualsiai srappo o lacerezione, punta, pinze 8 coccodrii, pila’ w manuale di Istustone. W Cote big. m Opn Tester 1GE" accompagnato dl proprio. concsto al calua’e, gerarai, C.B. a merestas 2 ES. 20a: mitano 71 OGNI STRUMENTO 1.G.=. & GARANTITO. RICHIEDERE CATALOGH! GRATUIT A: tert ULTIMISSIME NOVITA’ wv venora presso vurre ce cor KEEAM «1 wicuon! avvenoront ELETTRONICI INTEGRATI Viale €, Martini, 9 « 20198 MILANO - Tel. s3.92.378 Via Avezeana, i ~ Tel, 5800-335 88.0897 | | | AMPLIFICATORI COMPONENTI ‘CONDENSATORI Ben cram 1599 | COMPACT ceesene C760 Le TO URE 180-62200/3200 ‘300 COMPACT cassette C18 7 secu eet 8 | gic se NO tome an, ee ar me 504 hf 00-Cist0 Geloso, Cosel Europhon £ Een] gm eoy i Boo czzna MICROFONI K 7 © ver! 2.000 B mes y 2 oa Catan POTENZIOMETAI micron serze.Interuttore zo 32 mF 350 v 300 REGOLATORI Sone Be | cad ig | Eimppetiomarests ravosy 5 ome soy 400 tesco iso 1A. brimerle 220 V seconcario 12's je. Vo23VL. 1700 whey ® Bieray & uD of orcas meal ay es ee woe | eon ng frag mv asco a ae a me BY ea gia INTEGRATI DIGITAL! Cosmos Bo me 12 V FNors TIPO URE TIPO ure Bo me DL7a7 {con schema) 00 Ba 35) me 25 V wrens ie x Ben oe & 3 400 mF 25.V hl 4009 1200 470 mF 16 V 6 4010 1200 S00 mF 12 V 7808, 4011 320 Bre = Fi 3 500 mF 50. THs 4013 ‘800 Peru a 2 BBs agunesson | s er Fy = {900 foo Dargwasy ‘500 ie ‘00 300 me 18 Be eWay, ee em ey magnetica 1900 1A oo § 500 4000 mF 25 V Da 28675 36/40 V senza | z aay on a FSV Da 25425 36/40 ¥ con 8 A300 1200 ag me as yreampliticatore 30000 6.8 A 400 V 1400 ue =. Breve aes anV complet 8. A200 V 1300, 30 A 600 V ‘65000 Met te Sraimernien olor’ | ES AGO Y jaw | orn ‘ara p00 me mY, 1200 Sribtermioce @ A600 V 1800 ‘BTI20 +2300 Be S| Sees | aie) ge Aline di evtore: dgguls nal’ 8 c'CARy in calee al orine Non's\ acceitano oroinaront inferior! a \. 4000; excluse te spese di. spediione Fichiedare ‘qualsion! materiale eletironio, anche se. oon pubblicate- sells presente pagina CONSULTARE LE ALTRE RIVISTE SPECIALIZZATE Forniamo qualsiasi preventivo, CONDIZION! 1 PRGAMENTO: 4) ievio, anticipato a mezzo assogno_citcolare 0 velia postale dell'importo globale dell'ordine, maggiorato delle spese po- Siall'gi'un minimo ‘dL. 0 por C'S. 9 L. 1000, por pacchi- postal. ) Gontrassegno’con Te spése Incluse.nallimporio dell ordine. lone deli ordini, st orega di serivere in stampatello nome ed indiriazo dal committente, eit 0 versamento anticipate al L. 1.000 CIRCUIT INTEGRATI TIPO LIRE TIPO LIRE veo Ton a Eon | Blas Boe a 1S) | TS ie a wit a8 ie | Tete ie Ass 2000 SN7an0 250 Suraiso fate ‘os | Toasso — io00 Gages 500 | SN7ant 400 Sureoot 00 “roo | Tonos 2000 eRee dre | Shige Sb sume, S| Res Se eee we | ies 8 Shree 1 | tetme es 17406, 730 Soe ae | ae avast ks Be cee ne Strains Sh ae) tee = aes rn sues a) ee eS eB wee gt 1S | ieee is uae to | SMe ivan gt ae ieee 8 sities Ss a | Teas 8 3 suns 8S | tee | ae s sua 8 | tae Re 3 awe my ke & Sa | Tea ss swag i | ee Ss iss Shniss 8 me | TA = Settee Sa) te Ee 1500 ‘SN74196 Y py me Pd Shien agp | Taso te Be] Me VALVOLE unicwnzion, | Sarno “ann x BSN 900 71 "i i = wes SR Ue 200. 4000 | 8CGB 350 | 22618 Ho Uetesteo 18000 = oe | cece te Sane “Ss = Se | eh Samer 900 1800-25806 700 | 2Naa7t, 700 SN29062 3s00 s we pec | Gistin OB Shars as as jee) gee wre Tae 7 | | TRAC DARLINGTON. ‘TBAS20 ‘200 19 7) iro, uae| mo Cine | EAI, 200 8 fe) LAY le ae | Rae ge Py zoo | SA ROY 500 sox ao | SNe ‘2000 = we) SY BS) Se, | Ge a Be 00 | 0 A aco v 4600| Bosse ‘SN74i5, 2000 is ae ed a = 3B | 1 Asovy 2100) mipizo joo SNSES = 3 eS RY ER] HR kee | Stine ie 900 | ‘900 | 2s A coo v ¥ss00| Tiptae 1600 | SN7ai64 (1600, 950, ano | 2p A copy 3e000) Tena 1600 SN74166 1600 = oo | 2 A600 y So000| TbIaS g90 | Shraiza isn 2 | too | 00 A 600 V $8000| TPIay i gurai7s os 4 /1S Ato some! Tere dom | SNzat 3 | 9 | 00. A tooo v 8000) Tenet ay | SNzat 2 EB ressromavont”| Te gran B TS ay ase) Mile Se SN 950, $00 | 10.A 2av 15.000 | M2502 ee BOSE _3 $8 BE Rasy 9) tao Sim A (ie ‘BS, YS ‘0 2N3820 $900 | Actas ‘20 8 | Mn a | ee 240, "ALIMENTATORE -2N5248 850 |) Act38 220 240, ‘STABILIZZATI | 2NS4S7 oo | aGi38K 300 C108 240 TPO ine | 2NSA58 700 | aci39 220 acer 590 | Da 25A 12V0 40673 1500 | actat 720 ACi88K #20 | 15V 0 18V 200 | SNIZ8 $500 | Acta2, 220 ACt90 te seats | GNI? eyeq TOO | Acta goo | ACtBR i | ov 5000 | paaac mw 220 | ACIS! zo | AGtse ‘s per | mane Be | heme ae | Aete 1 | mo URE | 03 4W 00 «| ACIS3 20 aciesK bo | 8284 80 | Da 10. W sto0 | ACISIK 300 acres 200 | Sesaas 700 | DIAC ‘Acie ao | ABS a | ses yoo | TIPO URE | Acie 2a | ABS = a0 | Be2Ag ‘roo | Da 400 v 4 | ACITSK pe 3 a ke joe | A Mo | Bewie 1500 ACITIK 300 fried a BEWit 1500 AC1a0 250 pe a go | MeMsesc 1500 ACIB0K 300 ee B Bo | MEMS7IC 1500 ACIBI 250 BY) s oo | Meee” Te | Ae Bo | Aci «= ooo | ADE em oe SI Bk eee DNase iro. Abiez baa ‘bass URE. 00 60 segue SEMICONDUTTORI ‘eno acest Bessa Bessy Best TPS URE ‘0 iat mar Seggssedeugeusssedes 3 SebSseasesseesesebsiiuuzsiyde Serr Sizes Seta Sera Setast Srraee Srrast | ‘SFT307 Srtane sriate Sram Sriuze Sea S03 Seas eo Sra 200 set 03 Seas 00 Seas #300 setae? ‘0 sea ‘08 ‘io seat 18008 500 autre 0 = aNar0 x 0 nowt 089 $09 art oo 3 ass ss se 298 ‘xo So ner 1200 = Non ‘oon 193 nat 2000 too Nase 1000 1303 Nasa ‘3 ‘0 | to 3haes = = ino Nees i 200 iso aNsee a 00 Ho iNsoe 180, He ao | Neer a 0 So | anes 00 ae Ze ‘0 | 2Nroe ‘00 ie = ao | 2Nror i i Sto | Nos to 1000 | ‘$00 | 2N709 +1000 = S00 | N74 1000, i 2 500 | anata 900, = 220 500 -2N91B. 900 200 230 500 | 2veze 1200 200 Bo 500 | 2nes0 - 0 Bo 500 | Nise ae 200 350 500 | 2Nit00 - i io | soo | Zu a ze s smo | 3Ntane 1 Bo 2 \ oo | utes a3 3 a | 200 | antsor Be Bo * goo | None es So io | to Bias 2 330 300, | 1200 2N1565 "9000 ae Ze 0 | see a no Bo fo | aniers apa io a to | int 500. Ze 2 so | ka20 ‘008 zo 2 | mes too e aa 21005 21000 lettere Tra Ie lettere che perverranno al giornale verrano scelte ¢ pubblicate quelle relative ad argomenti di interesse generale, In queste colonne una selezione della posta gia pervenuta Sempre transistor Dopo aver seguito con molto interesse tutte le spiegazioni che avete dato a riguardo dei tran- sistor NPN e PMP, non tutto mi & chiaro © vorrei porre due domande: Che differenza c’t fra il BC109 ¢ il BC109B? Tnoltre il transistor sopra citato, dagli schemi dove compare, & siglato come un NPN; le chie- do: Pud un BC109 0 i] BC109B essere un PNP? Le chiedo questo perché da prove eseguite con Yohmetro come da voi descritto nel numero di ottobre 1974 di R.E., mi risulta di possedere dei BC109 PNP. Turco Paolo Formigliano (VC) Leggendo la sua lettera ci 8 sorto il dubbio che la mancanza di chiarezza fosse nelle nostre risposte, percid siamo andati a rileggere le rispo- ste che avevamo dato, ma non abbiamo trova- to alcunché potesse dar Iuogo a confusioni o cattive interpretazioni. Le suggeriamo di legge- re molto attentamente, qualora non Vavesse gid fatto, Ie risposte che avevamo dato a proposito del riconoscimento del tipo di transistor; in tal modo avr la possibilita di rendersi conto come un transistor NPN non pud essere un transistor PNP ¢ viceversa, infatti tale caratteristica é lega- ta alla costruzione del transistor stesso. Si pud viceversa fare confusione coi puntali del tester al momento dell'esame, invertendo com pletamente i risultati che dovrebbero venire, fax cendo pertanto risultare dei transistor PNP come NPN e viceversa; con ogni probabilita questo & avvenuto nel suo caso, in quanto il BC109, come il BC109B 2 sempre sicuramente NPN. Vogliamo poi ricordarle che difficilmente it manuale dei transistor cita delle notazioni di po- laritd sbagliate, ed 2 pertanto utile, qualora esix stano dubbi di questo genere. La famiglia dei transistor di tipo BC109, come AppuntamentoallaSaet = 1.165.000 ee) Frequenzimetro digitale adalte caratteristiche eadunprezzo eccezionale eer y oe faa) Sct | Rete La rede lt) NEM veto ae eh MCU ee Ke ere Tutta Velotronica a casa propria in seatola ‘i montagaio per castruire, divertendosi I {68 imparando, nel segreto del proprio laboratoric, = i LUG! PSICHEDELICHE 2000 W PER CANALE L 18.300 to 'as00 C4300 fe ancora molti alt kit. MICROSCOPIA L. 7.000 FM montata . $.000 CITY-RX con. altp, tlcevttore CB altp. BIT Sona L t Hleevitore VHF aitp. LINEARE 27 35 W > montato t, 52.000 PRE Micro CB C INTERFONO 2 VIE montato AMPLIFICATORE in xx BF 2W AMPLIFICATORE ini 1, eso BF 7W (A) _monito {i ALIMENTATORE ivan 1. sao PRE controtio ton! (©) mat. 4200 OFFERTA SPECIALE A+B+C mkt. r2.000 KITCIRCUITL Lasoo STAMPATI “ Per ricevere subito Il materiale effettuare pagamento ‘anticipata tramite vaglla. postale’ © assegno, 3 ano, ciara te ented manta ‘eon Il proprio nome i perverra in. epedizior Tate KIT SHOP C.S0 VITT. EMANUELE 15, MILANO 20100, ITALY SEE lettere quella dei BC108 2 molto numerosa, infatti esi- stono ben tre tipi differenti di transistor per ogni famiglia, il tipo «A», il tipo «B», il tipo «Co»; questi sottotipi hanno tutti le medesime caratteristiche di base, infatti hanno tutti la stessa sigla base, ma si differenziano per delle caratteristiche secondarie. Sia il BC108 che il BC109 sono transistor di bassissima potenza usati nella preamplificazione dei segnali quando si vogliano ottenere delle ot- time caratteristiche di frequenza ecc., infatti en- trambi i tipi hanno un beta molto alto, e carat- teristiche che li rendono particolarmente adatti a questo scopo. Le differenze tra questi tipi stanno nella « cifra di rumore » che introducono nella amplificazione del segnale; cioe nella quantita di « soffio » che introducono come disturbo al segnale di mano in mano che il numero finale aumenta in valore questa «cifra di rumore» diminuisce, cioe it BC109 introduce meno « soffio» di un BC108 A parita di tipo i sottotipi differiscono anch’essi per la cifra di rumore, cost il tipo « A» avré una Cifra di rumore maggiore del tipo « B» che a sua volta & pitt « rumoroso » del tipo «C». Non & detto perd che convenga sempre usare il tipo a iit bassa cifra di rumore, questo per molti mo- tivi di carattere economico. Percid pur nella equi- valenza delle caratteristiche principali di questi transistor 'uso dell'uno e dell altro tipo & subor- dinato alle particolari caratteristiche che si vo- gliono ottenere dalla apparecchiatura che si pro- getta. II lavoro del progettista 2 complesso anche Per questo, bisogna conoscere bene i « polli» con cui si ha a che fare, e questo si traduce nel. a continua consultazione dei «data sheets » dei transistor. lentificazione dei transistor Possiedo un transistor marcato OC 170 5X1. Non mi era mai capitato di trovare una sigla come questa, e vorrei che me ne indicaste il si- ghificato, Vorrei anche che pubblicaste le caratteristiche del transistor 2N1711. Fabrizio Dreossi Padova _ Le case produttrici di transistori, hanno diver- si modi per marcare gli stessi transistor. Spesso marcano transistori prodotti esclusiva- mente per uso industriale, e quindi dalle carat- teristiche del tutto particolari, con sigle di tran- sistori « normali », cosicché capita che lo sper mentatore si trova’ad avere differenti caratteristi- che in una apparecchiatura riparata con la sosti- tuzione di um transistor rotto, rispetto a prima della riparazione, a causa della marcatura « fasul- la» dei transistor. Alire volte vengono prodotte delle serie spe- rimentali di transistor che vengono marcati e venduti come transistor gia presenti sul mercato in modo da valutarne Vaccoglienza degli opera- tori economici; in questo caso alla sigla conven- zionale vengono aggiunti dei simboli particolari il cui significato @ noto ai tecnici della casa di produzione. Generalmente, invece, specialmente le ditte di produzione italiane, usano siglare i transistor con dei simboli aggiuntivi che segnala- no, se opportunamente decifrati, il periodo di produzione del componente. Questo ci sembra sia il suo caso, i simboli da lei rilevati si riferiscono al periodo di produzio- ne del transistor. Esistono anche marcature particolari che si riferiscono a differenti caratteristiche di una me- desima serie di transistor, come pud essere il BC108 che ha tre sottoserie, il BC108A, i BC108B e il BCIO8C. Dal mostro in qua Da oltre 27 anni @ in commercio quel_« mo- stro a tre zampe », come & stato chiamato, che 2 il transistor. Nonostante tutto questo tempo trascorso voi e tutti i vostri colleghi di analoghe riviste siete ost natamente fermi alla jllustrazione di quale. sia la base, lemettitore e il collettore di un transistor, mentre non dedicate che poco spazio ogni tanto alla illustrazione dei circuiti integrati Perché non dedicate un po’ di spazio per far sapere a noi sperimentatori quali siano te con: nessioni degli integrati? Gradirei anche che voi iraduceste sempre in italiano i termini teonici che COSA VORRESTE FARE NELLA WITA? uale professions vorrest eritare nella vita? Certo una professlone i sleuro aueceaso ed venir, che vi possa garanire una retribuzione ‘eval Una profesione come: quote: Le pression sopra iusrate sono tale paattascinantemealo pags: ts Scusts Rage Entra, In pio grande Organszonione & Sud er Co apondensa;n Europa vl nsegna co sel ‘CORSI DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA (con materiali) RAavio. STEREO A TAANGISTORI = TELEVISIONE”BIANCO-NERO E CoLonI” ELETTROTEGNICA -ELETTAONICA INDUSTRIALE = HLF STento - FOTOGRAFIA = ELETTRAUTO. fo ot quest coral iceveree, con fe fezon, material ‘creatine a un laboretorio velo protessinete, in pl Zuni cors pores requeniare gravtoment aborator ‘Torso, por un periods perteronamert. ORS! DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PROGHANMAZIONE. ED ELABORAZIONE” OE! DATI - DISEGNATORE MECCANICO PROGETTISTA - ESPERTO. COMMERCIAL = IMPIEGA. TA DAZIENDA - TECNICO DOFFICINA - MOTORISTA AUTORIPARA Tone ASSISTENTE E DISEGNATORE-EDILE e | moderisimi ors! tineue Imparerste in poco tempo, grazie anche alle after atch che ‘time possibile eimpiago © a gusdagno. FRATICO (con material) ELETTRONICO. fo per glovani dal 12 ai 15 ann CORSO-NOVITA (con material) Eterraauro. nvovissimo dedicato allo studlo delle part letviche dev io da tment professional ata prectlone ora che wl iterossane. Fiat w torsiremo, gratuitamente © sonzaalcun impegno da parte vosta, tina Splendido 6 dettagla Servet i r BS [ Scuola Radio Elettra i Via Stellone 5/727 10126 Torino 1 ‘ {Scv0.a na0I ELeTTRA Vis Silane 5/727 0128 TORINO i 1 1 ' ements LE INDUSTRIE ANGLO-AMERICANE IN ITALIA VIASSICURANO UN AVVENIRE BRILLANTE un posto da INGEGNERE anche por Voi ors POLITECNICr INGLES! Vi permetteranne di studire @ casa Vortra'e di consaguire trate azar Oiiom’e Laure INGEGNERE rogolarmente iserito nell'Ordine Britannic. una CARRIERA. splendida Ingegneria CIVILE - Ingegneria MECCANICA ‘un THOLO ambito Ingegneria ELETTROTECNICA - ingegners INDUSTRIALE lip FUTURO rieco-4i soddateront Ingegneria RADIOTECNICA - Ingegne 6 BRITISH INST. OF ENGINEERING TECHN. Malan Ovson + 10125 Torino» Via Gian 4/7 ELETTRONICA Sede Contre Londra - Delegazion in tutto i! mondo, a tutti i lettori Radio Elettronica avverte Tutta la corrispondenza deve essere indi- rizzata a Radio Elettronica, Via Visconti di Modrone, 38 - 20122 Milano - Tel. 792.710 / 783.741 (ricerca automatica linea libera) | versamenti devono essere effettuati sul ccp 3/43137 intestato alla: ETL - Etas Periodici del Tempo Libero S.p.A. lettere ora chiamate con nomi stranieri, perché non tut- ti conoscono le lingue straniere e non & giusto che questi non sappiano cosa c’é soritto. Carlo Alberti Trieste Come lei ben dice sono ormai molti anni che il transistor @ entrato nell’uso comune tra gli sperimentatori, nonostante questo ci sono anco- ra molti sperimentatori che, per pigrizia, o per poca buona volonta o semplicemente perché so- nno alle prime armi, non sano quali siano esat- tamente i terminali di un transistor, pertanto serivono chiedendo che si illustrino le disposizio- ni dei terminali det « mostro» specialmente quando il «case » 2 di tipo non consueto. Viceversa anche se gli integrati sono relativa- mente poco usati dagli sperimentatori, ci capi ta raramente che qualcuno chieda della dispos zione dei terminali di un integrale. Il motivo di queste differenze di incompren- sione @ facilmente intuibile: gli integrati per la loro particolare natura sono costituiti da una moltitudine di componenti git tra loro connessi in modo da esplicare determinate funzioni. Allo. sperimentatore medio non importa’ mol- to quale sia la disposizione circuitale che realiz- za tali funzioni, quello che interessa é che la fun- Zione viene svolta, e che si pud usare Vintegrato in un dato modo. Quindi le notizie che si vogliono avere di un integrato sono generalmente: quale 2 il piedino di alimentazione, quale di massa, quali gli ingressi e le uscite nella particolare situazione di uso che 2 in atto. Queste notizie sono sempre fornite, tutte, dal- lo schema elettrico, in cui si indica la numera- zione dei piedini usati, e dalla conoscenza del tipo di convenzione che si usa per il riconosci- mento dei piedini di un integrato, ed anche que- sto é sempre 0 quasi un dato del progetto, A proposito della sua seconda richiesta ci te- niamo a mettere in chiaro che 'uso di lingue per delle indicazioni strettamente tecniche non @ un fatto snobistico, ma una precisa esigenza che si riscontra in elettronica dove il 15% delle pubblicazioni e dei testi 2 in lingua inglese e quindi alla fine chi si trova a lavorare in questo campo bene o male assimila determinate locu- zioni straniere che indicano con grande precisio- ne il significato di determinati fatti. Le capacita della slot machine Sono un lettore interessato alla realizzazione della slot machine apparsa sul fascicolo di no- vembre di Radio Elettronica; controliando ’elen- ‘co componenti ho riscontrato le mancanza dei va- lori di C1, C2 e C3, vi sarei grato se poteste pre- cisarli. Giovanni Caretti Torino Scusandoci con Lei e tutti i nostri lettori per Verrore tipografico informiamo che C1, C2, C3 sono tre condensatori elettrolitict al tantatio da 47 uF. Altri condensatori elettrolitici possono comun- que essere adoperati purché del medesimo valore capacitive. Vorrei da voi un consiglio tecnico su un com- plesso stereo HIFI che ho da poco acquistato. Es- so & composto da: un amplificatore HIFI Sony TA7O, un cambiadischi BSR C142/A3 e da due casse ‘Sound SM15. Qual’ il vostro giudizio su questo complesso da me acquistato, e quali modi- fiche vi potrei apportare? iche in Mazzalovo Rodolfo Carnago Rovate (VA) Pi volte abbiamo ripetuto che i giudizi che Radio Elettronica da sulla produzione di serie delle industrie elettroniche vengono riportati pe- riodicamente sulla rivista, ¢ che quindi non ci 2 possibile dare dei pareri di carattere persona- le e privato ai lettori. Va anche tenuto conto del fatto che oggigior- no i modelli presentati dalle varie industrie sono pressoché equivalenti, a parita di prestazioni di- chiarate, ¢ che quindi la preferenza data a que- sta o quella marca @ un fatto principalmente sog- gettivo e influenzato dalla « simpatia » 0 dalla << fiducia » maggiore che un'industria pud susci- tare rispetto ad un'altra, It complesso che lei ha acquistato @ senza dybbio un ottimo complesso HIFI, che non ha niente da invidiare a modelli pit famosi e co- stosi. Non comprendiamo peraltro quali modifi- che lei voglia apportare a tutto V'insieme, dato che lei ha una apparecchiatura completa e pit che soddisfacente. Forse lei intende cambiare le casse o il gira dischi oppure Vamplificatore; pur sconsigliando tale operazione in quanto lei @ in possesso de- ali apparecchi da soli pochi