Sei sulla pagina 1di 15

Filename

filename2

NRIF AA014480
IDcompl

ITEM3

UNIN126401_1999_EIT.pdf
UNIN126401

UNI EN 1264-1:1999 - 31-10-1999 - Riscaldamento a pavimento - Impianti e componenti - Definizioni e simboli.

CTI

NORMA TECNICA
DATA

UNI EN 1264-1:1999
31/10/1999

AUTORI

CTI

TITOLO

Riscaldamento a pavimento - Impianti e componenti - Definizioni e simboli.


Floor heating - Systems and components - Definitions and symbols.

SOMMARIO

La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN


1264-1 (edizione agosto 1997). La norma specifica le principali definizioni e i relativi
simboli, inerenti gli impianti di riscaldamento a pavimento, alimentati ad acqua calda,
utilizzati in edifici residenziali o similari. Essa non si applica ad impianti di
riscaldamento con pavimento di legno, mentre puo' essere utilizzata nel caso in cui
vengano utilizzati altri mezzi riscaldanti al posto dell'acqua.

TESTO DELLA NORMA


CLASSIFICAZIONE ICS
CLASSIFICAZIONE ARGOMENTO

01.075 91.140.10
AA10B1301

PARZIALMENTE SOSTITUITA
GRADO DI COGENZA
STATO DI VALIDITA'

Raccomandata
In vigore

COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI
LINGUA

Italiano

PAGINE

PREZZO EURO

Non Soci 27,00 Euro - Soci 13,50 Euro

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Riscaldamento a pavimento
NORMA ITALIANA

Impianti e componenti

UNI EN 1264-1

Definizioni e simboli

OTTOBRE 1999
Floor heating

Systems and components

DESCRITTORI

Riscaldamento, riscaldamento ad acqua calda, pavimento riscaldato,


vocabolario, simbolo

CLASSIFICAZIONE ICS

01.075; 91.140.10

SOMMARIO

La norma specifica le principali definizioni e i relativi simboli, inerenti gli


impianti di riscaldamento a pavimento, alimentati ad acqua calda, utilizzati
in edifici residenziali o similari.
Essa non si applica ad impianti di riscaldamento con pavimento di legno,
mentre pu essere utilizzata nel caso in cui vengono utilizzati altri mezzi
riscaldanti al posto dellacqua.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 1264-1:1997
La presente norma la versione ufficiale in lingua italiana della norma
europea EN 1264-1 (edizione agosto 1997).

ORGANO COMPETENTE

CTI - Comitato Termotecnico Italiano

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 21 settembre 1999

NORMA EUROPEA

Definitions and symbols

RICONFERMA

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Gr. 4

UNI - Milano 1999


Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

N di riferimento UNI EN 1264-1:1999

Pagina I di IV

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 1264-1 (edizione agosto 1997), che assume
cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
Il CTI (Comitato Termotecnico Italiano - via G. Pascoli 41, 20129
Milano), ente federato allUNI, che segue i lavori europei sullargomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha approvato il progetto europeo il 5 maggio 1997 e la versione in lingua
italiana della norma il 6 luglio 1998.
Per agevolare gli utenti, viene di seguito indicata la corrispondenza
tra le norme citate al punto "Riferimenti normativi" e le norme italiane vigenti:
EN 1264-3:1997 = UNI EN 1264-3:1999

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove


edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina II di IV

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INDICE
PREMESSA

INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

3
3.1
3.2
3.3
3.4
3.5
3.6
3.7
3.8
3.9
3.10
3.11
3.12
3.13
3.14
3.15
3.16
3.17

TERMINI E DEFINIZIONI
3
Impianto di riscaldamento a pavimento ........................................................................................ 3
Dispersione di calore nominale di un ambiente riscaldato a pavimento (QN,f) ....... 3
Potenza termica di progetto (QH) ..................................................................................................... 3
Temperatura ambiente nominale (i) ............................................................................................. 4
Superficie del pavimento riscaldante ............................................................................................. 4
Superficie non disponibile .................................................................................................................... 4
Superficie dell'area periferica ............................................................................................................. 4
Superficie occupata ................................................................................................................................. 4
Equipaggiamento di riscaldamento complementare ............................................................. 4
Componenti di un pavimento riscaldante..................................................................................... 4
Tipi di strutture di pavimenti riscaldanti......................................................................................... 4
Tipi di strutture di pavimenti riscaldanti ................................................................................................. 5
Potenza termica ......................................................................................................................................... 5
Temperature di superficie del pavimento .................................................................................... 6
Temperatura del mezzo riscaldante ............................................................................................... 6
Salto termico ( ) ...................................................................................................................................... 6
Portata di progetto del mezzo riscaldante (mH) ....................................................................... 6
Curve caratteristiche ............................................................................................................................... 6

