Sei sulla pagina 1di 13

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli

Analisi Matematica 2a edizione

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4


4.1
Il limite segue dal teorema del confronto:
0<

n! 1 2 3
n1 n
1 1
=
< 1| 1{z
. . . }
1 =
n
n
n n n
n
n
n n
n1 volte

e 1/n 0 per n .

4.2
a)

304n
(3n+1)!

3n+1

4/3
1 (30 )
304/3 (3n+1)!

0.

b) Si procede in modo analogo allEsercizio 4.1, utilizzando il teorema del confronto:


nn
1
n
n
n
1
nn
=
=

...

0.
(2n)! n! (n + 1) . . . (2n) n! n + 1 n + 2
2n n!
c) Si ha
2

4(n ) (4n )n
4n
= n =
n
n
n
n
e poiche

4n
n

!n
= 2n log2

4n
n

+, si conclude che il limite vale +.

d) Per n +, si ha
log3 (14n5 + 3n2 + 1) = log3 (14n5 (1 + o(1))) = log3 (n5 ) + log3 (14(1 + o(1)))
= log3 (n5 )(1 + o(1)),
quindi

5
log53 (14n5 + 3n2 + 1) = log3 (n5 )(1 + o(1)) = log53 (n5 )(1 + o(1)).
Perci`o

n+

log53 (14n5


log53 (n5 )(1 + o(1))

+ 3n + 1) = n 1 +

!5

log3 (n5 )
g = n(1 + o(1)).
= n 1 +
(n5 )1/50
2

Inoltre

!
1
1
1
sin 2 + 3 = 2 (1 + o(1)).
n
n
n

In conclusione

( n+

log53 (14n5

r
!

1
1
1
4
+ 3n + 1)) sin 2 + 3 = n(1 + o(1))
(1 + o(1))
n
n
n2
2

1.

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

e) Si ha
2log5 n
= 5(log5 21) log5 n ;
n
poiche log5 2 < log5 5 = 1, si ha
(log5 2 1) log5 n ,
quindi il limite vale 0.
f) Si ha

7 n
n(log3 n)(log7 n)
=
7
;
nlog3 n

poiche

(log3 n)(log7 n)
n (log3 n)(log7 n) = n 1
= n(1 + o(1)) +,

il limite vale +.

4.3
a) Lordine richiesto e` sin(n1/2 ),

n4 + n n2 ,

sin(n1/2 ) =

1
.
(n+1)2

Infatti, per n +,

1
(1 + o(1)),
n1/2

n
n4 + n n4
1
=
n4 + n n2 =
=
(1 + o(1)),
p
4
2
2
3
2n
n +n+n
n ( 1 + 1/n + 1)

1
1
= 2 (1 + o(1)).
2
(n + 1)
n

b) Lordine richiesto e` 2100n , 1/nn , 1/(n!)2 . Infatti


1
(n!)2
1
nn

nn
nn
=
(n!)2 12 22 32 (n 2)2 (n 1)2 n2
n
n
n
n
n
n
=

,
1 n 2(n 1) 3(n 2)
(n 2)3 (n 1)2 n 1

An :=

ovvero An e` il prodotto di n fattori minori di o uguali a 1; quindi An e` pi`u piccolo


del fattore numero n/2 (se n e` pari) o (n + 1)/2 (se n e` dispari), il quale e` uguale a
4
o An 0.
n (1 + o(1)) per n ; perci`
Inoltre
2100 <

n
se n > 2101
2

0<

1/nn
2100
=
100n
n
2

!n
<

1
2

!n
0

per n +.

c) Lordine richiesto e` 1/n2n , 2n , 1/(n!)!. Infatti, per n +,


2

Bn :=

1/(n!)!
2(n )
=
.
1 2 3 (n!)
2n2
Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli
Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

Il denominatore contiene (n! 1) fattori 2, quindi


2

Bn 2n

n!+1

Poiche
n2 n! + 1 = n!(1 + o(1)) per n +,
si conclude che Bn 0 per n +.
Inoltre

2n
n2n
n2
= (n2 ) = n
2n
2
1/n
2

!n

=2

n log2

n2
2n

Per n +, si ha
n2
0+ ,
2n

quindi log2

!
n2

2n

e pertanto
2

2n
n log
=2 2
1/n2n

n2
2n

0.