mesi e quindi & im- probabile che senta gia da ora la necessita di passare a modelli notevolmente pid sofisticati, le ricordiamo che in campo HIFI sono sempre spe- si bene i soldi che servono a migliorare la qua- lita delle casse acustiche e della testina del gi- radischi che sono i due punti pitt critici per un buon ascolto HIFI. Pentastudiolvi 129 75 risparmiare tempo = guadagnare denaro ELETTROACUSTICA VENETA 36010 THIENE (Vicenza) via Firenze, 24-26 — tel. 0445-31904 Tabelle datl per Tabelle per Wanalstor dlodl 'e Fener L. 2300 uropel ‘amerleent ‘lappones! tmg300 oo Tmosin rece Tabelle 4 lenza__dl- comparazione PES.C.ATRIAC- Biac's t. 2000 (CONDIZIONI DI PAGAMENTO: sno con le spese postall magglorate nell'im- ono. dell ordine. resente pudblicazione annulla le. precedent ponent! eletironiel = casse. scust SGML PUSS 2 Rots eertronien UN VOLUME ECCEZIONALE! Spie PROC UEV CEI) g un libro in omaggio pid di 12 fascicoli di dio ica solo L. 7500! ‘ovesouinu “Bueyas offog 1} 0 Ouray {F Bod uow as epteA 2 WOU wyN4DdIE ey Abbonarsi conviene: uno | | 3 splendido volume gratis su- bito e 12 fascicoli di Radio Ml Elettronica a casa con 900 li- re risparmiate! Compila oggi | stor in regalo e ogni mese 1a tua copia di Radio Elettroni- ca. SPI 3 PIE = Wwwm...ee. 4 ~ stesso il modulo a fianco ri- A TRANSISTOR q z Et impor 19 intestato a: cm) re) aie portato versando 7500 lire. 3/43137 ETL - ETAS TEMPO LIBERO Riceverai a stretto giro di po- sta il volume Spie a Transi- Visconti di Modrone, 38 Ricevuta di un versamento 20122 MILANO di Lt Servizio dei Conti Correnti Postali ()Sbarrare cou un tatto i penna gl isponibl piss e op. eseguito da Un libro!? Qualcosa di pitt Leufficiale dt Pesta forse! offic accettante Quasi un manuale con, so- prattutto, molta pratica per la costruzione di numerosi cir- Ballo ineare nuovissimi, utilizzati nel- Ie tecniche di spionaggio con- S a Oo a 5 9° oO temporanee. Tutti i dettagli = a 9° oO @ a ° = N > a n ETL - ETAS TEMPO LIBERO Via Visconti di Modrone, 38 - 20122 MILANO. Addi(') «rapiti» agli archivi della CIA e del KGB con mille in- formazioni utili al dilettante ¢ all’esperto. I cireuiti sono corredati da schemi elettrici, disegni per i montaggi ¢ fotografie dei pro- intestato a Tassa L localira 3/43137 Firma det versante totipi ricostruiti nei laborato- ti di Radio Elettronica per i collaudi. nel ufficio dei conti correnti di MILANO ' Bollettino per wh versamento di L. Un regalo insostituibile per ‘ogni lettore: la tiratura & limi- tata ¢ il libro non si trova in libreria per precisa volonta dell’editore. Lofferta & valida per tutti gli abbonati. ° & 2 i @ g 5 5 3 3 5 2 3 s 3/43137 Coloro che sono gid in regola con Pabbonamento potranno ti- cevere il libro versando solo L, 800 anche in francobolli. Bollo Hneare del Ufiio accent ETL Certificato di Allibramento Servizio dei Conti Correnti Postali Versamento di L. eseguite la localita sul cle N. juowessoA [pp a[esnes | 0819} ¥ axvoypul & - ° o8S gf of 5 2o8e88 g= g egret ay us = 2pei es see oo 2 = 2b 82258 a2502 6 eceecgean oa 28 ya Bu 8oe 38 255 fe“x9 Be SBS q 87 20 nuo> 1p of ue vreasass ana OUulgVLsSOd ISSODSU auIsOA 9] 19d VOINOULLATa Olava iNsuo> 1S D/D IP O.sUINU [ap aUo;ze>IpUL ENES>,1 134 (edureys v 1s ‘oquoa jap auorzeys9yu1 B] 2 osBWINE |F eZZ—zEIyD UOD opuRDIpU!) oUNAaIIOq ayUDs2Id | jsoeu e squed ans 9] ayn) ly axejiduioa axap ajuesi94 J owouresian | 94jn39s9 J9g ‘areysod 9/9 un wiqqe assouns oxenyjaya sad opnuouoas nid dyua1409 ojuo> uy ojuauresi9N ojusureuoqqe osouury 5) ‘oynBaso oyeys 2 ojuoutesi9A |) ino uy eyep elfep ONaI> uo ‘eyeBed euros a sod ouoyesoqy 240[eA ey ‘ossauNME 2 oF -upumeSed 1p euraysis 2je m2 ur 1se> uy ajsisod 9/9 uy ojuauresian (ap vinaaau ey AZNALUAAAY ojusueuogqe oAonN, amg Pus 2 n uswotsan jad ops0}n8ngge ¢ ‘epuowrosiea op oyosn02 0) 42d 0 © Controllo soggettive del volume sui due canali * Confortevole da indossare * Costruzione particolarmente robusta © Soffici cuscinetti auricolari conferiscono un eccellente isolamento dai rumori esterni * Corredata di cavo a spirale (estensibile fino a 3m.) terminate con Jack stereo da 6,3 mm © Fedele © morbida riproduzione del suono DATI TECNICI © Campo di frequenza 16 + 18.000 Hz © Impedenza: 8 ohm per canale © Massima potenza continua: 300 mW per canale RADIOFORNITURE di Natali R. & C. 40127 BOLOGNA - via Ranzani, 13/2 tel. 051/269527 - 279837 elettromeccanica orologio digitale version 1 orologio digitale 6 cifre con FND 70 2 orologio digitale 6 cifre con 4 FND 500 e 2 FND 70 ntegrato nell alimentazione contenitore in alluminio anodizzato varsione | scatole montaggio © 26.000 versione | montato © 28,000 versione 2 scatola montaggio $29,000 versione 2 montato £31,000 per quantitetvi preventive richieste pagamento: contrassegno spese spedizione a carico del commnitiente. X - . vernon Radio Elettronica S ommar i O17 Amplificatore cinque watt 23 timer di precisione 3O 100 watt Hi-Fi in bass-reftex 40 Stereo decoder Unita di decodifica studiata per l'accoppiamento con ricevitorl per segnali a modulazione di frequenza. Il circuito consente di separare i canali del segnale stereofonico in modo tale da tra- sformare il ricevitore monofonico in un sintonizzatore stereo. 50 clettricita & magnetismo 66 —Temporizzatore per tergicristallo RUBRICHE: 5, Lettere - 47, Eureka - 73, Novita - 77, Piccoli annunci. Fotografie Studio G, Milano Direttore Copyright by ETL - Etas \dicl_del_Tempo libero - Milano. Direzione, MARIO MAGRONE AaUlafne "appoint, Bosans ETC Me Vso ig Taye ral ear eae Korps, Co sine tat Redazione eats 12 Yel romps here's tilane ne, ‘copa Aee CO TAGLIABUE was sete a tae ipuzione per (ala Bblietay fubtikompsss Divisione lano, "Radio Elettronica @ una’ pubblicazione ‘di Milano con Il a. 112/72 del to 1 PubblictaInferore al 70%, Impaginazione GlUS! MAURI Segretaria di redazione ANNA D'ONOFRIO ACEI re ICE 2 cop. Indice si ‘ISH TUTORIAL INST. % MA 3 a Barr iS] . ‘MARCUCCI degli inserzionisti Cifsinecu 48 MISELCO 59 EARTH ITALIANA 16 On tad x ae ELETTROACUSTICA VENETA 9 SAET INTERNATIONAL 3 ELETTROMECCANICA RICCI 14 S010, RADIO ELI FI GANZERLI 4849 VECCHIETTI os GBC. # cop. - 160 WILBIKIT. 2228 KIT SHOP 6 ZETA ELETTRONICA, 29 15 RICEVITORE VHF-UHF T a5 bande CON SINTONIA A led il primo con la banda 50-8s0MHz Alimentazione: AC 220V - DC 6V Ricevitore Supereterodina AM = 504-1600KHz = STAZIONI DAL MONDO FM = 88- 108MHz = PROGRAMMI ITALIANI TV1 = 50- 80MHz = 1° CANALE TV - VIGILI - AMBULANZE - POLIZIA AIR = 108 - 176MHz = AEREI - RADIOAMATORI - PONTI RADIO TV2 = 176- 220MHz = 2° CANALE TV - RADIOAMATORI Mod. RC 3500 L. 44.000 C > T E via Valli 16 - 42011 BAGNOLO IN PIANO (RE) INTERNATIONAL s.n.c. tel. 0522/61397 sul mercato Realizzato con un solo circuito integrato il modulo di amplificazione UK 271 prodotto dalla Amtron. Un apparecchio dalle prestazioni di rilievo che si costruisce in poco pit di un’ora. Amplificatore cinque watt L'uso dei circuiti integrati & entrato ormai in tutti i campi dell’elettronica, grazie alla loro affidabilita, al loro piccolo in- gombro, alla semplicita dei cuiti esterni necessari al loro im- piego. La notevole: complicazio- ca di integrazione permette d’al- tronde di ottenere prestazioni ot- timali senza sottostare agli ele- vati costi ed alla complessita dei tradizionali ad clementi discreti. Con questo sistema si ot- tiene una effettiva miniaturizza- zione delle apparecchiature, sen- za sacrificare la resa finale. L’amplificatore UK 271 & sta- to realizzato usando un unico circuito integrato, che contiene anche T’elemento di potenza, connesso termicamente con una aletta esterna di rafireddamento. Questo elemento di potenza, col- Jegato ad un altoparlante ester- no di 4, consente una resa di ben 5 W. Non @ necessario che Valimentazione abbia un valore 7 Caratteristiche tecniche “Alimentazione: Corrente di riposo (4 ce): Corrente max (14V c.c.) Vuscita: fisso, ma questa pud variare tra 12 e 14 Vec., quindi Vamplifi- catore & adatto ad essere alimen- tato dalla batteria a 12 V degli autoveicoli. Tl rendimento & elevato e rag- giunge il 75% con 5 W di uscita. Bassissimi il contenuto di ar- moniche e la distorsione di cros- s-over. L’amplificatore 2 montato in on razionale mobiletto, sul qua- le sono sistemati anche i due controlli di tono e di volume. Analisi del circuito L’alimentazione in corrente continua entra attraverso V’inter- ruttore SW ai terminali -+ e — dopo i quali viene filtrata per la bassa frequenza dal condensato- te Cl e per Valta frequenza dal condensatore C5. L'ingresso del segnale, al Ii- vello di 0.4 nV, viene applicato al gruppo di regolazione del vo- lume e del tono. I! volume & re- golato dal potenziometro logarit- mico P1 che parzializza la ten- sione di ingresso. Il controllo del tono é effettuato dal potenziome- tro P2 che insieme al condensa- tore in serie C2 shunt in modo variabile la componente del se- gnale a maggior frequenza, II se- gnale cosi trattato viene applica- to ai piedini 8 e 9 del circuito tegrato. I! condensatore C20 ed il condensatore C25 formano la rete di retroazione. Gli altri ele- menti hanno lo scopo di comple- tare il circuito interno essendo di valore troppo elevato per essere 18 12 + 14V ce. direttamente integrati, ottenendo un miglioramento della risposta in frequenza. Tra i piedini 4 ed 1 si dispone I'altoparlante di 4. Il montaggio Ul montaggio dei circuiti stam- pati € una operazione abbastan- za semplice, tuttavia, per garan- tirsi un ottimo risultato, bisogna seguire fedelmente aleune sem- plici norme. La figura mostra le due face del circuito stampato sovrappo- Schema elettrico dell'ampliticatore, Cassa acustica Amtron UK 801: 8 stata progettata per laccoppiamento con lampliticatore presentato in queste pagine. 20 ¢25 Componenti Ri = 56 ohm 0,53 W 5% R35 = 1 ohm 0,33 W 5% Pi 100 Kohm pot. logaritmico con P2 c1 C2 cs C10 = 100 pF 16 Vi elettr. C15 = 100 uF 16 VI elettr. 20 = 1 nF ceramico C25 1 nF ceramico C30 = 470 uF 16 Vi elettr. C35 100 nF ceramico IC = TBA 810 AS Nella confezione, oltre al contenitore, sono comprese tut- te le minuterie meccaniche ed elettriche necessarie al montag- gio. Per il materiale T componenti usati per la co- struzione dell’apparecchio s0- no di facile reperibilitA sul mer- cato italiano. Allesclusivo sco- po di facilitare i lettori che in- tendono realizzare Vapparec- chio, consigliamo di rivolgerst alla ditta Amtron che offre I'n- tera scatola di montaggio, oc wi x“ < wi a na Esploso di montaggio dell'apparecchio. L'operazione di sistemazione del circuito nel contenitore fornito richiede solo pochi minuti; qualche attimo in pid & bene dedicarlo alla saldatura dei componenti che deve essere eseguita attenendosi ste: il lato componenti dove so- no. stampigliate le disposizioni dei vari componenti ed il lato rame dove si nota il profilo delle piste conduttric T componenti vanno_montati con il corpo aderente alla super- ficie dal lato componenti, salvo i casi di montaggio verticale spe- cificamente nominati nel succes- sivo ciclo di montaggio. Prima di essere inseriti nei rispettivi fori, i terminali dei componenti vanno piegati ove occorra, facen- ‘al disegno riportato in basso. do attenzione a non danneggia- re la sezione di attacco. La sal- datura deve essere fatta con un saldatore di potenza non eccessi- va e con la maggior velocit’ pos- sibile, per non surriscaldare il componente. La saldatura deve essere lucida e ben diffusa sulla piazzola e sul terminale. In caso di difficolt’ ravvivare con un temperino le superfici di contaito, Dopo la saldatura tagliare con un tronchesino i terminali so- vrabbondanti ad una distanza di un paio di mm dalla superficie delle piste di rame, Nel caso di componenti pola- rizzati si daranno nel ciclo di montaggio le indicazioni per un loro corretto orientamento. Alla fine di ogni fase di mon- taggio eseguire un accurato con- trollo della corretta disposizione dei pezzi, per limitare la possi bilita di un funzionamento di fettoso dovuto ad errori di in- serzione, Non invertire mai la polarita della corrente di alimentazione. Controllare che non vi siano ponti di stagno tra le piste adia- centi, che possono mandarle in corto cireuito. Vediamo ora la successione da seguire per operare con faci- lita il montaggio dell’amplifica- tore. Montare le resistenze RS ed Ri. Montare i sei ancoraggi per connessioni esterne nei punti marcati SPEAKER, +, —, INPUT. Montare i condensatori cera- mici a disco C2, C5, €20, C25, C35, lasciandoli in posizione verticale. Montare i condensatori_elet- trolitici C1, C10, C15 e C30 in posizione verticale. Si tratta di componenti polarizzati ed il ter- minale opposto a quello contras- segnato — sullinvolucro. deve cortispondere al foro marcato -+ sul cireuito stampato. La sensibilita d'ingresso del circuito di ampliticazione 8 oi 60 mV; @ pertanto consigiiabile 'impiego di un giradischi a cartuccla piezooiettrica. Nel caso s! adotti una testina magnetica & necessarlo Interporre tra ta fonte di segnale e lamplificatore un preamplificatore ad alta impedenza di uscita, CNTs Fissare il dissipatore termico al’aletta del cireuito integrato orientando la tacchetta di riferi- mento come indicato a disegno, mediante vite e dado. Fissare il gruppo circuito in- tegrato — dissipatore infilando i terminali nei fori praticati sul cirewito stampato, facendo spor- gere dal foro libero del dissipato- re la vite. Fissare il tutto con un dado. Saldare con precauzione i pie- dini del circuito integrato alle ON mala ee) Pannetlo frontale dell'amplificatore di bassa frequenza. corrispondenti piazzole del cir- cuito stampato. Montare ¢ saldare il potenzi metro logaritmico con interrutto- re ed il potenziometro linear infilandone a fondo i piedini nei fori del circuito stampato. Gli alberini dei potenziometri_d vranno rimanere paralleli al pi no del circuito stampato. Effettuare il collegamento in filo tra il terminale + del cir- cuito stampato ed uno dei con- tatti dell’interruttore generale accoppiato al potenziometro di volume. Prima di infilare il circuito stampato completo nelle apposi- te guide del mobiletto eseguire i vari collegamenti di alimentazio- ne, segnale di ingresso e di u- seita, Passiamo ora ai collegamen- ti esterni necessari perché I’am- plificatore possa funzionare. ‘Collegare un altoparlante di 4.Q ai terminali SPEAKER se- rigrafati sul cireuito stampato mediante piattina bifilare. Per una ottima resa acustica consi- gliamo di utilizzare la casa a- custica Amtroncraft UK 801 progettata per amplificatori con potenza di 5 W. Collegare i terminali: _negati- vo dalla alimentazione al punto — del circuito stampato e il ter- minale + al terminale rimasto libero dell'interruttore. Collegare con cavetto scher- mato il segnale proveniente da un giradischi con cartuccia pie- zoelettrica, o altra sorgente. 21 — INDUSTRIA Wilbikit ELETTRONICA salita F.lli Maruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 LAVORATE SICURI SUI VOSTRI ESPERIMENTI A causa dei continui rialzi dei prezzi sul componenti elettronici siamo co- stretti a ritoccare leggermente i costi di alcuni Kits pertanto dal 1° Febbraio 1976 per qualsiasi ordine che verra effettuato sara praticato il nuovo listino prezzi. Arsplicsore 15 W Kin. 22 -Anatrto automatico par automobile Lge ste Ampliicstore.4. W&M S KitW. 28 - Variatore di tensione alternata 8000 WL. 12.00 pl featre to W AAtS MW Varlatore St neces aerate apna Wy 4. Ws Amolicaire 0 AMS RW St Ker patel che canle ec 00, Leto Ampliatoe 30 W Rats itn Lier guchegsiche Cinas Tiss toy MS piste 3 4 8 MS ERS ie) Sites cate a'i0d WE ee Retanpihcnoe Poti sa, impedence KON3 alimenttoresasiasses 2F'VoNS & per ‘itmerttore,sablisat 60 mC Yee eine L500 Alimenatore stabiizate 960 "A ee KAN. 35 Mimentatore stabileto 32-V 1.8 A per Auimenstore Sapiaiae @B0 ma Vee arn \ se Auimentore Sasleste eb) a 12 Vee Un. 36 -Mimertator stabiesto 58 V1.8 A per Alimenotore sabes 660 a 13 Vee anne Ls Alimentetore staaiizato 24 6” Vor Alimenttore stobiseato 2472 Vee Kitw.37 . Preanpliiestore HuFl pages impecense L500 KIEN.30 “lim etgbs vavabile 18 Vee”con pote Alimertatore stebilizzato 1s Wee KitN. 40 Alim, stab, variabile 4-18 Veo con prote: Indio 41 wsone par oo £50 mA Be Tera eee age th : Veo 4 Kit. 44 Variatore crepuscolare in alternata con fo. b+ 5.950 Variatore di tensione alternata 2.000 W mi oe selitieee ieee bet tessa o atte OM NUOVA PRODUZIONE DI KIT DIGITAL! Locici N52 Carica batt 115500 KILN. 63 Contatore digitale per 10 con memori program. wha 500 KIN. 59 Aliment. stab. per circ. digitall, con generatore 2 tyes igico” di inputs! Tonethe Le 148mm “KILN. Conttore dglale por € con mamaria program. | Nichst_cadi KILN, 54 Contatore digitale per 10 Loe es : z a Kit. 55 Contatore digitale per 6 8750 + $5 Contatore digitale per 2 con m tees Kit N. 56 Contatore digitale per 2 L. 9750 “at W. 66 Logica conta pezzi digitale con pulsante L,_7.500 Kit N. 57 Contatore digitale per 10 programmabile L. 14500 “KIEN. 67 Logica conta pezzi digitale con fotocellula KUN. $ Conttore eigisle per 6 programmabite bx W450 “ry, gp Logica Uner Gigiale con tele WAL va.s00 Kit N. $9 Contatore digitale per 2 programmabile L. 14800 -YiCHCG Losiescronometro Gigitale ETE OT Kit N. 60 Contatore digitale per 10 con memoria L. 13500 Kit. 70 Logica i programmazione per conla pedi 00 digitale a bulsante 26.000 Kit M. 61 Contatore digitale per 6 con memoria _L. 13.509 ———_‘ltale_a_pulsante__t, 26.000 TOW er on ee TERS TOKEN. TH Logica di programmazione per conta pezzi Kit N. 62 Contatore digitale per 2 con memoria _L, 19800 Gigitale on fotocellula 26.000 KITE 72 FREQUENZIMETRO DIGITALE 75.000 KIT N° 73 LUCI STROBOSCOPICHE 29.500 Por Ia caratteriatiche pis | PREZZ1 SON COMPRENSIVI DI LWA Assistenza tecnica per tutte le nosis scatole dh montapgic. Gib premontate 10% in pid. Le ordinazioni possoro essere latte Aiettamante ‘gresso la nostra ‘casa. Spedlsion| contrassegna”o per’ pagemento anticipgo. copure sens, reperials Ret hho Fegan" component elettrvicl” Calalogh: @ \nlrmasion a richiesta inane 450 hice Hansson PER FAVORE INDIRIZZO IN STAMPATELLO ELETTRONICA IN CAMERA OSCURA Timer fotografia i precisione Proposta per la realizzazione di un temporizzatore per uso fotografico preciso sino alla frazione di secondo. In passato, riviste non ecces- sivamente scrupolose, hanno pubblicato cireuiti di Timer per uso fotografico, 0 no, seriamen- te viziati dalla fluttuazione della temperatura ambientale 0 dallo isolamento pitt o meno valido dei_condensatori elettrolitici. Questi schemi deficitari, insi- curi, hanno indotto il lettore «medio» che segue te pubbli- cavioni di categoria e realizza va- ri montaggi sperimentali a con- siderare con giustificato sospetto i temporizzatori. Quante volte abbiamo senti- to dire «... E difficile trovarne uno che sia davvero stabile... ». Ebbene, descriveremo ora un Timer di nuovo genere, che gra- zie all’adozione dell’IC_« NE 555» (MC_ 1555, RC555) pre- senta una sicurezza di funziona- mento, anche nelle peggiori con- dizioni, certamente mai ottent prima con gli apparecchi transi- storizzati, pari o superiore a quella offerta dai costosi appa- ae) SET sea | oo ‘Schema elettrico generale del temporizzatore. recchi che si vendono nei magaz- zini che trattano articoli per fo- tografi. IL nostro dispositive non ab- bisogna di una sorgente di ten- sione stabilizzata, e tra 0 °C ¢ +60 °C varia i tempi di commu- tazione nell’ordine delle due par- ti su mille, come dire due deci- mi di secondo su cento. Come si vede, lo scarto non & apprezzabile; inoltre, in nessun ambiente ove si lavora vi sono 0°Co + 60°C! Lo schema elettrico Si impiega un solo semicon- duttore attivo, cio& TTC, che comprende in sé 23 transistori, uno dei quali a effetto di campo, una quindicina di resistenze ¢ due diodi. Gran parte di questi elementi formano uno stabilizaatore di tensione interno, cosicché l'inte- grato lavora indifferentemente bene con 9V di tensione ¢, sa- lendo, sino a 14-15V, Altri gruppi di elementi pre- siedono alla stabilit’ nei con- fronti della temperatura, Per ottenere 1a commutazione dell’'uscita dallo stato di « bas- sa corrente » (circa 9 mA) allo stato di «alta corrente » (circa 100 mA) con cui opera il relais, si usa un sistema R/C, ovvero una resistenza dal valore varia- bile che carica un condensatore selezionato, di alta qualita: C1. Quando ‘il condensatore rag- giunge un valore di carica tale da operare V'IC si ha il cambio di stato, e cid avviene pit o me- no rapidamente, in dipendenza del valore del ramo «R» del circuito; come dire che pitt gran- de & questo, pitt lenjamente si raggiunge il moménto dello « scatto », Come « resistenza » si sareb- be quindi potuto impiegare un potenziometro, ma in tal caso sa- rebbe stato necessatio tracciare una complicata scala dei tempi attorno alla manopola, zeppa di segnazioni ¢ probabilmente fo- IL MONTAGGIO DEL TIMER Componenti RI 1 Mohm 1/4 W 5% © migliore R2, RS, R4, R5, R6, RT, R8, R9= come Ri R10 = 100 Kohm 1/4 W 5% o migliore R11, R12, R15, R14, R15, R 16, R17, R 18 = come R10 R19 = 560 ohm 1/4 W 5% R20 = 100 Kohm 1/4 W 5% R21 = 390 ohm 1/4 W 5% R22 = 1 Kohm trimmer Tineare R23 = 1 Kohm 1/4 W 5% C1 10 uF 26 VI elettr. al tantalio. C2 = 4700 pF ceramico Ic NE 555 oppure MC 1555 0 RC555 D1 = 1N914 0 simile RY relais 12 volt/70 mA. M1 = commutatore 1 via 10 posizioni (M2 = commutatore 1 via 10 posizioni S1 = interrutiore unipolare S2 pulsante normalmente aperto SO] / = ~~ f \ Fig 2 b> cu @ co A lato, riproduzione jin dimensioni naturali del circuito stampato; in alto, disposizione’‘det component sulla basetta. Per il materiale questo progetto sono di facile reperibilita, All’esclusivo scopo di agevo- lare i lettori interessati alla co- struzione, informiamo che pos- sono rivolgersi alla G.E.D. Ge- neral Electronic Devices (via Ammiraglio del Bono 69, Ostia Lido Roma, tel. 06/6611404) che offre, dietro versamento in vaglia postale 0 sul conto cor- rente postale 10631000, la sca- tola di montaggio al prezzo di lire 10.000 © I’apparecchio montato e collaudato a lire 12,500. 