SIMBOLI

figura

prospetto

APPENDICE
(informativa)

7
............................................................................................................................................................................ 7

BIBLIOGRAFIA

UNI EN 1264-1:1999

Pagina III di IV

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina IV di IV

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Riscaldamento a pavimento
NORMA EUROPEA

Impianti e componenti

EN 1264-1

Definizioni e simboli
AGOSTO 1997
Floor heating
EUROPEAN STANDARD

Systems and components


Definitions and symbols
Chauffage par le sol

NORME EUROPENNE

Systmes et composants
Dfinitions et symboles
Fuboden-Heizung

EUROPISCHE NORM

Systeme und Komponenten


Definitionen und Symbole

DESCRITTORI

Riscaldamento, riscaldamento ad acqua calda, pavimento riscaldato, vocabolario,


simbolo

ICS

01.075

La presente norma europea stata approvata dal CEN l11 luglio 1997.
I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che definiscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modifiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliografici relativi alle norme nazionali corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufficiali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria responsabilit da un membro del CEN e notificata alla Segreteria Centrale, ha il medesimo status delle versioni ufficiali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

1997 CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.
UNI EN 1264-1:1999

Pagina 1 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PREMESSA
La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 130 "Apparecchi di riscaldamento senza fonte di calore integrata", la cui segreteria affidata all'UNI.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro febbraio 1998,
e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro febbraio 1998.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 2 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

INTRODUZIONE
La presente norma europea per impianti di riscaldamento a pavimento composta dalle
seguenti parti:
- Parte 1: Definitions and symbols [Definizioni e simboli]
- Parte 2: Determination of the thermal output [Determinazione della potenza termica]
- Parte 3: Dimensioning [Dimensionamento]
- Parte 4: Installation [Installazione]

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea si applica agli impianti di riscaldamento a pavimento alimentati ad acqua calda in edifici residenziali, uffici ed altri edifici il cui uso corrisponde o simile a quello degli edifici residenziali.
La presente norma europea non si applica ad impianti di riscaldamento con sovrastante
pavimento di legno.
Essa si applica anche nel caso in cui si utilizzino, quando appropriato, altri mezzi riscaldanti invece dellacqua.
Essa specifica le definizioni pi importanti ed i relativi simboli inerenti gli impianti di riscaldamento a pavimento ad acqua calda.

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento.
EN 1264-3:1997
Floor heating - Systems and components - Dimensioning [Riscaldamento a pavimento - Impianti e componenti - Dimensionamento]

TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma, si applicano le definizioni seguenti:

3.1

impianto di riscaldamento a pavimento: Impianto comprendente un pavimento riscaldante, circuiti e collettori ed apparecchiature di regolazione.

3.1.1

pavimento riscaldante: Impianto di riscaldamento a pavimento in cui i tubi che trasportano


l'acqua, con o senza additivi come mezzo riscaldante, sono alloggiati nel pavimento.

3.1.2

circuito di riscaldamento: Parte del pavimento riscaldante, collegato ad un collettore, che


pu essere disinserita e regolata individualmente.

3.1.3

collettore: Punto di raccordo comune a pi circuiti di riscaldamento.

3.2

dispersione di calore nominale di un ambiente riscaldato a pavimento (QN,f): Calore


per unit di tempo, che l'edificio cede verso l'ambiente esterno in condizioni nominali determinate e che dipende dai dati climatici di ubicazione dell'edificio, dell'uso previsto e delle propriet termiche dell'edificio.

3.3

potenza termica di progetto (QH): Potenza termica risultante dalla perdita di calore nominale QN,f dell'ambiente riscaldato a pavimento.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 3 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

temperatura ambiente nominale (i): Temperatura risultante definita come media della

3.4

temperatura dell'aria secca e della temperatura radiante al centro dell'ambiente [1], [2].
Nota

3.5

La temperatura risultante considerata rappresentativa per la valutazione del benessere termico e per il calcolo delle dispersioni termiche. Questo valore della temperatura ambiente utilizzato per il metodo di calcolo.

superficie del pavimento riscaldante: Superficie del pavimento, coperta dall'impianto di


riscaldamento compresa tra i tubi esterni con riferimento ai bordi esterni del sistema inclusa una banda la cui larghezza uguale alla met del passo tra i tubi, ma non maggiore
di 0,15 m.