4.4


a) Si ha, ricordando che log 1 + 1n = 1n (1 + o(1)),
!2n
1
1
1
1+
= e2n log(1+ n ) = e2n n (1+o(1)) e2
n

per n +.

b) Si ha
1
1+
n

2 +3
! n2n+1

n2 +3

n2 +3 1

= e 2n+1 log(1+ n ) = e 2n+1 n (1+o(1)) e1/2

per n +.

c) Ricordando che cos(1/ n) 1 = (1/2n)(1 + o(1)) per n +, si ottiene


!3/(cos(1/ n)1)
3
1
1
log 1+ 1
1+
= e cos(1/ n)1 ( n ) = e6n(1+o(1)) n (1+o(1)) e6 .
n
d) Per n +, si ha



2
n log2 1 + 1n
n 1n (1 + o(1))
2
2
 
 = (1 + o(1)) .
=
1
1
1
1
3
3
e n cos n
1 + n (1 + o(1) 1 2n (1 + o(1))

4.5
Per la (4.9),

!1+ n1
!
! n1



1
1
1
1 = n 1 +
1+
1 .
1 < n e1/n 1 < n 1 +
n
n
n

n
Per la disuguaglianza di Bernoulli (con h = 1/n2 ) 1 + n1 1 + n12 , quindi
!
!
!


1
1
1
1
1 < n e1/n 1 n 1 +
1 + 2 1 = 1 + + 2.
n
n n
n


Per il teorema del confronto n e1/n 1 1 per n +.
Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli
Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

4.6




a) Lordine richiesto e` n5/2 e1/n 1 , narctg n , n3 log 1 + n1 , n2 log(2 + n2 ).
Ricordiamo che
arctan x =

1
arctan .
2
x

(D4.1)

Perci`o, per n +,
narctg n = n/2 e arctg(1/n) log n = n/2 e n (1+o(1))log n = n/2 (1 + o(1)).
1

Inoltre



n5/2 e1/n 1 = n3/2 (1 + o(1)),
!
1
= n2 (1 + o(1)).
n3 log 1 +
n

Perci`o, osservando che 3/2 < /2 < 2, si ottiene




n5/2 e1/n 1
3
n3/2 (1 + o(1))
= n 2 (1 + o(1)) 0,
=
narctg n
n/2 (1 + o(1))
n/2 (1 + o(1))
narctg n
= 2

= n/22 (1 + o(1)) 0,
1
n (1 + o(1))
n3 log 1 + n
e



n3 log 1 + 1n
n2 log(2 + n2 )

(1 + o(1))
0.
log(2 + n2 )




b) Lordine richiesto e` n(3 + cos n), n log n, narctg(2n) , n3 log 1 + n1 . Infatti, per
n +, segue da (D4.1) che
narctg(2n) = n/2 e arctg(1/(2n)) log n = n/2 e 2n (1+o(1))log n = n/2 (1 + o(1));
1

inoltre

!
1
n log 1 +
= n2 (1 + o(1)).
n
3

Quindi

n(3 + cos n) 3 + cos n


=
0,

log n
n log n

n log n
= n(1)/2 (1 + o(1)) log n 0
narctg(2n)

narctg(2n)
n/2 (1 + o(1))

= 2
= n/22 (1 + o(1)) 0.
n (1 + o(1))
n3 log 1 + 1n

 5
 
n2
c) Lordine richiesto e` n3 log10 n, n2 arctg n , log e(n ) 1 , 1 + n1 . Infatti, per n
+,
!n2
1
2
1+
= en log(1+1/n) = en(1+o(1)) ,
n
 5

 5 



5
5
log e(n ) 1 = log e(n ) 1 en = n5 + log 1 en = n5 + o(1),
Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli
Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

n2 arctg n = n e(2 arctg n) log n = n e2 arctg(1/n) log n = n e


Perci`o

2 log n
n (1+o(1))

= n (1 + o(1)).

n3 log10 n
= n(3) (1 + o(1)) log10 n 0,
n2 arctg n
n2 arctg n

 = n5 (1 + o(1)) 0
log e(n5 ) 1

 5

log e(n ) 1
en(1+o(1))

n5 + o(1)
0.
en(1+o(1))

4.7
a) an+1 = 1 an , quindi an+2 = 1 an+1 = 1 (1 an ) = an per ogni n 0. Perci`o,
dato a0 R, an oscilla tra i valori a0 e 1 a0 :

se n e` pari
a0
an =

a1 = 1 a0 se n e` dispari.
Perci`o il limite esiste se e solo se a0 = 1 a0 , ovvero se e solo se a0 = 1/2, e in tal
caso il limite vale 1/2.
b) an+1 = max{1, an }. Dimostriamo per induzione che, per n 1,

a0 se a0 > 1
an =

1 se a0 1.
Per n = 0 e` ovvio. Se e` vero fino ad n, allora

an se an > 1
a0
=
an+1 = max{1, an } =

1 se an 1
1

se a0 > 1
se a0 1.