25 riera di errori da parallasse o simili, Quindi, il potenziometro & stato scartato, ed al suo posto si sono adottate due decadi di re- sistenze, ciascuna servita da un commutatore (CM1 - CM2). In tal modo, sono disponibili due «scale » di temporizzazione; u- na in secondi, ed un’altra in de- cine di secondi. La portata minima della sca- la delle decine & « zero », sic- ché, volendo una temporizzazio- ne del valore di 1,2, 3, 4 secon- di, fino a 9, si userd Paltra. Se poi occorre, come di solito, un ritardo superiore, si combinano le due, impostando ad esempio, quattro decine di secondi pitt cinque, per ottenere 45”, 0 a nalogamente per altri intervalli, L’apparecchio quindi, cost co- me & progettato, da una tempo- rizzazione massima di 100 se- condi. Se perd lo si vuole modi- ficare, basta sostituire il C1; ad esempio, portando questo ad un valore di 100 uF le due scale 26 divengono decine di secondi ¢ centinaia di secondi, con un ri- tardo massimo di 1.000 secon- di. Nel caso, perd bisogna far molta attenzione alla scelta dello elemento, perché deve essere eccellente; al tantalio, per evi- tare qualunque perdita; ma tra i vari elementi al tantalio che il mercato propone, se ne deve seegliere uno professionale, che costa qualche centinaio di lire di pit, ma garantisce la stabili- ta nel tempo. Il vantaggio principale che si ottiene con le due decadi di tem- pi, 8 che la taratura risulta gran- demente semplificata. Infatti, ba- sta regolare R22 per una sola portata, ovvero far st che ad un determinato ritardo previsto cor- risponda un tempo reale, per ot- tenere contemporaneamente la calibrazione di tutte Ie altre por- tate. Tl relais attivatore ha un dio- do collegato in parallelo all’av- volgimento (D1) che evita i «rimbalzi di tensione », ovvero quei_picchi che _accadono quando Varmatura si riapre e le linee magnetiche di forza deca- dono bruscamente. Questiim- pulsi potrebbero danneggiare lo IC dal primo ciclo di lavoro, se non fosse presente la giunzione che praticamente li cortocircuita, «Ry», dato che PIC & protetto, pud avere una buona potenza, infatti, per V'elettromagnete so- no disponibili oltre 100 mW: 100 mA a 10V circa, In tal modo, i contatti posso- no operare una lampadina da 150 W o simili attuatori « resisti- vin, genere riscaldatori, proiet- tori infrarossi o simili. L’isola- mento del relais consente di la- vorare direttamente sulla rete-lu- ce a 220V senza problemi. Nella figura, oltre allo sche- ma generico, si osserva il colle- gamento standard di un ingran- ditore fotografico, con ta relati- va lampada rossa di sicurezea (Lp1) che pud essere anche o- messa, sebbene, in camera oscu- 1a, risulti molto utile. Disposizione dei collegamenti da offettuare aj commutatori. Al posto dell’ingranditore pud essere collegato ogni altro cari- co desiderato, che assorba una potenza similare. Il montaggio 11 prototipo del Timer impie- ga una basetta che ospita ogni parte esclusi gli interruttori S1- $2 (quest'ultimo & a pulsante). In tal modo la compattezza & rimarchevole, ma forse & pitt pratico collocare i commutatori CMI - CM2, con i precedenti su di un pannellino, mettendo in opera il classico ‘« assembly » con scatola plastica munita di frontalino metallico, Quale che sia Ja soluzione preferita, comunque, il circuito stampato di figura ® perfetta- mente adottabile. Poiché le resistenze ed i trim- mer non causano problemi di sorta, potranno essere inseriti per primi sulla base, dopo di che andra a posto C2. Prima di con- nettere C1 occorre dare una buo- na occhiata alla polaritl; inver- tendolo, durerebbe pochissimo. LIC’ non deve preoccupare; noi abbiamo saldato decine di «555 » aj rispettivi circuiti, e, operand con una normale cau- tela, non ci mai capitato di por- ne fuori uso qualcuno; diremmo anzi che la pratica insegna che come si salda un qualunque BC 148, altrettanto si pud fare per questo integrato. Basta impiega- re un arnese ben caldo, ben pu- lito, dalla punta tersa e ben ti- vestita di stagno opportunamen- te liquido. Per il relais, nessun proble- ma; basta innestarlo e procede- re alle giunzioni con le piste. Vediamo ora i commutatori. Questi due, devono essere « preparati a parte ». In altre pa- role, come si vede nella figura, ¢ nelle fotografie, devono avere Ie resistenze facenti parte delle decadi, gia montate tra paglietta e paglietta, TI lavoro relativo & molto NE 555-CONNESSIONI. semplice, ma si dovrd essere certi di non causare qualche ba- nale cortocircuito dovuto ad una piegatura o insufficiente 0 ecces- siva delle linguette e dei termi- nali, Sia che il montaggio abbia I’- dentico aspetto del prototipo, sia che la versione preferita ab- bia scatola e pannello, i commu- tatori « preparati » saranno con- nessi alle piste mediante fili fles- sibili, dalla lunghezza non im- portante; in media 70 mm. Per completare il tutto, ai spettivi terminali si collegheran- no St ed $2. Seguir’ una attentissima veri- fica di ogni parte, polarit’, col- legamento, effettuata _tenendo molto bene presente VIC, visto dall'alto per la numerazione del- le connessioni; 1a polarit& del D1, quella del C1, gia rimarcata, In sostanza nulla deve rima- nere incontrollato, ad evitare possibili « guasti misteriosi » fu- turi. I collaudo Come abbiamo detto, il Timer non necesita di_alimentazione stabilizzata, quindi come sorgen- te possono servire tre pile da 4,5 V «quadre » collegate in serie, un rettificatore di rete che ero- ghida 9 a 14V o simili. E da tenere presente che que- sto apparato, durante il periodo di attrazione del relais assorbe circa 100 mA, quindi, un rettifi- catore, non pud essere I'alimen- tatore per radiolina, ma qualcosa di pitt solido ed efficace, Per provare se il circuito fun- ziona, una volta che lo stampato sia in ordine, si chiuderd SI e si premer& S2. Ove il tutto sia esattamente cablato, nell’identi- co istante in cui il pulsante si chiude, scattera il relais che ri- marra « inversamente commuta- to» per il tempo che @ scelto manovrando OM1/CM2, poi tor- nera a cadere a riposo. Il tempo, come sappiamo pud andare da 1 a 100 secondi. wousteia Wilbikit etertronica Salita F.lli Moruca - 88046 LAMEZIA TERME - tel. (0968) 23580 LAVORATE SICURI Sul VOSTRI ESPERIMENT! KIT. N. 72 LUC] STROBOSCOPICHE L. 29.500 Prestigioso effetto di luci elettroniche il quale permet- te di rallentare le immagini di ogni oggetto in movie mento posto nel suo raggio di luminosita rendendo estremamente irreale l'ambiente in cul @ situato, cre- ando una sequenza di immagini spezzettate tra di loro. Tramite questo kit realizaato dalla WILBIKIT si po tranno ottenere nuovi effetti di luci nei locali di di- scoteche, nei night, nelle vetrine in cul vi sono degli articoli in movimento. Inoltre si presta ad essere uti- lizzato nel campo fotografico ottenendo delie incredi- ‘oto ad effetti strani come oggetti a mezz'aria 0 nell'attimo in cui si rompono cadendo a terra. CARATTERISTICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE AUTONOMA = 220 V. ca LAMPADA STROBOSCOPICA IN DOTAZIONE INTENSITA’ LUMINOSA 3000 LUX .FREQUENZA DE! LAMPI REGOLABILE DA 1Hz a 10 Hz DURATA DEL LAMPO 2m. sec. Do } Via L. Lotto, 1 - tel. (035) 222258 ZETA elettronica 24100 BERGAMO orion 2002 amplificatore stereo 50+50 della nuova linea HI-FI ORION 2002 montato e collaudato ORION 2002 KIT di montaggio con unita premontate L. 184.000 L. 140.600 Pot. 60+50 W su 8 ohm [Per chi volosse acquistare singolarmente tutll | pezzi che costituiscono il Scngress! Inodelio ORION 2002 sono disponibil 2 -ausiliar! da 150 mV Fuser 280. mV Ps3G L. 29.500 Bhono RIAA mv l2xAP50M cad. L. 22.500 rape monitor (uscita registratore Erp aan on tsa Banda passante: 20 ~ 9 anda passante: 20220000 He abe “a9 C 10800 Controllo toni: Bassi: + 20 8 [Mobile L. 8.500 Alti: = 18 dB IPannello L. 3,400 Alimentazione: 220 V Kit minuterie L. 11.800 Dimensioni: 460x120x300 mm \v-U meter L. 5.200 per un perfetto abbinamento DS55 Ditfusore acustico 60/70Watt 5 altoparlanti DS 55 montato e collaudato L. 119.000 DS 55 KIT di montaggio L._ 97.200 Per chi volesse acquistare singolarmente tutti | pezzi che costituiscono il mod. DSSS sono disponibili Mobile L. 26.500 | W320 L. 30.400 Pannello L. 3.500 | 2xMR127/4 L. 6.200 cad. Filtro 3-50/8 L. 12.800 | 2xDom-Tw/4 L. 6800 cad. PREZZI NETTI imposti compresi di I.V.A. - Garanzia 1 anno su tutti i modelli tranne i kit di montaggio. Spedizione a mezzo pé postale o corriere a carico del destinatario, Per gli ordini rivolgersi ai concessionari pid vicini o direttamente alla sede. CONCESSIONARI ACM. + 34138 TRIESTE —- via Settefontane, 52 : Aaiton « stent 09 NOE vin 8 Levan, 54 SOMTEGA DELA, = 00 PACNEA wn Coniare, 1/8 BL Garo. = TT ROMA a4 Schema logico del sistema di trasmissione dei segnali stereotonici a modulazione di trequenza. | sistemi di decodifica utilizzati nei sintonizzatori sono predisposti jin modo tale che un indicatore ottico informi della presenza di un segnale stereo. Nel nostro circuito @ stata prevista una lampadina oppure, come si vede dalla toto in basso, un led con relativa resistenza di carico. zatore FM stereo, i prezzi parla- no chiaro. Ecco quindi che 1a costruzio- ne di un decodificatore stereo, di assoluta semplicita e di costo ac- cessibilissimo, da abbinare ad un ricevitore FM, diventa un di- scorso interessante. Che cos’t il decodificatore? Prima di entrare nel merito del circuito che stiamo per costrui- re, per capirne il principio di funzionamento, ® opportuno parlare brevemente di trasmis- sioni radio stereofoniche. Trasmissione in stereo Nello schema a blocchi rap- presentato in figura, si nota che i segnali L (sinistro) ed R (de- stro) entrano in un circuito det- to «matrice », nel quale vengo- no da un lato sommati ¢ dall’al- tro sottratti. Albuscita avremo quindi due nuovi segnali, una somma (L++ R) ed una differenza (L—R). La somma (L-+R) non & altro che un segnale a bassa frequenza contenente tutte le indicazioni relative ai due canali, pud esse- re quindi usato per una-riprodu- zione monofonica. La differenza (L—R) va a mo- dulare la sottoportante a 38 Kh- z, ottenuta mediante il raddop- pio della frequenza pilota a 19 Khz, che servira a mettere in fase i 38 Khz presenti nel deco- dificatore, oltre ad azionarlo per rivelare il segnale stereo. Dopo i gruppi AF ed MF del ricevitore, attraverso la rivela- zione viene eliminata la portan- te FM, mentre i tre segnali L-+ R, 38 Khz modulati da LR ei 19 Khz passano al decodificato- re, che ci restituir’ i due segna- li Led R separati. A proposito di radio trasmis- sioni stereo, & bene ricordare che la RAT trasmette in via speri- mentale dalle ore 15 alle 17 ¢ dalle ore 22 alle 24, dai trasmet- titori di Milano Mhz 102,2 - Ro- ma Mhz 100,3 - Napoli Mhz 103, 9 e Torino Mhz 1018. 41 INS LOW PASS OSCILLATOR Ae MODULATOR | |L-»| FILTER 76 KHz + LOW PASS +-49— | steer MODULATOR |---| 1 [—@-| TRIGGER FILTER {|__| SWITC’ DECODER outs Schema a blocchi delle funzioni svolte dal circuito integrato MC 1810 di produzione Motorola. I T BF MONO * Left z AMPLI L. DECODER Fy AMPLI R Right 42 ese2e0 NOJQvs e A destra, schema elettrico del decoditicatore per stereofonia; a sinistra, esemplificazione delle connession) da eseguire per accoppiamento del decoder al ricevitore ed all’amplificatore stereofonico. Nello schema 6 prevista anche una connessione dove prolevare il segnale mono in bassa frequenza da amplificare. Sopra, particolare circuitale: i trimmer @ unico punto di regolazione e deve essere accordato in modo che siano presenti / 19 KHz necessari alla decoditica. 19KHz — Quadrature +2 +2 L_J > 19KHz be}+2 4 Analisi del circuito Il decodificatore in oggetto & tratto dalle informazioni tecni- che Motorola. Come si vede in figura esso & composto da cinque resistenze, otto condensatori, dall’integrato e da una lampadina; non do- vrebbero esserci difficolt& a re- perire i componenti, tuttavia se qualcuno avesse tali difficoltd per il reperimento dell’integra- to, potra rivolgersi a Franchi, Vile Padova N. 72 Milano, Cominciamo ad analizzare il compito dei componenti del no- stro circuito: il C1 & un conde: satore elettrolitico di accoppi mento, si raccomanda la pola {2 (positivo verso il piedino due dell'integrato) e di non alterare Ia capaciti, poiché cambierebbe il fattore di separazione. RI, R2, resistenze di carico dei semiconduttori_contenuti nell'integrato; C2 C3. condensa- tori di deenfasi; la preenfasi & introdotta in fase di trasmissio- ni di rumore, in fa- se di ricezione occorre fare il processo inverso. C4 serve da filtro per Vinter- ruttore stereo contenuto nell’in- tegrato. R3, C6, C8 componenti per il filtro di agganciamento al- Ia fase dei 38 Khz. R4, R5, C7, componenti della rete che produce Ja costante di tempo dell’oscillatore a 19 Khz. Come avrete notato dallo sche- ma clettrico, Pintegrato MC1310 non richiede alcuna bobina, a differenza di altri integrati aven- ti funzioni equivalenti. Il montaggio Non ci sono particolarita cir- cuitali, una volta fatto il circui- fo stampato come in figura, ba- stera inserire i componenti. Si consiglia di usare uno z0c- colo per V'integrato, onde evitare di surriscaldarlo eccessivamente, e di inserire un componente alla Ingresso O Test 19 KHz SULA Sinistro 43 44 IL MONTAGGIO DEL DECODER STEREO Rt R2 R3 R4 RS ct c2 cs ce cs ce c7 cs Ic1 Li TEST Componenti 3,9 Kohm 1/4 W 5% 3,9 Kohm 1/4 W 5% = 1 Kohm 1/4 W 5% 15 Kohm 1/4 W 5% 4,7 Kohm trimmer 2,2 uF 25 VI elette. 20 KpF ceramico 20 KpF ceramico 220 KpF ceramico 50 KpF cera 470 KpF ceramico 470 pF ceramico 220 KpF ceramico MC 1510 Motorola = lampada 12 V 70 mA (vedi testo) 2 LAMP. STEREO —=Out o =] Right Per il materiale Tutti i componenti impiega- ti per la realizzazione di questo progetto sono elementi di fa- cile reperibilita, La spesa necessaria per I’ac- quisto di tutte le parti corri- sponde a circa 5000 lire. L’ac- quisto pud essere effettuato presso tutti i, migliori rivendi- tori di materiale elettronico. yolta, controllando di non aver commesso errori. Una volta inseriti tutti i com- ponenti (escluso Vintegrato) si provvedera alla saldatura degli stessi sul circuito stampato, con saldature rapide, evitando perd di farle fredde. Fatto cid si taglieranno i ter- minali inserendo successivamen- te Vintegrato nell’apposito zoc- colo; il circuito a questo punto dopo un rapido controllo ® pron- to per il collaudo. Tl circuito pud fur FACON Q22/160 con wna tensione di alimentazio- ne continua, compresa fra i 9 © i 15 volts, tuttavia va detto che tale tensione deve essere il pitt possibile filtrata, ovvero deve contenere pochissimo residuo di alternata, altrimenti_andremmo ad introdurre rumore nel circui- to. L’assorbimento totale con la lampadina spia scollegata deve essere di 13-15 mA, li misure- remo con un qualsiasi tester po- sto in serie all’alimentazione. Se l’assorbimento corrisponde {1 Particolare circuitale: per il funzionamento delt'integrato si usano solo component passivi, ossia resi 1ze © condensatori. punto bisognerd effettuare l’uni- ca taratura del circuito, ovvero dovremo regolare il trimmer R5 per ottenere sul piedino dieci dell’integrato una frequenza di 19 Khz. Su questo piedino & presente un’onda quadra, prodotta dallo oscillatore interno, avente ap- punto la frequenza variabile al variare di R5 ed un’ampiezza costante di tre Vp. Per chi possiede un oscillosco- pio tale regolazione non compor- ta difficolta, invece per coloro che ne fossero sprowvisti, ¢ cre- diamo siano la maggior parte, consigliamo di collegare il de- codificatore al ricevitore FM, sintonizzarlo sulla radio stereo- fonia ¢ regolare R5 fino a che si accende la lampadina, Per ridurre il consumo pud u- sarsi al posto della lampadina un LED con in serie un resistore da 270 ohm, Per gli ingressi e le u- scite del decoder usare cavetto schermato per bassa frequenza. 45 NOvoTest © NUOVA SERIE meV erus Te TECNICAMENTE MIGLIORATO Classe 1,5 cc. 2,5 FUSIBILE D1 PROTEZIONE PRESTAZIONI MAGGIORATE SAOSIN Au DEE do ons PREZZO INVARIATO Mod. TS 141 20000 obm/V im cc. © 4000 obm/V In ca, 10 CAMPI DI MISURA 71 PORTATE VOLT cc. 18 porate: M00 mV « 200 mvt V2 Vay Be oy Mao yi. v Yea Y 408,¥ “at ¥ : too Y > Bo 'V tod v vour ca. ir porta: M8 y Ey “ao Sova v tsa Y “og "soo Yowo visto 2aon y AMP.CC. 12 porta: Soma fooua = 88a tims sma Se na SS mao ma Sie mA ya oa Se AMP CA, 4 porate. 