Sei sulla pagina 1di 2

Riccardo Cortes

4F

1/11/2015

Cartesio: la vita e le
opere
Ren Descartes, noto come Cartesio, segn una fase decisiva per il
passaggio dal rinascimento allet moderna. Egli riconobbe
lesigenza di approfondire la soggettivit umana e di chiarirla con
un ritorno a se stessi, portando la filosofia a mettere in luce un
nuovo problema, nel quale sono coinvolti luomo come soggetto ed
il mondo oggettivo. Cartesio inoltre il fondatore del razionalismo,
ovvero quella corrente filosofica moderna che vede nella ragione il
principale organo di verit, nonch lo strumento per elaborare una
nuova visione complessiva del mondo.
Cartesio nasce a La Haye il 31 marzo 1596, e viene educato come
un gesuita dal 1604 al 1612. Nel 1619 trova la propria via in un
modo, per cos dire, miracoloso; infatti dir di avere avuto in una
sola notte ben tre sogni rivelatori, capaci di suscitare in lui la prima
intuizione del suo metodo. La prima opera in cui esplicita tale
intuizione costituita dalle Regole per dirigere lingegno,
composte fra il 1619 ed il 1630. In questo periodo Cartesio prest
servizio militare e partecip alla guerra dei trentanni, ma essendo
un nobile, ebbe unampia libert, perci pot viaggiare a suo
piacimento per tutta lEuropa, dedicandosi agli studi di matematica
e fisica, continuando ad elaborare la sua dottrina del metodo.
Nel 1628 si stabil in Olanda, sia per poter filosofare liberamente,
sia per poter lavorare a proprio agio, senza essere distratto dagli
obblighi di societ che a Parigi ed in provincia gli avrebbero rubato
molto tempo. Qui inizi a comporre un trattato sulla metafisica,
senza per pensare a pubblicarlo immediatamente; e nel mentre
intraprese nuovamente lo studio della fisica, ed ebbe lidea di
scrivere un trattato sul mondo, che pens di intitolare trattato della
luce. Egli si lasci condizionare dalla condanna di Galileo nel 1633,

Riccardo Cortes

4F

1/11/2015

che lo indusse allidea di abbandonare lopera, nella quale


sosteneva la dottrina copernicana. In seguito scelse comunque di
divulgare alcuni dei suoi risultati raggiunti, articolandoli in tre saggi:
la Diottrica, le Meteore, la Geometria. In queste tre opere inser una
prefazione intitolata Discorso sul metodo, pubblicata nel 1637.
Nel 1640 concluse il trattato sulla metafisica ed invi lopera ad un
gruppo di teologi e filosofi affinch esponessero le loro osservazioni
a riguardo; mentre nel 1641 pubblic lopera col titolo: Meditazioni
sulla filosofia prima, completa delle obiezioni e delle risposte di
Cartesio.
Cartesio, in seguito, rielabor il trattato sul mondo dandogli la
forma di un sommario destinato alle scuole, fu chiamato I Principi
di filosofia. Nel 1649 ebbe una corrispondenza con la principessa
Elisabetta del Palatinato, da cui prese lidea per Le passioni
dellanima; e nello stesso anno cedette agli inviti della regina
Cristina di Svezia e and a stabilirsi presso la sua corte. Nellottobre
dello stesso anno giunse a Stoccolma, ma a causa del forte inverno
baltico si ammal di polmonite; e dopo 4 lunghi mesi di agonia
mor, l11 febbraio 1650.