Quindi il limite e` a0 se a0 > 1, 1 altrimenti.


c) an+1 = sin(an ), quindi 1 an 1 per ogni n 1.
Se a1 = 0, allora an = 0 per ogni n 1.
Se a1 (0, 1], allora:
(I) an (0, 1] per ogni n 1 (sappiamo gi`a che an 1); infatti, per induzione, se
an > 0 allora an+1 = sin an > 0;
(II) an e` decrescente per n 1; infatti an+1 an = sin(an ) an < 0 se an > 0 (si
ricordi la definizione della funzione seno, Appendice 1.A).
Per (I) e (II), an ` [0, 1] per n +. Per la Proposizione 4.11, ` = sin `,
quindi ` = 0.
Analogamente, se a1 [1, 0), an [1, 0) per ogni n 1 e an e` crescente; quindi
il limite ` di an esiste e verifica ` = sin `, ovvero ` = 0.
In conclusione, per ogni a0 R, an 0 per n +.

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

d) Se a0 = 0, allora (per induzione) an = 0 per ogni n N.


Se a0 > 0, allora
(infatti a1 =
il limite ` di

0 < an+1 < an

2
3 a0
an per

per ogni n N

(0, a0 ), e se an > 0 allora an+1 = n+1


o esiste
n+2 an (0, an )). Perci`
n +. Per la Proposizione 4.11, si avrebbe

n+1
an = `,
n+2
ma da ci`o non segue il valore del limite. Invece si osserva che
` = lim

n+

n+1
n+1
n
n
an =

an1 =
an1 .
n+2
n+2 n+1
n+2
Iterando questa osservazione si ottiene
an+1 =

1
a0
n+2
(lo studente pu`o facilmente provarlo per induzione). Perci`o an 0 per n +.
an+1 =

e) Anzitutto si osserva che


an+1 =

p
|1 + an | 0

per ogni n 1.

Se esiste finito il limite, `, di an per n , per la Proposizione 4.11 si ha


p

1
` = |1 + `| `2 = |1 + `| ` = (1 5).
2

Quindi esiste una sola soluzione non negativa: ` := (1 + 5)/2. Perci`o, se dimostriamo che il limite esiste finito per ogni a0 > 0, allora an ` per n per ogni
a0 R+ .

Si osservi che a1 = |1 + a0 | > 1 per ogni a0 R+ . Si distinguono due casi.


(I) 1 < a1 `. In tal caso si ha

- a2 `: infatti a2 = 1 + a1 1 + ` = `;
- 1 < a1 a2 : infatti x2 x 1 0 se 1 < x ` a22 = 1 + a1 a21 ;
pertanto 1 < a1 a2 `. Procedendo allo stesso modo, per induzione si
ottiene che 1 < an an+1 ` per ogni n 1, ovvero an ha un limite finito.
(II) a1 `. Procedendo in modo analogo a (I), si mostra che ` an+1 an per
ogni n 1, ovvero an ha limite finito.

In conclusione, il limite esiste finito e vale ` = (1 + 5)/2.

4.8
Posto i = k n0 , ovvero k = i + n0 ,
n
X

a0 r = a0 r
k

n0

nn
X0

ri

i=0

k=n0

1 rnn0 +1
1r
a0 rn0 a0 rn+1
=
.
1r

= a0 rn0

(per la (4.19))

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

4.9
a) La serie e` convergente:
k2
e

1
1
= 2 (1 + o(1))
4/3
+k +1 k

per k +

k2 e` convergente.

k=1

b) La serie e` divergente a +:

1
k2

+ 3k + 7

1
(1 + o(1))
k

per k +

k1 e` divergente.