250A 'SOmA. SID mA = 5A hs Sbotate: Gay ix Yeisen x 100 Bete awe REATANZA —\ porta: a D2 fo tat FREGUEEA — | pra, 08 Bes os 0 00 He eons, “eter vour uscita ssporaie’ S"Y Yoondone. ester) = 15 - a0 say Sous S60") Gop vs v S600 vis W Sasa v DECIBEL portate: Ga 16 da» 70-08 Capacita: —Efore G2 odo ue be a2 0a 50 uF 2 03 Soo a —————_= Mod. TS 161 40.000 ohm in cc. © 4000 ohm in ea, 10 CAMPI DI MISURA 69 PORTATE VOL GG. 1S porate: 150. mv = BO mY TV tSY-2y By sve ay. sav av gay’ ov" 2500 so io ¥ VOLTA, IWponate: HSV". Sv - a0y- soy 1 iy ev adv AMP.C.C. 19 portate: 254A» SO gk 100 Bima tina “Sa 10 ma* 3D ma Soma PS aS AMP.CA—& porte: 250A” S0mA Scoma * onms Spore Ie ae et REAYTANZA 1 porta deo" 2 ith FREQUENZA | Dorian Ga 0 8 30 He 8 0 a sd0‘he (condenses | VOLT USCITA td orate: 18 V leonden ester ay by ey Sto". soa V sca ~ eco Y pov "230 7 DECIBEL 5 portaie. da — 10 68 ae ee CAPACITA' 4 porta Gola BSF atiment ree) INGOMBRO my 150 x10 «48 20151 Milano lll Via Gradisca, 4 I Telefoni 30.52.41 / 3052.47 / 30.80.763 una grande scala In un piccolo tester ACCESSORI FORNITI A RICHIESTA “Ty conRENTE DERIVATORE PER Mod. Si, 180 puriata 190A CELLULA, —=) [au “batter ALTERNATA, CORRENTE CONTINUA Mod SH'30 purtata 99 A Mad. LI/N campo dl misura da @ » 20000 LUX Mos. TAB,N tee porate 25 4 Mao A .PUNTALE ALTA TENSIONE TERMOMETRO A CONTATTO 200 A Mod ¥CS___portta_ 25000 Vee Mos THIN campo i misura 6a — 25° 5 250° bevosin Ww atin ~ BARL - Biagio. Grimatai FIRENZE - Dr. Alberto Trani PADOVA - Pierluigi Righot ANCONA. Carlo. Giongo ‘via Boeken 13 Via Fa Bariolonmes, 26 Via Lazeors. Via iano. BOLOGNA - PL. Sibaai ANio GENOVA, BL Conte. Luigi Pescara - Ge - com Via Zanarai, 2/10 ia P. Selvago, ie Via Arne. § CATANIA - Eleitro Siculs TORINO - Roeilo e Dr. Sruno Pome ROMA - 0: Carlo Riccardi IN VENDITA PRESSO TUTTI | MAGAZZIN Via Gedamost. 18 (ke ‘D segh brunt Sb Sis Vis: Ametrica, 18 DI MATERIALE ELETTRICO £ RADIO TV dal lettore ROBERTO TACCONI Tortona progetti dei lettori La Redazione, & lieta di pubblicere, @ suo insindacablle gludizio, quel progetti inviati dal lettor! che abbiano interesse generale. 1 progetti devon essere original: ef migliori, in premio, la pubblicazione firmate. Fusibile bitransistoriale Il circuito comprende solo due transistor un relais ed alcuni altri componenti ma non ha né limiti di corrente né di tensione e, con una semplice modifica pud funzionare anche con la corrente alternata. Il principio di funzionamento & il seguente: un filo che dall’alimes tatore va all’utilizzatore viene i ferrotto da una resistenza Rx la quale @ collegata tra l'emettitore e la base di TRI. Quest’ultimo (TR1) & polarizzato dal trimmer PI in modo che rimanga interdet- to. Quando passa corrente attra- verso Rx, ai suoi capi si stabilisce una differenza di potenziale tan- to maggiore quanto la corrente che circola attraverso questa resistenza; quando la differenza di potenziale contrabile in questo punto rag- giunge il valore di circa 0,3 volt Ia tensione giunge alla base di TR1 che di conseguenza va in condu- zione polarizzando a sua volta TR2 che ha il compito di eccitare la bobina del relais. Il relais & Velemento che inter- viene meccanicamente per la pro- tezione interrompendo il circuito di alimentazione ¢ fermando cosi la corrente che pud danneggiare Vutilizzatore 0 Valimentatore, II valore della resistenza Rx si trova applicando la Legge di Ohm (V = Rx 1) con il valore costan- te di tensione di 0,5 volt € la cor- rente stabilita come punto di in- tervento del circuit di protezione. Come si vede non vi sono limi- ALIMENTATORE o UTILIZZATORE Y ti di corrente e di tensione e, inter- ponendo tra la resistenza Rx © ‘TRI un rettificatore a ponte con il polo negativo collegato alla base di ‘TRI, il tutto pud anche funzionare in corrente alternata. L'unica operazione di taratura da compiere consiste nel regolare il trimmer P1 facendo si che TRI si trovi sulla soglia della non con- duzione. Componenti = 1 Kohm 47 ohm 5,6 Kohm 10 Kohm oc7s oc74 relais 700 ohm pulsante normalmente chiuso Sistema Via Viale, 70 20026 NOVATE MILANESE (A) Tel. 3542274 - 3541766 DISTRIBUTOR! Serie MICRO DE LUXE Serle DE LUXE ‘Serio MINI VERTICAL, Serie MINIBOX 16 Serie STANDARD INTERNATIONAL 422 (10) 900 modell @ se © se MINI DE LUXE (@) Serie DE LUXE VERTICAL, [STANDARD DE LUXE (@) Serle MINIRACK ACCESSORI SERIE DE LUXE Tabella delle grandezze Art. 5030 (Con sereazione Pos[ AN BRO 30 + 18 volumi a stte's mponta da 4 moe 1 f sosscissxtso 1 Ses 2| osx issx280 Art, 6010 % ‘Art. 5000) con frontale 3 | 105x 155x350 Ft cn v aan suarone 4 | 052083180 Ee at Ss | fosx2texts0 eee te seer 8 | tosx255 220 eres anc tps er 2 | 105 as8% 380 {aici alluminio anodiezato € stl Gteso tela interno & stanza 1 ee exe mente un parallelepipedo. formato : 4 11 | 185 185250 da 4 protiat © 0 due commer di 12] 155% 155x350 nisi proffat $1 possono spostare © Fe | Peexz0ex t80 aggiungerne degli altri 14 | 155x205 x 250 Vutitz0 del tela. interno con 15 | 155%205% 350 sonte soluzion! gi montagg alm. into, propia tram profiat a U'Art. iO. art. t'e con at accuse Son del Sistema Gt ‘Quota. Cla quota C dela tabel Ja, non corapondea una quota Slemay bisoghe fare. stengone. a assori. Per le ordinazioni (rivolgersi ai distributori di cui |’elenco nella pagina accanto) 6 neces- sario citare il numero dell’articolo e, per le dimensioni, il numero di posizione (vedi tabel- Ja). Es.: Art. 5030 Pos, 10. 16 | 185x255 x 150 17 | 185x255 x250 18 | 195x255 350 Meccanica generale delle scatole serie « DE LUXE»: per le minuterie consultare il catalogo generale reperibile presso i ‘Wa Vala, 70 - Toe, 9242378 distributori, Serie « DE LUXE » 120026 NOVATE MILANESE {Miiano) scienz: La fisica sta alla base di tutti i fenomeni che si manifestano nei circuiti elettronici. Abitualmente consideriamo il criterio di funzionamento dei circuiti, ma un poco di preparazione di base non fa mai male: vediamo dunque il perché di certi fenomeni. LA FISICA PER L'ELETTRONICO Elettricita & magnetismo Fino al 1830, elettricita © ma- gnetismo erano’ stati considerati due fenomeni separati, Per quan- to riguarda Yelettricita, si cono- sceva la pila gia dal 1800 ed era- no state ricavate le leggi delle cor renti continue. Dall'altro canto, si conosceva il magnetismo, noto ali studiosi delle pietre natu teressati alle cosiddette _« magnetiche ». I! magnetismo, inol- tre, era gid stato utilizzato per guidare le navi, grazie alla busso- ila, Ma fra i due fenomeni, alme- no fino al 1830, non era stato sta- bilito alcun rapporto, Occorreva che un celebre fisico danese, Chri- stian Oersted, all’et’ di 53 anni, facesse la colebre esperienza che porta il suo nome, perché si minciasse a prendere coscienza dei ‘due fenomeni congiunti. Fu An- drea Maria Ampre, nello stesso anno, a enunciare la quasi totalit’ delle 'leggi sull’elettromagnetismo. L'esperimento di Oersted molto facile ripetere Vespe- rienza di Oersted e noi lo consi- gliamo ai lettori perché possano oo rendersi conto che le basi dell’e- lettromagnetismo si fondano su delle leggi abbastanza semplici, facili da. verificare sperimental- mente. Si prende dunque una bus- sola, ad esempio una di quelle che figurano sui portachiavi, e Ia si dispone su un tavolo, lontano da qualsiasi calamita. La parte bru- nita dell’ago indica il nord. Si di- spone quindi un filo elettrico qua- lungue, preferibilmente pieghevo- le, immobilizzandolo sopra la bus- sola e fissandolo da una parte al- Valtra di essa con dei pesi, e facen- do in modo che il filo sia parallelo alla posizione di riposo dell’ango- Jo calamitato. Si fa poi passare della corrente nel filo per mezzo di una pila (dato che in questo modo la pila ® in corto circuito oveorre limitare ad_un tempo mol- to breve il passaggio di corrente), Si constata immediatamente che Vago cambia posizione, disponen- dosi trasversalmente rispetto al fic bb. Si constata anche che se la cor- rente passa dal polo positivo del- Ja pila verso il polo negativo, os- sia andando dal polo sud verso il polo nord dell'ago, quest’ultimo si sposta verso sinistra per un osser- vatore che si suppone disteso sul- Ja bussola, in direzione del filo € con la corrente che gli entra (teo- ricamente) dai piedi ¢ gli esce dal- Ja testa, sempre supponendo che il filo si trovi al disopra della bus- sola. Si pud rifare Vesperimento, mitando il valore della corrente ad un valore molto debole, ossia 0,1 ampere (con una resistenza da 47 ohm per una pila da 4,5 V, oppure da 15 ohm per una pila da 1,5 V, la resistenza essendo inse- rita in serie sul cirouito) e si nota che Ja deviazione finale dell’ago é tanto pitt piccola quanto minore 8 la corrente che circola nel filo Si pud infine ripetere Vesperimen- to disponendo il filo al disotto an- ziché al disopra della bussola: in questo caso, 1a deviazione dell’a- g0 si verificher& in senso inverso. La deviazione si inverte anche quando si inverte il senso del pas- saggio della corrente nel filo. Sem- pre limitando Vintensit’ di corren- te aun yalore molto debole, ad e- sempio inferiore a 0,1 ampere, in modo che la pila duri pitt a lungo, si possono eseguire altre prove. E innanzitutto possibile passa- Montaggio per riprodurre I'esperimento Oersted: un filo flessibile, fissato da due oggetti pesanti applicati sopra di esso, viene fatto passare sopra una bussola. Si fa passare corrente nel filo per mezzo di una pila e si osserva la deviazione dell'ago. re il filo al di sopra della bussola in un senso, e di farlo passare al disotto nel senso opposto. Si con- stata in questo caso che, anche per ja stessa intensita, la deviazione detf'ago 2 pitt forte che se il filo passasse semplicemente al disopra (0 al disotto) della bussola. Se si avvolge il filo attorno al- Ja bussola, realizzando una bobina molto piatta, con le spire avvi nate, usando, ad esempio, del filo smaltato molto sottile, da 0,2 mm, si aumenta ulteriormente la sen- sibilita dell’ago alila corrente. Con una bobina di 50 spire, ad esem- pio, si ottiene una sensibilita 100 volte maggiore che con una sola spira. E’ cosi possibile mettere in evidenza anche delle correnti di pochi milliampere. La realta pratica Tutte Je prove eseguite finora, mostrano che la conrente elettrica genera attomo a sé un campo ma- gnetico, e che questo campo vie- ne rinforzato se si fa passare la cortente attraverso una bobina. Quest’ultimo punto ci permette anche di renderci conto delle pro- priet& del ferro doloe, che & capa- ce di moltiplicare il campo magne- itico «concentrandovi» le forze del campo. Niente di pitt facile per la dimostrazione. Si comincia col confezionare un tubo di cartone, arrotolando un foglio di cartoncino bristol e in- collandolo su se stesso, dandogli un diametro interno di 1 cm e una lunghezza di 2-3 om. Si applicano al tubo due rondelle di cartone a ciascuna estremit’, aventi un dia- metro ‘di 4 om, incollandole op- portunamente, Sul tocchetto cost formato, una volta asciugato, pud avvolgere del filo smaltato da 0,2 mm o 0,3 mm, Per far cid, basta praticare un forellino nella rondella in prossimit& del tubo, € farvi passare il filo che deve esse- re poi avvolto, spira contro spira, servendosi di ‘un mandrino rudi- mentale, cercando nel frattempo di pensare a qualcos’altro, perché Ja bobinatura & un. lavoro noioso. Si possono avvolgere 2.000 spire di filo da 0,5 (resistenza totale cir- ca 40 ohm) oppure 4.500 spire di filo da 0,2 (resistenza totale circa 200 ohm). Oecorrono 170 metri di filo circa per da bobina da 0,5 31 A sinlstra, carcassa di bobina in cartone che permetie di realizzare un avolgimento adatto ‘per osservare il funzionamento Gi una olettrocalamita. Sempre da questo lato, montaggio che permette di evidenziare lazione della calamita sulle correnti. A destra, vista in pianta ed in elevazione delle parti disposte per il compimento dell'esperienza del disegno precedente. ¢ 350 metri per quella da 0,2. Si osserva che quando nella bo- bina passa corrente si possono at- tirare (molto debolmente) dei pi coli chiodi posti in prossimita del- Ja bobina. Ma se all’interno della bobina si inserisce una barra di ferro dolce, di 6-8 mm di diame- tro, si tiesce a produrre, al pas- saggio dolla corrente nel filo, un ‘amipo magnetico molto pitt ‘for- te, che riesce ad attirare dei pezzi di ferro da distanze maggiori non ‘appena viene fatta passare cor- rente nella bobina. Abbiamo cosi costruito Velettrocalamita, ill cui ‘impiego nella pratica 2 diffusissi- mo e va dai relé ai comandi per Vapertura delle porte, ai campa- nelli elettrici, alle elettrocalamite di sollevamento usate nelle accia- ferie, ai ricevitori telefonici, ve~ dremo piti avanti qualche ltro dmpiego delle bobine, ed 2 per que- sto che consigliamo ai lettori di non svolgere la bobina cos) arro- tolata, che potra servire per ul prove. Azione e reazione I primi sperimentatori dell’e- fettromagnetismo hanno subito pensato che se un filo immobiliz- zato agisce su un ago calamitato elo fa tuotare, la cosa deve esse- re reciproca: ‘un ago calamitato immobilizzato che agisce su un filo mobile che porta corrente, ten- de a farlo spostare. L’esperimen- to & facile, ma per mettere meglio in evidenza il fenomeno, non use- remo un campo magnetico, molto debole, prodotto dall'ago calami- tato, bensi ricorreremo a quello prodotto da una robusta calamita, Affinché T’esperimento riesca, oc corre procedere nel modo seguen- te: 52 Si dispone su un tavolo una oa- Jamita, con una espansione appog- giata al tavolo, e Valtra sopra la prima, Sulla stessa tavola si di- spongono due supporti di cartone Si od S:, piegati a forma di V e con la punta in alto, ciascuno di essi avente i bordi_ripiegati, per poterli incollare o fissare in altro modo al tavolo. Fra le due som- mita dei supporti viene fissato un filo flessibile, servendosi di nastro adesivo, disponendo il tutto in mo- do tale ‘che il filo abbia un poco di freceia nella zona fra i supporti © che, passi agevolmente tra le due espansioni polari della cala- mita, a mezza altezza, in corti- spondenza delle estremita, dove il campo & pitt intenso. Si fa quindi passare la corren- te nel filo per mezzo di una pila, limitando, se possibile la corren- te a 0,2 ampere mediante una re- sistenza in serie sul filo (7 ohm per una pila da 1,5 V, 22 ohm per una pila da 4,5 V). Si_ constata _immediatamente che il filo viene spinto in una di- rezione, ad esempio verso il pun- to della calamita in cui le espan- sioni polari si uniscono, oppure nella direzione opposta, a secon- do del senso della corrente. La forza che agisce sul filo, ¢ lo si vede, & perpendicolare al fi- Joe al campo magnetico (in que- sto caso, quest'ultimo & verticale, e va da una espansione della cala~ mita all’altra). Abbiamo cosi messo in eviden- za Vazione delle calamite sulle correnti, fenomeno fondamentale, Ie cui applicazioni sono cost im- portanti che non riusciremo a met- tere insieme un elenco, anche par- ziale, senza consumare un numero di pagine enorme. Per citare solo aleuni esempi: Valtoparlante, il galvanometro, il motore elettrico ece. Un'osservazione pitt _approfon- dita del fenomeno, mostra che 'a- zione & sempre perpendicolare al campo ed alla corrente, e che essa ® massima quando il campo ma- gnetico & perpendicolare alla cor- rente e che @ nulla quando il filo 2 parallelo al campo. Il nostro scopo non & di svolge- re uno studio generale delle appli- cazioni delle forze esercitate dalle calamite sulle correnti. Ci ferme- remo sui punti che ci sembrano importanti per uno sperimentato- re, ossia sul galvanometro a telaio © bobina mobile. Anche qui, per comprendere meglio il funzionamento, ¢ oppor- tuno eseguire una serie di esperi- menti molto semplici che ora de- scriveremo. Iniziamo col. riprendere il di- spositivo gid adoperato. Si dispo- ne il filo flessibile a forma di U come indicato in figura, con uno dei lati del filo avente una freccia maggiore dell'altro, in modo che i due tralicoi siano Puno sopta Valtro senza toccarsi. Se si manda corrente nel_ filo, si vode che uno dei due fili si sposta in un senso e Taltro nel senso opposto. Cid & del tutto coe- rente con quanto dimostrato in iprecedenza: Ia corrente «va» in tun filo, e « ritorna » nell'altro, per ui i sensi delle forze sono oppo- sti fra di loro. Si prende a questo punto un pic- colo telaio di legno, avente le se- guenti dimensioni approssimativ. 52x53x10 mm (pud servire Ja far scia esterna del oassettino di una soatoletta di fiammiferi svedesi al 5 Eo Se S1 Ze quale & stato tolto il fondo). In maneanza, si pud allestire qualcosa del genere con del cartone incolla- to, anche se il legno & preferibile pet robustezza e leggerezza. In questo telaio si_avvolge del filo smaltato da 0,15 mm, iniziando dallo spigolo A e fissando l’inizio dell’ayvolgimento con una goccia di colla alla cellulosa o simile. Pri- ma di iniziare Vavvolgimento la- seiar spongere ca. 40-:-50 om di fi- Jo. Sul telaio si avvoigono da 100 a 200 spire, e si termina Pavvolgi mento in corrispondenza dello spi golo B, applicando anche qui una goccia di colla ¢ lasciando sporge- re 40 + 50 em di filo. Si monta quindi il telaio come indicato in fi- guita, sospeso per mezzo dei due fili sai due supporti di cartone ripie- gato sui lati esterni dei quali ven- gono fissati i fili servendosi di na- stro adesivo. I] telaio resta cost sospeso nel traferro della calami ta ¢ la distanza fra i fili che porta- no la corrente (¢ che nello stesso tempo fungono da sospensione) fa si che ess0 sia riportato nella sua posizione stabile (illustrata in fir gura) da una coppia che aumenta quando lo si allontana da questa posizione facendolo ruotare su se stesso, Si constata cost che se si invia al telaio una debole corren- te per mezzo dei due fili (opportu- namente spellati alle estremita), il telaio si mette a ruotare di un cer- to angolo rispetto alla sua_posi zione iniziale. Abbiamo cosi rea- lizzato, in forma estremamente e- Jementare, un galvanometro a bo- bina mobile. I movimento di ro- tazione ha una sua logica: su tutti i fili del telaio in cui la corrente « sale » (dal basso verso alto), la forza della calamita & rivolta, sup- poniamo, in avanti, mentre su tut- tii fili in cui Ja comente « discen- de» (dall’alto verso il basso), Ia forza risultante dall'ezione ‘del campo & rivolta all'indietro, 11 te- ‘laio & cio’ sottoposto ad una «cop- pia» (ossia alla « tendenza a gira. re») che Jo fa ruotare fino a che ‘la copia di richiamo dovuta ai fili non equilibra la coppia di ori- gine elettromagnetioa. Il «vero» galvanometro a bo- bina mobile si differenzia un poc a quello che noi abbiamo realiz~ zato. Innanzitutto, il telaio (0 bo- bina) & mobile attorno ad un asse, (id che gli impedisce di oscillare avanti © indietro senza motivo). Poi, per riportarlo in posizione di equilibrio, non si sfrutta Pazione del peso siti due fili divergenti ma una molla a spirale (0 a due spira- ii, come si vedra). Infine, e questo & un punto mol- to importante, si rinforza not volmente il campo magnetico in ‘prossimita del telaio, per mezzo degli « elementi polari » che ca- nalizzano il campo e ne aumen- tano la intensita ela regolarita, Un galvanometro di uso cor- rente si presenta dungue come dicato in figura. La calamita & mu- nita di due espansioni polari P, e P opportunamente scavate per la- soiar ruotare il telaio C, Oltre a queste espansioni, c’ un nucleo Ps attorno al quale ruota il tela- io. Con questa disposizione delle tre espansioni polari, il campo ma- gnetico & molto intenso e, nel tra- ferro, & praticamente sempre per- pendicolare alla direzione del tra- ferro, cid che rappresenta un no- tevole vantaggio per la forza elet- tromagnetica sui fili del telaio. TH quadro, mobile intorno ad un asse, viene riportato in posizio- ne di tiposo da una spirale Se porta un ago o indice A che con- sente di evidenziarne la rotazione, In effetti, nella maggior parte dei galvanometri, il telaio viene ri- portato in posizione di riposo da ‘due spirali, ognuna delle quali ser- ye da collegamento fra la parte fissa ¢ i fili del telaio. La corren- te artiva el telaio attraverso una spirale ¢ riparte dall’altra, Infine, oltre a quello che abbiamo de- scritto, ci sono, sul telaio 0 bo- bina, delle masse di equilibrio per far si che il baricentro del tutto (telaio, ago, masse) cada esatta- mente sull’asse del telaio, per cui la posizione di quest’ultimo rispet- to alla parte fissa non viene influ- venzata dalla posizione del gruppo rispetto alla verticale, Sono possibili molte variazioni nella struttura del. galvanometro: si incontrano spesso, ad esempio, delle calamite molto pitt piccole di quelle rappresentate in figura, Si colloca spesso la calamita al po- sto dellelemento centrale Ps, in cui c’& un polo nord a destra, ad esempio, un polo sud a sinistra ei pezzi P: e P: sono sostituiti da un cilindro cavo di ferro dolce nel quale si richiudono le line di for- za della calamita centrale. Segnaliamo anche i modelli « 270" » nei quali la rotazione del telaio non é limitata a 90° 0 a 100° (la limitazione deriva dalla forma delle espansioni polari P: e P:). IL telaio ruota allora attorno ad un asse che non 2 il suo asse di sim- metria, ma che passa per uno dei lati maggiori det telaio. L’asse @ posto al centro di una espansione polare a forma di ci- lindro, con un foro assiale, col- legato’ ad un polo della calamita, mentre Valtro polo @ collegato ad un’altra espansione polare che av- 53 ra si fanno passare due fli tra le espansionl polari della calamita: un filo in cui fa corrente « va » ed un altro in cui la corrente « ritorna ». Avyolgiamo ora su di un apposito tolaio parecchie spire di tilo per realizzare una specie di bobina mobile per galvanometro. Sospendiamo it telaio fra le espansioni polari della calamita mantenendolo appeso tramite i capi det fill. A) if to =50 Abbiamo cos! realizzato la struttura di un galvanometro a bobina mobile. 