3.6

superficie non disponibile: Superficie del pavimento non coperta dall'impianto di riscaldamento, destinata a ricevere elementi fissi che fanno parte della costruzione.

3.7

superficie dell'area periferica: Superficie del pavimento riscaldata ad una temperatura


pi elevata; questa generalmente una superficie avente larghezza massima di 1 m lungo
tutte le pareti esterne e costituisce unarea non occupata.

3.8

superficie occupata: Parte della superficie del pavimento riscaldante occupata per lunghi
periodi.
Nota

3.9

Rappresenta la differenza tra la superficie del pavimento riscaldante e la superficie periferica.

equipaggiamento di riscaldamento complementare: Apparecchi di riscaldamento addizionali (per esempio: convettori, radiatori, ...) che emettono una potenza supplementare
Qout; essa pu avere una sua propria regolazione.

3.10

componenti di un pavimento riscaldante: I componenti di un pavimento riscaldante sono:


Nota

strati di isolamento (per l'isolamento termico e acustico);


strato di protezione (per proteggere lo strato di isolamento);
tubi di riscaldamento o sezioni piane;
strato di ripartizione del carico e dellemissione termica (strato di supporto);
pavimento;
altri componenti quali diffusori, strisce periferiche, elementi aggiuntivi, ecc.

I componenti possono essere differenti da quelli specificati in relazione al sistema prescelto.

3.11

Tipi di strutture di pavimenti riscaldanti

3.11.1

impianti con tubi nello strato di supporto, di tipo A e C: Impianti dove i tubi riscaldanti sono
totalmente o parzialmente alloggiati nello strato di supporto (vedere figura 1).

3.11.2

impianti con tubi sotto lo strato di supporto, di tipo B: Impianti dove i tubi riscaldanti sono
posti nello strato di isolante termico, sotto lo strato di supporto (vedere figura 1).

3.11.3

impianti con sezioni piane (assimilabile al tipo B): Impianti con circolazione parallela e/o
perpendicolare in una sezione cava posta su tutta la superficie (vedere figura 1).

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 4 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

figura

Tipi di strutture di pavimenti riscaldanti


Legenda
1
2
3
4
5
6
7
8
9

Rivestimento del pavimento


Strato di supporto
Tubo riscaldante
Strato di protezione
Strato di isolamento
Soletta portante
Elemento conduttivo addizionale
Strato di separazione
Strato livellante

3.12

Potenza termica

3.12.1

flusso termico areico (q): Potenza per unit di superficie.

3.12.2

flusso termico areico limite (qG): Flusso termico areico per il quale si raggiunge la temperatura massima ammissibile della superficie del pavimento.

3.12.3

flusso termico areico nominale (qN): Flusso termico limite raggiunto in assenza di pavimento.

3.12.4

flusso termico areico di progetto (qdes): Potenza necessaria per raggiungere la potenza termica di progetto (QH), diminuito della potenza termica delle superfici di riscaldamento supplementari, se esistono, divisa per l'area del pavimento riscaldante tenendo conto della
temperatura ammissibile del pavimento.

3.12.5

flusso termico areico verso il basso (qu): Flusso di calore che passa attraverso le strutture
verso un ambiente sottostante, il terreno o l'aria esterna.

3.12.6

potenza termica di un pavimento riscaldante (QF): Somma dei prodotti delle superfici del pavimento riscaldante di un ambiente, moltiplicata per il rispettivo flusso termico di progetto.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 5 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

3.13

Temperature di superficie del pavimento

3.13.1

temperatura massima della superficie del pavimento (F,max): Temperatura massima ammissibile per ragioni fisiologiche ai fini del calcolo delle curve limite. Tale temperatura pu essere raggiunta in un punto della superficie occupata o della superficie periferica quando,
in condizioni particolari, il salto termico del mezzo riscaldante = 0.

3.13.2

temperatura media della superficie del pavimento (F,m): Media di tutti i valori delle temperature di superficie nella superficie periferica o nella superficie occupata.