k=1

c) La serie e` convergente:
2

sin
e

!
1
1
= 2 (1 + o(1))
k
k

per k +

k2 e` convergente.

k=1

d) La serie e` convergente:
!
1
5
5k2 1
tg
= 2 (1 + o(1))
3
k
k +1
k
e5

per k +

k2 e` convergente.

k=1

e) La serie e` convergente:
log(k + 1) log k log(1 + 1/k)
1
=
= 2 (1 + o(1))

2k(1 + o(1)) 2k
4k2 + 3
e

1
2

per k +

k2 e` convergente.

k=1

f) La serie e` divergente a +:
(k2 + 1)e1/k k2 (k2 + 1)(1 + (1/k)(1 + o(1))) k2
=
= 1+o(1) 1

k(1 + o(1))
k 1+k

per k +.

4.10
a) Per k +, si ha
ak :=



!


1
1
1 1/k
1
b
be 2 = b 1 + (1 + o(1)) 2 = b 2 + (1 + o(1)) ,
k
k
k
k
k

quindi

|b 2|k1 (1 + o(1)) se b , 2
2k2 (1 + o(1))
se b = 2.

P 2
e` divergente e
k convergente, la serie converge se e solo se
(

ak =

Poiche
b = 2.

P
k=1

k1

k=1

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

b) Se (b + 3)2 1, ovvero se 4 b 2, si ha
0<

(b + 3)2k
1
1
2
< ,
k2 + 11
k + 11 k2

quindi la serie converge se 4 b 2.


2k

Se invece (b + 3)2 > 1, allora (b+3)


+ per k + e quindi la serie e`
k2 +11
divergente a + (la condizione necessaria e` violata e la serie e` a termini positivi).
c) Se |9 b2 | 1, si ha
k3 |9 b2 |4k

/(k+7)

= k3 |9 b2 |4k(1+o(1)) +

per k +

e la serie e` divergente a + (la condizione necessaria e` violata e la serie e` a termini


positivi).

Se invece |9 b2 | < 1, ovvero se 8 < |b| < 10, allora


k3 |9 b2 |4k(1+o(1)) = o(1/k )

per k +

per ogni > 0. Scegliendo un valore di > 1, si ottiene dal teorema del confronto
che la serie e` convergente.
d) Si ha

1/ tg(1/k) 
k(1+o(1))
ak := log(1 + b2 ) log b2
= log(1 + 1/b2 )

per k +.

Se log(1 + 1/b2 ) 1, ovvero se b2 1/(e 1), allora ak non e` infinitesimo


per

`
k +
e
la
serie
e
divergente
a
+.
Altrimenti,
se
b
<
1/
e

1
oppure

b > 1/ e 1, si ha ak = o(1/k2 ) per k + e la serie e` convergente.

4.11
a) Per k +,

k1/3 (1 + o(1))
se > 1

k+1
3 1 2/3
ak := 3
=
( 2) k (1 + o(1)) se = 1

k + k + 1

k2/3 (1 + o(1))
se < 1,
quindi la serie e` convergente se e solo se 1 /3 < 1, ovvero se e solo se > 6.
b) Per k + si ha

k4 + k + 1 k2
(k4 + k + 1) k4
1 + o(1)
=
=
,
2+3
2+3
4
2
log
k
2k
log2+3 k
( k + k + 1 + k ) log
k
quindi, per la (4.37), la serie converge se e solo se 2 + 3 > 1, ovvero se e solo se
> 1.

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

4.12
a) Posto ak :=
ak+1
=
ak

k!
kk1

(k+1)!
(k+1)k
k!
kk1

> 0, si ha
k
k+1

!k1

= e(k1) log(1 k+1 ) = e(k1) k+1 (1+o(1)) = e1+o(1)

1
<1
e

per k +, quindi, per la (4.38), la serie e` convergente.


b) Posto ak :=

ek
k!

> 0,
ak+1
=
ak

ek+1
(k+1)!
ek
k!

e
0
k+1

per k +,

quindi, per la (4.38), la serie e` convergente.




2k2 +2 k
c) Posto ak := 3k2 log 2k
> 0,
2 +1
k

ak = 3k2 log 1 +

!
1
3
>1
2
2
2k + 1

per k +,

quindi, per la (4.39), la serie e` divergente.


d) Posto ak :=

k2 4k
2k +5k

> 0, si ha
ak < bk :=

bk+1
k+1
=
bk
k

!2

k2 4k
5k

4
4
<1
5
5

per k +,

quindi, per la (4.38) e per il teorema del confronto, la serie e` convergente.


e) Posto ak :=

(2k)!