54 volge completamente il cilindro in questione. Occorre tuttavia notare che t luni modelli «270° » sono reali zati con un telaio olassico e con una moltiplicazione —meccanica del movimento dell’ago. In un galvanometro a bobina mobile, del tipo illustrato in figu- ra, si Ottiene la deviazione totale (un poco inferiore alla deviazione massima consentita dal mecca smo) per una data intensita, detta intensitt nominale. Se questa intensit’ & inferiore a 1A e superiore a 1 mA, il gal- vanometro si chiama « miltiampe- rometro ». Se & inferiore a 1 mA, si dice che si tratta di un « micro- amperometro ». In generale, per un telaio nor- male, & raro che ovcorrano piit di 50 mA per deviare il telaio a fon- do (cid corrisponde poche spire di_un filo piuttasto grosso e con spire abbastanza « rare »). D'altra parte, & difficile fare in modo che il telaio ruoti completamente per meno di 5 yA (si tratta di un te- Iai o bobina con filo molto sotti- le, circa 0,04 mm, € di spirali a coppia di richiamo molto debole). Si-arriva tuttavia a dei galvano- stezza adeguata con una sensibili- 12 nominale di 1 yA. Pid spesso un galvanometro a telaio ha una intesit& nominale compresa tra 50 wAe 10 mA. Citeremo tuttavia qui i modelli speciali da laboratorio. Essi_ im- piegano un telaio che viene ripor- tato nella sua posizione non da una spirale ma da un tungo filo di torsione. In luogo dell’ago essi utilizzano il raggio riflesso da un piccolo specchio solidale al tela- io (ci si guadagna, poiché per una rotazione di un certo angolo del telaio, il raggio riflesso ruota di un angolo doppio). Con delle ca- lamite molto potenti, ¢ con telai awvolti con filo molto sottile, si arriva anche ad appareechi che consentono di rilevare il nanoam- pere (1 miflesimo di microampe- re). Ma, in generale, apparecchi del genere non sono trasportabili; es- si esigono tempi di Tettura molto unghie non possono essere usati che in condizioni molto difficili da realizzare. Per i modelli classici ad ago, si prevede generalmente la forza del- la calamita e il numero di spire del telaio in modo tale che Ia de- viazione totale sia ottenuta, in partenza, per una intensita di po- co inferiore a quella nominale. Si riduce allora ta sensibilita del gal- yanometro per mezzo di uno «shunt magnetico », ossia un e Jemento in ferro dolce, che si pud regolare ¢ che fa passare una par- te del campo magnetico della ca- lamita direttameme da Pia Ps senza passare dai traferri, Si arri- va cosi ad ottenere una deviazione data per un’intensit’ preventiva- mente scelta. Secondo la «classe » dell'appa- recchio (vale a dire, secondo. il grado di precisione garantito) si procede alla graduazione del qua- drante 0 soala partendo da un mo- dello (e sperando che tutti gli ap- parecchi della stessa serie abbiano Ia stessa legge di rotazione del te- laio in funzione dell’intensit’), op- pure si ricercano sulla scala i pu ti corrispondenti alle diverse i tonsil che sono, ad esempio, pari 0,1; 0,2; 0,5... 0,8; 0,9 volte Tin. tensita nominal: si fa in questo caso una taratura «su misura », ossia pitt precisa. Una volta in possesso di un dato galvanometro, non si pud aumen- tame la sensibilita (vale a dire ri- durre Tintensita nominale) a me- no di non fare appello ad un siste- ma elettronico amplificatore di corrente. Per contro, ? abbastan- za facile ridurne Ja sensibilit’, ¢ cid. pud essere indispensabile ‘se si deve misurare una intensiti su- periore @ quella nominale. Facciamo subito un esempio nu- merico. Poniamo il caso di un gal- vanometro con sensibilit’ nomina- Je di 100 yA, per mezzo del qua- Je vogliamo misurare un’intensit’ Struttura classica di un galvanometro a telaio 0 a bobina ‘mobile: la calamita invia il suo campo magnetico per mezzo delle espansioni polari P, e P,, i! campo rinforzato dall'elemento cilindrico Pr il telaio, riportato in posizione per mezzo della molla a spirale S, passa nel traferro. Ij telaio & munito di un ago A. di circa 700 yA. Abbiamo dun- que bisogno di ridurre la sua sen- ibilita di un rapporto di 10, ad esempio. Cercheremo dunque di far pas- sare il 10% della corrente da mi- surare nel telaio del galvanometro € il 90% della corrente per un’al- tra strada. Ci arriveremo facilme: te grazie alle risorse della legge di Ohm. Supponendo che il. nostro galvanometro abbia un telaio la cui resistenza sia di 810 ohm, ba- stera inserire una resistenza R di valore 9 volte pitt debole di quel- la del telaio (ossia 90 ohm) in pa- rallelo a quest'ultimo. Dato che a- yremo la stessa tensione ai mor- setti della resistenza Re del te- aio, nella resistenza passer una intensita 9 volte maggiore che non nel telaio. L’intensita del telaio sa- ri pari ad «i», quella che passa in R sara di «9 », ossia, in tota- le, per il conduttore che’ porta la corrente passerd un’intensita IT=i+9= 10: Quindi, grazie alla presenza di R, il 10% della corrente da mi- surare passera nel telaio del gal- vanometro e il 90% della corren- te passera nella resistenza R. La resistenza R rappresenta una deri vazione per il 90% della corrente totale. Poiché « derivazione » in ingle- se si dice «shunt », chiameremo «shunt» questa resistenza che, messa in parallelo col galvanome- tro, ne riduce la sensibilita di un certo rapporto prefissato, Liinsieme del galvanometro e dello shunt di 90 ohm rappresen- ta Pequivalente di un apparecchio di misura avente un’intensita no- minale di 1 mA (dieci volte quella del galvanometro propriamente detto). Si vede quindi che uno « Shunt 1/10 » (che riduce a 1/10 la sen- sibilita dell'insieme) ha una resi- stenza 9 volte minore di quella del telaio. Analogamente, uno shunt a 1/100, avra una resistenza 99 volte pit debole di quella del te- aio (in questo caso, quindi, si prenderebbe uno shunt di 8,18 ohm e il tutto darebbe luogo ‘ad un apparecchio con deviazione to- tale per 100 yA, ossia per 10 mA). In linea generale, uno shunt, alla ennesima (riducente la sensibilita del rapporto n) ha una resistenza Se si mette in parallelo con un galvanometro G una resistenza Ril cul valore 6 9 volte pid piccolo di quella di G, in R passora una corrente 9 volte maggiore che in G. Tale dispositivo si chiama shunt, Per i disegno a sinistra, RI = 810/9 = 90 ohm; G = 810 ‘ohm; per s'altro, G = 100A 810 ohm; Ai ohm; R2 = 081 ohm; RG = 8,18 ohm; Ré = 90 ohm. 0,081 Per misurare Ia differenza di potenziale V) tra i due punti A e B, si collegano i punti stessi con una resistenza R e si misura la corrente i che passa in R sotto l'influenza di V): @ cosi che s/ realizza un voltmetro. Con pitt resistenze diverse commutate in serie con @ per mezzo di un selettore k, si realiza un voltmetro a pid sensibilita, In questo caso, si tratta di un galvanometro da 200 wA; Ja resistenza totale per 1 V 8 di 5 kohm, per 5 V @ pari a 25 kohm; si tratta di un apparecchio classificato: «5000 ohm per volt ». Le resistenze 1 = 47 Kohm; R2 = 24,7 Kohm; R3 = 49,7 Kohm; ‘4 = 499,7 Koh. ‘Nel disegno a sinistra, sempre a proposito di resistenze, vediamo lo schema di principio per realizzare un ohmmetro, (n-1) volte pitt piccola di quella del_telaio. Concludendo, 1a qualita essen- ziale di un galvanometro a telaio, deve essere una buona sensibilit’ (una intensit’& nominale 1a pit de- bole possibile, nella misura in cui questa & compatibile con gli im- perativi di prezzo, di robustezza € di stabilita nel tempo). Si_potr’ sempre, con aiuto degli shunts, riportare la sensibilit ad un valo- re voluto. Un’altra qualita di un apparee- chio del genere sara anche di ave re una resistenza di telaio la pit ridotta possibile. Dato che si de ve far passare nel telaio la cor- rente da misurare {o una frazione nota di questa corrente, nel caso di impiego di uno shunt), occorre che Vapparecchio « disturbi » il meno possibile questo passaggio, ed abbia quindi una resistenza la i bassa possibile. Si potr’ tol- jerare una resistenza del telaio pit alta, al limite uguale, se il telaio ha ‘un‘intensita-nominale molto bassa. Una resistenza del telaio di 810 ohm per un microamperome- tro di 100 yA d’intensit& nomina- le, & relativamente di poco distur- 56 bo, ma se il telaio avesse una in- tensit& nominale di 10 mA, sareb- be preferibile che Ia sua resisten- za non superasse gli 8-10 ohm. esprime talvolta in cifre la qualita di un apparecchio di que- sto tipo, indicando la tensione che si trova ai morsetti del telaio quando in quest’ultimo passa la intensit’ nominale. Nel caso del nostro esempio (100 yA, 810 ohm), ai morsetti del telaio abbia- mo, per un’intensitd di 100 yA, una tensione pari a: 810 x 100 x 10-6 = 0.081 V (81 mV) A seconda delle qualita dei gal- vanometri a telaio, per le inten- sit2 nominali abituali (da 100 yA a5 mA) si trova una « caduta di tensione » che va dai 30 mV (ap- parecchi eccellenti) a 1 V (appa- recchi di qualita dubbia, da usa- re per misure d’intensit’ solo su dei circuiti alimentati da tensione relativamente elevata, ih cui una tensione parassita non disturba). Sullo stesso galvanometro, si pud pensare a commutare diversi shunts, ottenendo cosi un apparec- chio abbastanza universale, poiché ® possibile regolare la sensibilit2 in funzione del valore dell’intensi- ta da misurare. Riprendendo 'esempio del no- stro galvanometro da 100 yA, la cui resistenza del telaio ha un va- lore di 810 ohm, abbiamo visto che, con uno shunt di 90 ohm, Jo si trasforma in un milliampero- metro, con deviazione totale per 1 mA. Con uno shunt di 810/99 8,12 ohm si ottiene un apparec- chio con deviazione totale per 10 mA. Occorte uno shunt di 0,81 ‘ohm per arrivare ad un apparee- chio che ha una deviazione tota- le per 100 mA. Infine, se la resi- stenza dello shunt vale 0,081 ohm, il tutto di Iuogo a un amperome- tro che ha una deviazione totale per 1A (per gli shunts al millesi- mo o al decimillesimo non abbia- mo pitt preso delle resistenze 999 © 9999 volte pit) deboli di quelle del telaio in quanto la precisione di realizzazione non consente di andare cosi lontano nei decimali, per cui abbiamo preso degli shunts aventi_una resistenza 1000 volte © 10000 volte pid piccola di quel- la del telaio). Si potra munire to apparecchio di un insieme di shunts, con un commutatore che collega uno di essi in parallelo al telaio del galvanometro. Questa soluzione, valida per gli shunts di 9,18 ohm’ oppure di 90 ohm, non 2’molto indicata per lo shunt da 0,81 ohm ed @ disastrosa per lo shunt da 0,081 ohm: occorrereb- be infatti che il commutatore fos- se una meraviglia affinché la re- sistenza di contatto che egli risce in serie sia trascurabile ri- spetio a 0,081 ohm. Se, ad esem- pio, questa resistenza di contatto varia tra 0 € 0,01 ohm (cid che non sarebbe poi tanto male), si falsa la scala 1A nel rapporto’ da 0,081 a 0,091, ossia di pitt del 10%. Ricordiamo che la resisten- za di contatto di un commutato- re varia da una manovra all’altra in modo totalmente casuale ed imprevedibile, Si realizza quindi Ia commutazione degli shunts se- condo uno schema pit. complicato, che porta a dei valori di resisten- za nettamente pitt difficili da cal- colare, ma eliminando influenza di contatto sulla sensibilita dellin- sieme. Misuriamo le tensioni Il galyanometro a telaio ei per- mette dunque di misurare le in- tensit& con una gamma considere- vole di yalori, per un solo appa- recchio, grazie alla presenza degli shunts. Mac’ un’altra grandezza importante da misurare: la diffe- renza di potenziale tra due punti (tensione). Uno dei metodi pitt u- sati per realizzare questa misura- zione & il seguente: Si voglia conoscere la differen- za di potenziale u = V,— Vp tra due punti Ae B. La cosa @ possi- bile se si collegano questi punti con una resistenza di yalore R e misurando con un galvanometro Per quanto riguarda le resistenze si preferisce misurare la corrente che passa nella resistenza da misurare R disponendo sistematicamente in Serie con essa una resistenza ‘Tdi valore noto. In un primo tempo (a) si mettono in corto circuito i morsetti Ae Be si regola lo shunt di taratura T, In modo che i galvanometro devil fino ad un valore noto; in un secondo tempo (b), senza ritoccare Ia regolazione di T, si inserisce R tra Ae Be si osserva la nuova posizione dell'ago, che 8 ora solo funzione def rapporto i'l. G la corrente che passa in R sotto Vinfluenza di u. Bastera moltipli- care il valote di questa intensita i per R per ottenere u, come del re- sto dice la legge di Ohm (come faremmo senza di esse?). 1 tutto sara sistemato come in- dicato in figura, Conoscendo R, & possibile gra- duare direttamente il galvanome- tro G in volt. In_corrispondenza della graduazione i, si porta il va- lore Rxi,. Siano ad esempio, un galvanometro di sensibilit’ nomi- nale 200 A ed una resistenza R da 400 kohm, Avremo, in corri- spondenza della graduazione 200 (Corrispondente a 200 2A) la gra duazione 200 x 10-* x 400 x 10? = 80 (ossia 80 Volt). In generale, in un apparecchio del genere, non si tracciano pitt le graduazioni corrispondenti alle intensit&, ma si tracciano solo quelle di tensione. Nel caso del no- stro esempio, si cancelleranno sul- la seala le graduazioni in micro- ampere per tracciare solo la gra- duazione in volt, da 0 a 80. E’ cosi che si realizza un volt- metro. Se in uno stesso galvanometro si muta il valore in ohm della re- sistenza R, si varia la sensibilita dello strumento, cid che gli con- sente, impiegando diverse resisten- ze © un commutatore, di avere diverse scale. Prendiamo sempre il caso del nostro apparecchio a telaio da 200 WA di intensit’ nominale. Noi possiamo desiderare che esso si trasformi in un volimetro con de- viazione massima per 1V. Oppu- re, alfinché la tensione di 1V dia una corrente di 200 uA, ossia 2x 10-4 A, occorre che la resisten- za del circuito sia 1/2.10-4 = 5x 10? ohm ossia 5 kohm. E’ bene precisare che il valore di 5000 ohm deve corrispondere alla resistenza totale dell’apparec- chio, ossia alla resistenza di R in serie con G, aumentata della re- sistenza di G. Supponiamo, per chiarirci le idee, che 1a resistenza interna di telaio di G sia di 300 ohm (si trattera di un apparecchio da 60 mV ai morsetti per la de- viazione totale, vale a dire di un ottimo galvanometro). Occorrerd mettergli in serie una resistenza di 5000 — 300 = 4700 ohm. Se noi desideriamo una scala che corrisponda a 5V per la de- viazione totale, dovremo prevedi re una resistenza totale di 5/2.10— = 25.000 ohm, ossia una resisten- za di 25.000 — 300 = 24.700 ohm in serie col galvanometro. Per una scala che corrisponda a 10 V per la deviazione totale, occorrera una resistenza totale pa- ria 10/2:10~, che da 50.000 ohm, ossia una resistenza di 49.700 ohm in serie col telaio. Se ora Wesideriamo che la de- viazione totale si verifichi per una tensione di 100 V, la resistenza totale deve essere di 100/ 2.10-*, ossia 500.000 ohm, ¢ quindi una resistenza di 499.700 ohm (qui la correzione di 300 ohm & poco ne- cessaria, in quanto non rappre- senta che lo 0.15% della resisten- za totale). Un_apparecchio a quattro sen- sibilita (IV, 5V, 10 V, e 100 V) vert’ quindi realizzato come indi- cato in figura. Si vede che la resistenza tota- Je del nostro voltmetro, per una scala corrispondente ad una de- viazione totale di N volt & di N/2.104 58 il che equivale a dividere N per 2x10 0 di moltiplicare N per Vinverso di 2.10, ossia 1/2.10-+, che da. 5000. Abbiamo chiesto ad un ampe- rometro di disturbare il meno pos- sibile la grandezza che era inck- ricato di misurare. Dato infatti che & percorso dalla corrente di cui si yuole conoscere V'intensita, occor- re che abbia una resistenza inter- na Ia pitt piccola possibile. Per il voltmetro si verifica il contrario. Dato che esso effettua la misurazione di una differenza di potenziale consumando una cer- ta corrente, inferiore o uguale al- Vintensita nominale del_galvano- metro da cui & costituito, gli si chiede a sua volta di disturbare il meno possibile questa differen- za di potenziale. Oppure, consu- mando corrente, la disturba, poi- ché, come si & visto, ogni sorgen- te ha una sua resistenza interna. Si cerca quindi di fare in modo che questo consumo o assorbimen- to sia il minimo possibile. Si sce- gliera quindi un galvanometro molto sensibile per realizzare un voltmetro, ma nella scelta si sara limitati da considerazioni di possi- bilita tecniche, di prezzo e di ro- bustezza. Si potra quindi esprimere in ci fre la qualita di un voltmetro di- cendo: « apparecchio che assorbe meno di 200 yA», oppure « ap- parecchio che assorbe meno di 1 mA » se tale 8 Vintensiti nomina- le del galvanometro che ci & ser- vito per realizzare il voltmetro. Minore & questo assorbimento © consumo, e migliore & ’apparec- chio. Questo modo di definire la qualit’ del voltmetro non & quel- To che si usa correntemente. Si prefetisce esprimere a qualita di un apparecchio per mezzo di una grandezza tanto pitt elevata quan- to migliore & la qualit&. Non si prendera quindi Vintensita ma ma assorbita, ma il suo inverso. Abbiamo visto in precedenza che Vinverso di 2.10 (nel caso di un galyanometro da 200 1A) & 5.000. E’ precisamente il valore per il quale si deve moltiplicare la ten- sione cotrispondente alla devia- zione totale per avere la resisten- za totale: per una scala da 10 V, si trova 5000 x 10 = 50.000 ohm, per una scala da 1V, si trova 5000x 1 = 5000 ohm, questo il motivo per cui si dice che ’apparecchio in questio- ne ha una resistenza di 5.000 «ohm per volt», sottointenden- do naturalmente che il termine «volt» si riferisce alla tensio- ne cortispondente alla deviazione totale. Pertanto, quando un voltmetro- hha diverse sensibilita, ed ha, ad e- sempio, 10 kohm/V, e viene mes- so su una sensibilitd di 30V, la sua resistenza & di 30 x 10.000 = 300.000 ohm Insistiamo un poco st questo punto. Se venisse posta la doman- da «Se un volimetro da 5000 ohm/V indica 7 Volt, quale & la sua resistenza? », occorrerebbe a~ vere il coraggio di rispondere « La domanda ® stupida. II valore let- to non serve per conoscere Ia re- sistenza, perché quest'ultima non. varia, ovviamente, a secondo de- gli spostamenti dell’ago. Conta so- To il valore della scala di misura. Se il voltmetro indica 7 Volt, cid significa solo che lo si impiega su una scala corrispondente ad una deviazione totale superiore a 7 Volt ». CONTINUA A PAGINA 79 ECCO il nuovo tester + Formato tascabile (130 x 105 x 35 mm) + Custodia e gruppo mobile antiurto + Galvanometro a magnete centrale Angolo di deflessione 110° - Cl. 15 + Sensibilita 20 kQ/V= ~ 50 k/V= ~ 1 MQ/V= + Precisione AV = 2% - AV~ 3% + VERSIONE USI con‘iniettore di segnali 1 kHz - 500 MHz segnale ¢ modulato in fase, amplitudine e frequenza + Semplicita nellimpiego: tT commutatore e 1 deviatore + Componenent tedeschi di alta precisione + Apparecchi completi di astuccio e puntali RIPARARE IL TESTER = DO IT YOURSELF I primo @ unico apparecchio sul mercato composte ai 4 element! Gi semplicissimo assemolaggio Grrumento, pannello, piasra cir cuito stampato e scatola) In caso i guasto basta un giravite per ssosttuire il componente difetoso. TESTER 20 20 kaVer TESTER 20 USD 20 kO/Ve V = 100 mV 1 KV GO KV) / V~ 10. V1 kV 0 yA IDAY Am 3 mA..10 A, 9.0.60 "10 Ma /'dB -10" +617 uF 100 nF 100 pF Caduta di tensione S0yA = 100 mV, 10. * 500 mV TESTER 50 50 ka/ Var TESTER 50 (USD 50 kaV= Y = 150 mV 1 kV 6 KV - 30 KV / V~ 10. V_1 KV KV A=20uA. 3A A~SmA3A 050 "10 May dB ~ 10-461 / uF 100 nF - 100 uF Caduta di tensione 20 yA = 150 mV /3.A'= 750 mV MISELCO IN EUROPA GERMANIA. Jean Amato - Geretsried OLANDA. Teragram = Maara BELGIO. — Arabel ~ Bruxelles SVIZZERA: Bunechard AG ~ Basel AUSTRIA. Franz Krammer~ Wien DANIMARCA, SVEZIA. Dansk Radio - Kopenhagen NORVEGiA. FRANCIA’ Franclair - Paris MISELCO NEL MONDO iu di 25 impotator!