3.13.3

salto termico medio tra le temperature di superficie e dellaria ambiente: Differenza tra la

3.14

Temperatura del mezzo riscaldante

3.14.1

salto termico medio tra le temperature dellaria e dellacqua (H): Scostamento medio loga-

temperatura media di superficie del pavimento F,m e la temperatura ambiente nominale


i. Esso determina il flusso termico areico.

ritmico tra la temperatura del mezzo riscaldante e la temperatura nominale dell'ambiente.

3.14.2

salto termico medio nominale tra le temperature dellaria e dellacqua (N): Valore ottenuto
al flusso termico areico nominale qN.

3.14.3

salto termico medio tra le temperature dellaria e dellacqua di progetto (H,des): Valore ottenuto con la resistenza termica del pavimento scelto ed il flusso termico areico di progetto.

3.14.4

temperatura del mezzo riscaldante (m): Temperatura media tra la temperatura di mandata

3.15

salto termico (): Differenza tra la temperatura di mandata e quella di ritorno del mezzo

e la temperatura di ritorno, definita come m = i + H.

riscaldante in un circuito.

3.16

portata di progetto del mezzo riscaldante (mH): Portata in massa, in un circuito di riscaldamento, necessaria per ottenere il flusso termico areico di progetto.

3.17

Curve caratteristiche

3.17.1

curva caratteristica di base: Curva che fornisce la relazione tra il flusso termico areico ed
il salto termico medio della temperatura di superficie applicabile a tutti gli impianti di riscaldamento a pannelli, indipendentemente dalla tipologia.

3.17.2

famiglia di curve caratteristiche: Curve che rappresentano, per un dato impianto, le rela-

3.17.3

curve limite: Curve, appartenenti alla famiglia delle curve caratteristiche che delimitano il

zioni tra il flusso termico areico q ed il salto termico di temperature H per resistenze termiche differenti del pavimento.

campo di flusso termico areico, in funzione del salto termico medio di temperatura e delle
caratteristiche del rivestimento del pavimento.

3.17.4

salto termico medio limite (H,G): Intersezione del sistema della curva caratteristica
dellimpianto con la curva limite che denota il salto termico limite.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 6 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

SIMBOLI
Il prospetto 1 fornisce i simboli utilizzati in tutte le parti della presente norma.
prospetto

Simbolo

a
AA
AF

Unit di misura
-

Grandezza
Fattori parametrici per il calcolo delle curve caratteristiche

Superficie occupata

Superficie del pavimento riscaldante

Superficie dell'area periferica

m
m

AR

bu

Fattore di calcolo dipendente dal passo tra i tubi


2

B, BG, B0

W/(m K)

Coefficienti dipendenti dal sistema

Diametro esterno del tubo, compreso l'eventuale rivestimento

da

Diametro esterno del tubo

di

Diametro interno del tubo

dM

Diametro esterno del tubo rivestito

cW

kJ/(kg K)
2

Capacit termica dell'acqua

KH

W/(m K)

Coefficiente di trasmissione termica equivalente

kWL

Parametri relativi agli elementi conduttivi addizionali

Larghezza degli elementi conduttivi addizionali

LR

Lunghezza dei tubi installati

Esponente per la determinazione delle curve caratteristiche

mH

kg/s

Portata di progetto del mezzo riscaldante

n, nG

q
qA
qdes
qG
qN
qR

Esponenti
2

Flusso termico areico del pavimento

Flusso termico areico della zona occupata

Flusso termico areico di progetto

Flusso termico areico limite

Flusso termico areico nominale

Flusso termico areico nella zona perimetrale

W/m
W/m
W/m
W/m
W/m
W/m

qu

W/m

Flusso termico areico verso il basso

QF

Potenza termica di un pavimento riscaldante

QH

Potenza termica di progetto

QN

Dispersione di calore nominale

QN,f

Dispersione di calore nominale di un ambiente riscaldato a pavimento

Qout

Potenza termica degli apparecchi di riscaldamento supplementari

Ro
Ru
R,B

Resistenza termica parziale verso l'alto di un pavimento riscaldante

Resistenza termica parziale verso il basso di un pavimento riscaldante

Resistenza termica del pavimento

m K/W
m K/W
m K/W

R,ins

m K/W

Resistenza termica dell'isolante termico

sh

Negli impianti tipo B, spessore dell'isolante termico dal lato pi basso


dell'isolante fino alla generatrice superiore del tubo (vedere figura 3 della
EN 1264-3:1997)

sl

Negli impianti tipo B, spessore dell'isolante termico dal lato pi basso


dell'isolante fino alla generatrice inferiore del tubo (vedere figura 3 della
EN 1264-3:1997)
segue nella pagina successiva

