Sei sulla pagina 1di 1

CAI Bergamo

16

Il Sentiero delle Orobie

via Ghislanzoni 15, 24122 Bergamo - tel. 035/244273


faxavventura
035/236862tra
e_mail
segreteria@caibergamo.it
La grande
le montagne
Bergamasche - web www.caibergamo.it

Primo Itinerario
Cassiglio Passo di Baciamorti
Bocchetta di Regadur Rifugio Cazzaniga.
Segnavia: 101
Difficolt: E

Dislivello: 1287 m.
Orario: 4,30 h.

Rifugio Cazzaniga (Tel. 0341/997839)


Localit: Valle Brembana
Accesso: Valtorta
Segnavia 103 (3 h.)

Timbro del rifugio

Da Cassiglio si segue la strada che conduce al piccolo bacino omonimo e lo si supera lungo la sua sponda sinistra. Proseguendo lungo la strada carrareccia, a circa unora dal paese si perviene ad un bivio: qui si prende il sentiero sulla
sinistra che si addentra nel bosco. Alternando tratti pianeggianti a tratti molto pi ripidi e faticosi, sempre per allombra
del fitto bosco di faggi, si risale tutta la valle fino a raggiungerne il solco finale. Con un ultimo pendio erboso si esce
quindi al passo dei Baciamorti (1540 m.).
Abbandonato il sentiero che scende alla baita Baciamorti, si piega a destra su una traccia segnalata e ci si alza lungo la
costa erbosa del pizzo Baciamorti fino alla baita Rudera. Qui il sentiero taglia di traverso alcuni pascoli e una forra rocciosa attraversando vasti e dolci pianori. Con alcuni faticosi tornanti si raggiunge la distesa erbosa dove sorge la baita
Capretondo, poi si prosegue senza perdere quota verso Ovest lasciando sulla sinistra il monte Aralalta e infine, dopo
una breve discesa, si tocca la bocchetta del Regadur.
Scavalcato il valico si risale leggermente fino a raggiungere la baita Regina (da qui parte il sentiero che scende al rifugio
Gherardi - vedi itinerario 1 bis) e, poco oltre, il passo dellAralalta. Nuovamente su terreno pianeggiante, si prosegue
verso Ovest aggirando i pendii settentrionali del monte Sodadura (2010 m.): scavalcata unultima bocchetta si raggiunge
infine la conca con il caratteristico cucuzzolo roccioso che ospita il rifugio Cazzaniga, alla base delle aspre falde dello
Zuccone dei Campelli.