@ agent nel mondo reba as 88e LCO MISELCO Snc., VIA MONTE GRAPPA 94, 31050 BARBISANO TV ELECTRONIC ELECTRONIC (USD V=3mV.1 KV GRV~30KV,V~ 3 mV_ 1 kV KV A=TUATA Amt yA TA @05 & 100 Ma / 48 "70 | H81/yF 50 nF 1000 pF Caduta ditensione 1-1 A= 3 mV. ELECTROTESTER 20 k/Vax per leletronico € per lelerncista APS 00 mvt KY (90 KV), V~10.V1 kV A=50 uh. 30A A~ 3 mA_30.A, 9.05 0°. Ma / 38-10" 61 / pF 100 nF ~ 1000 pF Cercafase & prova cveut MISELCO IN TALIA LOMBARDIA - TRENTINO: Fl Dessy - Milano PIEMONTE, G'Vassalio Torino Liguia: G. Casio - Torino EMILIA-ROMAGNA. Dottor Enz0 Dall TOSCANA UMBRIA: renzo) LAZO: A’ Casal - Rome VENETO: E Mazzanti Pedova CAMPANIA.CALABAIA, A Pleci - Napoh PUGLIA.LUCANIA G Galentina ” Bari MARCHE-ABRZZO- MOLISE U Fecciolo = Ancona Rotore «Stolle» Mod. 2010 Corredato di comando automatico completamente tran: sistoriazato. Rotazione: 360° con fermo di fine corsa Velocita di rotazione: giro in 50sec Portata 25. kg, Momento torcente: 08 kgm Momento flettente: 30 kgm 1 palo fino. a'52 mm Accessori di fissagglo in acciaio inossidablle Alimentazione: 20 Ve. a NT/4aa0.00 Rotore «Stoller Mod. 2090 Corredato di comando automatico completamente tran- sistorlzzato, Rotazione 380° con fermo fine. corsa Velocta di rotazione: Tai in 00 sec Portata 25 ke Momento torcente 08 komm Momento Hottente 30 kgm palo fing a 32mm cessor di fissaggl0 In acciaio inossidabile, Alimentazione: 220 Vea. NT/4aso-00 IN VENDITA PRESSO TUTTE LE SEDI a CATANIA: Via Torino, 13 ACQUIST) GIANNI VECCHIETTI via L. Battistelli, 6/c 40122 BOLOGNA tel. 051/279600 Component! elettronici per uso Industriale e amatoriale Radictelefoni - CB - OM - Ponti radio - Alta fedelta, (LOMMANT COMMANT via Viotti, 9/11 43100 PARMA tel, 0521/27400 Antenne per telecomunicazio- ‘ni ~ alimentatori stabilizzati da 3a t0A lu ZETA ELETTRONICA via Lorenzo Lotto, 1 24100 BERGAMO tel. 035/222258 Amplificazione Hi-fi - stereofo- nia in kit @ montata RC ELETTRONICA via Laura Bassi, 28 40137 BOLOGNA, tel. 051/341590 Frequenzimetri digitali - costruzioni professionali STE s.r. elettronica telecom, via Maniago, 15 20134 MILANO. tel. 02/2157691 Produzione e vendita di appa- rati, moduli © componenti per telecomunicazioni - Rappresen- tanze estere ELETTRONICA CORNO ELETTRONICA CORNO via Col di Lana, & 20136 MILANO tel. 02/8358286 Materiale elettronico ~ elettro- meceanico - ventilatori - ali- mentatori stabilizzati Sigma Antenne SIGMA ANTENNE corso Garibaldi, 181 46100 MANTOVA tel. 0376/23657 Fabbrica antenne per: CB-OM nautica RADIOFORNITURE via Ranzani, 13/2 40127 BOLOGNA tel. 051/263527-279837 Componenti elettronici - radio- tv - HIFI - autoradio ed acces- sori ELETTROMECC. CALETTI Via Felicita Morandi, § 20127. MILANO. tel. 02/2827762-2809612 Produzione: * antenne_ CB-OM-NAUTICA * trafilati in vetroresina * componenti_ elettronici ELETTRONICA E.R. M. E. ELETTRONICA E.RM.EL, vla Corsico, 9 20144 MILANO tel. 02/8356286 Componenti elettronici per tut- te le applicazioni MIRO via Dagnini, 16/2 40137 BOLOGNA tel. 051/396083, Componenti elettronici CQUIST, EN CEA via Majocchi 8 20123 MILANO tel. 02/2715767 Amplificatori lineari CB @ ali- mentatori stabilizzati Telstar ssiirtariion TELSTAR Radiotelevision Via Globertl, 37/4 10128 TORINO tel. 011/545587-531832 ‘Componenti elettronici - Anten- ne ~ Ricetrasmettitori - Appa- recchiature professionali = Quarzi tutte le frequenze, OTTAVIANI M. B. OTTAVIANI MB. via Marruota, 86 51018 MONTECATINI T. (PT) Selezione de! surplus ZETAGI Via Silvio Peltico 20040 CAPONAGO (MI) Tel. 02/9586378 Produzione alimentatori ed ac- cessor OM-CB elettronica ambrosiana ELETTRONICA AMBROSIANA via Cuzzi, 4 20155 MILANO tel, 02/961282 Componenti elettronici per Ra- dio-Tv - Radioamatori TRONICA LABRONICA ELETTRONICA LABRONICA via G. Garibaldi, 200 57100 LIVORNO tel. 0586/408619 Materiali didattici - industriali = radioamatori - cb PMM seit Casella Postale 100 17031 ALBENGA (SV) tel. 0182/52860-570346 Ricetrasmettitori ed accessori 27-144-28/30 MHz OPTICAL ELECTRONICS INTERNATIONAL OPTICAL ELECTRONICS INTERNATIONAL via GM. Scotti, 34 24100 BERGAMO tel. 035/221105 Strumenti ed articoli_ottici - Bussole di ogni tipo - Strumen- ti nautici (ZL ID ELECTRONICS Arn LU Xo G.R. ELECTRONICS vla Roma, 116 - C.P. 390 87100 LIVORNO tel. 0586 /806020 Componenti elettronici ¢ stru- mentazioni LABORATOR! ELETTRONIC Prof. Silvano Giannoni SILVANO GIANNONI via G. Lami, 3 56029 S. CROCE SULL'ARNO (PI) = tel. 0871 /30696 Materiale surplus in genere ~ er qualsiasi tipo di apparec- chiature particolari e speciali = telefonateci vi aspettiamo a tutte le flere via Novara, 2 19031 BIELLA tel. 018/34740 Accessori CB-OM iG AOSET MICROSET via A. Peruch, 64 33077 SACILE (PN) tel. 0494/72459 Alimentatori stabilizzati fino a 15 A - lineari e filtri anti distur- bo per mezzi mobili EUFRATE EUFRATE via XXV Aprile, 11 16012 BUSALLA (GE) tel. o10/932784 Costruzione alimentatori stabi- lizzati da 25A-5A-8A- ‘commutator! manuall d'antenna = contenitori metallici per mon- taggi sperimentali LANZONI vla Comelico, 10 20135 MILANO tel, 02/544744-589075 Oltre 22.000 articoli OM CB - catalogo omaggio a richiesta OnveritRoONI: @ srmomenss ovorraus pigrtRonic Provincial, 59 22038 TAVERNERIO (CO) tel. 031/427076-426509 Strumenti digitall TODARO & KOWALSKY TODARO & KOWALSKY Via Orti di Trastevere, 84 00153 ROMA Materiale elettronico - mate- Fiale per CB e OM - telefonia via Mura Portuense, 8 00153 ROMA tel. 06/5806157 Motori - Cavi - Meccanica ece, ELETTRONICA PROFESSIONALE via XXIX Settembre, 14 60100 ANCONA tel, 071/28312 Radioamatori - componenti e- lettronici in generale + Tutto per gli OM edi CB esigenti Laboratorio. assistenza tecnica Saet- Via Lazzareto 7 Milano -tel 65.23.06 distributore: PLAY KITS MARCUCCL... via f.|li Bronzetti, 37 20129 MILANO tel 02/7386051 Ro Laraverre Radiotelefoni ed accessor CB - apparati per radioamatori e componenti elettronici e prodotti per alta fedelta PER QUESTA PUBBLICITA’ RIVOLGERS! ALLA: PUBLIKOMPASS DIVISIONE PERIODIC! Via Visc. di Modrone, 38 20122 MILANO (ew) (3 Naver NOVA i 2 YO via Marsala, 7 cP, 040 20071 CASALPUSTERLENGO (Mi) = tel, 0377/84520 Apparecchiature per radioama- tori - quarzi per suddette © accessori - antenne - microfo- ni - rotori d'antenna mega MEGA ELETTRONICA via A. Meucci, 67 20128 MILANO tel. 02/2566850 Strumenti elettronici di misura e controll LINEAR SYSTEM, INC. IMPORTATORE ELECTRONICS SHOP CENTER IN VENDITA NEI MIGLIORI NEGOZI E DA MARCUCCI via Filli Bronzetti, 37 20129 MILANO ‘tel. 02/7386051 ACQuUIST) via Milano, 300 92024 CANICATTI (AG) tel. 0922/852045 - C.P. 8 Componenti per radioamatori @ CB - Apparati civili e terrestri LAUER ‘| (FD LAVIERI CANE econ, 345 FRANCO ANGOTTI via Nicola Serra, 56/60 85100 POTENZA 87100 COSENZA’ tel. 0971/23469 tel. 0984/34192 Radiotelefon! C.B. ed acct | sori Apparati per Radloam: Componenti elettronici - TLHLFLRadlo T.. - Autoradio Accessori - Radio - TV - = Registrator!. Tutto per | CB ELETTROACUSTICA VENETA ELETTROACUSTICA VENETA via Firenze, 98/40 36016 THIENE (VI) La tivista tel 0445/31904 specializzata in alta fedeita Comp. HI Fl - amplificazione - In tutte le edicole ‘componenti el. - casse acusti- che ~ stabilizzatori di tensione semplici e duale - libri tecnici gi equivalenze e dati (oS FRANCHI ee oS te a Lar) fem a ERT y 20131 MILANO CMR Ryd distribuiamo prodotti per l'elettronica delle seguent ditte: MULLARD-contenitori GANZERLI sistema Gi- spray speciali per l'elettronica della ditta KF france- se - guide estrattori per rack - zoccoli per integrati- collettori per schede - contraves binari - bit switches- cavita per allarme CL 8960 della ditta MULLARD - transistor - integrati logici e lineari - diodi - led - dissi- lori - casse acustiche - resistenze - condensatori rapanini e punte per circuiti stampati - kit per la rea- lizzazione di circuiti stampati - moduli per sintetizza- tori DS 15 Unita numerica da 1,5 pollici. Il BS 15 6 stato appositamente’ studiato per risolvere tutti i problemi lasciati insoluti © creati dai displays di piccole dimensioni, Ideale per tutti gli impieghi che richiedono una buona lettura a grandi distanze, quali machine utensil, segnapunti, strumentazioni, contapezzi, orologi ecc. Alla grande ed uniforme luminosita unisce un'esecuzione professionale con contatti dorati per il connettore. CARATTERISTICHE Ingresso: A BC D Alim.: + SV e ¥ 15V (60mA e 90mA) Blanking input / Ripple blanking output Ripple blanking input Punto decimale Dimensioni: 81 x 46 x 16 mm Dimensioni delle cifre: 38 x 29 mm Montato e collaud.: L. 13.800 (IVA inclusa) DS15A Versione del DS 15 per impieghi in circuiti multiplexer. Montato e collaud.: L. 11.500 (IVA inclusa) AMS ge L'ultimo nato della nostra famiglia di e ey amplificatori a circuiti integrati. Studiato per completare la gamma delle basse potenze, grazie alla elevata elasticita d'impiego, si presta egregiamente per tutte quelle applicazioni che richiedano piccole dimensioni, consumo modesto e notevole potenza. Trova infatti i suoi impieghi principali come modulatore, mangianastr, sintonizzatori, supercompatti ecc. CARATTERISTICHE Alimentazione: 7,5 + 18 Vee Pot. d'uscita max.: 4W eff, su 40 (dist. 0.5%) Impedenza d'uscita: da 4 a 160 Banda passante: 40 = 40000 Hz a - 3 dB Sensibilité regolabile: 15 ~ 200 mV tarata a 65 mV. Impiega: 1 circuito integrato pari a 18 transistori e 10 diodi Dimensioni: 60 x 45 x 34 mm Montato ¢ collaudato: L, 5.300 (IVA inclusa) GiANNi VECCHIETTI RIGeEDeTE cam eaTORS Grats 5 CATALOGO GENERALE 1976 Chiunque in passato abbia gia avuto rapporti di corrispondenza con la nostra ditta é pregato di NON FAR- NE RICHIESTA. Infatti a tutti i nominativi gia inseriti nel nostro casellario-indirizzi, verra inviato il cata- logo automaticamente e gratuitamente, auto Dispositivo che permette di far entrare in funzione il tergicristallo della vostra auto ad intervalli prestabiliti ed a tempo d'intervento programmabile. Fra i tanti accessori che in ge- CON L’INTEGRATO SULL'AUTOMOBILE, Temporizzatore per tergicristallo Lr 3a nere contraddistinguono le au- yi tomobili di «lusso » da quelle «normali » ci sono anche tutti quegli automatismi di tipo elet- tronico che vengono impiegati sempre con maggiore frequenza da costruttori automobilistici ¢ che sono di grande aiuto al gui- datore consentendogli di presta- re maggiore attenzione alla gui- da vera e propria della vettura. Questi dispositivi sono presen- ti solo su automobili di un cer- to prezzo e di una certa cilin- drata, automobili, che tra V’al- tro, in momenti’ di crisi eco- nomica dovrebbero essere abba- 66 stanza rare, ma pare invece che la nostra crisi viaggi su auto da 2000 e pitt c.c. dando cosi a tut- ti la netta impressione che sia un po’ una crisi a senso unico cioé che i soldi ci siano e scorrano nella solita direzione. 11 dispositivo che vi presentia- mo & un temporizzatore per ter- gictistallo regolabile che permet- te di fare entrare in funzione il tergicristallo della vostra auto- mobile a intervalli prestabiliti e con una durata di intervento an- ch’essa prestabilita. E’ un circui- to molto utile a tutti coloro che sono infastiditi dal movimento continuo delle spazzole del ter- gicristallo e che quando la piog- gia non ha una intensit’ tale da ichiederne un funzionamento i- ninterrotto preferiscono accende- re e spegnere il tergicristallo di- straendosi cosi, anche se solo momentaneamente, dalla guida. Questo circuito’ naturalmente pud avere anche altri impieghi non meno interessanti e utili per- ché un temporizzatore con le ca- ratteristiche descritte pud veni- re utilizzato per esempio, con- siderato il periodo, per accende- re e spegnere le luci dell’albero di Natale, oppure per comandare Vaccensione a intervalli regolari ¢ prestabiliti di un'insegna pub- blicitaria di un negozio. Infatti con questo circuito si ha anche la possibilita di regolare il tem- po in cui la scritta deve rimane- re accesa oltre alla frequenza dell'intermittenza. —Sfruttando questa caratteristica @ possibile realizzare anche un allarme per la vostra auto 0 per casa che ab- bia un suono caratteristico e in- confondibile perché potrete ot- tenere una modulazione del suo- no di una sirena o di un clacson di automobile giocando sulla possibilita di regolare la fre- quenza e la durata del periodo in cui Vallarme deve suonare. Infatti a chi abita in,citt& den- samente abitate con lunghe file di automobili parcheggiate lun- go i marciapiedi, e con una cer- Schema elettrico generale de! dispositive per il controllo della cadenza di spazzolamento del tergleristallo. L’unico elemento attivo del circulto ® Tintegrato NE 555. 67 ta percentuale di furti di auto- mobili sara capitato, magari in piena notte di essere svegliato bruscamente dal suono anonimo ¢ insistente di un clacson di una auto a cui & scattato I’antifurto e non sapere se si tratta della propria automobile e doversi al- zare ¢ vestire in tutta fretta e an- dare a controllare; conoscendo invece la modulazione caratteri- stica del vostro allarme saprete subito se si tratta della vostra au- to e in caso negativo potrete tranquillamente riaddormentar- vi. Vediamo ora di cosa si com- pone il nostro temporizzatore. Analisi del circuito HI circuito & costituito da po- chi e semplici elementi di cui il principale & Vintegrato NE 555 Questo & un circuito integrato molto versatile che ha diversi campi di impiego di cui i pid u- sati sono in genere quei circuiti che agiscono in funzione del tempo come temporizzatori, ge- neratori di onde quadre o di suoni, semplici organi clettroni- ci o circuiti per alimentatori ¢ tanti altri. Per capire il funzionamento di questo semplice circuito 8 be- ne dare un’occhiata alla struttu- ra interna semplificata dell’ele- mento che costituisce il cuore di questo temporizzatore: Vintegra- to NE 555. Possiamo pereid rappresenta- re il nostro integrato con due IL MONTAGGIO DEL TEMPORIZZATORE Componenti 1 Mohm pot. lineare 10 Kohm trimmer 10 Kohm trimmer 150 uF 16 VI elettr. 1N4001 oppure 1N914 = NE 555 oppure MC 1555 0 MC 1455, relais 12 V 110 ohm Jampadina 12 V 100 mA = interruttore a pulsante = interruttore fusibile 1A. Per il materiale I componenti adoperati per la costruzione dell’apparecchio sono elementi di facile reperi- bilita. La cifta orientativa ne- cessaria per Vacquisto delle patil corrisponde @ circa 5:000 ire. 68 transistor, un comparatore e due resistenze in modo da semplifi- care il circuito e riuscire a dare un'idea il pit possibile precisa, ma nello stesso tempo intuitiva, di come funzioni il nostro tem- porizzatore, I due resistori R1_e R2 for- mano un partitore di tensione sull’ingresso «a» del compara- tore che si trova cosi sempre ad una certa tensione, Molti si potranno chiedere: «Ma cos’ questo comparato- re? ». In poche parole possiamo considerarlo come un circuito che fa un confronto tra due ten- sioni che gli si applicano in in- gresso e di conseguenza di una certa tensione in uscita. Per esempio possiamo pensa- re di applicare in ingresso una tensione di un certo valore ¢ al- altro ingresso una tensione in- feriore alia precedente ¢ non a- vere nulla in uscita fintantoché Ja seconda tensione non raggiun- ge un valore uguale alla prima, @ questo punto potremo verific Spule nach MOTORINO CONTATTI uTitt RELE! Per [inserzione del dispositive in auto 8 bene attenersi allo. schema riportato; per altre applicazioni sara lo sperimentatore che trovera tuna funzionale utilizzazione dei contatti del relals. care che in uscita si ha tensione. Ritorniamo ora al nostro cit- cuito. Con la tensione presente sull'ingresso « a» del compara- tore, stabilita dalle resistenze R1 e R2, Puscita si trova a tensio- ne zero percid i due transistor TRI e TR2 sono in interdizione. Quando il condensatore C1 si carica, attraverso P1, P2 ¢ P3, la_tensione sullingresso « b» del comparatore raggiunge lo stesso valore presente sull’ingres- so «a» e all'uscita & possibile prelevare una tensione in grado di far entrare in conduzione i transistor TRL ¢ TR2. 