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 7 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

Simbolo

Unit di misura

Grandezza

continua dalla pagina precedente

sins

Spessore dell'isolante termico

sR

Spessore di parete del tubo

su

Spessore dello strato di supporto sotto il tubo

sWL

Spessore degli elementi costruttivi addizionali

Spessore dello strato di supporto (escludendo lo spessore del tubo nei


sistemi di tipo A)

Passo dei tubi

W/(m K)

Coefficiente di scambio termico

F,m

Temperatura media della superficie del pavimento

F,max

Temperatura massima della superficie del pavimento

Temperatura ambiente nominale

Temperatura del mezzo riscaldante

Temperatura di ritorno del mezzo riscaldante

Temperatura di mandata del mezzo riscaldante

Temperatura in un ambiente sottostante l'ambiente riscaldato a pavimento

Salto termico medio tra le temperature dellaria e dellacqua

H,des

Salto termico medio di progetto tra le temperature dellaria e dellacqua

H,G

Limite del salto termico medio tra le temperature dellaria e dellacqua

Salto termico medio nominale tra le temperature dellaria e dellacqua

Salto termico medio tra le temperature dellaria e dellacqua di mandata

V,des

Salto termico medio di progetto tra le temperature dellaria e dellacqua di


mandata

W/(m K)

Conduttivit termica

Salto termico V - R

Fattori di conversione delle temperature

Contenuto in volume degli inserti nello strato di supporto

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 8 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

APPENDICE
(informativa)

A BIBLIOGRAFIA
[1]

[2]

Schmidt, P: Untersuchung zum Einflu des Heizsystems und zum Auenflchenzuschlag


bei der Wrmebedarfsrechnung [Indagine sullinfluenza del sistema di riscaldamento e
della maggiorazione della superficie esterna nel calcolo del carico termico]; FortschrittBerichte der VDI-Zeitschriften, Reihe 6, Nr. 80 (1981)
Konzelmann, M.: Wrmeabgabe von Fubodenheizungen-Entwicklung einer
Prfmethode [Emissione termica di un pavimento riscaldante - Sviluppo di un
metodo di prova]; Fortschritt-Berichte VDI, Reihe 19: Wrmetechnik/Kltetechnik,
Nr. 23, VDI-Verlag Dsseldorf (1988)

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 9 di 10

Documento contenuto nel prodotto UNIEDIL IMPIANTI edizione 2007.1


E' vietato l'uso in rete del singolo documento e la sua riproduzione. E' autorizzata la stampa per uso interno.

PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI

Milano (sede)

Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. 0270024200 - Fax 0270105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma

Via delle Colonnelle, 18 - 00186 Roma - Tel. 0669923074 - Fax 066991604


Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari

c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. 0804670301 - Fax 0804670553

Bologna

c/o CERMET
Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. 0516250260 - Fax 0516257650

Brescia

c/o AQM
Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. 0302590656 - Fax 0302590659

Cagliari

c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. 070349961 - Fax 07034996306

Catania

c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. 095445977 - Fax 095446707

Firenze

c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. 0552707268 - Fax 0552707204

Genova

c/o CLP Centro Ligure per la Produttivit


Via Garibaldi, 6 - 16124 Genova - Tel. 0102476389 - Fax 0102704436

La Spezia

c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. 0187728225 - Fax 0187777961

Napoli

c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. 0815537106 - Fax 0815537112

Pescara

c/o Azienda Speciale Innovazione Promozione ASIP


Via Conte di Ruvo, 2 - 65127 Pescara - Tel. 08561207 - Fax 08561487

Reggio Calabria

c/o IN.FORM.A. Azienda Speciale della Camera di Commercio


Via T. Campanella, 12 - 89125 Reggio Calabria - Tel. 096527769 - Fax 0965332373

Torino

c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. 0116700511 - Fax 0116965456

Treviso

c/o Treviso Tecnologia


Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. 0422608858 - Fax 0422608866

Udine

c/o CATAS
Via Antica, 14 - 33048 S. Giovanni al Natisone (UD) - Tel. 0432747211 - Fax 0432747250

Vicenza

c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Piazza Castello, 2/A - 36100 Vicenza - Tel. 0444232794 - Fax 0444545573

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.

UNI EN 1264-1:1999

Pagina 10 di 10

Potrebbero piacerti anche