Sei sulla pagina 1di 1

Giovannino Oliviero Giuseppe Guareschi (Guareschi scherzava sempre sul fatto che

un omone come lui fosse stato battezzato come "Giovannino") nacque a Fontanelle
, frazione di Roccabianca, il 1 maggio 1908, in una famiglia della classe media.
Il padre, Primo Augusto Guareschi, era commerciante, mentre la madre, Lina Maghe
nzani, era la maestra elementare del paese.
Finite le scuole superiori, si iscrisse all'Universit di Parma. Riusc a entrare ne
l Convitto Maria Luigia di Parma, l'antico Collegio dei Nobili, che offriva vitto
e alloggio agli studenti universitari in difficolt economiche, che venivano occup
ati come istitutori e assistenti dei convittori. Qui conobbe, nel 1922, Cesare Z
avattini. L'incontro fu decisivo per lo sviluppo della sua tecnica e della sua a
rte.
Nel 1925 l'attivit del padre fall e Guareschi non pot pi continuare gli studi. Dopo
aver provato alcuni lavori saltuari, entr alla Gazzetta di Parma, come correttore d
i bozze, chiamato da Zavattini, caporedattore del quotidiano.
Giovannino Guareschi a Parma negli anni trenta.
Nel 1931 inizi come aiuto-cronista al quotidiano Corriere Emiliano, con un contratt
o di collaborazione fissa. Alla fine dell'anno and a vivere da solo, in Borgo del
Gesso. Aveva ventitr anni. In poco tempo divent cronista, poi capo-cronista; scri
veva articoli, novelle e rubriche, oltre a fare disegni (anche politici).
Nel 1934 part per il servizio militare a Potenza, dove frequent il corso allievi u
fficiali. L'anno dopo i proprietari del Corriere lo licenziarono per esubero di pe
rsonale.
Finito il corso, nel 1936 venne trasferito a Modena, dove a maggio fu promosso s
ottotenente di complemento. Poi ricevette un'altra proposta da Cesare Zavattini,
che nel frattempo si era trasferito a Milano: quella di entrare in un giornale
umoristico che stava per nascere.