11 transistor TR2 & cost per- corso da una corrente nella se- zione collettore-emettitore cor rente che percorrer’ anche la bobina di eccitazione del rel? provocandone V’entrata in fun- zione. I! diodo D1 ha to scopo di smorzare i piechi di ritorno che si verificano ai capi della bobi- na di eccitazione del relé e che se tornassero indietro al transi- 69 + pata CJ BATTERIA stor TR2 dellintegrato finireb- bero per metterlo fuori uso. Il transistor TR1 permette al condensatore C1, tramite P3 di scaricarsi con un tempo di sca- rica che dipende dal valore di P3. Scaricandosi il condensatore, la tensione sull’ingresso « b » del comparatore scende; quindi non si ha pit I'uguaglianza di tensio- ne sugli ingressi del comparato- re quindi sulla sua uscita non si ha pid tensione e di conseguen- zai due transistor TR1 e TR2 sono di nuovo in interdizione, il rel® si diseccita e il condensa- tore C1 non essendo piti connes- so a massa tramite TRI ripren- de a caricarsi. Si ripete cos) il ciclo. Tramite il potenziometro Pt @ possibile regolare la frequenza con cui deve entrare in funzione il tergicristallo mentre il poten- ziometro P3 permette di stabili- te per quanto tempo il rel deve restare eccitato e praticamente il Impiegando un commutatore ed alcuni resistori si possono programmare diverse basi dei tempi: nel disegno ecco fo schema di principio, REGOLATORE DI TENSIONE 12V. Schema elettrico di stabilizzatore di tensione da accoppiare + 12V.STAB CIRCUITO ‘eventualmente al temporizzatore. numero di passate del tergicri- stallo per ogni ciclo. Infine se, per qualunque mo- tivo si richiedesse una sola pas- sata del tergicristallo come per esempio il passaggio di una auto- “mobile che vi ha sporeato il ve- tro, @ sufliciente premere linter- ruttore a pulsante S1, collegato in parallelo a Pl, che lo cor- ita, e si ha cosi Ventrata in funzione del tergicristallo per un breve periodo di tempo e poi il circuito riprende a funzionare come al solito, I circuito va alimentato con una tensione continua di 12 volt percid potrd essere collegato di: rettamente alla batteria dell’au- tomobile 0, meglio ancora, per ottenere una maggiore stabilita di funzionamento del circuito, tramite un regolatore di tensio- ne da 12 volt e due condensatori elettrolitici da 470 uF 25 volt collegati in parallelo uno all’in- gresso © uno all’uscita del rego- latore. + R] RIR| RR Montaggio dei componenti La realizzazione pratica del temporizzatore non presenta al- cuna difficolti considerata la quantita dei componenti impie- gatie la semplicita del circuito, Consigliamo comunque di mon- tare i componenti su una baset- ta stampata di bachelite o in ve- troresina ottenendo cosi faciliti di montaggio e un circuito estre- mamente compatto e di dimen- sioni ridotte. Nello schema del cireuito stampato illustrato & sta- ta omessa la sistemazione del re- Ie poiché questo componente pud essere a pitt scambi o avere una differente dislocazione dei piedini da saldare al circuito. Sara percid vostro compito stu- diarne 1a sistemazione migliore sulla basetta in conformit’ alle dimensioni di ingombro del relé da voi impiegato. Nella scelta di questo compo- nente bisogna fare attenzione che la resistenza- in corrente con- tinua, cio’ la resistenza che si pud misurare con un ohmetro © con un tester, non sia inferio- re a 110 ohm perché in caso contrario si danneggerebbe l’inte- grato. Iniziando il rapido montaggio dei componenti ci troviamo su- ‘bito di fronte al_protagonista principale I'NE 555 che dovra essere trattato con ogni riguar- do non tanto per una strana for- ma di omaggio alle sue « funzio- nj vitali » che svolge in questo circuito, ma perehé, come tutti certamente saprete, i cirouiti in- tegrati sono termicamente deli- cati, nel senso che un eccessivo riscaldamento dei suoi terminali con la punta del saldatore al mo- mento del fissaggio sulla basetta ramata pud mandarlo fuori uso definitivamente. E” percid neces- sario effettuare le saldature con rapiditi facendo uso possibil- mente di un saldatore a punta fi- ne con una potenza di 15-20 W. SEGUE A PAGINA 80 L Elettronica — vi da una marcia in pill (qualunque si sia la vostra professione) eno - via Varesina 205 - 20156 MILANO - CEE 02-3086931 ‘OCCASIONISSIMATT VASTO ASSORTIMENTO DI MOS Buste contenente 25 resistenze ad alto wattaggio ds o-20u Osho PER STRUMENTI DIGITAL Transistor recupersti buon, control Confesione'da 100 {cemo) transistor 4.000 | MKC S062 conttore « quatro eihe 19300 Ventilator contrfught con diametro, merss ute | MKC 3017 orlogo con tlendaro” 22800 lissimi per raffreddare apparecchiature elettro- | Mb $0250 orologio @ 4 0 6 cifre con allarme niche ‘L. 6.000 L. 12.900 lore Ferree dose do un trot 2a Generatore ontecione manopole rand) 10 px. L. 4000 | MKS009 divisore di requenze diptale_L. 11.000 4d) Funsiont 8038 Contest manopele pesole 10 dx U. “400 | Sere Fie veobatorstbizza’ a fepsione tsa dent He ad ote 1 MH a eee eet 2500 ‘se? eno orrerre Serie T8M00 idem come sopra ma a tensione 05 A iO Beano 9) RESISTENZE - TRIMMER - CONDENSATOR! & 2000 Duty cycle 2 %+98% Busta 100 resistenze miste L500 ——_—___—— sinusoidale. Busta 10 trimmer misti L600 | Forniamo schemi di applicszione dei MOS pit: com- tet pietino 2) Busta 100 Condensetor DE L. 1300 | plcseravichesta a 1 ¥0 ogi. dist. 1% Busta 39 potenziometri doppi e semplici e con Freq. sweep, controllato | interuttore L220 —— — {Sal presi 9) +: 1000 Zecca) FND 70 L600 Componenti esterni ‘ATTENZIONE Zoccoli-FND 500, L 1500 nobessar + pacco GIGANTE materiale Zoceol pled L230 on pedi’ saat bs "380 vain 1047 -Vmex, 30. Zoccll point, 250 con pled Salas 4 resistenze ed un Surplus Kg. 1 a sole 6 pledin! L. 250 con piedinisfelseti L280 condensatore L. 4500 L. 2.000 (duemila) La ditta AZ @ in grado eR Clic Cm mura relativi ai prospetti Flee MONIC Microscopia a modulazione emissione da 80-110 Mz. L’eccellente rendimento e la lunga autonomia, con le ri- dotissime dimensioni fanno in modo che se nascosto opportunamente pud captare e trasmette qualsia: suono 0 voce. requenza con gamma di Penne per la preparazione dei circulti stampati L. 3.300 10 striscie L. 1.500 KIT per la preparazione di circuiti stampati col al rotolo L. 1.500 metodo della fotoincisione (1 flacone fotoresit) (1 flacone di developer + istruzioni per I'uso) L. 9.000 KIT per la preparazione dei circuiti stampati com: prensivo di 4 piastre laminato fenolico 1 inchiostro protettivo autosaldante con conta- gocce 500 cc acido concentrato + pennino da normograto t portapenne in plastica per detto istruzioni allegate per l'uso L. 3.000 Vetronite doppia facia L. 2500 al kg Richiedeteci i cataloghi Mecanorma e listini Petey ajwcio | Buty Sui cna mparcen | Silent stn toma fora 0 aso pofonie ‘Stabilita. 0.005% x°C asso] GEL otaimate aio romaimente basse T="SmA max (esclusa fuscite) A, 4.200 ee ee eee L480 U'ss00 ° Cavo RGSB L150 Ampolie reed EMCO Non disponiamo del catalogo Grande _assortimento: aor mc ccondenseiori, ecc. novita Motoriduttori per casi « speciali » Nell’ambito del programma di motori, ventilatori, il Gruppo Eu- ropeo Componenti della ITT pre- senta motori asincroni a conden- satore ed a poli staccati nonché motoriduttori. Oltre alla’ «serie di prodotti standard » la gamma comprende una molteplicita di esecuzioni spe- ciali destinate a soddisfare le esigenze dei singoli casi di im- £0. Fra i motori della ITT (poten- za da 0,1 a 50 W) il cliente ha la possibilita di scegtiere quelli che tispondono alle proprie esigenze di carico meccanico, sollecitazio- ne termica, resistenza alla corro- sione, manutenzione durevole, si lenziosita di funzionamento, ec Nell’ambito della gamma di ro- tismi - rotismi dentati cilindrici in carcassa pressofusa o in costru- zione a platina - scegliendo ade- guatamente il rapporto di trasmis- sione, la necessaria copia tor- cente, il materiale delle ruote den- tate, i materiali degli alberi, il tipo di supporto e la lubrificazio- ne, il cliente pud tener conto del- le sue pitt diverse esigenze. Gli integrati nelle macchine da cucire La pitt recente macchina per cu- cire per uso domestico presenta. ta dalla Singer negli Stati Uni- ti, mod. Athena 2000, & coman- data elettronicamente da un si- stema MOS/LSI prodotto per la Singer dalla AMI Microsystems Progettato ¢ realizzato in ba- se alle specifiche indicate dalla Singer, il modulo AMI funzio- na in combinazione con interrut- tori a contatto manuale (touch switch) © sostituisce fino a 350 pezzi meccanici, comprese Ie e- vee le manopole convenzional- mente usate per la selezione del- le varie funzioni deila macchina, La scelta del modo di impun: tire per esempio, & effettuata in modo semplice tocando il con- quindi le opportu- detla machina ven- gono controllate dal sistema di comando MOS. Questo dispositive consente an- che la cucitura di un particolare tipo di ordito in base a un mo- dello prescelto, eseguito il quale Ja macchina si arresta automati- camente. Analogamente, il modulo AMI provoca V'adattamento della mac- china in funzione della lunghezza € della larghezza del punto pre- scolto, nonché del. tessuto. Questo sviluppo segue a ruota la produzione della AMI di un. si stema di comando MOS/LSI nel- la recentissima cucina economica elettronica della Frigidaire e sot- tolinea il crescente impiego della tecnologia elettronica nei merca- ti degli elettrodomestici. MICROELABORATORE MOTOROLA Hay 73 novita Darlington in contenitore plastico La SGS-ATES ha annunciato une nuova gamma di transistori_ dar- ington di potenza progettati per applicazioni nel settore civile ed industriale. Tutti i darlington presentati so- no disponibili in entrambe le po- larita NPN e PNP e sono previ- sti tipi_con una estesa gamma di tensioni fino a 100V. I due pid affermati contenito- ri plastici per dispositivi di po- tenza sono impiegati: TO 126 (SOT 32) per la serie da 44 ¢ TO 220 (Versawatt) per la serie da BA, Oltre al vantaggio della sem- plicita, ormai riconosciuta, del transistore darlington —utilizzat negli stadi di potenza, per tutti nuovi dispositivi presentati_ sono offerte caratteristiche elettriche e garanzie che tisolvono notevoli problemi circuitali: area di sicu- rezza specificata per ogni tipo; il massimo grado di affidabilita e di stabiliti con Vimpiego di pia- strine monolitiche; diodo di pro- tezione per le correnti inverse. Le caratteristiche illustrate fan- no dei darlington SGS-ATES al- cuni dei dispositivi pitt idonei per Te applicazioni di potenza come pilota con carichi induttivi (es. relé, elettrovalvole, martelletti di stampanti, ecc.) risolvendo cor temporaneamente il problema di ridutre la densit’& dei componenti nel circuito, Riportiamo di seguito le sigle di alcuni di questi nuovi semicon- duttori: BD675A; BD676A;_ BD 677; _BD678; BDX53; BDX5 BDX53A; BDXS4A. | relais per alta fedelta I componenti_ professionali, fra i quali ricordiamo Ia fami- glia di rele PZ della ITT, non vengono impiegati solo ‘nella tecnica di misura e di regola- zione, ma anche in apparecchi di alto pregio della elettronica professionale audio, 1 moderni componenti elet- tromeccanici per la commuta- zione e il comando nella tec- nica delle correnti deboli de- vono rispondere a severe nor- me per quanto riguarda ad e- sempio la minima eccitazione di attrazione, T'elevata sicurez za di commutazione, la. res stenza alle elevate temperatu- re ete. D’altro canto anche nella tec- nica dell’elettronica audio val- gono le stesse esigenze: dimen- sioni pitt contenute possi saldabilit&diretta in. cirouiti stampati, targa insensibilit’ al- le sollecitazioni meccaniche. Un tipico caso di impiego per il PZ-4 sono i registratori a nastro Revox e gli impianti per studio della dita Studer. 14 Nuovo nato nella famiglia MECL La famiglia MECL 10K (La lo- gica detta ad emettitori accoppiati di tipo 10.000 della Motorola) sta rapidamente diventando la prima scelta di tutte le applicazioni di circuiti logici ad alta velocita. Per mantenersi_ all’avanguardia nel campo dei dispositivi logici ultra-veloci, la Motorola tiene in continuo sviluppo la linea dei spositivi a MECL 10K. Infatti uno dei pid recenti sviluppi in tale senso & rappresentato dalla serie completa di dispositivi a microelaboratori a MECL 10K de- nominata MC10.800, L’ultima ag- giunta alla serie MECL 10K della Motorola @ ’MC10.198L, un cir- cuito_multivibratore _monostabile «retriggerabile » molto veloce ¢ molto versatile. L'impulso trigger dingresso pud essere applicato ad uno det due ingressi. I primo commuta il monostabile attraverso un trigger di Schmidt interno che forma lo impulso d'ingresso e fornisce un impulso trigger verso uscita due; questa « by passa» il trigger di Schmidt dimezzando praticamen- te il tempo di ritardo di propaga- tione interna. Telecamere per colore Con il termine Interplex 1a Sie- mens ha definito una nuova te- lecamera a colori con tubo ad e- splorazione a fasce parallele in grado di mantenere costante la qualita. di riproduzione del colo- ree di ottenere una risoluzione elevata. Tutto il sistema @ costi- tuito da una telecamera compatta con tubo ad esplorazione a fasce parallele e da un decoder che con- verte i segnali PAL in informazio- ni cromatiche fornite sotto forma di strutture Jineari. La telecamera a colori monotubo sistema Inter- plex impiega un filtro ottico a fa- sve colorate di nuovo tipo. Rispet- to ad una comune teleoamera a co- lori a tre tubi, il partitore di colore che scompone I'immagine prove- niente dall’obieltivo nei canali ros- so, verde e blu, 2 integrato nel tubo Interplex. " Questa innova- zione ha consentito di miniaturiz- zare ulteriormente la telecamera e di rinunciare anche a qui spositivi supplementari per la so- veapposizione dei colori la cui re- con il sistema a tre tubi. Le infor- mazioni fornite dal tubo di ripre- sa della telecamera sotto forma di strutture a fasce nella banda di 4.45 MHz vengono convertite in segnali PAL tramite un deco- der equipaggiato con sistemi di filtei a pettine e circuiti elettroni- ci. 1 singoli spetiri di frequenza delle informazioni a colori e in bianco e nero vengono separati daj filtri a pettine. In questo ca- 50 le finee dello spettro dei can: video yengono scomposte in in- formazioni cromatiche (crominan- za) ¢ in informazioni di brillanza © luminosith (luminanza). Altri cireuiti elettronici servono a sop- primere sia interferenze delle com- ponenti di luminanza ad alta fre- quenza presenti nel canale di cro- minanza (soppressione cross-colo- re) sia interferenze in direzione in- versa (soppressione cross-luminan- za). I singoli segnali cromatici ven- gono elaborati, senza perdita di informazioni, mantenendo costan- te la qualit’ della riproduzione € Tuniformita del colore © possono venire inviati ad un qualsiasi cevitore come segnali cromatici in codice PAL. Il decoder serve inol- tre alla correzione orizzontale e verticale dell’apertura e all’addi- zione o sottrazione delle compo- nenti blu, verdi, (matrici) dei diversi segnali cro- matici. AlV’interno del sistema In- terplex & stata stabilita una in- terfaccia standardizzata per il se- gnale ctomatico codificato fornito dal tubo di ripresa della teleca- mera (segnale multiplex). La tele- camera a colori monotubo pud essere equipaggiata oltre che con tin tubo a fesee a silicio (Vidikon Interplex tipo XQ 1365) anche con un tubo a fasce all’antimonio trisolfato (Vidikon con filtro a fa- sce integrato tipo XQ 1360). Il tubo a fasce al silicio, realizzato dalla Siemens, & molto sensibile alla luce, presenta una inerzia bassa ed ha caratteristiche ad an- damento linear, Quando il tubo funziona con il rosso-verde-blu (funzionamento RGB) & possibile ottenere una risoluzione fino a circa 6 MHz; col funzionamento PAL la risoluzione 2 completa. TI segnale multiplex proveniente dalla telecamera & compatibile e pud essere visualizzato anche su tun monitor in bianco e nero. Con Vausilio dellinterfaccia _standar- dizzata si possono far funzion re parecchie telecamere tramite i decoder ed un commutatore. II segnale multiplex pud venire re- gistrato direttamente anche su vi- deoregistratori a colori, cosicché il decoder & necessario solo per Ia riproduzione. La nuova tele- ‘camera consente tra Valtro di rea lizzare impianti mobili di televi- sione a colori non pitt grandi di quelli in bianco nero. ‘Magati, a costi piti accettabili. 75 Radio MD 985 tIpo A Gamme di ricezione: AM-FM-MB1-MB2-SW1-SW2-AIR-PB2- we Potenza uscita: IW. Squelch © CAF Alimentazione 6 Ve.. oppure 220 Vea, 1 28,000 Radio MD 985 tipo B Gamme di ricezione: FM-AM-ATR-P81-PB2-UHF-WB Potenza uscita: 1 W. Squelch @ CAF Alimentazione: & Ve.c. ‘oppure 220 Ve.a. L. 45.000 Radio MD 985 tipo C Gamme ai ricezione: AN-FM-SW1-SW2-P5-MBI-MB2 Potenza uscita: + W. ‘Squelch e CAF Alimentazione: 6 Ve.c. ‘oppure 220 Ve.a. Cuttla_stereofonica: Mod. SH 2020 Archetto regolabile in acciaio Conirollo separato del volume Risposta di frequenza: 20/20,000 Hz Impedenza: 8 ohm lunghezza cavo 3 mt dlametro spinotto: & SPECIALE PERI TECNICI Lampada da laboratorio ‘con braccio snodabile 200 ire. OMe ester mC) OSL vendita per corrispondenza spedizione in contrassegno + spese post interpellatec! Vi risponderemo Trasmettitore PONY CB 78 ite = 23 canali ee, 1 ‘6.000 PACKING PRIMAVERA CB A L. 73.000 quarzati- Alimentazione: 6 V.c.c. con presa per alimentatore esterna Potenza uscita: 1 W Frequenza risposta: 100-8000 Hz LL. 16.000 ‘Trasmettitore FM Earth Massima potenza: 600 m. Frequenza: 88 + 108 MH ‘Alimentazione: 9 V.c.c. L. 5.500 Calootatrice: Imperial Simplex 8 cifre - compie operazioni matematiche - algebrich percentuale - costante automatica - virgola fluttvante y Alimentazione 6 V.ce. (presa alimentazione estemna L 18,000 perazion! matematiche = algebriche - percentuale - costante automatica - virgola fluttuante - radice quadrata ~ negativa Alimeatazione: 6 V.cc. (presa alimentazione esterna) 1, 21.000 memoria. positiva ali = indicatore S/RF-completo di microfono- potenza stadio finale 5W +1 Alimentatore stabilizzato126V 2A+ 1 Antenna da auto caricata con stub di taratura ‘Aspiratore per dissaldare con punta in teflon L. 6.900 IL PACCO COMPLETO. DEI 3 ARTICOLI L. 18.000 PICCOL ANNUN T VENDO chitarra elettrica Yamaha in oitimo stato L. 100.000; oppure cam- bio con baracchino CB SW 23Ch, funzionante, Mauro Tulli Via XIV Giugno 9, Spoleto. CERCO oscillatore modulato per AM ¢ FM, anche autocostruito ma con garanzia di funzionamento ed istru- Zioni per Puso. Fare offerte. Carlo Sambuco Largo M. Malpighi 17, Pe- rugia. CERCO tester a modico prezzo e gradirei in dono libri, riviste, schemi ‘© materiale elettronico. Fabio Scan- durra Via Pasubio 96/A, Siracusa. SI COSTRUISCONO su ordinazio- ne impianti di luci psichedeliche per complessi, discoteche © privati; mi- xer fino a dieci ingressi; amplifica tori da 10/100 W; inoltre piccoli progetti varia prezzi contenuti. Gi- lio Paride Via Giovanni XXIII n. 120, Ivrea. CEDO in buone condizioni le se- guenti valvole: raddrizzatrice, —pen- todo, pentodo bidiodo, convertitrice, tutte’ con i relativi zoccoli. Cedo inol tre @ L. 17.000 UK 525/C sintoniz- zatore VHF con inserito amplificato- re 15W UK 145. Oppure permato il tutto con efficientissimo Moog. Pier Angelo Corradi Via Trieste 1, Noceto. 15ENNE principiante, appassionato gradirebbe in dono 0 'a poco prezzo materiale, libri o un baracchino CB. Mario Russo Via Ierone T° n. 59, Siracusa, CERCO trasformatore di alimentazio- ne originale per ricevitore BC312 op- pure BC 342 anche bruciato purché completo di ogni sua parte ¢ sche- ma_con descrizione in italiano del medesimo ricevitore. Gianfranco Sa- turno, Telecomunicazioni FS, Chili- ‘vani-Sascari, VENDO CB RX ficatore ant. VFO; preampli ‘su Unica basetta L. Radio Elettronica pubblichera gratuitamente gli annunci dei lettori. I! testo, da scrivere chlaramente a machina o in stampatello (utilizzare if cedolino riprodotto nella pagina seguente), deve essere inviato a RadioElettronica ETL - via Visconti di Modrone, 38 - 20122 Milano, 25.000 (staccati L. 17,000, L. 3.000, L. 3.000); completo di AP, strumen: to, 1 canale quarzato, antifurto per auto (Notizie a richiesta) L. 10,000 in scatola con morsettiera; alimenta- tore per CB 8:17V 1,54 G TR) L. 10.000 (da _sperimentare); luci psi- chedeliche SCR 3 Ch 3x800 W_co- mandi vari L. 12,000; favoloso 30+ 30W sinus. HiFi L. 120.000 trattabili Nicola Maiellaro Via Turati 1, Bari ESEGUO montaggi elettronici in kit Si montano anche amplificatori_ Ii eari fino ad una potenza massima di 900W output. Franco Grisa Via S. Giorgio 9, Bergamo. 