2k k

> 0,

ak+1
= (2k + 1)(2k + 2)2k k(k+1) k+1 .
ak

Si osservi che

k3 (k + 1)3
3 k
=
(1 + o(1))
k k (k + 1) k + 1 =

2
k k + (k + 1) k + 1

per k +,

quindi ak+1 /ak 0 per k + e la serie e` convergente.

4.13
a) La serie e` convergente:
!
5k2 1
1
tg
= k2 (1 + o(1))
k
k3 + 1
e la serie

per k

k2 e` convergente.

k=1

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

10

b) La serie e` convergente:
log(1 2k + k3 ) log(k3 k) = log

k3 2k + 1
k1
= log 1 3
k3 k
k k

= k2 (1 + o(1))
e la serie

per k

k2 e` convergente.

k=1

c) La serie e` a termini di segno costante definitivamente per k +:


!
!
!
!
k2
1
k
1
1 log
= 2 (1 + o(1)) log k
cos
k
k+1
k+1
2k

1
= 2 (1 + o(1)) log k + o(1)
2k
log k
= 2 (1 + o(1)) per k +.
2k

Perci`o la convergenza della serie segue da quella della serie


osservi che (log k)/(2k2 ) = o(k3/2 ) per k +).
d) Posto ak :=

k+1
2k+1

ak = e

 k

(log k)/(2k2 ) (si

k=2

> 0, si ha

k log( 21 (1+o(1)))

= e

k(log 2+o(1))

= o(k2 )

per k +,

quindi la serie e` convergente.


e) Si ha

arctg k3 + 1 = arctg(1/ k3 + 1) = k3/2 (1 + o(1))


2

per k +,

quindi la serie e` convergente.


f) Poiche (1 + sin(k/2)) vale 1 se k e` pari e (1 + sin(k/2)) 0 se k e` dispari, posto
m = 2k si ottiene

X
1 + sin(k/2) X 2

,
k
m
m=1
k=1
quindi la serie e` divergente.
g) Si ha

1
1
1 + o(1)
=
,
=
2
2
2k log k
k log(1 + k ) k log k + o(1)

quindi, per la (4.37), la serie e` divergente.

4.14
a) Posto
ak :=

1 sin(1/k) 1 + o(1)
= 4
> 0,
4
k
k

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

quindi

ak e` divergente, ovvero

k=1

11

(1)k ak non converge assolutamente.

k=1

4
4
Daltra parte, bk := 1/ k e ck := sin(1/k)/ k sono positivi, decrescenti e infinites

P
P
imi per k +. Per il criterio di Leibniz (1)k bk e (1)k ck sono convergenti.
Essendo ak = bk ck , anche

k=1

k=1

(1) ak risulta convergente.

k=1

b) Poiche

log(1 + k2 ) 2 log k
=
(1 + o(1)) > 0,
k
k

P
P
per la (4.37)
ak e` divergente, ovvero (1)k ak non converge assolutamente.
ak =

k=1

k=1

Poiche
log(1 + (k + 1)2 ) log(1 + k2 )

k+1
k
k log(k2 + 2k + 2) (k + 1) log(k2 + 1)
=
k(k + 1)
!
!
1
2k + 1
=
k log 1 + 2
log(1 + k2 )
k(k + 1)
k +1


1
=
1 + o(1) log(1 + k2 ) < 0 definitivamente per k +,
k(k + 1)

ak+1 ak =

ak > 0 e` definitivamente decrescente e infinitesimo per k +, quindi, per il

P
criterio di Leibniz, (1)k ak e` convergente.
k=1

c) Posto
ak :=

arctg(k2 8) /2 arctg(1/(k2 8)) /2(1 + o(1))


=
=

k
k
k

ak e` divergente, ovvero

k=1

per k +,

(1)k ak non converge assolutamente.

k=1

Daltra parte, bk := /(2 k) e ck := arctg(1/(k2 8))/ k sono positivi, decrescenti

P
P
e infinitesimi per k +. Per il criterio di Leibniz (1)k bk e (1)k ck sono
convergenti. Essendo ak = bk ck , anche

k=1

k=1

(1) ak risulta convergente.

k=1

d) sin(k/2) = 0 se k e` pari; quindi, posto k = 2m + 1, la serie pu`o essere scritta come

X
(1)m am ,
m=0

dove am := arctg

1 + o(1)
2m + 1
=
> 0.
(2m + 1)3 + 1
4m2

Per il criterio del confronto asintotico la serie

am e` convergente, ovvero

m=0

(1)m am

m=o

e` assolutamente (e quindi anche semplicemente) convergente.