12ENNE appassionato gradirebbe ri- cevere in dono materiale elettronico, riviste, manuali, circuiti ecc. Fabio Bernasconi Via Morazzone 3, Como. CERCO acquirente enciclopedia 10 vol. Peruzzo L.. 80.000. Dispongo di trasformatori_ fino a 300W.. Dispon- 0 cassettini componibili L. 500 cad.; vendo francobolli. Lucia’ Baghifoli Via Dante 12, Bresso, VENDO paceo contenente oltre 500 componenti elettronici, 150 riviste di elettronica e fotografia, accensione e- lettronica, sirena (tester ICE, con- tagiri, 2 moduli logici con 200 com- ponenti vari, indicatore di tempera fura ece. L.’ 100.000. Vincenzo Sor bello Via Italia Pal. III, Gela, Cal tanissetta, ACQUISTO il ricevitore Bit_pubbli- cato su Radio Elettronica dicembre °74, funzionante e completo di tutto, escluso altoparlante. Cosimo Mele Viale Gramsci 14, Novoli, Lecce. VENDO alimentatore GBC 12V 2A ‘pitt Fieldmaster TR 16M con micro- Preamplificatore 5W 6Ch quarzati pit Ground Plane pitt cavo RG 58 25 m. pit palo 4 m. Il tutto @ L. 85.000 ‘trattabili. Stazione Giorgio, Box 144, Latina, VENDO radiomicrofoni PM 88-108 MHz, portata max 5 km., dimensio- ni 6x3 cm. estrema sensibilita. Com- pleto di caratteristiche L. 6.000 pitt spese postali, Carmine Cesario Via Parco del Pino 53/D, Vico Equen se, Napoli GIOVANI lettori gradirebbero in dono materiale elettronico di qual: sigsi tipo, usato, anche non ripara- bile. Rimborso spese di spedizione. Giuseppe Romano Via Andreina 16, Anzio, Roma. CERCO, a pagamento, gli schemi pratici €d istruzioni per l'uso, del- Voscillatore modulato mod. 412’e del provavalvole della S.R.E. Domenico Catania Vie Vela 2, Ponte Chiasso, Como. CERCO da seria ditta lavori a do- micilio di piccoli montaggielettro- nici. Luigi Fusé Via della Battaglia 25, Parabiago, Milano, CERCO schema di un amplificatore ineare per i 27 MHz con transistor reperibili (anche valvole) in cam- bio di altrettanti schemi purché re- peribili, Andrea Milani Via F, Mar- zolo 13, Padova, VENDO riviste di elettronica dal 1962 in poi come nuove. Vendo in blocco a meta prezzo di copertina. Tratto solo. con Roma, Tel. 724675 Giuseppe Garcea Via Basiliolo 25, Roma. CERCO urgentemente tastiera con contatti perfettamente funzionanti, Vendo inoltre UK 275, microfono a due impedenze, Emperador; pedale distorsore; volume Meazzi, rispetti- vamente a L. 4.000, 10.000, 10.000. Paolo Latella Via Sott’argine Calopi- nace 1/A, Reggio Calabria, SVENDO vario materiale ¢ apparee- chiature elettroniche pit) riviste schemi, Chiedere elenco unendo. L. 200 in Trancobolli. Paolo Masala §. Saturnino 103, Cagliari 77 TESTO INSERZIONE (compilare in stampatello) Si invitano i lettor! ad ut lizzare il presente tagliando inviando i testo dellinser- zione, compilato in stampa- tello,'a RadioElettronica ETL = via’ Visconti di Modrone, 38 20122 Milano, VENDO giradischi Garrard con ba- se mod. 60B completo di testina ma- gnetica per sole L, 60.000 trattabili Oppure cambio con amplificatore per basso con cassa. Giorgio Pinna Via Repubblica 21, Villacidro, Cagliari. VENDO tester L. 10,000; oscillatore L. 15.000; filtro audio BF L. 6.000; alimentatore stabilizzato 9V L._ 6.500; luci psichedeliche 3x1300W L.. 28,000; alimentatore stabilizzato 635 V-3A L. 30.000; modulatore 12W-UK845 L. 10.000; preamplificatore ant. 27 MHz L. 7.000; oscillofono per codi ce Morse L. 4.000; pacchi materia Te L.5.000; lineare SOW out L., 60.000. Antonio Macioca Via Valcatoio 8, Isola Livi. VENDO a L. 90.000 amplificatore Hirtel mod. 240 Skit potenza di u scita su 8 ohm da 20 a 20.000 Hz 404-40WRMS, distorsione alla max potenza 0,35% risposta in frequenza da 20 a 40.000 Hz. Altri dati a ri chiesta. Taglietti Giuseppe Via S. F. D'Assisi 5 » Brescia CAMBIO 5 potenziometri, 1 conden- satore ad aria, | altopariante, 5 ri viste di Radiorama, 8 riviste di elet- tronica. con ‘Tester’ Ice funzionante con istruzioni. Caligaris Franco Via S. Sebastiano 14 - Laigueglia, ESEGUO per seria ditta_ montaggi su cireuiti stampati (a domicilio). Maruggi Angelo Via Ovidio 14 sc. Cologno Monzese. CERCO ricetrasmittente 3 canali 15 W con antenna automatica possibil- mente con culffia, Prezzo bassissimo 0 a rate. Quadrelli Roberto Viale Cre- mona 63 - Pavia, VENDESI discreto quantitative ma- teriale Lima; automodellini, costru- zioni Lego con due mototi, bigliardi- no, soldatini atlantic con’ accessori. Il tutto anche separatamente e a me- (@ prezzo. Edilio Senatore Via Ca- ravaglios - Parco Bausano - Napoli. 78 APPASSIONATO di elettronica gra- direbbe in dono materiale vario clet- tronico, Federico Titomanlio Via C. Pascarella 6 Tel, 402267 - Terni, CERCO oscilloscopio _funzionante con istruzioni. Darei in cambio, 0 vendo a parte, minicalcolatore Casio (L, 4.500) pitt alimentatore_stabiliz~ zaio (UK645 L. 15.000) nuovo. Op- pure pago piccola cifra. Filippo Ca- toggio viale N. Fornelli 7 - Napoli CERCO discreto ricevitore per rice- zione ad onde corte, Nunzio Mele Piazzale Fontana 1 Torre del Greco = Napoli. VENDO oscilloscopio Heath Kit fre- quenza da 10.4 500KHz in ottimo ste to L. 50.000 trattabili. Antenna dire- zionale per 27 MHz orizzontale, tre elementi Haiti per L. 20.000. Ground Plane L. 10,000. Ricetrans Allocchio Bacchini pit: alimentatore per detto L, 60.000. Tratto solo con Roma. Car- lo Sabatello Via Aurelia 429 Tel. 6227165 Roma. VENDO CB TXRX Nasa 25+ (val- volare) con antenna Star-Duster pith cavo. Il tutto tre mesi di vita. L. 170.000. Telefono 275079 Napoli CAMBIO Corso radiostereo (Blettea), amplificatore BF, registratore Geloso C257, giradischi “Philips, oscillato- re modulato, tester, Lux metro e al tzo con baracchino min 5W 25 Cho plastra cambiadischi semiprofessio- hale, Meneghel Marcello Via. Monte Pavione, 6 = 38050 Imer. CAMBIO annate di rivista di elettro- nica con un ricevitore 144 oppure con qualche altro ricevitore, Antonio Spara Via Malfitano 50 - Cagliari. CERCO al pitt presto corso usato di televisione della SRE, anche solo teo- ria. Inoltre cerco oscilloscopio e volt- metro elettronico SRE. I tutto al minor prezzo possibile, Vincenzo Sciuto Via Ala 61 - Catania, CERCO schema elettrico e anche montaggio di un alimentatore stabiliz- zato a transistor con uscita 40V 1-2A. Tratto solo con Torino e dintorni. ‘Marino Roberto Corso Vitt. Emanue- Je 52 - Torino. CERCO occasione di tubo DG732, ma in perfette condizioni. Giuseppe Meli P.O. Nox 162 - Palermo. CAMBIO TX microspia UK. 105/A pit saldatore, con lineare min 15W anche autocostruito. Vendo calcolato- re che esegue le 4 operazioni pitt ta bellina ed. espressioni a L. 29.000. Maserati Giuseppe Via dei Platani 2 = 20077 Melegnano. PRINCIPIANTE gradirebbe da pit esperto informazioni sul minimo ne~ cessario strumenti per inzio attivita; informazioni su preparazione cablag- gio, progettazione, montaggi di cir- cuiti stampati, Napoleoni E. Via L. Dominici 30 - Bracciano. AVETE tempo libero? Vi offriamo {a possibilita di sfruttarlo con un la- voro facile e redditizio, anche nel vostro domicilio, con lavori anche pertinenti Tlettronica. Includere. L. 200 per risposta, Club delamicizia CDA. Casella Postale 4 - El Cast slione Ravenna, VENDO proiettore sonoro Royal Sound _usato solo pochissime volte a L. 55.000 trattabili. Vendo UK740 Casual-Psichelik light 800W a 900. II tutto perfettamente funzio- nante. Oppure cambio il tutto con, baracchino CB 6Ch SW completo di rosmetro anche di terza mano. Ro- berto Mattarella Via Lussemburgo 69 ~ Palermo. CERCO urgentemente oscilloscopio SRE anche non funzionante. Paga- mento max L. 20,000. Tratto_ possi- bilmente con la sola regione Piemon- te, Piermarino Rhus Via Beitoni 17, Paesana, Cuneo. SEGUE DA PAGINA 58 1 galvanometri_ sono stati no- tevolmente perfezionati in questi ultimi anni, soprattutto a partire dal 1950. Mentre, in precedenza, era frequente un apparecchio da 1000 0 da 2000 ohm/V (e che comportava_un galvanometro da 1 mA 0 da 500 uA rispettivamen- te), si sono visti diffondere i mo- delli_ da 5000, da 10.000 e perfino da 20.000 ohm/V (ossia rispet vamente galvanometri da 200, da 100 € da 50 1A). I tipi a resistenza maggiore so- no rimasti relativamente rari. Esi- stono dei voltmetri da 40.000 ¢ da 100.000 ohm/V (galvanometro da 25 uA e da 10 WA rispettiva- mente), ma_sono piuttosto cari molto fragili. Si trovano anche dei modelli da 1 Mohm/V (galvano- metro da 1 A), ma in generale, oltre i 40 kohm/V, @ utile ricor- rere ad un amplificatore elettroni- co per comandare il telaio, che consente di realizzare degli’ stru- menti di elevata resistenza interna che impiegano tuttavia dei galva- nometri di buona robustezza, Abbiamo in precedenza visto ‘come, con una serie di shunts, un galvanometro. pud diventare™ un amperometro a pitt sensibilita. Da- to che lo stesso galvanometro, con un’altra serie di resistenze, che sipossono disporre in_serié allo strumento, si pud trasformare in un voltmetro a diverse sensibilita, & normale incontrare degli appa- recchi che utilizzano lo stesso gal- vanometro come amperometro su certe posizioni di un commutato- te, € come voltmetro sti altre po- sizioni dello stesso commutatore. Si pud facilmente immaginare lo schema. Un apparecchio del genere di- venta allota uno « strumento uni versale » 0 un multimetro, e ren- de notevoli servizi, Misurare le resistenze E’ noto che le resistenze si pos- sono misurare per mezzo di un ponte di Wheathstone. Esiste pe- 10 un metodo molto semplice, ma meno preciso, che impiega un gal- vanometro, una pila e delle resi- stenze di valore noto. Si potrebbe pensare al metodo dove: una pila che eroga una ten- sione E nota, viene collegata ai morsetti della resistenza da. mi surare R. Il galvanometro consen- te di misurare V'intensita della cor- rente I che passa in R, per cui si calcola, secondo Ia ‘legge di Ohm, R= E/T. E un procedimento seguito, ma non consigliato. Se il valore di R & totalmente sconosciuto, pud dar- si che ess0 sia molto piccolo e che si venga quindi a collegare una pila pressoché direttamente sull’amperometro, cid che potreb- be essere dannoso per l’ampero- metro stesso, in quanto la corren- te in uscita della pila potrebbe es- sere elevata, Si preferisce percid mettere si stematicamente in serie con la pi- la una resistenza V che limita la corrente massima che pud passa- re nel sistema se si metie in cor- to circuito, ad esempio, la resi- stenza da misurare R. Si arriva percid allo schema del- la figura. Si nota la resistenza in- tera re una resistenza variabi. le T che serve, come vedremo, per la taratura, ossia per regolare la sensibilita di G sul valore de- siderato. Se cominciamo col mettere in corto circuito i morsetti A e B pet mezzo di un grosso filo di ra- me avente una resistenza trascura- bile, la corrente che passa in V (e che’ viene misurata da G tenuto conto dello shunt T) & pari a E — (trascurando la resistenza v del galvanometro) Colleghiamo ora la resistenza R tra i morsetti Ae B e supponiamo che la tensione E della pila non sia variata, La nuova corrente i’, inferiore ai, assume il valore: E “R4r Possiamo fare a meno di cono- scere E se calcoliamo il rapporto fra ei: » , 1 i rR 14R/r Quindi il rapporto i’/i non di- pende che dal rapporto di Re di 1, partendo da 1 (i = i) per R/r © (ossia R = 0) pasando a 05 per R/r = 1 (R = ne ten dendo verso zero quando R/r ten- de all’infinito. £ dungue importante misurare i’/i, Per far cid, si fa in modo che, al momento del primo collegamen- to il galvanometro devil esatta- mente al massimo, cid essendo ot- tenuto mediante regolazione di T. Quindi, poiché non si & toccato il valore di T in occasione del se- condo collegamento, la sensibilita dell'insieme G-T non @ variata la deviazione dell’ago al momen- to della seconda prova o collega- mento risulta unicamente in fun- zione di i'/i in quanto l'insieme G-T, al momento della prima pro- va 0 collegamento e grazie alla re- golazione effettuata in T, ha una intensita normale esattamente pa- ri ai, valore che noi non cerchia- mo di conoscere, ma che ci serve di base per la misura di i’ Pereid, al momento della secon- da prova, l'ago va a fermarsi in una posizione che non @ funzione né di i né di i, ma unicamente del loro rapporto 'i’/i. Si pud allora meitere una graduazione sotto I” ago, graduazione che potrebbe es- sere calcolata per i’/i, ma che per ragioni di praticita & pit: comodo calcolare per R/r. Conoscendo r, ayendo letto R/t in corrisponden- za dell’ago al momento della se- conda prova, si pud ricavare il va- lore di R. Tl sistema di taratura consente di effettuare le misure con una pila che pud cambiare di tensione col passare del tempo. Evidentemente, esso non_ tiene conto della variazione della resi stenza interna della pila, ma si pud procedere sostituendo Ia pila hon appena non si riesce pitt a ta- rarla sulla scala di resistenza mi nima. Si trovano anche degli chmme- tri (tale & il nome di questi stru- menti) che usano una pila al mer- curio, la cui tensione resta invaria- bile e la cui resistenza interna & debole fino al completo esau mento (a questo punto la tensio~ ne cade rapidamente e la resi stenza interna aumenta altrettan- to tapidamente). In questo caso non occorre far ricorso alla tara- tura ma ci si contenta, cortocir- cuitando i due fili, di’ verificare che Vago raggiunga la deviazione massima, in corrispondenza della quale compare la cifra «0» sulla seala delle « resistenze ». 9 SEGUE DA PAGINA 70 Bisogna perd tener presen- te che la rapidita nella salda- tura di un componente non de- ve significare saldatura fredda, cio’ con un contatto elettrico di- fettoso o del tutto inesistente, ma significa effettuare una saldatura buona insistendo per un giusto periodo di tempo con la punta del saldatore sul terminale da saldare ¢ usando stagno di buo- na qualita. Se non vi sentite mol- to sicuri delle vostre capacit’ «saldatorie » 0 siete in posses- so di un saldatore con una pun- ta troppo grossa o di potenza ec- cessiva e preferite non rischiare, si pud usare uno zoccolino per integrato che si pud facilmente reperire presso i rivenditori di materiale elettronico. Con que- sto sistema si pud saldare tran- quillamente lo zoccolino e suc- cessivamente, quando é termina- ta la fase di montaggio inserire Vintegrato al suo posto. Anche per il diodo & bene prendere una piccola precauzio- ne al momento della saldatura, ma per questo componente & suf- ficiente lasciare i terminali della loro lunghezza naturale ed even- tualmente effettuare dei piccoli occhielli per diminuirne 'ingom- bro. Per finire, un’ultima raccoman- dazione cio’ quella di rispettare le polarit’ positiva e negativa del condensatore elettrolitioo, Il potenziometro P1 che rego- Ja la frequenza con cui devono entrare in funzione le spazzole del tergicristallo non va montato sul circuito stampato ma sul pannello frontale insieme con lo interruttore di alimentazione del circuito, con il pulsante $1 ¢ con la lampada spia perché deve es- sere facilmente accessibile al guidatore che pud cosi interveni- re su questo comando ogni volta lo ritenga opportuno. Prima di poter usare il tem- porizzatore & necessario effettua- re una breve operazione di ta- ratura specialmente per quanto riguarda il trimmer P2 e per fa- re cid & necessario portare il po- tenziometro P1 nella posizione che corrisponde alla minima re- sistenza, praticamente 2 come se questo componente fosse corto- cireuitato. 11 trimmer P3 va regolato in modo tale che il rel resti ecci- tato circa per mezzo secondo o per un tempo necessario per far partire il motorino del tergicri- stallo. Si pud ora regolare P2 in mo- do che il tergicristallo si muova alla velocit’ normale cio come il temporizzatore non fosse inse- rito. Eseguita questa semplice o- perazione si pud provare a va- riare la posizione di P1 e si con- statera che il tergicristallo fun- zioner’ per un certo periodo di tempo e per un altro restera fer- mo; questo tempo & regolabile pud essere scelto a piacere agen- do appunto su P1 Volendo rendere un po’ pid sofisticato © pratico il circuito & possibile sostituire P1 con un commutatore a pit posizioni e inserire piti resistenze fisse i cui valori saranno ricavati sperimen- talmente, ottenendo cosi una se- rie di velocita fisse che potrete selezionare con un semplice scat- to del commutatore in base alla quantit’ di pioggia. Come avrete certamente intui- to i contatti utili del relé che de- ve azionare il tergicristallo de- vono essere collegati in parallelo all'interruttore del tergicristallo dell’automobile; con questo si stema non modificherete V’im- pianto elettrico dell’auto ¢ in pitt avrete la possibilita di far funzionare anche in servizio con- tinuo il tergicristallo senza far entrare in funzione il circuito del temporizzatore. Se in ogni caso vi trovaste in difficolt& nel- Vinserire il circuito pensiamo che quattro chiacchiere con il vo- stro elettrauto saranno certa- mente chiarificatrici ¢ fugheran- no ogni possibile dubbio. Terminata 1a costruzione e il collaudo del vostro temporizza- tore non vi resta altro che atten- dere qualche acquazzone ¢ s© questo dovesse tardare a venire possiamo consigliarvi di improv- visare sul vostro balcone o in terrazza qualche danza propi- ziatrice che in tempi come que- sti in cui si stanno rivalutando le arti magiche ¢ si sta cercan- do di convincere la gente a cre- dere anche a queste cose po- trebbe rivelarsi veramente utile: non si sa mai! AMPLIFICATORI COMPONENTI ELETTRONICI INTEGRATI Viale E. Martini, 9 - 20139 MILANO - Tel. 53.92.378 = 20139 MILANO - Si rende noto che le ordinazioni della zona Roma possono essere indirizzate anche a: CENTRO ELETTRONICA BISCOSS! via della Giuliana 107 ~ tel 06/319493 - 00195 ROMA per la Sardegné ANTONIO MULAS via Giovanni XXIII - tel. 0783/70711-72870 - 09020 SANTA GIUSTA (Oristano) @ por la zona di Genova: ECHO ELECTRONIC di Amore via Brigata Liguria 78/R - tel. 010/593467 - 16122 GENOVA Si assicura lo stesso trattamento. IMIGLIORI KIT NEI MIGLIORI NEGOZI 1D Amplificatore 1,5 Watt 12 Volt 1D Ampliticatore 2,5 Watt 12 Volt 1D Amplificatore 7’ Watt 12 volt 1D Amplificatore 12 Watt 32 Volt 1 Ampliticatore 20 Watt 42 Volt Oi Preampliticatore mono 1 Preampliticatore microtono DD Preampliticatore bassa impedenza Ci Preampliicatore alta impedenza D Alimentatore 14,5 Volt 1A Cl Alimentatore: 24 Volt 14 ANCONA . Elettronica Professionale - Via 29 Aprile n. abe BERGAMO - Teleradioprodotti - Via E. Fermi n. 7 BIELLA . G.B.R. - Via Candelo n. 54 BOLOGNA = Radioforniture di Natali R. - Via Ranzani n, 13/"2 BRINDISI - Radioprodott! di Micell - Via C. Colombo n. 13 BUSTO ARSIZIO - GF. - C.so Italia n. 7 CATANIA - Trovato Leopoldo - P.za M. Buonarrotl n, 14 COMO = Bazzonl - Via V. Emanuele n, 106 GOSENZA = Angotti Franco - Via N. Serra n, 56/60 FIRENZE - Faggioll - V.le Gramsci ni. 15 GENOVA - De Bernardi Renato - Via Tollot 7A IVREA - Vergano Giovanni P.za Pistonl n. 17 LECCE. la Greca Vincenzo - V.le dapiglia n. 20/22 MANTOVA = Elettronica - Via Alsorgimento.n. 69 MASSA GARRARA - Vechi Fabrizio - Via F, Mattini n. 5 MILANO Franchi ° Viale Padova, 72 - Milano MILANO - Marcucci - Via F.lli Bronzetti, 37 - Milano MODENA - Parmegglani Walter - via Verdi n. 11 Alimentatore 32 Volt 14 Alimentatore 42 Volt 14 Alimentatore da 9-18 Volt 1 A Alimentatore da 25-35 Volt 2A Alimentatore da 35-45 Volt 24 Alimentatore da 45-55 Volt 24 Interruttore crepuscolare a triac Regolatore di potenza a triac Regolatore di velocita per motorini c.<. Fototimer gooogoo0o0o MONFALCONE - Peressin Carisio - Via Cerlanl_n. 8 PADOVA Ing. G. Baliarin - Via. Jappelli n. 9 PALERMO - M.MP. Electronics S.p.A.'- Via 8. Corleo n. 6 PALERMO ~ Russo Benedetto - Via G. Campolo n. 46 PESARO - Morganti Antonio - Via Lanza n PINEROLO = Cazzador! Arturo - Via del Pino n. 38 POTENZA - Pergola Rodolfo - Via Pretoria n. 296 ROVIGO - GA. Elettronica - C-so del Popolo n, 8 ‘SAN DANIELE DEL FRIULI - Fontanini Dino - Via Umberto In. 3 SARDEGNA (OLBIA) - COMEL. di Manent! ~ C20. Umber 10 7. SETTIMO TORINESE - Agglo Umberto - P.za S. Pietro n. 9 TARANTO - RATVEL. - Via Dante 241 TORINO - LMER. - Via Saluzz0 n. 11 TRENTO - START di Valer - Via T. Gar TRIESTE - Radio Trieste - Via 20 Settembre n. 15 VERCELL! - Elettronica Bellomo - Via XX Settembre a. 17 LA REAL KITE PRESENTE ANCHE IN FRANCIA - BELGIO-OLANDA-SPAGNA -LUSSEMBURGO-GERMANIA-MALTA. Restraametitore porate i migliori QS 0: Mod, TS 5632 DX Sai uth into hanno un nome Potenza d'ingresso stadio finale: 5W Limitatore automatico di disturbi, squelch, segnale di chiamata Presa per auricolare, microfono, microtelefono, antenna esterna e alimentatore. Alimentazione: 12 Voc. Dimensioni: 230x75x40 ZR/4532-12