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

12

4.15
a) Per k +,


1
1 xe1/k 1 x 1 + k (1 + o(1))
1 x x(1 + o(1))
=
=
+
.
k
k
k
k2
Perci`o, per il criterio del confronto asintotico, la serie converge se e solo se x = 1.
b) Si ha
1/k

(x + 1)k
|x + 1|
|x + 1| per k +,
= k 2
2
k + 3k + 1
k + 3k + 1
quindi, per il criterio della radice, la serie converge assolutamente (e quindi semplicemente) se |x + 1| < 1, ovvero se 2 < x < 0. Se x = 2 o x = 0,
allora


(x + 1)k
1
1
= 2 (1 + o(1)) per k +,
= 2
2
k + 3k + 1
k + 3k + 1 k
quindi, per il criterio del confronto asintotico, la serie converge assolutamente
(e quindi semplicemente). Se infine |x + 1| > 1, i termini della serie non sono
infinitesimi per k + e la serie non converge.
c) La serie e` a termini positivi, quindi converge assolutamente se e solo se converge.
Si ha
!1/k
!1/k
ke xk
k
x
=e
e x per k +,
k+1
k+1
quindi, per il criterio della radice, la serie converge per x < 0 e non converge per
x > 0. Se x = 0, i termini della serie non sono infinitesimi per k + e la serie e`
divergente.
d) Per k +,

2 3/2

k ) se x , 0
1+k
(1 + o(1))/(x

2
2
(1 + o(1))/ k
1+k+x k
se x = 0,
quindi la serie converge se e solo se x , 0.
e) Si ha

1/k
(sin x2 )k
2
| sin x |

1+k

per k +.

Perci`o, per il criterio


della radice, la serie converge assolutamente, e quindi semplicemente, se x , /2 + n. Se sin(x2 ) = 1, ovvero se x = /2 + n per
qualche n N dispari,
per il criterio di Leibniz la serie converge. Se sin(x2 ) = 1,

ovvero se x = /2 + n per qualche n N pari, la serie e` divergente.


f) Si ha
1/k
k
k
(sin
x)
| sin x| per k +.
k2 + 3
Perci`o, per il criterio della radice, la serie converge assolutamente, e quindi semplicemente, se x , (2n + 1)/2. Se sin x = 1, ovvero se x = (2n + 1)/2 per
qualche n Z dispari, per il criterio di Leibniz la serie converge. Se sin x = 1,
ovvero se x = (2n + 1)/2 per qualche n Z pari, la serie e` divergente.


Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill

Svolgimento degli esercizi del Capitolo 4

13

4.16
Se x = 4 tutti i termini sono uguali a 0 e la serie converge banalmente (la somma vale 0).
Nel seguito assumiamo x , 4. Si ha

1/k
(x 4)4 (2 sin x)k


|2 sin x| per k +.
k
Perci`o la serie converge assolutamente, e quindi semplicemente, se /6 + n < x <
/6 + n per qualche n Z. Se | sin x| > 1/2, ovvero se /6 + n < x < 5/6 + n
per qualche n Z, i termini della serie non vanno a zero per k + e la serie non
converge semplicemente ne assolutamente. Se sin x = 1/2, ovvero se x = /6 + 2n
oppure x = 5/6 + 2n per qualche n Z, la serie e` a termini positivi:
(x 4)4

X
1

k
k=1

e` divergente a +.

(D4.2)

Se infine sin x = 1/2, ovvero se x = /6 + 2n/ oppure x = 5/6 + 2n per qualche


n Z, allora per il criterio di Leibniz la serie converge semplicemente, mentre per (D4.2)
la serie non converge assolutamente.

Michiel Bertsch, Roberta Dal Passo, Lorenzo Giacomelli


Analisi matematica, 2a ed., MacGraw-Hill, 2011

2011, McGraw-Hill